Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Non temo le urla dei violenti, ma temo il silenzio degli onesti

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2011

E’ la frase-testamento che ci ha lasciato Vittorio Arrigoni, indelebilmente scritta nel suo blog, come un sasso lanciato nello stagno per smuovere le coscienze. Ma gli “onesti” che tacciono hanno più diritto al silenzio? Un tale silenzio non somiglia, anche troppo, alla connivenza e alla corresponsabilità? E non si tratta, limitatamente, ai fatti tragici che si consumano da molti decenni in quella tormentata terra dove i rispettivi estremismi generano odio che sfocia nelle stragi e nello stillicidio delle morti. Sarà comodo oggi scrivere di Vittorio Arrigoni, scomodando l’eroismo e l’appello al vento a richiamo di un umanesimo tradito e relegato nelle cantine di questo Occidente egoista, che si nutre con le radici di una economia elitaria, che non genera lavoro e solidarietà, ma competizione da affrontare nei modi più ipocriti per trarre il maggior vantaggio. E’ stato questo Occidente che ha sostenuto i dittatori del Nord Africa per lucrare sul lavoro a basso costo e imponendo un genere di consumi aleatori ma redditizi. C’è voluto il sacrificio di un pacifista altruista e generoso per farci tentare un approccio globale al problema sul quale si preferisce tacere. La formulazione “il silenzio degli onesti”, pur nel rispetto di Vittorio Arrigoni che l’ha formulata, è fondamentalmente errata, perché l’onestà non si coniuga con il silenzio, così come il silenzio non identifica gli onesti, piuttosto gli omertosi, i mafiosi, i camorristi e gli assenteisti alle consultazioni elettorali. Onestà deve identificarsi con la partecipazione, con il coraggio delle proprie idee e con la forza della denuncia, senza adagiarsi sul comodo silenzio che condanna alla complicità. Vittorio Arrigoni doveva rientrare in Italia per essere presente alla commemorazione di Peppino Impastato, due vittime accomunate da un medesimo destino che dovrebbe scuotere le coscienze e rilanciare la dignità della denuncia e il coraggio della partecipazione. (Rosario Amico Roxas)

2 Risposte a “Non temo le urla dei violenti, ma temo il silenzio degli onesti”

  1. Aldo Cannavò said

    Certamente Arrigoni si riferiva al silenzio degli onesti che non si indignano per le ingiustizie.Purtroppo la società è piena di persone che si preoccupano solo del loro orticello.Effettivamente il silenzio sia dei grandi,che dei piccoli,in molti casi è colpa.

  2. Rosario Amico Roxas said

    Con il silenzio sulle malefatte di Berlusconi, a lui certamente ben note, Vittorio Mangano ci guadagnò l’elevazione a “eroe”.
    Il silenzio è omertà; paradossalmente quelli che applicano questo genere di silenzio omertoso si autodefiniscono “uomini d’onore”.
    Ora, per imporre il silenzio si vuole mettere fuori legge l’intercettazione telefonica, dopo avere svilito il ruolo dei “pentiti” .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: