Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 20 agosto 2011

Autostrade: traffico intensissimo

Posted by fidest press agency su sabato, 20 agosto 2011

bus bkk traffico

Image by LucaZ FeliXONE via Flickr

(fidest) A23 nel tratto Udine-Nord Palmanova e barriera di Trieste Lisert, in entrata, i punti della rete autostradale di Autovie Venete che hanno fatto registrare le maggiori congestioni nella giornata di sabato 20 agosto. Code costanti anche se a tratti, sulla A23, hanno caratterizzato tutta la mattinata e la prima parte del pomeriggio, con un picco di 18 chilometri fra le  11,00 e mezzogiorno.  Alle 17 e 30 l’incolonnamento era sceso a 3 chilometri, esaurendosi per le 18,00.  E’ cresciuto costantemente,  invece,  a partire dal primo pomeriggio il flusso di traffico in arrivo da oltre confine che ha interessato la barriera di Trieste Lisert dove, alle 17 e 30, la coda in entrata si sviluppava su 18 chilometri, intervallati da tratti a lento scorrimento. Pannelli mobili per la segnalazione di code (aggiornati man mano con la lunghezza) attivati a Duino, sulla costiera triestina e sul raccordo che dalla Slovenia raggiunge la barriera di Trieste Lisert. Traffico intensissimo sull’intera rete durante tutta la giornata di sabato e aree di servizio sempre affollate, con record di presenze a Zugliano Sud e Gonars Nord. Rallentamenti e code a tratti fra Villesse e Latisana si sono verificati in momenti diversi sia durante il mattino sia durante il pomeriggio. Il picco di traffico, fra San Giorgio e Latisana in direzione Venezia si è registrato fra le 8 e le 10 del mattino con quasi 3 mila transiti all’ora.  Nei momenti di maggior congestione, sui pannelli a messaggio variabile presenti sulla rete autostradale, venivano pubblicati i messaggi di “uscita consigliata” prima dei tratti a maggior intensità di traffico. Conseguenza immediata: l’incremento delle uscite ai caselli che precedevano la congestione e questo è frutto del diffondersi dell’uso dei navigatori. In questi casi, infatti, basta impostare un nuovo percorso selezionando l’opzione “escludi autostrada” per venir dirottati sulla viabilità ordinaria, per rientrare poi in autostrada in un tratto meno trafficato. Pochi, per fortuna, gli incidenti con lievi conseguenze per le persone, ma con inevitabili ulteriori rallentamenti della circolazione. Molto efficace si è confermata l’adozione di una misura già sperimentata con successo l’estate scorsa e riproposta, potenziata, quest’anno:  oltre alle 38 sedi di officine per il soccorso meccanico normalmente operative, grazie a un apposito accordo, sono  stati creati una serie di nuovi  “presidi” in corrispondenza dei caselli di Venezia Est, San Donà di Piave, Portogruaro, Latisana,  Palmanova, Villesse, Redipuglia e Udine Sud. In questo modo,  il tempo di intervento si è ridotto notevolmente e, di conseguenza, lo sgombero dei veicoli incidentati o guasti è avvenuto con maggior rapidità. Le temperature elevate registrate durante la giornata hanno fatto scattare anche la distribuzione di acqua,  alla barriera di Trieste Lisert, dove sono state distribuite oltre 10 mila bottiglie.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

World humanitarian day

Posted by fidest press agency su sabato, 20 agosto 2011

The UN headquarters in New York

Image via Wikipedia

Marking World Humanitarian Day this morning, top United Nations officials recognized the sacrifices made by humanitarian workers around the globe, but stressed that it was also critical to use the event to redouble efforts to help those currently suffering in the Horn of Africa and elsewhere. This year’s theme for the day was “People helping people”, said Ms. Amos, who was joined at a Headquarters press conference by Anthony Lake, Executive Director of the United Nations Children’s Fund (UNICEF). They said that a large focus of the Day’s events in 2011 would be mobilizing support for Somalia and other countries of the Horn of Africa suffering from severe drought and famine. On the African famine, the United Nations system and its partners was doing all that could be done, but were still not reaching enough people to prevent widespread death, she said, emphasizing that some 12 million people were at risk in Somalia alone. Despite the generosity of donors, $1 billion more were still needed. Whether by giving money, or by volunteering or by spreading the word, “we have to do all we can to help the people of the Horn of Africa”, she stressed.
Kenya and other countries in the region were not currently in crisis because they had been working with agencies on sustainability programmes, she noted. Donors should be encouraged to put more money into such resilience activity, with stronger links made between humanitarian response and development, and a focus on such preventive tactics as prepositioning aid. With so many children dying, all those activities had to be increased. In that context, Mr. Lake noted that the Food and Agricultural Organization (FAO) conference yesterday had published a list of actions that could be taken for adaptation to climate change. He emphasized, however, that in areas like north-west Kenya, pastoralists needed, not only better water supplies, but also education to allow them to make choices and avoid forced resettlement into irrigated agricultural areas.
Thus far, aid delivery had gone well in those areas, he said, paying tribute to the “extraordinary bravery of the people on the ground” from his organization, the International Committee of the Red Cross (ICRC), the Red Crescent and a number of other non-governmental organizations. Ms. Amos stressed the need to support the efforts of organizations that were able to deliver aid in such areas.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Democracy and Development”

Posted by fidest press agency su sabato, 20 agosto 2011

Flight over Manhattan, New York City

Image by meironke via Flickr

New York The New York Office of the United Nations Institute for Training and Research and the United Nations Democracy Fund are pleased to announce the launch of a panel on “Democracy and Development”, on Thursday, 1 September, from 10 a.m. to 1 p.m., at United Nations Headquarters in New York. This panel, intended for members of Permanent Missions to the United Nations in New York, will explore the links between democracy and development and ask whether democracy is a necessary element for economic development. This is a vast and complex issue where political rhetoric often supplants rational analysis. The objective of the panel is to eschew the rhetoric and concentrate on the analysis. In his guidance note on democracy, the Secretary-General makes the point that “development is more likely to take hold if people are given a genuine say in their own governance and a chance to share in the fruits of progress”. The issue will be investigated from both theoretical and case study approaches. There are in fact two massive ongoing case studies, which are the differing paths to development adopted by China and India. Both have enjoyed success, and it will be important to draw the lessons from these cases. The panel has distinguished commentators who will no doubt spark a lively debate. The panellists are Zhang Dan, Counsellor at the Permanent Mission China to the United Nations; Morton H. Halperin, a former United States diplomat and senior adviser to the Open Society Foundations, who co-wrote a book entitled The Democracy Advantage: How Democracies Promote Prosperity and Peace; and Roland Rich, a former Australian diplomat and current Executive Head of the United Nations Democracy Fund, whose most recent publication is Pacific Asia in Quest of Democracy. Yvonne Lodico, Head of the New York Office of the United Nations Institute for Training and Research (UNITAR) and former Special Adviser in Timor-Leste for democratic governance, will co-chair the panel discussion. The event should lead to understanding among the participants of the linkages between democracy and development and enable them to analyse the possible effects of different governance systems on economic development. http://www.un.org/democracyfund.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rights of the Palestinian People

Posted by fidest press agency su sabato, 20 agosto 2011

Map of Israel, the Palestinian territories (We...

Image via Wikipedia

The Bureau of the Committee on the Exercise of the Inalienable Rights of the Palestinian People is deeply alarmed by the upsurge in illegal Israeli settlement activity in the Occupied Palestinian Territory, including occupied East Jerusalem, since the beginning of August.
The Bureau strongly condemns these illegal and provocative acts by the occupying Power, undertaken with the aim to encircle and separate East Jerusalem from the rest of the Occupied Palestinian Territory behind a wall of settlements. They also cement Israeli control over the West Bank by fragmenting it in ways which would render a viable, contiguous and sovereign Palestinian State impossible to achieve in accordance with the two-State solution on the basis of the pre 1967 borders. The Bureau calls on Israel to immediately cease and reverse these unilateral actions, freeze all settlement activity in the West Bank and East Jerusalem, including the so-called “natural growth”, and dismantle outposts erected since 2001, obligations Israel undertook in accordance with the Road Map.
While welcoming the recent expressions of concern by the Quartet and other members of the international community, the Bureau calls for credible and decisive action to compel Israel to abide by its legal obligations and to protect Palestinian civilians under prolonged military occupation from the damaging effects of settlements and settlers. The Security Council and the High Contracting Parties to the Geneva Conventions bear a special responsibility in this regard.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

World press photo

Posted by fidest press agency su sabato, 20 agosto 2011

For the eighth consecutive year the United Nations is hosting the World Press Photo Contest winners, the world’s largest contest for photojournalists. This year’s exhibition contains 177 photographs related to 2010 news events from all over the world.
The international jury selected an image by South African photographer Jodi Bieber as World Press Photo of the Year 2010. The picture shows Bibi Aisha (on the left), 18, who was disfigured as retribution for fleeing her husband’s house in Oruzgan province, in the center of Afghanistan.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Banderas appeal

Posted by fidest press agency su sabato, 20 agosto 2011

Antonio Banderas, United Nations Development Programme (UNDP) Goodwill Ambassador, makes an heartfelt global appeal “to offer hope in the name of our common humanity” to the more than 12 million people across the Horn of Africa left in need by famine, drought, conflict and high food prices.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

(fidest) Sistema economico in prospettiva

Posted by fidest press agency su sabato, 20 agosto 2011

Il secondo semestre di quest’anno non è nato con buoni auspici. Deve registrare una perdita di slancio, sia pure lieve, di crescita da parte delle economie principali. Ciò non di meno gli osservatori economici restano ottimisti. Il “roseo” è visto soprattutto osservando l’andamento delle economie emergenti nonostante l’inasprirsi delle politiche monetarie e fiscali in corso in tali paesi. Ciò non di meno gli effetti della crisi finanziaria continueranno a farsi sentire offuscando le prospettive di un rapido miglioramento delle condizioni nel mercato del lavoro. Questo potrebbe portare delle fibrillazioni con ricadute sociali non indifferenti e con possibili moti di piazza. (come è già accaduto in Gran Bretagna e si teme in Germania) Ciò che scuote l’opinione pubblica è che le principali economie avanzate non riescono ad uscire dal tunnel delle indecisioni e a trovare una ricetta adeguata che riesca a sanare non tanto il contingente quanto a farlo in via stabile. La posta in gioco è grave. Esiste in breve la possibilità di tensioni per lo meno in alcuni segmenti di mercati finanziari, di nuovi aumenti dei prezzi dei beni energetici, di spinte protezionistiche e di una correzione disordinata degli squilibri globali.
E se i mercati borsistici sono il termometro della situazione finanziaria e industriale delle economie mondiali non si tratta tanto dell’euro o del dollaro statunitense sotto attacco quanto del fatto che mancano regole condivise per combattere le due maggiori insidie e capaci di generare continue fibrillazioni. Sono la “finanza creativa” e i “paradisi fiscali”. Se i governi si mettessero d’accordo e non ascoltassero le “sirene” dei banchieri off shore e degli imprenditori speculatori si potrebbe colpire alla radice questo stato di disagio e gli effetti distorsivi che provocano nelle economie nazionali. Ci accorgeremo, se non altro, restando ai fatti di casa nostra, che i miliardi di euro esportati clandestinamente dall’Italia sono di gran lunga superiori alle stime ufficiali. Parliamo, per lo meno di 500 miliardi di euro. Una cifra ingente e che se la impiegassimo al 25% per sviluppare la nostra imprenditoria e renderla competitiva nel mondo potremmo dire che avremmo di sicuro un nuovo e più formidabile slancio economico che si possa registrare nel mondo. Di certo non è servito e non servirà lo scudo fiscale e l’anonimato degli evasori per determinare una svolta significativa. Ci vuole qualcosa di più credibile a livello non di singolo paese ma della comunità internazionale. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Birmania: diritti umani

Posted by fidest press agency su sabato, 20 agosto 2011

Lac Inle Birmania

Image via Wikipedia

A quasi cinque mesi dalla costituzione di un governo civile in Birmania la situazione dei diritti umani nel paese del sud est asiatico è addirittura peggiore che durante la precedente dittatura militare. Questo è il bilancio critico che fa l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM), alla vigilia dell’inizio della visita del Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Birmania, Tomas Quintana, nello stato asiatico multietnico. I circa 2.000 prigionieri politici non sono ancora stati rilasciati e nelle regioni abitate da minoranze etniche più di 30.000 civili sono stati costretti a fuggire in seguito alle nuove offensive militari da parte dell’esercito. Le espropriazioni arbitrarie e violente dei terreni, gli stupri e il lavoro forzato fanno purtroppo ancora parte della vita quotidiana delle minoranze etniche in Birmania. Lo stupro è sistematicamente utilizzato dall’esercito come arma di guerra nelle aree abitate dalle minoranze e dalle altre nazionalità. Almeno 32 donne e ragazze del popolo Kachin sono state violentate dai soldati tra il 9 e il 26 giugno luglio 2011 nello stato Kachin. 13 vittime sono morte durante la violenza o uccise perché dovevano assistere agli stupri. Gli autori delle violenze provengono da cinque battaglioni differenti dell’esercito birmano. Nel villaggio di Bung Dum tre famiglie non sono riuscite a fuggire prima dell’arrivo dei militari. Sei ragazze e donne sono state violentate in gruppo dai militari, e sette bambini sono stati uccisi. Nell’insediamento di Je Sawn è stata uccisa una bambina di sette anni: subito dopo è stata violentata e uccisa la nonna. Una dodicenne è stata violentata di fronte a sua madre; quando questa ha cercato di proteggere sua figlia, è stata malmenata. Negli Stati federati Kachin e Shan almeno 31.700 abitanti di villaggi sono dovuti fuggire in seguito agli attacchi da parte dell’esercito. Nello Stato Shan l’APM ha potuto documentare numerosi saccheggi, arresti arbitrari, torture e casi di lavoro forzato. Abbiamo potuto registrare più di 50 attacchi massicci da parte dei soldati contro la popolazione civile nello Stato Shan solamente a partire dall’insediamento del nuovo governo avvenuto a metà aprile 2011. In questo periodo il governo aveva promesso di migliorare la situazione dei diritti umani, ma ora ha dimostrato le sue vere intenzioni: la nuova leadership in Birmania non è interessata a un cambiamento democratico, ma ad una escalation della guerra civile e della pulizia etnica. Secondo l’APM, i militari hanno ancora il pieno potere nello stato multietnico. Nel nuovo governo siedono infatti molti ex ufficiali dell’esercito. Hanno sostituito con delle elezioni farsa, una dittatura militare che ha governato per più di 20 anni.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sud Somalia malattie per i bambini

Posted by fidest press agency su sabato, 20 agosto 2011

Flag of UNICEF

Image via Wikipedia

Nairobi, Kenya, Necessaria una risposta urgente e multisettoriale per contenere la diffusione dell’epidemia di colera il cui numero di casi confermati continua a crescere vertiginosamente, soprattutto a Mogadiscio, e che sta causando sempre più vittime tra i bambini – il 75% sotto i 5anni- colpiti da diarrea acuta causata dall’acqua sporca. La scarsissima igiene, la carenza di acqua potabile, il sovraffollamento e gli alti tassi di malnutrizione sono la combinazione perfetta per malattie infettive come il colera e la polmonite, che innalzano così velocemente il numero di morti.
Il colera è endemico in Somalia, ma l’ultimo focolaio principale è stato nel 2007 con 67.000 casi. Negli ultimi anni, gli sforzi per “clorare” il rifornimento idrico di Mogadiscio e il grande lavoro svolto per migliorare l’igiene e i servizi igienico-sanitari hanno impedito ulteriori e gravi epidemie. Ma ora l’ emergenza rischia di far ricadere la situazione in un baratro: la carenza di acqua potabile e di servizi igienici adeguati, sommati all’afflusso di oltre 100.000 persone nell’ultimo anno a Mogadiscio, sta rendendo la situazione davvero precaria.
Per questo l’ UNICEF sta già distribuendo kit di emergenza per le malattie diarroiche costituiti da materiale sanitario come siringhe, infusi e sali per la reidratazione orale che permetteranno ai partner locali di curare fino a 100.000 casi di colera prevenendo il contagio di altri.
Altro grave problema che causa la diffusione di queste malattie, soprattutto nel sud della Somalia, è la presenza di pozzi poco profondi che quindi – a meno che non siano protetti o trattati con cloro – diventano un terreno di coltura perfetto per malattie di origine idrica.
Inoltre l’UNICEF ricorda che 100 tonnellate di alimenti terapeutici possono salvare la vita di 7.000 bambini con malnutrizione acuta grave: 15 kg di alimenti terapeutici sono sufficienti in media per le 4-8 settimane di terapia nutrizionale necessaria a salvare un bambino dalla morte e rimetterlo in buone condizioni fisiche, per un costo medio pari a 35,00 Euro. Si possono effettuare donazioni all’UNICEF: tramite:
c/c postale 745.000, causale: “Emergenza Corno d’Africa”;
carta di credito online su http://www.unicef.it, oppure chiamando il numero verde UNICEF 800745000;
cc bancario Banca Popolare Etica IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051“Emergenza Corno d’Africa”;
i comitati locali dell’UNICEF presenti in tutta Italia (elenco sul sito-web http://www.unicef.it).

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La “rappresaglia” di Israele (fidest)

Posted by fidest press agency su sabato, 20 agosto 2011

Gz-mapa

Image via Wikipedia

Oggi Il Sole24Ore titola in prima pagina “Israele. Razzi contro bus, 14 morti a Eilat. Rappresaglia su Gaza: 6 vittime”. La prima parte della frase e’ neutra, la seconda invece no, perche’ si usa la parola “rappresaglia”. Nella mente degli italiani il termine “rappresaglia” riporta alla seconda guerra mondiale, ed in particolare alle azioni dei nazisti contro la popolazione civile. Un termine che ha in se’ tutte le negativita’ attribuite. Inoltre, gli israeliani sono “morti” invece i palestinesi sono “vittime”. Nel caso di specie, ad una azione e’ corrisposta una reazione, se vogliamo mantenere l’asetticita’ dei termini. Oppure, si potrebbe titolare “Terroristi contro bus: 7 vittime e 26 feriti. Risposta israeliana: 6 morti.” Come si vede le convinzioni “politiche” degli editori e di giornalisti lasciano il segno. Noi vorremmo l’informazione sui fatti, per le opinioni ci sono appositi spazi dove chi scrive esprime la sua. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Another Zambia Is Possible

Posted by fidest press agency su sabato, 20 agosto 2011

Also on August 26-27 2011, the Zambia Social Forum (ZAMSOF) is organizing the local 6th Edition of the Zambia National Social Forum to take place in the Mtendere playing Grounds with high population density (Mtendere Community), in Lusaka, Zambia, where about two thousands people are expected. The Forum’s theme is Another Zambia is Possible. The main presentations of the first day will be on Governance and Climate Change, issues of concern for developing countries. Among plenary sessions and other activities, day one and two of the Forum will hold the following thematic tents:
Tent 1 – Global Financial / Crisis on SADC
Tent 2 – Universal Education
Tent 3 – Debt & Trade-Regional Integration
Tent 4 – Food Security & Land
Tent 5 – Gender & Women rights
Tent 6 – Youth
Tent 7 – HIV/AIDS & Health
Tent 8 – Governance & Human rights (Sexual Minorities)
Tent 9 – Social Services
Tent 10 – Indigenous peoples & Ethnic Minorities Rights
Tent 11 – Region & peacemaking
Tent 12 – Labour
Tent 13 – Media Arts and Culture
Tent 14 – Cross Borders
Tent 15 – Environment & Climate change
All the best,Gershom Kabaso Zambia Social Forum /Regional Cordinator for Southern Africa Regional.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »