Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 1 novembre 2011

Concerto per la chiusura dei 150 anni dell’Unità d’Italia

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

150° UNITA' D'ITALIA

Busto Garolfo (Mi) Sabato 5 novembre 2011, ore 21 Sala don Besana, Academia Cantus Coro di voci femminili diretto da Benedetta Simoni. Sono “Note di Notte” quelle che la Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate e il Circolo Culturale e Ricreativo della Bcc propongono nella serata di sabato 5 novembre. Nell’auditorium Don Besana della Bcc, a Busto Garolfo (in via Manzoni 50), il coro Academia Cantus diretto da Benedetta Simoni terrà un concerto a chiusura delle cerimonie per i 150 anni dell’Unità d’Italia. «Avevamo aperto i festeggiamenti per il centocinquantesimo lo scorso 17 marzo con il concerto del corpo musicale Santa Cecilia di Busto Garolfo. Adesso, chiudiamo simbolicamente le celebrazioni con un coro di sole voci femminili», spiega il presidente del Ccr, Maria Carla Ceriotti.

Nato ad Ivrea negli anni Ottanta come Assieme vocale da camera eporediese, il coro Academia Cantus si è configurato alla fine degli anni Novanta nella sua attuale composizione prettamente femminile, assumendo così una speciale connotazione che gli consente di interpretare brani espressamente armonizzati per il gruppo, ma anche composizioni di musicisti autorevoli, come ad esempio Brahms e Mendelssohn. A Busto Garolfo, il coro presenterà un repertorio di canti popolari presi dalla tradizione italiana più alcuni brani sacri. «L’appuntamento di sabato 5 novembre vuole essere un ulteriore segnale di vicinanza al territorio», osserva il presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Roberto Scazzosi. «Essere banca del territorio non significa solamente sostenere le imprese e le famiglie, ma anche promuovere momenti di aggregazione culturale; momenti che, come questo, ci aiutano a festeggiare importanti ricorrenze come quella dell’Unità d’Italia».

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’On. Tenaglia nell’Assemblea parlamentare Nato

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

A map showing European membership of the EU an...

Image via Wikipedia

Il sindaco di Orsogna (Chieti), Alessandro D’Alessandro, esprime la soddisfazione dell’intera comunità per la nomina dell’On. Lanfranco Tenaglia a componente della delegazione italiana presso l’Assemblea parlamentare della Nato, in cui sono rappresentati i 28 Paesi che costituiscono l’Alleanza atlantica.
«E’ un incarico di grande prestigio – sottolinea D’Alessandro – e di particolare importanza dal punto di vista politico e istituzionale in un momento così delicato negli equilibri internazionali, a partire dal bacino del Mediterraneo. La competenza e la moderazione dell’On. Tenaglia saranno, anche in quella sede, una risorsa preziosa e contribuiranno al dialogo e alla reciproca comprensione tra i rappresentanti di popoli diversi, con l’obiettivo di favorire la pace e lo sviluppo sociale ed economico».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Symbolic Collection presents Ronnie Wood’s

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

London,Monday 7th – Saturday 12th November 28 Cork Street, W1S 3NG 10 am – 6pm. Symbolic*, one of the world’s greatest collections of 20th century pop culture, is proud to present one hundred art works by music icon and Rolling Stones band member Ronnie Wood. With works having been selected by the artist himself with assistance by Brandon Coburn**, this unique exhibition will take place this November at 28 Cork Street. The retrospective exhibition will showcase the rock ‘n’ roll legend’s personal and engaging record of an evolving culture centred on celebrity and rock ‘n’ roll from 1960 to the present day.Ronnie Wood’s renowned musical career has sometimes overshadowed the fact that he is a trained, highly talented and successful artist, possessing an innate skill as a draughtsman. Brian Sewell, world-renowned art historian, has called him ‘an accomplished and respectable artist,’ an opinion also echoed by the fact that in 2004, Marvin Bragg’s prestigious Southbank show dedicated a one-hour special to celebrating Ronnie Wood – the artist. Edward Lucie-Smith, long established and internationally acclaimed art historian has remarked, ‘Who says you have to be good at only one thing? Ronnie is in the top flight as a musician, but he’s also a fully trained artist – and it shows.’ Wood’s trained eye has led to a series of well-observed sketches of some of the world’s greatest icons that are illustrative ofclose, personal relationships. The Symbolic collection boasts, for instance, studies of fellow legends such as Jimmy Page (1983) – founder of rock ‘n’ roll band Led Zeppelin – and also Eric Clapton. The collection would of course not be complete without Wood’s dynamic studies of the Rolling Stones, such as the 1979 drawing of Mick Jagger, Ronnie Wood, and Keith Richards jamming on stage when touring with their 1975 album, Black and Blue. Also included within the collection are sketched portraits of Charlie Watts, Fats Waller, Blondie and Jerry Hall depicted not as icons, but as friends Ronnie Wood made throughout his career. The carefully selected works act as a pictorial biopic of Ronnie Wood’s thrilling life experiences, guiding us through half a century’s worth of rock ‘n’ roll. Beginning the collection is a self-portrait of the legend (1962), from when he was receiving formal art instruction at Ealing College, looking serene and neatly presented, which contrasts from his cheeky self-sketch from 1974 “Waking up in the Wick,” where Wood is depicted impressively dishevelled as a rock ‘n’ roll star in his new home at The Wick.As well as offering us insight into Ronnie Wood’s personal experiences, the works also presents us with an insider’s view into Ronnie Wood’s celebrated music career. It is fitting that one of the latest works in the exhibition (Essential Crossexion- Album Cover study c.2005) is Ronnie Wood’s personal attempt at recording his journey, illustrating his musical milestones with the Faces, the Creation, the Jeff Beck Group, the Rolling Stones, and his many solo efforts. Another important work within the collection is a colourful and vibrant drawing which Wood created while with the Faces in 1974, – To thank you all we’ll drink those fish under the table -which stands as an emblem of the 1970s progressive fusion between art and pop culture in a post-Warholian world. Also included within the retrospective are original set lists and handwritten working lyrics for the Rolling Stones, Faces, The Birds and the Jeff Beck Group dating back to 1968, which Wood sketched throughout his career. Symbolic’s remarkable collection also possesses a deft satirical caricature of notorious Peter Grant, the Jeff Beck manageras well as The Yardbirds and Led Zeppelin, who was famed for being “the shrewdest and most ruthless manager in rock history.” Images such as these highlight how Symbolic provides a rare and privileged invitation to contemplate a rock ‘n’ roll star’s personal and exhilarating experiences from an otherwise restricted viewpoint.
Symbolic Collection Based in San Diego, California, with showrooms in New York and London, Symbolic Collection has a passion for the unique, owning extraordinary items from the worlds of pop culture, fine art, music and entertainment artifacts, as well as watches, clocks, and the decorative arts.
The music, pop culture and artworks are exhibited by appointment only at their private showrooms in London Mayfair, the Symbolic New York Showroom located in the Fuller Building on 57th Street and Madison and its home city of San Diego, California.(ronnie)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | 6 Comments »

Il problema della “sicurezza stradale”

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

strade

Image by Ivan Marianelli via Flickr

In Italia, continua ad essere uno dei maggiori problemi non risolti. Abbiamo fallito l’obiettivo 2010 dettato dall’Unione Europea e rischiamo di fallire anche tutti gli obiettivi futuri. Purtroppo, ancora una volta, siamo costretti a far rilevare che da parte delle Istituzioni l’attenzione al problema è altalenante e spesso conseguente al clamore mediatico di alcuni incidenti stradali. Il 1° dicembre 2010, quasi un anno fa, abbiamo inviato una nota alle Istituzioni competenti, senza peraltro ricevere risposte concrete da nessuno di loro>>. Ad affermalo è Carmelo Lentino, portavoce di BastaUnAttimo, la campagna nazionale sulla sicurezza stradale e contro le stragi del sabato sera promossa da AssoGiovani e Forum Nazionale dei Giovani, in una nota inviata oggi a tutti i Deputati e Senatori.<<Anche gli ultimi dati ISTAT – prosegue Lentino – ci confermano la necessità di interventi importanti e coordinati, e ci portano ancora una volta a richiamane le Istituzioni ad una forte attenzione alla necessità dell’istituzione di una “Agenzia Nazionale per la Sicurezza Stradale”, a cui vengano conferiti poteri speciali per contrastare questa strage quotidiana, oltre alla necessità di investire pesantemente sulla formazione e sensibilizzazione preventiva>>. <<È necessario passare velocemente dalle parole ai fatti – conclude il Portavoce di “BastaUnAttimo” – troppe manifestazioni di intenti sono irrealizzate. La politica, finalmente, si impegni anche su questo versante>>.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Evangelisation in the Eastern Rite Catholic Churches in Europe

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

Oradea, Catholic Cathedral and Ladislaus I of ...

Image via Wikipedia

Oradea, Romania, 3-6 November 2011. The bishops representing the fourteen Eastern Rite Catholic Churches in Europe will devote the reflections at their annual meeting to the theme of the New Evangelisation. The meeting in Oradea (Romania) constitutes, in fact, the only opportunity for the Greek-Catholic bishops to discuss the theme together before the 13th Assembly of the Synod of Bishops (Rome, October 2012) …. “We are aware that the Eastern Rite Catholic Churches in Europe have their own specific contribution to make to the thirteenth Assembly of the Synod of Bishops in 2012”, said His Beatitude Lucian Mureşan, Major Archbishop of Făgăras and Alba Iulia (Romanian) and President of the Romanian Bishops’ Conference. “The meeting in Oradea therefore constitutes not just an important moment for preparation, but also one of comparison about some of the challenges linked to the ability to proclaim the Gospel in our Churches, which in the twenty years since the fall of the totalitarian regimes have had to face up to societies in rapid change in which secularisation, emigration and relativism have modified the paradigms and methods not just of church belonging and religious practice, but also of the transmission and proclamation of the Gospel, and so they call our Churches to a communal discernment aimed at finding appropriate solutions for the current socio-cultural cont

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Finanziamento progetto ricerca

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

Islet Cells - cellules des îlots

Image by http://www.cihr-irsc.gc.ca via Flickr

Trieste. 500 mila euro dal Miur: 34 anni, modenese, Giovanni Bussi ha conquistato un importante finanziamento dal Ministero dell’Università e della Ricerca, con il bando Firb. Il giovane ricercatore della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste coordinerà un progetto di ricerca per indagare le proprietà, a livello molecolare, dell’acido ribonucleico (RNA): la comprensione delle funzioni dell’RNA rappresenta una questione chiave nello studio di molte malattie, tra cui il cancro e l’epatite, e può aprire la strada a possibili applicazioni nel campo della biomedicina.
L’acido ribonucleico (RNA) è una delle molecole più affascinanti nelle scienze della vita e sta assumendo un’enorme importanza nel campo della biologia molecolare per le diverse funzioni biologiche cui assolve. Come il DNA, suo cugino più famoso, l’RNA è in grado di trasmettere e memorizzare le informazioni genetiche (RNA messaggero e RNA virale) mentre, analogamente alle proteine, può catalizzare reazioni chimiche. Inoltre trasporta direttamente il genoma dei virus – tra cui l’HIV, l’epatite, la dengue e l’influenza – e ha un ruolo cruciale nella regolazione dell’espressione genica.
Obiettivo di Giovanni Bussi è studiare, grazie alle simulazioni al computer, piccole molecole di RNA e in particolare due processi che sono cruciali per capirne le funzioni e il suo metabolismo: l’interazioni RNA-elicasi e l’azione dei riboswitch, o riboregolatori.Le elicasi sono enzimi in grado di rompere la struttura a doppia elica dell’RNA consentendo così il trasferimento delle informazioni genetiche. «L’interazione tra l’RNA e le elicasi è cruciale per esempio per la replicazione del virus dell’epatite C – precisa Bussi -. In questo caso, infatti, l’informazione genetica del virus è contenuta nell’RNA e il ruolo dell’elicasi è quello di srotolare l’RNA virale, permettendo così al virus di replicarsi all’interno dell’organismo ospite. Comprendere questo meccanismo potrebbe permettere lo sviluppo di nuovi antivirali, farmaci in grado di bloccare l’azione dell’elicasi e quindi la copia del materiale genetico virale».
I riboswitch sono invece piccole porzioni di RNA messaggero che regolano l’attività genica controllando come viene trasportato il corredo genetico dal DNA alle proteine. Questi riboregolatori hanno la capacità di riconoscere la presenza di altre molecole nella cellula e, cambiando conformazione, di inibire la trascrizione di un gene o la sintesi di una proteina. Per esempio i batteri utilizzano questo meccanismo per controllare la quantità di vitamina B12 presente nella cellula: se in eccesso, un riboswitch “spegne” il gene che la produce. «In altre parole, i riboregolatori, cambiando forma, inceppano in maniera controllata l’ingranaggio che trasmette le informazioni genetiche. Si tratta di un meccanismo di controllo molto primitivo, che viene utilizzato soprattutto da organismi semplici come i batteri. Per questo, capire come agiscono può essere determinante per lo sviluppo di farmaci antibatterici capaci di ingannare i riboswitch delle cellule batteriche compromettendone il funzionamento» spiega Giovanni Bussi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Disoccupazione e inflazione

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

Il Paese è in ginocchio, solo il Governo non se ne accorge. Devono allarmare la crescita della disoccupazione nel nostro Paese e la forte ripresa dell’inflazione – ha dichiarato il segretario nazionale del Partito Pensionati, Carlo Fatuzzo Secondo i dati istat , la disoccupazione è aumentata a settembre, rispetto al precedente mese di agosto, dello 0,3% ,raggiungendo l’8,3%. Drammatico il dato istat, riferito ai giovani senza lavoro. La disoccupazione giovanile (dai 15 ai 24 anni), ha raggiunto nel mese di settembre , il 29,3 %, rispetto al 28% di agosto . Il lavoro – ha sottolineato Fatuzzo – è il vero problema del nostro Paese ed il Governo, invece che pensare ad introdurre norme che facilitino i licenziamenti per le aziende in crisi , dovrebbe sostenere l’occupazione e varare politiche capaci di creare lavoro. Il Paese sta attraversando una crisi profonda e la situazione sembra destinata a peggiorare. Alla grave situazione occupazionale, si aggiunge la forte ripresa dell’inflazione , che accentua le difficoltà delle famiglie, costringendo milioni di italiani ad ulteriori rinunce e privazioni. L’inflazione ad ottobre – ha evidenziato il leader del Partito Pensionati – ha raggiunto il 3,4%, su base annua, rispetto al 3% di settembre, un aumento , a cui ha contribuito l’aumento dell’Iva ed altri effetti della manovra economica , unitamente agli aumenti del carburante. A pagare il costo sociale di questa crisi, sono,come sempre , le fasce sociali più deboli del Paese , i pensionati ed i lavoratori . I giovani pagano un prezzo durissimo , non riuscendo a trovare lavoro , come evidenzia il pauroso tasso di disoccupazione giovanile. E’ ripresa l’emigrazione e sono proprio i giovani, per cercare un futuro migliore in altri Paesi europei o extraeuropei e questa situazione fotografa chiaramente le condizioni economiche e sociali di milioni di italiani e la gravità della crisi in cui si trova l’Italia. Questo Governo, dopo aver predicato per anni l’ottimismo, non appare in grado di affrontare la gravissima crisi che siamo chiamati a fronteggiare ed appare incerto,scollato ,balbettante, incapace di introdurre misure certe, capaci di arrestare il declino economico del nostro Paese.La situazione sociale rischia di diventare drammatica – ha sottolineato Fatuzzo milioni di italiani, soprattutto pensionati, sono costretti a rinunciare anche a curarsi ed hanno dato fondo a tutte le loro risorse economiche ed ora , oltre alla preoccupazione di come arrivare a fine mese, molti rischiano di perdere la casa .Così non si può andare avanti, questo Governo sembra non accorgersi di quello che sta succedendo nel Paese, milioni di italiani non ne possono più e le tante manifestazioni spontanee, sopratutto di giovani, che nulla hanno a che fare con i delinquenti, non vanno sottovalutate o ignorate . A giudizio del Partito Pensionati – ha concluso Fatuzzo – l’unica soluzione capace di dare lo “scossone” di cui c’è bisogno, è lo scioglimento delle Camere con le conseguenti le elezioni anticipate.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

Rassegna di teatro civile al Portland

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

Trento dal 4 novembre 2011 al 18 maggio 2012. Teatro Portland, Via Papiria 6, Trento Biglietti ed ingresso: Tutti gli spettacoli di venerdì e sabato sono alle 21.00, la domenica alle 10.00 (con colazione!) presso il Teatro Portland – via Papiria, 8 – Piedicastello/Trento. Intero: € 10.00. Ridotto: € 8,00. Ridotto allievi delle scuole di teatro: € 6,00. Costo workshop con Jurij Ferrini € 100,00 (allievi della scuola del Portland: € 80,00). A fine spettacolo (le sere!) ci sarà una degustazione di vini offerta da Vivallis – viticultori in Vallagarina. Manifestazione a cura di Arditodesìo. nuova stagione al Portland è Materiale non Conforme, cioè quello che non appartiene al mainstream, al populismo teatrale che spesso è puro intrattenimento, ballerine e paillettes. L’attenzione è invece all’impegno che ogni singola compagnia teatrale pone nell’atto della creazione artistica, del senso che hanno le parole e i gesti sulla scena, nel cosa si vuole comunicare e nel come lo si fa. | Ecco allora una stagione che vede, oltre agli spettacoli della compagnia Arditodesìo, da sempre attenta all’impegno civile, anche gli ultimi lavori degli Eccentrici Dadarò, degli Ilinx, di Aria Teatro, dei Carichi Sospesi, di Antonello Taurino e del Teatro della Cooperativa. Una attenzione particolare va data al “Progetto Incontro – gemellaggio attorno ai temi del Teatro”, un incontro fra Jurij Ferrini / Progetto U.R.T. e la compagnia Arditodesìo – Andrea Brunello. Il progetto prevede due spettacoli in due serate successive, e un laboratorio tenuto da Jurij Ferrini, uno dei più importanti attori della nuova scena italiana.  (eccentrici, storie di uomini)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra Giacinto Cerone

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

Roma 3 novembre 2011 alle ore 18.30 la Galleria d’Arte Marchetti di Roma inaugura la nuova stagione espositiva con la mostra Giacinto Cerone. Coroplastica dell’inquietudine (a cura di Silvia Pegoraro), a pochi giorni dalla chiusura della retrospettiva dedicata al grande scultore di origine lucana dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. In esposizione un gruppo di sculture in ceramica e alcune opere su carta inedite di grandi dimensioni. Immaginazione visionaria e violenza espressiva della realtà s’intrecciano nell’universo poetico di Giacinto Cerone (Melfi,1957- Roma, 2004), per il quale la scultura è il risultato di un’aspra contrapposizione di forze interiori. Una poetica, la sua, febbrilmente tesa a evocare le eterne energie, le tensioni irriducibili, il “sovraccarico” di emozioni e pulsioni che animano l’esistenza, perché “Dobbiamo essere vittime del sovraccarico – scriveva – Non possiamo far altro”. Tutto ciò, anche attraverso la sperimentazione, nella fisicità della scultura, dei materiali più diversi: legno, plexiglas, moplen, silicone, gesso, vetroresina, ceramica… Proprio alcune sculture in ceramica del 1996 – insieme a un gruppo di splendide carte coeve – sono protagoniste di questa mostra, che pur nelle sue ridotte dimensioni ci svela l’anima potente dell’artista lucano. Un artista che amava sperimentare, dunque, ma sempre in una prospettiva evoluzionistica della propria opera, senza dimenticare il passato e senza smettere di meditare sulle precedenti esperienze. Un oppositore dell'”Accademia”, certo, ma anche un sapientissimo Maestro della materia e del gesto, in dialogo con la tradizione e con la storia, che sapeva trarre le vibrazioni più intense da qualsiasi materiale, convincendoci che la scultura stessa non è forma, ma “è spazio”. Dal vivido ricordo del grande teorico e artista dello spazialismo, Lucio Fontana, che ancora si respirava ad Albisola, Cerone restò affascinato quando si recò nella cittadina ligure, celebre per la lavorazione della ceramica, nel 1991, per realizzare le sue prime sculture in ceramica. Proprio come certe ceramiche fontaniane, le sculture di Cerone possono apparire, a un primo sguardo, addirittura gioiosamente “decorative”, per il loro splendore cromatico , ma ci svelano poi la loro grande tensione emotiva e drammatica, che carica la luce stessa di una viva risonanza interiore. E’ come se il colore timbrico, antinaturalistico e dissociato di un Van Gogh avesse preso corpo in queste sculture, imbevendole del suo espressionismo visionario e bruciante, privo di ogni monumentalità oratoria. I lavori di Cerone sono testimonianza di una personalissima ricerca, dove le voci degli artisti con cui ha dialogato (Michelangelo, Medardo Rosso, Leoncillo, Lucio Fontana…) si fondono nella sua inconfondibile voce: esplorazione di una realtà immediata ma carica di suggestioni “narrative” e “visionarie”, scolpita in un linguaggio duro e aggressivo, o ironico e pungente, o ancora onirico e fiabesco, comunque profondamente “romantico”.(giacinto cerone)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le strade del paesaggio

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

CORSO TELESIO COSENZA

Image via Wikipedia

Cosenza, 4 novembre – 11 dicembre 2011 Museo delle Arti e dei Mestieri della Provincia di Cosenza – Corso Telesio, 17 Al via la quinta edizione de “Le strade del paesaggio”, la rassegna che, come per gli anni precedenti, coniugando arti visive, musica, convegni e percorsi formativi elabora un percorso che punta decisamente alla cultura come motore dello sviluppo locale. Organizzato e cofinanziato dalla Provincia di Cosenza, il festival aprirà i battenti il 4 novembre con l’inaugurazione di due mostre: “Astarte & Zanardi, Andrea Pazienza at the war” a cura di Marina Comandini Pazienza e “Annibale – Segni e disegni di un mito”, una collettiva europea nell’ambito della quale diversi artisti hanno dato volti e colori al racconto di Paolo Rumiz. Performance artistiche e musicali accompagneranno la giornata di inaugurazione, insieme ad una sezione dedicata ai bambini curata dalla casa editrice Coccole & Caccole.Le attività del festival proseguiranno per circa un mese: quelle laboratoriali e di formazione consisteranno in due corsi, uno di sceneggiatura e uno di disegno, finalizzati alla realizzazione e pubblicazione di un volume a fumetti; docenti saranno Sergio Nazzaro, scrittore e giornalista e Max Frezzato, disegnatore.Il centro storico di Cosenza sarà il teatro dei numerosi eventi che scandiranno il ricco programma della manifestazione volta alla valorizzazione del paesaggio e delle interrelazioni tra i fattori umani e territoriali.“Le strade del Paesaggio”, consolidata esperienza nell’ambito dell’offerta culturale della Calabria, intende collocarsi quale attrattore di nuovi e qualificati segmenti del settore del turismo culturale. Il progetto si caratterizza, inoltre, per l’attenzione verso percorsi formativi legati alle figure professionali proprie dell’economia della conoscenza, nell’intento di fornire concrete opportunità ai giovani del territorio, anche attraverso politiche di attrazione di talenti, da attuare nell’ambito di un processo di internazionalizzazione della manifestazione e dell’iniziativa culturale nel suo complesso. Il programma completo è consultabile sul sito della manifestazione: http://www.lestradedelpaesaggio.com

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Catalogo sesta edizione arte

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

Mosaic with scenes of everyday life in Ostia: ...

Image via Wikipedia

Roma. 3 novembre 2011 alle ore 17.00 sarà presentato a Palazzo Valentini a Roma il catalogo della sesta edizione di Arte in memoria, la rassegna di arte contemporanea di respiro internazionale, a cura di Adachiara Zevi, organizzata dalla Fondazione VOLUME!. La mostra, svoltasi alla Sinagoga di Ostia Antica da 30 gennaio al 3 aprile 2011, ha visto protagonisti gli artisti Jochen Gerz, Richard Long, Liliana Moro, Giuseppe Penone, che hanno realizzato delle opere appositamente per la Sinagoga di Ostia Antica, una delle più antiche testimonianze archeologiche dell’ebraismo della Diaspora (I secolo d.C.). Il pensiero critico della rassegna considera la nostra cultura, ossessionata dalla memoria ma anche caratterizzata dalla dinamica distruttiva dell’oblio.Affinché la memoria delle tragedie, trascorse e in atto, non si risolva nelle commemorazioni e nei discorsi rituali di un giorno, Arte in memoria coinvolge la comunità degli artisti perché trasformi un luogo di culto in luogo di cultura, ripopolandolo con visioni ispirate alla storia ma radicate nell’attualità. Il catalogo di Arte in memoria 6 contiene un saggio della curatrice e le immagini delle opere esposte nella Sinagoga di Ostia dal 30 gennaio al 3 aprile 2011.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rifugiati: ricorsi diniego asilo

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

refugee

Image by my stification via Flickr

Servono maggiori garanzie per i migranti che si rifugiano in Italia, fuggendo da Paesi in cui rischino o abbiano subitopersecuzioni e discriminazioni”. Lo dichiarano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti dell’organizzazione umanitaria EveryOne. “Le Commissioni Territoriali per il Riconoscimento della Protezione Internazionale, composte da rappresentanti del Ministero dell’Interno e dell’UNHCR, negano sempre più spesso la protezione internazionale a soggetti legittimamente richiedenti. Lo abbiamo dimostrato in più occasioni – recentemente con i casi dei nigeriani Joshua Jean Paul (omosessuale) e Tina Richard (donna violentata, torturata e minacciata di morte in Patria) -, e spesso si tratta di profughi che, una volta rimpatriati, subiscono il carcere, diverse forme di persecuzione e tortura e in molti casi la morte. Attualmente” spiegano Malini, Pegoraro e Picciau, “non esiste un organo di controllo incaricato di monitorare il destino di coloro che vengono rimpatriati, nonostante le segnalazioni di gravi violazioni nei loro confronti anche da parte di autorevoli organizzazioni umanitarie. Le Commissioni territoriali per l’asilo valutano le domande senza tenere conto delle condizioni sociali e personali dei profughi, adducendo motivazioni spesso pretestuose sulla credibilità in relazione alla loro appartenenza a un determinato gruppo sociale (come per esempio quello delle persone omosessuali); per altro, spesso non viene dato tempo sufficiente ai profughi di procurarsi la documentazione eventualmente necessaria a provare fatti avvenuti in Patria che abbiano pregiudicato la loro libertà e sicurezza”. Attualmente, in Italia,” continuano gli attivisti del Gruppo EveryOne, “considerando i bolli e le spese, il profugo che non abbia sufficienti mezzi di sussistenza e cui il Consiglio territoriale dell’ordine degli Avvocati non riconosca il patrocinio a spese dello Stato, non può di fatto presentare il ricorso avverso il provvedimento di diniego della protezione internazionale: dovrebbe spendere una somma che supera i trecento euro, cifra di cui la maggior parte dei migranti giunti nel nostro Paese in seguito a guerre, carestie o persecuzioni certamente non dispone. Per altro, sempre più spesso riceviamo notizia da profughi che ci contattano affermando che molti avvocati negano il gratuito patrocinio, perché non accettano di attendere i tempi – spesso lunghi – del rimborso delle spese procedurali, che a volte richiede anni, e pretenderebbero il pagamento anticipato delle spese, che ovviamente quasi nessuno di loro può permettersi”. Il Gruppo EveryOne si unisce all’appello, avanzato al Ministero della Giustizia, da parte dell’avvocato Costantino Nardella, dell’ARCI di Foggia, e di Christopher Hein, direttore del Consiglio Italiano per i Rifugiati: “E’ assolutamente necessario garantire il diritto a tutti gli indigenti al patrocinio a spese dello stato, e, in ogni caso, come per le procedure di ricorso in materia di espulsione degli stranieri, applicare l’esenzione del pagamento di tutte le spese e degli altri oneri per i ricorsi fondati in materia di concessione di protezione internazionale”.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prospettive dell’economia mondiale

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

Friedrich List

Image via Wikipedia

Non vi è dubbio che siamo al cospetto di un rallentamento delle attività delle economie avanzate. Secondo quanto mi scrive Giorgio in una lettera pubblica inviata, tra l’altro, ai media, “La grande depressione che ci travaglia, non è di tutti: la crescita mondiale sarà del 5% nel 2012, secondo l’Organizzazione Mondiale del Commercio. Vuol dire che ci sono Paesi che crescono. Cina, India, Russia, Brasile, Argentina. Come per caso, sono tutti Paesi che si sono sganciati dalla chiesa dogmatica liberista ed hanno adottato misure di protezione. L’Argentina, per esempio, ha una crescita per il 2011 dell’8,3%, un livello cinese. Dal dicembre 2001 quando dichiarò la bancarotta e bloccò i conti dei risparmiatori nelle banche per svalutare la moneta (che prima era agganciata al dollaro, dunque sopravvalutata) del 70% e passa, sono stati per la popolazione mesi terribili, sull’orlo della
fame. Ruppe anche con il Fondo Monetario e con le sue ricette. Uno strillo si levò dai mercati finanziari globali: non vi faremo più credito! Sarete puniti! E così è stato”. Di fatto, essere tagliata fuori dai mercati finanziari internazionali su cui indebitarsi, ha obbligato l’Argentina ad equilibrare il suo commercio estero, avendo di mira l’autarchia e per evitare di dover svendere i suoi attivi ai creditori. La sua popolazione ha dovuto stringere la cinghia per due anni, ma l’abbandono della macina da mulino del debito e la svalutazione l’ha resa più competitiva”.
Forse è poco per dire che esiste un’alternativa all’attuale sistema anche se non ci convince del tutto l’idea del protezionismo sbandierata come la panacea per tutti i mali. Ritengo invece che si possono fare economie, si possono fare scelte prioritarie e rendersi autonomi riscoprendo i valori di casa propria. Pensiamo all’Italia e alla sua agricoltura. Oggi se andiamo al mercato non siamo più capaci di riconoscere i prodotti di stagione. L’importazione ci consente di mangiare pomodori freschi a marzo o di comprare le ciliege a dicembre. E’ un vantaggio o si potrebbe fare tranquillamente a meno? Se restassimo ancorati alle stagioni e ai prodotti nostrani non sarebbe di certo un gran sacrificio. Se non altro ci guadagnerebbe il portafoglio della massaia e la produzione agricola nazionale in specie se adottassimo la “filiera corta”. D’altra parte la crescita di un paese si denota anche dal modo come riesce a limitare il superfluo e a valorizzare il necessario. Noi abbiamo dilatato in maniera abnorme l’indice dei beni primari includendovi prodotti non essenziali ma esaltati in quanto finalizzati al nostro status symbol: cellulari, ultimo modelli di televisori a cristalli liquidi ecc.
Alla logica protezionistica non vorremmo contrapporre il mercato autarchico ma solo quella idea di contenimento nell’uso dei beni acquisibili per ridurre gli effetti distorsivi di una società consumistica che annette al denaro un valore assoluto e in sua mancanza ne detta la povertà e l’emarginazione.
D’altra parte è anche , come osserva Giorgio, importare non sempre è vantaggioso, in quanto non facilita lo sviluppo dell’industria domestica. La prova ne è che se “i paesi del Sud Est asiatico, contrariamente a quel che si vede in Europa ed USA, avessero aperto i loro mercati interni alle merci estere, non avrebbero mai potuto costruire una forte industria; come già insegnava il tedesco Friedrich List (il creatore dell’economia politica) un’industria nascente ha bisogno di protezione per potersi sviluppare e diventare concorrenziale sui mercati mondiali. Una lezione che l’Europa ha insegnato al mondo, e che oggi ha dimenticato a favore del dogma ultra-liberista anglosassone enunciato da Adam Smith, il grande avversario di List.”
E ancora aggiunge Giorgio: “Gli esempi sudamericani sono illuminanti: là si fabbricano Blackberry
e iPads che nessuno pensa più di poter costruire in Europa, visto che conviene comprarli da Cina, Taiwan, Sudcorea. Come mostrano Argentina e Brasile, è questione di volontà politica. L’Europa potrebbe imporre dall’oggi al domani delle quote su tali importazioni, obbligando i produttori stranieri desiderosi di invadere l’enorme mercato europeo, Apple, RiM o Foxconn, a far assemblare i prodotti in Europa. Dopo due decenni di de-industrializzazione, sarebbe la re-industrializzazione, e la fine dell’emorragia di posti di lavoro. La storia dell’Argentina è interessante anche per un altro motivo,
perchè somiglia a quella dell’Italia sotto il tallone dell’euro. L’Argentina aveva agganciato il suo peso al dollaro sopravvalutato, noi siamo agganciati all’euro, che è il marco tedesco: gli effetti sono simili, calo drammatico dell’export, distruzione della possibilità di crescita, disoccupazione e (nonostante gli sforzi del succhia-sangue Equitalia) prossima riduzione dell’introito fiscale, conseguenza inevitabile della recessione e della perdita di reddito: dunque necessità di tagli alle spese sociali, come raccomandato dai
Draghi e dai mostri eurocratico-liberisti”.
“È l’euro, troppo forte, che ha fatto aumentare la disoccupazione in Italia, Spagna e Portogallo e Grecia, costringendo le industrie a delocalizzare (o a chiudere). È il servizio del nostro immane debito pubblico a strangolarci, con l’esborso di 90 miliardi di euro l’anno in interessi da pagare agli stranieri”.
E non finisce qui. Riprenderemo questo discorso in seguito facendo tesoro delle argomentazioni posti alla nostra attenzione da Giorgio e che ringraziamo sin d’ora su quanto ci ha sottoposto e che riteniamo oltremodo illuminante. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un po’ di storia per ricordare

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

we never learn - non impariamo mai

Image by khyes via Flickr

A volte una rilettura della storia può permetterci di capire meglio il nostro presente. Mi riferisco ad un passato non certo remoto ma alle soglie del nostro tempo. Se, infatti, vado a rileggere quanto Pierre Remouvin su “Le crisi del secolo XX” scriveva riguardo la crisi che investì l’Europa gli anni che seguirono la prima grande guerra mondiale (1914-1918), molti di quegli argomenti potrebbero essere riproposti oggi. Allora gli europei, più delle clausole dei trattati che i gioverni erano chiamati a ratificarli, erano preoccupati delle difficoltà materiali immediate. Si trattò di una crisi morale che pose in dubbio i principi che avevano dominato, prima del 1914, le forme della vita politica e sociale. Come non associare quello stato d’animo a quanto accade oggi in Europa e al disagio esistenziale che ci pervade. E sono le nazioni prima ancora dei popoli a segnare i fondamenti di una democrazia liberale e a determinare le condizioni di una incertezza aggravata dall’influsso di idee nuove che “provenienti da orizzonti opposti, scalzano i fondamenti della democrazia liberale”. Sappiamo anche che la risposta che fu data si trasformò, negli anni a seguire, in un altro tragico olocausto di popoli. Avvenne, da una parte, con la risposta autoritaria della destra con il fascismo, il nazismo e il franchismo e dalla sinistra con il leninismo dove al dominio della borghesia si sostituisce l’egemonia del proletariato. Sul versante opposto l’ideologia del fascismo è stata espressa con chiarezza da Osvaldo Spengler nel suo “Tramonto dell’occidente” del 1918, dove la democrazia veniva considerata un’illusione poiché il suffragio universale non implica “nessun diritto reale” e precisa: “la massa elettorale è abbandonata ai comitati direttivi dei partiti che, attraverso la propaganda, dettano la loro volontà e impongono una costrizione spirituale.” E ancora: “Il parlamentarismo che è stato una continuazione della rivoluzione borghese del 1789, ha perso la sua forza d’attrazione, sia perchè è divenuto uno strumento per la potenza del denaro, sia perchè è sopraffatto dal gioco delle forze economiche e sociali che esercitano un’azione al di fuori di esso.” “Questo sfaldamento della democrazia afferma lo Spengler, apre la strada al cesarismo e le masse sono pronte ad aver fede in quei capi che sono capaci d’imporre la loro volontà sopra gli interessi particolari e di far ammettere la necessità del sacrificio e che sapranno formare una classe dirigente per assicurare durata alla loro opera.” Ora non è difficile riportare questa stessa visione della realtà ai giorni nostri sia pure con qualche necessaria rivisitazione. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

I governi non li fanno i poveri

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

Piazza Colonna Palazzo Chigi

Il primo e più sconcertante aspetto che balza alla nostra attenzione, osservando gli accadimenti di questi giorni in Italia, è che si sta ampliando sempre più il solco tra l’area del benessere e quella del malessere. Taluni identificano la politica in quella ci si percepisce come corruttrice, intrallazzatrice, connivente con la criminalità organizzata, e sono tutti i mali che non credo siano molto lontani dal vero. Ciò non di meno esiste un rapporto che implica una responsabilità oggettiva tra gli elettori e gli eletti che non va sottovalutata. Non si va a votare solo se si dimostra di avere un lavoro, un conto in banca, la possibilità di un vivere agiato. Il voto è di tutti e con tutti ma i governi non si riescono a fare con i lavoratori dipendenti e autonomi di modeste risorse, con i disoccupati, con i pensionati, con i cassa integrati, con i precari. E’ un popolo che raggiunge e forse supera l’80% della popolazione italiana, ma è anche un popolo che delega agli altri un potere che è proprio ma che non riesce a gestire valorizzando la sua forza nel determinare la guida e la leadership del Paese. Un tempo si diceva che il proletariato dele fabbriche e delle campagne aveva bisogno di un mentore perchè incolto, sprovveduto, incompetente a gestire la cosa pubblica. Questa consapevolezza i partiti della sinistra lo avvertirono da subito tanto che spronarono i lavoratori ad acculturarsi, ad essere pari se non superiori ai loro datori di lavoro in fatto di economia, di imprenditorialità, di preparazione letteraria e filosofica. Era un modo di stare ciascuno al proprio posto ma in condizioni di parità e non di sudditanza. Questa consapevolezza pare che oggi stia sfuggendo a chi partecipa al voto, esprime una preferenza e subito dopo si disinteressa sul ruolo assunto dal suo rappresentante. La politica non è il cancro della società, ma chi non esercita le dovute verifiche di attendibilità del mandato conferito e dell’eventuale tradimento subito. Credo che una proposta su tutte varrebbe a sollevarci da tale situazione di disagio: basterebbe che si esercitasse allo stesso modo il potere dell’elettore sia nell’accordare il voto sia nel toglierlo con un referendum popolare nello stesso collegio in cui il loro rappresentante è stato eletto. In questo modo la verifica sarebbe continua e il prezzo da pagare per il transfuga è la perdita del suo mandato. Se si adottasse questo sistema di certo il parlamento e di riflesso il governo sarebbero più rappresentantivi della volontà popolare. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La coesione nazionale

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2011

Il torrino del Quirinale

Image by Air Force One via Flickr

Quanto sta accadendo in Italia da alcuni anni a questa parte è, a dir poco, sconcertante. Se ci limitiamo a considerare il solo aspetto del nostro malessere dello stare insieme in un paese che si chiama Italia possiamo dire che la situazione è andata deteriorandosi fino a far emergere una confusa e ingenerosa valutazione dei fatti storici che ci hanno portati ad essere una nazione di là di quella è stata la penisola degli stati regionali. Credo che siano note, se non altro per averlo scritto in più riprese, le mie critiche sull’unità nazionale vista più come un “affare” dalla monarchia sabauda che un serio intendimento di unire i tanti tronconi che pavesavano la penisola. Ciò non di meno dobbiamo inchinarci ai patrioti che con sincero spirito italico non hanno esitato ad esporsi fisicamente per quello che hanno considerato un imperativo della storia civile e culturale di un Paese. Ora dopo 150 anni appare persino stonato che qualcuno ci dica che la bandiera nazionale non ci rappresenta, che l’inno nazionale è sgradito, che il meridione è una terra irrecuperabile e sarebbe meglio lasciarla al suo destino e che un pedagogo nordista vale molto di più di quello del sud a prescindere dalle sue doti culturali. Tutto questo è un modo maldestro di seminaria zizzania per il solo gusto di fare chiasso e di generare malumori anche dove non ve ne sono né avrebbero motivo d’esservi.
La verità, come sempre, è di ben altra natura se pensiamo a questa unità di cui oggi festeggiamo i suoi 150 anni. Allora perdemmo una preziosa occasione per uno scambio intelligente delle risorse: la ricchezza del sud contro una maggiore identità statuale da parte del Nord. Il nostro meridione sentiva forte il bisogno di una autorità statuale presente, attenta, sensibile, pronta a far sentire la sua voce per una costruzione di un modello sociale unitario, una cultura della partecipazione e della condivisione, ma anche della solidarietà e del rispetto reciproco. Invece vi fu forte la percezione, da subito, che eravano in presenza di una logica deformante sulla stregua: togliti tu che mi ci metto io al solo scopo di “tutto cambiare per nulla cambiare”. E’ mancata quella necessaria discontinuità con il passato che avrebbe permesso al meridione di riconoscere e riconoscersi nell’unità del Paese.
Ora se vogliamo voltare pagina dopo 150 anni di errori e di abusi e di sfruttamenti dovremmo seguire l’insegnamento che ci viene dalla Germania dove l’unità del Paese, dopo il crollo del muro di Berlino, pose la parte ricca e più organizzata industrialmente ed economicamente ad affrontare il recupero delle regioni più svantaggiate con un piano di crescita che ebbe il solo scopo di unificare le risorse e non certo di continuare a segnare un distinguo. E’ questa l’idea nazione dove si cresce insieme o si muore insieme. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »