Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Cifre e servizi Rai

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2011

RAI Radiotelevisione Italiana logo from 2000 t...

Image via Wikipedia

Mentre l’economia italiana attraversa una crisi gravissima e la politica prende decisioni che peseranno sulle nostre spalle, con lo sfascio del sistema giustizia che si ripercuote sul rispetto stesso dei diritti umani, la Rai ha sospeso per tre mesi gli spazi di approfondimento e informazione politica.  Ci si è molto scandalizzati per i parlamentari che vanno in ferie mentre gli italiani subiscono la crisi. Solo ora si alzano alcune voci dopo che per mesi noi Radicali  siamo stati gli unici a denunciare la chiusura per ferie della Rai, che andati in vacanza i vari Floris, Vespa, Santoro & co non ha ritenuto di sostituirli, nonostante il canone di 1 miliardo e 685 milioni di euro che ogni anno paghiamo e i suoi 13.295 dipendenti, di cui 2.000 giornalisti.  Ma v’è di più.
Da anni tutta una serie di temi sono cancellati dalla realtà televisiva.  Prendiamo il debito pubblico: oramai ha sfondato il record di 1.900 miliardi di euro: in pratica ogni italiano, neonati compresi, ha 31 mila euro di debito. Ci ruba il futuro, impedisce investimenti in infrastrutture, asili, nuovo welfare. Ma da trent’anni neanche un dibattito televisivo in cui i diversi schieramenti siano costretti a spiegare al grande pubblico le loro proposte per ridurlo. (Mario Staderini)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: