Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 12 ottobre 2011

Innovation and Technology Can Help Revitalize Economies

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

Innovation

Image via Wikipedia

Moscow, A new World Bank report released Monday in Moscow, Igniting Innovation: Rethinking the Role of Government in Emerging Europe and Central Asia, calls on the region to take dramatic steps to position itself closer to the scientific and technological frontiers and regain the lead in regional or even global settings. Innovation and technology absorption are widely recognized as main sources of economic growth for emerging and advanced economies alike. Governments can play an important role in bringing innovation and technology to markets in Emerging Europe and Central Asia (ECA), but badly designed or badly implemented government interventions can further hamper the development of an innovative and entrepreneurial culture among businesses and research communities, says the report. As such, it is vital for governments to choose the right policies and country examples to follow rather than implementing innovation support measures which do not suit the country context. For example, lessons accumulated from supporting innovation in new EU member states have helped to design new context-specific methodologies and innovation strategies, which will be implemented at the regional level in Russia.
The region has a tradition of excellence in learning and basic research which can provide the base for future commercial innovation. However, going from a strong research foundation to economically productive commercial applications remains a critical missing link. The legacy of central planning has yet to be fully resolved, as many of the public research and development (R&D) institutes are still operating as standalone entities, often disconnected from the realities of the markets. The new report explores ways in which governments can build on the region’s strong research foundation to support commercialization. It analyzes four aspects of the innovation system – international collaboration, research and development institutions, government financial support instruments, and the investment climate – and concludes that the following steps are necessary for igniting innovation in ECA:
• Supporting the collaboration of local researchers and foreign inventors—and attracting foreign R&D investment. To enhance integration into the global R&D community, governments should support local co-inventors in obtaining international patent protection before they negotiate the ownership of their joint patents with their western co-inventors.
• Restructuring research and development institutes. To better focus R&D and commercialize its outputs, policymakers should ensure that international structures, funding and governance focus on the real potential of each organization and the local and global demand for their outputs.
• Rethinking financial support instruments. To promote risk-taking and stimulate markets for private risk capital, policymakers should evaluatesupport instruments and develop new ones based on international good practices—such as matching grants, minigrants, loans, and venture capital.
• Facilitating trade, FDI and entrepreneurial start-ups and spinoffs. For reforms in innovation to make a difference, governments need to improve the ease of doing business in ECA in measurable ways—with a special emphasis on those aspects that are vital for FDI, start-ups and spinoffs, such as starting a business, protecting investors, and getting credit and enforcing contracts.
The World Bank has accumulated a substantial amount of operational and analytical experience in the region, including technical assistance projects that are currently being prepared in Poland, Bulgaria, and Romania. The Bank’s work with the Croatian government in developing and implementing its new comprehensive science and technology policy is one example of how the Bank applied its experience in implementation and monitoring of innovation projects for success. The results and recommendations offered by the report are intended to contribute to the discussion about the role of government in innovation policy, and how to make innovation and technology adoption a central part of the development and growth strategies of post-transition countries.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ispettori a procura di Napoli

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

Napoli

Ieri il parlamentare del Pdl Alfonso Papa, detenuto nell’ambito dell’inchiesta della P4, ha fatto pervenire ai giornalisti una lettera-denuncia in cui accusa i magistrati di Napoli di avergli fatto pressioni per indurlo ad accusare il premier Silvio Berlusconi in cambio della scarcerazione. Della questione si occuperà la procura di Perugia, ma l’arrivo della missiva ha fatto sì che il ministro della Giustizia Francesco Nitto Palma disponesse l’invio degli ispettori nella procura partenopea. Giovandomenico Lepore, procuratore capo di Napoli, non esclude una eventuale querela per diffamazione nei confronti di Papa. Giuliano Girlando, responsabile per la Giustizia dell’Italia dei Diritti, ha così commentato l’accaduto: “Diamo piena solidarietà al procuratore capo Lepore e ai pm Francesco Curcio e Hanry J. Woodcock che in queste ore sono sotto un attacco ai danni delle procure. Si tratta dello stesso metodo utilizzato contro i giudici Clementina Forleo e Luigi De Magistris. Alfonso Papa sta, di fatto, dimostrando la validità delle accuse usando un sistema intimidatorio basato su ricatti e minacce. Noi auspichiamo – continua l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro – che ci sia un intervento del CSM a tutela della procura di Napoli e dei tre procuratori, in modo che possano svolgere le loro inchieste senza essere sotto minacce e intimidazioni”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Muti: il Birgit Nilsson

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

Riccardo Muti nach einer Opernaufführung der S...

Image via Wikipedia

«Faccio le mie più vive congratulazioni e quelle della giunta capitolina al direttore Riccardo Muti, che domani riceverà il prestigiosissimo Premio svedese Birgit Nilsson. Un riconoscimento che conferma l’importante modello che Muti rappresenta per la musica in tutto il mondo. Questa ulteriore onorificienza testimonia il grande valore artistico di un uomo che vive con passione e dedizione il proprio lavoro». Lo afferma il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il governo ha perso senso realtà

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

Gianfranco Fini, italian politician.

Image via Wikipedia

“Calderoli, Frattini e tutti gli altri, attaccando il presidente Fini, dimostrano di aver perso il senso della realtà e quello delle Istituzioni, semmai l’avessero mai avuto. In qualunque posto al mondo, in una qualsiasi democrazia parlamentare, di fronte alla bocciatura sul rendiconto dello Stato, un Governo si sarebbe dimesso, solo qui questo non accade e nessun esponente dell’Esecutivo si prende la briga di analizzare oggettivamente lo sfacelo politico a cui stiamo assistendo”. Lo dichiara in una nota Roberto Menia, coordinatore nazionale di Fli.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diminuitio capitis

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

Berlusconi

Image by Alessio85 via Flickr

Il Pdl non accetterà mai di riconoscere 18 anni di fallimenti verso la nazione, compensati dai grandi affari che gli hanno permesso di pagare i debiti delle sue fallimentari aziende e di diventare uno degli uomini più ricchi del mondo. Per lui accettare di farsi indietro sarebbe una diminuitio capitis, una lesa maestà, convinto come è di essere “er più” di Arcore calato a Palazzo Ghigi per incarico divino. E’ convinto di essere:
Il più grande Pdl degli ultimi 150 anni,
Il migliore imprenditore del pianeta,
cantante che incanta,
barzellettiere gustoso,
amatore infaticabile, di cui le donne si innamorano perdutamente,
generoso intrattenitore di cene eleganti,
diplomatico efficace e autorevole,
onesto, corretto, trasparente, come nessun altro al mondo,
mediatore democratico,
politico illuminato,
umile e fedele servitore della Chiesa e dei suoi comandamenti,
disinteressato soccorritore degli amici in difficoltà,
non teme di essere intercettato perché non ha nulla da nascondere,
sostenitore della sacralità della famiglia,
legislatore illuminato per il bene della nazione.
… e nessuno della sua corte lo contraddice.
Ma la migliore definizione l’ha data il fedelissimo Rotondi “Santo puttaniere”. La migliore identificazione del suo partito/azienda l’ha data lui stesso “Forza gnocca”. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Religion, Nature and Art”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

The Vatican Museums are the world's 37th most ...

Image via Wikipedia

Rome October 13 from 10:30 and 14, 2011 Vatican Museums’ Ethnological Museum & International Society for the Study of Religion, Nature and Culture. Thursday 13 October Inauguration and welcome Auditorium H.E. Giuseppe Mons. Bertello – President of the Pontifical Commission for Vatican City State and the Governatorate of Vatican City State
• Prof. Antonio Paolucci – Director of Vatican Museums
• Prof. Fr. Nicola Mapelli – Director/Curator of the
• Ethnological Museums, co-coordinator of Conference
• Prof. Kocku von Stuckrad – President, ISSRNC
11:30-12:45 keynotes – what is art in this context? Prof. Arnold Nesselrath Prof. Kocku von Stuckrad: “The Entanglement of Religion and Art: Joseph Beuys, Shamanism, and Ritual”
• 13:35 Thomas Heinzel
• 13:55 Yme Kuiper
• 14:15 Kristine Ogle
• 14:35 Eva Rita Gyertyanos
Australian Indigenous, Mark Peterson Presiding Museum Room
• 13:35 Asmi Wood
• 14:00 Mary Zeiss Stange
• 14:30 Helga Griffin
• 15:00 Coffee Break
• 15:10-16:55 Session II (Concurrent)
Christianity, Laura Hobgood-Oster Presiding Auditorium
• 15:15 Jan Boersma
• 15:35 Teresa Canepa
• 15:55 James Watkins
• 16:15 Violeta Puscasu
• 16:35 Sasha Chaitow
Representations and Conceptions of Nature, Rick Stepp Presiding Museum
• 15:15 Nathalie Pilard
• 15:40 Joel Stoker
• 16:05 Jonas van Mulder
• 16:30 Fred Simmons
17:00-18:00 Session III East Asian Traditions, Mark Peterson Presiding Auditorium
• 17:00 Dan Smyer Yu
• 17:20 Aming Tu
• 17:40 Sangmu Thenup
18:15-20:00 “Rituals of Life: The Culture and Spirituality of Aboriginal Australians” Exhibit Tour, co-curators Nicola Mapelli and Katherine Aigner Day One Concludes
Friday 14 October 9:00 Coffee Break Reception Area
9:15-11:30 Session IV Auditorium Global Indigenous Perceptions and the Sacred World, Laura Hobgood-Oster Presiding
• 9:20 Peter Wilson
• 9:40 Hee Sook Lee-Niinioja
• 10:00 Alison Kahn 10:20-10:30 Break
• 10:30 Claudia Marchesi and Aedeen Cremin
• 10:50 Elizabeth Oriel and G. A. Bradshaw
• 11:10 Richard Davey
11:45-12:25 KEYNOTE Auditorium Prof. Bron Taylor, founding President, ISSRNC Reading Religion and Resistance in Earth Art and the Book of Nature”
13:15-14:55 Sessions V Contemporary Expressions, Sarah Pike Presiding Auditorium
• 13:15 Gabrielle Genovese
• 13:35 Zeljka Corak
• 13:55 Ina Wunn
• 14:15 Greta Refsum
• 14:35 Alexandra Grieser
East Asian Expressions, Mark Peterson Presiding Museum
• 13:20 Francis Brassard
• 13:45 Dennis Hirota
15:00-16:30 Session VI Renaissance Christianity, Laura Hobgood-Oster Presiding Auditorium
• 15:05 Benedikt Schwoll
• 15:25 Violeta Cvetkovska Ocokoljic
• 15:45 Jules De Waart
• 16:05 Heather Dalton
16:40-18:30 Session VII Spirituality-based Environmental Activism, Nature, Art Auditorium
• 16:40 Katherine Aigner, Convener and Speaker
• 17:10 Adele Chynoweth
• 17:30 Ulrike Wiethaus
• 17:50 M. Dane Zahorsky
• 18:10 Gerald Greenfield
18:30-18:45 Closing comments Auditorium
Prof. fr. Nicola Mapelli Prof. Laura Hobgood-Oster, President-Elect, ISSRNC 18:45 Night Opening of the Vatican Museums for Attendees

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 7 Comments »

Inaugurazione Cromie 2011/2012

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

Castellaneta Marina (Ta), 15 ottobre.riapre il Cromie e vedrà in consolle tre guest dj: il duo The Martinez Brothers e Michel Cleis, La maxi discoteca è una struttura caratterizzata dalla sofisticata architettura e da innovativi elementi tecnologici che esaltano tutti i sensi e rendono il locale altamente suggestivo. Ledwall a trecentosessanta gradi, teste mobili, macchine del fumo e tanti altri effetti speciali che puntano ad esaltare l’aspetto visivo, accostandosi all’elemento principale che è contraddistinto dalla musica d’eccezione.
Ai due giovani fratelli Martinez, si alternerà il più grande, in senso anagrafico, Michel Cleis, il genio che ha dato vita alla hit mondiale “La Mezcla”. Nato a Losanna e cresciuto ascoltando Miles Davis, John Coltrane, i Beatles e Lucio Battisti, mai avrebbe immaginato di lavorare nel settore musicale. “Non so cosa avrei fatto – ha affermato il dj – Ma io non volevo un lavoro normale”. E così è stato grazie alla sua principale creazione e all’ausilio di Luciano che gli ha aperto le porte della Cadenza Records. Così nell’arco di pochi anni è diventato uno dei dj-producer più apprezzati che sabato 15 ottobre emozionerà il pubblico del Cromie con le sue sonorità tech house influenzata da ritmi latineggianti eccezionali che contraddistinguono il suo stile.
Con loro, in consolle, si alterneranno anche i dj resident Mr Frank e Flavio Santoro e le voci di Nico P e Danyel. Oltre all’Arena, il Cromie ha a disposizione altre due zone da ballo: il Don Giò, la zona dell’avanguardia musicale, di ispirazione e tendenza berlinese.; Fra Noi, fashion privè, da sempre, dedicato alla fetta più glamour del popolo della notte che tra parquet, lussuosi divani ed intere pareti di vetro, dà vita ad un ambiente intimo e sofisticato.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

“No al condono o scenderemo in piazza”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

In questi giorni, la nostra associazione è stata letteralmente presa d’assalto da centinaia di e.mail inviate dai nostri associati e da molti cittadini, indignati per l’ipotesi di un possibile condono, che rappresenta una misura ”iniqua e non risolutiva”, oltre ad essere una beffa nei confronti dei tanti cittadini onesti che pagano puntualmente le tasse, nonostante siano stati massacrati dalle ultime manovre governative. Inoltre il condono – continua il Segretario Nazionale dell’Associazione Assotutela.net Pietro Bardoscia – e’ una misura una tantum che non inciderebbe in modo concreto ne’ sulla riduzione del debito pubblico ne’ sul reperimento di risorse da destinare alla crescita. In merito a questo ultimo tema, costatiamo un Governo ormai allo sbando, bacchettato dalla Corte dei Conti sulla legge delega in materia fiscale e assistenziale che a quanto sembra è affidata a mezzi di copertura incerti, circoscritti e superati dagli eventi, oltre a soffrire di genericità e indeterminatezza. Per questo riteniamo doveroso da parte nostra scendere in piazza qualora dovesse passare questo condono “salva evasori”, mentre siamo favorevoli all’ idea di un prelievo dell’ 1% sulle baby pensioni e ad una minipatrimoniale del 5 per mille.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Presentazione Accademia Clarence

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

The Castle of the Counts of Modica.

Image via Wikipedia

Modica (RG), venerdì 14 ottobre alle ore 11 la conferenza stampa di presentazione nei locali della Libreria Mondadori (Corso Umberto I, n. 123) è indetta una conferenza stampa di presentazione dell’Accademia teatrale professionale “Clarence” fondata e diretta dal drammaturgo, attore e regista Francesco Silvestri. Interverranno Francesco Silvestri, Piera Ficili dell’Associazione “La città nascosta” e Anna Sammito Assessore alla Cultura del Comune di Modica. Modererà il giornalista Giovanni Criscione. Nel corso della conferenza stampa saranno illustrate la struttura e le finalità del nuovo progetto formativo avviato dal drammaturgo napoletano in collaborazione con l’Associazione “La città nascosta”, con particolare riferimento agli insegnamenti, ai docenti, alla durata dei corsi, alla modalità di selezione degli allievi e alle numerose iniziative collaterali “aperte” anche alla cittadinanza quali stage, seminari laboratori di approfondimento, ricerche sulla tradizione orale, convegni sulla nuova drammaturgia contemporanea, rassegne di film tratti da opere teatrali, costituzione di una biblioteca teatrale.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mediazione civile e giudice di pace

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

Minori, giustizia, sicurezza sociale

Pecoraro, Chiede al Ministro di Giustizia di conoscere quali provvedimenti intende adottare contro i giudici di pace non professionali chiamati a decidere cause minori in ambito civile e penale, che invece di impegnarsi per tentare la conciliazione in sede non contenziosa ai sensi dell’art. 322 c.p.c “rinviano” alla Corte Costituzionale o alla Corte di Giustizia Europea allungando in tal modo e sensibilmente la durata del procedimento e con aumento di costi pagati dalla comunità. C’è già la richiesta di un giudizio di legittimità sulla obbligatorietà del tentativo di mediazione pendente davanti alla Corte Costituzionale da parte del Tar Lazio. Per quale motivo dunque, quattro giudici di pace (Parma, Palermo, Catanzaro, Mercato San Severino) sollevano la stessa questione? Vogliamo capire perch&eg! rave; deve essere sempre la comunità a sostenere lo sperpero di denaro pubblico quanto la Corte dei Conti ha affermato che le innovazioni modificativo-aggiuntive che siano correlate alla migliore attuazione dei principi costituzionali in tema di giudizi, di diritti dei cittadini e di principi che regolano l’azione di pubblici poteri vanno ovviamente recepite. Sappiamo che molti giudici di pace non verificano se all’atto del conferimento dell’incarico al legale, l’informativa, è stata rilasciata e consegnata al cliente con i requisiti previsti dall’art. 4 del D. Leg.vo 28/2010. Come mai, si chiede ancora Pecoraro, i giudici ordinari, nel rispetto dell’art 5 del citato decreto “rinviano” le parti davanti ad un organismo di mediazione, iscritto nel registro tenuto presso il ministero di Giustizia al fine di esperire il tentativo di mediazione, ! mentre alcuni giudici di pace fanno il contrario? Non vorrei ci fossero degli “interessi” tra chi esalta questi comportamenti con enfasi ingiustificata e questi giudici di pace. Un caso per tutti: un cittadino per recuperare 300 euro ne ha dovuto pagare 1400 per onorari, diritti spese ecc al proprio avvocato e altri 1.400 ne ha dovuto versare la controparte . Sapete quanto sarebbe costata alle parti se i loro consulenti non avessero fatto in modo di far fallire la mediazione? 83 euro per parte!

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cala la fiducia sulla casa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

Casa

Image by marcusrg via Flickr

La manovra economica, la reintroduzione dell’Irpef sulla casa, la cedolare secca. Queste sono solo alcune delle novità del mercato immobiliare dell’ultimo trimestre che sembrano avere influito sulla percezione che gli italiani hanno dello stato del mercato del mattone. Secondo le rilevazioni dell’indice relativo al terzo trimestre 2011 condotto da Immobiliare.it, che ha interrogato oltre 5.000 italiani alle prese con l’acquisto o la vendita di casa, la fiducia dei consumatori nei confronti del settore immobiliare è scesa di nove punti percentuali rispetto ai tre mesi precedenti, attestandosi al 45%. Quanto alla percezione degli italiani sull’andamento dei prezzi degli immobili in vendita: se il 32% del campione si aspetta stabilità, per il 37,6% i costi sono destinati a calare, e solo il 22,5% teme un aumento. In linea generale emerge una fiducia più marcata da parte dei cittadini delle regioni del Centro e del Nord Italia; Umbria (62,5%) e Lombardia (52%) sono le regioni in cui, in percentuale maggiore, si ritiene sia un buon momento per comprare casa. (fonte Ufficio Stampa Gruppo Immobiliare.it)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Decreto sviluppo e linea programmatica del governo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

Antonio Martino

Image via Wikipedia

Tra pochi giorni il governo sarà alle prese con la presentazione del decreto sviluppo, diventato ormai uno degli adempimenti fondamentali per far si che il paese ritorni a correre verso una crescita degna di una paese occidentale. Il problema che riscontro nelle analisi e nelle proposte degli addetti ai lavori è che di là di alcuni proclami non ci sia una vera e propria linea programmatica, ma piuttosto una sorta di rincorsa per trovare le fantomatiche risorse “tappa buchi”
Prima l’ipotesi di un condono fiscale, poi quella di una mini patrimoniale,poi quella di un contributo di solidarietà;tutto questo per “fare cassa”e destinare risorse alla crescita. Il mio modesto parere invece va’ in tutt’altra direzione perché l’approccio al problema è sia pragmatico che ideale. L’attuale governo si era presentato nel 2008 con una larga maggioranza parlamentare ed era li che aveva il dovere di presentare agli italiani riforme coraggiose, anche impopolari ma che sicuramente sarebbero state percepite dall’opinione pubblica come “doverose” per risollevare le sorti del paese.
Abolizione delle province e degli enti inutili,innalzamento dell’età pensionabile,privatizzazioni, ma soprattutto liberalizzazioni, unico sistema per migliorare i servizi e diminuire il costo della sua relativa offerta. Questo non è avvenuto o è avvenuto in parte per responsabilità che non sono da attribuire esclusivamente al Presidente del Consiglio come molti vorrebbero far credere ma che sono state frutto di un insieme di cause-effetto che hanno portato a questa situazione di impasse(situazione economica internazionale, uscita di Fini dalla maggioranza,attacchi giudiziari di tutti i tipi al capo del governo ecc ecc). Ora, non si può guardare esclusivamente al passato e piangersi addosso piuttosto bisognerebbe trovare il sistema per dare una scossa all’economia e farla ripartire. In questi casi come suggerisce il Professor Antonio Martino ci vorrebbero terapie d’urto. Queste terapie possiamo infliggerle soltanto ed esclusivamente dando respiro alle categorie produttive ovvero le imprese che a loro volta se messe in condizione genereranno ricchezza e contribuiranno a creare nuovi posti di lavoro, quindi a far diminuire la disoccupazione aumentando il potere d’acquisto e stimolando i consumi. Tutto ciò dovrebbe avvenire non tappando buchi o limitandosi a mettere in campo politiche “assistenziali” da parte dello stato ma partendo proprio dal principio che in momenti come questi bisognerebbe avere più mercato e meno stato. Con meno stato intendo meno burocrazia, meno assistenzialismo, meno intervento pubblico in economia. Ovviamente un governo soprattutto in questi periodi si trova a far fronte alla necessità di trovare risorse sia per rispondere ai vincoli di bilancio imposti dall’Unione Europea, sia per poter trasferire una parte di esse allo sviluppo. Bisogna però, prima di tutto cambiare approccio culturale altrimenti non se ne esce. Ridurre la spesa deve essere prioritario ed ognuno di noi dovrebbe fare la sua parte,poi c’è l’aspetto delle privatizzazioni e aggiungo:delle privatizzazioni dello Stato. Non dico di vendere tutti gli immobili compresi nel conto generale del patrimonio dello Stato che ammonterebbero a 2400 mila milioni di euro (circa il 160% del debito pubblico) ma di avere come obiettivo la gestione ottimale delle attività patrimoniali dello Stato soprattutto attraverso la loro “cartolarizzazione”. Bisogna avviare concretamente la privatizzazione del patrimonio dello stato e la finanza di progetto (“progect financing”) per gli investimenti pubblici in cooperazione con le iniziative private dando attuazione alla logica per cui la pubblica amministrazione non possa pù prescindere dai condizionamenti esterni dell’economia, delle variazioni quantitative e qualitative della domanda, perché la liberalizzazione di tutti i rapporti con il cittadino che si realizza , la privatizzazione crescente delle risorse e del rapporto di pubblico impiego comportano la definizione dei rischi sociali da gestire con criteri di economicità. L’operatore pubblico si deve porre nell’ottica dell’imprenditore privato e ponderare la probabilità degli eventi esterni alla sua attività, considerando le possibili variazioni della domanda e dell’offerta del marcato derivanti da eventi naturali o determinati da fattori di mercato. A questo punto è necessario che si abbandonino i vincoli che solitamente predispongono gli amministrativisti per delineare e gestire schemi di contabilità pubblica che si rapportino alla flessibilità delle decisioni e alle responsabilità dei centri di costo, per dare luogo ad una finanza di progetto che coinvolga congiuntamente iniziative private ed investimenti pubblici per lo sviluppo di reti produttive molto utili alla crescita competitiva del tessuto impresario. Bisogna quindi avviare una nuova fase politica che, invece di procedere con investimenti tampone di controllo dei flussi di tesoreria che deresponsabilizzano gli operatori sui risultati da raggiungere, predispongono nuovi strumenti strutturali che mirano ad adeguare la realtà economico finanziaria del paese a quella degli altri partner europei e soprattutto responsabilizzano la nuova classe dirigente sulla promozione dello sviluppo produttivo. Il governo si trova ora a fare una scelta coraggiosa:tappare un buco oppure ridare una visione programmatica che porti ad avere una prospettiva del nostro paese più moderna ed efficiente. La possibilità ancora c’è, bisogna che il regista della squadra riprenda la palla e segni il gol decisivo per portare l’Italia a competere sui campi internazionali. (Riccardo Lucarelli Presidente Rete Liberal)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

UNAOC and The New York Times collaborate to train journalists on election coverage

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

Old NY Times Building

Image via Wikipedia

New York, The United Nations Alliance of Civilizations (UNAOC) and The New York Times Knowledge Network collaborate to train US, Tunisian, Egyptian, and French journalists on covering elections.Ahead of the imminent elections in Tunisia and Egypt, the UNAOC is working with The New York Times Knowledge Network, which offers online adult and continuing education opportunities, to provide a six-week online course to Tunisian, Egyptian, Moroccan, French, and American journalists and journalism students. Each of the aforementioned four countries is expected to enter major parliamentary or presidential elections in the next twelve months. The UNAOC and The New York Times Knowledge Network are collaborating to provide a course that addresses both practical challenges and ethical considerations involved in reporting on elections.
Journalists from both large and small independent media are participating—including the popular Nawaat blog in Tunisia, which was created shortly after the revolution. Reporters from several French and Arabic newspapers are also taking part in the course, including Le Temps, Le Quotidien, Al-Ahram, Al Masry Al Youm, Daily News Egypt, and El Shorouk Daily.Students from journalism schools in various countries will also participate, including the American University of Cairo, Sciences Po in France, and several US institutions such as CUNY, Columbia University, University of Missouri, University of Arkansas, University of Wisconsin and Medill. At the end of this course, participants will be able to better interview candidates or outside experts, analyze polling data, learn how to report on results fairly and accurately, and have a deeper understanding of journalistic ethics. The course will also provide an opportunity for journalists from different countries with vastly different media cultures to compare notes on the challenges they face in doing their jobs.
The New York Times Company (NYSE: NYT), a leading media company with 2010 revenues of $2.4 billion, includes The New York Times, the International Herald Tribune, The Boston Globe, 15 other daily newspapers and more than 50 Web sites, including NYTimes.com, BostonGlobe.com. Boston.com and About.com. The Company’s core purpose is to enhance society by creating, collecting and distributing high-quality news, information and entertainment.
About the United Nations Alliance of Civilizations (UNAOC) The UN Alliance of Civilizations was established in 2005 as an initiative of the UN Secretary General, under the cosponsorship of the President of the Government of Spain and the Prime Minister of Turkey. It emerged out of a conviction that, in order to achieve sustainable peace, long-standing divisions and misperceptions between cultures need to be addressed. In April 2007, Secretary-General Ban Ki-moon appointed Jorge Sampaio, former President of Portugal, as High Representative for the Alliance. It is supported by a growing Group of Friends of 129 governments and international organizations.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 5 Comments »

The Wall Street Journal Europe Announces Management Change

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2011

The Wall Street Journal Europe, 03/06/2011

Image by Xavier de Jauréguiberry via Flickr

London, (GLOBE NEWSWIRE) The Wall Street Journal Europe today announced the resignation of its publisher, Andrew Langhoff. A search will begin for a successor. In the interim, Kelly Leach, senior vice president and head of strategy for Dow Jones, will oversee EMEA operations. As publisher of The Wall Street Journal Europe and managing director for EMEA, Mr. Langhoff had been responsible for Dow Jones’ consumer and enterprise businesses in the region since January 2009. Prior to his European role, he served with distinction as the CEO of Ottaway Newspapers, which since has been renamed the Dow Jones Local Media Group. Mr. Langhoff joined Dow Jones in 2003 as general counsel for Ottaway and later led that unit’s digital development operations.
Founded in 1983, The Wall Street Journal Europe forms part of the world’s leading business publication franchise, which also includes The Wall Street Journal and The Wall Street Journal Asia with a combined global audience of 3.5 million. The Wall Street Journal Online at WSJ.com is the leading provider of business and financial news and analysis on the Web with more than one million subscribers and 32 million visitors per month worldwide. The Wall Street Journal Europe draws on the Dow Jones global network of 2,100 business and financial news staff, including more than 440 in Europe, the Middle East and Africa. Its website, europe.WSJ.com, offers relevant, reliable breaking news and analysis, opinion, market data and multimedia features tailored for a European audience.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 4 Comments »