Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Da che parte sta Berlusconi?

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2011

Berlusconi-comizio

Image via Wikipedia

Il discorso alla Camera, ha rappresentato il massimo del minimo ipotizzabile; praticamente il premier è riuscito a riempire oltre 30 minuti con una serie di affermazioni in grado di negare l’evidenza più sfrontata. Il mercato ha reagito mortificando la Borsa e con essa anche le speranze degli italiani. Un dato di deve far riflettere e riguarda proprio le aziende del cavaliere che sono in caduta libera, con il proprietario che dichiara ottimismo con tutti i 32 denti in bella vista. Mediaset oggi ha chiuso con il minimo storico del 2011 , pari a una quotazione di 2,54, con una perdita a fronte del massimo dell’anno pari ad una quotazione di 5,46, di oltre il 53%; negli stessi marosi anche le altre aziende quotate in borsa Mediolanum e Mondadori. La perdita di oltre il 53% sarebbe un salasso per chiunque e scoraggerebbe ogni faciloneria ottimistica; invece il premier insiste nella sua strada, che poi è quella che porta alla catastrofe per la gran maggioranza, ma all’esaltazione per i pochi che stanno profittando della situazione. Viene da chiedersi “da che parte sta Berlusconi?” Non agisce da presidente del consiglio per fronteggiare la gravità della situazione, ma si ostina a rimanere seduto su quella poltrona che gli permette di difendersi dai processi e neutralizzare qualunque attività che voglia invertire la rotta fallimentare attuale. In una crisi del genere la speculazione necessita di pochi personaggi, abilmente pilotati da una regia in grado di mantenere lo status quo per favorire le manovre speculative. Berlusconi sa bene di vivere il tramonto della sua avventura politica; in questo drammatico finale lui ride palesando un ottimismo senza ragion d’essere. Ma se perde così tanto con le sue aziende, allora guadagna da altra parte, dalla parte di quanti stanno moltiplicando i loro capitali a danno dell’intera nazione.La liquidità necessaria ad organizzare una manovra speculativa in Italia c’è, ed è in mano alle mafie, alle ’ndranghete, alle camorre e tutta la malavita organizzata oltre a quanti hanno profittato dello scudo fiscale; con liquidità del genere organizzare una speculazione diventa ordinaria amministrazione, quando si dispone di esperti che conoscono i metodi truffaldini (e di gente così il carnet telefonico del cavaliere è colmo). Così torna l’angoscioso domanda: “Da che parte sta il presidente del consiglio?” (Rosario Amico Roxas)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: