Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 9 settembre 2011

A constitution-making handbook for peace

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

The Secretary-General of the United Nations, B...

Image via Wikipedia

Today, Friday, September 9th, 2011, Interpeace launches the handbook: ‘Constitution-making and reform: Options for the Process’ a comprehensive resource for national constitution-makers and their advisors. Constitution-making is hitting the headlines. This year alone, constitutional reforms have been, or are, on the agenda in Tunisia, Egypt, Morocco, Nepal, Southern Sudan, Zimbabwe and now Libya. Over 150 new constitutions have been created since 1975, and as many as 20 national constitutions are reformed or adopted each year. Recent months and the ‘Arab Spring’ have proven that this development continues. A modern constitution needs to be legitimate in the eyes of the people, but achieving this is a challenge. Often national and international constitution-makers feel out in the cold as there has been no comprehensive resource on the options for constitution-making and reform. The design, implementation and management of these processes, in an inclusive way, create the foundations for lasting peace. The stakes are high. If the process goes wrong the seeds of future conflict and violence will be sown. Interpeace, an international peacebuilding organization, is now filling this critical gap.
Held at the United Nations (UN) in New York, H.E. Mr. Joseph Deiss, President of the UN General Assembly is providing the opening remarks. His Royal Highness Prince Zeid Ra’ad Zeid Al-Hussein of Jordan, Permanent Representative of Jordan to the UN and Chair of the Peacebuilding Commission Country Configuration for Liberia, will moderate a panel discussion. He will be joined by Jean-Marie Guéhenno, Director of the Center for International Conflict Resolution, SIPA, and former Under-Secretary-General for Peacekeeping Operations; Nicholas Haysom, Director of Political Affairs, Executive Office of the UN Secretary-General; Jamal Benomar, UN Special Advisor and Envoy for Yemen and former Director of the UN Rule of Law Unit; and Michele Brandt, co-author of ‘Constitution-making and Reform: Options for the Process’.
Four respected experts from the constitution-making domain, Michele Brandt, Director of Interpeace’s ‘Constitution-making for Peace’ initiative, Jill Cottrell, Yash Ghai, and Anthony Regan, have united to create this ‘how to guide’ for constitution-makers around the world.
The handbook provides practical guidance on how to design transparent, nationally led and owned processes that are also participatory and inclusive. Lakhdar Brahimi, who provides the foreword for the handbook, highlights: “I wish ‘Constitution-making and reform: options for the process’had been available to the international community when I was the Special Representative of the UN Secretary-General for Afghanistan. This book asks the right questions.” The handbook will be available on line for all to access from the 9th September at 9am EST on http://www.interpeace.org

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

UN Alliance of Civilizations Fellows Arrive from Mideast

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

Third Global Forum of the UN Alliance of Civil...

Image via Wikipedia

New York, Twelve young leaders from the Middle East are arriving in New York City on Saturday, in the context of the tenth anniversary of 9/11, hoping to create new alliances, gain knowledge, and understanding of the US and Europe. Given the importance of the day, their visit is especially timely, as the world seeks to find ways to forge lasting peace amongst nations, cultures and societies. In a context of commemorations, the UNAOC, which works together with its partners to promote understanding among peoples and cultures, is taking concrete action to bring emerging leaders together to build trust and understanding. The fellows will be part of a two-week program organized under the auspices of the UN Alliance of Civilizations (UNAOC) with the funding support of the British Council and in partnership with the League of Arab States, ISESCO, the Institute of International Education and the Qatar Committee for the Alliance of Civilizations. The Fellowship Programme is the first and only young professional’s exchange program between the Arab world, Europe, and the US and through monetary and in-kind support from Arab, European, and North American sources. As a young professionals’ exchange initiative, the Fellowship Program is singular in this regard. The trip will include stops in Washington D.C., Philadelphia, Paris, Brussels and London. In the US and Europe, the fellows will meet with a wide-variety of groups and individuals, including local community leaders, NGOs, journalists, policy makers and prominent US institutions.
The goal of the fellowship is to enhance mutual knowledge and understanding between peoples and societies from Muslim-majority countries, mainly from the Arab World, and from Europe and North America and creates an opportunity for emerging leaders from these societies to get acquainted with the diverse realities and cultural, political and religious environments of the others. As part of the fellowship, later in the fall, twelve fellows from the US and Europe will travel to North Africa and the Middle East : Morocco, Egypt and Qatar on a similar tour, meeting with government, civil society and other groups involved in this issue. About the program: http://www.unaoc.org/actions/trainings-and-exchanges/fellowship/

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Luci sul Colosseo

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

Colosseo, Roma, Italia

Image via Wikipedia

Roma. In occasione del decimo anniversario, il Colosseo sarà illuminato la sera di domenica prossima per rendere omaggio alle vittime degli attentati dell’11 settembre e per testimoniare il coraggio e la volontà di rinascita del popolo americano, simboleggiata nella ricostruzione delle Torri gemelle del World Trade Center. Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, invita i cittadini a rivolgere un pensiero a quanti hanno perso la vita e a quanti sono sopravvissuti alla tragedia. L’invito al raccoglimento è previsto alle ore 14.46 ora italiana, le ore 8.46 di New York, di domenica 11 settembre, quando il primo aereo colpì la torre nord del WTC.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Lotta al terrorismo

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

Image from: http://www.september11news.com/WTC...

Image via Wikipedia

Oltre 200 milioni di persone appartenenti a minoranze etniche in undici stati di Africa e Asia soffrono per le catastrofiche conseguenze della cosiddetta lotta al terrorismo: sono queste le conclusioni dell’Associazione per i popoli minacciati (APM) in occasione del 10. anniversario dell’attacco terroristico dell’11 settembre al World Trade Center di New York e al Pentagono a Washington. Le nazionalità maggiormente colpite dalla lotta globale a l terrorismo sono i musulmani Uiguri nella Cina nordoccidentale e i musulmani di Pattani nel sud della Thailandia. I governi di entrambi gli stati sfruttano la coalizione contro il terrorismo per rappresentare i loro conflitti interni come un problema di terrorismo internazionale. Con questa falsa rappresentazione Cina e Thailandia si aspettano un sempre maggior sostegno internazionale nella repressione delle proteste contro la politica dei propri governi. In Africa sono soprattutto i Tuareg a soffrire per la crescente militarizzazione del Sahara. Sono sempre di più gli stati che intervengo nell’area sahariana per limitare l’influenza del movimento terroristico “Al Qaida nel Maghreb islamico”. In numerosi altri stati, i cui governi passano per islamici moderati, le persone appartenenti a minoranze etniche soffrono indirettamente le conseguenza della lotta al terrorismo. In questo modo in Pakistan sono aumentate drammaticamente le violazioni dei diritti umani per Beluci, Cristiani e Ahmadiyya. Questi crimini continuano ad essere ignorati dalla comunità internazionale. L’unione Europea e gli Stati Uniti restano a guardare, pur di non mettere a rischio la collaborazione degli stati persecutori nella coalizione anti terrore. Cristiani e Ahmadiyya in Pakistan sono vittime di accuse arbitrarie causate da discutibili sanzioni per presunta blasfemia. Politici e attivisti per i diritti umani cristiani devono temere per la propria vita e non vengono adeguatamente protetti dalle autorità di sicurezza. Nelle regioni in cui vive la minoranza dei Beluci i responsabili della sicurezza pakistani fanno sparire i critici del governo, praticano la tortura e li imprigionano senza processo. In Indonesia, la coalizione antiterrorismo tace sul numero crescente di attacchi alle chiese cristiane e alla comunità religiosa degli Ahmadiyya così come sulle perduranti persecuzioni nella Papua Occidentale, controllata dall’Indonesia. Arresti arbitrari e torture di attivisti di Papua o dissidenti nelle Molucche non vengono affatto criticati dalla comunità internazionale. Ovviamente non si può irritare su queste questioni il governo dello stato musulmano più popoloso al mondo. Anche in Algeria, Marocco e nel Sahara occidentale occupato illegalmente, le violazioni dei diritti umani verso Berberi, Tuareg e Saharawi restano impuniti, in quanto la coalizione contro il terrorismo non sostiene la fine dell’impunità. I governi transitori di Etiopia e Somalia non vengono messi davanti alle proprie responsabilità per crimini di guerra e persecuzioni di singoli gruppi etnici o dissidenti in quanto rappresenterebbero un baluardo contro la penetrazione di Al Qaeda nel Corno d’Africa. Ma questo presunto baluardo è inconsistente, poiché viola le proprie stesse leggi e calpesta sistematicamente i più elementari diritti umani. La coalizione contro il terrorismo perde in questo modo qualunque credibilità, poiché sulle questioni relative ai diritti umani usa due pesi e due misure.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Giornata Italia-Turchia

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

Bari, Puglia, Italia

Image via Wikipedia

Bari lunedì 12 settembre, alla Camera di Commercio di Bari nel padiglione di Unioncamere alla della Fiera del Levante, alle ore 10.30.verrà presentata l’iniziativa, promossa da Università degli Studi di Bari, Confapi Bari e BAT e Consorzio Interuniversitario CIRCEOS, in collaborazione con Confindustria Bari e BAT, l’Associazione di Amicizia e Cooperazione Italia-Turchia, ed il patrocinio della Camera di Commercio di Bari, Comune di Bari, Provincia di Bari, Regione Puglia, ISIAMED e Corpo Consolare di Puglia Basilicata e Molise, A illustrare finalità e programmi il presidente della Confapi Bari e BAT nonché vice presidente della Camera di Commercio di Bari Erasmo Antro, il presidente di Confindustria Bari e BAT Michele Vinci, il presidente scientifico del Consorzio Circeos Giovanni Dotoli, l’autore dell’evento Leonardo Manzari, dirigente dell’Associazione Italia-Turchia (www.isiamed.org), il Segretario del Corpo Consolare di Puglia Basilicata e Molise Massimo Salomone ed il segretario Generale della Confapi Bari e BAT Riccardo Figliolia.
Il 16 settembre si terrà un’intera giornata di dibattiti, incontri, workshops aziendali dedicata alla Turchia, al suo nuovo ruolo internazionale nel bacino del Mediterraneo, ai suoi importanti processi di crescita socio-economica, al suo essere nuova frontiera di sviluppo e benessere. Sarà un forum con autorità e imprenditori turchi, per favorire le relazioni e gli scambi accademici, economici ed imprenditoriali col Paese, la cui stabilità politico-istituzionale unita al ritmo di sviluppo (più 9% di Pil nel 2010) lo sta imponendo quale partner indispensabile per gli equilibri dell’area eurasiatica, come anche a presidio di nuovi mercati, in settori chiave come le energie rinnovabili, l’ambiente, il recupero e rigenerazione dei materiali, i trasporti e la logistica. E non solo.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Finanziamenti a piccole e medie imprese

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

1 GByte IBM MicroDrive.

Image via Wikipedia

IBM ha comunicato  un impegno di finanziamento da 1 miliardo di dollari, nell’arco dei prossimi 18 mesi, per aiutare le piccole e medie imprese a sfruttare soluzioni avanzate nelle aree della business analytics e del cloud computing. Questa iniziativa intende stimolare l’innovazione e guidare la crescita economica, rendendo più accessibile il credito alle piccole e medie imprese, con approvazioni rapide in meno di 60 secondi, tramite la IBM Global Financing. Attualmente uno dei principali limiti che ostacolano il successo delle PMI è la mancanza di fondi per investimenti . La U.S. Small Business Administration (SBA) riferisce che ben oltre il 50 per cento delle piccole imprese fallisce entro i primi cinque anni per mancanza di capitale. E’ anche evidente che il mercato delle piccole e medie imprese è sempre più strategico per la ripresa economica mondiale perchè è responsabile di circa il 65 per cento del PIL globale, rappresenta più del 90 per cento di tutte le imprese e occupa più del 90 della forza lavoro mondiale L’annuncio di oggi è una risposta concreta all’urgente necessità di capitale e si propone di dare le basi e le risorse giuste per sostenere le PMI in questo momento economico, eliminando molte delle barriere rappresentate dai costi dell’investimento che ostacolano la crescita della loro attività. IBM Global Financing offre soluzioni di leasing e finanziamenti semplici e flessibili, che includono anche offerte di finanziamento a 12 mesi a tasso zero *, per consentire di acquisire immediatamente la tecnologia e i servizi necessari per avviare la trasformazione del business, con una più efficace gestione del proprio flusso di cassa.
Le nuove offerte comprendono le soluzioni avanzate delle società recentemente acquisite da IBM come Cast Iron, BigFix, SPSS, Netezza e Cognos. I clienti potranno ora sfruttare queste nuove tecnologie, senza anticipo di denaro e con comodi pagamenti mensili o trimestrali. Inoltre, potranno trarne vantaggi immediati perchè le soluzioni possono essere pienamente operative nel giro di due-tre giorni, con un risparmio di costi e tempo fino al 50 per cento. Secondo AMI Partners, le PMI negli Stati Uniti spenderanno più di 49 miliardi di dollari in servizi cloud nel 2015, quasi il doppio rispetto alle dimensioni del mercato attuale. Le nuove soluzioni IBM aiuteranno le PMI ad utilizzare velocemente una piattaforma cloud e a sollevare i propri dipendenti dalle preoccupazioni per l’IT e dai costi significativi ad essa associati. In una recente indagine di IBM sul mercato delle medie imprese condotta su 650 CIO, metà degli intervistati intende investire nel cloud nei prossimi cinque anni: un aumento del 50 per cento della domanda di cloud computing rispetto all’ultimo studio sui CIO del 2009. Le soluzioni cloud possono infatti aiutare le PMI ad automatizzare l’infrastruttura IT, consentendo al personale di dedicarsi a progetti strategici vitali per il business.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La manovra: E’ scandalosa

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

Nei documenti presentati alle autorità europee, il Governo si era impegnato a un aggiustamento prevalentemente sul lato della spesa. La manovra approvata al Senato mercoled 7 settembre si muove in direzione opposta poichè si basa sull’aumento delle tasse, innanzitutto sull’inasprimento Iva, che vale a regime più di 4 miliardi; bruscolini verranno dal contributo di solidarietà sui redditi superiori a 300 mila euro: circa 140 milioni a regime. Complessivamente il contributo delle tasse salirà al 73 per cento nel 2012, anzi di più considerando le nuove tasse degli enti locali che si rifaranno dei tagli ai trasferimenti aumentando le addizionali Irpef, come loro consentito già nel 2012. Il risultato finale è che per ogni euro generato (alla luce del sole e non in nero), metà andrà all’erario. E i tagli ai costi della politica? Spariti; un emendamento del governo in zona cesarini ha ridotto il taglio delle indennità dei membri di Camera e Senato, almeno sei volte di meno rispetto a quanto previsto nel testo originario, e ammorbidito l’incompatibilità del loro mandato con gli altri incarichi pubblici. Per taglio province e dimezzamento parlamentari siamo sempre a livello di promesse. Riassumendo: settimane di annunci per partorire una “geniale” manovra fatta del solito inasprimento delle tasse, a carico ovviamente di chi già le paga. Equità? Ignorata.
La domanda viene spontanea: giusto far fatica a tirare la fine del mese per permettere a questi signori di continuare il loro avido gioco? “i mercati finanziari non sono qualcosa di imparziale e neutrale, ma sono espressione di una precisa gerarchia: lungi dallessere concorrenziali, si confermano come fortemente concentrati: una piramide che vede al vertice pochi operatori finanziari in grado di controllare il 70% dei flussi finanziari globali e, alla base, una miriade di piccoli risparmiatori che svolgono una funzione meramente passiva”. (Andrea Fumagalli).
Limitandoci al settore energia, la manovra si rivela assurda poichè non ha compreso alcuna misura di sviluppo del settore green, fra i pochi che nel biennio abbia prodotto lavoro e reddito, nessuna misura semplificativa (vero motore di sviluppo, non i soliti incentivi) o sgravi fiscali (perchè non un annuncio dell’estensione della detrazione del 55% stabile per i prossimi cinque anni per interventi di efficienza energetica? Tremonti non ha provato a pensare a quanta Iva avrebbe incamerato? Ha calcolato quanta ne ha recuperata solo lo scorso anno grazie a un fotovoltaico che ha superato i 10.000 MW ?). Ora le nuove norme, come le ha riassunte l’Autorità per l’energia elettrica ed il gas:
• ampliano il novero delle attività energetiche cui si applica la citata maggiorazione includendovi anche le attività di trasmissione e dispacciamento dell’energia elettrica,
• trasporto del gas e le attività di distribuzione sia del gas che dellenergia elettrica;
• eliminano l’esenzione precedentemente prevista per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (biomasse, solare-fotovoltaica, eolica);
• incrementano dal 6,5% al 10,5% l’addizionale, da applicarsi nei tre esercizi finanziari successivi a quello in corso al 31 dicembre 2010.
Colpendo poi il settore delle reti, si rischia di ridurre gli investimenti che sono urgenti per migliorare la rete elettrica e permettere l’utilizzo della produzione rinnovabile, quanto all’estensione dell’Ires a questo comparto, che dire di uno Stato che da un lato si fa carico di incentivarne la produzione e dall’altro stabilisce una tassa su di essa?
Questo governo aveva varato un piano nucleare con l’obiettivo, fra gli altri, di ridurre il costo dell’energia, ma nei fatti continua a considerare il settore (accise benzina compresa) come un paniere a cui attingere a richiesta. Ottima cosa se l’obiettivo è quello di tirare a avanti il più possibile sulle spalle dei contribuenti, pessima se si ha a cuore le persone che abitano il Paese. (Roberto Meregalli)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pittori e caricaturisti a Piazza Navona

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

La Giunta Capitolina, su proposta dell’assessore alle Politiche Culturali e Centro Storico, Dino Gasperini, ha approvato oggi la delibera che regolamenta l’attività di pittori, ritrattisti e caricaturisti a Piazza Navona.
Potranno essere rilasciate le concessioni per un massimo di 44 postazioni in Piazza Navona, 12 in piazza Trinità dei Monti e 15 in ponte Sant’Angelo.
Ogni opera dovrà recare la firma dell’artista titolare della concessione e la certificazione di autenticità.
La durata della concessione sarà di due anni e, nel caso di piazza Navona, l’esercizio dell’attività sarà sospeso in concomitanza con le festività natalizie e la tradizionale “Festa della Befana”.
Le postazioni dovranno avere arredi rimuovibili con caratteristiche di omogeneità nei materiali e nei colori ed occupare un’area di 2 metri per un metro. Vengono fissate delle regole anche per gli espositori di opere d’arte che dovranno avere tutti la stessa dimensione ed essere in struttura metallica color grigio antracite. L’occupazione di suolo pubblico potrà essere rilasciata solo a seguito di un avviso pubblico del Municipio che disciplina i requisiti per l’iscrizione degli artisti ad un albo municipale. La Commissione tecnica chiederà ai candidati prove pittoriche che ne attestino le capacità artistiche.
Tra le altre novità, i titolari della concessione non potranno più usare mezzi o veicoli (apette) come deposito delle opere destinate alla vendita; l’illuminazione nelle ore notturne sarà consentita solo con una lampada che non superi i 100W, con divieto di usare gruppi elettrogeni; Il titolare non potrà essere sostituito e avrà l’obbligo di esporre un cartellino identificativo con foto e numero della concessione; l’occupazione non potrà essere effettuata prima delle ore 8 e dopo le ore 24; è vietato l’uso degli ombrelloni, ogni titolare potrà esporre nella cartella al massimo 15 tele senza cornici e dovrà stipulare un contratto per la pulizia dell’area.
«Una delibera attesa da anni – spiega l’assessore alle Politiche Culturali e al Centro Storico, Dino Gasperini – che garantisce e tutela una tradizione romana, ripristinando regole precise e fissando sanzioni severe con particolare attenzione al decoro della piazza, alla legalità, all’arredo e alla qualità delle opere d’arte che vengono proposte a cittadini e turisti e che finalmente libera piazza Navona – conclude Gasperini – da decine e decine di cavalletti».

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coltivazione mais OGM

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

La Corte afferma che la Francia ha adottato il divieto prendendo come base le norma sbagliata.
«Le valutazioni della Corte si basano su obiezioni formali che non modificano il fatto che la Francia e gli altri sei Stati europei che stanno vietando la coltivazione del MON810 hanno il diritto legale di farlo, sulla base delle preoccupazioni di carattere scientifico in merito alla sicurezza di questo OGM. Per questo invitiamo la Francia a perfezionare i tecnicismi del bando il prima possibile» afferma Federica Ferrario, responsabile campagna OGM di Greenpeace. Nel febbraio del 2008, il governo francese ha vietato la coltivazione del mais transgenico MON810 utilizzando come base formale la Direttiva 2001/18/EC invece dei Regolamenti UE n 1829/2003 e 178/2002. Monsanto, Pioneer e l’associazione francese dei produttori di mais e di sementi, hanno quindi dato il via a una causa contro questo bando presso il Consiglio di Stato francese. Il Consiglio di Stato, a sua volta, si è rivolto alla Corte europea. Dopo la decisione odierna, il Consiglio di Stato dovrà formalizzare l’atto. Le autorità francesi possono risolvere la questione andando a modificare la normativa comunitaria di riferimento. Molti altri Stati europei – Germania, Austria, Ungheria, Grecia, Lussemburgo e Bulgaria – vietano infatti la coltivazione del MON810 con argomentazioni analoghe al bando francese, a tutela della sicurezza di cittadini e ambiente.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aumento dell’Iva

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

L’aumento dell’Iva deciso dal Governo – dichiara Pietro Giordano Segretario Generale Adiconsum – oltre che produrre effetti negativi sui consumi degli italiani, rischia di realizzare effetti perversi sui prezzi dei beni soprattutto di prima necessità (alimentari, abiti, ecc.). Così come avvenne in occasione del passaggio dalla Lira all’ Euro gli arrotondamenti a rialzo dei prezzi operati soprattutto dai commercianti sono un rischio più che concreto.
Adiconsum impegna da subito le sue strutture in tutto il paese a monitorare a campione i prezzi prima e dopo l’aumento dell’Iva, denunciando eventuali speculazioni che i commercianti (non certo tutta la categoria) tenteranno di operare ai danni dei consumatori.Adiconsum – continua Giordano – non comprende perché il Governo:
1. Non abbia operato un aumento anche di 2 – 3 punti dell’iva sui beni di lusso non colpendo così i beni di largo consumo.
2. Non abbia realizzato la tassazione attraverso una patrimoniale sui beni mobili e immobili intestate a società di comodo e a evasori fiscali, facilmente rintracciabili ispezionando porti, aeroporti, catasto e garage.
3. Non abbia colpito ulteriormente gli sprechi e i benefit determinati dal costo della politica, anziché ridimensionarne i tagli.
Pur essendo indispensabile secondo Adiconsum una manovra robusta che non ci faccia precipitare nel baratro del default economico, non si possono colpire sempre “i soliti noti” cioè i lavoratori dipendenti e i pensionati, quindi gli strati più deboli del paese.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Robot chirurgico “da Vinci”

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

Con un team medico-infermieristico altamente qualificato, e le più moderne e collaudate attrezzature medico-chirurgiche, ha da poco debuttato alla Casa di Cura Villa Pini l’Unità Operativa di Urologia, diretta dal dottor Angelo Porreca, Responsabile del Dipartimento di Urologia del gruppo Policlinico Abano Terme. L’attività chirurgica del nuovo reparto, finalizzata al trattamento di tutte le patologie urologiche, si candida a diventare un’eccellenza della Regione grazie all’utilizzo di innovative tecniche mini-invasive endoscopiche, laparoscopiche e robotiche. Tra le strumentazioni più all’avanguardia della nuova Unità Operativa, il robot chirurgico “Da Vinci” e il Laser ad Holmio. Ogni anno in Italia si registrano oltre 23.500 nuovi casi di cancro alla prostata: il primo tumore maligno diagnosticato nel maschio adulto, con un’incidenza del 12%, e il secondo per causa di morte. Per intervenire su questa patologia, il robot Da Vinci, ora in dotazione presso la Casa di Cura Villa Pini, è considerato uno dei sistemi chirurgici più avanzati al mondo, in grado di eseguire, mediante accesso laparoscopico, complessi interventi mini-invasivi, offrendo numerosi vantaggi rispetto alle tecniche tradizionali. Oltre 300 gli interventi già condotti con questa tecnologia presso il Policlinico Abano Terme, il cui gruppo comprende anche Villa Pini. Nella struttura teatina, finora l’unica in Abruzzo ad essersene dotata, il robot recentemente introdotto ha già effettuato con successo oltre una decina di interventi.
Per trattare invece l’ipertrofia della prostata, una condizione sempre più frequente dopo i 50-60 anni, presso l’Unità del dottor Porreca viene praticata l’adenomectomia trans-uretrale mediante laser ad Holmio (HoLEP): con una durata di circa 1–2 ore e dimissioni solitamente a 24 ore dall’operazione, questa tecnologia rappresenta un’alternativa mini-invasiva all’adenomectomia tradizionale. I vantaggi dell’uso del laser sono le minime perdite di sangue e, quindi, la possibilità di operare pazienti ad alto rischio di sanguinamento e con voluminosi adenomi prostatici. (Fonte: Società Italiana di Urologia Oncologica)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le dimensioni territoriali di Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

Bene ha fatto il Sottosegretario Francesco Giro a sottolineare a Nicola Zingaretti che Roma rappresenta qualcosa di diverso sul territorio nazionale. Le dimensioni territoriali di Roma, i suoi quasi 3 mln di abitanti ai quali si aggiungono circa 500 pendolari al giorno, le sue competenze, il suo ruolo di sede di diverse istituzioni, la pone su un livello decisamente diverso. Nonostante ciò e le parole di Giro, la Capitale continua ad essere trattata come un qualsiasi ente locale. Tant’è che nella manovra non si parla più della riduzione dei parlamentari mentre qualche mese fa lo stesso Parlamento senza batter ciglio ha ridotto da 60 a 48 il numero dei consigliere comunali delle grandi città, come se gli eletti dal popolo per preferenza nella città fossero il vero costo della politica. A questa barzelletta non ci crede nessuno, i cittadini per primi, infatti sul numero dei consiglieri nelle assemblee comunali nessuno ha mai avuto nulla da obiettare, sia perchè vengono scelti direttamente dalla gente con l’espressione della preferenza sia perchè sono presenti sul territorio e vicini ai problemi della gente. Di tutto questo non si è tenuto conto, si è fatta un’operazione spot che priverà di rappresentanza il territorio romano, i quartieri e i municipi, il risparmio non c’entra nulla anche perchè parliamo di cifre bassissime. Sembrerebbe da un calcolo fatto che 12 consiglieri comunali costino all’anno allo Stato quanto un parlamentare, quindi a Roma, Napoli, Milano, Torino e Firenze si è preferito tagliare un’intera classe dirigente facendo fuori 60 consiglieri, invece di soli 5 parlamentari, ovviamente è un esempio per far capire che a parità di costo almeno per una volta sarebbe stato riconosciuto il nostro lavoro. Invece no, anzi, in tutti i dibatti si è sempre detto che i consiglieri di Roma Capitale vogliono aumentare il loro numero, falso, abbiamo chiesto di rimanere 60, così come è oggi, proprio in virtù di quello che rappresentiamo, della grandezza del territorio e delle maggiori competenze che dovrebbero essere assegnate a Roma Capitale. Purtroppo in questo clima di anti politica e di crisi questo passaggio potrebbe essere letto come una difesa della casta, ma visto che i consiglieri eletti nei comuni d’Italia tutto sono fuorchè una casta credo che davanti a tali disparità sia giusto far sentire la nostra voce e quella di chi ci ha eletto. Questo quanto dichiara Federico Rocca Consigliere del PdL di Roma Capitale. (On. Federico Rocca)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manovra: conflitto sociale

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

Roma L’USB indice per lunedì 12 settembre un nuovo presidio in piazza di Monte Citorio e invita tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori pubblici e privati, i precari, i disoccupati, i pensionati, i migranti e tutti coloro che sono indignati contro la macelleria sociale in atto, a partecipare dalle ore 15.00, in concomitanza con i lavori della Camera, per rimanere “col fiato sul collo” alla manovra. Prosegue la mobilitazione dell’Unione Sindacale di Base e dei movimenti sociali contro la manovra. Dopo l’occupazione della Borsa di Milano, le partecipatissime manifestazioni che in tutta Italia hanno accompagnato lo sciopero generale del sindacalismo conflittuale; la tendopoli indignata in piazza Navona, che ha fatto sentire la sua indignazione al Senato ed in corteo è giunta fino alla Camera, l’USB parteciperà all’Assemblea Nazionale “Indipendenza e conflitto sociale”.

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Muore per banale caduta

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2011

Il Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori medici e le cause dei disavanzi sanitari regionali, l’on. Leoluca Orlando, ha chiesto all’Assessore alla Sanità della Regione Sicilia Massimo Russo una relazione in merito ad un caso di presunto errore sanitario riguardante una giovane di 22 anni, deceduta lo scorso 16 luglio nell’ospedale Garibaldi di Catania.
Secondo quanto denunciato dai familiari, la ragazza, il 27 giugno, in seguito ad un incidente domestico, si è recata al pronto soccorso dell’ospedale Cannizzaro di Catania, dove le sono stati prescritti farmaci antidolorifici ed è stata dimessa. L’indomani, a causa dei forti dolori accompagnati da febbre e vomito, la giovane si è ripresentata allo stesso pronto soccorso, dove le è stato attribuito un codice verde. Solo in seguito alle insistenti richieste dei familiari, è stata sottoposta a una TAC da cui è risultata una lesione alla 5° vertebra sacrale. Anche in questa seconda occasione, le sono stati prescritti antidolorifici ed è stata dimessa. Le condizioni della paziente sono tuttavia andate peggiorando e perciò il 6 luglio, presso l’ospedale di Paternò, è sottoposta ad una seconda TAC, a seguito della quale le sono stati prescritti altri farmaci e le è stato indicato di ripresentarsi per una nuova visita dopo sei giorni. Il 10 luglio, però, la giovane ha perso improvvisamente conoscenza. Trasferita all’ospedale Garibaldi di Catania, le sono state rilevate necrosi e setticemia. La paziente è deceduta il 16 luglio. Per far luce sul caso, il direttore della Asp di Catania Giuseppe Calaciura ha disposto un’indagine interna. “La Commissione d’inchiesta che presiedo”, ha scritto Orlando a Russo, “senza pregiudizio per le eventuali indagini in corso da parte della competente autorità giudiziaria, intende acquisire ogni dato utile a conoscere lo svolgimento dei fatti, sia in merito alle eventuali criticità organizzative riscontrate, sia in ordine ad iniziative amministrative, sanzionatorie e/o cautelari assunte a fronte di eventuali responsabilità individuali. La documentazione acquisita sarà valutata per eventuali, ulteriori adempimenti di competenza”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »