Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 23 agosto 2011

Freedom by the people of Libya

Posted by fidest press agency su martedì, 23 agosto 2011

The quest for freedom by the people of Libya is coming to a historic moment. The relentless efforts of the forces of the new Libya, supported militarily by NATO and several EU Member States, and countries from the region are bringing the Gaddafi regime to its end. We urge Colonel Gaddafi to accept the will of the people, step down immediately, and avoid further bloodshed and sufferance.
The way is now open for Libya for freedom and self-determination. The European Union will keep supporting the country in its democratic transition and economic reconstruction, based on social justice, inclusiveness and territorial integrity, together with the international community. The developments in Libya are giving fresh momentum to the Arab Spring. The quest of the people in the region for freedom and dignity will continue. The European Union stands by them and supports their democratic aspirations and choices.
The EU as a whole has contributed over €150 million in humanitarian assistance to the Libyan crisis, with €80 million coming from the Commission itself. Commission-funded humanitarian assistance has supported: the people fleeing Libya; the repatriation from neighbouring countries to their country of origin of over 31,700 third-country nationals who had been working in Libya; assistance to refugees who cannot go back to their home country and Libyans fleeing Libya; evacuating by sea and air an estimated 5,800 Europeans, for which a contribution of €10,574,084 was requested by eight participating states; and financing and pre-positioning of emergency stocks to provide relief aid in Libya. In this context, numerous Commissioners visited Libya and its border regions in March, including Štefan Füle (Enlargement and Neighbourhood Policy), Cecilia Malmström (Home Affairs) and Kristalina Georgieva (Humanitarian Aid).

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Health policy for the future

Posted by fidest press agency su martedì, 23 agosto 2011

Baku azerbaijan old City

Image via Wikipedia

Baku, Azerbaijan on 12–15 September 2011 the sixty-first session of the WHO Regional Committee for Europe, WHO’s governing body for the Region. Health ministers and high-level policy-makers from the 53 Member States in the Region, from Iceland and Ireland to Israel and Uzbekistan, will be joined by representatives of partner organizations and civil society. This is a unique opportunity to meet the European health community as it makes decisions, and to report from a country that very few journalists cover. This year, an exceptionally strong raft of policies is on the table, dominated by WHO/Europe’s new European policy for health and well-being, Health 2020, which stresses equity, public health and an all-of-government approach.
A press conference about these policies will take place on Friday, 9 September in Baku. WHO/Europe has developed strategies and action plans to prevent and tackle the main killer diseases in the Region, in consultation with experts and policy-makers and using the latest research. They address noncommunicable diseases (such as cancer and heart disease), alcohol, multidrug-resistant tuberculosis, antibiotic resistance and HIV/AIDS.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Modular strategy

Posted by fidest press agency su martedì, 23 agosto 2011

London By 2020 the key 12 global auto OEM groups are expected to reduce their platforms from 223 in 2010 to 154, reveals news analysis by global consulting firm Frost & Sullivan. The adoption of a global platform standardization and modular strategy is put in place in order to reach a platform reduction of more than 30 per cent. The top ten platforms will result in a growth from nearly 17 million vehicles in 2010 to more than 33 million by 2020 in the global passenger car and light truck production figures, featuring a staggering increase of 94 per cent. Consequently, by 2020 the key 12 OEM groups are expected to account for an almost 74 per cent share in the same segment.
The standardisation of platforms is expected to impact the OEM group brands with their vehicle model permutations and combinations look leaner than ever before. By 2020, Daimler, Volkswagen and the Fiat-Chrysler groups respectively, are expected to reduce 60-65 per cent of their platforms. As a result, their average production volume per platform is expected to increase more than four-fold by 2020 compared to 2010. Overall, the average vehicle production per platform is expected to increase at least three fold by 2020 from current levels of more than 0.24 million units in 2010. And, nine out of the top ten platforms are expected to have volumes in excess of two million units annually by 2020 as against three out of the top ten in 2010.
The study also identified several factors for OEMs to derive a blueprint of their platform standardisation strategy. The emerging regions in which the OEMs operate, both produce and sell, and which directly govern their platform standardisation and modular strategy, are certainly one. Another factor is the modules themselves used as building blocks of future platforms, and OEMs are expected to bring variations into the vehicle through effective use of electronics. And finally, there is the ability of the OEM groups to quickly understand the perceived benefits gained by having a reduced supplier base as a result of sharing components, systems and modules across platforms.
Frost & Sullivan, the Growth Partnership Company, enables clients to accelerate growth and achieve best-in-class positions in growth, innovation and leadership. The company’s Growth Partnership Service provides the CEO and the CEOs Growth Team with disciplined research and best-practice models to drive the generation, evaluation, and implementation of powerful growth strategies. Frost & Sullivan leverages 50 years of experience in partnering with Global 1000 companies, emerging businesses and the investment community from more than 40 offices on six continents. To join our Growth Partnership, please visit http://www.frost.com. (Katja Feick)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fidest: riforme strutturali

Posted by fidest press agency su martedì, 23 agosto 2011

In questi giorni, dopo il varo del decreto sulla manovra del Governo, si fa un gran parlare di tagli a partire da quelli della politica ma poco si discute sulle riforme strutturali che possono da sole mettere in ordine i conti dello Stato andando ad aggredire proprio la fonte di tutti gli sprechi, gli abusi, le truffe e quanto altro.
Partiamo dalla riforma più temuta ed esorcizzata: le pensioni. Oggi l’attuale sistema segna il suo inevitabile destino se pensiamo che la speranza di vita si allunga e la stessa qualità migliora. Nello stesso tempo appare uno spreco mettere “fuori servizio” energie ancora valide anche se per farle rendere al meglio potrebbero cambiare “mestiere”. L’esempio classico lo possiamo fare con il giocatore di calcio professionista. Di solito a 35 anni appende gli scarpini al chiodo ma non è certo un pensionato. Si cercherà un altro lavoro, ovviamente. E nel coso della vita di ciascuno di noi, un lavoro usurante deve pur avere un limite ed essere alternato, se si vuole, a qualcosa d’altro. A questo riguardo anni fa i Centri studi della Fidest prepararono uno “studio di fattibilità” dove la parola “pensione” fu sostituita con “rendita assicurativa” e stabilita una cadenza decennale al termine della quale il lavoratore avrebbe potuto percepire il 20% della media delle retribuzioni del decennio in questione. In 40 anni avrebbe potuto godere di una rendita pari all’80% di quanto mediamente percepito nel corso di detto periodo ma non è detto che potesse andare oltre e raggiunga i 50 ed anche i 60 anni. Quindi nessun sbarramento di “vecchiaia” ma solo l’opportunità di cambiare modulo lavorativo, di scegliere quello che potrebbe essergli più congeniale in base all’età e al suo stato di salute e anche d’aderire al progetto “Cittadella del sapere” dove potrebbe offrire la sua esperienza lavorativa in favore dei giovani.
L’altra riforma è quella della sanità. Il modulo conduttore è dato da una constatazione. Oggi la salute è in mille modi insidiata e la possibilità di vivere più a lungo pone problemi seri sulla tenuta delle nostre forze e del come gestirle. Ecco perché in luogo dell’assistenza generalista che prevede un intervento durante e post il nascere di un male la logica del “pre” ovvero della “prevenzione” lo anticipa all’occorrenza o ne controlla la performance in corso d’opera. Può apparire strano ai non addetti ai lavori ma una prevenzione generalista comporta, a regime, un forte risparmio di risorse e di metodi di lavoro sanitario e assistenziale oltre a razionalizzare i vari tempi di risoluzione. Faccio un solo esempio, tra i tanti: se si pianifica un intervento chirurgico è possibile anzitempo prelevare il sangue del paziente per utilizzarlo all’occorrenza oltre a stabilire il giorno più adatto e la struttura più disponibile e lo specialista più indicato. Ma la prevenzione vuole dire, ovviamente, molto di più e toccare tutta la filiera assistenziale. Un paziente dotato di un chip nel quale sia compresa la cartella clinica e la sua anamnesi può significare, in caso di un intervento d’emergenza (infarto, ictus), più rapide risposte sanitarie. Ma vi è anche l’altro discorso che coinvolge direttamente la prevenzione con un check-up periodico che possa monitorare lo stato fisico della popolazione e poter intervenire all’insorgenza del male. Lo studio, nei dettagli è stato pconcretizzato da una ricerca condotta dai Centri studi della Fidest.
Un altro tema di più ampia portata, e tende a coinvolgere interi continenti, è quello denominato “cittadelle del sapere” e che prevede la costruzione di piccole cittadine (massimo 50 mila abitanti) nelle aree del terzo mondo dove si possono misurare le competenze e le esperienze di operatori occidentali della terza età con i giovani locali per avviarli a professioni utili e più richieste sul mercato del lavoro ma anche un modo per restare nel proprio paese rendendosi disponibili nei servizi e quanto altro. Un’altra riforma è quella della giustizia. E anche qui i Centri studi della fidest hanno messo a punto una soluzione adeguata. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions, Fidest - interviste/by Fidest, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pensioni? Abolirle

Posted by fidest press agency su martedì, 23 agosto 2011

pensionati

Image by ego_or_es via Flickr

Si, proprio così, ma solo con una variante. La vera riforma delle pensioni sta proprio nella loro abolizione per sostituirla con un meccanismo assicurativo. Lo studio di fattibilità è stato condotto già anni fa dai Centri studi della Fidest. Risulta l’unico e più efficace sistema per disinnescare questa sorta di bomba ad orologeria ereditata dai nostri antenati. La ricetta è semplice. Ogni dieci anni di contributi assicurativi e previdenziali si può erogare una rendita pari al 20% della media delle retribuzioni percepite durante tale periodo. Un meccanismo che si ripete allo scadere di ogni decennio senza soluzione di continuità ma offrendo al tempo stesso la possibilità ai lavoratori di scegliersi, nel corso d’opera, il lavoro che è più congeniale. In altri termini se un giovane (come un giocatore di calcio) può affrontare un lavoro idoneo per la sua età si deve pur ritenere che con il prosieguo degli anni altre scelte lavorative possono essere più adatte al suo status fisico.
Non solo. Si possono contemperare corsi di formazione professionale per cambiare lavoro e adattarsi a quello nuovo e anche scegliere la possibilità, dopo i 30 anni di contributi assicurativi, di svolgere un’attività all’estero presso quelle che sono state chiamate “cittadelle del sapere” dove le proprie conoscenze possono essere trasmesse ai giovani secondo un programma di studio predefinito. Ciò per consentire nelle aree poco o nulla sviluppare una presenza qualificata di esperti che possono fare da tutor o anche da insegnanti ai giovani autoctoni per avviarli a mestieri e professioni qualificate.
Questa, a nostro avviso, è una riforma rivoluzionaria in quanto cancella dalla nostra visuale un modello di società che fissa uno spartiacque, al raggiungimento di una certa età, ovvero l’immagine del pensionato condannato a scaldare le panchine dei giardini pubblici. Finchè si ha vita si può lavorare, sentirsi utili, continuare ad impegnarsi per qualcosa fosse anche un hobby lasciato dormire nel cassetto del proprio comodino. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gaddafi opposition captures Tripoli

Posted by fidest press agency su martedì, 23 agosto 2011

Muammar Abu Minyar al-Gaddafi (in Dimashq, Syr...

Image via Wikipedia

Tripoli, Libya – Rebel forces took control of the capital, further challenging Col. Muammar el-Gaddafi’s four-decade hold on the country.
• Rebels arrested two of Gaddafi’s sons on Monday. Gaddafi’s whereabouts remain unknown.
• Citizens demanding Gaddafi’s exit gathered at Green Square in Tripoli and took to the streets of Benghazi in celebration of their advancement in the fight.
• Heavy clashes between rebels and pro-Gaddafi supporters continue throughout Libya.
• Protests first erupted in Libya in mid-February when Gaddafi loyalists and troops attacked peaceful demonstrators. Many Libyans were inspired by the revolts for democracy in Egypt and Tunisia, and called for Gaddafi’s removal from power.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »