Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Vaticano: compensazione Acquafredda

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 settembre 2011

Roma Aurea

Image by Giovy.it via Flickr

“Nonostante i tempi di ‘magra’ per il bilancio del Comune di Roma, i vantaggi per il Vaticano non mancano mai. L’ultimo è quello riguardante la concessione di 210 mila metri cubi di diriti edificatori, equivalenti a 1.000 appartamenti di circa 90 metri quadrati, che saranno realizzati in aree da individuare successivamente, in cambio della cessione di 60 ettari della Tenuta dell’Acquafredda, situata alle porte di Roma, tra la via Boccea e la Via Aurelia. Tale permuta, in gerco tecnico ‘compensazione’, è stata autorizzata con una delibera consiliare, approvata all’unanimità dei consiglieri presenti, con l’accordo tra PD e PDL e con il silenzio dei gruppi consiliari assenti, durante il mese di agosto, quando l’attenzione dell’opinione pubblica è per ovvi motivi più fievole “. E’ quanto dichiara Giovanni Barbera, membro della direzione romana del PRC- Federazione della Sinistra e presidente del Consiglio del XVII Municipio. “Peccato – continua Barbera – che tale operazione di ‘compensazione’ sia, ad avviso di molti, compresa Legambiente, in violazione dell’art. 14 delle norme tecniche di attuazione del PRG che limitano la possibilità di trasferire i diritti edificatori da una zona all’altra di Roma ai soli casi espressamente indicati nel suddetto articolo, in cui ovviamente non sono assolutamente ricompresi i terreni della Tenuta dell’Acquafredda. Per approvare la suddetta delibera sarebbe stato, pertanto, necessario procedere preventivamente ad una variazione delle norme tecniche del Prg, con un iter procedurale lungo e tortuoso, di cui non non c’è traccia. Senza considerare che non è neanche ben chiaro come si sia arrivati a riconoscere diritti edificatori per 210 mila metri cubi di residenziale, pari al valore economico di circa 400 milioni di euro, visto che i terreni che appartengono alla Tenuta dell’Acquafredda erano già classificati dal piano regolatore del 1965 principalmente come zona agricola e solo in parte come servizi pubblici generali”.
“Insomma – conclude Barbera – tale operazione appare come un grosso ‘regalo’ bipartisan del Campidoglio all’Amministrazione del patrimonio della Sede apostolica, di fatto l’immobiliare del Vaticano, in quanto tale permuta è stata non solo attuata in violazione delle norme del Prg, ma appare fortemente ‘squilibrata’ dal punto di vista urbanistico ed economico”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: