Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 10 ottobre 2011

Nato and pirate activity

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

070208-N-1550W-008

Image via Wikipedia

NATO’s counter piracy flagship, ITS Andrea Doria, has just completed a successful port visit to the Seychelles between September 30 and October 4, 2011. This visit focused on NATO’s cooperation with the Seychelles Coast Guard and other key actors involved in combating piracy, as pirate activity is increasing after the monsoon season. The commander of NATO’s counter piracy taskforce, Rear Admiral Gualtiero Mattesi engaged in a series of meetings with the Seychelles Defence Forces and local authorities to discuss cooperation between Victoria and NATO in the field of counter piracy. This is NATO’s eighth visit to Port Victoria in 2011. Previous port visits this year have been opportunities for NATO and the Seychelles to share experiences and to conduct mutual counter piracy exercises. On this last occasion, Rear Admiral Mattesi and his staff visited the Seychelles’ Coast Guards and Maritime Rescue Coordination Centre (MRCC), two organisations deeply committed to counter piracy efforts in the Indian Ocean.
NATO has contributed to the international counter piracy effort off the Horn of Africa since December 2008. The mission has expanded from escorting UN and World Food Programme Shipping under Operation Allied Provider and protecting merchant traffic in the Gulf of Aden under Operation Allied Protector. In addition to these activities and as part of the latest mission, Operation Ocean Shield, NATO is working with other international bodies to help develop capacity of countries in the region to tackle piracy on their own. Standing NATO Maritime Group 1 is presently assigned to NATO. It is a multi-national Naval Group that provides the NATO Alliance with the ability to quickly respond to crisis situations anywhere in the world. A capable, stand-alone task group and one of four standing maritime elements that form a flexible core around which NATO can build a larger force to meet a wide range of missions that will include non-combatant evacuations, consequence management, counter terrorism, crisis response, embargo operations, etc. http://www.manw.nato.int

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

2012 Presidential Election

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

Official presidential portrait of Barack Obama...

Image via Wikipedia

Florence Villa La Pietra, Via Bolognese 120, October 12 from 9:00am to 6:00pm New York University Florence will host the US Politics: Towards 2012 international conference at Villa La Pietra on Wednesday,. Some of the world’s most influential political minds will be brought together to discuss the state of the U.S. Republican and Democratic parties, Barack Obama’s campaign for reelection, transatlantic trends, and the current economic crisis. Panelists include: Paul Begala, a close advisor to Bill Clinton and one of the most important political commentators on American television; Steve Schmidt, the chief strategist for the McCain-Palin Presidential campaign and public relations expert; Robert Shrum, former advisor to Al Gore, John Kerry, Edward Kennedy and Bill Clinton, and Senior Fellow NYU Wagner School of Public Service; Nicole Bacharan, historian, political analyst, and radio and television consultant, contributor to Le Monde and renowned transatlantic relations expert on French television;Christopher Caldwell, columnist for the Financial Times and senior editor at The Weekly Standard; Guiliano Da Empoli, Deputy Mayor for Culture, City of Florence; Bruce Haynes, Republican political and public affairs strategist; Rogan Kersh, professor of public policy and associate Dean for academic affairs at the NYU Wagner School of Public Service; Steve McMahon, Democratic political advisor, public affairs strategist and media consultant for Howard Dean’s infamous 2004 Presidential campaign; Marylouise Oates, author and activist; Mario Calvo-Platero, journalist, US Editor Il Sole 24 Ore; Claudius Wagemann, professor at NYU Florence, lecturer at Istituto Italiano di Scienze Umane. “Since Barack Obama’s victory in 2008, we’ve watched the United States’ political landscape shift,” explains Ellyn Toscano, Executive Director of NYU Florence. “Entering this election, the US is facing the fervor of the Tea Party Movement, an uncertain economy, and a political system divided along strict partisan lines. What will 2012 hold? We are anxious to hear the views and predictions of our speakers.” The conference is part of New York University’s La Pietra Dialogues. The Dialogues aim to renew and refocus the transatlantic relationship by convening conversations with world leaders, politicians, intellectuals, academics, journalists, artists and business leaders around some of the most vexing and urgent policy questions that face Europe and the United States. http://www.nyu.edu/lapietra/policy.dialogues/ twitter.com/pietradialogues

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il nuovo “gioiello” della Norwegian Cruise

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

Norwegian Cruise Line ha reso noto che, da maggio 2013 al 31 marzo 2015, la Norwegian Breakaway — che diventerà la più grande nave basata presso il porto della città — sostituirà la Norwegian Star, e sarà impegnata annualmente con una media di 88 crociere. Gli scali della nave porteranno in due anni 140mila passeggeri a New York, generando circa 35 milioni di dollari in spese dirette aggiuntive.
Norwegian Cruise Line è stata la linea prima di crociere a scegliere New York come porto di partenza per le sue crociere nel 2003. Da allora, l’azienda ha continuato a portare le sue navi più nuovo e più grande nella Grande Mela, con due navi che fanno regolarmente scalo a New York dal
2005. Nel solo 2013, la Norwegian Breakaway effettuerà approssimativamente 34 scali al Manhattan Cruise Terminal (MCT). Inoltre, la Norwegian Gem manterrà gli scali annuali al MCT, con una previsione di 47 scali, e la Norwegian Star effettuerà 15 scali nel 2013 prima di essere sostituita.
Attualmente in costruzione presso la Meyer Werft in Germania, la Norwegian Breakaway avrà un peso di 144.017 tonnellate di stazza lorda e sarà consegnata nell’aprile del 2013. Dopo gli eventi inaugurali, la nave salperà per una serie di 22 crociere di sette giorni da New York alle isole Bermuda, a partire dal 12 maggio e fino al 6 ottobre 2013. Partenze previste ogni domenica, con una sosta di tre giorni nelle Bermuda e tre giorni di navigazione in mare. Le crociere da New York alle Bermuda a bordo della Norwegian Breakaway saranno acquistabili a partire dal 17 ottobre 2011.
Norwegian Cruise Line NCL Corporation Ltd. è una compagnia di crociera che opera su rotte internazionali e che ha sede a Miami, in Florida. NCL (Bahamas) Ltd., l’ufficio di Wiesbaden, gestisce e coordina il mercato dell’Europa continentale. Da 45 anni Norwegian Cruise Line è un innovatore radicale del segmento crocieristico: la sua è una storia di superamento dei canoni e limiti connessi alla tradizionale vacanza in crociera. La compagnia ha trovato un accordo per la costruzione di due nuove navi con una stazza lorda di 143.000 tonnellate ciascuna che verranno consegnate nel 2013 e 2014. La più grande e innovativa nave Freestyle Cruising della flotta Norwegian Cruise Line, la Norwegian Epic, ha fatto il suo debutto ufficiale nel giugno 2010. Norwegian Cruise Line è la compagnia crocieristica ufficiale del Blue Man Group, il cui debutto assoluto a bordo di una nave è avvenuto proprio a bordo della Norwegian Epic. Norwegian Cruise Line è anche la compagnia di crociere ufficiale di Legends in Concert.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The courage of growing alongside the last

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

Moldovan Parliament Building

Image via Wikipedia

Chisinau (Republic of Moldova), 11-14 October 2011 For the first time, about one hundred Catholics from all over the country will gather in the capital of the Republic of Moldova to discuss the Catholic Church’s contribution to Moldovan society. The courage of growing alongside the last is the unique theme given to the first celebration of the Social Week realised by the small (only one diocese in the whole of the country) but very active Moldovan Catholic Church. “We chose this title because it mirrors our position as a minority Church in the country, but also and especially because we feel the vocation of our Church is that of growing along with those who have nothing, those who feel excluded from society, those who have been deprived of their dignity and humanity” – stated Mgr Anton Cosa, Bishop of Chisinau. He went on to say “Being alongside and for the last does not, however, exempt us from contributing to the growth of Moldovan society, rather it is necessary that, as well as the material and spiritual help which we try to bring to everyone, and especially to the poorest, there should also grow in the Moldovan Church that social diakonia which will enable all our faithful to feel themselves responsible and protagonists in building the common good of the whole nation”.
The meeting, which will begin on Tuesday 11 October with welcomes from Mgr Cosa, from representatives of the government and other Christian denominations in the country, has been organised around three daily themes: the social commitment of Catholics in Moldova (Tuesday 11); poverty and the poor (Wednesday 12) and the commitment of the laity in the economy and social issues (Thursday 13). The theme of each working day will be introduced by representatives from other Social Weeks in Europe, thereby testifying to the link with other similar experiences of European Catholicism: Mgr Arrigo Miglio, Bishop of Ivrea and President of the Social Weeks in Italy; Dr Jean-Pierre Rosa, delegate from the French Social Weeks; and Mgr Giampaolo Crepaldi, Bishop of Trieste and President of CCEE’s Caritas in Veritate Commission for social issues. There will then be reports from Moldovan and European experts, testimonies, such as that on the economy of communion promoted by the Focolare Movement, and ample time for debate. The Council of European Episcopal Conferences (CCEE) will be represented at the meeting by Mgr Crepaldi and by Fr Ferenc Janka, CCEE Deputy Secretary. The presence of CCEE delegates testifies to the attention given to the initiative by the European bishops. In fact, CCEE will have the task of informing the Bishops’ Conferences not just about the outcome of the work, but also on the experience in general, “a training ground and model for many minority Churches which want to invest more in this particular form of social diakonia, a sign and invitation for all Catholic bodies so that, following this example, they may never allow themselves be discouraged by difficulties where charity and the proclamation of the Gospel is concerned”, said Mgr Duarte da Cunha, General Secretary of CCEE. The meeting will end on Friday 14 October with the celebration of Mass in Chisinau Cathedral.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Serve un nuovo modo di fare politica

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

Il risultato di questa mancanza di fiducia nella classe politica non e’ altro che un segno del profondo disagio e del presente malcontento delle famiglie e delle aziende, che non ha niente a che fare con destra e sinistra. Serve una grande alternativa che crei un nuovo centrodestra capace di dare risposte reali e pratiche che non sono quelle proposte dalla sinistra che sa solo strumentalizzare scelte che la gente fa per enfatizzare la propria critica situazione. Se vogliamo risanare le famiglie italiane serve una riforma economica atta a ridare vita e sopravvivenza alla piccola impresa che rappresenta la parte maggiore del settore economico del paese e che rappresenta le partite iva individuali, gli autonomi e le ditte a gestione familiare. Gli imprenditori sono stanchi, non ne possono piu’ di questo massacro mediatico che parla solo di sinistra, di bunga bunga e sfrutta l’unica arma di cui e’ fornita, l’odio verso Berlusconi . Fino a quando l’Italia sara’ governata da gruppi responsabili……solo del mantenimento delle proprie poltrone, da personalismi e da un opposizione incapace di creare un alternativa, l’unico modo per rilanciare una rinascita del nostro paese e’ la scesa in campo dei piccoli imprenditori. Protagonisti della rinascita del dopoguerra e sicuramente in grado di affrontare questa sfida di un paese lasciato allo sbando senza una strada da percorrere. Serve una nuova vita per il paese, un nuovo gruppo di politici che abbiano nel cuore la legalita’,che siano in grado di fare riforme impopolari, tagli pesanti alle spese ed ai privilegi di tutte le caste, Confindustria compresa. Ecco perche’ nella giornata di venerdi 14 ottobre presso il Caffe’ Letterario Pedrocchi di Padova alle ore 18.00 si terra’la presentazione del libro di Francesco Saverio di Lorenzo “ come Dia comanda” a cui seguira’ il dibattito sul tema “sicurezza lavoro e famiglia”.
Il Partito delle Aziende(PDA) si presenta come testimone di legalita’ nella politica nel lavoro e nella famiglia, filo conduttore e indissolubile per la serenita’ di ogni persona. Parteciperanno al dibattito oltre al Presidente Fabrizio Frosio, Gianmario Ferramonti, kim Carrara e Riccardo Sindoca, il Gen. Cc Eduardo Sivori, il Gen Esercito Carmine Bennato, il Gen CC Basilio Viola, il Gen GDF Pietro Matarese ed il Gen Alessandro La Posta dei Corpi Sanitari Internazionali ed avra’ come moderatore Federico Tassinari di Mondolibero.
La legalità se portata come valore nella politica si riflette per inerzia sull’economia e sulle aziende, ecco perche’ il PDA promuove la serenita’ nelle famiglie come diritto inalienabile. (Fabrizio FrosioPresidente PDA)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 6 Comments »

Malattie neurodegenerative

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

Auguste Deter. Alois Alzheimer's patient in No...

Image via Wikipedia

Alla Sissa di Trieste 5 milioni di euro dal Miur per scoprire quali cambiamenti del genoma umano sono responsabili di alcune malattie neurodegenerative attualmente incurabili, e fatali per il sistema nervoso centrale, quali Alzheimer, Parkinson, Corea di Huntington, sclerosi multipla e malattie prioniche. Ad aggiudicarsi l’importante finanziamento del ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca con il bando Firb 2011, per il futuro della ricerca fondamentale, è stato un team di esperti coordinato da Giuseppe Legname della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati. Il progetto, dal titolo Genomica funzionale delle malattie neurodegenerative, assume inevitabilmente rilevanza sociale: si stima infatti che circa 30 milioni di persone nel mondo siano affette da Parkinson, Alzheimer, Corea di Huntington, malattie prioniche e sclerosi multipla e che saranno più di 100 milioni entro il 2050. Avvalendosi di strumentazione tecnologicamente avanzata che permette l’analisi dei tracciati di tutti i geni presenti nel genoma umano, i neuroscienziati potranno condurre studi complessi dell’espressione genica nei tessuti cerebrali (post-mortem) di pazienti affetti da queste malattie e studiare campioni di sangue di soggetti ancora in vita, per verificare se l’insorgenza di queste malattie neurodegenerative sia imputabile a mutazioni del corredo genomico. “Parkinson, Alzheimer, così come le malattie prioniche, sono principalmente patologie sporadiche, idiopatiche, multigeniche e multifattoriali: non si conosce ancora la causa scatenante” spiega Legname. Queste malattie, diverse tra loro nelle manifestazioni, sono caratterizzate da una degenerazione progressiva del sistema nervoso e in particolare da una lunga fase presintomatica, che dura anche molti anni, durante la quale la degenerazione è in corso senza sintomi clinici evidenti. Al momento, non è possibile studiare direttamente il sito della degenerazione durante la vita delle persone che ne sono colpite. Pertanto molte delle informazioni sui meccanismi molecolari di queste patologie neurologiche sono tratte dall’analisi post-mortem dei cervelli dei pazienti. Ma una diagnosi presintomatica potrebbe consentire interventi mirati su un gran numero di cellule compromesse.
“La maggioranza di queste malattie coinvolge diverse aree del cervello, ed è ancora sconosciuto il meccanismo molecolare che rende le cellule nervose così vulnerabili. In ogni caso, le evidenze ci suggeriscono che lo stesso meccanismo molecolare è alla base della formazione e propagazione delle diverse patologie” precisa il neurobiologo. Oggi, la descrizione di tutti i geni espressi in una specifica cellula nervosa, in condizioni sia fisiologiche sia patologiche, è considerato l’approccio migliore per studiare il meccanismo molecolare delle malattie neurologiche, determinante anche per identificare farmaci appropriati.
Lo studio sarà condotto da Giuseppe Legname, responsabile del laboratorio di biologia dei prioni alla Sissa di Trieste, Stefano Gustincich, responsabile del laboratorio di neurogenomica della Sissa, Gilberto Pizzolato, dell’Università di Trieste, Roberto Furlan, del San Raffele di Milano, Francesca Persichetti, dell’Università del Piemonte Orientale, e Fabrizio Tagliavini dell’Istituto neurologico Carlo Besta di Milano. Il team cercherà di comprendere dunque il nesso causale tra le variazioni dell’espressione genica globale del genoma umano e le malattie neurodegenerative, individuare differenze e tratti in comuni tra le diverse patologie e ricavare informazioni rilevanti sulla progressione della malattia e utili per la diagnosi, con la speranza di progressi terapeutici. (Giuseppe legname)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il partito “osceno”

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

Ginger and Cinnamon

Image via Wikipedia

Non mi ritengo un “bacchettone” e non mi scandalizzo davanti alle parole “ardite” anche se non sono solito pronunciarle e cerco d’ignorarle allorché giungono alle mie orecchie. Ma tali parole le considero gravi per un altro motivo. Un uomo politico non può e non deve rendersi complice di un costume decadente, di una fraseologia da bettola non tanto e non solo per il ruolo istituzionale che svolge, quanto per la risonanza mediatica che provoca e la capacità di trasformare la stessa politica in un qualcosa di “sporco”. Uno “sporco” richiamato dal presidente Napolitano in un suo recente incontro pubblico proprio per evitare che sia associato alla politica. Una politica già da tempo compromessa da scandali, connivenze con la criminalità organizzata, luogo di intrallazzi e di voti di scambio sempre più inquietanti. Tanto che persino le cose buone rischiano di diventare per lo meno sospette, se non peggio. E gli uomini e le donne che in buona fede, oso sperare, difendono e declassano questo andazzo, a pure e semplici battute, forse non si rendono del tutto conto del danno che provocano offrendo un alibi ad un costume da basso impero. Già il capitalismo ha nel suo figlio degenere nel consumismo, inteso come un sistema che privilegia l’avere in opposizione all’essere, trasformando i singoli individui ad una macchina per fare soldi, costi quel che costi, perché, si afferma, con cinica spregiudicatezza, sia l’unico modo per emergere, per esercitare un potere sovrano, per dominare e schiavizzare coloro che si considerano, con disprezzo, dei falliti. Così abbiamo sotto altra forma riesumato il culto della razza, le logiche del superuomo e condannato miliardi di esseri umani alla stregua di cloni, pronti ad essere sacrificati per il bene del loro padrone. Cosa può interessare a questi “padroni” il fatto che vi siano milioni di giovani senza lavoro e privati di una prospettiva per il futuro, che milioni di bambini muoiono ogni anno, nel mondo, di fame e di stenti e di malattie, che la povertà attanagli le famiglie, soffochi la loro dignità e non consenta d’emergere anche attraverso i propri figli con una istruzione che sta diventando sempre di più un privilegio di casta? Che cosa può interessare? Tanto sono meno di niente ed è appena sufficiente blandirli con una nota di ottimismo per il futuro perché la sete fa loro bere qualsiasi intruglio. Tanto loro sono degli gnoccoloni e tali rimangono. E alla fine sono proprio le vittime ad applaudire il carnefice. Questa è la storia che tristemente si ripete e non sembrano sufficienti le parole di una Cassandra di turno per indicarne i limiti e a scuoterci. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Premio giornalistico Agnelli

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

Stefania Craxi

Image via Wikipedia

Il premio giornalistico “Umberto Agnelli” promosso dalla Fondazione Italia Giappone è stato consegnato a Kyoto a Pio d’Emilia (SKY TG24) e a Stefano Carrer (IL SOLE-24 ORE) nel corso della 23esima Assemblea Annuale dell’Italy-Japan Business Group dal presidente della Fondazione Umberto Vattani alla presenza del Sottosegretario agli esteri Stefania Craxi. Il riconoscimento ai due inviati uno della televisione, l’altro della carta stampata è stato assegnato “per aver raccontato dai luoghi stessi del disastro con professionalità, oggettività e grande passione gli eventi drammatici che hanno colpito il Giappone l’11 marzo 2011”. La Fondazione Italia Giappone è stata creata da Umberto Agnelli, che ha presieduto fin dalla sua costituzione nel 1989 anche l’Italy-Japan Business Group.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mohamed Magani: Un tempo berlinese

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

View, Algeri, Algeria

Image via Wikipedia

Un tempo berlinese racconta la storia di un algerino, emigrato da circa 25 anni in Germania, che ritorna nella sua terra negli anni Novanta, alla vigilia della discesa del paese all’inferno. Dopo che un amico di Berlino gli ha riferito gli echi di un dramma avvenuto in Algeria al tempo in cui si trovava nella Legione Straniera – dramma che a priori avrebbe travolto tutti i componenti di una famiglia – l’emigrato pur avendo rimosso ogni traccia della sua storia naturale, crede di ravvisare nei fatti riportati dall’amico la sorte della sua stessa famiglia, dimenticata e messa da parte per tutto il tempo dell’emigrazione. Deciso ad approfondire, vivrà il ritorno sui binari, e tra un treno e l’altro registrerà e osserverà i primi segni dello sconvolgimento del paese. Finisce così per lasciarsi raccontare la sua stessa biografia da un viaggiatore, un sedicente – o autentico – “amico d’infanzia”, che nella speranza di essere riconosciuto come tale, insegue e assilla la vittima nei vari spostamenti. A costui, però, il protagonista oppone il proprio passato ricostituito a Berlino, il proprio spazio-tempo della memoria.
Mohamed Magani è nato nel 1948 a El Attaf, Algeria. Per molti anni ha vissuto in esilio in Europa come scrittore perseguitato. Attualmente è docente presso l’università di Algeri e presidente del Pen Club Algeria.
Autore: Mohamed Magani Collana: Nuove Lune 65 Categoria: letteratura straniera/algerina
Pagine: 200 ISBN 978-88-497-0767-0 Prezzo: € 17,00

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maïssa Bay: La notte sotto il gelsomino

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

Speronella e Gelsomino

Image by Massimo Norbiato via Flickr

La notte sotto il gelsomino rappresenta il sogno della donna che lotta e va alla ricerca di se stessa nella routine di una società dove il maschio la fa da padrone. Undici racconti in cui si ritrovano i temi cari a Maïssa Bey: l’amore, la solitudine, la sofferenza e la morte. Ma soprattutto l’Algeria. Donne, figlie, madri, amanti, sorelle che dormono, amano, piangono e muoiono sotto lo sguardo dei loro uomini. Racconti sorprendenti che rapiscono subito il lettore, e lo portano a mettersi nella pelle delle eroine e a percepirne le emozioni più esclusive. Pur toccando temi scottanti e attuali, l’autrice riesce, con il suo stile, ad accordare frasi taglienti e parole che scorrono come un dolce mormorio, senza mai cadere nella ridondanza.
Maïssa Bey è nata nel 1950 a Ksarel-Boukhani, nel sud dell’Algeria. È autrice di romanzi, racconti e opere teatrali, per i quali ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti. Tra le sue pubblicazioni più importantiNouvelles d’Algérie (ed. Grasset 1998) per cui ha vinto il Grand Prix de la nouvelle de la Société des gens de lettres ; Surtout ne te retourne pas (ed. l’Aube et Barzakh 2005) che si è aggiudicato il Prix Cybèle; Pierre, Sang, Papier ou Cendre (ed. l’Aube 2008) vincitore del Grand Prix du roman francophone SILA, L’une et l’autre(ed. l’Aube, 2009) e il recente Puisque mon cœur est mort (ed. l’Aube, 2010) trionfatore al Prix de l’Afrique Méditerranée/Maghreb 2010.
Autore: Maïssa Bey Collana: Nuove Lune 64 Categoria: letteratura straniera / algerina
Pagine: 180 ISBN 978-88-497-0763-2 Prezzo: € 15,00

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Cosa sono le agenzie di rating?

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

Interest rate vs money balance

Image by RambergMediaImages via Flickr

Pubblicato: martedì 09 agosto 2011 da Alberto Puliafito sul web. Le borse crollano ancora. E se per Carlo Clericetti non è colpa del rating, la realtà sembra essere un’altra. Esiste un oligopolio del rating? Siamo effettivamente schiavi delle agenzie oppure hanno ragione dai banchi del Pdl a sostenere che “il mercato non decide chi governa”? Che cos’è effettivamente il rating? Ovvero. Di cosa si sta parlando, in concreto, da giorni? E quali nuovi spettri si aggirano per il mondo? Partiamo da un fatto evidente: per quanto si schermiscano, le agenzie di rating hanno un potere enorme. Una loro azione può causare – insieme ad altre congiunture, ovviamente – quella crisi del debito che sta attraversando tutto il mondo. Esse possono tenere sotto scacco un’intero stato. E non uno stato piccolo, come la Grecia o il Portogallo. No. Una potenza internazionale come gli Stati Uniti d’America. “Scopriamo”, giornalisticamente, che esistono queste agenzie di rating, e sentiamo improvvisamente parlare di Standard & Poor’s, Moody’s, Fitch, di downgrading del debito, AAA, AA+ e via dicendo. Come se fossero termini che riguardano la nostra quotidianità (e soprattutto, con una confusione immane, come se gli Stati si indebitassero esattamente come fanno le persone. Non è proprio così, ma ne parleremo). Ma è bene approfondire e scoprire anche le critiche alle agenzie stesse. Critiche che sembrerebbero esserci solo quando le agenzie provocano una qualche crisi – magari agevolando una qualche speculazione – ma che afferiscono a questioni che sono più di concetto che legate strettamente all’attualità.
Cosa sono le agenzie di rating? Le agenzie di rating sono delle compagnie che assegnano una valutazione (il cosiddetto rating, appunto) su titoli e obbligazioni di imprese private oppure sui titoli di stato (quindi sul debito degli Stati). Storicamente, si ritene che le agenzie di rating nascano per l’esigenza di trasparenza da parte delle compagnie nel mondo della finanza, un’istanza portata avanti da svariati esperti del settore (con interessi diversi) fra cui, per esempio, John Moody (giornalista economista) o Henry Varnum Poor (imprenditore statunitense). Le agenzie di rating esprimono, in sostanza, un “voto” sulla solidità di un’azienda o di uno stato. Un voto alfabetico decrescente. Per esempio, per S&P, AAA significa “elevata capacità di ripagare il debito”. D significa “in perdita”. S&P ha appena declassato gli U.S.A. da AAA ad AA+, per capirci. Ovvero, da “elevata capacità di ripagare il debito” a “alta capacità di ripagare il debito”.
Quali sono le principali agenzie di rating? Ci interessano, per il momento, le agenzie di rating che esprimono giudizi sugli Stati e sul loro debito pubblico. Esse sono le cosiddette Big Three: Standard&Poor’s, Moody’s (entrambe statunitensi) e Fitch (con una doppia sede a New York e a Londra). Esse, in qualche modo, rappresentano un vero e proprio oligopolio di questo tipo di mercato. Moody è controllata principalmente da una holding (Berkshire Hathaway) e da un fondo di investimento (Davis Selected Advisers). S&P è una divisione della The McGraw-Hill Companies, Inc. Fitch è una compagnia minore della FIMALAC, una finanziaria francese.
Legenda:
Verde – AAA
Verde chiaro – AA
Azzurro – A
Blu – BBB
Viola – BB
Rosso – B
Grigio – non valutati o inferiori a B

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jean-Luc Nancy: L’imperativo categorico

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

Jean-Luc Nancy 20100328 Salon du livre de Paris 1

Image via Wikipedia

L’imperativo categorico è il testo che segna una vera e propria svolta nel pensiero di Jean-Luc Nancy. L’opera viene realizzata all’inizio degli anni Ottanta, raccogliendo una seria di saggi che Nancy scrive per alcune conferenze. Oltre ai temi principali, quelli della legge e del giudizio, il libro affronta la questione spinosa del soggetto (dalla quale prende le mosse quel movimento del pensiero francese che oggi viene ricordato come poststrutturalismo), ma anche la funzione etico-politica della filosofia.
L’imperativo categorico rimanda a qualcosa che riguarda l’assunzione di una responsabilità dinanzi al mondo perché, come ci dice l’autore, l’imperativo categorico significa che il concetto di un mondo è indissociabile da quello di un imperativo e allo stesso tempo il concetto di un imperativo puro è indissociabile dal concetto di un mondo. “Ciò che deve essere è un mondo e nient’altro che un mondo deve, assolutamente, essere messo in opera”.
Jean-Luc Nancy (Bordeaux, 1940) è professore emerito di filosofia presso l’università di Strasburgo. Assieme a Jacques Derrida può essere considerato il maggior esponente del decostruzionismo. Di Nancy in Italia sono stati recentemente pubblicati M’ama, non m’ama (2009), Cascare dal sonno (2009), Il peso di un pensiero(2009), Sull’amore (2009), Verità della democrazia (2009) e Corpo teatro (2010).
Autore: Jean-Luc Nancy Collana: Entropie 30 Categoria: saggistica Pagine: 160 ISBN 978-88-497-0764-9 Prezzo: € 16,00

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lev Tolstoj: storia di un cavallo

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

Lev Tolstoj

Image via Wikipedia

Uscito per la prima volta nel 1886, questo breve romanzo di Tolstoj racconta la natura umana attraverso una metafora geniale. A parlare infatti è Cholstomer, un cavallo che nessuno vuole perché ha avuto la sfortuna di nascere con un mantello pezzato. Dalla tenera età e dai primi turbamenti amorosi fino alla vecchiaia, Cholstomer ci racconta con tenerezza la sua vita. Con le speranze e i sogni disattesi, le gioie e le sofferenze come inevitabile corollario, la vita del cavallo non si differenzia da quella vissuta da tanti esseri umani.
Ma, a differenza degli uomini, vittime della loro ossessione per il possesso, i cavalli affrontano l’esistenza con libertà, affrancandosi dalla schiavitù dell’ansia per il tempo che passa ineluttabile. Così, nonostante “la ragione stava sempre dalla parte di coloro che erano forti, giovani e felici, di coloro che avevano tutto davanti a sé…” Cholstomer vive la vecchiaia e la morte con nobile distacco e intelligente curiosità.
Lev Tolstoj (Jasnaja Poljana, 28 agosto 1828-Astapovo, 20 novembre 1910) è uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi, autore di pietre miliari come Guerra e pace e Anna Karenina.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »