Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 21 agosto 2011

“Battle born”

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2011

An enthusiastic crowd of more than 500 fans got to see outstanding performances on the stage, where all participating crews had to perform a six-minute show and were judged on synchronicity, stage presence, theme, music, choreography as well as b-boying moves. Easy Rock (Los Angeles), Lego (Miami) and Moy (Houston) could only give one group ticket to France for the winning crew. “Braun Battle of the Year US was an unbelievable competition. Just to beat The Squadron… It’s a definition of super crew, they are a bunch of spartans. We want to bring this back to the origins of BOTY: crew battles, crew shows, family. We will be trying to bring the title back to the US,“ say the lucky winners in a first statement. All night long the atmosphere was electric and whenever there were no shows or battles, everybody started battling themselves and forming “cyphers”. The competition format promised to show fierce battles, phenomenal athleticism, incredible flair and explosive group performances from the best b-boy collectives in the US. Even by Hollywood standards, the qualifiers promised to be pure box-office entertainment.
Thomas Hergenroether, organizer of the Braun Battle of the Year, break dancer since 1983 and founder of BOTY in 1990: “After three years break today’s event was a good foundation for the future. With Battle Born the right crew won, who will have to do a lot of practicing until Montpellier though to be able to battle it out against international competitors.” The event also featured stellar breakbeat and “old-skool” hiphop DJs. On the turntables: official Braun BOTY DJ Lean Rock (Boston), DJ Renegade (London, United Kingdom) and DJ Ervin (Los Angeles). The US qualifier was the first of five main Braun Battle Of The Year qualifiers (USA, Germany, Italy, BeNeLux and Middle East/Dubai) taking place this summer. The following week on August 27, German crews including 711, Flow Job and Battle Toys will slog it out for their chance at qualifying at an event at the Pavillon in Hannover. Results braun battle of the year qualifier Los Angeles
1. Battle Born – Las Vegas
2. The Squadron – Los Angeles
3. Gravity Benders – Milwaukee

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Investimenti e crescita

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2011

L’importanza degli investimenti è notoria. Le attività che non generano reddito, ad esempio, possono determinare un eccessivo sbilanciamento degli stessi investimenti. Questi ultimi per dirsi tali devono comprendere la crescita in termini reali del Pil, il tasso di deprezzamento del capitale e considerare alcuni fattori produttivi quali la redditività attesa. Esiste, quindi, un rapporto diretto tra investimenti e Pil che nell’area dell’euro nel 2010 ha raggiunto il 19,4% denotando il suo livello più basso dal 1995. Questo tasso d’investimento varia, ovviamente, tra i diversi paesi europei dell’area dell’euro. Spagna, Estonia, Cipro e Slovenia nel decennio precedente la crisi finanziaria del 2008 hanno aumentato sensibilmente i tassi d’investimento riflettendo in parte processi di convergenza con ampi afflussi di investimenti diretti esteri. Gli stessi paesi durante la fase di rallentamento ciclico, nell’ultima recessione, hanno registrato un calo dei tassi di investimento, dal momento che la domanda complessiva è diminuita, il costo del capitale è aumentato e la redditività si è contratta. Le conseguenze sono state automatiche determinando considerevoli correzioni al ribasso pari ad almeno 5 punti percentuali rispetto ai precedenti massimi.
Se andiamo ad analizzare i due settori principali che forniscono beni d’investimento sono il comparto delle costruzioni e quello delle attrezzature e dei macchinari. Nel 2010 – è detto in una nota della B.I. – le costruzioni hanno concorso per circa il 50% agli investimenti complessivi dell’area dell’euro e le attrezzature ed i macchinari per circa il 30%. Negli ultimi 15 anni la quota di investimenti totali in costruzioni è diminuita, mentre quella in attrezzature e macchinari è aumentata lievemente.” E ancora la B.I. a darci una misura in prospettiva del livello del rapporto investimenti/pil nell’area dell’euro e in diversi paesi membri e che vanno oltre gli indicatori di breve periodo per segnalare “un incremento del grado di utilizzo della capacità produttiva, la crescente produzione di beni di investimento e delle costruzioni e l’aumento dei nuovi ordini per i beni d’investimento” e per concludere che “gli investimenti in costruzioni potrebbero ancora risentire dei processi di aggiustamento in atto in alcuni paesi, mentre gli investimenti non residenziali dovrebbero recuperare terreno anticipatamente con maggior forza”. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Consumatori e prospettive economiche

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2011

La commissione europea in un recente sondaggio ha posto ai consumatori alcune domande sulle loro condizioni personali, sulle loro opinioni e su come prefigurano le prospettive economiche in generale. La risposta non è stata confortante in specie sull’andamento della disoccupazione, sulla situazione finanziaria personale e sul risparmio. Da ciò è stata tratta una riflessione partendo dall’attuale debolezza di consumi dei beni durevoli. Di certo hanno influito il peggioramento delle prospettive per l’occupazione, i redditi e la ricchezza. Le famiglie, evidentemente, devono aver adottato un atteggiamento di maggiore cautela nell’acquisto dei beni durevoli. Il giudizio, ovviamente, non è uniforme nell’area europea in quanto i governi di alcuni paesi hanno introdotto incentivi per incoraggiare i consumi di taluni prodotti. Prova ne è che appena gli incentivi sono rientrati anche i consumi si sono allineati al calo segnalato altrove. Non vi è dubbio che a scoraggiare i consumatori possono essere stati altri fattori come ad esempio l’aumento del prezzo. Si sa bene che per loro natura i beni durevoli tendono ad essere più costosi e questo significa che le famiglie potrebbero essere rimaste prudenti nell’impegno in spese ingenti durante le fasi di questa pur timida ripresa. In sintesi possiamo dire che la tendenza percepita è una persistente incertezza che condiziona le decisione di spesa delle famiglie, con possibili ripercussioni sui consumi e si presume che ciò non sia solo un effetto di breve durata. La risposta più ovvia dovrebbe essere quella di porre maggiore attenzione alla produzione industriale, (diversa dalle costruzioni) incentivarla se necessario, perché da essa possono derivare a cascata maggiori opportunità lavorative e più ricchezza per le famiglie. Questa capacità produttiva non si misura solo con l’iniziativa privata ma va supportata anche in altro modo potenziando le infrastrutture tecnologiche e viarie per favorire lo scambio delle merci al minor costo di trasporto e maggiore celerità nei trasferimenti. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manovra e risorse

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2011

Se riprendessimo la lettura dei vari comunicati che ci pervengono dove si evidenziano le possibili fonti di risparmio e possibilità di recuperare i soldi spesi in sprechi, in mancati controlli, in attività che generano indebiti introiti come il lavoro in nero e che provocano disquilibri competitivi e concorrenza sleale per le aziende che operano alla luce del sole, noi ci troveremmo con un “tesoretto” che andrebbe ben di là della somma richiesta con la presente manovra. Parliamo di qualcosa come 95 miliardi di euro.
Tutto questo, ovviamente, non si recupera se non con adeguate riforme strutturali sul mercato del lavoro, sulle attività imprenditoriali (reintroducendo, ad esempio, il reato in falso di bilancio), sulla sanità passando dall’assistenza universale alla “prevenzione universale” e, soprattutto, a potenziare i controlli sulle importazioni dai paesi che immettono in Italia prodotti taroccati e falsi.
Noi abbiamo da anni proposto alla Presidenza del Consiglio un dipartimento per il recupero delle risorse a costo zero e con personale costituito da ex-dipendenti ma competenti in materia e preposti ad individuare e a studiare ricerche e soluzioni adeguate. Pensiamo ad edifici costruiti e poi abbandonati, ad apparecchiature lasciate nei depositi e via di questo passo. E’ un percorso alquanto redditizio per le casse dello Stato e lo compravano le varie inchieste condotte da “striscia la notizia” e anche da numerosi servizi giornalistici e altre Tv. Perché, ci siamo spesso chiesti non si costruiscono altre carceri eppure risultano che vi sono degli stabilimenti penali costruiti e poi abbandonati, in corso d’opera, e lo stesso dicasi per ospedali e persino per una linea di metropolitana. Poi ci sono gli edifici abbandonati, ricettacoli di vagabondi e luogo privilegiato per la piccola criminalità, gli appartamenti sfitti compresi quelli sequestrati alla malavita, gli immobili non accatastati e via di questo passo. Da un primo sondaggio abbiamo potuto accertare che sarebbe stato possibile recuperare non meno di 100 milioni di euro alle casse dello stato e alle amministrazioni locali. La stessa rivisitazione di tutti gli uffici pubblici della Capitale male usati e persino inutilizzati in tutto o parzialmente porterebbero all’erario comunale e provinciale non meno di 10 milioni di euro. E il conto potrebbe continuare quasi all’infinito. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

C’era una volta la politica

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2011

Umberto Bossi

Image via Wikipedia

Oggi voglio riflettere con voi su un pensiero che mi disturba da tempo e che è andato aggravandosi in quest’ultima, calda settimana di metà agosto, a causa delle infelici manifestazioni verbali di Umberto Bossi. Può, mi chiedo, un ministro della Repubblica, investire un altro ministro, puntando addirittura sulle sue caratteristiche fisiche ed assumendo, dunque, un atteggiamento che mi permetto di definire fascista? Ebbene sì, può farlo. Ed anche senza che nessuno, per ore, lo bacchetti. Ed ecco che allora quel pensiero di cui vi parlavo si acutizza fino a diventare una certezza: la politica, quella vera, non esiste più. E’ tramontata, lasciando il posto ad una classe dirigente volgare, inopportuna, oltraggiosa, incivile e, soprattutto, incapace. Il confronto politico è stato messo da parte per far spazio ad esuberanze fuor di luogo, che offendono chiunque creda ancora nella dialettica costruttiva. Io credo che le recenti, vergognose, manifestazioni del Senatur, siano, in qualche maniera, la spiegazione intrinseca della manovra inutile, controproducente e grave che il governo è stato capace di partorire, pure in netto ritardo rispetto a quando avrebbe dovuto fare. Quella volgarità espressiva spiega la politica deicondoni. Cerco di spiegarmi meglio. Ritengo che la politica economica palesemente fallimentare, oltre che scorretta, di questo governo sia il degno risultato del lavoro di una classe dirigente che politicamente non esiste e che si esprime attraverso offese indecenti. Il pensiero che mi disturba da giorni è che il fallimento della politica degli ultimi anni sia la conseguenza di unadegenerazione della classe dirigente, di cui l’incontinenza verbale e gestuale di Bossi è simbolo e che l’evidente declino del leader della Lega, affannato a metter toppe fatte di sola volgarità sulla perdita di consensi, porti con sé il tramonto di quel codice non scritto che la politica ha sempre rispettato ed ora non considera quasi più. Si pensi alle barzellette raccontate pubblicamente dal presidente del Consiglio o alle infelici sue battute sull’aspetto estetico di alcune colleghe donne, degne, per altro, del massimo rispetto in virtù di serie capacità politiche più volte dimostrate. Ed allora la speranza, ancora una volta, è che Berlusconi, Bossi e tutto il governo, portandosi dietro il turpiloquio, la gratuita volgarità, la violenza verbale e l’incapacità di fondo, si tolgano di mezzo al più presto, lasciando l’Italia libera di riprendersi la propria dignità etica, culturale ed istituzionale. (Massimo Donadi)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diving World Series 2011 in Boston

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2011

A big cheering crowd, high level diving and a double touch down – Boston Harbour was the perfect setting for another glorious victory for English diver Gary Hunt, who secured his second overall World Series title today with a fourth consecutive win. In his homeland, American Kent De Mond came back to the podium after a hard season with only 2.15 points separating him and second-placed Artem Silchenko from Russia. This Saturday, cliff diving went urban: Instead of natural cliffs, divers used the newly installed platform on the cantilever roof of the Institute of Contemporary Art on Fan Pier, which is more than 80 feet above the water, for the tour’s sixth stop. A stoked crowd of 23.000 spectators surrounding the area around the venue watched the first East Coast stop in the United States in the Series’ three-year history. The 2011 World Series will conclude in two weeks’ time off the Crimean shore in Yalta, Ukraine.
New divers, spectacular locations and creative tricks in the air – the Red Bull Cliff Diving World Series has come up with a few innovations for the third edition in 2011. Between March and September, the world’s best high divers fight for the title of World Series champion in seven challenging competitions. For the breathtaking three-second flights between take-off and hitting the water smoothly from a height of at least 26.5 metres, extraordinary natural and demanding urban venues have been chosen: kicking off in March in Rapa Nui (CHI), the World Series returns to Mexico (Yucatán) in April. The first competition on European soil takes place in Greece (Athens) in May, followed by France (La Rochelle) and Italy (Malcesine) in successive months. After a trip to the United States (Boston) in August, the grand final is hosted by the Ukraine (Yalta) on September 4. Red Bull Cliff Diving competitions are judged by five international judges with scores awarded according to the degree of difficulty and execution of the dive.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »