Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Roma: giornalisti scomparsi in Libano

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 settembre 2011

Roma 2/9/2011. Nel 31° anniversario della scomparsa in Libano dei giornalisti Graziella De Palo e Italo Toni, il Sindaco e la Città di Roma li ricordano per il terzo anno consecutivo con due cerimonie: alle ore 9 con la Santa Messa nella Basilica dell’Ara Coeli, officiata da Fratel Massimo Cocci, Rettore della Basilica, alla presenza del delegato del Sindaco alle Politiche per la Sicurezza, Giorgio Ciardi, di familiari e amici; alle ore 10.30 a Villa Gordiani, dove in prossimità dei due viali intitolati alla loro memoria, siti all’interno del parco archeologico della Villa, verrà piantumato un olivo come simbolo di pace e riconciliazione. La tragica vicenda di Graziella De Palo e Italo Toni è stata rievocata dall’Amministrazione capitolina con una serie di iniziative a partire dal 2009 (in particolare con il convegno di due anni fa in Campidoglio intitolato “Graziella e Italo. Una giornata per non dimenticare” e con l’intitolazione dei viali all’interno del parco archeologico di Villa Gordiani, lo scorso anno), ma soprattutto con la richiesta del sindaco Gianni Alemanno al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, di valutare la possibilità di rimuovere il segreto di Stato che gravava sul caso fin dal 1984.
Graziella De Palo nasce a Roma nel 1956. Collabora con “Notizie radicali”, “Quotidiano donna”, “L’Astrolabio”, “i Consigli” e “Paese Sera”, dove pubblica i suoi pezzi più importanti di politica internazione, dedicati al traffico d’armi con i Paesi sottosviluppati del terzo mondo e del vicino oriente. La scomparsa in Libano di una intelligente e acuta osservatrice delle più scottanti realtà e delle contraddizioni del mondo contemporaneo, nonostante la sua giovane età, ha privato il giornalismo italiano di una futura grande protagonista.
Italo Toni nasce a Sassoferrato (An) nel 1930. Redattore de “L’Avanti”, collaboratore di “Paris Match”, dei “Diari di Venezia”, de “L’Astrolabio” e dell’agenzia “Notizie”, lascia la professione di maestro elementare e si trasferisce a Roma. Da sempre interessato alla vicende e alle problematiche del vicino Oriente, viaggia molto nei Paesi dell’area, che conosce perfettamente, e suo è il reportage pubblicato nel 1968 da “Paris Match” che rivela al mondo l’esistenza dei primi campi di addestramento della guerriglia palestinese. Il viaggio in Libano con Graziella De Palo era finalizzato alla raccolta di nuove informazioni e nuovi materiali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: