Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 19 ottobre 2011

L’altalena dei prezzi che affama i più poveri

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

FAO's headquarters in Rome, in Via Terme di Ca...

Image via Wikipedia

Roma 19 Ottobre, ore 9.00, Piazza di Porta Capena (Circo Massimo)Gli attivisti di Oxfam Italia saranno davanti alla FAO per chiedere ai delegati del Comitato sulla Sicurezza Alimentare Mondiale (Csa) di mettere fine alla volatilità dei prezzi alimentari che solo nel 2010 ha spinto al di sotto della soglia di povertà 44 milioni di persone. Sullo sfondo di un grafico che mostra l’andamento irregolare dei prezzi, gli attivisti mostreranno, in modo simbolico, quanto riso, grano e mais era possibile comprare ieri, e la quantità – ben più scarsa – che è possibile
acquistare oggi con la stessa somma di denaro. Cosa accadrà domani? E’ un punto interrogativo sospeso sopra il destino dei più poveri e vulnerabili. Per evitare che i più poveri siano vittime della volatilità dei prezzi alimentari, Oxfam chiede al Csa tre misure urgenti:
1.     Abbandonare le politiche di sostegno ai biocarburanti, che tolgono il cibo dalla bocca delle persone per metterlo nei serbatoi delle auto;
2.     Dare regole ai mercati delle materie prime alimentari per frenare le speculazioni;
3.     Costituire riserve alimentari nei paesi poveri per permettere ai più vulnerabili di far fronte all’altalena dei prezzi del cibo.Per la maggioranza delle persone il termine volatilità dei prezzi è oscuro. Se nei supermercati il cibo costa qualche euro in più, molti non ci fanno caso. Ma per quanti spendono tra il 50 e l’80% dello stipendio per sfamare le proprie famiglie, la volatilità dei prezzi è una grave minaccia oggi e in futuro.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Progetto di studio sulle MNC

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

Bologne (Italie), les deux tours

Image via Wikipedia

Bologna dal 19 al 21 ottobre, un gruppo di studio della NATO si riunirà presso l’ordine dei medici di Bologna. Di fatto sarà la prima riunione, cui partecipano i rappresentanti di 6 nazioni (Francia, Germania, Ungheria, Paesi Bassi e Italia,
sotto la direzione degli Stati Uniti ) per un progetto di studio sulle MNC della durata di 3 anni.Per l’Italia interverrà, su nomina del Ministero della Difesa, il Professor Paolo Roberti di Sarsina, docente AIOT ed esperto in medicine non convenzionali del Consiglio Superiore di Sanità.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata farmaci equivalenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

Roma 19 ottobre, alle 16.00, la sede del centro anziani “G. Perlasca”, in via Sabotino 7, ospiterà una nuova tappa della campagna educazionale promossa da Teva Italia “Equivalente. Conosci e scegli i farmaci equivalenti”. L’iniziativa è patrocinata da Movimento Consumatori e dal Municipio di Roma XVII ed è resa possibile grazie al contributo di Teva Italia, azienda leader mondiale nella produzione di farmaci equivalenti. Nasce con lo scopo di dare una corretta informazione su questo tipo di farmaci, affinché ci si avvicini con maggiore fiducia al loro utilizzo. Il farmaco equivalente, infatti, è qualità, sicurezza ed efficacia, ma è anche risparmio. Un risparmio a vantaggio di tutti, del singolo cittadino e del Sistema Sanitario Nazionale. Nonostante la garanzia e la sicurezza dei farmaci equivalenti, però, oggi solo il 10% dei farmaci dispensati è generico, contro una media europea del 50%.
L’iniziativa è patrocinata da Movimento Consumatori e dal Municipio di Roma XVII ed è resa possibile grazie al contributo di Teva Italia. Il farmaco equivalente è qualità, sicurezza ed efficacia. Ma è anche risparmio, a vantaggio del cittadino e del Sistema Sanitario Nazionale, che può così concentrare le risorse per favorire l’accesso a terapie costose e innovative di ultima generazione. La maggior parte dei Paesi europei ha compreso l’importanze dell’uso dei farmaci equivalenti, al fine di garantire un’assistenza sanitaria eccellente ma, nello stesso tempo, sostenibile. In Italia c’è ancora strada da fare, visto che solo il 10% dei farmaci dispensati è generico, contro una media europea del 50%. Tutti gli operatori del settore, medici e farmacisti, sono quindi chiamati a contribuire alla diffusione della cultura del farmaco equivalente.
FARMACI EQUIVALENTI I farmaci equivalenti (detti anche farmaci generici), pur avendo lo stesso principio attivo, presente alla medesima dose, la stessa forma farmaceutica, la stessa via di somministrazione e le stesse indicazioni terapeutiche del farmaco originale, costano meno, per motivi indipendenti dalla qualità del prodotto, legati alla commercializzazione e sviluppo. Forniscono le medesime garanzie di sicurezza, efficacia e qualità dei farmaci originali ma ad un prezzo inferiore. Questo a tutto vantaggio delle tasche dei cittadini e del Sistema Sanitario Nazionale. Per maggiori informazioni sulla campagna: http://www.equivalente.it

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Meeting associazione alunni università Pavia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

Salvatore Quasimodo

Image via Wikipedia

Pavia 22 ottobre 2011, alle ore 16,30 in aula Forlanini (di fronte all’Aula Magna) un appuntamento esclusivo riservato ai soci: la visita alla mostra “Raccontare l’Italia unita: le carte del Fondo Manoscritti”, organizzata dall’Ateneo pavese in occasione dei 650 anni.
I manoscritti, i materiali d’autore e le rare edizioni di Ugo Foscolo, Eugenio Montale, Elio Vittorini, Carlo Levi, Salvatore Quasimodo, Alfonso Gatto, Pier Paolo Pasolini e altri saranno illustrati eccezionalmente dalla stessa curatrice della mostra, prof.ssa Maria Antonietta Grignani.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giovani laureati a Bruxelles con Bcc e Regione Fvg

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

The Brussels Stock Exchange, designed by Suys.

Image via Wikipedia

Sei mesi di tirocinio retribuito con borsa di studio all’Ufficio di collegamento della Regione Fvg a Bruxelles. È quanto offre “Insieme in Europa”, iniziativa avviata nel 2006 grazie alla convenzione, rinnovata nel 2010, tra la Federazione regionale delle Bcc e la Regione Fvg, che si rivolge a clienti, soci o figli di soci delle Banche di Credito Cooperativo laureati (con laurea specialistica) in Economia, Giurisprudenza, Scienze politiche, Relazioni pubbliche delle istituzioni, Agraria e Corso interfacoltà in Studi Europei. Nel biennio 2010-2012 sono 4 le borse di studio previste, di cui 3 già assegnate, mentre sono 11 gli stage realizzati dall’inizio del progetto, che hanno permesso ai ragazzi di specializzarsi nelle materie comunitarie lavorando sul campo: un’opportunità che si è trasformata, per tanti, in un lavoro concreto. Zanelli Riccardo, di Codroipo, è l’ultimo che sta completando con successo l’iter internazionale di formazione.
«Con questo progetto – ha commentato il presidente delle Bcc del Fvg, Giuseppe Graffi Brunoro – il Credito Cooperativo dimostra, ancora una volta, l’attenzione verso le nuove generazioni, sostenendo la formazione della classe dirigente del domani: inoltre, consente anche a noi di entrare in contatto con giovani in possesso di caratteristiche importanti da inserire nel nostro sistema».
Il bando è aperto ai candidati di età inferiore ai 28 anni, che abbiano conseguito (con un voto non inferiore a 99/110) una laurea quadriennale (vecchio ordinamento) o laurea specialistica quinquennale (nuovo ordinamento). Per essere inseriti nella graduatoria, inoltre, gli aspiranti “stagisti” devono possedere una buona conoscenza della lingua inglese e dimostrare di non usufruire di altre borse di studio. Ultima clausola: i candidati non devono essere impegnati in alcuna attività lavorativa. La scadenza per la consegna delle richieste di partecipazione è fissata per il 15 novembre, presso la propria Banca di Credito Cooperativo; il bando e la modulistica sono scaricabili dal sito internet http://www.bccfvg.it.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“The intelligent spinal correction”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

spinal immobilization

Image by raindrift via Flickr

Milano 19 Ottobre, ore 12.00 – 13.30 Orange Room n. 3 Milano Convention Centre oltre 15 milioni di italiani soffrono di dolore lombare; alla base del problema, vi è spesso una degenerazione dei dischi intervertebrali. Con l’invecchiamento della popolazione, le patologie dei dischi (presenti soprattutto negli over 50) sono destinate ad avere un impatto sempre maggiore sulla nostra spesa sanitaria, anche in termini di aumento degli interventi chirurgici richiesti. Sempre più evidenze cliniche dimostrano che il successo a lungo termine di un intervento sulla colonna vertebrale è strettamente collegato alla possibilità di ripristinarne l’anatomia originaria, diversa da individuo a individuo: solo una precisa correzione del segmento alterato può infatti ridurre il rischio di una degenerazione dei segmenti spinali adiacenti. A differenza della chirurgia del ginocchio o dell’articolazione dell’anca, per la colonna vertebrale non è stato possibile finora calcolare esattamente la correzione chirurgica necessaria in ogni singolo caso e le sue conseguenze sulle sezioni confinanti della spina dorsale. Con l’obiettivo di rispondere a questa esigenza, che caratterizzerà sempre più il futuro della chirurgia vertebrale, l’azienda tedesca spontech ha sviluppato il pionieristico sistema CSS, costituito da procedure diagnostiche, dispositivi impiantabili e da un software di calcolo rivoluzionario, a breve disponibile anche in Italia: il Verta-Plan. Il sistema consente al medico di pianificare con estrema precisione un’operazione, fornisce assistenza intra-operatoria e permette il ripristino ottimale della geometria spinale individuale.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campus bio-medico: per il nuovo centro di radioterapia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

Gianni Alemanno, Mayor of Rome.

Image via Wikipedia

E’ partita ufficialmente con una serata di gala presso l’Università Campus Bio-Medico di Roma per la raccolta fondi, per il progetto che costerà alla struttura 8 milioni di euro. L’evento, promosso e sostenuto dall’Ordine Costantiniano di San Giorgio, sarà presenziato dai Principi Carlo e Camilla di Borbone. Sono intervenuti il Ministro della Salute, Ferruccio Fazio, e il Sindaco di Roma Capitale, Gianni Alemanno. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico punta a realizzare entro un anno un nuovo Centro di Radioterapia Oncologica presso la propria sede di Trigoria. La nuova struttura si affiancherà a quella già funzionante presso il Polo Oncologico nel quartiere Prenestino della capitale. Le nuove tecnologie, delle quali sarà dotato il Centro di Radioterapia Oncologica, consentiranno d’irradiare il sito tumorale con maggiore precisione di oggi, massimizzando così l’efficacia terapeutica e riducendo contemporaneamente la tossicità del trattamento per gli organi sani. “Saremo anche in grado di trattare neoplasie oggi non aggredibili, come il mesotelioma pleurico, un tumore che si pone in correlazione con l’esposizione dell’organismo all’amianto – spiega il Prof. Lucio Trodella, Direttore dell’Area Specialistica di Radioterapia del Campus Bio-Medico – L’OMS stima che nei prossimi 10 anni la domanda di trattamenti radioterapici crescerà del 22 per cento. Quella per tumori ai polmoni del 25 per cento. Per il il mesotelioma pleurico ci si attende nei prossimi anni un picco epidemiologico.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

CIGI experts outline prescriptions for Cannes summit and beyond in special report on G20 issues

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

Waterloo, Canada – October 18 – With a possible euro zone collapse and Greek insolvency likely to dominate the upcoming Cannes summit, G20 leaders are not out of options for finding a solution, a new CIGI special report says. But the major economies have lost their unity of purpose, with governance questions preventing action from taking place, the report warns.As leaders of the G20 nations prepare for their summit at Cannes, on November 3-4, CIGI experts offer policy analysis on the most critical G20 issues in the special report Prescriptions for the G20: The Cannes Summit and Beyond. The report features 11 commentaries from experts in The Centre for International Governance Innovation’s (CIGI) G20 Working Group. Each commentary deals with the discrete facets of the G20’s work related to a particular pressing issue, including: the future direction of global economic policy; strengthening international financial regulation; the mutual assessment process for resolving global imbalances; ensuring food security; anti-corruption efforts; and international trade. The entire Prescriptions for the G20 series is available free online via CIGI’s website at http://www.cigionline.org/ series/prescriptions-g20-cannes-summit-and-beyond

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Francesco Pancho Pardi alla Zanzara su radio 24

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

Polizia di Stato Squadra volanti in Rome

Image via Wikipedia

“Di Pietro sbaglia, non ci vogliono leggi speciali” Lo ha detto alla Zanzara su Radio 24 il senatore Francesco Pancho Pardi dell’Italia dei Lavori. “Il giorno dopo la manifestazione degli indignati a Roma, rovinata dall’azione dei black block, tra le reazioni dei dirigenti politici spiccava quella di Di Pietro. Invocava una legge speciale contro gli autori di disordini e, a titolo d’esempio, indicava come possibile una Legge Reale bis. “Negli anni ’70 con queste leggi la polizia uccise un centinaio di persone. In questo caso la polizia ha fatto un danno preciso che è quello di non aver individuato i black bloc prima. La polizia ha sbagliato, erano riconoscibili andavano fermati prima. – continua il senatore Pardi alla Zanzara su Radio 24 . “Ci sono molte testimonianze di persone che raccontano di aver visto molti con il casco appesa allo zainetto e coperte in faccia. La polizia non li ha fermati prima dello scontro in piazza. Una polizia inefficacie e in alcuni casi i poliziotti sono stati peggiori dei black bloc, vedi a Genova alla caserma di Bolzaneto dove è stata fatta macelleria messicana” A qualcuno convenivano questi incidenti? “Certo  – risponde il senatore dell’Idv alla Zanzara su Radio 24 – il Governo dagli scontri il governo trae un vantaggio” (Chioda Maria Luisa)

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Launch of New PRGX SpendTrax(TM) Tool

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

Aerial view of the Downtown Connector in Atlan...

Image via Wikipedia

Atlanta PRGX Global, Inc. (Nasdaq:PRGX), a business analytics and information services firm, announced today the launch of PRGX SpendTraxTM version 3. This new version of PRGX’s core spend analytics tool significantly enhances PRGX’s Spend Optimization suite of services with features and functionalities that allow both private and public sector organizations to rapidly gain visibility into their spend, accurately monitor their spend, identify spending trends and patterns, manage vendor and spend compliance, and identify opportunities to capture savings. As an intuitive and easy to use software-as-a-service, or “SaaS” application, the new version of PRGX SpendTrax provides a holistic overview of a company’s spend. Spend visibility is provided through enhanced graphical views, savings opportunities are pinpointed with the new “Opportunity Analysis” dashboard, compliance is tracked using the innovative “Spend Under Management” functionality, and risk across procurement and payables is monitored through the advanced reporting functionality. In short, PRGX SpendTrax equips procurement teams with a road map for significant value generation through better buying, compliance and process improvement. Sajid Ghani, Global Managing Director of PRGX Business Analytics, said, “This latest version of PRGX SpendTrax is a giant leap forward in empowering clients with new insights and savings opportunities. We have listened to our clients to understand the needs of procurement teams and have incorporated what we learned into an enhanced version of our established data analytics product. This updated tool strengthens all three key stages of our service – the aggregation of client data, appropriate classification of that data through data mining and the generation of a visual representation of where savings can be found.”
Headquartered in Atlanta, Georgia, PRGX Global, Inc. is the world’s leading provider of recovery audit services. With more than 1,400 employees, the company operates and serves clients in more than 30 countries and provides its services to over 75% of the top 30 global retailers. PRGX is also pioneering Profit Discovery™, a unique combination of audit, analytics and advisory services that improves client financial performance. Beyond its core retail practice, PRGX is actively expanding into services to the healthcare industry. Further details can be found at http://www.prgx.com

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

New Multi-professional Patient Safety

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

Patient safety

Image via Wikipedia

Following the success of the WHO Patient Safety Curriculum Guide for Medical Schools, released in 2009, this Multi-professional edition promotes the need for patient safety education to improve the safety of care. The new comprehensive guide assists universities and schools in the fields of dentistry, medicine, midwifery, nursing and pharmacy to teach patient safety and focuses on a number of priority patient safety concepts to improve learning about patient safety.
The Multi-professional Patient Safety Curriculum Guide is being launched by a group of countries of the Western Pacific Region in a special event being held in Manila, the Philippines, on 19 October 2011. The event is being organized by the WHO Western Pacific Regional Office, in collaboration with the Philippines Patient Safety Association and the College of Surgeons. As part of the one-day event, a workshop will take place on opportunities and obstacles to implementing the Multi-professional Patient Safety Curriculum Guide. With this in mind, please find attached a Special Edition WHO Patient Safety Newsletter, which focuses on the new Multi-professional Patient Safety Curriculum Guide. Please note that the bright blue headings are also hyperlinks (leading you to the remainder of each article in question) and a link to our main Curriculum Guide page is found at the very bottom of the Newsletter. For more information on the Multi-professional Patient Safety Curriculum Guide, please visit http://www.who.int/patientsafety/education/curriculum/en/index.html

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Come si costruisce il consenso

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

(cominciamo bene #2)

Image by l3m4ns via Flickr

Non sono di certo i risultati elettorali che oggi dimostrano chi vince o chi perde. Lo sono, a monte, le tattiche per confondere, vanificare, disinformare l’elettorato che fanno la differenza. Nel caso italiano due sono gli aspetti più eclatanti. Il primo nel demonizzare la politica associandola al mal governo, agli intrallazzi, agli scandali e quel che ne segue per spingere gli elettori all’astensinismo. In questo modo si possono meglio controllare i voti e concentrarsi su coloro che si sanno fedeli. L’altro è nel frazionare le forze opposte. Un esempio tipico lo abbiamo avuto nel 2006 allorchè il partito pensionati lasciò l’area del centro destra per passare all’altra sponda. Subito si attivarono le contromisure costituendo un partito antagonista e in questo modo i voti si dispersero vanificandoli. Oggi la tecnica è ancora più raffinata costituendo partiti filo meridionali, di protesta ecc. e con il solo intento di dimostrare all’elettorato che se si scende dallAventino e si ha in uggia i partiti tradizionali vi possono essere quelli alternativi. Ma non si dice loro che sono solo dei masticatori di voti per poi sputarli nella pattumiera. Infatti con il premio di maggioranza basta un solo partito per incassare un risultato record a scapito del perdente, sia pure di poco. E il laboratorio molisano di queste ore lo ha dimostrato ampiamente. Hanno funzionato sia l’astensionismo, sia le liste di disturbo ma capaci di attrarre un elettorato scontento ma speranzoso di poter dare, comunque, un contributo ad una causa che hanno creduto di riscatto e di cambiamento. Più in generale la tecnica è quella di far affiorare il dissenso non dall’altra parte della barricata ma al proprio interno facendo apparire personaggi che protestano, che dissentono e che in questo modo riescono ad individuare per poi neutralizzarli. Lo stiamo verificando in maniera “scientifica” con le esternazioni di Bossi che dal martedì alla domenica tuona contro il governo e il lunedì sera si riallinea con lo stesso oppure lascia intendere che vi sia un’opposizione maroniana all’interno della Lega e così riesce ad individuare e poi ad isolare i dissensi. Il risultato che gran parte del popolo leghista resta ancorato al proprio partito convinto che se le cose non funzionano vi è, comunque, un dissenso che potrebbe raddrizzare le sorti del movimento e resta ben lungi dal pensare che è uno “scontento pilotato”. Se noi non impariamo a fare dei distinguo e a seguire meglio la politica è difficile che con il solo esercizio del voto o, peggio ancora, astenendosi si possa ottenere ciò che dal voto intendiamo esprimere. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Studenti la Sapienza: oltre il 15 ottobre

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

Sapienza University of Rome

Image via Wikipedia

Il 15 ottobre oltre 50 000 studenti e studentesse provenienti da tutt’Italia si sono ritrovati a piazzale Aldo Moro, rispondendo all’appello della Sapienza per la costruzione di uno spezzone studentesco che confluisse nel corteo insieme a tutti gli altri soggetti sociali che hanno promosso la costruzione di quella giornata. L’intuizione di costruire uno spezzone studentesco unitario si è dimostrata vincente, convinti che esista un filo conduttore che lega la crisi del debito pubblico e della finanziarizzazione dell’economia allo smantellamento della formazione e della ricerca pubblica. Non è retorica: ci sentiamo davvero quel 99% che non sopporta più di leggere le scelte della politica attraverso la lettera di Draghi e Trichet, quel 99% che pensa che non ci sia democrazia senza coinvolgimento dei soggetti sociali nelle scelte che riguardano le nostre vite. Siamo quel 99% che partendo da un’idea diversa di scuola e università, attraverso percorsi di mobilitazione reali, prova a costruire un’idea diversa di democrazia, di economia, di politica, di società.
Per fare questo il movimento studentesco ha scelto negli ultimi anni di costruire e praticare un conflitto sociale largo, attraverso pratiche di massa che sapessero tenere insieme pratica dell’obiettivo, conflitto sociale e consenso, radicalità ed efficacia. Non abbiamo mai esitato a sfidare i divieti di chi voleva impedirci di manifestare nei luoghi e nelle forme che sceglievamo durante la mobilitazione, convinti che il conflitto sia un’opportunità politica, nel momento in cui si pone l’obiettivo di invertire i rapporti di forza e di opporsi alla repressione del potere politico, per riaprire spazi di cambiamento. Tramite decisioni collettive, abbiamo deciso se e quando violare le zone rosse per manifestare sotto i palazzi del potere (politico ed economico), così come abbiamo deciso se e quando lasciare quei palazzi del potere soli nelle zone rosse per riprenderci le strade che ci venivano sottratte da un governo sordo e da un parlamento svuotato di senso.
Con questo spirito abbiamo costruito la data del 15 ottobre, attraverso percorsi assembleari nell’università, coinvolgendo le migliaia di studenti che hanno deciso di tornare a invadere le strade di Roma, riportando in piazza i book block, che hanno caratterizzato il nostro movimento lo scorso anno. L’abbiamo fatto insieme a quel mezzo milione di persone che, nell’irriducibile molteplicità di pratiche e di idee che contraddistingue i movimenti più grossi, è sceso in piazza spontaneamente per porre fine a un presente schiacciato dallo strapotere delle Banche Centrali e della Finanza e per riprendersi il futuro. Non ci piacciono le semplificazioni, ma siamo convinti che il livello del conflitto sia espressione della capacità di un movimento di autodeterminarsi, non delle forzature di pochi. Per questi motivi leggiamo come un attacco alla stessa manifestazione la volontà di alcuni gruppi di sovradeterminare le modalità di un intero corteo, mettendo in campo delle azioni che, in una logica del tutto minoritaria ed incomprensibile ai più, hanno impedito agli altri manifestanti di protestare liberamente, nelle forme da loro scelte. Crediamo che sia diversa la scelta di quanti hanno resistito in piazza S. Giovanni alla reazione repressiva e scomposta della polizia che, attraverso l’utilizzo di idranti e caroselli con i blindati ha attaccato l’intera piazza. Il comportamento delle forza dell’ordine, guardavano sicuramente al giorno dopo, quando (come sta accadendo) si sarebbe potuto parlare di Legge Reale di arresti nel mucchio, perquisizioni a tappeto, di chiusura di ogni spazio di agibilità per chi vuole manifestare in un momento in cui l’autunno sarebbe stato particolarmente caldo. Non ci piacciono le semplificazioni della stampa, perché provano a dividere i manifestanti tra aggressori e vittime, ma noi “vittime” non ci sentiamo. Lo spezzone studentesco ha proseguito la giornata del 15 ottobre con un corteo selvaggio non autorizzato, che ha bloccato la città e la tangenziale fino alle 21 di sera, raccogliendo ancora una volta il consenso della gente che applaudiva e si univa a noi. Per questo motivo ripartiamo dal 15 ottobre per rilanciare una nuova stagione di lotta in questo paese. Siamo convinti che la sfida lanciata in tutto il mondo della costruzione di un movimento globale non possa arrestarsi. Manifestazioni in 1.000 città e 82 paesi di tutto il mondo ci parlano di un’opportunità enorme per la costruzione di un’alternativa economica, sociale e politica. Un movimento che non si spaventerà davanti ai deliri repressivi di Maroni, che invaderà ancora le strade e le piazze, con quella indignazione e quei desideri che da sempre hanno caratterizzato le nostre pratiche e i nostri cortei. Ripartiamo già da domani dall’università, rilanciando i percorsi di mobilitazione nelle forme che hanno caratterizzato le nostre manifestazioni lo scorso anno e provando a proporne delle nuove, anche analizzando le esperienze di altri paesi come Spagna, U.S.A., Cile Siamo convinti di non poter tornare indietro adesso, nemmeno per prendere la rincorsa. (Studenti e studentesse della Sapienza in Mobilitazione)

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ripristinati i 180 giorni per i turisti italiani in Brasile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

Porto Seguro

Image by Herbert Kajiura via Flickr

Porto Seguro – Bahia – Brasile (Da Mídia Mutá) – Vari interessati sono stati informati alla Polizia Federale di Porto Seguro che sono stati ripristinati i 180 giorni come limite massimo annuale di soggiorno in Brasile per i turisti italiani. “Quando sono andato ad informarmi, per degli amici, l’agente è stata molto gentile ed anzi ha provveduto immediatamente a rimuovere il cartellino che indicava ancora i 90 giorni“, ha spiegato l’imprenditore edile Francesco Goia. “Siamo contenti che i contatti diplomatici fra i due governi siano stati proficui ed abbia prevalso il buonsenso”, ha aggiunto il general manager del La Torre Resort di Porto Seguro, Luigi Rotunno, ”questa decisione di ripristinare i 180 giorni tranquillizza molte persone in Italia e in Brasile”.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »