Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Un miliardo di evasione certa

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2011

Il governo in queste ore si sta impegnando allo spasimo sul fronte delle evasioni fiscali se non altro per dimostrare ai nostri “controllori” europei che su questo tema fa sul serio. E su tale terreno tanto viscido ci siamo accorti che vi sono evasori che potrebbero essere colti con le mani nella marmellata con relativa facilità se solo ci fosse una volontà politica a farlo. Facciamo un solo esempio, e clamoroso, se si pensa che l’evasione supera il miliardo di euro all’anno. Ci riferiamo a chi opera in Italia nei cosiddetti Centri trasmissioni dati (Golden Bet, Stanley Bet, Planet-Win365, ecc) che sono in realtà dei veri e propri negozi di accettazione di scommesse sportive senza aver mai ottenuto alcuna concessione dai Monopoli di Stato, al contrario di Eurobet, Snai, Lottomatica ecc. Questi operatori esteri, che hanno sedi in Gran Bretagna, Malta, Austria ecc. operano in Italia senza versare allo Stato l’imposta unica che si applica a tutti gli operatori risultati vincenti dai bandi di concorso e in regola con i Monopoli di Stato. Loro sostengono che essendo centri trasmissioni dati la composizione delle scommesse è operata nella sede legale estera per cui è quello il luogo preposto per il pagamento delle tasse sul gioco. Ne deriverebbe che le eventuali vincite dei clienti italiani andrebbero liquidate attraverso un bonifico bancario intestato nominativamente al vincitore. Ciò non accade poichè presso gli stessi esercizi le vincite sono riscosse in contanti. In tal modo si contravvengono le norme di pubblica sicurezza regolate dagli art.88 R.D. del 18/6/1931 n° 773 T.U.P.S. e la legge del 22/5/2010 n° 73 allegato B e si commette di conseguenza un illecito fiscale. Da notare, altresì, che questi centri trasmissioni dati così operando sottraggono di fatto denaro e clienti dai canali ufficiali e per un ammontare evaso con la bella cifra di oltre un miliardo di euro all’anno. E potremmo aggiungere, addirittura, un recupero di altri miliardi se gli accertamenti, attraverso i pagamenti effettuati risalissero agli anni passati. E su tale terreno tanto viscido ci siamo accorti che vi sono evasori che potrebbero essere colti con le mani nella marmellata con relativa facilità se solo ci fosse una volontà politica a farlo. Facciamo un solo esempio, e clamoroso, se si pensa che l’evasione supera il miliardo di euro all’anno. Ci riferiamo a chi opera in Italia nei cosiddetti Centri trasmissioni dati (Golden Bet, Stanley Bet, Planet-Win365, ecc) che sono in realtà dei veri e propri negozi di accettazione di scommesse sportive senza aver mai ottenuto alcuna concessione dai Monopoli di Stato, al contrario di Eurobet, Snai, Lottomatica ecc. Questi operatori esteri, che hanno sedi in Gran Bretagna, Malta, Austria ecc. operano in Italia senza versare allo Stato l’imposta unica che si applica a tutti gli operatori risultati vincenti dai bandi di concorso e in regola con i Monopoli di Stato. Loro sostengono che essendo centri trasmissioni dati la composizione delle scommesse è operata nella sede legale estera per cui è quello il luogo preposto per il pagamento delle tasse sul gioco. Ne deriverebbe che le eventuali vincite dei clienti italiani andrebbero liquidate attraverso un bonifico bancario intestato nominativamente al vincitore. Ciò non accade poichè presso gli stessi esercizi le vincite sono riscosse in contanti. In tal modo si contravvengono le norme  di pubblica sicurezza regolate dagli art.88 R.D. del 18/6/1931 n° 773 T.U.P.S. e la legge del 22/5/2010 n° 73 allegato B e si commette di conseguenza un illecito fiscale. Da notare, altresì, che questi centri trasmissioni dati così operando sottraggono di fatto denaro e clienti dai canali ufficiali e per un ammontare evaso che raggiunge la bella cifra di oltre un miliardo di euro all’anno. E potremmo aggiungere, addirittura, di un recupero di altri miliardi se gli accertamenti, attraverso i pagamenti effettuati negli anni passati, risalissero agli anni passati. (servizio Fidest)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: