Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for novembre 2011

Cicchito e il berlusconismo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

IMG_0151

Image by Forum PA via Flickr

“Le parole di Cicchitto sulle elezioni della Polverini sono omissive e reticenti, in realtà il Pdl nel Lazio non riuscì a presentare nemmeno le liste. Renata Polverini vinse le elezioni soltanto perché riuscì, in quel momento, a incarnare la fortissima spinta di rinnovamento che saliva dall’elettorato, e non solo quello tradizionalmente di centrodestra. L’ostinazione con cui il Pdl alimenta la polemica su Fini e i finiani è segno di immaturità politica e di incapacità di andare oltre il racconto demagogico del berlusconismo che ha sempre ragione”. Lo dichiara in una nota la deputata di Futuro e Libertà per l’Italia, Flavia Perina, coordinatrice del partito a Roma.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salvate i profughi di Ferah

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

Sinai Peninsula (NASA, International Space Sta...

Image by NASA's Marshall Space Flight Center via Flickr

L’organizzazione umanitaria ha trasmesso ai media e alle istituzioni internazionali ed egiziane i dati personali del trafficante di schiavi e organi umani che nel Sinai del Sud tiene in ostaggio 59 migranti eritrei, torturandoli quotidianamente assieme ai fratelli. Una foto di Abu Musa inviata alle autorità egiziane e alle Nazioni Unite “Abbiamo identificato il covo di Abu Musa, il trafficante beduino di esseri umani più spietato, potente e organizzato che operi nel Sinai egiziano”. Lo annunciano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti dell’organizzazione umanitaria EveryOne. “Abu Musa tiene attualmente in ostaggio 59 migranti eritrei, suddivisi in due stanze (rispettivamente con 37 e 22 persone ciascuna). Nel gruppo di 37 profughi – di età tra i 17 e i 38 anni -, con cui siamo in contatto telefonico costante, vi sono 8 donne, alcune delle quali incinte. Il covo ove sono rinchiusi si trova a Ferah, località nei pressi del monte Sinai, a un’ora d’auto da Israele, nel Protettorato di Santa Caterina (Sinai del Sud). Parlando direttamente con gli ostaggi e con lo zio di uno dei sequestrati, che fa da interprete in lingua tigrina per noi dalla Germania,” spiegano gli attivisti, “e grazie a indagini sul territorio, sappiamo ora che il luogo dove si trovano gli eritrei, tutti incatenati in un container interrato, profondo tre metri e mezzo, è simile a un hotel con dei ‘tucul’ intorno, ha due porte rosse d’ingresso ed è presidiato da 4 uomini armati giorno e notte. Nei pressi, vi sono altri tre edifici moderni in costruzione, anch’essi con i tetti rossi. Abu Musa vive in una casa a tre piani poco lontano dal covo, dietro la quale vi è un magazzino, un alto pino e fichi d’india. I trafficanti usano per spostarsi un pick-up Toyota del 2011 (probabilmente un Toyota Cruise) di colore bianco e blu con una striscia rossa, targato 5726”. I co-presidenti del Gruppo EveryOne hanno inoltre diffuso alle autorità di polizia egiziane e internazionali il profilo del trafficante e la sua presunta foto, riconosciuta dagli ostaggi: “Abu Musa ha tra i 45 e i 50 anni, è magro, di carnagione scura e fa parte della tribù beduina dei Muzeina. Parla inglese e alterna ai traffici criminali il lavoro di guida turistica nel deserto, assieme al padre e ai fratelli. E’ soprannominato ‘Samih’ ed ‘El Baah’ (il Profondo). Youssuf, fratello di Abu Musa di soli 19 anni, ha già ucciso almeno 4 migranti. Tre maschi, di soli 18 anni,” proseguono Malini, Pegoraro e Picciau, “sono stati assassinati alle ore 19 del 9 novembre scorso e un giovane questa notte. Il suo corpo senza vita è rimasto esposto a lungo alla vista dei suoi compagni. Un altro prigioniero è invece stato prelevato dai trafficanti giorni or sono e di lui non si hanno più notizie”. Anche gli altri due fratelli di Abu Musa sono predoni, al comando di una banda.
EveryOne riferisce inoltre che vengono praticate sevizie e torture ai migranti imprigionati. Un giovane di 22 anni è stato torturato con scosse elettriche ai piedi ed è rimasto paralizzato; a un altro è stato amputato il mignolo della mano; i prigionieri vengono ustionati sulla schiena con plastica fusa, mentre le donne sono ripetutamente stuprate e bruciate con mozziconi di sigaretta. Numerosi prigionieri hanno ferite infette. “L’ultima minaccia è che se i familiari degli ostaggi non pagheranno il riscatto, che oscilla tra i 25 e i 30mila dollari a testa, i loro cari saranno uccisi” denunciano ancora i membri di EveryOne. “Ci rivolgiamo con urgenza alle autorità di polizia egiziane, ma anche alle Nazioni Unite agli organismi europei” scrivono in un atto di denuncia inoltrato anche a tutte le rappresentanze diplomatiche egiziane nel mondo, “affinché Abu Musa sia arrestato con i suoi complici e i giovani migranti vengano liberati e tutelati nei loro diritti fondamentali alla vita, alla salute e alla libertà”.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Giornata mondiale delle Epatiti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

English: Human Liver Bahasa Indonesia: Hati Ma...

Image via Wikipedia

La giornata è stata scandita da due eventi: in mattinata la “Conferenza sulle Epatiti” organizzata dal Ministero della Salute, e nel pomeriggio la “Rome Celebration” in collaborazione tra il Comune di Roma e Alleanza contro l’Epatite, presso la Sala Protomoteca del Campidoglio. Ivan Gardini, Presidente EpaC Onlus, Associazione di pazienti epatopatici, che, alla Conferenza sulle Epatiti, ha presentato una sintesi del progetto “prevenzione epatite” finanziato dal Centro Nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattia (CCM), afferma: ‘’Con la risoluzione 63.18 sulle epatiti, l’OMS chiede agli stati membri di ufficializzare e celebrare la giornata mondiale sull’epatite. E’ stata riconosciuta e premiata l’insistenza di centinaia di associazioni sparse in tutto il mondo che hanno chiesto a gran voce impegni chiari e precisi per ridurre il peso economico e sociale di questa temibile patologia. L’associazione EpaC onlus, che tutela i malati di epatite virale italiani, plaude a questa prima giornata organizzata dal Ministero della Salute in collaborazione con Società scientifiche, Istituzioni e Associazioni di pazienti. Nel nostro paese, l’epatite coinvolge 4-5 milioni di persone, contando pazienti e familiari. Stiamo vivendo un momento importante e delicato per la cura del malati di epatite virale: anno prossimo saranno commercializzati nuovi farmaci innovativi per curare gran parte dei pazienti. L’impatto economico sarà particolarmente elevato, e potrebbe condizionare l’accesso alle cure per molti ammalati. Per molti pazienti – quelli più a rischio – provare i nuovi farmaci è fondamentale: può fare la differenza tra vivere o morire. Parliamo di pazienti con cirrosi avanzate, in lista per il trapianto, trapiantati di fegato, coinfetti con HIV. Decine di migliaia di persone, un vero esercito. I nuovi farmaci devono essere approvati dall’Agenzia del Farmaco con urgenza. Non è tollerabile che in altri paesi come America, Canada, Germania,Inghilterra, e anche Spagna i pazienti si possano già curare con questi farmaci e in Italia no. L’epatite può evolvere in cirrosi e cancro del fegato. Nonostante la crisi mondiale, dobbiamo fare subito qualcosa per mettere nelle migliori condizioni i medici di prescrivere le cure più appropriate e i pazienti di poter disporre delle terapie migliori come diritto riconosciuto. E’ quindi arrivato il momento di agire e dare spazio ad una patologia da sempre trascurata. Serve con urgenza un piano sulle epatiti virali, coordinato dalle Istituzioni, che includa attività sull’informazione, prevenzione, cura e ricerca.’’ Alla “Conferenza sulle Epatiti” sono intervenuti il prof. Raffaele Bruno, il prof. Antonio Craxì ed il prof. Stefano Fagiuoli per illustrare rispettivamente i dati epidemiologici, la storia naturale ed i costi associati delle malattie epatiche in Italia. Il prof. Raffaele Bruno Segretario dell’AISF (Associazione Italiana Studio Fegato) commenta che le motivazione che hanno indotto l’AISF alla produzione del Libro Bianco ed enfatizza i dati epidemiologici riguardanti l’epatite B e C: “L’Organizzazione Mondiale della Sanità il 19 Maggio 2010 ha riconosciuto per la prima volta l’epatite virale come un problema sanitario di impatto globale e ha approvato la prima risoluzione sull’epatite, al fine di creare un forte sistema di collaborazione tra gli Stati nella lotta a questa priorità sanitaria e che il TECHNICAL REPORT Hepatitis B and C in the EU neighbourhood: prevalence, burden of disease and screening policies September 2010 riporta che l’Italia è il paese europeo con il maggior numero di soggetti HCV positivi e detiene il triste primato di mortalità in Europa per tumore primitivo del fegato (HCC). Globalmente le malattie di fegato incidono per il 5% dei rimborsi spettanti alle regioni per l’attività ospedaliera per una remunerazione teorica superiore al miliardo di euro. Questo è quanto emerge dal LIBRO BIANCO AISF 2011. Questi numeri fanno capire quanto siano onerosi per il nostro SSN i ricoveri per malattie di fegato. La gestione dei pazienti epatologici è caratterizzata da un’ampia variabilità territoriale. Come dimostrato dalla “Analisi di variabilità delle prestazioni ospedaliere. Dati SDO 2008” il tasso di ospedalizzazione per 100.000 abitanti varia da meno dello 0,5 del Piemonte al 3,2 della Campania con un’ulteriore disomogeneità nelle diverse aggregazioni territoriali. Queste differenze riflettono, oltre alla ovvia variabilità degli approcci clinici, l’esistenza di contesti organizzativi molto diversi.’’ Il Dr. Stefano Fagiuoli, che ha condotto lo studio COME, afferma: ‘’Per chi come noi spende le sue giornate nel cercare di contribuire alla gestione delle problematiche cliniche di pazienti epatopatici ed in particolare di quelli affetti da epatopatie croniche HBV e HCV, è cruciale poter contare sul riconoscimento istituzionale che le malattie del fegato rientrano nelle priorità di allocazione delle risorse in sanità. Il presupposto affinché ciò avvenga non può non basarsi sull’inclusione di tali patologie nel PSN. Detto ciò, è certamente una piena responsabilità di noi clinici dedicare in massimo sforzo per ottimizzare la gestione di tali patologie complesse. I dati dello studio COME (COsti delle Malattie Epatiche), che stiamo attualmente elaborando, indicano chiaramente che i costi di gestione delle malattie epatiche (in particolare quelle virali) si incrementano in
modo esponenziale con l’aggravarsi della patologia. Diventa pertanto prioritaria un strategia volta all’identificazione precoce della malattia, per un precoce e diffuso trattamento mirato a prevenirne l’evoluzione. Si tratta di modificare l’ottica fin qui dominante, che identifica l’assistenza sanitaria come una spesa: ritengo sia già giunto da tempo il momento di considerarla invece un investimento in salute. Infine, il nostro studio è volto anche a dimostrare che in tutte le analisi relative ai costi non deve essere considerato il solo costo diretto delle cure, bensì va incluso tutto il complesso dei cosiddetti costi indiretti (perdita di produttività, di reddito, di tempoe qualità della vita del paziente e dei congiunti che lo assistono): solo con una ottica di lungo periodo ed un’attenta analisi globale dei costi e dell’outcome si potrà immaginare una soluzione adeguata al problema delle malattie di fegato virus correlate.’’ Nel pomeriggio, la Rome Celebration ha invece voluto essere un incontro tra medici, pazienti ed Istituzioni, organizzata da ACE ed il Comune di Roma, alla presenza dell’onorevole Marco Siclari, Vice Presidente della Speciale per le Politiche Sanitarie del Comune di Roma, in rappresentanza del Sindaco Gianni Alemanno e della Governatrice Polverini. L’onorevole Siclari ha asserito: “Oggi più che mai per noi amministratori è fondamentale tenere un filo diretto con i protagonisti del mondo della salute, poiché l’obiettivo del medico è lo stesso dell’amministratore: migliorare la qualità di vita e lo stato di salute dei cittadini. E’ evidente come le ricerche dell’Associazione permettano di indagare approfonditamente lo stato di salute dei cittadini e di evidenziare dove la politica debba intervenire per migliorare il servizio e ottimizzare la prevenzione. Inoltre, un dialogo costante tra l’amministratore e il medico permette alla politica di lavorare sui dati aggiornati e concreti di chi è a contatto con i cittadini ogni giorno. Ben venga pertanto questa iniziativa in cui si fa prevenzione e che facilita il dialogo continuo tra le parti. Lodevole è l’impegno di chi ha svolto questo progetto, completato anche dalla scelta di approfondire il rapporto di collaborazione con chi amministra.”Ad aprire l’incontro, dopo i saluti delle Istituzioni, il prof. Antonio Gasbarrini, Presidente FIRE Onlus, e Ivan Gardini hanno spiegato il Significato della Giornata mondiale dell’Epatite e hanno presentato ai presenti l’Alleanza contro l’Epatite.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Carceri e amnistia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

Prison 2

Image by planetschwa via Flickr

“Condividiamo le parole del ministro della Giustizia, Paola Severino, che ha escluso il ricorso ad amnistie o indulti per risolvere l’annoso problema del sovraffollamento delle carceri. Condividiamo anche la proposta del ministro di ricorrere a misure alternative alla detenzione. A tal fine, ricordiamo le proposte di legge di Italia dei Valori su questo tema, che giacciono da molto tempo in Parlamento, e che ci auguriamo possano diventare base per un serio e costruttivo confronto” lo dichiara Antonio Borghesi, vicepresidente del gruppo IDV alla Camera.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: gas serra

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

“Sono passati due anni e mezzo dall’adesione volontaria di Roma al ‘Patto dei Sindaci’ e nonostante tutto questo tempo il piano d’azione è approvato solo qualche settimana fa, mentre la Capitale ha continuato troppo spesso ad andare nella direzione opposta -afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. La Commissione Europea in modo intelligente ha chiesto impegni alle città per ridurre di oltre il 20% le emissioni di CO2 e l’Università La Sapienza ha scritto un piano per molti versi ambizioso, ma nella Capitale tutto ciò è rimasto finora lettera morta, senza il previsto coinvolgimento della società civile e con scelte politiche e amministrative che sono andate invece quasi sempre nella direzione opposta, hanno portato traffico e smog ad essere sempre più impazziti, reso la raccolta differenziata dei rifiuti incomprensibile con assurdi sistemi misti, e posto sul tavolo degli scenari strategici progetti sbagliati come il cemento del waterfront di Ostia o molto delicati come quello delle Olimpiadi”. “Battere i cambiamenti climatici e ridurre la CO2 è un obiettivo fondamentale, che deve partire dalla scala locale, per questo un piano di carta sarebbe del tutto inutile, il “Patto dei Sindaci” non serve per finalità di marketing politico, ma per darsi uno scenario di politiche concrete da mettere in atto in città -conclude Parlati- L’illuminazione pubblica a led è una cosa sperimentale, il bando annunciato sei mesi fa per il fotovoltaico nelle scuole tarda a uscire, il car sharing elettrico è relagato a poche automobili e la smart grid all’Eur futuribile. Che sia per Torbellamonaca o per Fiumicino 2, per le ex caserme, i nuovi stadi o mascherato da housing il cemento sembra invece essere l’unica chiave per lo sviluppo di Roma che vede il Sindaco di Roma, utilizzato per far cassa e non per portare qualità nei quartieri, persino le nuove metropolitane si dovranno fare con i soldi degli appartamenti costruiti attorno. Insomma, dopo tre anni è finito il tempo degli annunci e servirebbero risposte concrete ai problemi delle persone per migliorare la qualità della vita in città”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | 7 Comments »

Il carcere che non c’è

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

Italiano: Il Carcere Mamertino (antico carcere...

Image via Wikipedia

Se qualcuno volesse soppesare il mal di pancia di un paese, il malessere-disagio sociale che recide il valore delle relazioni, è sufficiente smanettare nella rete, saltellando da un blog all’altro. C’è un po’ di tutto, il furore e la rabbia di un popolo di delusi, e c’è pure poca conoscenza, un metodo artigianale dell’imparare, poco propenso a educarci a conoscere quanto ci circonda.Di fronte a questo pasticcio delle intenzioni, che affondano le radici nelle nostre emozioni, c’è forte la richiesta di abbandonare i parolai interessati e intenzionali, di mettere in campo una giustizia equa, una solidarietà costruttiva, che non dimentica le priorità di tutela a garanzia delle vittime di soprusi e omertà, ma che da questo punto di partenza rilancia nuove opportunità di conciliazione da parte del detenuto.La società non è qualcosa di astratto, che si riduce al parlato, al raccontato, è piuttosto una comunità fatta di persone, di istituzioni, di regole autorevoli da rispettare.E il carcere è società, non certamente una manciata di feudi out rispetto alle normative statuali, ma soggetti fondanti lo stato di diritto, eppure il carcere è diventato quotidianamente un caso che desta interrogativi, inquietudini, sordamente rispedite al mittente.Dentro le celle ci sono persone che scontano la propria pena, persone che lavorano, altre che svolgono il proprio servizio volontaristico, si tratta in ogni caso di cittadini, siano essi detenuti, o che prestano la loro professionalità, che consegnano il loro tempo alla speranza di tirare fuori insieme il meglio da ogni uomo privato della libertà. Ma ciò può essere raggiunto unicamente operando con lo strumento dell’educare, non con la solita reiterata tergiversazione per impedire la comprensione, la possibilità di una parete di vetro, dove osservare quel che accade, o purtroppo non accade per niente, perché il diritto è sottomesso e violentato dal sovraffollamento, dagli eventi critici, dai problemi endemici all’Amministrazione.Il rispetto per il valore di ogni persona ha urgenza di essere inteso non come qualcosa di imposto, ma come una condizione esistenziale da raggiungere attraverso l’esempio di persone autorevoli, anche là, dove lo spazio ristretto di un cubicolo blindato, non dovrebbe mai annientare la dignità del recluso.Se è vero che le vittime sono quelle che soffrono dimenticate nella propria solitudine, se i parenti delle vittime se la passano peggio dei colpevoli, occorre davvero fermarci a riflettere, pensare quale società desideriamo, di conseguenza quale carcere condividere, e non rimanere indifferenti a un penitenziario ridotto all’ ingiustizia di una afflizione fine a se stessa.

Italiano: carcere di Prato English: Prato prison

Image via Wikipedia

In questa sopravvivenza carceraria, c’è una incultura che alla pena di morte vorrebbe consegnare la patente salvavita, basti pensare ai quaranta suicidi in questa metà di nuovo anno.Forse come nel Fidelio di Beethoven, non è sufficiente “cacciare via velocemente il cattivo suddito“, alle teorie assolute che pretendono di punire perché è stato commesso un reato, e le altre, che puniscono per impedire che nel futuro se ne commettano altri, c’è urgenza di chiederci quale persona entra in un carcere, e quale “cosa” ne esce, quale trattamento ha ricevuto quella persona, se oltre alla doppia punizione impartita, ha avuto possibilità di imparare qualcosa di positivo, o se invece di rieducazione, si tratta di una definitiva devastazione. (Vincenzo Andraous)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autovie venete: Ghiaccio e neve sotto controllo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

Border between Friuli-Venezia Giulia and Venet...

Image via Wikipedia

Oltre 1 milione e 300 mila euro l’investimento medio annuale di Autovie Venete per gestire la viabilità invernale. E’ una vera e propria “macchina da guerra” quella che Autovie Venete mette in campo per mantenere l’autostrada in condizioni di essere percorsa, d’inverno, anche in caso di ghiaccio o neve. Sedici spargisale (usati per prevenire la formazione di ghiaccio), 14 autobotti (entrano in azione per garantire una migliore rimozione della neve) e 72 lame (puliscono il manto stradale dalla neve) sono i mezzi utilizzati, mentre il “fattore umano” è costituito da una serie di squadre (un responsabile operativo, sei manutentori e altrettanti assistenti) che intervengono a chiamata. Un software dedicato, gestito dalla Centrale Radio Operativa o dal personale in servizio per la viabilità invernale, seleziona in automatico chi deve intervenire a seconda della zona territoriale interessata, utilizzando i numeri di telefono di una mailing list dove sono riuniti i diversi referenti, delle ditte che supportano la Società in questo servizio. Effettuati sempre di notte (durante il giorno il forte flusso di traffico presente sulla rete non reggerebbe la presenza di mezzi che procedono a 40 all’ora), gli interventi preventivi sono attivati sulla base di accurate previsioni meteorologiche. Alla rete di 11 postazioni fisse che rilevano temperatura, grado di umidità e vento, da quest’anno, a disposizione dei Servizi Manutentivi, si affianca un nuovo programma informatico che elabora, utilizzando sofisticati modelli matematici, i dati rilevati dalle stazioni meteo del Friuli Venezia Giulia e del Veneto. I due strumenti, integrati fra loro, hanno un elevato grado di attendibilità e quindi consentono di svolgere un efficace lavoro di prevenzione soprattutto per quanto riguarda la formazione di ghiaccio. In caso di precipitazioni nevose (prevedibili, ma non eliminabili…) entrano in azione le “lame sgombraneve”, operanti in formazioni da 3, dette “treni di lame”: il mezzo operativo che precede gli altri in corsia di sorpasso rimuove la neve e la deposita alla propria destra, dove sopraggiunge dapprima il mezzo operativo in corsia di marcia e successivamente quello in corsia di emergenza, fino all’allontanamento completo dalla carreggiata di tutta la neve depositata. Il servizio è operativo dal 15 novembre al 15 marzo (sempre che le condizioni meteo non richiedano una proroga) e comporta un investimento di non poco conto. Premesso che la sicurezza non ha prezzo e che il costo è strettamente collegato con il numero di trattamenti effettuati, lo scorso inverno Autovie Venete, ha impegnato oltre 1 milione e 300 mila euro.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Governo Monti e pubblica amministrazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

Mario Monti - Caricature

Image by DonkeyHotey via Flickr

Roma. Rendere efficiente la pubblica amministrazione: il sogno degli italiani. Il governo Monti dovrebbe affrontare il tema, pena il fallimento delle sue iniziative. L’efficienza e l’efficacia della Pubblica amministrazione e’ disastrosa: siamo agli ultimi posti tra i Paesi occidentali ed e’ andata peggiorando nel corso degli ultimi 15 anni. Purtroppo gli addetti alla PA non hanno come referenti l’utente ma se stessi, sono, come si suol dire, autoreferenziali. L’utente e’ un fastidio, un lavoro in piu’, una aggiunta di problemi. E’ una mentalita’ che si e’ stratificata nel tempo e che e’ difficile sradicare e le innovazioni sono viste con sospetto. Le resistenze al cambiamento, semmai si dovesse avviare una azione di miglioramento, saranno forti. Non tutte le situazioni sono eguali ma il livello delle prestazioni pubbliche e’ del tutto insoddisfacente per i cittadini. Eppure, la riforma della PA e’ un obiettivo fondamentale per portare il nostro Paese fuori dalla palude nella quale si e’ impantanato.(Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aziende: missione in Albania

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

Skanderbeg Square in Tirana, Albania

Image via Wikipedia

Bilancio più che positivo per le imprese pugliesi e lucane che hanno aderito alla “Missione imprenditoriale in Albania”, organizzata dal 23 al 25 novembre 2011 da Unioncamere Puglia – membro del Consorzio Bridg€conomies, partner della rete Enterprise Europe Network – in collaborazione con la sede Unioncamere Puglia di Tirana. Apprezzamenti oltremodo positivi sulla qualità degli incontri e sulle opportunità profilatesi. Oltre cento i business to business che hanno visto protagoniste le 12 aziende che hanno incontrato in Albania imprenditori locali, selezionati dalla sede Tirana di Unioncamere Puglia. La delegazione ha partecipato altresì il 23 novembre presso il Palazzo della Cultura a Tirana ad un workshop dedicato agli aspetti fondamentali degli scambi economici in materia commerciale, fiscale e doganale, nonché agli aspetti qualitativi degli scambi, con riguardo al mercato albanese. Tra gli intervenuti: il dr. L. Triggiani, Direttore della Sede Unioncamere Puglia di Tirana; il dr. A. Papajani, Direttore del “Dipartimento del Contribuente”, Direzione Generale Tasse Imposte; l’Avv. F. Duka, consulente in diritto societario; il dr. S. Lacej, Direttore del Settore “Tariffe, Origine, Valore”, Direzione Generale delle Dogane. La missione in Albania, rivolta alle aziende del settore metalmeccanico ed engineering (materiali e sistemi per l’edilizia e bioedilizia; produzione macchinari, utensili, carpenteria metallica) è stata completata dalle visite aziendali e ha avuto lo scopo di favorire accordi di cooperazione tecnologica, licence agreement, trasferimento di know-how e accordi commerciali con imprese ed enti albanesi. Gli incontri BtoB si sono svolti allo Sky Hotel di Tirana il 24 novembre. Oltre cinquanta tra imprenditori, enti ed istituzioni albanesi intervenuti al brokerage event.
Le aziende partecipanti: F.I.A.S. srl, Galatone (Lecce); Sud Calce srl, Taurisano (Lecce); Arkilight, Lecce; Cestaro & Rossi, Bari; Lamin Project, Altamura (Bari); SRB costruzioni, Monopoli (Bari); Panebianco costruzioni di Palo del Colle (Bari); Officine Tecniche De Pasquale srl – Modugno (Bari); Area Turismo S.r.l. Melendugno (Lecce); Cooperativa La Traccia di Matera; Innova di Matera; F.C. srl di Taranto

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Clima e sicurezza alimentare

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

English: Habour of Durban Deutsch: Der Hafen v...

Image via Wikipedia

Gli eventi climatici estremi mettono a rischio la sicurezza alimentare in molti paesi del mondo, riducendo milioni di persone in condizioni di fame e povertà. L’impatto dei cambiamenti climatici nel biennio 2010-2011 è illustrato nello studio Eventi climatici estremi: una minaccia per la sicurezza alimentare, diffuso oggi da Oxfam in occasione dell’apertura della conferenza Onu sul clima di Durban. Secondo la ricerca, gli eventi climatici estremi sempre più frequenti avranno un pericoloso impatto sui raccolti e sui prezzi alimentari, riducendo le scorte, destabilizzando i mercati e provocando improvvise impennate dei prezzi.
“Dal Corno d’Africa al Sudest asiatico, dalla Russia all’Afghanistan, un anno di inondazioni, siccità e caldo estremo ha contribuito a diffondere fame e povertà”, dichiara Kelly Dent, portavoce di Oxfam. “Lo scenario può soltanto peggiorare perché i cambiamenti climatici si intensificano e gli agricoltori devono fare i conti con le alte temperature. I governi riuniti a Durban devono agire ora per salvaguardare le scorte di cibo ed evitare che milioni di persone finiscano per soffrire fame e povertà”. Nell’ultimo anno gli eventi climatici estremi hanno scosso i mercati globali, contribuendo a incrementare i prezzi del grano e di altri prodotti agricoli alla base dell’alimentazione. Quest’anno potrebbe essere un triste presagio di quanto ci aspetta in futuro. Gli avvertimenti del Gruppo Intergovernativo di Esperti sul Cambiamento Climatico (IPCC) non lasciano dubbi: con ogni probabilità gli eventi climatici estremi aumenteranno in frequenza e gravità se non si agisce subito. Alcuni esempi sono già sotto i nostri occhi. La grave siccità nel Corno d’Africa ha colpito 13 milioni di persone. La siccità e gli incendi seguiti alla grande ondata di calore in Russia e Ucraina hanno distrutto buona parte del raccolto del 2010 e provocato un aumento tra il 60 e l’80% dei prezzi globali del grano in soli tre mesi. Le intense piogge monsoniche e i numerosi tifoni nel Sudest asiatico hanno ucciso più di 1.100 persone e contribuito a far aumentare i prezzi del riso del 25% in Thailandia e del 30% in Vietnam rispetto all’anno precedente. In Afghanistan la siccità ha contribuito a incrementare i prezzi del grano e della farina di grano. Nelle aree colpite, lo scorso luglio i prezzi erano cresciuti del 79% rispetto all’anno precedente. “E’ certo che i cambiamenti climatici provocheranno eventi estremi sempre più gravi e frequenti. Per i più poveri e i più vulnerabili, che spendono fino al 75% del loro reddito per acquistare cibo, le conseguenze potrebbero essere disastrose”, dichiara Elisa Bacciotti, portavoce di Oxfam Italia. “La salute del pianeta non è più un problema lontano. Le piogge e le alluvioni che hanno colpito l’Italia in queste settimane dimostrano che i cambiamenti climatici fanno vittime e devastano il territorio anche nei paesi industrializzati, a casa nostra. Poveri e ricchi, Sud e Nord del mondo sono sullo stesso fronte e per questo devono agire insieme in modo rapido”. Oxfam chiede ai governi riuniti a Durban di centrare tre obiettivi fondamentali: la sopravvivenza del protocollo di Kyoto e l’impegno a concludere al più presto un nuovo accordo esaustivo e legalmente vincolante; incrementare i tagli alle emissioni di CO2 prima del 2020 per mantenere il riscaldamento globale sotto la soglia dei 2 gradi centigradi; assicurare i fondi a lungo termine per aiutare i più poveri ad affrontare i cambiamenti climatici. In particolare, il Fondo verde per il clima non può restare un contenitore vuoto, ma deve essere dotato delle risorse necessarie per entrare in funzione. La ricerca di Oxfam è disponibile al seguente link: http://www.oxfam.org/sites/www.oxfam.org/files/extreme-weather-media-brief-111128-final.pdf

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Impianto illuminazione pubblica a Palermo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

English: a panoramic view of Palermo, the city...

Image via Wikipedia

Palermo mercoledì mattina 30 novembre, dopo circa 25 anni, i lavori perla realizzazione dell’impianto di pubblica illuminazione nelle vie Ida Castellucci, Emilio Greco, Antonio Agostino e Beniamino Joppolo, ubicate nella ex quartiere della Zisa a Palermo. Tali lavori, metteranno in sicurezza una vasta zona fortemente urbanizzata ad alta densità residenziale, che in questi lunghi anni è rimasta priva di illuminazione pubblica. La zona, nel passato e fino a qualche anno fa’ è stata parzialmente illuminata da punti luce allacciati alle utenze private. Per effetto anche dell’ammaloramento di alcuni pali di luce che negli anni non sono stati oggetto di manutenzione, oggi l’intera area è priva di illuminazione durante le ore notturne. A comunicarlo è l’Assessore comunale alle Manutenzioni e all’Ambiente,
Michele Pergolizzi – che aggiunge: “Finalmente, reperite le risorse finanziarie, l’Amministrazione Comunale potrà mettere definitivamente in sicurezza una porzione del territorio cittadino che da oltre venticinque anni registrava condizioni di degrado, aggravato anche da frequenti atti delinquenziali, con grande disagio per i residenti”.
L’impianto, sarà costituito da n. 23 punti luce alimentati in derivazione con lampade a Ioduri metallici con bruciatore ceramico da 60 watt., mentre il costo complessivo dell’intervento ammonterà ad €. 75.000,00.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Smaltimento pannelli solari

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

Pannelli Solari

Image by Janex & Alba via Flickr

Sono almeno mille le tonnellate di pannelli solari in attesa di essere smaltiti. Ovvero, circa 50mila moduli fotovoltaici che, smontati dai tetti o addirittura mai montati perché guasti o rotti, sono stati messi in fondo ai magazzini. È quanto emerge all’indomani di Ecomondo dove Ecolight, consorzio che si occupa della gestione di RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), pile e accumulatori, ha presentato il sistema integrato per la raccolta e il recupero dei pannelli solari. «Dai contatti che abbiamo avuto sono emersi numeri elevati. E probabilmente sono numeri in difetto rispetto alla realtà», ricorda il direttore generale di Ecolight, Giancarlo Dezio. «Ci troviamo davanti ad una montagna di rifiuti per i quali non esiste ancora una normativa precisa». Il decreto del 5 maggio 2011, riferito al quarto conto energia, ha sancito l’obbligo per i soggetti responsabili di dotarsi di un canale corretto di smaltimento per tutti gli impianti che entreranno in funzione dal prossimo 30 giugno, pena la non concessione dei contributi di incentivo. «I soggetti responsabili, ovvero i produttori e gli importatori, sono chiamati ad aderire ad un consorzio che garantisca il riciclo dei moduli fotovoltaici al termine della loro vita», spiega Dezio. «Viene introdotto il principio secondo il quale chi inquina paga. Per ottemperare questo principio, il finanziamento e l’organizzazione della raccolta e del trattamento sono posti in capo ai produttori».
Ad oggi, sono oltre 54 milioni i pannelli solari in esercizio in Italia e, nonostante ciò, l’unico impianto di riciclaggio si trova in Germania. «Il fotovoltaico ha registrato una grande diffusione fin dalle prime installazioni avvenute negli anni Novanta. Inoltre, grazie ai quattro conti energia, che hanno previsto specifici incentivi per chi decide di produrre energia pulita, la diffusione del solare continua la sua crescita esponenziale», osserva il direttore generale di Ecolight. «Anche se la durata di un pannello fotovoltaico viene stimata intorno ai 20-25 anni, esistono già oggi molti moduli che rotti o non più funzionanti devono essere smaltiti in modo corretto». Ecolight ha studiato un apposito servizio tutto made in Italy per rispondere alle esigenze di recupero e smaltimento. «In collaborazione con aziende nostre partner che operano già nel settore della raccolta e del trattamento di rifiuti elettronici, abbiamo definito un sistema integrato di gestione di questi rifiuti garantendo il ritiro dei pannelli rotti o non più funzionanti su tutto il territorio nazionale e il loro corretto trattamento con il recupero delle materie prime seconde e lo smaltimento delle sostanze non riutilizzabili», spiega Dezio.
Una volta giunto a fine vita, un normale pannello solare può ancora dare molto all’ambiente. Conclude Dezio: «La maggior parte dei moduli fotovoltaici è quasi interamente recuperabile. Se opportunamente trattati, infatti, è possibile ottenere silicio, vetro, alluminio e plastica: tutte materie prime seconde, che possono essere reimmesse nei cicli produttivi facendo risparmiare energia e contribuendo a salvaguardare l’ambiente. Alcuni pannelli, inoltre, contengono tellururo di cadmio (CdTe), una sostanza particolarmente inquinante che deve essere smaltita in modo corretto».
Ecolight – Costituito nel 2004, è uno dei maggiori sistemi collettivi per la gestione dei Raee, delle Pile e degli Accumulatori. Il consorzio Ecolight, che raccoglie oltre 1.500 aziende, è il terzo a livello nazionale per quantità di immesso e il primo per numero di consorziati. È stato inoltre il primo sistema collettivo in Italia ad avere le certificazioni di qualità ISO 9001 e ISO 14001. Rappresentando più del 90 per cento del settore, è punto di riferimento per la grande distribuzione (Gdo) e per i produttori di apparecchi di illuminazione. Tratta tutte le tipologie di Raee. http://www.ecolight.it.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

American Scott Ragsdale within touching distance of unique feat

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

United Arab Emirates

Image by saraab™ via Flickr

Sharjah, UAE, Former Omaha, NE resident and University of California at Berkeley graduate Scott Ragsdale is attempting to successfully complete seven iron-distance triathlons in seven days across the seven major cities of the United Arab Emirates this week.If successful, Ragsdale will have covered a distance of almost 950 miles – the equivalent of travelling from New York to Jacksonville FL, where he attended The Bolles School. Given the amount of energy he will be expending, food and liquid intake is all-important if he is to successfully complete the week-long challenge.With the demands that naseba seven presents Scott must consume between 9,000 and 11,000 calories every day – four times what the average man should (2,500 calories) to maintain a healthy lifestyle. This is because he is burning around 10,000 calories with each day of the challenge – and if he only consumed 2,500 calories – would result in him losing almost three pounds in body weight per day. To illustrate just how much Ragsdale is eating, a female American black bear, which can grow to more than one-and-a-half metres tall and weigh up to 240 pounds, gets through on average 15,000 calories per day.Meals are controlled and specifically structured. His breakfast consists of muesli with warm milk, toast with syrup, energy bars, coffee and water. During each race day he will get through carbohydrate powder mixed with weight gainer, carbohydrate gel, electrolytes and minerals, salt sticks, muesli bars, two bananas and oranges, slices of bread with chocolate spread, pancakes, waffles and at least 5 litres of water.His diet has been designed by his coach, Austrian Mario Huys – a professional coach with more than 30 years’ expertise in sports and fitness. He is a former professional triathlete and 42 times Ironman finisher and has trained gold medallists, Ironman winners and duathlon champions. Once Scott has completed each day’s three disciplines of swimming, cycling and running, he will tuck in to pasta, fish, red meat and BCAA acid – and then eat once again two hours later. It then all starts again the following morning at 5.30am with breakfast.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convention on Climate Change

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

English: United Nations Framework Convention o...

Image via Wikipedia

The 17th Conference of the Parties to the United Nations Framework Convention on Climate Change that opened yesterday in Durban, South Africa. Research Manager for Renewable Energy Alina Bakhareva in London and Industry Analyst Johan Muller in Cape Town, South Africa, analyse possible outcomes and the impacts of national and international policies on the economy.COP 17 – National Policies May Turn Out to Be More Effective than Targets Set by Super-national OrganisationsAlina Bakhareva – Research Manager (Renewable Energy – Europe) – Frost & Sullivan – London OfficeJohan Muller – Industry Analyst – Frost & Sullivan – Cape Town Office. With little more than a year left to the end of Kyoto Protocol, the need for a new international agreement on climate change policy has never been more pressing. COP17 in Durban, South Africa, officially known as the 17th Conference of the Parties to the United Nations Framework Convention on Climate Change, opened yesterday. The question now is: “Will COP17 bring a much-awaited decision that its predecessors in Copenhagen and Cancun failed to deliver?”The sad answer is most probably that it will not. During last two years we saw the negotiating parties’ positions being increasingly shaped by national economic and political interests. With global slowdown affecting the economic recovery and sovereign debt crisis in Europe among other reasons, the hope of national agendas becoming less of a driver in shaping future climate friendly positions (instead of climate change initiatives) is doubtful. This notion should be considered against the fact that climate policy is shaping the future of several industries, key to every nation’s economy, such as energy and power, automotive, aircraft manufacturing, construction and agriculture. Will this mean the end of the battle against climate change? The good news is that a failure of international talks in reaching necessary objectives will not mean an inglorious end of the climate change battle. What it signifies is the end of Kyoto paradigm.A new paradigm is evolving, which is based on ‘home-grown’ rather than imposed policies and actions, due to various factors such as local social/environmental conscience, and commercial viability, among others. Indeed, being more climate friendly can independently be linked to positive economic returns, such as is the case with energy efficient aviation objectives. The battle with climate change is bringing along many opportunities and countries will ideally not want to miss out on exploring these opportunities. A few countries illustrate this point perfectly, albeit countries which are not even signatories to the Kyoto Protocol. The United States have not ratified the accord, and China (the largest contributor to greenhouse gases), is not willing to make any commitments until the United States get on board. Other major countries such as Japan, Russia and Canada indicated that they will not be held accountable to a second commitment period unless the biggest emitters are alsobound. There is evidence that the Kyoto protocol is not solely responsible for the move to more climate friendly practices, as is evident by the examples below.Firstly, there is the USA, which was convinced that ratifying Kyoto would affect its economic growth. Despite a lack of federal government commitment, a great number of state programmes and support mechanisms have sprung into existence to support the green energy and energy efficiency. A few programmes at federal level exist as well; altogether making the US the second largest country in renewable energy investment in 2010.Secondly, there is China, which is not obliged to lower its emissions as it was considered a developing nation at the time of drafting the Kyoto protocol. China’s 12th 5-year plan approved in March, 2011 denoted clean energy, energy conservation and clean energy cars as three out of seven strategic investment areas. The plan’s emphasis on clean energy sources is an important step to ensure sustainable growth. Another positive sign of China’s commitment to renewable energy is introduction of feed-in tariffs for solar energy in August 2011.From the first steps in crutches of heavy government support in Japan and Germany in late 1990s, the clean energy sector is confidently evolving as a win-win solution for many countries as it reduces CO2 emissions through creating new jobs, bringing in investment, and developing cutting edge technologies.While the USA, India, China, Korea and 94 other developed and developing countries have set their targets for the renewable energy use, international help and coordination are desperately needed in the deployment of energy-efficient technologies in poor and developing countries. Large initial investment which is necessary for most clean energy technologies constrains the uptake and growth in those countries that cannot support the green sector through their respective national budgets. We believe that the Green Climate Fund that was agreed on in Cancun, Mexico during COP16, should become a cornerstone for a new round of international negotiations in Durban, essentially aiding and guiding the upliftment of developing countries. Caution should be taken not to impose policies (such as carbon taxes and carbon caps) that are too strict on developing countries’ industries, stifling the movement to lift these countries out of poverty. A balance between the actions of developed and d
eveloping nations should be found, ensuring optimal growth to a low carbon future.Although the COP meetings cannot be ignored as a driver of (at the minimum) raising the awareness of countries and industries towards a more climate change friendly future, the question begs to be asked: How much of a stick has the COP agreements really been? International cooperation on climate change is likely to evolve based on a new paradigm. A multitude of national policies drawn on every country’s strategic priorities and aspirations will ultimately potentially deliver the needed CO2 reductions more effectively than a target imposed by an international body. A failure of international talks in Cancun in 2010 and a great number of national policies and efforts in the clean energy space are clear indicators of coming changes.
Frost & Sullivan, the Growth Partnership Company, enables clients to accelerate growth and achieve best-in-class positions in growth, innovation and leadership. The company’s Growth Partnership Service provides the CEO and the CEO’s Growth Team with disciplined research and best-practice models to drive the generation, evaluation, and implementation of powerful growth strategies. Frost & Sullivan leverages 50 years of experience in partnering with Global 1000 companies, emerging businesses and the investment community from more than 40 offices on six continents. To join our Growth Partnership, please visit http://www.frost.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Vice president Finance e CFO Whirlpool Emea

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

Flavio Caruso è stato nominato vice president Finance e Chief financial officer di Whirlpool EMEA. Caruso, nato a Roma il 22 luglio 1978 e sposato con due figlie, è laureato in Economia e Commercio all’Università la Sapienza di Roma. In Whirlpool dal 2011, Caruso proviene da L.V. M. H. Italia, divisione Acqua di Parma, dove ha ricoperto le posizioni di Finance & Operations director e di Acting general manager. In precedenza ha lavorato per il gruppo Industrie Bialetti come Country, Turkey and Middle East manager e in Amministrazione, Finanza e Controlli per Barilla. Caruso fa parte dello staff Manufacturing operations; la sua sede di lavoro è il Centro Operativo Europeo Whirlpool di Comerio (Varese).
Con circa 12.000 dipendenti, una presenza sui mercati di oltre 30 Paesi europei e siti produttivi in sette Paesi, Whirlpool Europe, Middle East & Africa (EMEA) è una società interamente controllata da Whirlpool Corporation, l’azienda leader a livello mondiale nella produzione e commercializzazione di grandi elettrodomestici. Nel 2010, Whirlpool Corporation ha avuto un fatturato annuale di 18,4 miliardi di dollari, 71.000 dipendenti e 67 centri di produzione e di ricerca tecnologica in tutto il mondo. L’azienda commercializza i marchi Whirlpool, Maytag, KitchenAid, Jenn-Air, Amana, Brastemp, Bauknecht e altri importanti brand quasi in ogni paese del mondo. Il Centro Operativo Europeo di Whirlpool si trova in Italia, a Comerio (VA). Per ulteriori informazioni sull’azienda, consultate il sito Internet http://www.whirlpoolcorp.com o http://www.whirlpool.it.(steve McCurry) (1832 caruso)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Dubai welcomes the penultimate leg of naseba seven challenge

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

This is a photo showing the construction of th...

Image via Wikipedia

Dubai, UAE, Dubai resident Scott Ragsdale is now within touching distance of successfully completing naseba seven – so named because it entails seven iron-distance triathlons across the seven Emirates of the UAE in seven consecutive days. Today he is in Dubai, where he has lived for the past five years. The penultimate day of the challenge started at 7.00am; with Scott swimming the required 3.8 km in the ocean adjacent to the Union House flagpole that commemorates the birthplace of the UAE. On December 2nd 1971 the rulers of all seven Emirates met inside this house to sign the declaration that brought into effect a temporary constitution – and established the independent state of the United Arab Emirates. During the course of today he’ll pass local landmarks the World Islands, Burj Khalifa and Safa Park, amongst others. He’ll finish today’s leg of naseba seven at the offices of his company in Dubai Media City.Having successfully swam across the English Channel last year, the UAE was selected as the venue of this year’s challenge due to Ragsdale’s affinity to the country, and in honour of the Emirates 40th anniversary – which coincides with the American’s 40th birthday. “I love every bit of the UAE and thought, why can’t we put something together here? That’s how naseba seven was born, out of personal ambition, the type of ambition I’m seeking to inspire into others by completing the seven iron-distance triathlons,” he explained.In fact, naseba seven has been officially incorporated in to the 40th UAE National Day celebrations programme – as well as being endorsed by the country’s leading body for all sporting and youth-related activities, the UAE General Authority of Youth and Sports Welfare. It has also received support from many UAE bodies, including the Abu Dhabi Municipality and the Abu Dhabi Sports Council.Right from the start its theme has been “but I have to make it happen…” and its aim is to prove that anyone can achieve something exceptional, if the appropriate focus, preparation and determination are applied. Ragsdale continued: “There are lots of [so called] average people out there doing exceptional things. I am nobody special, trying to do something physically special. Ideally, people who hear about my challenge will reflect on themselves; reflect on their own goals and dreams. A dream or goal means nothing if you don’t make the necessary preparation and effort and go after it.” Tomorrow’s finale takes place in Abu Dhabi, with the climax being hosted at its picturesque corniche. It will see the UAE General Authority of Youth and Sports Welfare, the Abu Dhabi Municipality and both the Abu Dhabi and Dubai Sports Council joining Scott to celebrate his unique accomplishment.
“I wanted to prove to myself I can be consistent and focused enough to make this happen – and ideally through my actions I will inspire those around me,” he remarked.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Schengen: stricter EU rules to prevent illegal border checks

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

MEPs examine re-imposition of border checks in...

Image by European Parliament via Flickr

A proposed EU-based system to monitor any attempt by Member States to introduce illegal checks at the EU’s internal borders was backed by the Civil Liberties Committee on Tuesday. It says that where a Member State seriously neglects its duty to enforce external border controls, despite EU support, specific measures, including closing a specific border crossing point with another Schengen country, could be taken “as a last resort”. Every year, EU citizens make over 1.25 billion journeys as tourists and or to visit friends and relatives across the EU without being held up by checks at its internal borders. The Schengen area also allows free movement for EU workers and third-country nationals legally staying within it. The new “Schengen evaluation and monitoring mechanism”, which takes up most of Parliament’s demands, is designed to maintain Member States’ mutual trust in their capacity to apply all Schengen provisions effectively and efficiently, thus making it possible to maintain a check-free zone. The current draft law – part of the Schengen governance package presented by the Commission in September and building on a previous (2010) proposal – aims to strengthen the existing mechanism for verifying Member States’ compliance with Schengen rules.”The new mechanism should help to reinforce the free movement of persons, be able to monitor any attempt to introduce illegal checks at internal borders, and to help to reinforce mutual trust by ensuring an effective control of the external borders by each Member State”, underlined Civil Liberties Committee rapporteur, Carlos Coelho (EPP, PT). Mr Coelho welcomed the Commission proposal as providing a legal basis that requires the use of the Parliament/Council co-decision procedure.
The new proposal would step up the frequency of on-the-spot inspections and introduce unannounced visits by Commission-led teams and experts from other Member States to verify that Member States are not imposing internal border checks in breach of Schengen rules.
Should a serious deficiency be found in the way that Schengen rules are enforced at external borders, support should be provided to the Member State concerned for a period of six months, MEPs say, including the help of the EU’s Frontex border agency and other EU agencies.This Civil Liberties Committee orientation vote gives Parliament’s rapporteur a mandate to start negotiations with Council.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Italy 2012 Marketing Courses –Beginner, Intermediate and Advanced

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

Wordle Cloud of the Internet Marketing Blog - ...

Image by DavidErickson via Flickr

Italian companies and web professionals seeking up-to-date information on how today’s global search engines work and how it affects successful marketing both locally and worldwide—online and off-line, can now find one or more classes matched to their skillset being offered in Italy by associates of Global B2B Communications. Classes range from ½ day to 5 day course offerings and range in prices from 300$ – 2495$ US. Discounted privately held classes covering the same content and with custom modifications, as well as live online course instruction options are also being offered to select companies, organizations, and other groups such as trade organizations in Italy where appropriate and when available.To pre-register for one or more classes in Italy and to receive updates on class calendar developments visit the Global Class Calendar Updates Sign-Up Page or write to 2012ClassCalendarUpdates@globalb2bcommunications.com.Global B2B Communications’ 2012 Web Marketing Class Roster includes:
Web Basics:-“How to be an Intelligent Buyer of Web Marketing Expertise”, ½ -day course designed for business owners and C-Level managers tasked with sourcing either in-house or outsourced website development. Instructor: Michael Marshall.
“Web Marketing Do Nots—Learning from the Mistakes of Others”, ½ – day course geared especially for companies outside North America but appropriate for any organization that is creating a website for the first time or undertaking its first website re-design and development. Instructor: Amy Munice“Website Weekend”, two-day course designed for entrepreneurs with ideas for new business start-ups and owners, marketing or communications managers of existing businesses that seek low-cost and easy-to-launch professional looking websites capable of bringing new products or service offerings to market in short order and expanding as the business grows. Instructor: Amy Munice and others t.b.a.
Marketing PR Courses:“Global PR with Circa 2012 Search Engines in Mind”, ½-day course designed for business owners, C-Level managers, and communications specialists for companies that sell products or services worldwide or in more than one continent. Class provides overview and case study examples of how search engines create new opportunities and returns-on-investment for various PR tools and tactics. Instructor: Amy Munice“How to Use Web Competitive Analysis Tools to Develop both Online and Off-line Marketing Strategies”, two-day course designed for business owners and C-Level managers with responsibility for business strategy, lead generation or marketing. Attendees can opt to bring their company’s list of marketing objectives to the class to supplement the case studies presented in the course. Instructor: Amy Munice
“Using Mathematics for SEO Copywriting”, one-day tutorial including case study examples and re-writing of existing web pages either found online or brought by attendees. Instructor: Amy Munice
Social Media Courses:“Introduction to Social Media Tools and Functions”, ½ -day course designed for business owners and C-Level managers by the editor of UK’s “New Media Knowledge” magazine and professor at London’s Westminster Business School. This course broadly analyzes a range of social media tools for communication and collaboration. Instructor: Magda David Hercheui, PhD.
“Social Media and Organizational Change”, ½ -day course designed for business owners and C-level managers discussing how the new paradigm of user-generated content requires organizational transformation. Based on case studies, this course explores best-practices in using social media for communication and collaboration within organizations and across organizational boundaries. Instructor: Magda David Hercheui, PhD.
“Workshop on Social Media for Organizations”, 1-day course designed for business owners and C-level managers to learn how to use different social media in their businesses. Through case study examples attendees will learn how to combine social media tools to design better business strategies for communication and collaboration. Instructor: Magda David Hercheui, PhD.“Workshop—Finding YOUR social network”. One-day course. Private tutorial workshops for organizations to guide design of social networking strategies, including identifying priority social networks from the millions of global possibilities that are best-match targets as well as planning dynamic communication models that will be most beneficial to help meet organizational challenges and goals. Instructor: Magda David Hercheui, PhD.
AdWords Cours“AdWords Basics: Introduction to Online Advertising”, one-day course designed for any/all individuals whose work involves implementing, sourcing or supervising Google advertising or other pay per click online advertising campaigns—bringing you NEWLY RELEASED information from the 2012 Edition of Google AdWords for Dummies, by the author and original and definitive authority on web advertising. Instructor: Howie Jacobson, PhD.“How to Set up an AdWords Campaign:Intermediate AdWords Instruction”, one or two day course options, for those who have attended “AdWords Basics” introductory class or have managed AdWords campaigns that were low return-on-investment, again based on NEWLY RELEASED information from the 2012 Edition of Google AdWords for Dummies, by the author and definitive authority on web advertising. Instructor: Howie Jacobson, PhD.“Advanced Online Advertising:The Hero’s Journey”, 1 or 2-day course designed for graduates of beginning and intermediate online advertising courses and/or experienced AdWords managers working either in-house or as professional online advertising consultants covering advanced techniques for optimizing AdWords campaigns. Focus is on advanced techniques beyond the scope of the 3rd edition of (December, 2011 release) of Google AdWords for Dummies. Instructor: Howie Jacobson, PhD.
SEO Courses:“Introduction to Web Marketing and Search Engine Optimization”, 2-day course designed as an appropriate introduction to web marketing for both strategic marketing managers of small and medium-sized businesses and those with day-to-day responsibilities for online marketing. Instructor: Michael Marshall.“Web Competitive Analysis: Advanced SEO”, 3-day course designed for web professionals and C-Level Marketing executives directing online marketing initiatives who are in need of updated knowledge on how 2012 search engines work and how to use math-based linguistics tools for competitive advantages. Instructor: Michael Marshall.
“A-Z—Web Marketing and Search Engine Optimization – Master Level”, 5-day course combining Introduction to Web Marketing and Search Engine Optimization and Web Competitive Analysis: Advanced SEO courses. Appropriate for any in-house manager of website development, professional web developers, online video producers, search engine optimization consultants, SEO copywriters, and others who require detailed up-to-date information on web marketing. Note: Also accredited for college level by University of Mississippi in USA. Instructor: Michael Marshall.“Howto Marry Pay Per Click and SEO”, 1 or 2 day course designed for hands-on managers of web marketing initiatives at all skill levels, covering how to use data and insights from online advertising to accelerate website conversions both before SEO initiatives are started and as mid-course corrections. Instructors: Howie Jacobson, PhD and Michael Marshall. For more information on various course syllabi, prices and pre-requisite knowledgebase suggested for class attendees visit Overview of Global B2B Marketing Instruction Courses or contact Amy Munice at +872-222-7361 (+872-B2B-SEO1) or write amy (at ) globalb2bcommunications.com

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 4 Comments »

Australia makes a big step in the right direction

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

Global mean surface temperature difference fro...

Image via Wikipedia

Durban. Australia’s new climate legislation is a historic breakthrough and a substantial step in the right direction, but is still not stringent enough to help the world keep global warming to below 2 degrees C, according to a major analysis of the country’s climate actions, released here today by the Climate Action Tracker, a joint project by Climate Analytics and Ecofys. The 150-page analysis is part of an ongoing investigation by the Climate Action Tracker (CAT) team as to whether current or pledged climate action will be enough to limit the negative effects of climate change by holding long term global temperature increase below 2°C. It examines all sectors: electricity, industry, transport, agriculture, forestry and buildings and compares action against the CAT’s own long term low-carbon vision. “After so many years of lagging behind the rest of the world, Australia has fundamentally changed the way it will tackle climate change. It has now set in place a legislative system that, if applied well and increased in stringency over time, can get it on the right track to a low carbon future,” said Bill Hare, Director of Climate Analytics. He noted that it was a difficult starting point for Australia, which has world’s sixth highest per capita emissions. “It’s a classic example of the longer you wait to take action, the more difficult it gets.” Ecofys Director of Energy and Climate Policy, Dr. Niklas Höhne, said that Australia still had a lot of work to do on setting the right policies. “The new climate legislation provides a positive long term signal, but Australia still needs to enhance policies in all sectors to be on track for a 2°C pathway, especially the transport sector and supporting renewable energy in industry and buildings, where it has huge resources,” said Höhne.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Economic Crime Continues to Increase

Posted by fidest press agency su martedì, 29 novembre 2011

London and New York (GLOBE NEWSWIRE) –More than a third of businesses and other organisations around the world were victims of economic crime in the last 12 months, according to respondents to PwC’s 2011 Global Economic Crime Survey released today. And nearly a quarter of victims said they were subject to cybercrime — the use of technology as the main element in the economic crime. Overall, 34 percent of respondents said their organisations were victims of economic crime, a 13 percent increase since 2009. Theft or asset misappropriation (cited by 72 percent) was the most common type of economic crime reported, followed by accounting fraud and bribery and corruption (24 percent each) and cybercrime (23 percent). Overall, 11 percent of respondents, nearly half of them C-suite executives, said they did not know if their organisation had suffered a fraud. Though the direct cost of economic crime to an organisation can be difficult to gauge, nearly 10 percent of victims reported losses of more than US$5 million. Among those who were victims of bribery and corruption, 20 percent said that they lost more than US$5 million on average. Victims of economic crime also reported significant collateral damage due to fraud. This includes damage to employee morale, cited by 28 percent, as well as to brand and reputation, and to business relationships, both 19 percent. Suspicious transaction monitoring has emerged as the most effective fraud detection method, noted by 15 percent of respondents, up from 5 percent in 2009. The survey of 3,877 respondents from 78 countries is the most comprehensive study of its kind. It found that economic crime remains pervasive among organisations of all sizes, in all countries and all industries. The communications and insurance sectors reported the highest incidence of fraud. Fraud against governments or state owned enterprises rose by 24 percent since 2009, moving it ahead of the hospitality and leisure and financial services sectors as a target for crime. “Economic crime continues to be pervasive, affecting both large and small organisations worldwide without discrimination. No industry or company in any country is immune from the impact of fraud,” said Tony Parton, partner in PwC’s forensics practice in London. “In a world where most enterprises rely on technology, they increasingly open themselves to the risk of criminal activity from virtually anywhere on the planet where there is a computer, a smart phone or any other device able to access the Internet,” Mr. Parton said “Rising incidents of data loss and theft, computer viruses and hacking and other forms of electronic crime demonstrate the need for a more cyber-savvy approach to fraud prevention.”
Cybercrime now ranks as one of the top four economic crimes. The perception of cybercrime as a predominantly external threat is changing, and organisations are now recognising the risk of cybercrime coming from inside as well. Respondents said the Information Technology Department was the most likely source of cybercrime internally. IT was cited by 53 percent of respondents, followed by Operations, 39 percent, Sales and Marketing, 34 percent, and Finance, 33 percent. While half of all respondents noted an increased awareness to the threat of cybercrime, the majority of respondents said they do not have a cybercrime crisis response plan in place, or are not aware of having one. And 60 percent said their organization doesn’t monitor social media sites.The survey found that the typical profile of an internal cybercrime fraudster was a junior employee or middle manager (cited by 85 percent), under the age of 40 (65 percent), and employed by the organisation for less than five years (50 percent Those who said cybercrime was more likely to originate from sources outside their home country listed Hong Kong and China, India, Nigeria, Russia and the U.S. as the countries perceived as the top cybercrime threats.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »