Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 5 novembre 2011

L’Ushuaia al Cromie

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

Castellaneta marina (Ta), sabato 12 novembre al Cromie tra la discoteca tarantina e l’Ushuaia di Ibiza, il locale rivelazione degli ultimi anni della Isla Blanca. Ormai da qualche anno la Puglia ha rafforzato la sua esperienza nel settore dell’intrattenimento notturno, ottenendo giudizi positivi e riscontri di turismo davvero importanti. Tutto questo ha portato il nostro territorio ad essere spesso paragonato ad uno dei centri più importanti del divertimento, che è senza dubbio l’isola di Ibiza. Forse l’accostamento delle due zone è ancora prematuro da farsi, ma certo è che il lavoro che stanno attuando i nostri “imprenditori della notte” sta procedendo nella giusta direzione. Una testimonianza di questa affermazione è proprio la partnership che si celebrerà Questo locale che prende il nome  dalla città più australe del mondo, capoluogo della provincia Argentina della Terra del Fuoco, ha introdotto un nuovo concetto del vivere la notte, visto che il club si sviluppa all’interno di un hotel  e in esso vengono celebrati party con gli artisti più importanti del panorama musicale. I servizi di un club si uniscono a quelli di un albergo, le comodità della ricezione si mixano alla spettacolarità di un importante centro del divertimento. Il risultato è una programmazione artistica senza eguali, con il party dei richiestissimi Swedish House Mafia, ogni mercoledì, quello Vagabundos, della Cadenza Records di Luciano, ogni giovedì, la partecipazione dei più importanti dj, come Bob Sinclar, Danny Tenaglia e Pete Tong, il venerdì e le feste della Defected il sabato. Una struttura supportata dalle più importanti personalità del settore del clubbing e della discografia.
Al Cromie interverranno i dj resident dell’Ushuaia, Francisco Allendes e Paola Poletto, la spettacolare animazione di questa importante struttura dell’isola spagnola e il dj Sis della Cocoon Records di Sven Vath. Con loro, in consolle, ci saranno gli artisti della maxi discoteca tarantina, Mr Frank e Flavio Santoro, al mixer, con le voci di Nico P e Danyel.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Uniti per l’arte

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

Odalisque (1867) Pinacoteca di Brera, Milan

Image via Wikipedia

(NewsMedia, 3 novembre 2011, Silvana Stazzone) – A Milano, per Intesa Sanpaolo e Fondazione Cariplo, uniti nel segno dell’arte, si inaugureranno oggi le “Gallerie d’Italia” a Piazza Scala. Da Canova a Boccioni, le collezioni dell’Ottocento della Fondazione Cariplo e di Intesa Sanpaolo saranno aperte al pubblico in due Palazzi storici nel cuore di Milano.Il progetto milanese vede le due Istituzioni affiancate nella realizzazione di uno spazio espositivo, ricavato da Michele De Lucchi, per la creazione di un polo museale frutto della partnership Intesa Sanpaolo e Fondazione Cariplo nel segno dell’arte nel complesso architettonico di straordinario pregio tra via Morone, via Manzoni e piazza della Scala.
Suggestivo e persino sorprendente è il percorso alla scoperta degli edifici e dei luoghi – di grande valore storico, architettonico e decorativo – in cui gli spazi espositivi sono stati realizzati: Palazzo Anguissola, punto di svolta nell’architettura a cavallo fra Sette e Ottocento, e l’adiacente Palazzo Brentani, dove si respira l’atmosfera delle dimore nobiliari del XIX secolo. I due palazzi storici affiancati di proprietà di Intesa Sanpaolo ospitano 197 opere dell’Ottocento italiano, in particolare lombardo; di queste 135 appartengono alla collezione d’arte della Fondazione Cariplo e 62 a quella di Intesa Sanpaolo. Entrambe mettono a disposizione le opere più significative delle rispettive collezioni con capolavori di maestri quali Canova, Induno, Hayez,Zandomeneghi, Signorini, Segantini, Morbelli, Previati, Sartorio, Boccioni, insieme ad opere di artisti meno conosciuti che rappresentano con grande efficacia le atmosfere e lo spirito dell’epoca. Al settecentesco Palazzo Anguissola e all’adiacente Palazzo Brentani si affiancherà nella primavera del 2012 la storica sede della Banca Commerciale Italiana in piazza della Scala, che ospiterà la nuova sezione delle “Gallerie” e vedrà esposta una selezione di opere del Novecento, provenienti da prestigiose raccolte. Il percorso espositivo di 2.900 mq, curato da Fernando Mazzocca, propone un itinerario originale alla scoperta di una Milano ottocentesca, indiscussa capitale culturale, protagonista del Romanticismo e dell’industrializzazione a confronto con movimenti artistici di altre regioni di Italia. Molte le scoperte che riserva la visita delle Gallerie, che saranno aperte al pubblico gratuitamente fino al completamento del museo nel 2012. Le 23 sale accompagnano i visitatori in un viaggio dalle forti suggestioni alla scoperta della Milano di un tempo, con vedute originali del Duomo e dei Navigli scomparsi, momenti salienti del Risorgimento, fra battaglie e atmosfere private, l’ultima delle Cinque Giornate di Milano con lo scontro decisivo a Porta Tosa, la commozione all’annuncio della morte del Re in una piazza della Scala innevata.Il percorso è scandito in 13 nuclei tematici che spaziano dal Romanticismo, dominato dalla personalità di Hayez, al Naturalismo di pittori di paesaggio quali Calvi, Poma, Gignous, Gola; dalla pittura di genere di Carcano, Chierici, Induno, Sottocornola, al Simbolismo, rappresentato da capolavori di Bazzaro, Morbelli, Sartorio e Previati, fino alle opere di Boccioni che creano un ponte con il nuovo secolo e con la seconda parte dell’itinerario museale che sarà dedicata al ‘900.Tra i capolavori in mostra: tredici bassorilievi in gesso di Antonio Canova appartenuti al principe Abbondio Rezzonico; I due Foscari di Francesco Hayez; La confessione di Giuseppe Molteni; La battaglia della Cernaja di Gerolamo Induno; Interno del Duomo di Milano di Angelo Inganni; Veduta del Naviglio sul Ponte di San Marco di Giuseppe Canella; La raccolta dei bozzoli di Giovanni Segantini; Ritratto di Fattori nel suo studio di Giovanni Boldini; Non potendo aspettare di Telemaco Signorini; La leçon de chant di Federico Zandomeneghi; Sogno e realtà di Angelo Morbelli; La danza delle Ore di Gaetano Previati; quattro capolavori di Umberto Boccioni.L’inaugurazione delle Gallerie di Piazza Scala, nell’anno delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità di Italia, rappresenta un segno tangibile dell’orientamento culturale che ispira Intesa Sanpaolo e Fondazione Cariplo: valorizzare e condividere i propri patrimoni artistici, architettonici e archivistici, nella consapevolezza dell’importanza della crescita culturale come motore di sviluppo del territorio e del Paese.
Il Gruppo Intesa Sanpaolo prosegue e amplia con questo nuovo spazio il progetto “Gallerie d’Italia” che lo vede proporre – caso unico nel Paese – un nucleo coerente di sedi espositive in palazzi storici a Vicenza e Napoli, con la previsione di aperture in altre città. Le “Gallerie d’Italia” costituiscono un tassello fondamentale del “Progetto Cultura”, programma di iniziative culturali che proporrà una serie di iniziative a chiusura dell’anno dedicato all’Unità d’Italia ed impegna la banca di triennio in triennio per la valorizzazione del patrimonio artistico e dell’archivio storico dell’Istituto.
Inoltre il programma “Restituzioni” per interventi di restauri e di studi vede Intesa Sanpaolo da oltre vent’anni al fianco di Sovrintendenze dell’intero Paese.
L’apertura del museo completa il percorso della collezione di Fondazione Cariplo. Nella prestigiosa sede di Gallerie d’Italia di Piazza Scala si può ammirare il nucleo ottocentesco e i tredici bassorilievi del Canova della Collezione Cariplo, una selezione del più ampio patrimonio artistico, costituito da 767 dipinti, da 116 sculture, 51 oggetti e arredi, di un’epoca compresa tra il primo secolo e la seconda metà del Novecento, capolavori finora visibili virtualmente sul portale http://www.artgate-cariplo.it o in mostre.
Con l’originale soluzione adottata nel cortile ottagonale – grandi vetrate lasciano intravedere una imponente scultura di Arnaldo Pomodoro – si centra l’accogliente bookshop con caffetteria. Le Gallerie proporranno attività di percorsi didattici e visite guidate e saranno visitabili dal martedì alla domenica dalle 9.30 alle 19.30, il giovedì fino alle 22.30. Per l’inaugurazione, il 3 novembre saranno aperte al pubblico dalle 20.30 all’una di notte (informazioni al numero verde 800.167.619). (Silvana Stazzone)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

G20 sidesteps opportunity to lead on climate finance

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

Cannes, FRANCE

Image via Wikipedia

Cannes. Greenpeace today criticised G20 leaders for failing to agree on any specifics for innovative sources of climate finance in the run-up to next month’s Durban climate talks. Despite optimism that the G20 could boost confidence in the development of long-term sources of climate finance, outcomes at this week’s G20 fell well short of expectations.“G20 leaders could have made good on multiple climate promises, but that ship has already sailed out of Cannes harbour, leaving vulnerable countries on the frontline of climate change adrift,” said Patricia Lerner, Senior Political Advisor for Greenpeace International. “The only hope is there might be renewed efforts towards creating a fair carbon charge on transport”. “By failing to discuss ending fossil fuel subsidies – a commitment made by leaders two years ago – the G20 has sidestepped a real opportunity to shift subsidies away from polluting corporations, and to transfer support to countries that bear the brunt of runaway greenhouse gas emissions. When the upshot of this G20 meeting is an Action Plan for growth that consists only of existing national plans, it is highly questionable whether voluntary commitments can ever be sufficient to meet the scale of the global challenges needed”.“While the Greek crisis is undoubtedly a pressing issue for the G20, it masks the wider problem, which is that there is something fundamentally wrong with the approach of focusing only on short term ailments”, Lerner said. “And despite the growing global movement for social, economic and climate justice, the G20 has yet again prioritised the bailing out of a flawed financial system, rather than ensuring the safety and security of its citizens and our planet”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Prezzo latte ovino

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

anche io ascolto i Clash

Image by fabiofotografie via Flickr

Sembra essere entrata nelle ore decisive la vertenza sul prezzo del latte ovino del Lazio. Una vertenza che il mondo agricolo reatino osserva con grandissima attenzione visto il ruolo di primo piano che la produzione della provincia occupa nel panorama regionale e non solo. Una vertenza che vede Coldiretti impegnata da diverso tempo a trovare la giusta soluzione per il bene dei produttori, ma l’associazione non disdegnerà di tornare in piazza qualora non si trovasse un accordo ragionevole. Nell’incontro tra istituzioni, associazioni di categoria e industriali avvenuta nei giorni scorsi si è deciso di portare avanti la trattativa, pur non senza difficoltà. Grazie anche all’intercessione dell’assessore regionale all’agricoltura Angela Birindelli, la riunione si è conclusa con alcune proposte presentate dagli industriali: conferma delle azioni immediate per la promozione del prodotto trasformato da parte della Regione; costruzione di una griglia di qualità e stagionalità; per quanto riguarda il mercato sardo, si prenderà come riferimento il miglior prezzo di piazza pagato da due industriali e due cooperative; una maggiorazione del 10% più un ulteriore maggiorazione sulla qualità di cui alla griglia di cui sopra. Su quest’ultimo punto, però, le associazioni di categoria unite hanno proposto una percentuale del 25%. Il tutto considerando che il mondo della produzione aveva chiesto un prezzo minimo del latte ovi-caprino di 95 centesimi. Le parti, ora, dovrebbero incontrarsi lunedì 7 novembre e solo allora si capirà se la vertenza potrà trovare una soluzione positiva. Altrimenti Coldiretti è pronta a tornare in piazza per far valere le sue ragioni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assemblea cooperative agricole italiane

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

IMG_6610 Paolo De Castro

Image by Fondazione Giannino Bassetti via Flickr

Il 7 novembre, a Bologna. Il presidente di Fedagri Fvg, Giacomello: “Presenteremo le nostre proposte per un rilancio del comparto”Una numerosa delegazione del Friuli Venezia Giulia parteciperà lunedì 7 novembre, a Bologna, alla prima Assemblea unitaria di tutta la cooperazione agricola italiana. Confcooperative Fedagri, congiuntamente a Legacoop Agroalimentare e Agci Agrital, raccoglieranno i cooperatori agricoli per elaborare proposte e azioni immediate che possano garantire il rilancio delle imprese e un futuro all’agricoltura. Un’assemblea che vedrà riunito assieme un settore che rappresenta oltre 5.000 cooperative agricole in tutta Italia (200 in Fvg), con 720 mila soci, 90 mila addetti e 32 miliardi di euro di fatturato. L’iniziativa, che ha anche l’obiettivo di sollecitare un confronto reciproco fra i cooperatori agricoli, si colloca in un contesto di crisi economica generale e vuole sottolineare come il modello cooperativo, quale strumento dei produttori per affrontare il mercato, possa ancora oggi costituire una valida e moderna risposta ai problemi del settore agroalimentare.«Il 7 novembre avanzeremo proposte concrete e mirate – annuncia Giorgio Giacomello, che guiderà la delegazione regionale di Fedagri – utili al rilancio della competitività delle aziende e necessarie per aumentare il reddito degli agricoltori: e lo faremo con un confronto aperto insieme a tutte le componenti del sistema agricolo e agroalimentare».All’Assemblea, saranno presenti il Ministro per le politiche agricole, Francesco Saverio Romano; il presidente della Commissione agricoltura al Parlamento europeo, Paolo De Castro; i presidenti delle tre centrali cooperative e di Cia, Confagricoltura e Copagri.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

G20: tobin tax e paradisi fiscali

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

G20 countries

Image via Wikipedia

Ciò che fino a ieri sembrava unicamente un’utopia ed una proposta velleitaria della società civile internazionale, oggi assume i primi connotati di realtà”. E’ questo il commento di Sergio Marelli, Segretario generale FOCSIV, al termine del G20 di Cannes concluso con una Dichiarazione finale nella quale per la prima volta emerge un chiaro riferimento alla tassa sulle speculazioni finanziarie.”La misura assunta dai G20 di costituire un Gruppo di lavoro per mettere in pratica l’applicazione della tassa, al quale hanno già dato la loro disponibilità Argentina, Brasile, Etiopia, Francia, Sud Africa, Unione Europea, Unione Africana e ONU, è un primo passo concreto, ancorché timido, per rispondere alle richieste che da anni la società civile internazionale avanza nei confronti delle grandi economie mondiali” dice Marelli.In particolare, “il fatto che la UE abbia deciso di mettere in agenda del prossimo Consiglio dei Ministri di gennaio 2012 la questione della tassa ormai conosciuta come Tobin Tax, è un dato importante che lascia ben sperare su due cose fondamentali: la prima che non ci si nasconda più dietro l’attesa di una impossibile decisione unanime e globale per la sua introduzione; la seconda che altri Paesi potranno in futuro aggiungersi al primo gruppo di pionieri” commenta il Segretario generale della FOCSIV.
Le dichiarazioni del Presidente Sarkozy che ha tenuto a sottolineare come il gettito provocato dall’introduzione della Tobin Tax dovrebbe essere prioritariamente destinato allo sviluppo e all’Aiuto ai Paesi poveri, e quelle del Presidente Obama che seppur ancora impossibilitato a dare l’adesione USA all’iniziativa si è detto d’accordo con il principio che i grandi speculatori debbano contribuire significativamente alla ripresa economica e allo sviluppo globale, “ridanno un soffio di speranza alle ONG e soprattutto ai poveri della terra che hanno vissuto questo G20 come l’assise nella quale risolvere la crisi delle potenze occidentali disinteressandosi ai destini di miliardi di persone impoverite da meccanismi, scelte politiche dei potentati economici, dei Governi dei Paesi sviluppati, e da attori che in essi agiscono condizionando l’intero sistema politico, economico e finanziario” dichiara Marelli.Ogni Paese membro del G20, ha assicurato il Presidente Sarkozy nella conferenza stampa finale, si è impegnato ad assumere almeno una delle proposte innovative per il finanziamento dello sviluppo recensite con il Rapporto della Bill e Melinda Gates Fundation: “la nostra speranza è che l’Italia non si tiri indietro, magari riciclando, come spesso ha fatto in passato, una qualche iniziativa già in atto senza così contribuire a questo nuovo afflato che pare timidamente spuntare da questo Summit di Cannes” aggiunge Marelli, il quale conclude auspicando che “tutto ciò serva alle ONG, alle Organizzazioni di Società Civile e ai tanti loro sostenitori per riconfermare come le iniziative unitarie che godono della sinergia di molti di essi producono risultati importanti e significativi per ridare un destino di giustizia ai poveri per i quali tutti siamo impegnati”.
Dopo la Tobin Tax secondo la FOCSIV un altro tabù che potrebbe essere scardinato a partire dalla prossima presidenza messicana del G20 è quello dei paradisi fiscali con le conseguenze sulla corruzione, evasione fiscale e ulteriore impoverimento dei Paesi dei Sud del mondo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il commissariamento dell’Italia da parte dell’Fmi

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

2000 PTAS - 1994

Image by Landahlauts via Flickr

E’ la prima volta nella storia per un paese del G8, dimostra senza appello il fallimento della politica economica del governo italiano e lascia un’ipoteca pesantissima sui prossimi anni e sul modo con cui l’Italia potrà uscire dalla crisi. Ma il risultato di Cannes non è solo un fallimento per l’Italia, ma anche un de profundis per l’area Euro, incapace di salvare da sola i propri Paesi membri. Di fronte allo psicodramma greco e poi italiano, il G20 ha dimostrato la sua incapacità a promuovere un coordinamento economico e finanziario internazionale che ci faccia emergere fuori dalla crisi affrontando le sue cause strutturali. Ancora una volta tutti ritornano al Fondo monetario, istituzione responsabile di aver promosso un sistema finanziario internazionale fuori controllo e a vantaggio solo di pochi paesi e poche elite. “E’ giunto il momento di ammettere che molto probabilmente vivremo un aggiustamento strutturale come quelli che il Fondo ha imposto al Sud del mondo per decenni”, ha dichiarato a Cannes Antonio Tricarico della CRBM, “Le responsabilità non sono solo a Washington, ma anche a Bruxelles e Berlino. Dopo tante azioni di solidarietà internazionale, forse oggi c’è bisogno che la società civile italiana inizi a ragionare su campagne per la cancellazione del nostro debito, promuovendo un auditing pubblica e identificando chi è stato responsabile della sua creazione e se ogni sua componente è legittima o meno” ha concluso Tricarico.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piemonte: allerta maltempo

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

maltempo

Image by nociveglia via Flickr

L’allerta maltempo permane e le prossime giornate possono presentare situazioni critiche E’ stata aperta questa mattina la sala operativa della Protezione civile:, e le strutture della protezione civile provinciale (protezione civile, viabilità e difesa del suolo) sono pronte a intervenire con la collaborazione del Coordinamento del volontariato e della Guardie ecologiche volontarie, mentre sono già attivi i presidi territoriali.
“Anche i cittadini però possono contribuire a tutelarsi dai disagi e a mettersi in sicurezza” spiega Saitta. La Protezione civile provinciale invita in particolare a:
– segnalare le criticità e i problemi al proprio Comune di appartenenza;
– evitare di mettersi in viaggio se non è indispensabile, anche perché le precipitazioni possono essere difformi (più o meno diffuse) anche a poche decine di chilometri di distanza;
– evitare di attraversare corsi d’acqua in piena e di sostare nei pressi di ponti, guadi, rive; e verificare con attenzione prima di utilizzare i sottopassi;
– collaborare attivamente con i volontari qualora esistano interruzioni alla viabilità e con i sindaci qualora dispongano evacuazioni preventive;
– evitare di utilizzare scantinati e locali sotterranei, specie se si sono già allagati in precedenza;
– pulire griglie, canaline di scolo, tombini nei pressi delle proprie abitazioni.
“Sono regole semplici, ma efficaci” ha ricordato il Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta “non solo la sicurezza deve partire dall’autotutela, ma servono anche a facilitare il lavoro della protezione civile là dove veramente occorre. Certo, magari cambiare i piani del week end può anche essere un sacrificio, ma anche questo è prevenzione”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Ballo in maschera a Budapest

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

Budapest Opera detail

Image via Wikipedia

Si è conclusa la presentazione di Ballo in maschera a Budapest e Robinson in Siberia di Tivadar Soros a cura dell’Associazione Radicale Esperanto, nella sede romana di Via di Torre Argentina 76. Dopo la proiezione di un intervento video del figlio dell’autore, George Soros, ne hanno discusso con il Segretario dell’Associazione Giorgio Pagano il Rettore emerito dell’Università di Hartford Humphrey Tonkin e l’accademico ed esperantista Carlo Minnaja. Nel corso dell’intervento video, George Soros ha ricordato come, arrivato a Londra in fuga dall’Ungheria, la prima cosa che fece fu proprio chiedere aiuto alla Società Esperantista di Park Avenue. Soros, contento e orgoglioso della diffusione e traduzione dall’Esperanto del libro di suo padre, si è altresì dilungato sul ruolo di Tivadar nella edizione della più importante rivista letteraria esperantista del tempo, “Literatura mondo”. «Presentare questi due libri proprio oggi, nella Giornata delle Forze armate, assume un significato di pace e di nonviolenza. Dato l’attuale scenario di crisi europea, come Radicali il nostro auspicio è inoltre che i governi guardino concretamente alla costituzione di un esercito europeo», ha dichiarato Pagano in apertura della presentazione. In seguito all’intervento di Minnaja, che ha spiegato come Ballo in maschera a Budapest, scritto in Esperanto, sia una storia di sopravvivenza in un posto in cui l’ebraismo era perseguitato, il Segretario dell’ERA ha aggiunto: «Troppo spesso si dimenticano il ruolo e le dimensioni storiche dell’Esperanto, che fu al tempo stesso oggetto di persecuzione e mezzo per sfuggire ai grandi regimi totalitari del XX secolo». «Ballo in maschera a Budapest è l’opera principale di Tivadar Soros, la storia della fuga da un campo di concentramento per raggiungere l’Occidente nelle parole di un padre che cercava di salvare la sua famiglia», ha spiegato Humphrey Tonkin. «Il Partito Radicale è uno dei pochi al mondo che si occupi della democrazia linguistica: in America purtroppo non se ne capisce l’importanza. Se un americano si trova davanti uno straniero che non capisce la sua lingua, gli parla in inglese più forte, pensando che non senta bene o che sia un idiota”, è stata la battuta conclusiva di Tonkin, che ha esemplificato così la percezione comune della diversità linguistica negli Stati Uniti.”Per quanto riguarda la disinformazione che circonda l’Esperanto, i libri che presentiamo oggi in italiano sono un nuovo caso, dopo la traduzione in inglese fatta da Tonkin, di come la letteratura in Esperanto sia oggi, dopo 124 anni, una produzione originale rappresentativa di una cultura transnazionale di democrazia e di pace, da cui si traduce nelle lingue nazionali”, ha concluso Giorgio Pagano.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diminuire l’aggio di Equitalia

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

Generations

Image by Andrea Costa Photography via Flickr

La nostra Associazione per la tutela del Cittadino si compiace per la proposta di legge, firmata da 60 deputati, nel quale si vuole diminuire l’aggio di Equitalia dal 9% al 2% oltre a mitigare le procedure esecutive concedendo un anno di sospensione a chi richiede una rateizzazione. Con grande entusiasmo ne danno comunicazione il Presidente ed il Segretario Nazionale Assotutela.net Michel Emi Maritato e Pietro Bardoscia che avevano proposto questa cosa nel Giugno 2011.Vorremmo anche proporre ulteriormente una distinzione dei debitori fiscali/previdenziali distinguendo coloro i quali dichiarano ma purtroppo non riescono a pagare a causa del difficile momento economico che stiamo attraversando, da chi invece evade volontariamente il fisco risultando sconosciuto o perché pone in essere operazioni mirate all’evasione. Si richiede altresì – prosegue Maritato – un trattamento preferenziale che li metta in condizione di pagare il proprio debito con un adeguata rateizzazione, una riduzione dell’aggio al 1%, interessi legali e sanzioni al 15% anziché al 30% dell’importo non versato.
Ad oggi, moltissime sono le imprese indebitate con Equitalia, e di queste una buona parte hanno dichiarato fallimento. E’ giunto il momento per lo Stato Italiano – concludono Maritato e Bardoscia – di porsi a difesa dei cittadini e delle imprese in difficoltà e non contro. (Ufficio Stampa Assotutela.net)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Roma: festival del cinema

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

“La sesta edizione del Festival del Film di Roma è stata un successo. Pur in presenza di una forte crisi economica, della difficoltà di avere le grandi star a Roma e con un glamour ridotto, il Festival ha confermato, come hanno giustamente rilevato anche i critici più attenti, la sua forza promozionale e commerciale. Il successo di pubblico è stato straordinario, così come la quantità di eventi che hanno caratterizzato quest’edizione. Il festival ha definitivamente acquisito una credibilità internazionale e un radicamento nella città che ha ospitato, come mai prima era accaduto, eventi nei musei e nei principali spazi urbani e culturali dal centro alla periferia. Il gradimento di questa edizione, confermato anche dai numeri, è la migliore risposta a chi riteneva Roma una ‘inutile replica di Venezia’. E Roma, con il mercato, può puntare ad accreditarsi a livello internazionale come punto di riferimento per gli operatori del mondo del cinema e per gli importanti investimenti di cui ha grande bisogno questo settore. Abbiamo difeso e fatto crescere il Festival e ora al lavoro per la prossima edizione. E’ quanto sostiene l’assessore alle Politiche Culturali e al Centro Storico Dino Gasperini.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

G20: molte delusioni

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

Robin Hood Tax Stunt in Brussels, 6 September 2010

Image by Oxfam International via Flickr

Cannes, 4 novembre 2011 – In un G20 monopolizzato dalle discussioni sulla Grecia e dal caso Italia, il crescente consenso sull’adozione della tassa sulle transazioni finanziarie (o Robin Hood Tax) è l’unica nota positiva di un vertice deludente sul piano della lotta alla povertà.La Robin Hood Tax ha mosso i primi passi a Cannes. Francia, Spagna e Germania sono i suoi più decisi sostenitori, seguiti da Brasile, Argentina. Etiopia e Sudafrica, che affermano di volerne utilizzare il ricavato per favorire la lotta alla povertà globale. Gli Stati uniti hanno superato la precedente opposizione alla proposta, maturata in ambito UE, di istituire una tassa sulle transazioni finanziarie nell’Eurozona.“La tassa sulle transazioni finanziarie può rappresentare davvero una soluzione concreta per raccogliere risorse a beneficio della spesa sociale, nel Nord e nel Sud del Mondo. Il prossimo passo è realizzarla il prima possibile, a partire dall’Eurozona”, afferma Elisa Bacciotti, portavoce di Oxfam Italia. “Per questo ci auguriamo che l’Italia, paese che a Cannes ha preso impegni precisi in ambito economico-finanziario, possa comprendere appieno le potenzialità di questo strumento per la lotta alla povertà e schierarsi presto a fianco degli altri paesi europei che promuovono l’adozione della tassa”.Novità positive anche sul fronte della finanza innovativa per la lotta al cambiamento climatico: il G20 ha gettato le basi per un accordo su un’equa tassazione delle emissioni di carbonio dei trasporti marittimi. Al G20 Francia, Germania e Sudafrica hanno sostenuto la proposta, mentre altri paesi l’hanno appoggiata per la prima volta. E’ ora compito dei negoziati Onu sul clima, in programma Durban a fine novembre, concludere l’accordo.Delusione invece per le misure a sostegno della lotta alla fame: il G20 ha fatto un primo passo per migliorare la trasparenza dei mercati e sperimentare la costituzione di riserve alimentari regionali per diminuire la volatilità dei prezzi. I leader hanno espresso un sì condizionale alla proposta di una migliore regolazione dei derivati su merci o materie prime, ma hanno affrontato in primis le conseguenze degli alti prezzi, non le cause. Come per esempio l’eccessiva speculazione e le politiche di sostegno ai biocarburanti che trasformano enormi quantità di cibo in carburante.“I grandi sconfitti di questo G20 rimangono le persone affamate – poco meno di un miliardo – che questo vertice avrebbe potuto aiutare riformando il sistema alimentare al collasso. La tavola del summit era imbandita con misure pratiche per controllare i prezzi alimentari fuori controllo, ma i leader non le hanno messe sul loro piatto”, dichiara Luc Lampriere, portavoce di Oxfam International.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »