Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 12 settembre 2011

Ten years later

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

Ten years ago, we were all stunned by the horrors inflicted upon our country by a group of hateful maniacs who sought to murder our fellow citizens. That bright Tuesday morning changed our city, our community, our state, our country and our world. It is hard to believe it was ten years ago that we witnessed the murder of over 3000 innocent people. When I return home to New York, I am always affected by the first sight of Manhattan without the World Trade Center towers. It may have been a decade, but to me it feels like yesterday. President Franklin Roosevelt called the attack on Pearl Harbor “a date which will live in infamy.” For this generation, September 11, 2001 is also a day to live in infamy. It will forever be etched in our memories with other days such as the assassinations of JFK, RFK and Martin Luther King Jr.
September 11, 2001 was a day where the world witnessed the worst of what mankind can do – commit the senseless murder of the innocent. The terrorists used their hatred to recruit those who have nothing, and as a result, their ambitions to take their ideological war to our shores was fulfilled. However, 10 years later, Osama bin Laden is dead, as are most of his deputies. Many more are on the run. His former second-in-command is awaiting trial. The Arab and Muslim world have begun to rise up and demand freedoms rather than embrace the message of hate. In addition to the tragedy, 9-11 was also a day which featured some of the most touching displays of brotherhood and humanitarianism. I was reading an article this week about some of the 9-11 victims, and was reminded of the story of Tappan native Welles Crowther, the “man in the red bandana.” This young man sacrificed his own life by repeatedly going back into the South Tower to lead others to safety. He was, and remains, a true American hero. His story stands along side those of the thousands of other victims, many of whose heroism may never be known. September 11 also featured the thousands of first responders and volunteers who stayed for months searching for survivors and victims. The lines of citizens waiting to donate blood to the wounded who never emerged, was another sign of the selfless volunteerism which also marked this sad day. We can also remember those who continued to search the rubble for remains, to give families some measure of closure. Sadly, many of them continue to be victims of 9-11 as a result of diseases contracted from exposure to the fumes and debris from the pile. That is why I – along with my fellow New York Congressmembers – fought hard for the passage of the James Zadroga 9-11 Health and Compensation Act (H.R. 847). Time has been very unkind to many of the heroes of 9-11. The exposure to toxins, at the site, has left a significant number with severe health issues – including unnaturally high rates of asthma, lung disease, depression, cancer and other ailments. We still don’t fully know the long-term effects of exposure to the toxins from 9/11. The 9-11 Health and Compensation Act provides medical monitoring and treatment to victims exposed at Ground Zero. I would like to see it cover cancer as well, and I will continue to plead the case for the many ongoing victims of 9-11 who suffer from cancer, likely resulting from their exposure at Ground Zero. It is in all their names that we mark this day and pledge to never forget this unspeakable tragedy. We also mark this anniversary at a time when news has broken claiming that certain charities either misused the donations made, or were simply frauds who used the generosity of Americans, and one of the greatest tragedies ever to occur on our soil, to make a few dollars. This is deplorable and I have encouraged the Justice Department to prosecute them to the full extent of the law. A great deal has happened in America and throughout the world in the last ten years, but for me, and most New Yorkers, the memories from September 11, 2001 are still fresh and vivid. Let us always have a place in our minds and hearts for what happened that day, and make sure we never see another 9-11

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Io non ho paura: tremo

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

Cover of "Io Non Ho Paura (Un Film Di Gab...

Cover via Amazon

Ho sempre percepito il ruolo del magistrato inquirente come un qualcosa da evitare perché insidioso, sfuggente, persecutorio. Mi sorprende che nei vari conversari ho potuto notare una similare sensazioni anche in molti miei conoscenti o occasionali incontri con sconosciuti ma con i quali incidentalmente si è parlato di magistratura e di inchieste. Ne deduco che dal mio osservatorio ciò che provo è condiviso. Mi sono anche chiesto la ragione di tale avversità e mi sono detto: dipenderà dalle lungaggini delle indagini, dalla lentezza delle procedure, dal sistema degli interrogatori, dalla supponenza di chi è convinto che la verità dell’inquisito è solo una mossa difensiva, ma irrilevante nel giudizio di merito. Tutto questo mi porta ad un esempio pratico e a capire le ragioni che hanno spinto il nostro presidente del consiglio a glissare il rapporto diretto con la magistratura, quella di Milano in particolare, e che si è appalesato anche nell’audizione, all’ultimo momento rinviata sine die, con il procuratore capo di Napoli per essere ascoltato come parte lesa per un supposto tentativo di ricatto subito. Se mi fossi trovato nelle stessa posizioni di Berlusconi e non sapendo bene quali carte dispongono gli inquirenti, avrei avuto molto da temere che da vittima potessi trasformarmi in un reo. E il mio avvocato di certo mi avrebbe suggerito un rinvio “tecnico” per cercare di scoprire, nel frattempo, gli elementi di prova per evitare le trappole giudiziarie. Sin qui la difesa di un uomo che ha qualcosa da nascondere. Di certo un dubbio lo avrei al pensiero di aver aiutato, guarda caso, proprio la persona che un tempo si era prestata ad inviarmi certe signorine e che poi si è venuto a sapere non fossero di buona società con tanto blasone, ma delle escort. E’ proprio da dire: mala tempora currunt. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Mussolini finto prigioniero al Gran Sasso”

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

Mussolini rescued by German troops from his pr...

Image via Wikipedia

In data odierna, 12 settembre 2011, esattamente sessantotto anni dopo dalla liberazione di Mussolini al Gran Sasso in quel 12 settembre 1943 ad opera dei tedeschi, Vincenzo Di Michele annuncia inaspettati risvolti storici e nuove testimonianze sulla permanenza del Duce a Campo Imperatore con la sua ultima novità editoriale Mussolini finto prigioniero al Gran Sasso, Curiosando Editore. Nell’ambito di tale rivisitazione storica, l’autore, rivela nuovi percorsi storici cui prestar attenzione grazie anche alle testimonianze inedite dei pastori abruzzesi e di chi era
presente nel settembre 1943 all’albergo di Campo Imperatore. Infatti, sono stati accertati e riscontrati avvenimenti storici sinora sconosciuti, come ad esempio, la presenza di tre personaggi nell’albergo di Campo Imperatore, i quali sono stati invitati proprio dal tenente Alberto Faiola, Comandante del nucleo Carabinieri addetto alla sorveglianza di Mussolini al Gran Sasso. Addirittura uno di questi personaggi, Alfonso Nisi originario di Fano Adriano piccolo paese alle pendici del Gran Sasso, rilasciò un’intervista dove dichiarò la sua presenza in quei giorni come ospite – grazie ad un invito del tenente Faiola – nell’albergo di Campo Imperatore. Sempre il Nisi, affermò che Mussolini a Campo Imperatore: poteva fare quel che gli pareva e piaceva, vedere gente, ricevere e inoltrare lettere clandestine, e che, insomma, la sorveglianza non era né stretta né efficace. Sta di fatto che tale personaggio Alfonso Nisi, si trovò presente al momento della liberazione del Duce al Gran Sasso, e che la sua presenza lassù era certamente indebita. La notizia or citata, in realtà, era già stata pubblicata ai primi degli anni 60, dalla rivista Storia Illustrata, anche se, passò del tutto inosservata. Eppure, il tenente Alberto Faiola, Comandante dei Carabinieri al Gran Sasso, fu encomiato per la sua piena aderenza alle disposizioni impartite. Ed inoltre, nella nuova opera del Di Michele – con prove documentali- è stata attentamente analizzata la concreta possibilità di intraprendere la via di fuga verso il versante teramano portando così il Duce in luoghi più sicuri. Ad esempio, a soli 30 minuti di marcia, c’era il rifugio Duca Degli Abruzzi tra l’altro proprio in uso all’Aereonautica Militare e non molto distante, c’era anche il
Rifugio Garibaldi. Nonostante siano trascorsi quasi 70 anni, la liberazione del Duce a Campo Imperatore continua ad essere un argomento dove ci sono molti episodi ancora da chiarire, ed in particolare, riguardo alla reale portata storica correlata all’incursione delle forze germaniche. A tal conto, viene quindi analizzata da Alvise Valsecchi, circa un effettivo dimensionamento storico dell’intervento di liberazione ad opera dei paracadutisti tedeschi – evidenziando peraltro in maniera comprovata la mancata proverbiale efficienza dell’ esercito tedesco – in riferimento all’azione di liberazione di Mussolini al Gran Sasso.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The exhibition John Atkinson Grimshaw

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

London W1S 2TS 21 September – 23 October 2011,147 New Bond Street, Richard Green. The exhibition devoted to the Victorian artist  John Atkinson Grimshaw (1836– 1893) is  the autumn highlight at Richard Green’s flagship Mayfair gallery.  Grimshaw began his career  painting in the style of the Pre-Raphaelites but  his mature works are more romantic conjuring up leafy lanes of suburban Leeds and the  shadowy dockyards of Liverpool and London. Famous for his moonlight scenes, it was of these that Whistler is reputed to have said: “I thought I had invented the  Nocturne, until I saw Grimmy’s moonlights.” Opening Times: Monday – Friday 10 a.m. – 6 p.m., Saturdays by Appointment

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dimitte voces accipe sensum

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

Ginger and Cinnamon

Image via Wikipedia

Tralascia la parola, cogli il senso. E’ questa la regola d’oro tra quanti ascoltano il “vociare” della politica, fatta di promesse, di bugie, di disinformazione, di provocazioni e chi più ne ha più ne metta. Abbiamo tante, tantissime parole in libera uscita che è arduo dare loro un ordine, una misura, una spiegazione logica. E’ che, come nel detto latino, dobbiamo abituarci, per vederci chiaro, a capire ciò che si nasconde dietro il paravento delle parole. La recente finanziaria è un campione di parole vendute al vento, raccolte dagli ingenui, smerciate dai furbi e dagli opportunisti delle opposte fazioni per gli usi di comodo. Se fossimo andati diritto alle riserve mentali che opportunamente nascondevano e ne avessimo colto il senso, con molta probabilità oggi saremmo più arrabbiati di prima, più offesi nei confronti di chi ha carpito la nostra buona fede, per aver fatto mercimonio delle nostre idee e principi. Lo stesso dovremmo dire per le note vicende del nostro presidente del Consiglio. Sfido chiunque a voler negare che si tratti non di un caso raro ma unico. Lo hanno attraversato 49 indagini delle procure, alcuni sono stati rinvii a giudizio seguiti da processi e per tutta questa mole di atti che ci dicono le parole? Che è tutto un accanimento giudiziario, che sono tutte invenzioni dei giudici brigatisti, eversivi, persecutori di vittime innocenti. Sono state intercettate telefonate a dir poco compromettenti per fissare appuntamenti con escort, passate per signorine di buona società in visita al premier per farsi emendare dai loro traviati costumi e che qualcuno vi abbia pure speculato per trarne illeciti profitti ricattando il padrone di casa. E noi, anche questa volta, ci siamo fermati alle parole. E sono sempre le parole che generano applausi convincendoci che tutto è normale, tutto è conforme allo spirito degli italiani, donnaioli, seduttori, cacciatori di avventure erotiche, guardoni. Ma sono sempre e solo parole. Possibile che non siamo tanto maturi da andare oltre e fermarci a coglierne il senso? (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commemorates the poet Ugo Foscolo

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

As customary, on 10th September, at the cemetery of St Nicholas in Chiswick, the Italian community commemorates the poet Ugo Foscolo, who came to be exiled in London between 1816 and 1827 as a consequence of the Austrian invasion of Milan. It was a friend of the poet, Hudson Gurney, who paid homage to Foscolo by commissioning the construction of a tomb by the renowned sculptor Carlo Marocchetti (1805-1867). Over the years the tomb fell into a state of disrepair, but on the occasion of the 150th anniversary of the unification of Italy, it was returned to its formal glory, even though the poet’s remains were moved to Florence in 1981. The restauration of the tomb was made possible thanks to the relentless efforts of Elisa Provini Walker, director of the Foscolo Appeal Fund, raising 20K necessary for the works. On Saturday, 10/09/2011 at 11am members of the Italian community, headed by Elisa Provini Walker, Ministro Stefano Pontecorvo from the Italian Embassy, Senator Raffaele Fantetti, the Mayor for Chiswick and Hounslow, Councillor Paul Lynch, Marina Fazzari and Charles de Chasseron, respectively presidents of the Il Circolo and the British-Italian Society, and Rocco Franco, master of the ceremony, gathered around Foscolo’s tomb to renew their bond for the Poet who represents the struggle of a nation for its unity. “This is a great occasion, stated Ministro Pontecorvo, that marks the efforts of the pertinaciousFoscolo Appeal Fund, that went to great lengths to ensure that such an important historical symbol of Italian heritage was not forgotten”. (Fonte Italo europeo, Londra) (commemorate)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Auomobilismo:Weekend da dominatori

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

Lo sono per Ivan Bellarosa e la Wolf GB08 a Silverstone (Regno Unito) nel quinto e penultimo round della Speed Euroseries 2011. Il pilota italiano ha centrato sull’impegnativo tracciato inglese un impressionante en-plein costituito da pole position e vittoria in entrambe le gare. Una supremazia indiscussa che ribadisce come la Wolf GB08-Honda costituisca in questo momento il riferimento assoluto a livello di performance e affidabilità tra le barchette di classe CN2, ma che rilancia anche Bellarosa in classifica, dove ora è terzo con gap di 23 punti dal leader sui 33 ancora in palio. Buona anche la prestazione di Dean Stirling e Matthew Draper, sesti in gara uno e settimi nella seconda. Ritiro invece per l’esordiente Pierre Nicolet nella prima corsa, seguito però da un incoraggiante nono posto nella seconda.
La Speed Euroseries tornerà in pista il prossimo 25 Settembre ad Estoril (Portogallo) per il round conclusivo della stagione.(weekend)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Giovane Italia a Caltanissetta

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

Il movimento giovanile del Popolo della Libertà, continua a strutturarsi nel nisseno. Dopo numerose adesioni, che hanno portato alla costituzione di alcuni Coordinamenti comunali in vari Paesi della Provincia nissena, anche il Coordinamento provinciale, in attesa del primo congresso provinciale che si terrà nei prossimi mesi, ha iniziato ad organizzarsi formalmente. Sarà infatti la giovanissima Consigliere Comunale di Villalba, Alessia Saia, a rivestire l’importante ruolo di Vice Coordinatore Provinciale, e ad affiancare il Coordinatore Provinciale, il nisseno Oscar Aiello, al vertice della Giovane Italia della Provincia di Caltanissetta.
Nonostante la sua giovane età, Alessia Saia vanta un’esperienza politica di tutto rispetto: per diversi anni Coordinatore cittadino di Forza Italia Giovani di Villalba, e Commissario anche per Vallelunga Pratameno, ha partecipato a numerosi corsi di formazione politica (a Cefalù, Sorrento, Giardini Naxos, Montecatini Terme, Villaggio Mosè). Esperienze queste che le hanno permesso nel 2010 di essere eletta Consigliere Comunale di Villalba e di diventare leader dell’opposizione. Dal canto suo il Coordinatore Provinciale della Giovane Italia, Oscar

Aiello, nel fare i complimenti al neo Vice Coordinatore provinciale afferma che: “La scelta di Alessia Saia risponde a pieno all’applicazione dei principi meritocratici, Alessia ha infatti sempre dimostrato di sapersi sacrificare per il partito, di essere coerente e portatrice di determinati valori, con i quali mi coadiuverà per far crescere, soprattutto nel Vallone, il movimento giovanile, prezioso vivaio per la rinascita del Partito Popolare Europeo che sta tanto a cuore all’On. Angelino Alfano”. (oscar aiello)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chirurgia oculoplastica

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

Cernobbio rovenna bisbino

Image via Wikipedia

Dal 15 al 17 settembre a Cernobbio (Co), il ventinovesimo congresso Esoprs, la società europea di Oculoplastica: più di 600 esperti e oltre 400 lavori originali Più di 600 medici ultraspecialisti e oltre 400 lavori originali da presentare. Sono i numeri del ventinovesimo congresso Esoprs – European Society of Ophthalmic Plastic and Reconstructive Surgery. La società europea di Oculoplastica si dà appuntamento dal 15 al 17 settembre sulle rive del lago di Como, a Villa Erba di Cernobbio, per il più importante momento di confronto sulla chirurgia oculoplastica. «Parliamo di una branca dell’oculistica che sta ottenendo un sempre maggiore interesse, come dimostrano anche i numeri di questo congresso», spiega Francesco Bernardini, chirurgo oculoplasta di Genova che, insieme a Carlo De Conciliis, oculoplasta di Milano, ha curato l’organizzazione del congresso. «Abbiamo voluto proporre un programma scientifico di primo piano garantendoci la presenza dei principali esperti mondiali in una location di grande prestigio a livello internazionale». Hanno dato la loro adesione medici provenienti da Australia e Nuova Zelanda, Sud America (Argentina, Brasile, Uruguay Paraguay, Venezuela, Bolivia e Cile). Numerosa la rappresentanza da Cina, Taiwan e Corea del Sud; attesi anche alcuni esperti dall’Iran e dall’Egitto. Nei tre giorni di congresso saranno discussi temi che vanno dalle novità in chirurgia estetica dello sguardo, tra cui il lipofilling associato alla blefaroplastica e al lifting endoscopico della fronte e del sopracciglio, l’impiego di tossine botuliniche di ultima generazione, l’uso dei filler a base di acido ialuronico e idrossiapatite nel ringiovanimento dello sguardo e di tutto il viso. Altre novità saranno presentate in ambito della chirurgia dell’esoftalmo tiroideo, paragonate le diverse tecniche di decompressione orbitaria per migliorare l’aspetto estetico e funzionali dei pazienti affetti da esoftalmo (occhi eccessivamente sporgenti a causa della tiroide), in campo della chirurgia delle vie lacrimali e chirurgia ricostruttiva delle palpebre. «Il campo di applicazione della chirurgia oculoplastica è molto esteso -spiegano Bernardini e De Conciliis-. È una specialità ancora poco conosciuta in Italia, anche se i problemi che potrebbe risolvere sono molto diffusi. Il chirurgo oculoplasta cura in genere patologie che interessano l’orbita (quello spazio che sta dietro il bulbo oculare), le palpebre e le vie lacrimali e che causano problemi dal punto di vista estetico e funzionale. Le patologie sono le più diverse e vanno da quelle più gravi, come i tumori orbitari, ad altre più estetiche, come la blefaroplastica con l’eliminazione delle “borse”. Ogni intervento è praticato con tecniche aggiornate, mini invasive, che permettono di non lasciare cicatrici e di ridurre al minimo il rischio di complicazioni».
Il programma del congresso prevede il primo giorno un corso di chirurgia oculoplastica di base per oculisti che vogliono muovere i primi passi in questa disciplina e per oculoplasti che vogliono migliorare le loro tecniche. Negli altri due giorni si aprirà dibattito ed il confronto tra i super esperti su temi che vanno dalle novità in chirurgia estetica dello sguardo, chirurgia funzionale e ricostruttiva. Per il programma dettagliato: http://www.esoprs2011.com (Marco Parotti)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Internet: promesse mancate

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

Internet transit

Image via Wikipedia

Inizia la scuola e un po’ di memoria per un popolo di smemorati e’ sempre utile. Il programma elettorale per la scuola della Casa delle Liberta’, in occasione delle elezioni politiche del 2001 (!!!), aveva come elementi caratterizzanti le tre “i”: inglese, internet, impresa. Dopo cinque anni ininterrotti di governo, caso unico nella storia della Repubblica Italiana, poteva essere vantato il raggiungimento di un obiettivo, una di queste “i”, quella relativa ad internet. Di anni di governo, ora del Popolo della Liberta’, ne stanno passando altri cinque e l’obiettivo e’ ancora lontano. A 10 anni da quella promessa non siamo messi bene. Secondo i dati diffusi da Eurostat e relativi al primo trimestre 2010, la percentuale delle famiglie italiane collegate a Internet con una connessione a banda larga e’ il 49% del totale contro una media europea del 61%. La Slovacchia si posiziona allo stesso livello dell’Italia. In vetta alla classifica figura la Danimarc a (80%) seguita dalla Germania (75%). Secondo Boston Consulting Group, il peso della Rete sul Pil e’ l1,9% mentre nella Repubblica Ceca e’ quasi il doppio, addirittura la Polonia ci sorpassa. Insomma, l’attenzione a Internet, e a tutto cio’ che questo comporta, e’ presto scemato, come la promessa di ridurre a due le aliquote fiscali (23 e 33%). (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Achieving a Sustainable Internet Model

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

Neelie Kroes is the current European Commissio...

Image via Wikipedia

Brussels 3rd October 2011, The Square, As fully recognised by the EU 2020 Strategy and the Digital Agenda, the Internet is increasingly changing our daily lives in a positive way and used as a key enabler for industry sectors and contributor to societal challenges such as climate change and an ageing population. High performance networks providing fast access to innovative, quality services and products are essential for the success of the Digital Agenda for Europe. The exponential growth in data traffic over fixed and mobile broadband networks, driven mainly by over-the-top (OTT) applications such as video, requires huge investment in order to deploy additional network capacity. A new equilibrium will be essential to ensure that players generating large amounts of data traffic also contribute to the investment challenge ahead. Without clear economic and investment incentives, network congestion will increasingly affect innovation and growth. At this crucial time, ETNO and the Financial Times are proud to present a Summit to foster dialogue between all actors of the Internet eco-system to debate how to allow innovative services to be launched, how the current commercial model may need to evolve and how new revenues can be generated to justify infrastructure investments. It will also look at the role policy makers can take in supporting these initiatives to achieve a viable, sustainable Internet for the benefit of all. Decisions taken now will affect the way the Internet is developed and used and we are proud to convene a distinguished speaker line up to discuss the way forward. The Summit will feature a keynote presentation from European Commissioner Neelie Kroes and two high-level CEO panel debates. Proceedings will be chaired by the Financial Times.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

La nomination repubblicana e l’estremismo di Perry

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

"The Honorable Rick Perry (front right), ...

Image via Wikipedia

“È uno schema Ponzi” e una “menzogna mostruosa”, ecco come Rick Perry ha definito il Social Security. Lo ha detto nel recente dibattito repubblicano a Simi Valley, California, nella biblioteca presidenziale Ronald Reagan. È un’idea che Perry aveva anche espresso nel suo libro “Fed Up” (Adesso basta), dalla quale non si è allontanato nonostante la sua recente candidatura alla nomination del Partito Repubblicano. Si tratta di poco più di un’emozione ma sufficiente per confermare la sua posizione di primo della classe del Partito Repubblicano come indicano i recenti sondaggi. Perry, infatti, poco dopo la sua scesa in campo, ha superato Mitt Romney (27% a 14%), lasciando indietro gli altri candidati, specialmente Michelle Bachmann. La parlamentare del Minnesota era divenuta l’erede di Sarah Palin con il Tea Party e gli evangelici. Non più. Perry è riuscito in pochissimo tempo a creare un corsa a due con Romney, quest’ultimo visto come il candidato dell’establishment repubblicano. Romney, infatti, al dibattito in California, ha preso le difese del Social Security dicendo che nonostante i suoi problemi, è un programma dal quale dipendono molti americani. Romney parlava a un pubblico che includeva l’elettore americano medio. Perry invece si stava indirizzando a coloro che voteranno nelle elezioni primarie molti dei quali condividono le sue idee che il Social Security è in pericolo. La realtà è però molto più vicina all’ex governatore del Massachusetts che non a Perry. Il Social Security ha delle difficoltà come lo hanno tutti i sistemi di pensioni. Qualche ritocco però, come l’aumento dell’età per ottenere la pensione e qualche lieve aumento ai contributi, riusciranno a mantenere il programma vivo per molto tempo. Il fatto che la maggioranza degli americani lo considera importante nonostante tutti gli attacchi dalla destra vuol dire che rimarrà e che le soluzioni si troveranno.
Perry però si sta concentrando sulla vittoria delle primarie. Ecco come si spiegano le altre asserzioni estremiste dell’attuale governatore del Texas. Nel suo libro “Fed Up” Perry ha anche sostenuto idee che fanno piacere all’estrema destra. Ritiene che l’omosessualità è simile all’alcolismo, ossia una scelta personale che tutti potrebbero cambiare. Crede anche che il sedicesimo emendamento alla costituzione, che autorizza le tasse federali al reddito, andrebbe abrogato. Il successo di Perry è in buona parte dovuto all’economia del Texas e la creazione di posti di lavoro. È qui che il governatore del Texas vede il suo forte. Il Lone Star State ha creato un milione di posti di lavoro dal 2011 mentre in tutto il Paese invece si sono perduti 2,5 milioni di posti di lavoro. Ma anche qui si tratta di relazioni pubbliche da parte di Perry. Se si guarda un po’ con attenzione si nota che la crescita nel Texas è dovuta agli incrementi della popolazione, alle tasse ricevute dal petrolio, come pure alle spese del governo federale che Perry continua a demonizzare. Si calcola che il governo federale ha speso venti miliardi di dollari nel Texas, figura che spiega il 47 percento dei nuovi posti di lavoro. Perry non vede che una buona parte di questi nuovi posti di lavoro pagano pochissimo e molti non offrono l’assicurazione medica. Quando si aggiungono i tagli del governo statale alla spesa pubblica sulla sanità si nota che il 27 percento dei texani non ha assicurazione medica comparata alla media nazionale del 17%.
Nelle poche settimane che Perry è stato candidato alla nomination repubblicana ha scavalcato tutti i suoi avversari. Fino ad adesso però non ha subito gli scrutini della stampa né gli attacchi degli altri candidati eccetto per alcune frecciate nel recente dibattito. Una di queste che sembra avere colpito il bersaglio è la visione di Perry della scienza. Secondo il governatore del Texas il riscaldamento globale è una teoria che la scienza non ha ancora dimostrato. Quindi secondo lui non bisogna preoccuparsi e lasciare le aziende fare il suo lavoro senza mettergli i bastoni fra le ruote con regole eccessive che potrebbero avere un impatto negativo sull’economia.
Sia Romney che John Huntsman, uno dei candidati “minori” con poche chance alla nomination, hanno attaccato Perry dicendo che per essere eletti presidenti bisogna fare i conti con la scienza. Secondo la National Science Academy, infatti, il riscaldamento globale non solo esiste ma è causato dall’uomo e le sue attività industriali. Ciò potrebbe spiegare in parte la siccità che ha colpito il Texas quest’estate. La reazione di Perry è stata prima di tutto di tagliare i fondi ai vigili del fuoco dello Stato. Poi ha chiesto ai suoi concittadini di pregare Dio per la pioggia.
Se Perry dovesse ottenere la nomination repubblicana ed eventualmente vincere l’elezione generale forse saranno gli americani a pregare Iddio che ce la mandi buona. (Domenico Maceri)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ciclabilità in Europa

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 settembre 2011

Musica e biciclette

Image via Wikipedia

Raccogliere un milione di euro per promuovere l’uso della bicicletta in Europa e triplicare entro il 2020 il numero dei degli europei che useranno la bici nei loro spostamenti. E’ questo l’obiettivo principale dell’accordo sottoscritto tra l’ECF, la Federazione dei ciclisti di tutta Europa cui aderiscono 500 mila iscritti residenti in oltre 40 paesi, e i rappresentanti delle principali industrie del settore ciclo. E’ successo alla Fiera Eurobike di Friedrichshafen, il principale evento del settore in Germania, conclusasi la settimana scorsa. Al momento i primi ad aderire all’accordo sono stati i rappresentanti dei principali produttori di bici al mondo: l’olandese ACCELL, lo svizzero DT, il tedesco Schwalbe, l’italiana Selle Royal, le americane SRAM, Trek e Trelock. Il gruppo di industriali finanzierà le attività dell’ECF finalizzate a promuore le politiche della bici come mezzo di trasporto in tutta Europa. Altre aziende sono state invitate ad aderire: occorre mettere insieme 1 milione di euro in denaro a partire dal prossimo anno per questo genere di attività. Lo scopo è anche quello di triplicare il numero dei ciclisti in Europa entro il 2020. Manfred Neun, presidente di ECF e già operatore di settore (ora in aspettativa per seguire gli interessi di ECF) non perde tempo nel mettere in luce l’importanta dell’intesa: “una difesa forte non può che rafforzare il settore della bicicletta, e viceversa. Si tratta di un rapporto di reciproco sostegno. Il lavoro di lobby e di promozione per migliorare le condizioni generali di viabilità e sicurezza per i ciclisti è il migliore interesse del settore dei produttori di biciclette. Più persone si spostano in bici, più biciclette vengono vendute, più potere contrattuale hanno i portatori di interessi di settore nei confronti dell’Europarlamento.
“L’industria della bicicletta”, dice Burke “ha avuto esiti positivi in Europa. Anche TREK ha avuto tratto ottimi vantaggi. E’ giusto ora che queste aziende facciano qualcosa a favore del mercato. Questo accordo è un ottimo modo per farlo. Raggiungere l’obiettivo di raccogliere 1 milione di euro per sviluppare l’uso della bici in Europa, secondo Burke è un obiettivo possibile: “Tante persone credono che la bicicletta sia una soluzione semplice a molti problemi complicati.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »