Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 2 giugno 2011

The Economist: Silvio snubbed

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

From the Economist this week. What could be worse for the euro than political instability in Italy? How about a government trying to buy popularity with higher public spending and/or tax cuts? That was the spectre conjured by Silvio Berlusconi after the local election run­ on this week, when his conservative government lost control of Milan, his home city and an unassailable fortress of the Italian right for two decades. The main reason Italy has escaped the euro­zone crisis is that Mr Berlusconi’s finance minister, Giulio Tremonti, has curbed his boss’s easy­spending, populist instincts and imposed strict fiscal discipline. He has done little to get the economy growing (Standard & Poor’s, a rating agency, has cut its outlook on Italy from stable to negative). But Mr Tremonti has reassured investors that Italy can finance its huge public debt (almost 120% of GDP). Yet soon after the elections it became clear that Mr Berlusconi wanted to change fiscal policy. Asked what he would do if his finance minister refused to loosen the purse strings, he replied: We’ll make them open. Tremonti doesn’t decide. Later he made a statement rearming his confidence in Mr Tremonti. But this is his third such disclaimer in a month. The pressure on him to splash out is severe. Milan was among 90 Italian towns and cities with run­on votes. Mr Berlusconi’s candidates took a beating. In Naples the opposition candidate won over 65% of the vote. The centre­right lost Arcore, the town near Milan where Mr Berlusconi has his main private residence and, it is alleged, held his Bunga Bunga parties. A trial in which he denies paying an underage prostitute to attend such a party resumed the day after the vote. The loss of Arcore was one of several that made these elections a personal calamity for Mr Berlusconi. Milan is his home city, from which he launched him­ self into politics 17 years ago, and the place he could rely on to back him in the darkest moments of his career. By putting himself on the slate of the outgoing mayor and declaring the election a national one, he turned it into a vote of confidence in his management of Italy. Two other things must worry Mr Berlusconi. One is that Milan is Italy’s bellwether: conventional wisdom has it that what the Milanese do today the rest of the country does tomorrow. Second, his Northern League coalition partners also took a thrashing. The loyalty of Umberto Bossi’s movement, which combines regionalism with populism and Islam homophobia, is vital to the government’s survival. Its poor showing in the frst round had persuaded many in the League that the time had come to sever links with Mr Berlusconi’s People of Freedom movement. The second round, in which the League lost control of the north­eastern city of Novara, will make that view more widely shared. Some of Mr Berlusconi’s opponents hailed the results as a sign that his long ascendancy in Italian politics was drawing to a close. But that is to jump to conclusions. As the prime minister quipped, even his successful AC Milan football team loses sometimes. These were mid­term elections that produced typical mid­term vic­ tors. The new mayor of Milan, Giuliano Pisapia , was not the choice of Italy’s biggest opposition group, the centre­left Democratic Party, but of the smaller and more radical Left, Ecology and Freedom movement, led by the governor of Puglia, Nichi Vendola. The winner in Naples was a maverick former prosecutor, Luigi de Magistris, who ran for the anti­corruption Italy of Principles party, founded by another former prosecutor, Antonio Di Pietro. Not the least of the questions posed by these elections was whether they presage a shift not just on the right, but also on the left. 7 Italy’s beleaguered prime minister.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

2 Giugno, festa della Repubblica

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Festa della democrazia e della libertà dei cittadini, di tutti gli italiani, del Nord e del Sud. Dalla Milano di Pisapia alla Napoli di De Magistris. Dell’Italia unita che il 29 e 30 maggio ha dato un chiaro segnale di cambiamento e che, spero, andrà a votare il 12 e 13 giugno per le energie sicure, pulite e rinnovabili, contro il nucleare, per l’acqua pubblica, contro le speculazioni su questo bene comune, per la legalità e l’uguaglianza davanti alla legge e contro le prevaricazioni di chi vuole l’immunità per le proprie malefatte. E’ la festa di tutti e ci auguriamo che alle celebrazioni partecipi tutto il governo, compresi i leghisti e certi rottami storici che hanno nostalgia del fascismo. Una giornata simbolica che unisce tutti. O almeno dovrebbe. Non è retorica da quattro soldi la mia, purtroppo. Ci sono iniziative legislative preoccupanti, che vanno al di là delle semplici provocazioni. Due giorni fa il Pdl ha presentato una proposta di legge per riconoscere i combattenti di Salò, ieri un’altra per istituire la giornata della memoria delle vittime del sistema giudiziario. Il tentativo di equiparare partigiani e nazifascisti è vergognoso. Non si può mettere sullo stesso piano chi ha combattuto per la libertà con chi si è schierato per l’oppressore. Né si può istituire una giornata per le vittime della magistratura. Il perché è talmente ovvio che non serve spiegarlo. E’ avvilente che vogliano indire questa giornata ‘ad personam’ per Berlusconi, che non è certo vittima di errori giudiziari. Per non essere da meno noi domani dovremmo presentare una proposta di legge per istituire la giornata delle sciocchezze proposte dal Pdl. Battute a parte, è chiaro che il confronto con il Pdl in questo momento non è solo politico, ma soprattutto culturale. Dobbiamo impedire che il loro crollo politico coincida con una deriva culturale alimentata proprio dalle istituzioni. Berlusconi è alla fine del ciclo politico, ma, come un animale ferito, può ancora provocare molti danni. Partiti, movimenti, società civile, sono tutti impegnati ora per difendere la democrazia e le istituzioni dalla barbarie. E per guidare il cambiamento. In meglio. (Massimo Donadi)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Museo Centrale del Risorgimento di Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Rappresenta una delle più frequentate strutture museali incentrate sulla storia del nostro paese con una media di circa 800.000 visitatori annui. La forte valenza didattica che l’ha sempre contraddistinto ha subito con il nuovo allestimento un ulteriore impulso arricchendosi di supporti multimediale – video e audio – e offrendo al visitatore un percorso più nitido scandito da una semplice cronologia di riferimento. Uno degli obiettivi del nuovo allestimento del museo è stato quello di rendere visibile il ricchissimo patrimonio documentario conservato nell’archivio del Museo Centrale del Risorgimento composto da circa un milione di documenti storici dal XVIII all’inizio del XX secolo; oltre 1.000 volumi manoscritti; circa 10.000 stampe e disegni originali e circa 250.000 fotografie dell’Ottocento e della Prima Guerra Mondiale; circa 500 dipinti e oltre 100 sculture. Il Museo intende quindi essere espressione di questo patrimonio storico-documentario presentando una estrema eterogeneità di opere. La riapertura del Museo segnerà anche l’avvio di nuovi orientamenti di didattica già sperimentati e offerti alle scuole e a partire da settembre prenderanno il via laboratori didattici sulle fonti della storia d’Italia svolti direttamente negli spazi del museo e l’elaborazione di contenuti digitali e audiovisivi. Accanto all’esposizione permanente del Museo il nuovo percorso offrirà al visitatore anche la possibilità di sperimentare nuovi approcci disciplinari realizzando una sorta di mostre virtuali: per questo primo anno di attività il Museo offrirà il percorso incentrato sulla mostra Gioventù Ribelle. L’Italia del Risorgimento, realizzata in collaborazione con il Ministero della Gioventù che rappresenta compiutamente il tentativo di avvicinare le nuove generazioni alla storia d’Italia utilizzando in forma dinamica il web.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riapertura museo centrale del Risorgimento

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Roma, Complesso del Vittoriano Via San Pietro in Carcere. Il Museo riapre oggi con un nuovo percorso di visita che, attraverso dipinti, sculture, disegni, documenti, oggetti, fotografie, cimeli, armi, divise e bandiere, raccoglierà in una veste rinnovata le testimonianze relative al processo di unificazione dell’Italia dalla fine del XVIII secolo al termine del primo conflitto mondiale ritenuto come il naturale completamento dell’unità nazionale. Il progetto scientifico del nuovo allestimento è a cura di Marco Pizzo, Vicedirettore del Museo Centrale del Risorgimento di Roma. L’organizzazione generale e la realizzazione sono a cura di Comunicare Organizzando.
Nel 1878, alla morte di Vittorio Emanuele II che, nel 1861, con la creazione dello stato Italiano, aveva assunto il titolo di re d’Italia, il Parlamento decise di edificare a Roma un monumento dedicato al primo sovrano dell’Italia unificata chiamato perciò Vittoriano. Nel monumento, che venne inaugurato nel 1911, avrebbe dovuto collocarsi anche il Museo Centrale del Risorgimento, la cui prima idea nacque alla fine del XIX secolo con il proposito di illustrare i momenti ed i protagonisti degli eventi storici che portarono all’Unità d’Italia. Vennero pertanto raccolte una serie di testimonianze delle guerre d’indipendenza, comprendendo nel novero delle lotte per la libertà anche la prima guerra mondiale considerata come il momento in cui si raggiunse il completamento dei confini naturali della penisola. Le testimonianze raccolte nel corso degli anni furono le più svariate passando dai ritratti alle armi utilizzate dagli eroi del Risorgimento; dalla penna di Mazzini alla spada di Garibaldi; dai disegni dei pittori-soldato ai busti-ritratto delle Medaglie d’Oro; dai jeans indossati da Garibaldi nello sbarco a Marsala alle fotografie dei Bersaglieri mentre entrano a Porta Pia; dai manoscritti autografi di Cavour ai volantini che D’Annunzio lancia su Vienna nel 1918; dal Tricolore della Repubblica Romana del 1848 allo stendardo dei Mille. Oggetti diversi che oggi sono diventati dei veri e propri documenti, delle testimonianze puntuali e rievocative dei fatti e dei protagonisti dell’epopea risorgimentale. Tutto il percorso espositivo del Museo diventa pertanto un archivio della memoria del Risorgimento, alimentato dalle suggestioni degli eventi che hanno creato l’Italia. Lo spazio architettonico dell’allestimento del Museo, all’interno del Complesso Monumentale del Vittoriano, risulta fortemente impregnato dagli stessi intenti teorici poiché lungo le pareti sono incisi nel marmo i brani di testi significativi dei “grandi” della storia d’Italia, in maniera tale che lo stesso contenitore diventa parte integrante del museo. Il nuovo percorso di visita del Museo si articola secondo una scansione temporale collegata a singoli eventi e a figure che in qualche modo ne sono state protagoniste. Le sezioni sono le seguenti:
• Il periodo napoleonico
• Il congresso di Vienna
• I moti rivoluzionari del 1820-1821 e del 1830-1831
• Giuseppe Mazzini e la Giovine Italia
• Pio IX
• Il 1848: le Cinque Giornate di Milano; la Repubblica di San Marco; la Prima Guerra d’Indipendenza
• Il 1849 e la Repubblica Romana
• Cavour e la guerra di Crimea
• Vittorio Emanuele II e la II Guerra d’Indipendenza (1859)
• Garibaldi e l’impresa dei Mille
• Dall’Unità all’Aspromonte
• La III guerra d’Indipendenza
• 1870 La presa di Porta Pia
• La Prima Guerra Mondiale
La novità più consistente del nuovo allestimento è che ogni sezione è illustrata da un’ampia selezione di materiale iconografico che cerca di rendere al meglio la straordinaria eterogeneità dei materiali storici e documentari che costituiscono le collezioni del Museo Centrale del Risorgimento: dai dipinti ai cimeli storici; dai documenti ai materiali tessili (fazzoletti commemorativi, bandiere, stendardi); armi e divise. Tutto il percorso ha una spiccata vocazione didattica con pannelli, in italiano e in inglese, che illustrano singoli personaggi, eventi, temi. In occasione della riapertura del Museo verranno presentate le seguenti opere appositamente restaurate:
• Drappo con epigrafe-rebus in onore di Pio IX per l’amnistia del 1848;
• Serie delle tavole originali con le annotazioni della censura che vennero pubblicate sul giornale satirico Don Pirlone nel 1848-1849;
• Serie di disegni realizzati da Alessandro Castelli del 1849 durante l’assedio della Repubblica Romana;
• Album fotografico dei Mille di Alessandro Pavia;
• Serie di disegni realizzati dai detenuti politici nelle carceri pontificie (1867-1868);
• Serie di bozzetti dipinti nel 1917-1918 da Anselmo Bucci sul fronte della prima guerra mondiale.
Integrato al percorso di visita sarà un percorso di rari filmati d’epoca realizzati in collaborazione con Cinecittà Luce e il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale. In particolare, nell’area didattica, sarà visibile il film di animazione La Lunga Calza Verde realizzato nel 1962 da Cesare Zavattini e appositamente restaurato da Cinecittà Luce. All’interno del percorso di visita del Museo saranno collocati una serie di pannelli e l’indicazione della mostra attualmente itinerante “Gioventù Ribelle – L’Italia del Risorgimento” promossa dal Ministero della Gioventù. Scaricando l’applicativo riportato con il codice corrispondente sarà possibile, per chi ha un dispositivo elettronico portatile idoneo, scaricare e visualizzare dei brevi filmati. Ogni filmato è interpretato da attori che leggono brani originali o impersonano alcuni protagonisti del Risorgimento italiano – da Luciano Manara a Goffredo Mameli; dalla contessa di Castiglione a Felice Orsini. Partner tecnico: Cinecittà Luce: tutti i giorni ore 9.30 – 18.30. Ultimo ingresso ore 18.00. Primo lunedì del mese chiuso ingresso gratuito (Paola Saba e Caterina Mollica) http://www.risorgimento.it<

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo patto tra generazioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Roma – Italia 2 giugno 2011 <<Occorre cogliere l’occasione di questa giornata affinché l’intero Paese si riconosca in un insieme di valori e principi comuni, che rappresentano la base di un sentimento di appartenenza collettiva. Oggi più che mai l’Italia ha bisogno di ricordare le proprie radici>>. Ad affermalo è Carmelo Lentino, segretario nazionale di Giovani Insieme in occasione della Festa della Repubblica. <<Serve trasmettere ai giovani – continua Lentino – quella necessità di Unità Nazionale che purtroppo negli ultimi tempi è mancata. Oggi occorre rifondare un patto tra generazioni per ridare slancio al nostro Paese e per salvaguardare quanto in passato sia stato conquistato, in tema di diritti, da parte dei cittadini>>. <<Dobbiamo fare in modo – conclude il segretario di Giovani Insieme – che l’Italia ritorni a credere nei suoi giovani e che quest’ultimi ritornino a credere nel loro Paese>>.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

10 anni dalla scomparsa di Anthony Quinn

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Venerdì 3 a partire dalle 21.00 su MGM (Sky – Canale 320) Fisico imponente e lineamenti ruvidi ne hanno fatto uno dei caratteristi più amati dalle Major hollywoodiane, tanto da costruirsi una lunghissima carriera da oltre 300 film e da 2 premi Oscar®. Ma a lanciare davvero Anthony Quinn nel firmamento delle star internazionali è in realtà un italiano, il maestro Federico Fellini, che lo dirige nell’indimenticabile La strada, in cui interpreta lo zingaro Zampano accanto a Giulietta Masina. Se la vita artistica di Quinn è stata particolarmente prolifica e movimentata, non da meno lo è stata quella privata, con tre matrimoni e ben tredici figli avuti dai 24 agli 81 anni. Circondato da un’immensa famiglia, in cui l’attore era visto come una sorta di patriarca, nel 2001 si è spento all’età di ottantasei anni.
MGM (Sky – Canale 320), a dieci anni esatti dalla sua scomparsa, lo omaggia dedicandogli una serata di grande cinema che lo vede protagonista. In prima serata, Orchidea Nera, pellicola prodotta da Carlo Ponti e diretta da Martin Ritt, che vede Anthony Quinn al fianco della nostra diva internazionale Sophia Loren. A seguire è il protagonista, insieme ad Anthony Franciosa, dell’action movie ambientato ad Harlem Rubare alla mafia è un suicidio, tratto da un romanzo di Wally Ferris.
ore 21.00: Orchidea nera (Black Orchid) di Martin Ritt con Sophia Loren, Anthony Quinn, Mark Richman, Ina Balin (1958) ore 22.35: Rubare alla mafia è un suicidio (Across 110th Street) di Barry Shear con Yaphet Kotto, Anthony Quinn, Anthony Franciosa, Burt Young (1972) (Anthony Quinn)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“L’Oréal Italia Per le Donne e la Scienza”

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Si è svolta la cerimonia di premiazione L’Oréal Italia per le Donne e la Scienza che, con la collaborazione della Commissione Nazionale per l’Unesco, anche quest’anno ha selezionato cinque giovani scienziate italiane assegnando loro una borsa di studio del valore di 15.000 ciascuna, a sostenere la loro attività di ricerca e il loro contributo al progresso scientifico.
Alla cerimonia, svoltasi presso la Sala di rappresentanza dell’Università degli Studi di Milano, hanno preso parte: Emma Bonino, Vicepresidente del Senato della Repubblica, Lara Comi, Deputata al Parlamento Europeo Gruppo PPE-DE e Vice-Presidente della Commissione IMCO, Enrico Decleva, Rettore dell’Università degli Studi di Milano,Roberto Formigoni, Presidente della Regione Lombardia, Giorgina Gallo, Presidente e Amministratore Delegato L’ORÉAL Italia, Fabiola Giannotti, Direttrice dell’esperimento Atlas del CERN, Giovanni Puglisi, Rettore dell’Università IULM e Presidente della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO e Umberto Veronesi, Direttore Scientifico dell’Istituto Europeo di Oncologia e Presidente della Commissione Giudicatrice delle Borse di Studio. Le cinque vincitrici si sono distinte tra quasi trecento candidature pervenute da tutta Italia per i loro progetti di ricerca nel campo delle Scienze della Vita e della Materia. Tra le ragazze premiate, la Dottoressa Roberta Censi, 30 anni, laureata nel 2006 in Chimica e Tecnologia Farmaceutica all’Università di Camerino con un dottorato di ricerca in Life Science conseguito nel 2010 all’Università di Utrecht in Olanda. Nel suo percorso ha svolto attività di ricerca anche presso gli Ospedali Universitari di Groningen ed Utrecht e presso l’Università di Gent, ha insegnato Veicolazione e Direzionamento dei Farmaci Biotecnologici all’Università di Camerino ed è autore di 20 articoli scientifici internazionali. La sua ricerca è diretta allo sviluppo di nuovi biomateriali per il rilascio controllato di proteine e per l’ingegneria di tessuti artificiali, tra cui la cartilagine. Insieme a lei sono state premiate: Silvia Alboni – farmacologa (Università di Modena e Reggio Emilia), Ilaria Cacciotti – ingegnere medico (Università degli Studi di Roma Tor Vergata), Chiara Gambardella – biologa (Università di Genova) e Agnese Ilaria Telloni – matematico (Università di Modena e Reggio Emilia).
“Il Premio L’Oréal Italia Per le Donne e la Scienza è tra i progetti che maggiormente sostengono la ricerca al femminile” – ha affermato il Professor Umberto Veronesi, Presidente della Giuria, durante la cerimonia di premiazione – “le giovani ricercatrici e in generale le nuove generazioni hanno bisogno del nostro aiuto e sono come sempre orgoglioso di partecipare a tale iniziativa perché credo nel futuro e in coloro che adesso fanno enormi sacrifici per garantire alle prossime generazioni una vita migliore.” (roberta, vincitrici)

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Economia e società aperta

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Milano martedì 14 giugno edizione 2011 di Economia e Società aperta, l’iniziativa di grande successo proposta qualche anno fa dall’Università Bocconi e dal Corriere della Sera sul grande tema della crescita economica, che in questi ultimi mesi, anche e soprattutto nell’ottica europea, vengono altrimenti definiti con il termine governance. Quali strategie per uscire dalla crisi? Come conciliare le esigenze di stabilità con quelle di crescita a sostegno dell’occupazione? Come affiancare alla governance europea comune sulla politica monetaria un vero e proprio coordinamento delle politiche economiche? Come evitare derive difficilmente gestibili come quelle dalle quali alcuni Paesi della zona euro non sono ancora riusciti ad uscire? (Matteo Fornara Direttore della Rappresentanza a Milano) (matteofornara)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Emilio Cianfanelli è il nuovo, riconfermato, Sindaco di Ariccia. È stato infatti ufficialmente proclamato Sindaco ieri mattina alle 10,00 presso la Casa delle Associazioni dal Presidente della Commissione elettorale centrale, consigliere Riccardo Audino del Tribunale di Velletri. Contestualmente sono stati proclamati i 16 consiglieri (10 di maggioranza e 6 di opposizione) che comporranno il Consiglio comunale di Ariccia in carica fino al 2016. (Daniele Ricca)

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riconferma sindaco di Ariccia

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Emilio Cianfanelli è il nuovo, riconfermato, Sindaco di Ariccia. È stato infatti ufficialmente proclamato Sindaco ieri mattina alle 10,00 presso la Casa delle Associazioni dal Presidente della Commissione elettorale centrale, consigliere Riccardo Audino del Tribunale di Velletri. Contestualmente sono stati proclamati i 16 consiglieri (10 di maggioranza e 6 di opposizione) che comporranno il Consiglio comunale di Ariccia in carica fino al 2016. (Daniele Ricca) (sindaco Ariccia)

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“La Primavera nei Campi Flegrei”

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Ad organizzare gli eventi, tutti autofinanziati, oltre quaranta soggetti tra associazioni, cooperative e imprese in collaborazione con l’Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo di Pozzuoli. Si tratta di manifestazioni culturali, enogastronomiche, musicali, sportive e di visite guidate ai monumenti ed ai siti ambientali dell’area flegrea. Ecco il programma:
Dal 1° al 15 giugno, calcio: “Torneo Città di Pozzuoli”, organizzato dal Csi di Pozzuoli ed aperto alle categorie giovanissimi ed allievi. Info: 081.3658812
Giovedì 2 giugno il Csi di Pozzuoli organizza la IX edizione di “Corriamo nel Mito”, gara podistica km 8 tra i laghi Averno e Lucrino. Info: 081.3658812 – 334.7717883
Sabato 4 giugno alle ore 17,30 all’Hotel Villa del Mare di Miseno l’Associazione “Delle Arti e dei Mestieri” e il Centro Studi G.r.e.n. presentano gli incontri-laboratori ispirati al best seller “La Profezia di Celestino” di James Redfield. Convegno: “Energia e materia: due facce della stessa medaglia” con Anna Manfredi e Mario Cama. Ingresso gratuito. Info: – 333.434 041

Domenica 5 giugno dalle ore 10,30 alle 14,30 a Baia, in pizza De Gasperi l’Associazione delle Arti e dei Mestieri e lo Studio Artistico ExE Art Project presentano Alter Bios: Expo di artigianato, arte, modernariato, collezionismo e antiquariato. Info: 339.1700591

Domenica 5 giugno l’associazione Pozzuoli Crea organizza “Kyme e il mistero della Sibilla”. Visita guidata teatralizzata agli Scavi di Cuma, con una messinscena in napoletano della Sibilla Cumana e Apollo (tratto da “Animula” di Anna Redi) e versi tratti dal VI libro dell’Eneide di Virgilio. Info: 329.9249349 – 3490965189
Domenica 5 giugno il Coni area flegrea presenta l VIII edizione della “Festa Nazionale dello Sport”. Info: 081.5266639 – http://www.infocampiflegrei.it. Domenica 5 giugno a Pozzuoli (Rione Terra), dalle ore 10,30 fino alle 12,30 con sospensione durante la celebrazione Eucaristica delle ore 11,00). L’associazione Nemea cura la visita alla Chiesa SS. Corpo di Cristo (il “Coretto”) al Rione Terra, dalle ore 10,30 alle 12,30. A richiesta, verrà presentato il percorso virtuale del Tempio-Duomo, nell’ambito del Movart (Museo Virtuale del Rione Terra). Info: 388.1127188
Tutti i giorni la Mediterraneo Service organizza visite guidate ai Campi Flegrei (Pozzuoli, Cuma, Baia e la Città Sommersa, Bacoli) per gruppi ed singoli con guide abilitate. Gli itinerari e i relativi appuntamenti si concordano rispetto alle esigenze degli ospiti. Info: 335.5237120 –
Tutti i giorni l’associazione Culturavventura.com propone tour a piedi, in canoa o in barca tra i miti dei Campi Flegrei e cibo-show dell’antica Roma in costume tipico. Orari: ogni ora dalle 11.00 alle 18.00 (i luoghi di partenza dipendono dal tipo di tour prenotato). Per info e prenotazioni obbligatorie: 339.4195725
Tutti i giorni (dalle 9,30 alle 12,30) il Centro Sub Campi Flegrei organizza, per i sub e non, “Pozzuoli: città sommersa porte aperte”. Partenza dal Lido Montenuovo in via Miliscola n. 157. Info: 081.8531563 (dalle 10 alle 13 e dalle 16,30 alle 20,30 tranne il martedì). Il programma completo è disponibile sul sito dell’Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo di Pozzuoli:
Tutti i giorni, per tutta la giornata, c’è l’iniziativa “Campi Flegrei Sott’Acqua”. In un territorio dove la natura sposa la storia e il bradisismo nasconde agli occhi “terrestri” le sue bellezze, GeaVerde offre la possibilità di scoprire il mondo sommerso mediante attività di Snorkeling ed escursioni subacque. In collaborazione con il Centro Sub Campi Flegrei. Per info e contatti : 3281429377 – – http://www.geaverde.it http://www.infocampiflegrei.it

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fisco, riscossioni e tutele contribuenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Crotone. In linea con quanto più volte denunciato in questi mesi sulla questione della riscossione dei tributi da parte del sistema nazionale vogliamo ribadire, a scanso di equivoci, che un sistema di riscossione coattiva efficiente ed uniforme su tutto il territorio nazionale rappresenta un valore per il Paese a condizione che i contribuenti possano contare sulle più ampie garanzie di tutela dei propri diritti. Su questa linea, il Presidente nazionale, Giorgio Guerrini, nonche Presidente di Rete Imprese Italia, ha dichiarato che “la maggiore efficienza messa in campo negli ultimi anni da Equitalia è frutto anche di un insieme di norme che, nel tempo, hanno dato maggiori poteri agli Agenti della riscossione. Poteri che devono essere rivisti e bilanciati assicurando ai contribuenti la tutela dei loro diritti”. Noi possiamo essere ben soddisfatti: questa problematica denunciata in tempi non sospetti da Confartigianato Crotone è arrivata tangibilmente sull’agenda di tutti i responsabili nazionali associativi e di governo e praticamente condivisa in toto. Infatti Il Presidente Guerrini auspica che su questa questione, sulla base delle prime indicazione fornite dal Ministro dell’Economia Giulio Tremonti, ci siano una serie di interventi già in sede di conversione del Decreto Sviluppo. In particolare, sollecita misure finalizzate ad incrementare il numero di rate in funzione della sostenibilità del loro importo, anche in relazione alla grave crisi finanziaria che ha colpito il sistema delle imprese, ad evitare il fermo amministrativo sui beni produttivi e, a determinate condizioni, ipoteche su beni primari come la casa di abitazione. “Bisogna evitare incrementi del debito insostenibili per le imprese attraverso una rimodulazione dell’aggio e scongiurando il rischio che si crei una sorta di anatocismo, eliminando pertanto dal calcolo degli interessi di mora quelli per ritardata iscrizione come pure le sanzioni”. Sempre in tema di riscossione coattiva, abbiamo avuto l’assicurazione che “l’immediata esecutività degli accertamenti in vigore dal prossimo 1° luglio sarà bilanciata dalla certezza per i contribuenti che decidono di ricorrere al giudice tributario di non anticipare somme che si possono rivelare a posteriori non dovute”. Sono risultati concreti che si aggiungono a quelli ottenuti sulla rateizzazione dei debiti, ma la nostra azione continuerà ed è mirata a diminuire tante spese accessorie e balzelli vari che hanno fatto diventare la riscossione dei tributi, pur dovuti, un reale freno allo sviluppo di un tessuto economico già gracile ed alquanto compromesso. (Salvatore Lucà)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Milano e Napoli liberate …vince il popolo italiano

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Che strano: in questo paese vincono tutti, ad eccezione del Partito Democratico, del Popolo della Libertà, del Terzo polo e della Lega Nord. Che amarezza vedere Bersani sorridere e aver il coraggio di dire che il centro sinistra si è riscattato, peggio ancora ascoltare le scuse banali dei leghisti e i proclami del Terzo polo: in questo paese gli unici vincitori sono gli italiani, il popolo stanco non della politica, ma dei partiti tradizionali, della loro oligarchia sia di destra che di sinistra. Ha vinto Niki Vendola, ha vinto Pisapia, ha vinto De Magistris; oltre al popolo, hanno vinto le novità, i singoli politici. Ci vuole coraggio a dire che il voto non è stata una conseguenza del governo, lo stesso governo che ha portato gli italiani allo sconforto totale. Cosa si poteva pretendere dai cittadini arrabbiati e delusi non solo dei governanti, ma anche di quelle rappresentanze sindacali allineate, pardon, riformiste, come diceva un certo Ministro, incapaci di dare battaglia su questioni vergognose come il congelamento degli stipendi per tre anni, l’aumento del caro vita, la riduzione di fondi alla difesa e sicurezza, il precariato, le odiose questioni personali del Premier che non importano a nessuno; per non parlare del degrado totale del Sud, relegato a viaggiare su reti e treni sporchi e vetusti, snervando i cittadini e bloccando i flussi turistici. Ma cosa hanno fatto per questo i politici siciliani in parlamento? Ce lo chiediamo tutti …
Così come siamo sbigottiti di una Palermo la seconda città del Sud, devastata dai rifiuti e con le coste trascurate, un Sindaco che non c’è, e una giunta antipatica a tutti i palermitani, siti culturali in totale stato di abbandono. Il vento di cambiamento del resto d’Italia in Sicilia non ha ben soffiato, ma anche qui prima o poi si mobiliteranno le coscienze. Cavaliere ma lei pensa che tutto questo non c’è lo siamo legati al dito? Aspettiamo il 2013 per rendervi conto del vostro operato. (Girolamo Foti)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione della Milanesiana

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Milano. Lunedì 6 giugno alle ore 12 a Palazzo Isimbardi nella sala degli Affreschi si svolgerà la conferenza stampa di presentazione della Milanesiana. Anche quest’anno, per la quinta volta, la Commissione europea partecipa al Festival La Milanesiana, Letteratura Musica Cinema Scienza. Alcuni eventi de La Milanesiana 2011 saranno organizzati in collaborazione con la Rappresentanza a Milano della Commissione europea, attraverso l’interpretazione e le parole di artisti di altissimo livello.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’ex pm conquista i voti dei napoletani

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

De Magistris riporta al voto il 18,6% degli elettori che al primo turno era rimasto a casa. Trattiene il 61,8% dei voti di Morcone e il 25,3% di quelli di Pasquino. Lettieri, invece, riporta al voto solo il 60,3% dei suoi elettori e perde il 34% verso l’astensione Per il 60% dei napoletani De Magistris rappresenta il cambiamento e per il 59% è un sindaco migliore di Lettieri. È qui, in queste due semplici cifre registrate poco prima del voto, una delle spiegazioni del risultato al ballottaggio. L’ex pm ha saputo cogliere e rispondere all’esigenza di cambiamento della città. Ha saputo incarnare il senso di pulizia e di nuovo modo di stare in politica, di cui Napoli avvertiva il bisogno. La conferma di questa capacità si riscontra, anche, osservando i dati dell’avversario: al ballottaggio è rimasto a casa il 34% di quanti, al primo turno, avevano scelto Lettieri. Altro elemento indicativo è il comportamento di chi non aveva votato al primo turno. Il 25,2% ha deciso di votare al ballottaggio: il 18,6%, di questi, ha scelto De Magistris, mentre il 6,6% ha optato per Lettieri. L’analisi dei flussi di voto tra il primo e il secondo turno e quelli tra le regionali del 2010 e oggi, chiariscono ulteriormente quanto è accaduto nel capoluogo partenopeo. Il primo dato evidente è la tenuta di De Magistris rispetto al proprio elettorato: l’86% di quanti lo aveva votato al primo turno, lo ha fatto anche al ballottaggio. L’ex pm, inoltre, ha avuto pochi voti in uscita: lo 0,8% verso Lettieri e il 13,2% verso l’astensione. Il quadro del candidato di centrodestra non appare altrettanto solido. Lettieri ha avuto la riconferma dal 60,3% degli elettori del primo turno, mentre ha dovuto registrare un’emorragia di preferenze verso l’astensione (34,1%) e anche una piccola quota di fuga verso De Magistris (5,6%). Il dato finale, tuttavia, non è stato determinato solo dal comportamento del proprio elettorato di riferimento, ma è stato generato dai flussi di voto che sono transitati dagli altri candidati in corso al primo turno. L’ex pm è riuscito a fare il pieno nell’area degli elettori di Morcone (61,8%). Da questa vasta area, infatti, solo il 2,6% ha traslocato su Lettieri, mentre il 35,6% ha preferito astenersi. Gli elettori di Pasquino, a maggioranza, hanno preferito astenersi (64,7%). Tra quanti hanno deciso di votare al ballottaggio, il 10% ha scelto il candidato di centrodestra, mentre il 25,3% ha preferito l’ex pm. Per avere il quadro complessivo della situazione politica napoletana, è utile analizzare anche i flussi di voto e i mutamenti avvenuti nel corso dell’ultimo anno, rispetto alle elezioni regionali del 2010. Il candidato del Pdl, Stefano Caldoro, a Napoli aveva preso il 49,31% dei voti, mentre De Luca il 46,5%. Rispetto all’anno scorso la geografia elettorale è mutata in modo decisivo. Al ballottaggio hanno votato per Lettieri il 72% di quanti, nel 2010, avevano votato per il Pdl, mentre il 18% ha optato per De Magistris e il 10% si è astenuto. L’ex pm, per parte sua, ha riconquistato l’89% di quanti nel 2010 avevano votato per il Pd, mentre solo il 4% è transitato sul candidato di centrodestra e il 7% si è astenuto. Significativo, in questo quadro di mutamenti, analizzare il comportamento di voto degli elettori dell’Udc e dell’Udeur di Mastella. La maggioranza degli elettori del “Campanile” ha scelto l’astensione (65%), mentre il restante 35% si è equamente diviso tra i due contendenti. Gli elettori di Casini, invece, si sono schierati nettamente. Il 65% dei napoletani che, nel 2010, aveva votato per lo scudocrociato 2 centrista, ha dato il proprio voto a De Magistris, mentre solo l’11% ha optato per Lettieri e il 24% si è astenuto. La geografia elettorale napoletana, con le comunali e nonostante i venti anni di governo di centrosinistra, ha segnato una sorta di ricompattamento. Nonostante il basso, bassissimo livello di fiducia nella Jervolino, l’elettorato napoletano sembra essere rimasto, a maggioranza, di centrosinistra. Il quadro elettorale della disfida del 2011, infatti, porta alla luce alcune considerazioni finali:
a. Lettieri non è riuscito a convincere la base elettorale pidiellina, non l’ha saputa compattare e riportare al voto. Non è riuscito, inoltre, a instaurare un dialogo costruttivo con l’opinione pubblica moderata locale e non ha saputo fiaccare la base elettorale del centrosinistra. Anzi, con l’onnipresenza berlusconiana ha rischiato di riattivare il senso di identità dell’elettorato di centrosinistra locale, offrendo materiale per il suo ricompattamento
b. De Magistris ha, invece, giocato fino in fondo la sua chance da outsider, riuscendo a incarnare quel bisogno di nuovo, di fuori dai giochi e dagli schemi, che ha mobilitato l’elettorato di centrosinistra al primo turno (anche se in modo separato e diviso) e ha ridestato la voglia di vittoria di questo elettorato al secondo turno, riportando al voto anche una parte di quanti, al primo turno, si erano disinteressati della competizione elettorale.
c. Il ballottaggio, infine, si è sviluppato, fino in fondo, come uno scontro di personalità. Un duello in cui la capacità evocativa e mobilitativa dell’ex pm è risultata ampiamente più motivante dell’avversario. Quest’ultimo, infatti, proprio nel rush finale, non ha saputo catalizzare quanto già acquisito al primo turno e, probabilmente, non gli è giovato (o forse, addirittura lo ha danneggiato) l’arrivo di Berlusconi in chiusura di campagna.
I flussi di voto sono stati calcolati sulla base dei dati relativi a 1.500 interviste con maggiorenni residenti nel comune di Napoli realizzate da SWG con metodo CATI/CAWI nell’aprile 2011 e 2.500 interviste con maggiorenni residenti nel comune di Napoli realizzate da SWG con metodo CATI/CAWI nel periodo tra il primo e il secondo turno delle elezioni comunali

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Referendum, censurata arroganza governo

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

“Questa volta le furberie alle spalle degli italiani non passano. La Cassazione censura l’arroganza del governo e riconsegna nelle mani dei cittadini il diritto a decidere sul nucleare e del proprio futuro”. Il Comitato ‘Vota Sì per fermare il nucleare’, oltre 80 associazioni a favore del referendum contro il ritorno all’atomo, plaude alla decisione della Corte, che “ha arginato i trucchi e gli ipocriti ‘arrivederci’ al nucleare e ha ricondotto la questione nell’alveo delle regole istituzionali, contro l’inaccettabile tentato scippo di democrazia”. Secondo le associazioni “oggi ha vinto lo spirito democratico e referendario, hanno vinto gli italiani, che potranno esprimersi e cacciare definitivamente lo spettro del nucleare dall’Italia. Il 12 e 13 giugno tutti al voto contro il nucleare e per l’acqua pubblica.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Farmaci: liberalizzazione fascia C

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

1,6 miliardi di euro risparmiati dai cittadini, 3.545 nuove aziende create, 7.470 nuovi occupati: questo è il bilancio dopo cinque anni dal decreto Bersani sui farmaci d’automedicazione. “Liberare risorse intellettuali e rimuovere gli ostacoli alla concorrenza sono le uniche strade percorribili dall’Italia in questo periodo di crisi. Per tornare a far crescere il Paese non ci sono altre vie, e i dati incontrovertibili sulla liberalizzazione dei farmaci da banco rappresentano il limpido esempio di cosa si può ottenere con riforme che guardano solo all’interesse generale”.
Adiconsum, Cittadinanzattiva, Federconsumatori, Movimento Consumatori e Movimento Difesa del Cittadino invitano le forze politiche, al di là dei diversi schieramenti, ad abbandonare i molteplici tentativi di bloccare queste riforme e, al contrario, a rilanciare il processo di liberalizzazione. I risultati ottenuti con la nascita delle parafarmacie potrebbero essere notevolmente incrementati se fossero liberalizzati anche i farmaci con obbligo di ricetta medica non dispensati in regime di S.S.N. (fascia C). Le previsioni ci dicono che sarebbero possibili risparmi per oltre 250 milioni di euro, 8-9000 nuovi occupati, 3500-4500 nuove aziende e circa 700 milioni di euro investiti con ricadute importanti anche in altri settori. L’Italia non si può permettere di perdere queste opportunità e non si può permettere di perdere il treno dello sviluppo economico. Con le liberalizzazioni anche le farmacie sono entrate in un’ottica di confronto concorrenziale e di creazione di nuovi servizi ai cittadini. Qualsiasi legge che dovesse mettere in discussione le norme che hanno permesso di ottenere questi risultati troverà la forte contrarietà delle associazioni dei consumatori. In un periodo di recessione economica in cui anche l’Italia è a rischio non si può più perdere tempo, è necessario abbandonare logiche protezionistiche e agire sulle leve “intelligenti” della concorrenza per dare nuove speranze ai giovani. Un italiano su quattro, ci dice l’Istat, è a rischi di povertà: non si può continuare a fare finta di niente. Il Parlamento non può continuare a perdere tempo cercando di cancellare le riforme che più hanno portato benefici ai cittadini. Ora è necessario rilanciare sul farmaco, allargando la liberalizzazione ai medicinali con obbligo di ricetta medica, sempre garantendo la presenza di un farmacista per dare le giuste informazioni ai cittadini.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Referendum sul nucleare

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

La Corte di Cassazione con la sua decisione ha sventato l’imbroglio tentato dal Governo e restituito la parola ai cittadini sulla scelta del ritorno al nucleare. Con il trucco della moratoria Berlusconi ha cercato inutilmente di far fallire l’appuntamento referendario. Il 12 giugno gli italiani invece potranno, votando sì, fermare definitivamente un nucleare obsoleto, costoso e pericoloso come quello che il centrodestra vorrebbe imporre al nostro Paese. Ma il sì al referendum per i vercellesi vale doppio visto che la nostra è la Provincia più nuclearizzata d’Italia per la presenza delle scorie: votare sì significherà dire chiaramente che le scorie a Saluggia non devono più rimanere e che bisogna quanto prima individuare il sito del deposito unico nazionale dove poterle collocare in tutta sicurezza. Lo dichiara l’On. Luigi Bobba.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I genitori bocciano le mense scolastiche

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

L’anno scolastico si sta concludendo, è tempo di pagelle, e i genitori danno i voti alle mense scolastiche dei propri figli. Per la maggioranza dei votanti all’instant poll (57%) le mense non raggiungono la sufficienza: un terzo vorrebbe che i pasti fossero cucinati all’interno della mensa invece che da cooperative esterne, e magari elaborati con la consulenza di un nutrizionista (9%). Cresce poi la domanda di cibi biologici e del territorio: la presenza di questi prodotti sulle tavole dei ragazzi a scuola è giudicata inadeguata da circa il 23% dei votanti. Questi alcuni dei risultati dell’instant poll (ancora on line: si può ancora votare) proposto dal sito di alimentazionemelarossa.it con la collaborazione di mammablog.it e genitori.it. Tutto male, dunque? Non proprio: secondo i votanti esistono evidenti aree di eccellenza, se oltre un quarto dei votanti giudica ‘ottimo’ il servizio offerto nelle scuole. E’ particolarmente apprezzata l’attenzione con cui si cerca di soddisfare le esigenze dei bambini con intolleranze o patologie particolari, così come la presenza di frutta e verdura di stagione. I risultati aggiornati del sondaggio – che non pretende di avere un valore assoluto, ma che indica una tendenza – sono consultabili sul sito http://www.melarossa.it, realizzato con la supervisione scientifica della Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione. Il sito, completamente gratuito e senza pubblicità, è in grado di elaborare diete con un data base di 435 diverse diete settimanali, per un totale di 3045 menù giornalieri, sulla base delle indicazioni fornite dai LARN (Livelli di assunzione Raccomandata di Energia e Nutrienti per la Popolazione Italiana, prodotto dall’Istituto Nazionale di Ricerca su Alimenti e Nutrizione, in collaborazione con la Società di Nutrizione Umana), dando quindi anche una adeguata rilevanza alla qualità degli acidi grassi (limitando l’apporto di acidi grassi saturi) e del rapporto tra proteine animali e vegetali.

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arrestato Beppe Signori per calcio scommesse

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Anche l’ex capitano della Lazio Beppe Signori sarebbe coinvolto nell’indagine sul calcio scommesse condotta dalla squadra mobile della Questura di Cremona e coordinata dal Servizio centrale operativo della Polizia di Stato. Sedici gli arrestati, tra cui ex giocatori di serie A, calciatori di serie minori ancora in attività e dirigenti di società. L’accusa è di aver influenzato, negli ultimi mesi, il risultato di alcuni incontri dei campionati di serie B e di Lega Pro. Tra le persone arrestate ci sarebbe anche l’ex campione biancoceleste Beppe Signori, per il quale sarebbero stati disposti gli arresti domiciliari. Coinvolto anche Stefano Bettarini, ex marito di Simona Ventura e Cristiano Doni, capitano dell’Atalanta. Unanime lo sdegno dell’opinione pubblica verso una retata che ha fatto tremare il mondo del calcio. Rammarico è stato espresso da Giuliano Girlando, responsabile per la Giustizia dell’Italia dei Diritti: “Si è chiusa con questa condanna una delle pagine peggiori dello sport italiano, in particolare del calcio”. “Una vicenda – incalza l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro – che qualcuno ha cercato di affossare, tentando di incrinare la validità dell’inchiesta attaccando l’operato della magistratura. Troppo comodo”. “Purtroppo – continua Girlando – il mondo del pallone è uno specchio dell’Italia, e riflette una corruzione dilagante. Ne risentono anche quelle discipline che, in realtà, non dovrebbero avere nulla che vedere con la corruzione morale del paese, come appunto il calcio”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »