Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 9 ottobre 2011

Richard Galpin: Let Us Build Us a City and a Tower

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2011

London 14 October – 19 November 2011 Hales Gallery Tea Building, 7 Bethnal Green Road, Wednesday – Saturday, 11am-6pm, or by appointment. Private view: 13 October 6-9pm A scattering of tall buildings, most of which have been in planning for nearly a decade, have begun to rise. Despite the world economic crisis, these huge beacons of power and wealth continue to be built in anticipation of the next financial upturn. The London skyline changes… From a studio in the narrow back streets of the Bankside area (an area itself scheduled for a staggering five million square feet of office development) Richard Galpin makes regular forays through the city to monitor development. Drawn to the army of cranes and the emerging skeletons of building structures, he sets his camera tripod before the hoardings of the The Shard, The Pinnacle, The Leadenhall Building, NEO Bankside…
However, the pictures which emerge from the studio after the film is developed, the prints enlarged, and their surfaces scored and scoured by hundreds of scalpel blades, show an altogether different future city. Post and prop, brace and cross-brace. A ferment of horizontal, vertical and skewed elements, seemingly built with a great excess of material, with haste, and the crudest of means. No space frames, no lift shafts, no glass facades. Half built, half collapsed; emerging forms threaten to fall…
But parts of this u/dys-topian scene, this ‘world behind the world’, have been seen before. Lurking in the works are Iakov Chernikhov’s architectural fantasies, incorporating thrusting machine forms (1925-1933), and Constant Nieuwenhuy’s New Babylon project for a post-revolutionary society (1959-74). And Galpin’s haunted future never gets very far from the present, due to the partial nature of the erasure. Each remaining photographic element, every building block of the new city, is a ruined fragment of contemporary London… (Richard)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The last capitalist by Enrico Bernard

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2011

Image of Downtown Toronto,Canada. Contrast sel...

Image via Wikipedia

Toronto Tuesday, October 11, 2011 – 7:00 pm Innis Town Hall – 2 Sussex Avenue. Free The Italian Cultural Institute is pleased to host the playwright and film director Enrico Bernard who will present the world premiere of The last capitalist. Admission Enrico Bernard (Rome, 1955), after his degree in Philosophy, embarks on a complex and eccentric artistic journey riddled with different roles and complementary skills. He is a playwright, journalist, essayist, translator, publisher and film director. He conceived and edited Autori e drammaturgie, first encyclopedia of contemporary Italian theater. He authored 22 plays. Among these, 12 were performed and 4 (Un mostro di nome Lila, Loreley & Nyx, Prigioniero della Sua Proprietà, La voragine) have been translated into English, French and German. In 1922 he founded “Teatro S-naturalista”, inspired by a dramaturgical outlook enthusiastically welcomed and shared by Dario Fo. He translated in Italian works by Ludwig Tieck and von Chamisso. He has often been invited in the United States and Canada for lectures and talks at the University of Middlebury, Toronto, Mississauga, Kingston and Weston Salem.
The last capitalist is Bernard’s latest film production adapted from his theatrical play HOLY MONEY, which was recently and successfully performed in Rome and New York. The movie has been filmed by American actors in the splendid setting of Tuscany. An elder and forgetful American multi-millionaire, who has retired in a country estate near Siena, receives a visit by a young female Wall Street stock broker. The elder man begins a game of seduction with the attractive and apparently naïve visitor. Things are not as they appear and the woman reveals the true reason of her visit: to put on trial the tycoon. The film, with American comedy tendencies and a fun and meaningful ending, deals with the serious theme of the exit strategy of an economic system that produces crisis and mental disasters, – such as the tycoon’s memory (or conscience) that falls to pieces. The film creates many reasons for an intense and current debate.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Jungle Smokes, a Cigar Company offering hand rolled Honduran Cigars

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2011

A semi-airtight cigar storage tube and a doubl...

Image via Wikipedia

Minneapolis, Mn Minneapolis based Jungle Smokes, a cigar company offering hand rolled cigars from Honduras, has launched an internet store allowing cigar consumers to buy cigars online. The new store was unveiled in the summer of 2011 by co-owners Pete McGough and Rory Johnson.
Cigars made completely without machines are not easy to find, McGough and Johnson discovered. They launched the website to offer the cigars online so that more people could enjoy the flavor and quality of 100% hand rolled Honduran cigars. “The cigar community has really embraced Jungle Smokes,” Rory said. “They’re a hit with everyone who tries them. We have been handing them out at cigar clubs and to our friends, and everyone immediately wants to know if they can buy the cigars online.” The Jungle Smokes site includes a cigar blog, a newsletter for cigar aficionados, and information about the history of hand rolled Honduran cigars. “From the pictures you can see that each cigar is unique,” Pete said. “I don’t know if there’s another cigar company out there that doesn’t use any machines in the rolling process.” The hand rolling technique used within the artisan community has been handed down for many years and kept thriving within the community. The co-owners take pride in supporting the community, and in the fact that green and natural processes and renewable resources are used in the manufacture and packaging of the products as much as possible.
Jungle Smokes is a Minneapolis based company that offers high quality hand rolled Honduran cigars and provides an internet store where consumers can buy cigars online. The company can be reached at 651-321-1912, and can be found on the Web at http://www.junglesmokes.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Exhibition Zebedee Jones

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2011

London, W1S 4JD12th October – 4th November, 2011 private view: 11th October, 2011Agnew’s Gallery, 35 Albemarle Street. This October, to coincide with Frieze Art Fair, Agnew’s continues its contemporary programme with an exhibition of recent works by British artist Zebedee Jones. His boldest and brightest show to date, Jones’ abstract canvases will be on display from 12thOctober 2011. Utterly abstract, devoid of any narrative or descriptive markers, including titles, Jones’ monochromatic paintings deny the viewers’ compulsion to map subject or meaning onto them. Each painting describes only its material existence – paint and surface. Yet, the palimpsest-like layers of paint and resultant built-up density give a sense of time – the timeliness of the process of painting. In this way his work can be placed within a traditional of Minimalist painting but also of process art, particularly as paintings which contain evidence of their own construction. The artist’s hand is so palpable that the voluminous texturing of the paint with brush and palette knife also evokes temporality. Rather than being illusory these paintings are suggestive of experience, firstly the experience of the painting, but by extension other experiences within our collective consciousness. Most obviously Jones’ paintings are suggestive of sensory experiences, which in part may be attributed to the artist’s life long hearing impairment. As highly tactile surfaces, a predominant part of perceiving these paintings is the memory of touch they invite. Moreover, Jones’ vivid use of colour demands visual investigation, sometimes betraying the colours of successive overpainting. The sculptural quality of the paint casts shadows across the surface, whilst the deep supports further add to the three-dimensional quality of the works. Thus each painting is aesthetically in a state of flux, varying according to subtle alterations in light, setting, and indeed the position of the viewer. ‘…stuck to the canvas edges in rolls and globs, trailing off them in strings and curls, it looks, for all its rich density, to be unutterably delicate and fragile, liable to shift, slide, drop off altogether or otherwise reconfigure itself at any moment’. (Michael Archer, Art Critic for the Guardian)
Zebedee Jones Born in 1970, Jones studied at Camberwell College of Art, London, Norwich School of Art and Chelsea School of Art and Design. (image001)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Investimenti bacini idrici

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2011

20100107-IT-VEN-008

Image by andrew_ross via Flickr

<Non ci appartiene la cultura delle dichiarazioni di emergenza per calamità naturali, per siccità, per frane, così come è strabica e non lungimirante la cultura di chi immagina un decreto per lo sviluppo, che punti sulle infrastrutture, ma penalizzi contestualmente quelle per il “made in Italy agroalimentare”.> Lo afferma Massimo Gargano, Presidente dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni (A.N.B.I.), intervenuto al Seminario “Utilizzazione naturalistica degli invasi a prevalente uso irriguo”, organizzato a Roma per iniziativa del Commissario ad acta ex Agensud, dell’Istituto Nazionale di Economia Agraria (I.N.E.A.) e dell’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche (A.I.C.I.G.). <I bacini, per i quali l’ANBI da anni chiede un apposito Piano Nazionale, darebbero risposte alle esigenze irrigue delle eccellenze agroalimentari, alla subsidenza, all’intrusione del cuneo salino, alla sicurezza idrogeologica, alla ricarica delle falde acquifere, alla fruizione del territorio per il tempo libero. Non farebbero più parlare di frane e di siccità. I consorzi di bonifica hanno progetti immediatamente cantierabili, capaci di dare un utile contributo occupazionale. Per quale di questi motivi – conclude provocatoriamente Gargano – sono oggi in discussione?>

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

New York: l’Italia in festa

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2011

COLUMBUS DAY PARADE  2010   /   Italian-Americ...

Image by asterix611 via Flickr

New York si appresta a vivere un lungo weekend di festa. L’Italia sarà al centro dei festeggiamenti perchè gli Stati Uniti celebrano Cristoforo Colombo, l’uomo che il 12 ottobre 1492 per primo arrivò nel Nuovo Mondo. Fu il presidente Franklin Roosevelt che nel 1937 istituì il Columbus Day come festa nazionale. A New York ogni anno una parata vede sfilare italiani e italo-americani lungo la Fifth Avenue in una festa dove il verde, bianco e rosso sono i colori principali.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il sociale nei “Centri studi Fidest”

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2011

Abbiamo più volte richiamato l’attenzione, di chi ci onora leggerci, sulla necessità, in via prioritaria, che si ponesse mano alle riforme della previdenza e dell’assistenza. Più volte ci siamo soffermati sul progetto da noi elaborato e ci siamo persino addentrati su alcune possibili varianti, ma non diciamo che la nostra proposta è valida al 100% ma che, pur essendo perfettibile, sia capace di migliorare la nostra esistenza e di ridurre le tensioni generazionali e i conflitti di genere.
Pensiamo alla previdenza. Abbiamo subito avanzato una indicazione che a taluni è parsa provocatoria allorchè abbiamo detto “aboliamo le pensioni”. In effetti con l’allungamento della vita, con la ricerca medico-scientifica che tende a renderla migliore, noi possiamo fare un passo avanti importante. E lo abbiamo spiegato. Se, infatti, accantoniamo l’idea della previdenza e passiamo a quella dell’assicurazione possiamo garantire per ogni 10 anni di lavoro una rendita pari al 20% della media delle retribuzioni erogate e il discorso vale sia per i lavoratori dipendenti che per gli autonomi. Non solo. Possiamo nell’arco della nostra esistenza calibrare le nostre forze in rapporto al lavoro che si svolge. In proposito abbiamo fatto un esempio tipico che è quello del giocatore di calcio professionista. Di solito tra i 35 e i 40 anni tende ad appendere gli scarpini al chiodo ma non per questo si considera un pensionato. Tutt’altro. Si cercherà un’altra attività e lo stesso dovrebbe verificarsi a tutti noi ricercando una scala graduata di lavori in rapporto al “peso degli anni”. Dopo tutto che senso ha risparmiare per fare un gruzzoletto da servire come “assicurazione” per gli anni di magra quando sarebbe possibile concentrare le proprie risorse per avere con cadenza decennale una rendita che in 50 anni di attività potrebbe raggiungere il 100% della media delle retribuzioni percepite in tale arco di tempo? L’assistenza non dovrebbe essere da meno assicurando non una “assistenza universale” ma una “prevenzione universale”. E si sa che prevenire e sempre meglio che curare e non solo in senso economico, ma soprattutto per individuare in tempo i mali e porvi riparo al minor costo e per sollevarsi da quelle che potrebbero essere delle sofferenze inevitabili. Quindi si può costruire un modello di società diverso con un impegno economico che si premia da solo. Ma se è facile proporre non è altrettanto agevole la realizzazione perché vi interferiscono gli egoismi personali, la consapevolezza che si possano ridurre gli arricchimenti individuali e che si possa arrivare ad una società dove si “rischia” di far scomparire le logiche del consumismo e il suo figlio degenere che è il profitto, ad ogni costo, a scapito dei più deboli. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Il futuro ha radici antiche

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2011

Giuseppe and Anita Garibaldi fleeing to San Ma...

Image via Wikipedia

Torino, Si è svolto ieri presso il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, il convegno Il futuro ha radici antiche, la via della nonviolenza in un pianeta limitato, organizzato dal Centro Studi Sereno Regis con sede a Torino in via Garibaldi, 13 Al convegno hanno partecipato circa 70 persone, che oltre all’ascolto dei relatori avvenuto in mattinata, hanno condiviso nel pomeriggio un lavoro in gruppi sui temi della nonviolenza, dell’ecologia, dell’educazione. L’idea di fondo del convegno è stata l’urgenza di progettare l’avvenire a partire dall’eredità del passato, salvaguardando tutte le specie e i loro habitat. Infatti solo quando accettiamo le profonde relazioni che ci uniscono ad ogni organismo vivente, siamo in grado di aprirci all’altro da noi in atteggiamento di accoglienza e di solidarietà. Al contrario ignorare i propri limiti conduce alla strumentalizzazione, allo sfruttamento e all’autodistruzione. In questa luce la consapevolezza di appartenere a un destino comune discrimina le vie della violenza e della nonviolenza. Ha aperto il convegno, Angela Dogliotti, come rappresentante del Centro Studi Sereno Regis, ricordando la giornata mondiale della nonviolenza svoltasi il 2 ottobre e del pensiero di Gandhi. A seguire, Marinella Correggia, ha introdotto la discussione sul recupero del pensiero di Gandhi e di Kumarappa. Di seguito sono intervenuti: Giuliano Martignetti, ha espresso considerazioni sulla crisi del potere politico e una possibile risposta da parte dei movimenti sociali;
Luca Giunti, ha illustrato prospettive partendo dalla domanda: Quali diritti per l’ambiente in una democrazia sostenibile?; Guido Viale, ha approfondito l’idea di modelli per una transizione dei sistemi produttivi verso la sostenibilità. Il convegno si è concluso con spunti e idee da sviluppare nei prossimi mesi.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Anniversario morte Einaudi

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2011

Luigi Einaudi

Image via Wikipedia

Il Presidente Napolitano è intervenuto in occasione della cerimonia commemorativa del 50° anniversario della morte di Luigi Einaudi a Dogliani, Tra l’altro ha detto: “Ho apprezzato le parole del sindaco di Dogliani relative a temi di attualità politica e istituzionale su cui sono intervenuto più volte in questi giorni e su cui egli mi ha così risparmiato di dover ritornare. Continuo a riflettere sulla lezione e ad attingere all’esempio di rigore e sobrietà del presidente Einaudi. E mi fermo qui visto che qualche giorno fa un’occasionale reminiscenza storica, il richiamo nell’aula del Consiglio comunale di Biella in cui e’ segnato il posto che fu a lungo di Giuseppe Pella, al governo che Pella formò nel 1953 su incarico di Einaudi, è bastato per indurre solerti commentatori a immaginare disegni e scenari di attualità. Spero si giungerà a recuperare un po’ di distacco nel discutere almeno di fatti storici.Naturalmente, il ricordo e l’omaggio che oggi dedichiamo a Luigi Einaudi non possono limitarsi all’esperienza presidenziale che pure segnò il culmine della sua operosità e rispecchiò l’intera sua visione non solo istituzionale ma ideale e morale. Ho perciò molto apprezzato il contributo offerto dal prof. Petroni nel tracciare una sintesi dell’eredità di pensiero e di impegno – politico, pedagogico, comunicativo – di Luigi Einaudi. C’è da rileggere Einaudi, e ci sarebbe anche da ripubblicarlo, ha ragione Petroni. C’è da riflettere con spirito nuovo anche su momenti di dibattito rimasti famosi e però un po’ equivocati come quello tra Croce ed Einaudi, perché (anche se non pretendo di rappresentare il ” lato napoletano” della disputa) quel che a Croce premeva non era confutare le tesi di Einaudi sull’economia, quanto affermare un concetto di libertà e un profilo di Partito liberale non identificabili con alcuna scuola specifica di pensiero economico. E c’è da riflettere egualmente su aspetti misconosciuti del suo pensiero come quella che potremmo chiamarne (con molta approssimazione) la dimensione sociale.Aspetti importanti sono stati messi a fuoco negli atti di recente pubblicati del convegno della Banca d’Italia, e altri oggi qui nel discorso del professor Petroni. Insomma, occorre portare avanti questo sforzo di valorizzazione piena e unitaria del lascito di ispirazioni e ideali propriamente einudiano. Dovrebbe essere chiaro che ci sono insegnamenti e suggestioni da trarne, superando schemi duri a morire, per un moderno approccio riformista che non può comunque non essere europeista (ed Einaudi fu davvero precursore della scelta federalistica europea anche degli Spinelli e degli Ernesto Rossi, che d’altronde non mancarono mai di riconoscere questo loro debito ed ebbero personalmente con Einaudi un rapporto fecondo).E’ bello discutere di ciò in una sede come questa, dinanzi agli stendardi del comune di Dogliani e della Regione Piemonte perché c’e’ bisogno di questi nutrimenti per portare la politica , e la dialettica politica nelle nostre istituzioni, al livello di dignità e nobiltà cui debbono aspirare.elementi correlati Documento in formato PDFvisiteVisita del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alle città di Biella, Aosta e Cuneo”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Obesità infantile

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2011

American fat beauty

Image by rattopennugu via Flickr

Grande successo di pubblico per le prime due giornate della quinta edizione dell’Expo Bimbo, il Salone dedicato alle gestanti, alle mamme e ai bambini, organizzato dalla Èxpo di Barbara Mirabella. Circa 15.000 i bambini, accompagnati dalle famiglie e dalle maestre di tutte le scuole di Catania, che hanno giocato, fatto colazione e merenda e assistito agli spettacoli collaterali della Fiera. Senza considerare le gestanti con bellissimi pancioni, le mamme o i papà accompagnati da teneri bambini che hanno partecipato ad utili convegni e seminari con temi di fondamentale importanza per il parto, l’allattamento, le cure mediche. Tra gli altri questa mattina è intervenuto il direttore generale dell’Arnas Garibaldi, Angelo Pellicanò, per presentare il nuovo presidio ospedaliero materno infantile di Nesima e il Prof. Giuseppe Ettore per introdurre il documentario “La scelta del luogo del parto: benessere e sicurezza”. Inoltre, nello stand del Policlinico “Vittorio Emanuele”, si è tenuto un interessante corso di psicologia di preparazione al parto, curato dai medici dell’Ospedale “Santo Bambino”. Mentre domani si festeggeranno due “giornate” molto importanti: La giornata mondiale della prevenzione dell’obesità e la giornata nazionale “una manovra per la vita”. La prima sarà onorata dall’Asp3 in collaborazione con Fattorie Sociali, mediante incontri e sane degustazioni di frutta e verdura; la seconda, che sarà curata dalla SIMEUP, in collaborazione con la Croce Rossa, vedrà l’insegnamento delle prime manovre salva vita da applicare nel malaugurato caso in cui un bambino dovesse ingerire un oggetto. Le Ciminiere di Catania, dunque, si stanno preparando al “tutto esaurito” per la giornata conclusiva di domani, domenica 9 ottobre, quando, a partire dalle 10.00, andranno in scena gli ultimi grandi eventi ludici di quest’edizione 2011: “Miss Pancione”, Miss e Mister Baby”, “Gara Cambio di Pannolini”, “Corsa con il Passeggino”. C’è ancora in tempo per iscriversi, è gratuito, basta presentarsi direttamente in Fiera (tutto il regolamento sul sito http://www.expobimbo.it) Ancora tanto spazio agli incontri di natura medico scientifica con un fitto programma di corsi e seminari, tra questi, le prove allergologiche gratuite dalle 10.00 alle 12.00, ed un seminario curato dal Collegio delle Ostetriche della Provincia di Catania sul tema: “Donazione del sangue cordonale”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arcigay ai Giuristi cattolici

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2011

Flags of the Italian gay organisation Arcigay ...

Image via Wikipedia

Il Presidente nazionale dei giuristi cattolici, nonché presidente del comitato nazionale della cosìdetta bioetica Francesco D’Agostino, sul quotidiano “La Cronaca” di Piacenza, ha sfoggiato un repertorio fuori catalogo su omosessualità e dintorni. Ad ascoltarlo è una via di mezzo tra un gracchiante disco rotto e un testo fuori catalogo di sessuologia. Sono ammuffite, tanto sono prive di riscontro infatti, insinuazioni come l’omosessualità “è palesemente un disturbo della relazionalità (l’uomo che ha paura a relazionarsi con la diversità femminile e viceversa)” o l’omosessualità è una tra le “psicopatologie sessuali”. Va peggio alle teorie eziologiche sull’omosessualità che per bocca di D’Agostino diventano buone per il dibattito a cui hanno assistito i nostri trisavoli. D‘Agostino spiega “c’è una scuola di pensiero americana, invece, che sta ricercando da anni l’alterazione neurologica” dimenticando proprio la scuola italiana di Mantegazza che intorno al 1878 nel sempre verde Igiene dell’amore aveva trovato prove di un “guasto celebrale congenito” negli “invertiti”. Evidentemente il dialogo tra D’Agostino e l’800 è costante: per D’Agostino l’omosessualità è “inaccettabile”, per Mantegazza è uno spettro da cui fuggire. Il presidente dei giuristi cattolici è poco o nulla aggiornato anche nel dibattito giuridico. Quando parla delle famiglie gay come “variante delle psicopatologie sessuali” dimentica proprio la Corte costituzionale, e la sentenza 138 del 2010, che pone esattamente sullo stesso piano le coppie coniugate e quelle omosessuali e chiede al Parlamento la parificazione dei diritti. A i giuristi cattolici, se pretendono di avere una minima credibilità in un dibattito pubblico, va caldamente il suggerimento di “rottamare” il presidente. (Paolo Patanè, presidente nazionale Arcigay)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Misuriamoci sui valori

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2011

Pierluigi Bersani

Image via Wikipedia

Tra le varie esternazioni del presidente del consiglio una, mi pare, ha colto il segno più delle altre allorchè rivolgendosi agli italiani ha detto loro: vogliono l’alternativa, vogliono che io faccia un passo indietro per un governo di transizione ma cosa possono fare di più e meglio il terzetto Bersani, Vendola e Di Pietro? Debbo, sia pure a malincuore, dargli ragione anche se apprezzo i tre leader delle opposizioni. Ma a molti non manca la percezione che si possa trattare di un’armata Brancaleone, pronta a sfaldarsi alla prima raffica di vento. Diverso sarebbe il discorso se tutti e tre prima di stringersi la mano avessero mostrato al popolo degli elettori un programma e una leadership indiscussa. Per il programma dovremmo renderci fautori di un nuovo concept della società per essere certi che i valori fondanti possano essere garantiti a “prescindere”. Ma quali possono essere questi valori? E’ presto detto. Noi abbiamo reso sacro il diritto alla vita e noi aggiungiamo un’altra sacralità: il diritto a vivere. E come si può se noi non assicuriamo a tutti i nuovi venuti il diritto all’assistenza, ad alimentarsi, allo studio, al lavoro e ad avere un tetto sotto cui ripararsi? Le altre cose possono essere degli optional, bene se vi sono ma non necessariamente. E’ questo l’impegno “sacro e irrinunciabile” che le generazioni esistenti devono garantire ai nuovi venuti indipendentemente da chi ha dato loro i natali e in quale regione del mondo si trovino. Se è questo il biglietto d’ingresso alla vita per vivere dignitosamente la limitazione delle nascite è subordinata alla nostra capacità di assicurare il poi al nascituro. E le risorse? Incominciamo a chiederci quanto si spende nel mondo nel guerreggiare, nell’esercitare la violenza, nel commercio delle droghe e nell’impegno spesso vano di contrastarne il commercio, nel permettere che il 20% della popolazione mondiale possa beneficiare dell’80% delle risorse esistenti mentre il restante 80% deve accontentarsi dei resti e gli effetti si vedono senza andare molto lontani dalle nostre città con le bidonville, i quartieri degradati, la povertà diffusa nella quale non vi è diritto d’accesso all’assistenza, alla casa, ad alimentarsi, ad avere un lavoro ecc. E questo dovrebbe essere un messaggio vincente sia per l’idea di una nuova evangelizzazione degli spiriti così come dovrebbe esserlo per la materia, tra il confessionale e il laico. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »