Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 13 aprile 2011

Asta di Arte Moderna e Contemporanea

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Prato  Venerdì  27 e sabato 28 maggio 2011 si svolgeranno presso la Farsettiarte di Prato le tornate d’asta dedicate all’arte moderna e contemporanea. Due cataloghi: oltre settecento opere, tra incisioni, disegni, dipinti e sculture, che vedono protagonisti, come da tradizione, i nomi principali dell’arte italiana e internazionale del Novecento, tra cui è sufficiente citare Pablo Picasso, Joan Mirò, Andy Warhol, Hans Hartung, Man Ray, Jean Dubuffet, Giorgio de Chirico, Filippo de Pisis, Carlo Carrà, Mario Sironi, Ottone Rosai, Mario Schifano, Lucio Fontana, Alberto Burri.   Giacomo Balla Tra i lotti di maggior importanza artistica e storica segnaliamo una tempera di Giacomo Balla, Linee forza del pugno di Boccioni, 1925 ca., stimata € 240.000/300.000. Come è noto Balla lavorò a lungo per una scultura dedicata all’amico, scomparso prematuramente nel 1916. I disegni preparatori studiavano varie soluzioni, per rendere al meglio l’energia ed il vigore del gesto dell’artista, raffigurato mentre sferrava un violento pugno ad un nemico invisibile. I suoi studi, di cui questo è un ottimo esempio, furono molto importanti nella definizione dello stile e dell’iconografia della sua produzione nei decenni successivi. Arte figurativa tra le due guerreIl catalogo dedica una particolare attenzione alle opere figurative eseguite tra le due guerre mondiali, come ad esempio un olio di Carlo Carrà, Costruzioni sulla spiaggia, del 1932, stimata  90.000/130.000 Euro, e un importante olio di Felice Casorati Nudo sdraiato nello studio, del 1934, valutata 140.000/180.000 Euro. Le altre aste si terranno  venerdì  27 maggio, ore 16.00 e 21.00 e sabato 28 maggio, ore 16.00  e le esposizioni A Milano: dal 12 al 18 maggio – Orario: 10.00 – 19.00 (festivi compresi) A Prato: dal 20 al 27 maggio – Orario: 10.00 – 19.00 (festivi compresi) (comunicato Farsettiarte) (carrà)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Marchigiani vertici Confindustria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Jacopo Morelli, 35 anni, ha presentato nella sede di Confindustria Marche il programma per la presidenza dei giovani di Confindustria e la squadra con cui intende portarlo avanti nel triennio 2011-2014. Dopo Milano e Napoli, la tappa marchigiana ha concluso il ciclo di presentazioni ufficiali della nuova leadership nazionale dei Giovani di Confindustria, sostenuta da uno schieramento molto ampio di gruppi regionali. Della nuova squadra fanno parte due marchigiani: il presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria Marche Simone Mariani, ascolano, candidato alla Vicepresidenza nazionale, con una delega strategica alla crescita dei giovani imprenditori italiani: Organizzazione e sviluppo del Movimento e relazioni interne. Oltre a Mariani, incarico di rilievo anche per la presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria Macerata Lucia Dignani, candidata a far parte del Consiglio Direttivo nazionale dei Giovani di Confindustria. “Ancona è una delle grandi ‘porte’ storiche della frontiera italiana con il Mediterraneo, migliaia di chilometri di costa da cui è transitata la nostra ricchezza del passato. Anche oggi il mare nostrum ha due grandi giacimenti di sviluppo, quello energetico e quello umano; l’attenzione è tutta indirizzata al primo, dimenticando la grande spinta alla crescita che l’immigrazione governata con lungimiranza può dare allo sviluppo di tutta l’Europa. Ma l’accoglienza, la solidarietà e l’inclusione non esistono senza garantire opportunità; che, purtroppo, oggi mancano anche ai nostri giovani” ha precisato Morelli. (giovani)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concerto in onore di Papa Wojtyla

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Sanremo (Im) – 1 Maggio Alle 16h30 in occasione della Beatificazione:presso la Chiesa Cattolica Parrocchiale N.S. Della Mercede Padri Francescani, IM 212, Corso Cavallotti. Concerto de: I Solisti dell’Orchestra da Camera Principato di Seborga,  sotto da Direzione del M° Vitaliano Gallo,  Esecutori: Maria Cristina NORIS clarinetto Giancarlo BACCHI contrabbasso Massimo DalPRA pianoforte Enzio CIOFFI percussioni Vitaliano GALLO fagotto/chitarra Concerto dedicato a tutte le persone che non potranno recarsi in visita al Vaticano a rendere omaggio al SS Padre. Potranno portare la loro testimonianza con la loro partecipazione a  quest’Evento Durante il concerto verrano proiettate diapositive sulla vita apostolica di Papa Wojtyla. http://www.orchestraprincipatodiseborga.com

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I chiodi di Cristo?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Hanno fatto il giro del mondo, nei giorni scorsii, le affermazioni del documentarista canadese Simcha Jacobovici, che ritiene di aver scoperto due chiodi con cui i soldati romani crocifissero Gesù. La tesi di Jacobovici è alla base del film documentario di prossima uscita “I chiodi della Croce”. L’autore ha rinvenuto i chiodi presso il laboratorio dell’Università di Medicina di Tel Aviv, ma sostiene che furono rinvenuti nel 1990 in un ossario scoperto a Gerusalemme, su cui era inciso il nome di Caifa: il sacerdote che, secondo i Vangeli, consegnò Gesù ai Romani. Secondo Jacobovici, Caifa si sarebbe pentito di quel gesto e prima di morire avrebbe recuperato i chiodi della crocifissione, chiedendo che fossero sepolti con la sua salma. Alcuni archeologi israeliani contestano la tesi di Jacobovici, sostenendo che la tomba in cui furono trovati i chiodi è modesta e non certo degna della sepoltura di un sommo sacerdote. Su questo ritrovamento prende la parola anche Roberto Malini, scrittore e storico: “Secondo la tradizione antica, diverse reliquie legate alla morte di Gesù vennero recuperate nei primi secoli dell’era cristiana. I chiodi venivano chiamati ‘strumenti della Passione’ e, sempre secondo la tradizione, tre di essi sarebbero stati rinvenuti dall’imperatrice Elena, madre di Costantino I e santificata dalla Chiesa cattolica. Le leggende cristiane ne individuano uno presso la Chiesa di Santa Croce in Gerusalemme a Roma, uno appeso sull’altare maggiore del Duomo di Milano, uno all’interno della corona ferrea a Monza o nella sacra lancia di Longino a Vienna. Storia e archeologia ci rivelano che i condannati alla crucifissione venivano inchiodati ai polsi e non alle palme delle mani, per evitare che le teste metalliche dilaniassero le carni, sotto il peso dei corpi. Si trattava di chiodi a ‘L’ o a testa molto estesa, dall’ampio diametro e lunghi almeno 15 centimetri, in modo che potessero trapassare il polso di un uomo adulto e conficcarsi in profondità nel legno delle croci”. Malini a questo punto mostra una foto in cui Simcha Jacobovici esibisce uno dei chiodi scoperti a Gerusalemme. “Come si vede chiaramente,” spiega lo scrittore, “il chiodo non possiede alcuna delle caratteristiche di un chiodo da supplizio, essendo troppo corto, con un diametro troppo ridotto e una testa non abbastanza grande. Sembra piuttosto il chiodo di un sarcofago, di una bara o dello scrigno di un corredo funebre ed è per questo che, verosimilmente, è stato ritrovato all’interno di un antico ossario”. Nella foto, Simcha Jacobovici con uno dei chiodi scoperti in un ossario a Gerusalemme

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Più soldi ai partiti?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Non passerà. Mi riferisco alla proposta dell’onorevole Sposetti, ex tesoriere dei Ds, che mira ad estendere il finanziamento pubblico anche alle fondazioni politiche oltre che ai partiti. Ugo Sposetti, gli va riconosciuto, è un tipo coraggioso. Ci vuole fegato (oltre ad un po’ di faccia tosta, per dirla tutta) a presentare una proposta di legge che, di fatto, raddoppia i rimborsi elettorali. In periodo di crisi economica poi. L’Italia dei Valori si batte da sempre per il taglio dei costi della politica, è una nostra battaglia storica e di sicuro impediremo che venga approvata una norma che fa balzare il finanziamento pubblico da 170 a 355 milioni di euro. Un’enormità. Tra i sostenitori della proposta di legge, c’era inizialmente anche un nostro deputato. Ma come – si son chiesti in tanti – proprio uno dell’Idv? Anch’io son rimasto sorpreso, poi è stato svelato l’arcano. Augusto Di Stanislao, il nostro deputato, ha chiarito e spiegato: è stato un grave errore da parte della sua segreteria. “Ero completamente all’oscuro – ha detto Di Stanislao – di questo episodio. E’ stata una leggerezza della mia segreteria che probabilmente tra i  tanti testi dei colleghi che arrivano per essere condivisi, ha ritenuto erroneamente di dare la mia adesione. La mia firma è stata già ritirata anche perché personalmente ed in linea con il mio partito non condivido assolutamente i principi di questa proposta”. Un errore. La differenza tra noi e gli altri partiti sta nel fatto che quando ci accorgiamo di un errore, chiediamo scusa e lavoriamo per rimediare. Riteniamo doveroso fare pulizia in questo settore. Troppi sprechi, troppi privilegi, troppi abusi. La logica arraffona del ‘tanto paga Pantalone’ ha creato una degenerazione nei rapporti tra politica e società civile. Siamo diventati il paese delle auto blu, delle consulenze inutili, dei consigli d’amministrazione per ex politici trombati, delle partecipate a perdere. Una voragine che cresce, cresce, cresce e che si autoalimenta. Troppa gente in Italia vive di politica. Addirittura un milione e trecentomila persone, secondo una stima della Uil pubblicata ieri sul Fatto. 1,3 milioni di persone, quanto gli addetti alla scuola pubblica. Lo studio della Uil è impressionante: 145000 tra parlamentari, ministri e amministratori locali, migliaia di consiglieri circoscrizionali, membri di cda delle 7000 società, enti, autorità, partecipate della pubblica amministrazione. 318.000 persone hanno un incarico o una consulenza pubblica. E c’è una pletora di persone che non fornisce servizio utile alla collettività. E noi paghiamo. Paghiamo tanto: 1,2 miliardi solo per consigli e giunte regionali. Solo la Sicilia spende 150 milioni di euro. Cifre da capogiro, intollerabili in un paese civile e democratico. Ma la politica fa finta di niente, se ne infischia, perché ha paura di perdere denaro. Ricordate quel che è successo con le province? In campagna elettorale nel 2008 sembrava che su questo tutti i partiti fossero d’accordo e che l’abolizione di questi enti fosse cosa fatta. Figurarsi, quando si è trattato di passare dalle parole ai fatti, c’è stata una vergognosa marcia indietro. Eppure, secondo i nostri calcoli, abolendo le province lo Stato avrebbe risparmiato 13 miliardi di euro l’anno. Una cifra colossale. Noi, però non ci arrendiamo. (On. Massimo Donadi)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Consumo di alcol in Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Il vecchio modello “mediterraneo” di bere vino o alcolici in basse quantità durante i pasti, ha segnato gradualmente il passo nei confronti della prassi diffusa tra i giovani e giovanissimi di bere sino ad ubriacarsi fuori pasto con un radicale aumento del cosiddetto binge drinking (il consumo di 6 o più bicchieri di bevande alcoliche in un’unica occasione e in breve tempo). In crescita anche le donne che devono, sebbene gli uomini siano ancora più portati a consumare alcolici, anche se tra i bevitori fuori pasto le esponenti del gentil sesso pareggiano i maschi e l’incremento maggiore rispetto al 1999 si registra tra le consumatrici 25-44enni (+45,2%).La prevalenza dei consumatori a rischio nel 2009 è pari al 15,8% della popolazione di età superiore a 11 anni, con una evidente disparità tra i sessi (25% dei maschi, 7,3% delle femmine). Lo studio per fasce d’età evidenzia che sono a rischio il 18,5% dei ragazzi e il 15,5% delle ragazze al di sotto dell’età legale (16 anni), valori che dovrebbero essere pari a zero e che se riportati alla popolazione residente identificano al contrario ben 475.000 minori che hanno adottato almeno un comportamento a rischio alcol-correlato. Non va meglio agli anziani: tra gli over 65enni si contano oltre 2 milioni e 200mila anziani che seguono modelli di consumo rischioso o dannoso, con il 47,7 % dei 65-74enni e il 40,7 % degli ultra75enni. Tali spaventose cifre hanno degli effetti evidenti anche sulla spesa sociale anche perché già nel 2008 l’incremento degli alcol dipendenti in carico al servizio sanitario ha raggiunto la quota massima di oltre 66mila alcolisti in trattamento accompagnata da un significativo ricorso ai ricoveri ospedalieri per condizioni totalmente alcol correlate tra cui spicca la cirrosi per gli anziani e le intossicazioni alcoliche per i minori di 14 anni. Sempre per rimanere in termini di costi per la collettività e per la salute umana connessi al consumo di alcol al di là delle cifre relative alle malattie ed alle morti legate ad esso direttamente, ancor più drammatici sono i numeri relativi ai sinistri stradali: nel Nostro Paese il 30% dei decessi per incidenti stradali e il 50% degli incidenti non mortali hanno una correlazione con l’uso di alcol ed è ormai tristemente noto che questa rappresenta la prima causa di morte tra i giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni. (Giovanni D’Agata sportello dei diritti)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una discutibile mostra all’Ara Pacis

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

«Le parole degli assessori Ghera e Buontempo, nel corso dell’incontro con i cittadini di Corviale, dimostrano come sia concretamente possibile partire immediatamente con la demolizione e la ricostruzione del famoso “serpentone”, costruendo un nuovo quartiere fondato sul modello della “città giardino” eliminando così per sempre dal volto della Capitale uno degli esempi peggiori, insieme a Tor Bella Monaca e a Laurentino 38, di architettura collettivista, disumana e massificante». È quanto dichiarano in una nota congiunta Federico Mollicone e Andrea De Priamo, rispettivamente presidenti delle Commissioni Cultura e Ambiente di Roma Capitale.  «In questo senso – hanno aggiunto – è del tutto singolare che, nonostante il Campidoglio abbia individuato nella rigenerazione urbana l’indirizzo urbanistico da perseguire, l’Amministrazione capitolina affidi a Pippo Ciorra, autore dello sciagurato progetto del concorso di idee di piazza Bainsizza nel quartiere Prati, ora fortunatamente bocciato, l’allestimento di una discutibile mostra al Museo dell’Ara Pacis che esalta il meglio dell’orrendo urbano dal dopoguerra ad oggi, riservando alla rigenerazione urbana soltanto una parete seminascosta».

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alemanno sul sito “Famiglia cristiana”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Il sito web di famiglia Cristiana (www.famigliacristiana.it) pubblica l’intervista su Giovanni Paolo II, rilasciata dal Sindaco di Roma ad Alberto Bobbio in occasione della visita a Cracovia di Gianni Alemanno. Nella sezione “Speciale beatificazione – Grandi Servizi” viene riportata in forma integrale l’intervista “Io lo ricordo così”, attraverso la quale il Sindaco di Roma ripercorre le tappe più significative del suo rapporto con il Papa polacco, definendolo «un modello di comportamento e insieme una guida per quanto riguarda diritti umani e libertà religiosa». Nella stessa sezione anche uno speciale sul gemellaggio – all’insegna di Giovanni Paolo II – tra la città di Roma e la città di Cracovia.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parte “Harem”, la rubrica di Catherine Spaak

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Ieri sul quotidiano on line Dazebaonews Catherine Spaak ha inaugurato la rubrica “Harem” – dal nome del suo talk-show più famoso (più di 15 edizioni per Rai 3) – con una lunga dissertazione filosofica sul segreto per migliorare la qualità della vita e sottrarsi al quotidiano lavaggio del cervello cui è sottoposta l’intera società. La nota attrice e conduttrice televisiva scrive nell’articolo “Rprendiamoci la vita, istruzione per l’uso” : “Ci siamo adeguati senza rendercene conto alla bruttezza, alla volgarità  accettando come se fosse legittimo, reagire all’ aggressività, alla violenza, al malcostume con la stessa moneta oppure rannicchiandoci da vinti in una bolla di egocentrismo e di indifferenza”. Ma prosegue: “La serenità, la pace è scritta in ognuno di noi , in ogni nostro respiro. Lasciamo andare l’energia negativa che non è in grado di procreare nulla di vero”. Come fare? Catherine Spaak lancia dalle pagine di Dazebao news la sua sfida: ” Perchè, ad esempio, non condividere idee, proposte per nuove idee, leggi, da proporre attraverso un forum che rappresenti un nostro comune sentire, pensare e desiderare , la nostra volontà di non soccombere e di essere vivi”. Il quotidiano è destinato a catalizzare attraverso l’attrice gli umori del nostro tempo, raccogliendo il dibattito e le proposte dei giovani lettori.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio giornalistico ‘Vivere senza dolore’

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Ad un anno di distanza dall’approvazione della Legge 38/2010 su terapia del dolore e cure palliative, quello della sofferenza inutile continua ad essere uno tra i principali temi al centro dell’attenzione mediatica. A tal proposito, con lo scopo di promuovere una divulgazione medico-scientifica e un’informazione chiara e corretta su questo delicato problema sanitario, favorendone nello stesso tempo una maggiore sensibilizzazione presso l’opinione pubblica, l’Associazione Vivere senza dolore bandisce per il secondo anno consecutivo il Premio Giornalistico ‘Vivere senza dolore’. Dopo il successo riscontrato l’anno scorso, il Premio viene riproposto anche per il 2011, giungendo così alla sua seconda edizione. Anche quest’anno, in virtù della finalità sociale e culturale che si prefigge, il Premio gode del Patrocinio concesso dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti. La partecipazione al concorso è aperta a tutti i giornalisti “professionisti” o giornalisti “pubblicisti” e il premio sarà conferito ai 4 giornalisti che si saranno distinti per aver saputo promuovere, attraverso la loro opera e il loro impegno divulgativo, un’informazione chiara ed esaustiva sul tema del dolore. Saranno ammessi al concorso articoli e servizi in lingua italiana pubblicati nel periodo 1° marzo 2011 – 15 ottobre 2011. Ciascun partecipante potrà consegnare un massimo di due elaborati.Gli articoli dovranno pervenire tramite raccomandata A/R entro e non oltre il 31 ottobre 2011 alla Segreteria organizzativa del premio, presso Value Relations, in via G.B. Morgagni 30 – 20129 Milano. Gli elaborati saranno valutati da una Giuria presieduta da Mario Pappagallo (Caposervizio Corriere della Sera) e composta da: Francesco Amato (Presidente Nazionale FederDolore – Responsabile Coordinamento Nazionale dei Centri di Terapia del Dolore), Francesco Avitto (Direttore responsabile Adnkronos Salute), Maria Emilia Bonaccorso (Caposervizio salute Ansa), Guido Fanelli (Coordinatore della Commissione Ministeriale Cure Palliative e Terapia del Dolore), Marta Gentili (Presidente Associazione Vivere senza dolore), Marco Spizzichino (Direzione generale della programmazione sanitaria, dei livelli di assistenza e dei principi etici di sistema del Ministero della Salute e membro della Commissione Ministeriale Cure Palliative e Terapia del Dolore). Sono previsti 2 premi da 4.000 euro, rispettivamente per il miglior articolo su carta stampata e radiotelevisivo, e 2 premi da 2.000 euro per il miglior lancio su agenzie stampa e per il miglior articolo pubblicato su Internet. I vincitori saranno premiati in occasione di un evento dedicato.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il cinema e l’arte di vivere

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Roma Venerdì 15 Aprile (Viale dello Scalo San Lorenzo 51) Centro Culturale Polivalente CinemAvvenire  è in programma il terzo appuntamento con Il cinema e l’arte di vivere, ciclo di incontri seminariali per discutere in profondità, a partire da alcuni capolavori dell’arte cinematografica, alcuni temi di fondo dell’esistenza umana contemporanea: il potere, la libertà, le trasformazioni necessarie alla vita, l’amore, il dolore, la morte, l’identità, il bisogno di appartenenza, la coppia, l’amicizia, la spiritualità; tutti elementi indispensabili alla ricerca del senso del vivere che, dopo la crisi dei “grandi racconti sul mondo” che hanno segnato il secolo precedente, oggi non può che esprimersi come ricerca personale dell’arte di vivere. Il programma prevede, a partire dalle ore 18.30, la proiezione del film Quarto Potere, esor dio nel cinema di Orson Welles e tra i massimi capolavori della Storia del Cinema. Dopo una breve pausa (intorno alle 20.30), seguirà un dibattito sul film moderato da Massimo Calanca e Giuliana Montesanto. La chiusura dei lavori è prevista per le 22.30. Il costo di ciascun incontro è di € 20.00. Per partecipare è necessario essere soci di CinemAvvenire. Il tesseramento può essere effettuato contestualmente all’ingresso (tessera annuale: € 20.00 – tessera giornaliera: € 3.00). I nuovi tesserati che effettueranno un’iscrizione annuale avranno diritto alla consumazione gratuita dell’aperitivo presso il bar dell’Associazione.Sabato 16 Aprile alle 21.00 è invece prevista la visione di Di me cosa ne sai di Valerio Jalongo, provocatorio e irriverente documentario sui “mali” del cinema italiano e sul suo rapporto, controverso ma ormai ineludibile, con la televisione. Un’opera-collage che, mettendo insieme una polifonia di voci, fotografa con estrema lucidità lo stato dell’arte di un’industria che fino a qualche decennio fa era tra i volani dell’economia italiana e oggi si trova nella scomoda posizione di “bene di lusso”, non sempe benvoluto dalle istituzioni e dallo stesso pubblico. Per assistere alle proiezioni è necessario essere tesserati come soci dell’Associazione Centro Internazionale CinemAvvenire. Il tesseramento può essere effettuato contestualmente all’ingresso (tessera annuale: € 20.00 – tessera giornaliera: € 3.00). Si ricorda che a partire dalle 19.00 circa, i locali del Centro saranno aperti per la consumazione di un aperitivo.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Porto Fiumicino: lavori bloccati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Roma Si riaccende la protesta a Fiumicino dove i lavori per la realizzazione del nuovo porto procedono a singhiozzo. In quello che era stato battezzato il ‘Porto della Concordia’ gli operai incrociano le braccia, lamentando stipendi non pagati.  Oscar Tortosa, vicesegretario regionale per il Lazio dell’Italia dei Valori, si esprime sul caso. E’ polemica infatti tra la società Acqua Marcia, che ha vinto il bando per la costruzione del porto, e la Save Group, l’impresa edile di Reggio Emilia che detiene il subappalto dei lavori. Secondo l’esponente del partito presieduto da Antonio Di Pietro, si tratta di una  vicenda che già dal suo nascere presentava molti punti interrogativi. Dichiara Tortosa: “La situazione di stallo era ravvisabile già un mese fa, quando fenomeni come i mancati pagamenti o l’insicurezza di fondi per stanziare l’opera cominciavano a delinearsi. La sensazione è che questo progetto sia partito già con grandi probabilità di insuccesso”. Un campanello d’allarme, secondo l’esponente dipietrista, sin da quando, a seguito della messa in vendita anzitempo di posti barche, è emerso “lo scarso interesse dei privati a comprare tali postazioni”. Tortosa offre un’ampia veduta dell’episodio: “Con le difficoltà che vivono le aziende, con le banche che diminuiscono drasticamente i finanziamenti, era prevedibile che la società Acqua Marcia potesse avere grossi problemi”. L’esponente regionale dell’Idv chiama in causa le istituzioni: “Il Comune e la Regione hanno l’obbligo di intervenire per tutelare i lavoratori che non vengono pagati, e per far fronte ai pagamenti che sono risultati scoperti”. L’appello di Tortosa è, in ultima istanza, rivolto al primo cittadino di Fiumicino: “Il sindaco Canapini deve dare risposte concrete a questi lavoratori lasciati sul lastrico”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno autodeterminazione dei popoli

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Cagliari, 14 aprile, alle 18, si terrà presso la sede di via San Gregorio Magno n.7 il convegno dal titolo: “Autodeterminazione dei Popoli. L’esempio tibetano e birmano”. L’iniziativa, promossa dall’associazione studentesca FUAN Caravellacon il contributo dell’Università degli Studi  Oggi l’attualità ci pone all’attenzione una questione e un valore sovente dimenticati: il diritto all’autodeterminazione dei popoli. In terra asiatica, la Cina tiranneggia sul Tibet e il popolo Karen viene oppresso dal regime Birmano di ispirazione cinese/comunista. Temi attuali ma conflitti vecchi e generatori di morte e povertà. Il tema verrà affrontato da Dario Dessì, studioso della questionetibetana e laureato in Scienze Politiche con tesi affine, e Ludovica Fabrizio, responsabile per la Sardegna della Comunità Solidarista POPOLI ONLUS. Pensiamo al Tibet. Esisteva un popolo la cui vita era profondamente permeata da una dottrina religiosa vecchia di 25 secoli.Esisteva una delle ultime figure che racchiudeva in sé il potere spirituale e temporale. Per 350 anni tutto questo è stato il Tibet, sino al 7 ottobre 1950, giorno in cui per espresso ordine di Mao Zedong, subì l’invasione da parte della Repubblica Popolare Cinese, la quale rivendicò una presunta appartenenza del Tibet al proprio territorio (pretesa peraltro priva di qualsivoglia fondamento antropologico). Da quel giorno iniziò uno dei maggiori genocidi della storia dell’Uomo nonché il tentativo di distruggere una cultura unica al Mondo. Le grandi “colpe” del popolo tibetano sono quelle di non fare “rumore” a livello internazionale, dal momento che la sua lotta è prettamente politica e non violenta (a Sua Santità il Dalai bLa ma venne assegnato il premio Nobel per la pace nel 1988), e di essere vittima dei nuovi banchieri del sistema economico mondiale, dal momento che la Cina si è aperta al libero mercato senza però diventare una nazione democratica. Il Governo di Pechino continua ancora oggi a considerare la questione tibetana come una “questione interna” sulla quale nessuno può esprimere un parere anche solo minimamente critico, questo nonostante da più di 20 anni il Dalai Lama abbia rinunciato all’indipendenza infavore di una reale autonomia (politica peraltro attuata da Deng Xiaoping ad Hong Kong e Macao). L’associazione studentesca FUAN Caravella denuncia apertamente la volontaria cecità del mondo occidentale nei confronti della questione tibetana, cecità che è figlia unicamente di enormi interessi economici a causa dei quali la Cina viene considerata come una realtà intoccabile. Un altro eclatante caso è la Birmania. il popolo Karen I Karen, una delle principali etnie che compongono il mosaico birmano (circa sei milioni su una popolazione di 44 milioni di abitanti), lottano dal 1949 contro il governo centrale di Rangoon per ottenere l’indipendenza e preservare la loro identità. Originari delle steppe della Mongolia e degli altipiani del Tibet, i Karen arrivano nei territori che oggi costituiscono la Birmania dopo una lunga migrazione durata duemila anni. Nella loro discesa a sud scoprono i grandi fiumi Irrawaddy e Salween che si insinuano attraverso gli ultimi contrafforti della catena himalayana. Primi abitanti delle vaste pianure situate all’estuario di questi fiumi, vi si insediano nel 730 Avanti Cristo vivendo in pace per due secoli, fino all’arrivo dei Birmani che invadono le terre dei Karen costringendoli a rifugiarsi sulle montagne al confine con il Siam(l’odierna Thailandia). Inizia lo scontro tra i due popoli.. Quando nel 1947 l’Inghilterra lascia la Birmania, il primo responsabile politico del nuovo paese, il Generale Aung San, propone una costituzione che prevede entro i dieci anni successivi il diritto di ogni gruppo etnico a separarsi dall’Unione e di ottenere piena indipendenza. Il disegno non viene realizzato, perché Aung San viene assassinato durante un colpo di stato che porta al governo una giunta militare che ben presto provoca la reazione armata dei Karen e delle altre etnie. Da allora, i popoli delle montagne hanno combattuto senza sosta per l’indipendenza. I Karen hanno condotto la loro lotta rinunciando per ragioni etiche ai facili guadagni derivanti dal traffico di droga, a cui si oppongono con esemplare rigore. [tratto da http://www.comunitapopoli.org%5D

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La crisi nel Mediterraneo: il Nord Africa si solleva

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

La  Sezione Internazionale della  Fondazione Basso, nell’ambito dei focus di approfondimento  sull’attualità internazionale Sguardi sul Mondo, organizza il ciclo di seminari:   Il programma:
• Giovedì, 14 aprile ore 17 – Centro studi Americani (via M. Caetani, 32):  I popoli arabi si sollevano e chiedono democrazia: il caso del Nord Africa  Gian Paolo Calchi Novati (Università degli Studi di Pavia): Inquadramento storico politico dell’area  Umberto de Giovannangeli (L’Unità): Raccontare le rivolte  Valentino Parlato (Il Manifesto): Il ruolo dei media e il caso libico
• Giovedì,  5 maggio ore 17- Sala Conferenze della Fondazione Basso (via della Dogana Vecchia, 5): Per una analisi dei moti nordafricani  Massimo Campanini (Università degli studi di Napoli “L’Orientale”): Origini, obiettivi e composizione  sociale delle proteste  Arturo Varvelli (ISPI): L’atipicità del caso libico  Gabriele del Grande (Fortress Europe): Le sollevazioni in Nord Africa
• Mercoledì, 18 maggio ore 17- Sala Conferenze della Fondazione Basso (via della Dogana Vecchia, 5): La geopolitica del Mediterraneo e il futuro dei popoli nordafricani  Roberto Aliboni (IAI): Il fallimento delle politiche euro-mediterranee Silvia Colombo (IAI) :  Vecchie potenze e paesi del Bric: la lotta per l’influenza politico-economica e  le risorse energetiche Luigi Ferrajoli (Università degli Studi Roma Tre) : L’autodeterminazione come diritto alla democrazia.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Biocarburanti e prospettive future

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Roma 14 aprile, ore 10.30, Sala Nassirya, Senato della Repubblica Nella lotta all’inquinamento del settore dei trasporti l’Italia è in grande ritardo avendo, a differenza di molti paesi Europei, disatteso gli obiettivi indicati dalla Commissione Europea  nel 2003 per il periodo 2005-2010. Quale è lo scenario attuale del settore della produzione dei Biocarburanti? Livelli bassissimi di produzione, impianti fermi e rischio cassa integrazione per gli addetti del settore. Perché tutto questo? Se ne parlerà giovedì 14 Aprile alle ore 10.30 presso Sala Nassirya del Senato della Repubblica nel confronto”Industria dei Biocarburanti…quali prospettive per il futuro?”. L’iniziativa è diretta tra istituzioni e rappresentanti del settore affinché venga assicurato un quadro normativo certo ed un mercato concorrenziale. Interverranno il sen. Cesare Cursi, presidente X Commissione Industria del Senato, ilsen. Filippo Bubbico, membro della 10ª Commissione permanente Industria del Senato, l’on. Stefano Saglia, sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

VI°edizione delle Giornate dell’Emigrazione 2011

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Roma 14 aprile 2011- ore 16.30 Sala Capitolare presso il Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva Piazza della Minerva, 38- VI° edizione le “Giornate dell’Emigrazione” promosse ed organizzate da ASMEF (Associazione Mezzogiorno Futuro) realtà dinamica e fervida, di divulgazione ed azione nazionale ed internazionale, fondata nel novembre 2005, da un gruppo di uomini e donne, amici soprattutto, operanti in vari settori da quello socio-politico, a quello culturale, passando per il mondo giornalistico-editoriale. Lo scopo principale dell’ASMEF, presieduta da Salvo Iavarone,  è valorizzare le identità territoriali di ogni Sud, approfondendone soprattutto lo studio delle Geografie, delle Storie e delle Antropologie del Mezzogiorno d’Italia. La “storia dell’emigrazione” è il tema cardine su cui s’incentra l’attività di ASMEF e, in particolare, dal 2006 al 2010, si è dato vita ad un evento-ciclico-permanente prestigioso, ad un format socio-culturale di grande afflato ed attualità, denominato “Le Giornate dell’Emigrazione”, una serie di conferenze e dibattiti itineranti in tutta Italia ed all’estero, in cui si incontrano e confrontano rappresentanti del mondo istituzionale, imprenditoriale, socio-culturale, a livello nazionale ed internazionale.Saranno numerosi ed illustri ospiti:   Maurizio Gasparri, Presidente del gruppo PDL al Senato, Alfredo Mantica, Sottosegretario Ministero Affari Esteri, Vincenzo Scotti, Sottosegretario Ministero Affari Esteri, Luigi Compagna, Senatore-Commissione permanente Affari esteri, emigrazione, Severino Nappi, Assessore al Lavoro, dell’emigrazione e dell’immigrazione della Regione Campania, Adriano Giannola, Presidente Istituto Banco Napoli Fondazione, Amilcare Troiano, Presidente del Parco Nazionale Cilento e del Vallo di Diano, Salvo Iavarone, Presidente Asmef.  Alle ore 18 si entrerà nel vivo della discussione con la tavola rotonda dal tema: “Unità d’Italia ed emigrazioni. Il ruolo della Chiesa e delle opere assistenziali, dalla storia all’attualità, attraverso le loro figure carismatiche”. Interverranno: Mons. Giancarlo Perego, Direttore Generale Migrantes, Suor  Etra Modica dello U.S.M.I. (Unione delle Superiori Maggiori d’Italia), Giorgio Malfatti di Monte Tretto-Segretario Generale I.I.L.A. (Istituto Italo-Latino Americano), Mina Cappussi-Direttore “Un Mondo d’Italiani” e del Dizionario dell’Emigrazione Italiana, Pier Luigi Gregori-Giornalista Vaticanista RAI, Flavia Cristaldi-Professoressa Associata in Geografia delle migrazioni-Università la Sapienza di Roma, Vincenzo Rosato- Direttore C.S.E.R., Francesco Durante-Giornalista e Storico.Il giornalista  Massimo Milone, caporedattore del Telegiornale Rai Campania, modererà  la tavola rotonda.   Alla Presentazione di giovedì prossimo interverrà anche il documentarista campano Salvatore Sparavigna, direttore della web tv sociale “www.lamiastrada.tv” che racconterà per immagini un’interessante storia di emigrazione attraverso l’espressività dei volti dei tanti italiani che vivono negli Stati Uniti, paese su cui si concentrano, insieme al Canada, le attività ASMEF 2011.  La presentazione del 14 aprile è patrocinata dal Senato della Repubblica, dal Ministero degli Affari Esteri, dalla Regione Campania e dalla Provincia di Salerno. La “Bitnet”, società di comunicazione di Roma, ha curato l’organizzazione.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Coisp in convegno a Catanzaro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Catanzaro 14 aprile presso la sala consiglio della Provincia di Catanzaro alle ore 15.30 il Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, ha organizzato un convegno dal titolo “La criminalità e le nuove frontiere dell’illegalità” L’incontro vale il riconoscimento di 8 crediti formativi per gli avvocati che parteciperanno, tramite un’intesa con il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Catanzaro. La criminalità non è purtroppo solo un fenomeno armato ma molto spesso annida i suoi terribili effetti nella quotidianità servendosi delle armi della burocrazia piuttosto che della mancanza di lavoro. Ecco perché è fondamentale scardinare un sistema che crea nuove frontiere della criminalità. Dopo i saluti istituzionali di Wanda Ferro, Presidente della Provincia, Antonio Reppucci, Prefetto di Catanzaro, del Sindaco Rosario Olivo, Emilio Verrengia, Presidente provinciale dell’Anps e Annarita Abbenante Presidente dell’associazione Mediare e Conciliare, introdurrà i lavori Giuseppe Iannello, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Catanzaro. Gli interventi saranno di Rodolfo Ruperti, Dirigente della Squadra Mobile della Questura di Catanzaro (‘Ndrangheta: attività investigativa tra prevenzione e Repressione); Nico D’Ascola, ordinario di diritto penale Università di Reggio Calabria (Le più recenti modificazioni legislative in materia di misure di prevenzione patrimoniale); Nicola Gratteri, Procuratore Aggiunto D.D.A. Reggio Calabria (Narcotraffico e criminalità organizzata). Modererà  l’incontro Concetta Titti Grillo, Magistrato onorario al Tribunale di Reggio Calabria Le conclusioni saranno affidate a Franco Maccari, il Segretario Generale del Coisp.  Al termine dell’incontro il Coisp promuoverà, alle 19 presso il Caffè letterario di Catanzaro in via Menniti Ippolito, la presentazione del libro di Nicola Gratteri dal titolo “La giustizia è una cosa seria”. Modererà l’incontro Pietro Melìa, interverrà, oltre all’autore, Maria Marasco dirigente nazionale del Coisp.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma primo maggio: trasporto pubblico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

«Per accogliere i numerosi fedeli che verranno in città il primo maggio, per l’evento della beatificazione di Papa Giovanni Paolo II, l’Amministrazione capitolina ha predisposto un piano eccezionale del trasporto pubblico, diviso in tre fasi: collocazione in apposite aree di 5.046 pullman, per un totale di oltre 260.000 persone trasportate; potenziamento della Metropolitana, attraverso l’apertura delle linee fino alle 2 del mattino di domenica primo maggio (compresa la linea A, solitamente chiusa dalle ore 21 per i lavori di realizzazione del nodo di interscambio con la nuova linea C), la riapertura delle stesse alle ore 4 e l’intensificazione della frequenza delle corse sia sabato 30 aprile che domenica primo maggio (fino a 3’ per la linea A e 4’ per la B); incremento di 180.000 chilometri/vettura del trasporto su gomma negli stessi due giorni, per agevolare i collegamenti con San Pietro e il Circo Massimo. Nello spirito del celeberrimo “Damose da fa’” di Papa Giovanni Paolo II, ci stiamo adoperando per dare la possibilità a tutti i fedeli di partecipare con i mezzi del trasporto pubblico anche alle tante manifestazioni che verranno organizzate in vari punti della città». È quanto dichiara l’assessore alla Mobilità di Roma Capitale, Antonello Aurigemma.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I cantieri navali siciliani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

A parere degli Indipendentisti dell’FNS, la crisi che oggi attanaglia il settore cantieristico in Sicilia, e soprattutto a Palermo, era prevedibile nella considerazione del fatto che la classe politica ed i Partiti (e talvolta anche i Sindacati), negli ultimi cinquant’anni, hanno preferito adeguarsi ad una politica cantieristica Nord-Centrica. Con la conseguenza, scontata,  di ridurre i Cantieri Navali Siciliani ad un ruolo marginale rispetto ai grandi progressi che il settore raggiungeva (e raggiunge) nel Mediterraneo e nel Mondo, e ad un ruolo di subordinazione rispetto agli interessi dei grandi gruppi cantieristici ed armatoriali, privati e/o pubblici, del Continente. Sono mancate, cioè, la fantasia e la capacità di impostare una strategia siciliana per la cantieristica siciliana. Ed è mancata, persino, la cultura del lavoro e della produttività. Non è, tuttavia, tutto perso. L’economia siciliana potrebbe e dovrebbe risorgere con nuove prospettive e guardando sia ai vecchi che ai nuovi “MERCATI”. Ma – diciamolo francamente – occorre anche il coraggio (inteso come consapevolezza) di essere siciliani. L’FNS esprime, intanto, solidarietà a tutti i lavoratori – in servizio e non – dei Cantieri Navali ed auspica che a Palermo vengano rilanciati, contemporaneamente (e non in alternativa l’uno con l’altro), i settori della costruzione, della trasformazione e della riparazione navale. A Palermo si deve, altresì, aprire alle commesse delle navi della flotta militare italiana e della Flotta Nato. Analogo discorso vale per tutta la cantieristica siciliana.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Bari un quartiere trasformato in discarica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2011

Pieno appoggio ai cittadini pugliesi che protestano a Bari San Giorgio perché stanchi dei rifiuti lasciati sulla complanare della statale 16, arriva da Vincenzo Anelli, vice responsabile per la Puglia dell’Italia dei Diritti. “Condivido le azioni di protesta degli abitanti della zona che da tempo sollecitano l’intervento delle autorità cittadine e dei servizi competenti, quali l’Amiu, a seguito dei disservizi le cui conseguenze ricadono sul quartiere”. Anelli punta i riflettori in particolare sull’abbandono di rifiuti di ogni genere “che – aggiunge – di frequente presentano materiali pericolosi come amianto e pneumatici”. L’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro getta un faro di luce sulla condizione che affligge i residenti del quartiere barese che vivono una situazione critica: “L’abbandono indiscriminato dei rifiuti rappresenta un rischio per la salute, nonché un danno all’ambiente e in particolare alla costa”. Il vice responsabile pugliese del movimento extraparlamentare sottolinea la ricaduta economica e turistica, che il perdurare di una simile situazione può provocare sulla litoranea barese, e lancia l’appello alle istituzioni: “Chi è tenuto a monitorare il territorio individuando i responsabili di simili azioni deve adempiere al pieno il suo dovere. Il problema dei controlli – conclude – è centrale”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »