Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Mercato unico: momento d’agire

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2011

Bruxelles, Parlamento europeo. Un mercato unico ben funzionante è il prerequisito essenziale per raggiungere gli obiettivi della strategia UE2020 e garantire competitività e crescita sostenibile all’Europa. Il Parlamento presenta le sue raccomandazioni per l’Atto sul mercato unico, un’iniziativa a ampio raggio che ha l’obiettivo di far ripartire il mercato comunitario, in tre risoluzioni adottate mercoledì. Fra le tante proposte, l’Aula reitera l’idea degli eurobond. Le tre risoluzioni non legislative approvate dall’Aula rappresentano il contributo degli eurodeputati al piano d’azione per rilanciare il mercato unico prima del 20° anniversario del programma presentato da Jacque Delors e della presentazione del commissario Barnier di ulteriori proposte per il mercato comunitario del prossimo 13 aprile.Una guida politica più forte è la chiave per rilanciare il mercato unico, secondo la risoluzione preparata da Sandra Kalniete (PPE, LV) e adottata con 595 voti a favore, 61 contrari e 10 astensioni.  I deputati chiedono inoltre l’attivazione immediata delle procedure d’infrazione nel caso di fallimento dei tentativi di conciliazione e chiedono ai governi nazionali di ridurre il deficit di trasposizione della legislazione.La creazione di obbligazioni europee per il finanziamento dei progetti (“EU project bond”) per sostenere l’occupazione e l’innovazione e finanziare progetti transfrontalieri d’infrastrutture nel campo dell’energia, del trasporto e delle telecomunicazioni è una delle proposte principali contenute nella risoluzione preparata da Christian Busoi (ALDE, RO), approvata con 570 voti a favore, 44 contrari e 28 astensioni.Il testo adottato chiede, fra le tante proposte, di migliorare le regole per il riconoscimento delle qualifiche professionali e la creazione di un “passaporto europeo delle competenze” e anche di estendere il regolamento su roaming per ridurre i costi anche sul trasferimento dei dati (navigazione in internet su cellulare), rafforzare i controlli alle frontiere sulle importazioni da paesi terzi, rendere più trasparenti le spese bancarie e garantire la piena portabilità dei diritti relativi alla pensione. Infine, l’Aula ha adottato un emendamento di compromesso che chiede ala Commissione di garantire che i diritti sociali siano rispettati e che, ove giustificato, si debba includere un riferimento alle politiche sociali nella legislazione sul mercato unico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: