Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

E’ colpa tua o anche mia?

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2011

Giuliano Amato, Italian politician. Festival d...

Image via Wikipedia

Editoriale Fidest. L’ex presidente del consiglio Giuliano Amato in un suo passaggio nella trasmissione di La7 con Lillli Gruber ha osservato che gli italiano sono più propensi ad attribuire le colpe agli altri ma si rivelano incapaci di autocritica. Il riferimento, a mio avviso, mi pare chiaro. Quando Bersani chiede a gran voce, e lo fa oramai da oltre un anno, le dimissioni di Berlusconi attribuendogli tutti i mali del Paese dovrebbe per primo riconoscere i propri limiti politici e di leadership. Un argomento che il Presidente del consiglio ha reso inoppugnabile dimostrando che lui solo è capace di mettere alla fine tutti d’accordo nella sua coalizione mentre le opposizioni navigano a vista. Ho avuto già modo d’osservare che l’attuale leadership di centro destra non è il frutto di un carisma o di un consenso elettorale ma solo la conseguenza di un vuoto politico che copre tutto l’arco partitico ovvero dalla maggioranza alle opposizioni. E la vista corta, in questo caso, non sembra avere limiti. Non figura convincente alle nomenclature di partito il segnale lanciato nel voto delle comunali di Milano e Napoli dove due outsider l’hanno spuntata a dispetto dei loro stessi alleati. Casini ha affermato, in un suo intervento pubblico, che dobbiamo dire basta a chi si tiene stretta la poltrona per “resistere, resistere, resistere” mentre tutti noi abbiamo bisogno di chi “governa, governa, governa”. Giusto, ma chi dovrebbe governare? E ancora una volta Berlusconi ha ragione allorchè rimanda al mittente la possibilità di costituire un “governo tecnico”. Qui le decisioni sono politiche prima ancora che tecniche. Ma gli elettori sanno bene dei limiti del loro presidente del Consiglio e dei condizionamenti che i poteri forti esercitano su di lui. Ma dobbiamo dire grazie, ancora una volta, se la situazione resta di stallo, ai D’Alema, Casini, Fini, Bersani et similia perché non fanno nulla per costruire le premesse per governare, ma cercano anche loro di “resistere, resistere e ancora resistere”. E’ questo il vero dramma dell’Italia, paese di una politica da mantenuti. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Una Risposta to “E’ colpa tua o anche mia?”

  1. aldocannav said

    L’opposizione le proposte per governare le ha sempre fatte,ma non sono mai state prese in considerazione dal governo che si dice di maggioranza,ma che se si andasse alle urne domani sarebbe ampiamente bocciato dai cittadini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: