Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Europa: flussi migratori

Posted by fidest press agency su domenica, 10 luglio 2011

I flussi migratori non giustificano la reintroduzione dei controlli alle frontiere Il sistema di Schengen è stato recentemente messo sotto pressione, con alcuni Stati membri che, di fronte l’improvviso afflusso di immigrati dal Nord Africa, stanno valutando l’opportunità di ripristinare i controlli alle frontiere nazionali. Il 24 giugno, il Consiglio europeo ha invitato la Commissione a presentare a settembre una proposta sull’introduzione di un “meccanismo di salvaguardia” per far fronte a “situazioni eccezionali”. Il Parlamento europeo sottolinea che l’attuale Codice frontiere Schengen prevede la possibilità di reintrodurre controlli alle frontiere interne “solamente in caso di minaccia grave per l’ordine pubblico o la sicurezza interna”. Invita la Commissione a presentare un’iniziativa volta a definire la “rigorosa applicazione” delle disposizioni vigenti da parte degli Stati membri, insistendo sul fatto che qualsiasi nuova deroga, ad esempio ulteriori motivi per il ripristino dei controlli di frontiera, “non avrebbe sicuramente l’effetto di rafforzare il sistema Schengen “. Secondo i deputati, i recenti problemi emersi in relazione a Schengen “sono radicati nella riluttanza ad attuare politiche europee comuni in altri settori”, in particolare un regime europeo comune in materia di asilo e migrazione. Si chiede, quindi, di realizzare progressi a tale riguardo, considerando che il termine per la creazione di un regime europeo comune in materia di asilo è fissato al 2012.
Il nuovo meccanismo di valutazione Schengen, attualmente discusso in Parlamento, farà parte della risposta a questo problema, nella misura in cui “assicura un monitoraggio efficace di qualsiasi tentativo di introdurre controlli illegali alle frontiere interne e rafforza la fiducia reciproca”. I deputati hanno inoltre ricordato che l’efficacia del meccanismo di valutazione dipende dalla possibilità di applicare sanzioni qualora le carenze persistano e siano tali da mettere a rischio la sicurezza globale dello spazio Schengen; Il nuovo meccanismo di valutazione di Schengen permetterà di chiedere e di ottenere sostegno per gli Stati membri in caso di pressione eccezionale alle frontiere esterne dell’Unione europea.
Il Parlamento raccomanda vivamente una maggiore solidarietà nei confronti degli Stati membri esposti al più forte afflusso di immigrati, al fine di aiutarli ad affrontare questa situazione straordinaria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: