Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Il Policlinico si tinge di giallo

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 Maggio 2011

Roma 10 maggio – ore 18.00 aula 1 clinica medica – Policlinico Umberto I viale del Policlinico 155, Andrea Camilleri presenta l’opera prima di Claudio Coletta nella facoltà di medicina dove molte delle vicende narrate nel libro si sono svolte. Le vicende narrate nel libro si svolgono in gran parte proprio all’interno dell’edificio che ospita l’incontro: Camilleri parlerà al pubblico dagli stessi banchi sui quali studiava il protagonista del volume e nell’aula in cui si svolgevano i dibattiti e le assemblee studentesche tipiche di quel periodo storico. È qui che Lorenzo, studente di medicina, trascorre gran parte del suo tempo, finchè, in compagnia di un amico, troverà in un laboratorio il corpo dissanguato del professor Mori, docente di ematologia. È solo l’inizio di una serie di tragiche circostanze in cui il protagonista verrà coinvolto. Le indagini vengono affidate al commissario Diotallevi, che, entrato in sintonia con Lorenzo, gli chiede di tornare sui luoghi dei delitti per rilevare quanto può essere sfuggito alla Scientifica. Il Policlinico si tinge così di giallo, divenendo l’ambientazione di un racconto misterioso e crudele. L’autore, un medico romano che si è formato alla Sapienza, è stato membro della giuria internazionale del Roma Film Festival 2007. Questa è la sua prima opera di narrativa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: