Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 14 novembre 2011

Farmaco etico va tenuto sotto controllo

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

C’è condivisione sulla posizione dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), che ha chiaramente espresso un giudizio negativo sulla possibile vendita dei farmaci di fascia C al di fuori del sistema farmacie, da parte di Federfarma, l’associazione nazionale dei titolari di farmacia. «I farmaci di fascia C sono farmaci importanti, non mutuabili, da tenere sotto controllo, e dunque sono molto contenta della posizione dell’Aifa, che ha sempre avuto e continuerà ad avere», ha affermato Annarosa Racca, presidente di Federfarma. «Per la salute dei cittadini» ha concluso Racca «credo che questi farmaci debbano stare all’interno della farmacia italiana».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tassati e mazziati

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

Roberto Bortolussi – Speling & Kupfer – 2011 – pp. 192 – € 16,50 scontato 14,85 Se si fermasse a contare quante tasse ha pagato nel corso della giornata, il signor Rossi, probabilmente non riuscirebbe a prendere sonno. Ci sono quelle più note: l’IVA, la tassa rifiuti, le accise sulla benzina e sugli alcolici, il bollo auto, il canone RAI, più le varie addizionali IRPEF comunali e regionali… Tasse, tasse, e ancora tasse. Odiose, e soprattutto troppe. Quanti soldi transitano dalle nostre tasche verso le casse dello Stato? Dove vanno a finire? Oltre ai balzelli più conosciuti ci sono imposte più o meno nascoste: più di un centinaio, che fanno del nostro sistema fiscale uno dei più complessi, opprimenti e meno trasparenti al mondo. In questo volume Giuseppe Bortolussi, segretario dell’Associazione Artigiani e Piccole Imprese di Mestre, di cui dirige l’Ufficio studi, smonta tutti i falsi miti della spesa pubblica in Italia e spiega le ricadute del nostro sistema tributario su cittadini e imprese; affronta senza mezze misure i temi dell’evasione e della pressione fiscale.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aifa, fascia C rimanga in farmacia

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

Farmacia

Image by TreintagenariO -Serie B- via Flickr

No alla vendita dei farmaci di fascia C fuori dalle farmacie e no alle farmacie online, se non come estensione di quelle già presenti sul territorio. È questa la posizione, netta, dell’Agenzia italiana del farmaco, sostenuta sia da Guido Rasi, già direttore dell’Agenzia e ora a capo dell’Ema, sia da Luca Pani, nuovo direttore generale dell’Aifa formalmente in carica dal 16 novembre. «L’Aifa si mette completamente di traverso di fronte alla possibilità di vendere i farmaci di fascia di C al di fuori delle farmacie» ha spiegato Rasi intervenendo a un incontro sull’utilizzo di psicofarmaci al Nobile collegio chimico farmaceutico «perché se riconosciamo il valore e il lavoro del farmacista non si capisce perché dovremmo fare una scelta di questo tipo». Inoltre, ha aggiunto Rasi, «ci sono delle regole precise di conservazione, il farmaco in fascia C non è un farmaco di banco, può dover essere conservato, può essere stoccato in determinati modi e può dover avere delle avvertenze. Dunque ritengo che deve stare in farmacia e non nelle parafarmacie». Stessa linea, a dimostrazione di una continuità di intenti, per Luca Pani, secondo cui «se c’è una prescrizione medica il farmaco deve rimanere in farmacia». Riguardo invece al tema delle farmacie online, ha aggiunto Rasi, «l’Europa ha deciso che ci saranno e quindi noi ci adeguiamo, ma certo si dovrà aumentare il livello di controllo e sorveglianza per distinguere quelle vere da quelle false e questo è lavoro aggiuntivo di cui non avevamo tanto bisogno. In ogni caso sono assolutamente contrario, non alla vendita online della farmacia sul territorio, ma all’esistenza della farmacia virtuale, ovvero solo online». Allineato sul tema anche Pani: «Sono d’accordo sul fatto che le farmacie vere possano vendere online, su questo non siamo contrari, ma credo che le farmacie legali online siano meno dell’1%».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi e ora la verità

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

"If I, taking care of everyone's interest...

Image by Foto_di_Signorina via Flickr

Se vogliamo avvalorare la tesi che il governo Berlusconi si è retto sul compromesso con i “poteri forti” di restare al governo del paese alla sola condizione di gestire solo l’ordinaria amministrazione, anche se, da imbonitore da pari suo, è stato largo di promesse ma scarsissimo in realizzazioni, dobbiamo arguire che nel momento in cui gli è toccato di porre mano alle riforme è entrato letteralmente in tilt. La stessa sua squadra e gli stessi parlamentari che ha personalmente avallati, dopo accurata selezione, hanno avuto, indistintamente, i requisiti gattopardeschi del “tutto cambiare per nulla cambiare”. Se questo è lo scenario ragione vuole che la sua uscita di campo è stata avallata a tavolino. D’altra parte non poteva far saltare letteralmente quel poco di buono che aveva fatto in politica con la nascita di un movimento di centro destra e che costituisce non tanto una sua eredità politica quanto quella di un sistema alternativo posto nella natura delle cose. In altri termini una scelta che nel 1994 era valida e che oggi non è escludibile, anche se a reggerne le sorti saranno altri. Se tutto questo ha una ragione d’essere Mario Monti ha oggi il solo compito di “decantare” una situazione politica conflittuale e una logica di mercato che non consente giochi di potere e si richiama a scelte immediate e risolutive in tempi brevi poiché il caso Italia va ad intrecciarsi seriamente con quello della finanza e dell’economia internazionale. Noi, come sistema Italia, non abbiamo ancora assimilato del tutto la rottura di una logica protezionistica dell’occidente che aveva una sua ragione d’essere ante caduta del muro di Berlino per cui l’Italia andava preservata dall’influenza imperialista dell’Urss e che oggi ci lascia decisamente fuori dal suo ombrello protettivo essendo venute meno le ragioni di allora. Ma Berlusconi ha anche un altro peccato da farsi perdonare: è la sua solida amicizia con Putin che, tra l’altro, lo ha spinto nelle braccia di Gheddafi e ad intrallazzare con i governi amici della Russia: Iran e Siria in testa. Ora, fatte tutte queste premesse, logica vuole che il governo Monti debba solo servire, da una parte a tranquillizzare i mercati e, dall’altra, a preparare i partiti alle prossime elezioni politiche che, verosimilmente, dovrebbero tenersi prima della prossima estate. E’ come se sul ring i due pugili contendendi fossero stati messi in condizioni di parità iniziale e che l’incontro che ne segue è affidato alla bravura che sanno mettere a frutto che può essere un Ko di uno dei due ma più versosimilmente una vittoria ai punti. E i segnali in questo senso ci sono tutti. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’enigma di Shakespeare

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

Probable photograph of William Shakespeare, ci...

Image via Wikipedia

Cortigiano o dissidente? Elisabetta Sala – Ares – 2011 – pp. 464 – € 24,00 scontato 21,60 Shakespeare visse nel secolo d’oro della letteratura inglese, la corrente Whig-protestante ne fece il poeta nazionale britannico e volle vedere nella sua opera l’esaltazione dello status quo. Tale lettura si è però rivelata assai superficiale e non concorda né con le opere, né con quanto sappiamo della vita; tanto più che il sistema elisabettiano è emerso, attraverso gli studi storici più recenti, come un regime totalitario e violentemente oppressivo. Ora, è possibile che un poeta tanto grande fosse il paladino di una dittatura, di cui furono vittime fino al martirio i suoi stessi parenti, amici e vicini di casa? Per la prima volta in Italia, questo volume ripercorre dettagliatamente la biografia e l’opera del Bardo dell’Avon seguendo il filo rosso della sua dissidenza e rivelando gli stretti rapporti che egli ebbe con il mondo sotterraneo del cattolicesimo inglese braccato dalle autorità. Le sue simpatie, a quanto emerge in modo sempre più chiaro, andavano alla minoranza perseguitata e le sue opere cercarono, più o meno cautamente, di dar voce a chi non aveva più il diritto di parlare.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La via di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

Hilaire Belloc – Cantagalli – 2011 – pp. 368 – € 18,00 scontato 16,20 Nel 1901 Belloc decise di intraprendere un pellegrinaggio dalla Francia a Roma e il racconto di quell’esperienza si tradusse in queste pagine. La Via di Roma non e’ un libro su Roma, ma sul modo di arrivarci attraverso un’Europa che riflette Roma ad ogni passo; e’ la cronaca di un viaggio ricalcato sui ”cammini” dei viandanti del Medioevo, dei mercanti, dei predicatori. Il pellegrinaggio di Belloc verso
Roma non è solo un percorso metaforico, un’impresa dello spirito. È una strada reale, fatta di fatiche, pericoli, grandi silenzi, incontri, momenti di stupore e ostacoli da superare. Belloc lascia spesso la strada maestra e sceglie percorsi secondari, perché più interessanti, piacevoli e ricchi di imprevisti. Nel corso di questa impresa, Belloc riscopre la memoria del vecchio continente e il suo legame con Roma, tutto sembra ricordala ed evocarla, tutto conduce inevitabilmente alle sue porte. Nel grande quadro della storia universale che si dispiega di fronte ai suoi occhi, l’Europa rappresenta il cuore pulsante della cristianità.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A.D. 2012. La Donna, il drago e l’Apocalisse

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

Saverio Gaeta, Andrea Tornielli – Piemme – 2011 – pp. 210 – € 15,50 scontato 13,95. La domanda che ricorre più spesso a proposito del 2012 è: sarà la fine del mondo? Per rispondere a questo interrogativo e per orientarsi tra i mille annunci di sventura e le molteplici previsioni catastrofiste l’unica soluzione è riferirsi alle profezie cristiane. Fin dai Vangeli e dal Libro dell’Apocalisse, infatti, il tema della fine del mondo ha conosciuto grande fortuna, suscitando accesi dibattiti e diverse interpretazioni, non di rado intrecciandosi con dottrine esterne al cristianesimo e al limite dell’eresia. Se si vuol conoscere ciò che davvero attende l’umanità nel prossimo futuro occorre però esaminare con attenzione quelle che si possono considerare vere e proprie profezie dei tempi moderni, ovvero le apparizioni della Madonna.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Case di Dio e ospedali degli uomini

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

Perchè, come e dove sono nati gli ospedali Francesco Agnoli – Fede & cultura – 2011 – pp. 144 – € 13,50 Agli ospedali siamo tutti abituati. Diamo per scontato che ogni città ne abbia più d’uno, e che funzioni! Ma difficilmente ci si chiede: come sono nati gli ospedali, che origine hanno? Quando sono divenuti un fenomeno diffuso, importante? Sono propri di tutta la storia dell’umanità, o caratterizzano soprattutto un determinato periodo? E in quale cultura hanno visto la luce, prima di diffondersi in tutto il mondo? Questo studio è il tentativo di rispondere a queste domande molto interessanti, per giustificare, alla luce della storia, della filosofia e della teologia, il perché l’ospedale sia stato, come le università, un fiore splendido sbocciato dalla civiltà cristiana.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“L’accordo di Metz” tra Cremlino e Vaticano

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

Temple Neuf von Metz

Image via Wikipedia

Jean Madiran – Pagine – 2011 – pp. 110 – € 12,00 Nel 1962 fu concluso nella cittadina francese di Metz un accordo segreto tra il Vaticano e il Cremlino per evitare che il Concilio, che avrebbe da lì a pochi mesi aperto i suoi lavori, parlasse del comunismo. La mancata condanna del comunismo pesò a lungo sulla vita politica e culturale dei popoli di Occidente e di Oriente: fino al crollo del Muro di Berlino, nel 1989. Jean Madiran fu il primo a portare alla luce questo patto segreto che costituisce una chiave per comprendere quanto accadde nel Concilio Vaticano II e nell’epoca del post-Concilio.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riforma nella continuità

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

 

Vaticano

Image by MikiAnn via Flickr

Vaticano II e anticonciliarismo Pietro Cantoni – Sugarco – 2011 – pp. 160 – € 16,00 scontato 14,40 Secondo l’ermeneutica della rottura – che ha goduto spesso «della simpatia dei mass-media, e anche di una parte della teologia moderna» – con il Concilio ha avuto inizio una nuova Chiesa, relegando quella del passato tra i rottami della storia. In realtà quello che il Concilio ha inteso fare è una riforma, in cui il passato continua ad essere rispettato ed amato, e l’immutabile deposito della fede, cioè il Vangelo, viene riproposto in modo rinnovato, purificato, ed arricchito nella sua comprensione e formulazione. Alcuni però, in gran parte scandalizzati dall’arbitrario predominio dell’ermeneutica della discontinuità, spesso accompagnato da una retorica altisonante, prepotente e vuota, hanno reagito interpretando ogni novità conciliare come una rottura con la Tradizione della Chiesa, giungendo così ad un aperto «anticonciliarismo», come lo stesso papa ha definito questa reazione speculare e sbagliata.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dottrina sociale della Chiesa

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

The Loggia delle Benedizioni, on the back left...

Image via Wikipedia

Roma 17 e 18 novembre prossimi, alla Lateranense, Piazza San Giovanni in Laterano, 4 il colloquio annuale di Dottrina sociale della Chiesa. Il ruolo delle istituzioni alla luce dei principi di sussidiarietà, di poliarchia e di solidarietà. È il titolo del colloquio annuale di Dottrina sociale della Chiesa che si svolgerà presso la Pontificia Università Lateranense. Organizzato dall’Area internazionale di ricerca “Caritas in Veritate” dell’Ateneo del Laterano in collaborazione con le Settimane sociali dei cattolici italiani, l’iniziativa sarà strutturata in due giornate, suddivise a loro volta in quattro sessioni. “Il ruolo delle istituzioni politiche globali” e “Il ruolo delle istituzioni economiche e finanziarie” saranno i titoli delle sessioni di giovedì 17 novembre mentre il giorno seguente si rifletterà su “Governance o governo? La Dottrina sociale della Chiesa di fronte alla sfide della globalizzazione” e su “La Civitas nell’insegnamento di Benedetto XVI successivo alla Caritas in Veritate”. «Il colloquio riflette – spiega il direttore dell’area di ricerca Flavio Felice – il senso specifico della Magistero sociale della Chiesa: quello di mettere la persona al centro delle istituzioni e orientare queste ultime al bene comune e ad una cultura della solidarietà. Proprio in questo momento di crisi nazionale e globale – aggiunge – le istituzioni diventano così una garanzia necessaria di libertà e giustizia».

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata mondiale dell’alimentazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

Logo of the Food and Agriculture Organization

Image via Wikipedia

Nella settimana dal 14 al 17 novembre 2011, in diretta dalle ore 10.00 alle 10.30, UCampus (http://ucampus.unipv.it/), realizzerà una serie di dirette radiofoniche fruibili tramite la rete internet, con un semplice collegamento al sito dell’Università di Pavia.
“Prezzi degli alimenti: dalla crisi alla stabilità”. Anche nel 2011 l’Università di Pavia sostiene la FAO nella Giornata mondiale dell’alimentazione con una serie di speciali in onda su UCampus, webradiotelevisione dell’Ateneo pavese. Insieme a numerosi ospiti verranno analizzate le cause e le prospettive dell’attuale crisi dei prezzi, il suo impatto sugli aspetti nutrizionali, sui mercati e sulle popolazioni dei paesi in via di sviluppo.
“Prezzi degli alimenti – dalla crisi alla stabilità” è il tema della Giornata mondiale dell’alimentazione 2011 (che si è tenuta lo scorso 16 ottobre), un tema scelto per meglio comprendere dal punto di vista economico il significato delle oscillazioni dei rezzi degli alimenti che hanno devastanti conseguenze sulla diffusione della povertà.
Il costo degli alimenti, le fluttuazioni dei prezzi , in particolare quelle al rialzo, rappresentano la maggiore minaccia alla sicurezza alimentare nei paesi in via di sviluppo.
I più colpiti sono i poveri. Secondo la Banca mondiale, nel biennio 2010-2011 l’aumento dei costi degli alimenti ha spinto quasi 70 milioni di persone nella povertà estrema.
Il compito della settimana radiofonica proposta dall’Università di Pavia, in accordo con il tema della Giornata mondiale dell’alimentazione 2011, è quello di analizzare con il supporto di economisti che lavorano i paesi in via di sviluppo, di volontari e di esperti le cause e le conseguenze di queste oscillazioni dei prezzi.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Allarme furti di rame

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

92-minerali. Rame

Image via Wikipedia

I furti dei cavi di rame sono in aumento negli ultimi anni a causa del valore crescente di questo e di altri metalli e per tali ragioni il Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” hanno intrapreso una battaglia tesa a contrastare il dilagare di questo fenomeno criminale. Ma i ladri di queste “preziose” materie prime forse non hanno ancora compreso le gravi conseguenze di natura pubblica e sulla sicurezza dei cittadini che possono derivare dai loro crimini. Non è un esercizio di retorica, ma a causa di questi reati possono essere messe a repentaglio le vite umane di ignari cittadini solo per il fatto che il semplice furto dei cavi di rame possa disconnettere la rete telefonica e interrompere il servizio di emergenza radio e i sistemi di controllo del traffico aereo. Solo a guardare le notizie che vengono dai paesi d’Oltre Manica c’è tanto materiale da far accapponare la pelle: nei mesi scorsi Scotland Yard ha segnalato una serie di episodi che avrebbero potuto comportare eventi tragici a partire dalla Guardia costiera della Costa Sud, che ha perso le comunicazioni per trentasei ore dopo uno di questi furti, l’interruzione del sistema radio “Airwave” utilizzato dai servizi d’emergenza, compresi i servizi di ambulanza, dei vigili del fuoco e della polizia metropolitana e persino i cavi del controllo del traffico aereo all’aeroporto di Stansted, Essex. E in Italia? Non per essere menagrami, ma se si continuerà sulla scia di quanto sta accadendo un po’ dappertutto sul territorio nazionale con migliaia di chilometri di cavi che vengono estirpati ogni giorno ed intere località lasciate al buio o senza rete telefonica, probabilità che si verifichino eventi analoghi saranno alla nostra portata se non si prenderanno delle misure quanto più urgentemente possibile. Al di là delle misure che avevamo proposto replicando quanto stanno facendo altri Paesi dell’UE tra i quali per l’appunto la Gran Bretagna che sta valutando di istituire apposite licenze per i concessionari dei rottami di metallo vietando loro di pagare in contanti i fornitori e aumentando i poteri di polizia che consentiranno il ritiro delle licenze e la chiusura delle rivendite che non rispettano la legge, per Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” data la rilevanza sociale e pubblica dei furti di cavi della rete telefonica ed elettrica, ritiene improcrastinabile l’introduzione di un’apposita circostanza aggravante all’interno del nostro codice penale non essendo sufficienti quelle previste all’articolo 625.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Congratulazioni al presidente Monti

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

Mario Monti, President of Università Bocconi a...

Image by FriendsofEurope via Flickr

La Federazione CONASFA, che unisce i farmacisti non titolari, formula al senatore Mario Monti le congratulazioni per la designazione a Presidente del Consiglio ed augura un proficuo lavoro nell’interesse del Paese in questo grave momento.
CONASFA auspica che il nuovo Governo, che speriamo nasca in tempi brevi, manifesti verso i Farmacisti l’attenzione che merita una Professione che si impegna ogni giorno per la tutela della salute dei cittadini e che non può essere considerata solo un costo. Auspichiamo che le farmacie divengano sempre più dei presidi del SSN, attraverso i quali
incrementare l’assistenza erogata alla popolazione.A questo proposito ci permettiamo di presentare all’attenzione del Presidente appena designato la nostra proposta di riordino del servizio farmaceutico, che prevedendo l’aumento del 30% del numero delle farmacie, permetterebbe di fornire il servizio nelle aree che oggi ne sono prive, e garantirebbe l’attribuzione delle concessioni non a chi appartiene a una famiglia di Titolari di farmacia come avviene ora, ma ai professionisti più preparati e meritevoli a garanzia di un servizio migliore

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

More than 1,000 call on state department to help free detained egyptian blogger

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

View from Cairo Tower

Image via Wikipedia

Washington, Dc – More than 1,000 people have joined a popular campaign on Change.org calling on Assistant Secretary Michael Posner to help free Egyptian political activist and blogger Alaa Abd El Fattah. Better Life for Egypt, an organization of Egyptian-Americans with the common goal of advocating for equal rights for all Egyptians, immediately launched the campaign on Change.org following the arrest of Fattah, who was taken into custody after blogging about the Egyptian government’s involvement in a deadly protest on October 9. He is currently in prison awaiting trial for “stealing a military weapon” and “assaulting armed forces.”“Following the terrible events that occurred during the October 9th protest in Cairo that left 28 civilian protesters dead, those who condemned the military’s terrible handling of the situation were taken into custody for baseless accusations,” said Better Life For Egypt Secretary Mary Guirguis, who launched the campaign on Change.org.  “Among those detained was Alaa Abdel Fattah, who has been a pronounced critic of the Supreme Council for Armed Forces. We believe these actions counteract what the January 25th revolution stood for and pose a stumbling block in front of the road to democracy in Egypt.”
News of the online petition campaign’s success is likely to increase pressure on Assistant Secretary Posner to speak out against the imprisonment of Egyptian activists. Within hours of the campaign’s launch, Better Life For Egypt had recruited hundreds of supporters on Change.org, the world’s fastest growing platform for social change. The group is partnering with Egyptian organizations around the world to promote the online petition campaign and ensure that Fattah is freed. “What this small organization has accomplished in just a few days is remarkable,” said Change.org Human Rights Organizer Sarah Marie Ryan. “Armed with only an internet connection and a commitment to free this man, Better Life For Egypt has managed to recruit more than one thousand supporters from all around the world.  Change.org is about empowering anyone, anywhere to demand action on the issues that matter to them, and it has been incredible to watch their campaign take off.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

I soliti “partitelli” elettorali

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

Siamo tutti inquilini

Image via Wikipedia

Incominciano a spuntare di nuovi, a risvegliare i lunghi letarghi di quelli che chiuse le urne delle precedenti politiche hanno tirato i remi in barca. Si sente l’odore di elezioni e tutti si mettono in moto per strappare agli elettori quel consenso che non servirà ad eleggere nemmeno un parlamentare ma semplicemente a testare una presenza e una manciata di voti utili per barattare una posizione in ambito locale. Di pari passo marciano i partiti maggiori nel voler doppiare nomi e movimenti che potrebbero attirare un certo numero di consensi: pensiamo ai pensionati, al partito degli imprenditori, dei precari, del Sud, alias meridione e con tutte le sue varianti: grande, unità, ecc. e per non finire a quello che fu un grande partito: la Democrazia cristiana. Tutti pronti a giurare il loro grande ideale politico, i loro programmi salva crisi, rigeneratori del disagio locale e fortemente critici nei confronti dei grandi partiti salvo poi strisciare ai loro piedi a chiusura delle urne. Sappiamo molto bene che nessun appello alla compattezza, al voto ragionato e mirato potrà affrancarci da questa voglia di sentirci al tempo stesso “piccoli e grandi”. Piccoli di numero e con grandi idee, spesso utopiche e per nulla praticabili perchè la politica se si fa con i numeri essi non possono non prescindere dai grandi numeri. Occorre quindi capire che si può agire solo all’interno dei partiti che vanno per la maggiore attraverso l’arte della persuasione, della forza delle idee e suffragandola con un vasto movimento d’opinione. Lo strumento oggi esiste per raccogliere tante forze sparse. E’ quello che ci offre internet dove possiamo esprimere le nostre idee, confrontarle, dibatterle, affinarle e ricercare un punto di sintesi. Se non riusciamo a trovare tra di noi le ragioni stesse del nostro vivere è ben difficile pensare che possiamo affidarle a scatola chiusa al primo imbonitore di passaggio. Ho più volte sostenuto che i punti fermi si possono fissare in poche parole: il diritto alla vita e al vivere. Vivere affrancati dal bisogno che può chiamarsi assistenza sanitaria, diritto all’istruzione, ad un lavoro, alla previdenza, ad avere un tetto sotto cui ripararsi ad alimentarsi. Il resto poco conta. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »