Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 24 agosto 2011

La Lega per affossare l’Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 agosto 2011

Ogni tanto Berlusconi si sente anche un po’ Cavour e si prende la briga persino di rispondere a Bossi sull’Unità d’Italia. E afferma perentorio: l’Italia c’è e ci sarà sempre.Parole al vento, come al solito. Neanche gli alleati lo stanno più sentire. Oggi il giornale “La Padania”, organo di stampa ufficiale del Carroccio, rilancia la questione, dal titolo: “Italia, una ‘famiglia’ da cui bisogna uscire”. Da tempo la pernacchia, il dito medio alzato appartengono, grazie alla Lega, allo squallore di questa fase politica, al degrado culturale del Paese, ma l’editoriale della Padania sulla divisione dell’Italia va addirittura oltre, è ancora più grave. I leghisti stanno nelle stanze dei bottoni ormai da anni, decidono più di qualsiasi altra forza politica i destini del Paese (coi risultati che sono sotto gli occhi di tutti) e continuano a recitare la parte dei secessionisti. Sono attaccati alle poltrone come delle cozze allo scoglio, ma ogni tanto minacciano ferro e fuoco. E’ inaccettabile che una forza che esercita la golden share sul governo lavori per affossare l’italia proprio mentre il nostro Paese attraversa una fase drammatica, con pesanti costi economici e sociali. Non si capisce se questa assurda polemica sulla secessione sia solo l’ennesima pagliacciata estiva della Lega o un vero e proprio attentato alla Costituzione. Il legittimo sospetto che vogliano approfittare della crisi per affossare l’Italia c’è ed è un dubbio ancora non chiarito. Bossi deve dire chiaramente se condivide l’editoriale della Padania, se quella è la posizione della Lega. Se così fosse sarebbeinconciliabile con la presenza al governo. Non si può far finta di niente e far passare questa posizione come una buffonata. “Tanto i leghisti son pagliacci folcloristici e abbaiano solo” si dice. No, non va bene. Chi governa ha delle responsabilità importanti e deve rispettare i cittadini. Le parole dei politici hanno un peso ed un significato, soprattutto quando il Paese è nell’occhio del ciclone e nel mirino degli speculatori internazionali. La Lega ha il dovere di fugare tutti i dubbi sulla sua lealtà alla Costituzione ed ai cittadini italiani. E lo deve fare subito. (massimo Donadi parlamentare Idv) (Berlusconi bossi)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vacanze rovinate? Cosa fare

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 agosto 2011

Tornano inferociti. Sono i turisti che hanno avuto la vacanza rovinata da una serie di disservizi e hanno il dente cosi’ avvelenato che se potessero mordere un operatore turistico lo stenderebbero in pochi secondi! Al danno non bisogna aggiungere la beffa e rivalersi in termini economici ci appare piu’ che giusto. Cosa occorre fare? Vediamo.
Rimborsi: si possono ottenere per spese effettuate e non dovute, per mancata prestazione di servizi e per giorni di vacanza non usufruiti. Ricordiamo che la contestazione deve essere effettuata entro 10 giorni lavorativi dalla data del rientro, deve essere indirizzata al tour operator e all’agenzia, con raccomandata con avviso di ricevimento, allegando tutta la documentazione utile: depliant illustrativo, copia del contratto, foto o filmati del luogo, ricevute di pagamenti extra, denunce per furti o danneggiamenti, certificati medici, dichiarazioni scritte, testimonianze ecc. In caso di risposta negativa si puo’ ricorrere al Giudice di Pace.
Risarcimenti: la Corte di Giustizia europea ha riconosciuto (procedimento C-168/00) e ora anche la normativa italiana, il diritto al risarcimento per danno morale da vacanza rovinata, specialmente se questa e’ in relazione a particolari circostanze (viaggio di nozze, unico periodo di vacanze, ecc.). La richiesta segue la stessa procedura prevista per i rimborsi.
Per consulenza telefonica si puo’ digitare il numero 895. 96.97.997, nostro numero a pagamento disponibile da lunedi’ al venerdi’ ore 10/18;
All’indirizzo: http://sosonline.aduc.it/modulo/viaggi+organizzati+richiesta+rimborso+danni_14086.php abbiamo predisposto un modulo che puo’ essere scaricato, per la richiesta di rimborso e risarcimento da indirizzare al tour operator e all’agenzia;
all’indirizzo http://sosonline.aduc.it/info/consulenza.php del nostro portale, si possono ottenere consigli e consulenza. Basta scrivere la domanda e lasciare la propria e-mail: entro 48/72 ore si otterra’ una risposta. Il servizio e’ gratuito e a disposizione di tutti. (Primo Mastrantoni segretario dell’Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli sprechi della politica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 agosto 2011

Roma - Palazzo di Montecitorio (facciata poste...

Image via Wikipedia

“Solo per la ‘cancelleria’ la Camera spende un milione di euro l’anno: come faccia, è un mistero. Uno dei tanti di Montecitorio: una cittadina di tremila persone, fra deputati, questori, portaborse etc. che a Roma occupano 22 palazzi storici. Con un budget di oltre un miliardo per arredi, bollette, tendaggi, divise, saponi e pulsantiere”. “E’ questa la notizia che apprendiamo dai giornali e che realmente ci lascia allibiti – Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, commenta quanto riportato dai quotidiani nazionali – passata la prima sensazione di meraviglia è lo sdegno a prendere il sopravvento”. “Nelle Questure italiane e negli Uffici della Polizia in genere – continua Maccari – manca tutto, dalla carta per le fotocopie, ai toner, alle risorse di primo consumo. Le divise sono vecchie e per chi opera in borghese viene riconosciuta una miseria per l’acquisto degli abiti”. “Erano questi i sacrifici che la politica intendeva? – si chiede il Segretario Generale del Coisp – chiudere Comuni e Province, mettere le mani nelle tasche degli statali? E loro? Loro che fanno? Lo avevamo detto e lo ripetiamo, per essere credibili bisogna essere rigorosi soprattutto con sè stessi. E questo rigore non lo vediamo, ma neanche lo intravediamo, negli atteggiamenti di una politica che continua a essere auto referenziale e indisponibile a qualsiasi tipo di rinuncia”. “Il Coisp – conclude Maccari – è disposto a presentarsi davanti agli Uffici Ministeriali per fare incetta di carta, penne e quant’altro serve, ovviamente a livello dimostrativo perché è inammissibile continuare a vivere in un Paese dove la vera fonte degli sprechi, la politica, continua a ingrossare le sua fila mentre tutto intorno inizia ad esserci il deserto”!

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Facebook e il garante privacy

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 agosto 2011

Dopo che il garante della privacy dello Stato dello Schleswig-Holstein, Thilo Weichert, aveva intimato ad aziende e istituzioni di rimuovere il pulsante “like” (mi piace) dai loro siti e di chiudere le loro pagine sul social network poiché violerebbe la privacy tempestiva è stata la risposta di Facebook con il Vice presidente del social network, Chris Cox. Tra le novità, gli articoli pubblicati online hanno ciascuna la loro impostazioni di condivisione proprio determinata da chi può vederli. E ‘l’ultimo di una lunga serie di tentativi da parte dei membri di Facebook di permettere di snellire gestendo le proprie informazioni personali. In passato, il social network è stato criticato per aver dato l’impressione di nascondere le impostazioni di privacy nei menu oscurati. I commenti avranno le proprie impostazioni sulla privacy. Ora, quando gli utenti sono taggati in un post – come una fotografia o un video – avranno la possibilità di confermare o rimuovere la loro identità prima che venga visualizzato il proprio profilo. Altre modifiche riguardano:
• Nei controlli di linea – ogni voce sulla pagine di un utente ha opzioni di privacy individuale, come pubblico, amici e personalizzati
• Tag takedown – la capacità di rimuovere i tag da sé, chiedere alla persona che ti tagga per rimuoverlo, o bloccare il tagger
• Tagging universale – gli utenti possono taggare chiunque, non solo gli amici di Facebook. Altra persona può scegliere di non accettare la pubblicazione su loro profilo
• Tagging posizione – località geografiche può essere aggiunto in tutte le versioni di Facebook.
• Vedi profilo – la possibilità di vedere come gli altri vedono il tuo profilo è aggiunto sopra il news feed
Il Vice presidente di Facebook, Chris Cox ha aggiunto che l’aggiunta di un ulteriore aggiornamento della privacy non significa necessariamente che il vecchio sistema era poco chiaro.
Gli utenti ora possono chiedere di essere rimossi dai tag o eliminare completamente il contenuto.
Ha aggiunto che Facebook si prepara ad estendere l’accesso ai minori di 13 anni.
Si spera sottolinea Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, che la salvaguardia eliminerà il problema del tagging malizioso, che viene spesso usato dai cyber-bulli aggiungendo i nomi di altre persone con immagini moleste.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Manovra e sciopero generale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 agosto 2011

“Pur rispettando l’autonomia di ogni sindacato, l’Ugl ritiene dannoso proclamare uno sciopero generale in una fase storica alquanto debole e critica per l’economia del nostro Paese”. Lo dichiara Giovanni Centrella, segretario generale dell’Ugl, commentando la notizia dello sciopero di otto ore indetto dalla Cgil. Per il sindacalista “è necessario che le forze sociali combattano insieme ogni forma di ingiustizia e, soprattutto di divisionismo, lasciando spazio ad una voce unanime sempre a favore delle classi sociali più deboli e dei lavoratori”. “Per questo – conclude – è giusto incentivare il Governo e le opposizioni sui temi dell’economia senza effettuare proteste traumatiche, come gli scioperi, ma alimentando il confronto dialettico attraverso tavoli e incontri tra Istituzioni centrali e parti sociali”.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »