Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Camion a basso costo

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2011

Sta crescendo in maniera esponenziale la domanda di veicoli commerciali leggeri, medi e pesanti in tutto il mondo. In particolare, si sta assistendo a una grande richiesta di mezzi a basso costo. La spinta arriva sia dalle economie emergenti il cui bisogno di veicoli commerciali aumenta, sia dai Paesi sviluppati come conseguenza della recessione. Una nuova analisi condotta da Frost & Sullivan intitolata “Strategic Analysis of Global Low-cost Truck Market” riporta che la produzione di camion a basso costo raggiungera’ quota 3,2 milioni di unità nel 2016 con 29 nuovi modelli di autocarro che saranno introdotti dagli OEMs (Original Equipment Manufacturers) nei prossimi cinque anni. Powertrain, telaio, sicurezza, comfort, convenienza e le correlate spese di marketing costituiranno punti importanti per la riduzione dei costi. La domanda che arriva dai Paesi BRIC (Brasile, Russia, India e Cina) alimenterà ulteriormente la crescita del mercato dei veicoli commerciali  a basso costo, e troverà presto spazio nelle economie sviluppate. Mentre il potenziale di crescita è allettante, è tuttavia chiaro che gli utenti finali non desiderano soltanto camion a buon mercato, bensì mezzi  che possano aiutare a ridurre il costo totale di proprietà. Matteo Valente commenta: “Questi camion saranno caratterizzati da tecnologie innovative e sistemi ottimizzati, sviluppati attraverso aggressive strategie di design-to-price. Per contro, si rivelerà sempre più difficile mantenere il basso costo  a causa di normative più severe, la crescente richiesta di manutenzione, margini relativamente più bassi e l’aumento del costo del lavoro”. Gli OEMs statunitensi ed europei dovrebbero, dunque, prendere in considerazione la creazione di nuove piattaforme di prodotto ben differenziate. Si dovrebbe perseguire una diversificazione dei fornitori, unita all’integrazione verticale di sistemi e componenti che consentano risparmi sui costi. Approcci contenitivi e di cost-design aiuterebbero gli OEMs a ridurre il prezzo complessivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: