Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Governo: Ennesima fiducia, ennesima vittoria

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 ottobre 2011

No al berlusconismo.

Image via Wikipedia

L’on.le Giuliano Cazzola importante esponente del Pdl non ha dubbi: con il voto di fiducia il governo uscirà per l’ennesima volta vincitore. Non abbiamo dubbi sulla previsione. Credo che anche le opposizioni ne siano convinte. E allora? Il discorso mi sembra diverso da quello strumentale di calcolare la manciata di voti che saranno raccolti per raggiungere il quorum. Credo che persino diversi parlamentari della maggioranza ne siano convinti. Il loro timore è stato ben espresso dalle dichiarazioni del Presidente Berlusconi allorché pone l’accento sul “vuoto” che si verrebbe a determinare dalla sua uscita di campo con un centro-sinistra costruito sull’idea di un’armata Brancaleone. Ma è un discorso a dir poco da cortina fumogena poichè lo ha ben chiarito Casini alludendo al fatto che la richiesta del suo gruppo è incentrata alla ricostruzione del centro-destra con un Berlusconi in panchina e, semmai, con un “armistizio” con le restanti opposizioni. Proposta ragionevole che permetterebbe al Pdl di uscire dal pantano in cui si è immerso sino al collo nel difendere una posizione tanto compromessa. Ma questo discorso varrebbe se il partito fosse autonomo e non padronale. E varrebbe ancora di più se non fosse padronale anche La Lega per la quale qualcuno sussurra sia nella mani dello stesso Berlusconi, mentre Bossi resterebbe solo come “fiduciario”. Ora ci sembra evidente un’altra circostanza. Le opposizioni con questo “chiaro di luna” avrebbero tutto l’interesse che la situazione peggiorasse, mentre i governativi confiderebbero nel recupero di coloro che nel voler vederci chiaro si sono, nel frattempo, appollaiati sull’Aventino e sono per la cronaca circa il 30% dell’elettorato nazionale. Di certo non è poca cosa. Ciò spiega, se non altro, la fatica del governo a varare il disegno di legge per il rilancio dell’economia dovendo superare i veti incrociati delle lobby che operano all’interno della coalizione e che costituiscono una parte importante del suo contenitore elettorale. Tutti vorrebbero imporre dei sacrifici ma a condizione che li facciano gli altri e in questa lotta all’ultimo sangue di certo non usciranno bene le categorie sociali economicamente più deboli: pensionati, famiglie monoreddito, cassa integrati,disoccupati, precari. E’ questo il gioco al massacro che rende incerta e al tempo stesso critica la condizione degli italiani e ne ingessa la prospettiva di un rilancio economico credibile anche di là dei provvedimenti che il governo andrà a delineare tra qualche giorno. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: