Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

«Dio vi ha visitate. Povera Lucia!»

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 luglio 2011

Lettera al direttore. (Promessi sposi Cap. V)Si pensi ad un padre di famiglia, un amorevole padre di famiglia, che assesti un potente pugno sulla testa del figlioletto innocente. La madre spaventata, sorpresa, angosciata: “Perché, marito mio, hai fatto questo?”. E lui: “Volevo mettere alla prova lui e te, per avere testimonianza della vostra fiducia in me”. Oppure ad un padre che potendo aiutare il figlioletto che sta per cadere dalle scale, lasci che ruzzoli giù. Stessa domanda da parte della povera mamma, stessa risposta da parte del padre. Un mondo folle, irragionevole. Eppure la follia di quel padre, senza sapere d’essere blasfemi, la si attribuisce tranquillamente al buon Dio. Antonio Socci, in un suo libro, trascrive come perla preziosa la seguente letterina: “Caro Antonio, sono rimasta molto colpita da quanto è successo a Caterina. Me lo spiego solo con il fatto che il Signore sta mettendo molti alla prova, forse per avere testimonianza di vera fede e per vagliare il cuore di chi si dice cattolico”. Andatelo a dire a tutte quella mamme addolorate che hanno i figli negli ospedali, oppure che i figli li hanno persi per sempre. Andateglielo a dire. Ovviamente mi auguro con tutto il cuore che i medici (non il buon Dio che non c’entra davvero) riescano a portare Caterina a completa guarigione. (Attilio Doni)

2 Risposte a “«Dio vi ha visitate. Povera Lucia!»”

  1. aldocannav said

    @ Attilio Doni
    La sofferenza fà parte della vita terrena e per chi è credente in qualsiasi religione è considerata come prova. Chi è di fede debole si ribella al creatore che la permette.Chi crede sinceramente la accetta come mezzo di redenzione,sapendo che la vita terrena è provvisoria,che Dio è amore e darà a ciascuno nella vita eterna la sua giusta retribuzione.Chi più ha sofferto più sarà ripagato,per l’eternità. Mi dispiace per chi non ha il dono della fede perchè non sarà mai in grado di accettarla,nè di darsene una spiegazione.

  2. Maurizio said

    Vabbuò, mettiamola così, chi vuol credere in questi termini liberissimo di farlo ma eviti di catechizzare chi non la pensa allo stesso modo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: