Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 25

L’incertezza sul deficit fiscale

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2011

Bottom of Wall Street from FDR

Image by SheepGuardingLlama via Flickr

Londra. È improbabile che nei prossimi 18 mesi siano adottate le misure incisive per affrontare il problema dell’enorme debito fiscale degli Usa. E anche se la ripresa della crescita procede e si risolvesse il problema della crisi del debito dell’eurozona, ciò creerà per gli investitori un clima di grande incertezza, avverte Stephen Walsh, CIO di Western Asset Management. Walsh, che supervisiona investimenti nel reddito fisso per 433 miliardi di dollari* presso Western, il più grande gestore del reddito fisso di Legg Mason, dubita che il governo e i legislatori americani saranno in grado di contrastare efficacemente le paure del mercato riguardo al deficit e di implementare le necessarie riforme strutturali pro-crescita prima del marzo-aprile 2013. “I democratici e i repubblicani non riescono a mettersi d’accordo su niente e le politiche proposte finora hanno orizzonti troppo brevi”. “È poco probabile che prima delle elezioni del 2012 e dell’insediamento del nuovo Congresso nel gennaio 2013 accada qualcosa di importante nella politica fiscale americana. E anche successivamente, quando i partiti avranno superato le procedure post elezioni, dubito che riusciranno a trovare un accordo prima del marzo-aprile 2013 su politiche concrete tese a ridurre il deficit. Ciò non può che creare una grande paura nei mercati e un ambiente di notevole incertezza che si protarrà per un periodo di tempo prolungato”. Walsh e gli esperti di Western sono dell’avviso che i passi intrapresi finora, come, per esempio, i tagli una tantum e temporanei in certi capitoli specifici, non avranno implicazioni a lungo termine sulla crescita. Piuttosto che concentrarsi solo su politiche fiscali di austerity, occorrerebbe invece un consenso trasversale tra i partiti per riuscire a esperire misure di lungo respiro tese a ridare vigore all’economia americana. “I partiti devono trovare un terreno comune per risolvere i problemi a lungo termine, in altre parole, una riforma strutturale della previdenza, nonché politiche fiscali concepite per sostenere la crescita e non solo per imporre l’austerità”.
Nonostante questa incertezza sulle prospettive fiscali, Walsh ritiene che l’economia Usa riuscirà probabilmente a evitare una recessione nel 2012, anche se le sue aspettative per la crescita restano basse. “Sostanzialmente riteniamo che la ripresa negli Stati Uniti e nel mondo continuerà anche se a un ritmo molto debole”, conclude Walsh. “A nostro avviso, negli Stati Uniti, la crescita nella prima parte del 2012 non supererà l’1-2%. I rischi di una tendenza dell’economia verso il basso sono ultimamente aumentati parecchio, ma non prevediamo un precipitare nella recessione”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: