Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 22 settembre 2011

(fidest) Autovie Venete: Consiglio di Amministrazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

Autostrade of Italy

Image via Wikipedia

Previsioni confermate per il bilancio d’esercizio (1 luglio 2010-30 giugno 2011) della Concessionaria, i cui risultati, anticipati dalle “trimestrali” – tutte positive – sono decisamente buoni. Il fatturato è di 139 milioni 588 mila euro a fronte dei 122 milioni 713 mila euro dell’esercizio precedente. Cresciuto, e non di poco, anche il margine operativo lordo (Mol), passato dai 46 milioni 665 mila euro agli attuali 55 milioni 384 mila euro. Un indicatore di redditività estremamente importante e significativo, perché evidenzia il reddito dell’azienda basandosi solo sulla sua gestione caratteristica, al lordo, quindi, di interessi, tasse e deprezzamento dei beni e ammortamenti. Meno brillante, a causa della maggiore imposizione fiscale che ha fatto sentire i suoi effetti durante questo esercizio, la cifra relativa agli utili: mentre quello ante-imposte, che nell’esercizio precedente era di 27 milioni 449 mila euro è passato a 31 milioni 594 mila euro quello netto, che era di 18 milioni 830 mila euro è sceso a 16 milioni 395 mila euro
Sul versante della governance, il Consiglio ha scelto la soluzione interna per il “dopo Melò”. A partire dal primo ottobre, data in cui l’amministratore delegato della Concessionaria passerà definitivamente al Gruppo Toto (pur restando nel CdA di Autovie fino a dicembre per seguire la delicata partita finanziaria) le deleghe saranno redistribuite fra il presidente della società Emilio Terpin e il direttore operativo Enrico Razzini. Al presidente Terpin, quindi, andranno tutte le deleghe istituzionali che non presentano nessun problema di incompatibilità, mentre a Razzini faranno capo tutte quelle gestionali. Ridefinendo l’organigramma aziendale su queste basi la società, che dispone di professionalità di elevato livello in tutti i settori strategici, sarà perfettamente in grado di affrontare gli impegni dei prossimi anni, il tutto con un risparmio complessivo di 148 mila euro – sugli emolumenti degli amministratori.
E’ di 148 mila euro il risparmio complessivo derivante dal nuovo assetto di Autovie Venete. In linea con quanto richiesto dal presidente della Regione Tondo, infatti, la redistribuzione delle deleghe con le funzioni gestionali assegnate all’ingegner Razzini che ha assunto il ruolo di direttore generale ad interim, ha portato a una riduzione dei costi. L’assemblea dei soci del 2009 aveva stabilito in 30 mila euro il compenso per il Presidente di Autovie Venete e in 16 mila 200 euro quello per i Consiglieri. Complessivamente 208 mila euro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Economist in edicola domani

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

I temi della settimana:
Nella sezione Europe, l’articolo sul vacillante governo italiano e l’ostinazione di Berlusconi Slipping into darkness.
Nella sezione Europe, la rubrica Charlemagne High noon over Palestine sulla posizione dell’Europa di fronte alla richiesta palestinese di riconoscimento dello stato palestinese, tema che viene ripreso anche nella sezione Leaders con l’articolo Yes to Palestine statehood.
Nella sezione Leaders, la copertina sulla tassazione alle persone più agiate Hunting the rich.
Nella sezione Leaders, l’articolo sulle economie emergenti e sulla difficoltà di replicare la straordinaria crescita dell’ultimo decennio Catching up is so very hard to do.
Across the rich world the horns have sounded and the hounds are baying – and the wealthy are the quarry. In our cover leader we argue that, even though deficit cutting governments should focus on public spending, the rich will have to pay more tax, but we make clear that there are good and bad ways to make them do so.
The Palestinians at the UN Efforts to stop them winning statehood at the UN are misguided and self-defeating
Silvio Berlusconi’s last stand How much longer can the old lothario go on?
China’s leaders v Happy Girl The Communist Party shuts down a television programme where viewers chose the winner
A special report on the World economy The consequences of the accelerating shift in economic power from West to East
Reading the runes of red gold What copper tells you about the future

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Ci può scappare il morto”

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

Antonio Di Pietro

Image via Wikipedia

Editoriale Fidest La frase che riportiamo nel titolo che abbiamo dato a questo articolo è stata espunta dalle recenti esternazioni dell’on.le Antonio Di Pietro e che ha, da subito, “scandalizzato” la maggioranza che si sente destinataria di tale messaggio per via della sua tenacia nel fare quadrato intorno al suo presidente del consiglio sulle richieste insistenti di dimissioni. La tesi sostenuta da Di Pietro affonda le sue ragioni in un malessere popolare diffuso e dalla percezione che più passa giorno e maggiore è il rischio di perdite finanziarie consistenti, e ciò esaspera non poco gli animi. Una di esse, la più evidente, è lo spread dei nostri titoli pubblici. Sino ad ora per i maggiori interessi pagati abbiamo già toccato quota 17 miliardi di euro. E oltre al danno, che continuiamo a subire, riscontriamo anche lo scorno di chi ci giudica all’estero incapaci di risolvere il problema della governabilità con un parlamento paralizzato e, quindi, incapace di esprimere non certo una diversa maggioranza ma di manifestare un minimo di ragionevolezza nel cambiare il cavaliere al suo destriero per salvare sia la tenuta del centro destra sia la stessa formula di governo e la coalizione che lo regge. Qualcuno ci ha chiesto: ma non sarebbe nell’interesse dello stesso Presidente del consiglio mettersi da parte pur restando nel “giro” assumendo la presidenza del Pdl e in tale veste gestire dall’esterno le sorti del partito e le sue alleanze? In effetti tale soluzione sarebbe la più logica se non ci fossimo imbattuti in un personaggio che è attaccato da tutte le parti, compresa l’aria di fronda all’interno del suo partito che lo spinge a dubitare della fedeltà di tutti e di tutto e tanto da temere l’effetto “gran consiglio” di memoria mussoliniana. D’altra parte uomini fidati li ha. Pensiamo alla squadra del Milano con l’avv. Adriano Galliani, a Fininvest con Confalonieri, al partito con Alfano e alla presidenza del consiglio Gianni Letta, quest’ultimo uomo preziosissimo e fedelissimo e che qualche maligno sussurra che è lui, in pratica, il vero presidente del Consiglio ma che ha un solo e grosso handicap: sa gestire ma non può governare essendone impedito dall’invadenza del suo “capo” e dai suoi errori incrollabili. Alla fine quelli del Pdl si ritroveranno come i classici pifferi: andarono per suonare e furono sonati. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions, Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

OpenText acquisisce Operitel

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

Image representing Open Text as depicted in Cr...

Image via CrunchBase

OpenText Corporation (NASDAQ: OTEX, TSX: OTC) ha annunciato di aver acquisito Operitel Corporation, un’azienda specializzata in Learning Management Systems (LMS) ed Enterprise Learning Portals. L’acquisizione arricchisce le soluzioni di OpenText grazie all’aggiunta di funzionalità di e-learning. Le soluzioni di Operitel includono social e mobile learning management e la possibilità di integrarsi a Microsoft® SharePoint.
Grazie al prodotto di punta di Operitel, LearnFlexTM Learning Management System, le aziende possono offrire a dipendenti e clienti servizi di formazione efficienti. Con l’aggiunta di una avanzata offerta in ambito mobile e social, la tecnologia LMS di Operitel migliora ulteriormente ed estende le funzionalità a disposizione dei clienti che hanno implementato ECM Suite di OpenText. I clienti possono utilizzare le soluzioni Operitel per distribuire, tracciare e convalidare la conoscenza all’interno della propria azienda. Questi servizi di apprendimento sono particolarmente importanti per quanto riguarda la compliance, in quanto consentono di rispettare i requisiti normativi e organizzativi specifici del mercato – aspetti che completano i tradizionali punti di forza di OpenText in fatto di conformità, gestione delle informazioni e gestione dei record.
LearnFlex, che ha ricevuto numerosi premi, si basa sulla piattaforma .NET di Microsoft® ed è sia un partner Microsoft che un importante rivenditore di Microsoft Official E-Learning. Operitel propone soluzioni in grado di supportare ed ampliare Microsoft SharePoint. OpenText è leader nella fornitura di soluzioni che si integrano con SharePoint e Microsoft Office. Per SharePoint, OpenText offre BPM, applicazioni di governance e soluzioni per l’archiviazione. Grazie a questa acquisizione, OpenText conferma di essere un partner estremamente valido e un fornitore di primissimo piano per Microsoft grazie a soluzioni che supportano ed estendono SharePoint.
OpenText, leader globale nell’enterprise content management, aiuta le organizzazioni a gestire e ad ottenere il valore reale dai loro documenti di business. OpenText vanta oltre vent’anni di esperienza nel supportare 100 milioni di utenti in 114 paesi. Lavorando con i nostri clienti e partner, offriamo la nostra competenza in qualità di Content Experts per aiutare le organizzazioni a catturare e conservare la memoria aziendale, incrementare la brand equity, automatizzare i processi, ridurre i rischi, gestire la compliance e aumentare la competitività. http://www.opentext.com.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 4 Comments »

Somalia: Save the Children

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

Save the Children logo

Image via Wikipedia

Save the Children ha iniziato la distribuzione di aiuti salvavita ai bambini che si trovano in condizioni disperate nella capitale somala a seguito del continuo arrivo in città di centinaia di famiglie in fuga dalla fame. La metà circa dei bambini che si trovano a Mogadiscio soffrono di malnutrizione acuta e molti stanno morendo per mancanza di cibo. Gran parte delle famiglie appena arrivate vivono in condizioni tremende in rifugi di fortuna in mezzo alle rovine delle case distrutte dai combattimenti. I team medici di Save the Children sul campo in Somalia operano fornendo cibo, acqua e assistenza sanitaria ai bambini e alle loro famiglie anche nelle zone martoriate dalla guerra. L’intervento massiccio a Mogadiscio fa parte di un rafforzamento della presenza nel paese, con l’apertura di 10 nuovi centri di intervento sul territorio e più 1000 nuovi operatori, con l’obiettivo di scongiurare la morte dei bambini dell’area centro-meridionale e del Puntland, oltre che della capitale. L’organizzazione segnala che la situazione è destinata a peggiorare se bambini e famiglie non riceveranno subito più aiuti. L’arrivo delle piogge il prossimo mese può spazzare via i ripari di fortuna esponendo ancor più direttamente i bambini a malattie come morbillo, malaria, polmonite e diarrea che in questo contesto e se non curate immediatamente possono essere mortali. “Qui la situazione è disperata,” ha dichiarato da Mogadiscio Justin Forsyth, CEO di Save the Children UK “I bambini vivono sul baratro, senza cibo e senza riparo con il rischio di malattie letali. Quando le piogge arriveranno molti di loro moriranno se non riceveranno aiuto immediato.” “A Mogadiscio e in tutto il paese i bambini stanno morendo in condizioni orrende. Sappiamo come intervenire e siamo qui per farlo, ma abbiamo urgente bisogno di sostegno economico per poter moltiplicare rapidamente i nostri interventi.” Per sostenere l’intervento di Save the Children in Somalia e negli altri paesi del Corno d’Africa colpiti dalla crisi alimentare è possibile dare il proprio contributo attraverso il sito al link: http://www.savethechildren.it/fondoemergenze

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La guerra nel Sud Kordofan e nel Nilo Blu

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

Map of Darfur, Sudan ("Shamal" means...

Image via Wikipedia

Lunedì scorso l’aviazione militare sudanese ha nuovamente bombardato due villaggi nella provincia del Sud Kordofan causando la morte di un bambino e il ferimento di due donne. Già la settimana scorsa l’aviazione sudanese aveva bombardato due villaggi nelle montagne Nuba uccidendo una ragazza 15enne e ferendo tre bambini. Altri tre bambini sono morti giovedì scorso a causa un attacco aereo a un altro villaggio.
Giovedì scorso il Parlamento Europeo ha reagito alla situazione in Sudan e in una sua risoluzione ha condannato sia gli attacchi aerei sudanesi contro la popolazione civile sia le massicce violazioni dei diritti umani e il blocco degli aiuti umanitari da parte delle forze governative. L’inviato speciale delle Nazioni Unite per la prevenzione del genocidio Francis Deng ha intimato al governo sudanese di rispettare il suo impegno per la protezione della popolazione civile. All’inizio della settimana tre parlamentari sudanesi si sono dimessi accusando il governo di azioni di cosiddetta “pulizia etnica” nelle montagne Nuba che da giugno 2011 ad oggi avrebbero causato la morte di 2.132 persone. Solo il giorno prima il vicepresidente sudanese Ali Osman Mohamed Taha aveva annunciato un rafforzamento dell’impegno militare nella provincia del Nilo Blu dove in agosto 2011 sono scoppiati violenti combattimenti.
L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) esorta la comunità internazionale a impegnarsi con maggiore serietà nella prevenzione delle sempre nuove guerre in Sudan. Attualmente i combattimenti nel Sud Kordofan e nel Nilo Blu coinvolgono oltre 600.000 civili. Lungi dal garantire una pace duratura i singoli e separati accordi di pace finiscono solo per alimentare ulteriori violenze. Solamente la globale e complessiva revisione dello status della minoranza africana nel paese a dominanza araba e la completa risoluzione delle divergenza con il Sud Sudan possono evitare che nel nelle montagne Nuba e nel Nilo Blu scoppino nuovi conflitti e guerre “di rappresentanza” tra Sudan e Sud Sudan.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

The Kiosked Image Bank to monetize online content

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

Kiosked, the leading provider of in-content online ad platform, launches the free Kiosked Image Bank that enables all online publishers, bloggers, and photographers to earn money on the shopping impulses their content creates. Anyone can download and earn money on free images from images.kiosked.com. The Kiosked Image Bank is free to use without infringing any copyrights. All images in the Kiosked Image Bank are automatically embedded with “Smart Kiosks,” which enables the purchase of relevant products and services. This means that consumers can click and open kiosks in the images and make instant purchases. Kiosked images are not only legal and free to use by bloggers, photographers and other online publishers, but also enables them to earn money whenever a purchase is made on them. Kiosked provides millions of images and products with almost ten thousand brands represented. The number is growing rapidly with more than 50,000 images and products added daily. ”Kiosked turns any online content into a marketplace. This is what we call the Web Wide Shop,” says founder and CEO Micke Paqvalén. “People get shopping impulses from online content, for example, when they see a good looking lamp, golf glove or t-shirt on a blog’s image. Until now, there has been no easy way of buying or getting information about the products they see without having to separately search for them. Kiosked provides consumers with instant access to more information, along with the possibility to make an on or offline purchase, find the closest merchants, save products in a wish list, and share them with friends.”
Until now, it has been difficult for bloggers to know which images they can use as up to 85% of them violate copyrights. (Getty Images, 2011) “All images in the Kiosked Image Bank are free of any legal hassle,” Paqvalén says. “This is just the beginning,” Pasila continues, “Kiosked will soon bring stores to all online content – at the moment when a shopping impulse is born. Further on we will also give everyone the opportunity to add kiosks to any content themselves.” (antipasila)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

La Lega e la secessione

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

President of Italy Giorgio Napolitano.

Image via Wikipedia

L’associazione Valore & Futuro interviene sulla polemica sollevata dal capogruppo della Lega alla Camera dei Deputati, Marco Reguzzoni, dicendo fermamente no a qualsiasi attacco al Capo dello Stato, che esercita in modo ineccepibile il suo ruolo di garante del popolo sovrano. La figura di Giorgio Napolitano, sempre inappuntabile per i modi e le iniziative di intervento, è un’ulteriore elemento di garanzia, oltre il suo ruolo, quale autorevole esponente politico e uomo delle istituzioni apprezzato da tutti gli italiani. In un clima europeista e di cooperazione globale, ormai irreversibile, ci chiediamo come si possa avere la pretesa di ritenersi dentro la storia chiamando a raccolta “i popoli padani” per una secessione priva di senso. Agli esponenti della Lega chiediamo di abbandonare l’utopia secessionista da un’Italia che ha bisogno semmai di sostegno, mai prima come in questo momento di depressione economica e di emergenza sociale, per diventare più forte in Europa e più concorrenziale, avendone le potenzialità, rispetto a molti comparti specifici del mercato economico globale. Ci chiediamo cosa trasmetteremo ai nostri giovani se non fondiamo l’impegno di tutti e di ciascuno, a cominciare dalla classe dirigente politica, su valori che aprano finalmente il futuro alla speranza.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Voto ai sedicenni

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

Italian Chamber of Deputies

Image via Wikipedia

“Esprimiamo viva soddisfazione per l’approvazione, in prima lettura alla Camera, del Disegno di Legge Costituzionale che contiene provvedimenti per la valorizzazione del merito e della partecipazione attiva dei giovani alla vita della Nazione e l’equiparazione dell’età per l’esercizio del diritto di voto passivo e attivo, con il conseguente abbassamento dei limiti di età per l’eleggibilità a Camera e Senato”. È quanto si legge in una nota del Consiglio Direttivo del Forum Nazionale dei Giovani, l’unica piattaforma di rappresentanza delle giovani generazioni italiane, in merito al voto unanime dei Gruppi Parlamentari sul DDL Meloni. “Il Disegno di Legge Costituzionale presentato dal Ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, su cui il Forum si è espresso positivamente già in altre occasioni – prosegue la nota – rispecchia infatti le proposte che in più occasioni il Forum Nazionale dei Giovani ha presentato e di cui la piattaforma si augura una celere approvazione anche da parte del Senato della Repubblica”.
“Relativamente al dibattito che ieri si è tenuto in Aula alla Camera dei Deputati, il Forum Nazionale dei Giovani esprime l’auspicio – conclude la nota – che questo clima rappresenti il primo passo e non l’unico di una direzione in cui al centro del dibattito Parlamentare ci sia la questione giovanile e quindi il futuro di questo Paese. E con pari entusiasmo auspichiamo presto un provvedimento normativo che valorizzi l’associazionismo giovanile italiano sull’esempio dei Consigli Nazionali della Gioventù degli altri Paesi Europei”.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

El Día del Inmigrante

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

Buenos Aires Planetarium

Image via Wikipedia

Buenos Aires. El pasado domingo 18, más de 50 colectividades desplegaron todo su color, gastronomía, trajes típicos, bailes tradicionales y alegría en los bosques de Palermo, en ocasión del “Festival de las Colectividades” que la Dirección General de Relaciones Institucionales del Gobierno de la Ciudad de Buenos Aires organizó para homenajear a los inmigrantes, que hacen de esta ciudad porteña un verdadero mosaico multicultural.
La jornada comenzó a las 11 horas cuando unos 1.500 representantes de las distintas colectividades desfilaron con sus vestimentas tradicionales desde el Museo Sívori, en Infanta Isabel al 500, hasta el Planetario Galileo Galilei, acompañados por 60 autos antiguos. Allí los esperaban más de 100 stands y un gran escenario, en el que se presentaron la banda de música de la Policía Metropolitana y unos 500 bailarines de 40 colectividades que ejecutaron danzas típicas.
Las Nuevas Generaciones de Origen Italiano (NGI), que ya habían participado de la VI Fiesta de Colectividades en el Hotel de Inmigrantes días atrás, estuvieron presentes con su propio stand, donde ofrecieron prodotti fatti in casa, objetos artesanales y láminas con imágenes de Italia y sus Regiones, entre otras cosas. Pero fundamentalmente aprovecharon la oportunidad para promover la participación e inserción de los jóvenes en la comunidad italiana. Asimismo las NGI, junto con el grupo “La Calabrisella”, mostraron sus dotes artísticas bailando una tarantela típica calabresa en el imponente escenario ubicado frente al Planetario. Los bailarines hicieron vibrar sus cuerpos al compás de la tarantela “U`ventu” (El viento). El público aplaudió calurosamente la entrega y la pasión del grupo.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Humanitarianism and Good Global Governance”

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

Nobel Peace Prize 2008, Martti Ahtisaari

Image via Wikipedia

Waterloo, Ontario, Canada Thursday, September 22, 2011 7:00-9 p.m. The Centre for International Governance Innovation 57 Erb St. West, The Centre for International Governance Innovation (CIGI) will kick off its Signature Lecture Series season with a live-webcast keynote by Dr. James Orbinski on “Humanitarianism and Good Global Governance.” “Governance is a messy, uncertain business,” the Nobel Peace Prize recipient wrote in 2007. Orbinski, who is an Officer of the Order of Canada and recipient of the Meritorious Service Cross, has spent much of his career in the field as a physician. His discussion will look at global governance structures and humanitarianism’s impact in shaping the world. Orbinski worked with Médecins Sans Frontières / Doctors Without Borders (MSF) in numerous countries, including Zaire in 1996-97 during the refugee crisis. He was in Somalia during the civil war of 1992-93, and was in Rwanda during the 1994 genocide. In 1999, he launched MSF’s Access to Essential Medicines Campaign and in the same year accepted the Nobel Peace Prize on behalf of MSF for its pioneering approach to medical humanitarianism. In addition to having led MSF, Orbinski is the author of An Imperfect Offering: Humanitarian Action In The Twenty-first Century and is the subject of the feature film Triage: Dr. James Orbinski’s Humanitarian Dilemma. Orbinski is a Senior Fellow at the Munk School of Global Affairs and co-founder of Dignitas International.
Following his address, Orbinski will be joined in conversation on stage by Dr. David Welch, director of the Balsillie School of International Affairs. Orbinski received his MD degree in 1990 and MA in International Relations in 1998, and is also board chair of War Child Canada.
For more information on Orbinski and to RSVP for the event, please visit: http://www.cigionline.org/events/humanitarianism-and-good-global-governance.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nato warship rescues m/v pacific express crew

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

Andrea Doria (DDG 553)

Earlier today, NATO’s counter piracy flag ship, Italian Ship (ITS) Andrea Doria, rescued the crew of M/V Pacific Express, 180 nautical miles off the coast of Kenya. M/V Pacific Express had reported being under pirate attack on September 20, 2011. ITS Andrea Doria responded to the distress call and closed in on M/V Pacific Express during the night of September 20. After evaluating the situation, the NATO warship assessed that pirates were no longer on board. As heavy smoke was coming out of the M/V, ITS Andrea Doria decided to send a boarding team to evacuate the crew and rescued all 26 crewmembers (25 Filipinos and 1 Ukrainian) who had locked themselves inside the safety zone of the merchant ship. According to the crew, the fire was the result of the pirates’ attempts to force them out of their confinement. They also reported hearing gun shots and possibly a RPG being fired during their time in the safety zone. They suffered no injuries and are now being transferred to Mombasa. ITS Andrea Doria has been engaged in Operation “Ocean Shield” to combat piracy off the coast of Somalia under the command of Rear Admiral Gualtiero Mattesi since June 14, 2011.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sla: identificato nuovo gene

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

e-science: identificato in Sardegna un gene re...

Image by zipckr via Flickr

Torino. E’ stato identificato un nuovo gene, principale responsabile della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) familiare e sporadica. Da circa 10 anni i laboratori di tutto il mondo stavano tentando di identificare il gene di cui era nota la localizzazione a livello del cromosoma 9. Lo studio è stato subito accettato ed è stato pubblicato oggi, dopo appena due settimane, sulla rivista Neuron, la più importante e prestigiosa rivista scientifica internazionale nel campo della Neurologia. Allo studio hanno collaborato il Laboratorio di Neurogenetica del National Institutes of Health (Bethesda, USA, diretto dal dottor Bryan J. Traynor); il Centro SLA del Dipartimento di Neuroscience dell’ospedale Molinette di Torino (diretto dal professor Adriano Chiò); il laboratorio di Genetica Molecolare dell’ospedale OIRM Sant’Anna di Torino (diretto dalla dottoressa Gabriella Restagno); il centro SLA dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (diretto dal professor Mario Sabatelli); ed il centro SLA dell’Università di Cagliari (diretto dal dottor Giuseppe Borghero). Lo studio collaborativo ha analizzato 268 casi familiari di SLA americani, tedeschi ed italiani e 402 casi familiari e sporadici di SLA finlandesi ed ha permesso di scoprire che il 38% dei casi familiari e circa il 20% dei casi sporadici erano portatori di un’alterazione del gene c9orf72. L’alterazione identificata consiste in un’espansione esanucleotidica (GGGGCC) a livello del primo introne del gene. La frequenza di pazienti SLA portatori di questa mutazione è circa doppia di quella del gene SOD1, il primo gene identificato della SLA nel 1993. Non è ancora chiaro quale sia il meccanismo attraverso cui il gene c9orf72 causi la SLA. La proteina c9orf72 ha di solito una sede nucleare, mentre nella forma mutata si localizza prevalentemente in sede citoplasmatica. Ciò indica che un’alterata localizzazione della proteina potrebbe essere alla base del suo malfunzionamento. Inoltre l’espansione esonucleotidica determina un’alterazione della trascrizione del DNA sequestrando proteine e RNA normali coinvolti nella regolazione della trascrizione stessa. Questa scoperta rappresenta un importante progresso verso l’identificazione della causa della SLA e della sua terapia, soprattutto perché permette di spiegare la causa della SLA in un’elevata percentuale di casi familiari e sporadici. Fondamentale per il successo della ricerca è stato l’apporto del consorzio italiano per lo studio della genetica della SLA (ITALSGEN), che riunisce 14 centri universitari ed ospedalieri italiani che si sono uniti per la lotta contro la SLA. Lo studio è stato finanziato dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), dalla Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport onlus e dal Ministero della Salute (ricerca finalizzata).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Secessione leghista

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

Umberto Bossi

Image via Wikipedia

“Non si tratta più solo del folclore delle feste padane e dei gesti plateali con cui il suo leader ultimamente comunica. La Lega Nord deve iniziare a rispondere delle sue affermazioni ad iniziare dalle dichiarazioni incostituzionali contenute nel suo Statuto”. Lo dichiara Donato Renato Mosella, deputato di Alleanza per l’Italia e firmatario insieme a Bruno Tabacci e Pino Pisicchio di un’interrogazione che è stata presentata oggi su questo tema. “Non è più tollerabile – continua l’on. Mosella – che dei ministri che hanno giurato fedeltà alla Costituzione la domenica poi mettano la casacca leghista ed invochino la secessione parlando dell’Italia come di un Paese fallito”. “Basta, poi, con l’alimentare la continua guerra tra Nord e Sud. Siamo stanchi di sentire le dichiarazioni come quelle della Consigliera della Lega Nord in regione Lombardia Luciana Ruffinelli la quale, durante la discussione della mozione sull’emergenza rifiuti a Napoli, ha ribadito che la Lombardia non vuole più aiutare la Campania. Il problema dello smaltimento dei rifiuti – ha proseguito l’esponente di Alleanza per l’Italia – è un dramma dell’intero Paese. Anche perché è acclarata, al di là dei reati caduti in prescrizione, la responsabilità morale di operatori economici ed aziende del Nord nella crisi dei rifiuti campani”. “Per questo è profondamente ingiusto, visto il momento di crisi, che un partito politico attualmente al Governo continui ad approfittare delle difficoltà di una regione italiana per mettere una parte del Paese contro l’altra. Abbiamo bisogno – conclude l’on. Mosella – di un clima di riconciliazione nazionale perché la crisi che attanaglia il Paese non risparmierà nessuno, Lega compresa”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dagli Usa l’ultima bocciatura a Berlusconi

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

Veronica Lario, born on 19 July 1956 as Miriam...

Image via Wikipedia

Edward Luttwak a La zanzara di Radio 24 dice: “Veronica Lario una vera patriota, nella lettera a Repubblica aveva già detto tutto”. “Berlusconi si sarebbe dovuto dimettere già col primo scandalo che gli italiani hanno già dimenticato. Quando la Signora Berlusconi (Veronica Lario, ndr) ha lasciato il marito pubblicamente e da vera patriota, e non per rancore, ha informato il pubblico del perché lo lasciava. In qualsiasi altro paese un premier si sarebbe già dimesso solo per quello”. Lo dice alla Zanzara di Radio 24 il politologo statunitense Edward Luttwak. “Berlusconi è bollito, già da tempo, e difeso solo da servitori, come Alfano”, aggiunge Luttwak alla Zanzara su Radio 24 . “E’ una cosa scandalosa. La continuazione del suo governo è un gravissimo costo per l’Italia, un governo che è fatto da persone impronunciabili e provinciali. Serve una leadership ma lui è impegnato in altre cose”. Luttwak aggiunge che è “ridicolo” prendersela con le agenzie di rating e bacchetta anche il presidente della Repubblica: “Napolitano ha sbagliato a pronunciarsi sul downgrading, pensi a risparmiare, il Quirinale costa più della corona di Spagna e di Inghilterra”. Dice ancora Luttwak che “la manovra appena approvata è una manovrina che non serve a nulla, si sa da tempo dove bisogna tagliare senza toccare la sanità, la scuola e la sicurezza: troppi parlamentari, troppo pagati; giudici pagatissimi; abolire le province; le auto blu, a Washington ce ne sono solo 24; abolire le caste (i notai, i farmacisti, i taxisti) e promuovere le liberalizzazioni, Qui in America non ci siamo dimenticati del tentativo di Bersani. Di tutto questo non c’è traccia nella manovrina. Dall’Italia dipende l’intera economia europea, e da quella europea l’economia mondiale. L’economia globale è in pericolo perché le famose 32 grandi banche europee hanno i titoli italiani in pancia ” Conclude il politologo americano alla Zanzara su Radio 24

Posted in Fidest - interviste/by Fidest, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Lampedusa e una politica miope

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 settembre 2011

North-Eastern cliffs of Lampedusa, photo by Ar...

Image via Wikipedia

Il Consiglio Italiano per i Rifugiati è gravemente preoccupato per quanto sta succedendo in queste ore a Lampedusa. Condanniamo fermamente ogni tipo di violenza che danneggia, innanzitutto, quanti arrivano a Lampedusa in cerca di protezione nel nostro Paese. Ci stiamo domandando dove saranno accolti quelli che arriveranno domani in fuga, magari, dalla Libia. “Quanto sta succedendo è chiaramente la conseguenza di una politica miope” dichiara Christopher Hein Direttore del CIR “Gli accordi fatti dal Governo Italiano non hanno considerato la particolare condizione socio-economica della Tunisia in questo momento. Hanno infatti previsto esclusivamente misure restrittive, rimpatri e respingimenti, senza aprire canali di ingresso regolare. La riapertura del decreto flussi sarebbe stato l’unico strumento per accompagnare la Tunisia in questo difficile momento di transizione”. Dobbiamo infatti ricordare che i migranti che stanno arrivando nell’ultimo periodo dalla Tunisia provengono principalmente da una zona, quella di frontiera con la Libia, la cui economia si è sempre principalmente basata sul traffico commerciale transfrontaliero. Commercio che si è drasticamente interrotto dopo la presa di potere del Comitato di Transizione Libico. Secondo pilastro dell’economia locale era il turismo, pressoché cessato nel periodo estivo. I ragazzi che stanno arrivando sulle nostre coste sono, in gran parte, disoccupati a causa di questi elementi post-rivoluzionari. “Infine ci chiediamo perché non sono stati fatti in tempi brevi i trasferimenti dei migranti da Lampedusa verso la terraferma? Considerando una situazione giorno dopo giorno più tesa, questo elemento è incomprensibile” conclude Christopher Hein.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | 4 Comments »