Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Venezia: festa del redentore

Posted by fidest press agency su martedì, 5 luglio 2011

Chiesa del Redentore in Venezia.

Image via Wikipedia

Venezia 16 luglio 2011 “Uno scenario unico : il bacino di San Marco, dove si riflettono il Palazzo Ducale, la chiesa di San Giorgio e le colonne di Marco e Todaro. Il tutto rischiarato a giorno da un’ora ininterrotta di fuochi d’artificio. Basterebbe questo spettacolo grandioso a fare del Redentore la festa più bella del mondo, la più folcloristica, la più romantica, invece è solo l’antipasto di una manifestazione indimenticabile. E’ probabilmente la ricorrenza più amata dai veneziani, che ancora oggi vivono la notte dei foghi come un appuntamento liberatorio in ricordo di quel lontano 1577 in cui Venezia uscì da una delle più gravi epidemie della storia, la peste. La leggenda vuole che il morbo sia stato diffuso da topi infettati dalle pulci, scesi dalle galeazze veneziane che in quei tempi facevano da corrieri commerciali tra Venezia e l´Oriente. Nella sola Venezia, in meno di due anni, le vittime furono più di 50000. L’incubo finì nel 1577 e la terza domenica di luglio il Doge Sebastiano Venier, finalmente poté proclamare che la città era libera dal contagio. In pochi giorni fu costruita una chiesa provvisoria in legno per celebrare la fine della peste, e fu realizzato un ponte di barche per collegare la Giudecca con la riva opposta, per le solenni funzioni di ringraziamento. Queste le motivazioni storiche e religiose di una festa che però oggi ha un sapore differente. Oggi il motivo religioso è passato in second’ordine perché per i veneziani Redentore vuol dire ritrovarsi con la famiglia o gli amici in barca, ‘mangiare saor’, ballare e cantare aspettando l’esplosione dei fuochi. Per l’occasione il canale viene chiuso alla navigazione e lintera laguna fra Venezia ed il Lido, brulica di barche cariche di veneziani e turisti che festeggiano mangiando piatti tipici, dando vita, probabilmente al più grande party in acqua del mondo. Yacht elegantissimi si affiancano ai pupparin, imbarcazioni da diporto, usate un tempo come barca de casada, gondole e barconi addobbati a festa con luci e frasche colorate. Le vivande e i bicchieri vengono passati da una barca all’altra, di mano in mano, mentre lungo le rive della Giudecca, inizia la cena di gala dei vip. I tavoli, a due passi dall’acqua, indossano i loro migliori vestiti.. La festa però non si esaurisce la sera perchè il giorno dopo c’è la sentitissima regata alla veneta delle gondole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: