Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 4 agosto 2011

(Fidest) Autovie venete: esodo estivo

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 agosto 2011

Bollino nero per tutto il week end Si preannuncia all’insegna del grande traffico anche questo fine settimana su tutta la rete autostradale Autostrada A4 e  A23 sotto pressione da venerdì 5 a domenica 7 agosto, con tempi di percorrenza molto superiori alla media,  lunghe attese ai caselli, forti rallentamenti in prossimità delle interconnessioni tra A4, A23,  A57 e A28.  Prudenza, massima attenzione e rispetto delle norme del Codice della strada le parole d’ordine per un viaggio senza problemi. Per chi è diretto in Slovenia, Autovie Venete ricorda che l’acquisto delle vignette può essere effettuato nelle aree di servizio di Bazzera Sud, Calstorta Sud, Fratta Sud, Gonars Sud, Duino Sud e Nord, Zugliano Est L’incremento del traffico, iniziato già da oggi (giovedì 4 agosto), proseguirà durante tutto il fine settimana, con elevati picchi di transiti venerdì 5, a cominciare dalla prime ore del mattino.  Tutta la A4, in entrambe le direzioni di marcia, sarà interessata da code e rallentamenti. I nuovi arrivi di turisti aumenteranno i transiti in direzione Trieste, con le maggior criticità previste  nei tratti compresi fra il Passante di Mestre e San Donà di Piave, Latisana e nodo di Palmanova, nodo di Palmanova e Trieste Lisert. I primi rientri di chi le vacanze le ha già fatte, invece, renderanno più intenso il flusso in direzione Venezia, soprattutto nei tratti Villesse – San Giorgio di Nogaro, Latisana- San Donà di Piave, oltre che * come sempre * in tutti i principali caselli della rete:  Latisana , San Donà di Piave, San Stino di Livenza, Portogruaro e alla barriera a Trieste Lisert. Traffico super intenso e concentrato soprattutto nel tardo pomeriggio, anche sulla  A23 Palmanova Udine sud,  in entrambe le direzioni di marcia. Possibili code al casello di Udine Sud e continui “stop and go” lungo tutto l’asse autostradale, ben oltre la confluenza tra A4 e A23. Traffico sempre molto sostenuto, e ancora in aumento,  è previsto per tutta la notte fra venerdì 5 e sabato 6 agosto, la giornata a maggior criticità. Per questo il Ministero dei trasporti ha esteso il divieto di circolazione ai mezzi pesanti che non potranno quindi viaggiare dalle ore 16,00 di venerdì 5 agosto fino alle 23,00 di sabato 6. Circolazione consentita fra le 23 di sabato 6 e le sette del mattino di domenica, vietata, invece dalle sette del mattino di domenica fino alle 24,00. Le condizioni del traffico, sabato 6 agosto, saranno analoghe a quelle del giorno precedente, ma con un’intensità di transiti superiore e quindi con rallentamenti e code sia in A4, lunghi tempi di attesa al Lisert e ai principali caselli. Ancora più forte, rispetto al venerdì, il traffico sulla A23 Palmanova Udine Sud: sostenuto in direzione Palmanova, critico in direzione Tarvisio. Possibili code al casello di Udine Sud e al nodo con la A4. Circolazione difficile anche domenica 7 agosto, salvo una miglior fluidità in caso di condizioni metereologiche non positive. In questo caso, infatti, scendono i transiti dei pendolari diretti alle località balneari.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una favola sul Lago

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 agosto 2011

Riva del Garda (TN) 27 agosto 2011 alle 22 appuntamento sulla terrazza del Lido Palace per la magica “Notte di Fiaba”, sotto un cielo illuminato dai fuochi d’artificio. Sarà lo spettacolo pirotecnico sul lago, che accenderà la riviera in una suggestiva esplosione cromatica. Per diventare protagonisti della favola non resta che una location all’altezza, che sia davvero regale. L’Hotel Lido Palace di Riva, un tempo buen retiro dei reali d’Asburgo e da poco tornato a nuova vita dopo un accurato restauro, si affaccia sull’immenso specchio d’acqua e sorge in uno splendido parco con alberi secolari. Al suo interno una lussuosa Spa all’avanguardia, Centoundici (CXI), di 1500 metri quadrati in cui si usano prodotti cosmetici esclusivi come il Brand Super Prestige Kanebo-SENSAI, e due eleganti ristoranti, il “Tremani” e “Il Re della Busa”, magistralmente diretti dallo chef stellato Giuseppe Sestito. I cancelli del primo 5 stelle Lusso in tutto il Trentino, per questa occasione, si spalancheranno per far in modo che la fiaba si avveri! Il pacchetto, dal 26 al 28 agosto 2011, comprende due notti in camera doppia, prima colazione a buffet, la cena di sabato 27 agosto di tre portate più dessert con abbinamento vini incluso e una flute di champagne sulla splendida terrazza panoramica, a pochi metri da dove si svolge lo spettacolo pirotecnico (o dei fuochi d’artificio). Il costo della proposta è di 401 euro per persona.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manovra economica: flop governo

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 agosto 2011

Come preannunciato le sedute del Parlamento di ieri si sono risolte in flop. Nulla di nuovo da parte del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e altrettanto dalle opposizioni. Se qualcuno si aspettava l’indicazione di un programma, o meglio di un proclama, che ci avviasse ad uscire dalle secche nelle quali il Paese e’ arenato, si è sbagliato. L’opposizione si e’ lasciata andare tra lo show e le proposte che lasciano il tempo che trovano (governo tecnico o di unita’ nazionale). Eppure di cose da fare ce ne sarebbero ad iniziare dalle riforme per lo snellimento della burocrazia che gravano sulle imprese per 10 miliardi o le liberalizzazioni dei servizi pubblici e delle professioni. Non si fa perche’ la stragrande maggioranza dei parlamentari e’ legata a questo o quell’interesse che impediscono al Paese di decollare. Cosi’ la discussione verte sugli stipendi o sulle indennita’ dei parlamentari, come se chi ha interessi da tutelare dia importanza alle briciole rispetto al ricco banchetto delle lottizzazioni e degli appalti. Come e’ noto il fumo serve a coprire qualcos’altro, piu’ consistente. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prospettive di crescita

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 agosto 2011

Partiamo da un dato di fatto. L’anno in corso si è aperto con un rallentamento dell’economia mondiale. A trainare questo trend negativo sono stati gli Usa e il Giappone. Quest’ultimo per via del terremoto. Per contro le economie emergenti hanno continuato ad espandersi anche se talune di esse a ritmi meno sostenuti. Questo andamento non ha segnato modifiche sostanziali per tutto il primo semestre del 2011. Ma ad aggravare la situazione, agli inizi del secondo semestre, si sono messi di traverso i mercati finanziari che hanno risentito dell’accresciuta incertezza della ripresa internazionale e delle rinnovate tensioni del debito sovrano: vedesi Usa e Europa (area euro). Per l’Europa gli anelli deboli hanno risentito maggiormente di questo ciclone finanziario un po’ spinto da una bolla speculativa e un po’ per mancanza di una seria volontà politica di mettere i conti pubblici in ordine mettendo mano alla riforme strutturali. Le nazioni messe sotto tiro sono state nell’ordine la Grecia, il Portogallo, l’Irlanda, la Spagna e l’Italia. Per il nostro paese, che ha un debito pubblico da capogiro, i titoli sotto attacco sono stati quelli pubblici registrando un elevato differenziale tra il rendimento dei Btp decennali e quello dei corrispondenti titoli tedeschi. Ma questi titoli italiani che coprono il nostro debito chi li ha comprati? Sappiamo che sono stati gli investitori privati, le banche estere (quelle tedesche in particolare) e le banche domestiche. Ora se una parte di costoro decide di vendere è ovvio che gli effetti distorsivi sull’andamento delle quotazioni di fanno sentire. Ma perché vendono? Lo fanno per speculare sui differenziali quotativi: oggi vendo a 90 e ricompro ad ottanta e via di questo passo. Se ci fosse, invece, un calmieratore che a chi vende a 90 non lasci spazi alle speculazioni al ribasso è ovvio che il tentativo si sgonfierebbe sul nascere. Ma chi dovrebbe farlo? Non certo chi emette il titolo, per ovvie ragioni. Dovrebbero farlo le banche nazionali? A parte che il loro portafoglio è già pieno di tali titoli sia tenuti in proprio che venduti alla loro clientela, si troverebbero, semmai, a dover negoziare le stesse vendite dei loro clienti e lo farebbero rivolgendosi al mercato borsistico e, quindi, dilatando la svalutazione del titolo. Ci vorrebbe, semmai, una autorità internazionale che gestisca questi surplus facendosene garante e sottraendoli alla loro volatilità di mercato. In pratica chi vende sa che può contare sia nel rimborso dello stato che ha emesso il titolo sia da parte di un organismo superiore che funga da garante e disponibile ad acquistare tutte le eccedenze presenti sul mercato per stabilizzarne i prezzi. A questo punto i titoli tedeschi finirebbero con il valere quanto quelli italiani pur essendo, questi ultimi, in presenza di un debito pubblico rilevante. Ma l’Europa comunitaria, l’Europa dell’area dell’euro sarebbe capace di tanto? Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Politica: il salto nel buio

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 agosto 2011

Come avevamo previsto, e nessuna previsione è stata tanto facile, il presidente del consiglio ha fatto la sua dichiarazione al parlamento difendendo a spada tratta il suo governo e insistendo sul fatto che sino ad oggi ha operato bene a difesa dei valori nazionali. Un’altra previsione altrettanto scontata era la reazione dei mercati all’apertura odierna. Questo perché gli interventi delle opposizioni hanno lasciato forti dubbi coesivi. Casini, Bersani e Di Pietro erano lungi dal parlare allo stesso modo, lasciando intravedere un quadro politico molto incerto per il dopo Berlusconi tant’è che Casini nelle ore successive ha ribadito il concetto, condiviso dal terzo polo, che la leadership di Berlusconi potrebbe andare ancora bene se mettesse la “testa a partito” e incominciasse a passare dagli annunci e dalle promesse ai fatti.
Stando così le cose Bersani e compagni dovrebbero mettere il cuore in pace e pensare che non solo continueranno ad avere sino a fine naturale della legislatura l’attuale governo e il suo Presidente, ma si profila persino una rinnovata candidatura dello stesso Berlusconi. La Lega poi sarebbe da folli pensare che si spacchi al suo interno. Non dimentichiamo che tra Maroni e Bossi vi è un’amicizia consolidata nel tempo e che il solo pensare che vi sia un’aria di fronda tra i due è da politologhi fantascientifici. Semmai fanno il gioco del buono e del cattivo, già sperimentato nel passato, per far uscire allo scoperto gli scontenti.
Ciò che, invece, sembra passato in sottordine è quanto il presidente ha fatto presente che anche lui è in trincea considerato che ha tre società quotate in borsa. Cosa significa? Che lui cercherà di certo di metterle al riparo offrendo ai mercati le soluzioni più convenienti per far quadrare i conti. In altre parole si continueranno a colpire i ceti più deboli, ovvero le naturali vittime sacrificali ed è questa la mossa che oggi si accinge a fare Berlusconi incontrando le parti sociali. Dirà loro che si deve uscire dal pantano solo in un modo facendo più sacrifici e convincendo i “sudditi” che è l’unica strada per salvare il salvabile, ma non dice tutta la verità, ovviamente: per salvare lui intende le sue aziende. E il sistema paese? E’ solo un limone da spremere sino all’ultima goccia. Dopo lo si potrà buttare via con nonchalance. E il popolo “sovrano” è avvertito: è meglio andare in esilio, la monarchia non è più di moda. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »