Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 26 novembre 2011

Herbert George Wells: Avventure di fantascienza

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

I grandi capolavori di un maestro indiscusso della fantascienza mondiale raccolti in un unico volume da La macchina del tempo a L’isola del dottor Moreau a La guerra dei mondi. Profezie, viaggi nel tempo e nello spazio, mostri, marziani, eventi apocalittici, grandi imprese si susseguono in avventure appassionanti che vogliono essere anche una riflessione e una critica alla società post-industriale di fine Ottocento e alle false certezze che ha creato nell’uomo. Storie avvincenti che fanno pensare. Anche oggi. Pagine 632 Euro 26,00 Codice 21660C EAN 978-88-425-4951-2

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Poste Italiane ha realizzato un annullo filatelico dedicato al Memory Day

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

Police station in Venice

Image via Wikipedia

La giornata organizzata dal Comune di Venezia, dal Coisp (Sindacato di Polizia) e dall’Associazione Fervicredo in ricordo delle vittime del terrorismo, della mafia, del dovere e di ogni forma di criminalità La manifestazione si svolgerà lunedì 28 novembre 2011 presso il Teatro Toniolo di Mestre dove, dalle 8.30 alle 13.00 sarà allestito un ufficio postale temporaneo presso il quale sarà possibile richiedere la cartolina e l’annullo filatelico dedicato. Poste Italiane attiva Servizi Filatelici Temporanei dotati di bolli speciali in occasione di convegni, congressi, celebrazioni di eventi storici, manifestazioni filateliche, sportive, culturali, umanitarie, anniversari di personalità non viventi, inaugurazioni di opere pubbliche di particolare rilevanza locale o nazionale. Il bollo speciale riproduce con scritte
e immagini il tema della manifestazione. Il servizio è rivolto a chi vuol far conoscere e storicizzare il proprio evento con la realizzazione del bollo speciale (Enti Pubblici o privati, Associazioni, Società, Partiti Politici, Organizzazioni sindacali, comitati promotori o organizzatori di manifestazioni). La Marcofilia è il collezionismo dei bolli postali. Alla stessa categoria appartengono anche i bolli realizzati in occasione delle emissioni di francobolli. L’annullo potrà essere richiesto anche a: Poste Italiane S.p.A./”Spazio Filatelia” Dorsoduro.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Visite audiologiche gratuite agli Ospedali Riuniti

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

19 Bergamo

Image via Wikipedia

Bergamo. L’Otorinolaringoiatria degli Ospedali Riuniti è tra i centri italiani che aderiscono alla Settimana per la Lotta alla Sordità, promossa anche quest’anno dall’A.I.R.S. Associazione Italiana per la ricerca sulla Sordità. Nella giornata di martedì 29 novembre, tra le 9 e le 11, sarà possibile sottoporsi gratuitamente a un esame audiometrico tonale con gli specialisti dell’Ospedale di Bergamo, che forniranno anche informazioni utili sulla diagnosi e la cura dei disturbi uditivi. La Sordità e i disturbi uditivi costituiscono un serio problema medico e sociale, ancora oggi sottovalutato, ma che interessa circa otto milioni di italiani, cioè il 12% della popolazione. Secondo i dati forniti da ’A.I.R.S sono più di mezzo milione le persone adulte con sordità grave invalidante e conseguente handicap di rilevanza sociale, mentre oltre mille bambini nascono ogni anno con sordità congenita, in grado di ostacolare gravemente lo sviluppo, l’uso del linguaggio e la loro l’integrazione nella scuola e nella società. Da qui la necessità di aumentare la conoscenza delle opportunità di cura e prevenzione e sensibilizzare l’opinione pubblica con iniziative come la “ Settimana Nazionale A.I.R.S per la Lotta alla Sordità”, che coinvolge anche quest’anno più di 250 ospedali distribuiti su tutto il territorio nazionale. Per prenotare una visita gratuita, è sufficiente telefonare oggi o lunedì 28 novembre, tra le 8.30 e le 12.30, alla segreteria dell’Otorinolaringoiatria degli Ospedali Riuniti al numero 035 269463. Non è necessaria la prescrizione medica.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pelle. Chi si prepara all’abbronzatura e chi vuole la pelle chiara con relativi rischi

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

Vacanze a Mauritius - Fam Trip 2010

Image by Luciana Bettega via Flickr

C’e’ chi compra le creme per prossime giornate in montagna o per la settimana natalizia nei mari tropicali, per avere una abbronzatura come si deve e chi invece usa creme per “sbiancare” la pelle. Il fenomeno è particolarmente presente in Francia tanto che l’Agenzia francese per la sicurezza dei farmaci (Afssaps) ha lanciato l’allarme e una campagna di informazione contro l’uso di “sbiancanti”, come i corticosteroidi o l’idrochinone, composto nocivo, irritante e allergenico, oppure derivati del mercurio, fortemente tossici. Probabilmente la presenza di una numerosa popolazione di colore che usa tali prodotti, ha indotto l’Afssaps ad avviare un’azione di informazione diffusa. Non sappiamo quanto il fenomeno sia presente in Italia ma e’ pensabile che tale pratica e’ presente anche nel nostro Paese. L’avvertenza e’ chiara: l’uso di prodotti per le depigmentazione, contenenti corticosteroidi, idrochinone e mercurio, possono creare gravi danni alla salute (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medioevo romantico

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

Di Paolo Golinelli Poesie e miti all’origine della nostra identità Una carrellata sui momenti decisivi e i personaggi più emblematici e affascinanti della storia del nostro Medioevo che hanno fortemente condizionato il mondo culturale del XIX secolo, dalla letteratura al teatro, alla musica. La leggenda di Teodorico, il regno dei Longobardi, la battaglia di Legnano, i Vespri Siciliani, Alarico, Francesca da Rimini e Matilde di Canossa hanno costruito un Medioevo romantico che ritroviamo nelle opere di Foscolo, Manzoni, Leopardi, Carducci e Verdi, intrise di ideali e valori che sono alla base dell’identità del nostro Paese. Paolo Golinelli, docente di Storia medievale e Didattica della storia all’Università degli Studi di Verona, ci fa capire in questo saggio perché siamo diventati quello che siamo e perché il Medioevo continua ad affascinarci. Pagine 208 (testo: 200 + inserto 1/4) Euro 16,00 Codice 14319Q EAN 978-88-425-4942-0

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caso Scarlet Extended SA

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

“La decisione odierna della Corte di Giustizia sul caso Scarlet Extended SA, un fornitore di accesso a Internet, e la SABAM non ha nulla a che fare con il rispetto della legalità su internet”. E’ quanto precisa il presidente di Confindustria Cultura Italia Marco Polillo dopo la pronuncia della Corte UE. “La sentenza conferma, invece, in maniera chiarissima – prosegue Polillo – che, ai fini del contrasto della pirateria online, l’Autorità Giudiziaria e gli Organi amministrativi di vigilanza, dopo aver accertato gli illeciti, possono ordinare provvedimenti di inibizione all’accesso attraverso il coinvolgimento degli intermediari. Ciò proprio alla luce degli articoli 14 e seguenti della Direttiva 2000/31/CE. Questa decisione dovrebbe confortare anche l’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni italiana che ha intrapreso la giusta strada dei provvedimenti interdittivi solo dopo l’adeguato confronto e l’accertamento degli illeciti”.“Nessuno vuole imporre obblighi di sorveglianza e filtraggi preventivi della rete internet – chiarisce Polillo-, men che meno l’industria dei contenuti. Chiediamo tuttavia con forza che, ove riscontrate violazioni gravi e sistematiche del diritto d’autore, le Autorità competenti, e quindi anche l’AGCOM, possano intervenire tempestivamente per porre fine alle violazioni. In Italia, come all’estero. Il cosiddetto website blocking è una misura non “invasiva” delle libertà, e tale da assicurare un livello di garanzie, anche procedimentali, sufficienti per i soggetti coinvolti. Come hanno dimostrato i Monopoli di Stato per il betting on line e le recenti pronunce sui casi “pirate-bay e btjunkie”, l’inibizione dei siti illegali è lo strumento più efficace per contrastare gli illeciti e l’abusivismo in rete”.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

L’Università torni a riflettere su se stessa!

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

Università di Pavia

Image by lillicrov via Flickr

Si è conclusa la IV edizione della Settimana dell’Università della FUCI, svoltasi dal 14 al 20 novembre scorso, al motto di Gustosamente. Una rassegna che ha visto coinvolto tutto il territorio nazionale, con oltre 30 gruppi da Nord a Sud impegnati nella realizzazione di eventi che testimoniassero, oggi più che mai, l’attenzione che la Federazione rivolge al mondo universitario.Cosi a Brescia si è tenuta una tavola rotonda sul tema Studiare e Crescere: quali opportunità?; a Catania si è aperto un dialogo tra studenti e professori per disegnare un progetto comune di Università; a Macerata ci si è confrontati sul tema Quale spazio per vivere l’Università, la Città, la Fede?; a Modena si è elaborata una riflessione sul pensiero di San Tommaso di Aquino e i riflessi in quello del filosofo Antonio Rosmini; a Ragusa gli studenti sono stati invitati ad un reading a più voci. Queste sono solo alcune delle iniziative che hanno animato gli Atenei della penisola in questa Settimana. Potrete trovare sul sito (www.fuci.net) l’elenco completo delle attività dei gruppi. «Dedicare appositamente un appuntamento nazionale all’Università sta a sottolineare l’impegno che la FUCI vuole costantemente rinnovare in essa – affermano i Presidenti Nazionali Francesca Simeoni e Alberto Ratti – soprattutto in un periodo come questo in cui l’Università sta attraversando una congiuntura non certo facile. Riteniamo di fondamentale importanza, anche per uscire da questo impasse, che l’Università torni ad elaborare un pensiero ed una riflessione su se stessa. Solo così sarà in grado di indicare alla società i suoi bisogni e dettare la propria agenda, senza lasciare che questo avvenga da parte di soggetti esterni al mondo universitario».

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Vietnam come partner per le aziende toscane

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

Vietnam, MuiNe

Image by flydime via Flickr

Il Vietnam è un paese che da anni ha avviato un processo di sviluppo economico con performances molto interessanti dovute ad una serie di fattori che garantiscono stabilità e buoni ritorni anche per gli investitori stranieri che decidono di operare in un’economia stabile ed affidabile. Per illustrare le caratteristiche del sistema-paese e presentare le opportunità di investimento nei settori in espansione, l’Internazionale Marmi e Macchine Carrara ospiterà lunedì 28 novembre (ore 15, centro direzionale, sala conferenze) un workshop che avrà come tema “Investire in Vietnam” al quale parteciperanno, assieme alle istituzioni, gli imprenditori e le associazioni di categoria.
L’importanza dell’iniziativa è sottolineata dalla presenza dell’Ambasciatore del Vietnam in Italia, S.E. Dang Khanh Thoai e del Consigliere commerciale Tran Thanh Hai i quali, dopo la presentazione dell’iniziativa da parte del presidente dell’IMM Giorgio Bianchini e Cinzia Venturi di Martini Venturi Consulting e l’intervento del sindaco di Carrara, Angelo Zubbani, illustreranno lo stato delle relazioni commerciali fra Italia e Vietnam e le possibilità di incrementarle ulteriormente. L’IMM curerà una presentazione del distretto lapideo apuoversiliese e illustrerà l’edizione 2012 di CarraraMarmotec che si svolgerà dal 23 al 26 maggio e che nel passato ha spesso aziende o strutture di promozione del lapideo vietnamita. Le Associazioni e i consorzi locali cureranno, a loro volta, una presentazione di aziende e strutture per favorire un confronto sulle opportunità di collaborazione partendo dalle caratteristiche del sistema e delle eccellenze locali. La chiusura dei lavori sarà affidata al presidente dell’IMM Giorgio Bianchini con Ambrogio Brenna per la Martini Venturi Consulting per una sintesi che permetta di avviare un processo di nuove collaborazioni fra il distretto apuano e un Paese che vuole aprirsi ad una collaborazione concreta e continuativa.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libro di Marino Buzzi

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

libraio

Image by ascaro41 via Flickr

Un altro best selle e siamo rovinati. Diario semiserio di un libraio. Non ci sono più i librai di una volta, ma quelli di oggi sono molto, molto meglio. Marino Buzzi, librario in Bologna e autore del blog ormai cult ‘Cronache dalla libreria’, racconta che cosa accade davvero dietro le vetrine di una libreria. E fa finalmente luce nel pazzo mondo dei libri dove ogni giorno c’è «il caso letterario dell’anno» e ci sono più best seller che lettori, più pubblicità che passaparola, logiche di marketing senza logica. Tra clienti scortesi e frettolosi, colleghi stralunati, giovani alla ricerca del «Fu Mattia Pasquale», per fortuna c’è lui: il libraio che si ostina ad amare i libri oltre ogni ragionevole dubbio e a cercare di favorire l’incontro tra la narrazione e i lettori. Un librario vero. E per favore, non chiamatelo più commesso! Pagine 128 Euro 9,90 Codice 23808U EAN 978-88-425-4856-0

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Ici furto di stato?

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

«Chi si ricorda quanto pagava di ICI sulla prima casa prima che fosse cancellata? La reintroduzione dell’Imposta Comunale sugli Immobili (o come verrà chiamata) viene data per certa tra i primi provvedimenti del governo guidato da Mario Monti. Come una clava che già pende sulla testa delle famiglie italiane. La UIL si è presa la briga di andare a spulciare tra i dati catastali in tutti i capoluoghi di provincia e ha calcolato quanto ciascun proprietario dovrà versare al fisco. Ciò che emerge è che a Perugia e a Terni si pagherebbe meno che negli altri capoluoghi.
Secondo l’indagine del Servizio politiche territoriali del sindacato la ‘nuova Ici’, qualora venisse realmente reintrodotta, costerebbe mediamente 136 euro l’anno ad ogni famiglia italiana (185,40 euro per un casa accatastata in A/2 e 86,62 euro per una casa in A/3). L’indagine ha preso a campione il costo annuo dell’imposta riferita alla media di un appartamento di 80 mq., di categoria A/2 (abitazione civile) e A/3 (abitazione economica e popolare) che è il taglio medio delle città capoluogo, analizzandone le rendite catastali rapportate a 5 vani e siti in zona censuaria semiperiferica. Le aliquote e la detrazione sulla prima casa, prese in considerazione, sono quelle deliberate dai Comuni per il 2011» (Monti: ipotesi Ici sulla prima casa, costerà 80 euro a famiglia, a Perugia, e 65 a Terni).Per anni le famiglie italiane sono state costrette a versare questo contributo a dir poco illegittimo. Il governo Prodi, prima, ed il governo Berlusconi, poi, e definitivamente, hanno eliminato l’imposta comunale gravante su terreni ed immobili. Ora, la sua inevitabile reintroduzione. appiamo dai tagli operati che gli Enti pubblici territoriali non avranno le solite sovvenzioni di Stato. Buon modo per recuperare liquidità è pertanto quella di spremere limoni già secchi. L’ICI prima casa costituisce tuttavia un atto immorale – uno dei tanti – dei poteri forti volti a disintegrare sempre più i nuclei famigliari e a penalizzare il fulcro ed il centro della vita.considerazioni sui contenuti delle disposizioni normative facenti parte della costituzione italiana, ci possono aiutare a riflettere sulla portata di tale continua reiterata illegittimità. Il secondo comma dell’articolo 1 della carta costituzionale afferma: «La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della costituzione». Affermazione dal sapore tautologico e beffardo, se si confronta con la realtà attuale della politica e dell’economia globale che ci investe.
Al governo, un tizio da nessuno eletto, ossequiante dei poteri forti che decidono le sorti di popoli e di nazioni, nella disgregazione sociale ed economica funzionale ad intereressi superiori ed oscuri, fautrice di una vera schiavitù, per lo più inconsapevole e mascherata di democrazia ilare ed illusa, di ingenti masse.All’articolo 2 si legge: «La repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale», da leggersi in combinato disposto con l’articolo 29 e con il 31: «La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio», da cui «La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l’adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose».Ebbene, chiunque volesse leggere il dettato normativo disegnato dai costituenti alla luce delle vere e volute necessità e difficoltà economiche che una famiglia ordinaria incontra nel cammino della propria esistenza, soltanto per cercare di ottenere il luogo della propria dimora, si potrebbe facilmente rendere conto della disapplicazione di fatto dei princìpi fondamentali dell’ordinamento giuridico.Non occorre l’atteggiamento del censore per accorgersi come la finanza (italiana ed estera) abbia operato nel dettaglio contro la famiglia a 360 gradi: il costo degli immobili, i relativi mutui per l’acquisto. Frenare le speculazioni finanziarie sull’immobile e sull’usura praticata dalle banche con la veste di legittimo prestito ad interesse, dovrebbe essere il primo còmpito di qualunque governo, se volesse davvero tradurre in realtà il pletorico asserto costituzionale favorevole alla famiglia.Dove risiede invece questa sbandierata tutela?Le necessità primarie dell’essere umano sono quelle di mangiare (e bere), dormire, vestirsi degnamente ed avere un tetto sotto cui stare e nel quale vivere. Un individuo che formi una famiglia abbisogna che quest’ultimo aspetto venga tutelato con ancora maggior vigore, viste le contingenti fragilità della giovane prole. Anche gli uccelli del cielo nidificano per accudire e far crescere i propri piccoli. Dimenticare questo è pura barbarie. Sulla carta, nessuno lo nega; anzi, ci si riempie la bocca di slogan elettorali e promesse di battaglie chimeriche mai intraprese. I fatti smentiscono i proclami. Le banche lucrano su mutui, prestando soldi che effettivamente non hanno (riserva frazionaria, si presta dieci volte l’ammontare del depositato) ottenendo di solito quasi il doppio del prestato, proporzioni di guadagno a dir poco immorali, ma che costituiscono l’unica via possibile (per la comune famiglia, senza redditi berlusconiani o proprietà ereditate) per riuscire a comprare una dimora recente, che dovrebbe costituire un diritto. Lo è per diritto naturale; dovrebbe esserlo per la costituzione.In questo quadro, si incardina l’imposta sull’immobile. L’ICI è un appropriarsi di un bene primario, tassandone la proprietà. Se l’abitazione, la prima casa (ossia quella destinata a dimora abituale) deve essere oggetto di imposta, allora il diritto di proprietà a tutela della famiglia, ne subisce uno svilimento ed un impoverimento concettuale, che va ben al di là dell’importo oggetto di pagamento.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trattamento precoce nel diabete tipo 2

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

Diagramma prevalenza diabete e obesità

Image via Wikipedia

Roma Villa Mondragone primo “Forum clinico” dell’Italian Barometer Diabetes Observatory. Farmaci più sicuri, che permettano di ridurre al minimo gli episodi di ipoglicemia, una delle evenienze, per nulla rara, considerata con maggior inquietudine dalle persone con diabete, e che consentano un controllo rapido e duraturo della glicemia sin dalle primissime fasi della malattia. Questo il profilo degli antidiabetici ideali emerso dal confronto tra alcuni dei principali esperti nazionali e internazionali che hanno partecipato al 1° Forum clinico organizzato dall’Italian Barometer Diabetes Observatory, l’organismo istituito da Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Diabete Italia e Associazione parlamentare per la tutela e la promozione del diritto alla prevenzione, con il supporto non condizionante di Novo Nordisk, con quartier generale a Villa Mondragone, sede di rappresentanza dell’Ateneo romano.
“Il diabete può diventare la pandemia più disastrosa del 21° secolo se noi non affrontiamo questo problema in maniera adeguata. Tuttavia i dati forniti dalle sperimentazioni cliniche ci dicono che con interventi adeguati sia farmacologici che, soprattutto, sullo stile di vita la diffusione della malattia e le sue più gravi complicanze si possono contenere. Per il trattamento e la prevenzione del diabete oggi sono disponibili nuove classi di farmaci che oltre ad una efficacia maggiore hanno minori effetti collaterali quali, ad esempio, l’ipoglicemia. Investire sulla prevenzione e sul controllo del diabete comporta un miglioramento della qualità della vita, un accresciuto benessere sociale e una migliore sostenibilità della spesa sanitaria”, ha detto Renato Lauro, Presidente dall’Italian Barometer Diabetes Observatory e Rettore dell’Università di Roma Tor Vergata, inaugurando i lavori del ForumHa quindi spiegato Salvatore Caputo, Dirigente medico dell’Unità di Diabetologia al Policlinico Gemelli di Roma, che, in un anno, una persona con diabete di tipo 1 va mediamente incontro a 47,5 episodi di ipoglicemia, quasi uno alla settimana. In 1 sino a 3 casi si tratta di una ipoglicemia grave, tale da rendere necessario il ricovero in ospedale. Nel diabete di tipo 2, invece, le ipoglicemie ammontano a 9,2 l’anno in media, nelle persone in trattamento con insulina. Più raro il caso di ipoglicemie in persone che prendono solo antidiabetici orali. In queste, gli episodi gravi corrispondono a 0,1 l’anno, salendo a poco meno di 1 evento grave l’anno in quelle in trattamento insulinico da oltre 5 anni.“Le ipoglicemie, soprattutto quelle gravi, costituiscono un’area ancora poco indagata ma di grande rilievo e causa di costi diretti e indiretti legati alla malattia, al di là di quelli prodotti dalle complicanze croniche del diabete”, ha aggiunto Antonio Nicolucci, Responsabile Dipartimento Farmacologia Clinica e Epidemiologia del Consorzio Mario Negri Sud e Coordinatore Data Analysis Board dell’Italian Barometer Diabetes Observatory.Infatti, secondo il Rapporto “Dati e cifre sul diabete in Italia” dell’Osservatorio di Villa Mondragone, redatto dallo stesso Nicolucci, nella sola Inghilterra, si stima che il trattamento delle ipoglicemie ammonti in un anno a 13 milioni di sterline, oltre 15 milioni di euro. Ai costi diretti vanno poi aggiunti quelli indiretti, legati alla perdita di produttività e all’assenza dal posto di lavoro. Da uno studio canadese è emerso che il 10% delle persone con un episodio di ipoglicemia lieve o moderata e un quarto di quelle con ipoglicemia grave non si sono recate al lavoro il giorno seguente.Le ipoglicemie sono anche responsabili di importanti costi intangibili, legati all’impatto negativo sulla qualità della vita. “Inoltre, la paura delle ipoglicemie è spesso responsabile di una scarsa aderenza alle cure, con riduzione autonoma da parte della persona con diabete della quantità di farmaci assunti, e quindi di un peggior controllo metabolico”, ha detto ancora Nicolucci. Infatti, oltre il 60% delle persone con diabete intervistate nel corso dell’indagine sociologica DAWN Italia ha espresso forte preoccupazione per le ipoglicemie e lo studio canadese già citato ha messo in evidenza come un terzo delle persone con ipoglicemia lieve o moderata e oltre l’80% di quelle con ipoglicemia grave abbiano maggior paura delle ipoglicemie dopo avere subito l’evento. Questo ha indotto oltre la metà di loro a modificare la dose di insulina assunta.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diritti digitali e diritti civili

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

Con una sentenza storica la Corte di Giustizia Ue dichiara non compatibili con l’ordinamento comunitario provvedimenti degli stati membri che impongano agli internet service provider un monitoraggio generalizzato del traffico di rete per impedire violazioni del copyright. “La Corte di Giustizia” afferma l’avv. Marco Scialdone, responsabile del team legale di Agorà Digitale “Ricorda a tutti che esistono ancora limiti invalicabili e che la tutela del copyright non può giustificare un monitoraggio preventivo del traffico di rete. Almeno fino a che esisterà la direttiva 2000/31. La Corte ricorda ai tanti che, anche in Italia, lo hanno negato negli ultimi mesi, che esiste una potenziale contrapposizione tra copyright e libertà di espressione che necessità di un appropriato e sapiente bilanciamento per evitare che la tutela del diritto d’autore si riveli novello strumento di censura.”

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Risposta dell’Università Campus Bio-medico di Roma a Dagospia

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

Nell’articolo “Monti, il governo dei conflitti d’interesse”, pubblicato da Dagospia il 23 novembre 2011, si giudica che il Ministro dello Sviluppo, le Infrastrutture e i Trasporti, Corrado Passera, si trovi in una situazione di “conflitto d’interessi” per il fatto che “possiede anche azioni per oltre 56mila euro di Campus Bio-Medico S.p.A., una società per azioni con sede a Milano che controlla l’omonima università privata di Roma, con annesso policlinico, nata nel 1993 per volontà dell’Opus Dei”.In questo contesto l’articolo riporta ulteriormente che l’Università Campus Bio-Medico di Roma ha ottenuto fondi pubblici nell’ambito della procedura per la valorizzazione del ruolo dei Parchi Scientifici e Tecnologici della Regione Lazio, precisando che per l’emanazione del bando “che ha permesso al Campus di ottenere questi finanziamenti è stata indispensabile la determina del Ministero dello Sviluppo Economico, lo stesso che ora dirige Corrado Passera”.
Vengono infine riportati dati su finanziamenti pubblici all’Università Campus Bio-Medico di Roma e al suo Policlinico.
Al riguardo, l’Università Campus Bio-Medico di Roma precisa che:
La Campus Bio-Medico S.p.A. non “controlla” l’Università Campus Bio-Medico di Roma, essendo quest’ultima una libera università riconosciuta con Decreto Ministeriale del 31 ottobre 1991. Responsabili ultimi della titolarità e gestione dell’Ateneo sono i membri del suo Consiglio di Amministrazione, i cui nomi sono pubblicati sul sito ufficiale dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. Lo Statuto dell’Università stabilisce inoltre l’assoluta separazione patrimoniale dagli enti promotori. In concreto: nel caso in cui l’Università avesse guadagni, non potrebbe trasferirli alla Campus Bio-Medico S.p.A., ma dovrebbe reinvestirli all’interno dell’Università stessa, finanziando didattica, ricerca e attività sanitaria.
La Campus Bio-Medico S.p.A. è invece un ente promotore dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. Ha istituzionalmente il compito di mettere a disposizione le proprie risorse manageriali e imprenditoriali per la realizzazione e il mantenimento di strutture utili all’Ateneo nel perseguimento dei propri fini didattici, di ricerca e di assistenza sanitaria.
Chi decide di acquistare azioni della Campus Bio-Medico S.p.A. è consapevole che sta compiendo un investimento motivato da ragioni etiche e non di profitto, a sostegno di un’istituzione che fornisce un servizio di utilità pubblica nell’ambito della formazione e dell’assistenza sanitaria, senza perseguire fini di lucro (art. 6 dello Statuto dell’Università CampusBio-Medico di Roma).La Campus Bio-Medico S.p.A. non ha mai distribuito dividendi da quando esiste e, qualora avesse degli utili, li reinvestirebbe a sostegno delle attività dell’Università di cui è ente sostenitore, coerentemente con la natura dell’istituzione accademica, che non ha fini di lucro (art. 6 dello Statuto). È evidente che questo tipo d’investimento azionario è molto simile, nella sostanza, a una donazione in favore di un’iniziativa di cui si riconosce l’utilità sociale o il valore culturale.
Per queste ragioni è impossibile rilevare un interesse personale in investimenti azionari all’interno della Campus Bio-Medico S.p.A. e, di conseguenza, neppure un conflitto d’interesse. Per completezza, osserviamo anche che la partecipazione azionaria riportata dall’articolo e sulla quale si vuole costruire un ipotetico conflitto d’interesse per il Ministro citato, rappresenta l’uno per mille (0,11%) del capitale della società. Quanto alla procedura per la valorizzazione del ruolo dei Parchi Scientifici e Tecnologici della Regione Lazio, si precisa che il riconoscimento dell’idoneità dei candidati, tra i quali l’Università Campus Bio-Medico di Roma, a partecipare alla procedura con la presentazione di progetti di ricerca, è stata effettuata dagli organismi competenti della Regione stessa e non dal Ministero dello Sviluppo Economico. Lo stesso vale per la selezione dei progetti di ricerca ammessi a finanziamento. Inoltre, la presenza nei criteri di assegnazione e di rendicontazione dei fondi di voci come “organizzazione di eventi promozionali”, “missioni e viaggi” o “per effetuare analisi di mercato” corrisponde a criteri applicati da oltre dieci anni a livello europeo. Già i Documenti Unici di Programmazione Europea (docup) 2000-2006, elaborati e approvati dall’Ue, dagli Stati Membri e dalle Regioni, prevedevano infatti la suddivisione dei progetti finanziati da fondi strutturali, sia in fase di presentazione che di rendicontazione, in cosiddette azioni orizzontali (di cui sono esempio le voci sopra riportate) e di azioni verticali, legate alla realizzazione del trasferimento tecnologico stesso. La destinazione di fondi ad azioni orizzontali non è quindi una stravaganza del Campus Bio-Medico e della procedura specifica, bensì al contrario una prassi consolidata di carattereeuropeo, che da anni ormai si traduce nei bandi in obbligo. Dai fondi per azioni orizzontali vengono per esempio attinte le risorse per la realizzazione di contenuti web che descrivano un progetto di ricerca o lo stato di avanzamento dei lavori a scopi di divulgazione delle informazioni nella comunità scientifica o anche solo per obblighi amministrativi di trasparenza.
Nell’articolo sono riportati anche dati su finanziamenti pubblici della Regione Lazio al Policlinico Universitario Campus Bio-Medico. Al riguardo si precisa che il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico fornisce al Servizio Sanitario Nazionale ogni anno oltre mezzo milione di prestazioni ambulatoriali e 14.000degenze, e che tali finanziamenti non sono altro che il rimborso delle prestazioni erogate. Non solo. Tali rimborsi avvengono, come per ogni altrastruttura ospedaliera non statale e convenzionata con il Servizio SanitarioNazionale, non in base agli effettivi costi sostenuti, ma secondo forfait fissati per legge che richiedono molta attenzione nella gestione anche da parte dell’ospedale più efficiente. Succede, tra le altre cose, che un paziente abbia bisogno di cure anche dopo che il tetto massimo di spesa pubblica accordato per quell’anno a una struttura ospedaliera non statale convenzionata si sia esaurito. In questo caso il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico prosegue l’assistenza al paziente ugualmente. Come? Con ulteriori politiche di risparmio. Un esempio: nel 2010 tutti i dirigenti del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico hanno accettato volontariamente una riduzione del proprio stipendio. In questo modo si sono evitati licenziamenti e si è dimostrato alle istituzioni pubbliche la volontà del Campus Bio-Medico di collaborare nel mantenere il più possibile i livelli di assistenza del passato nonostante le difficoltà.Il dato, riportato nel medesimo articolo, sul presunto “margine operativo netto” dell’Università Campus Bio-Medico di Roma nel trimestre 2010, è frutto di due gravi errori di lettura. Chi scrive, infatti, confonde i miliardi con i milioni e parla di “netto”, mentre il dato riportato si riferisce al margine operativo “lordo”. La differenza tra quanto riportato e la realtà è grande. Tanto è vero che l’Università Campus Bio-Medico di Roma ha registrato nel passato, nello stesso 2010, e registrerà anche nel 2011 una perdita di esercizio.Sono riportati pure dati su finanziamenti pubblici del MIUR all’Università Campus Bio-Medico di Roma. Al riguardo precisiamo che l’Università Campus Bio-Medico di Roma ha avuto negli ultimi dieci anni una media di laureati in corso pari quasi al doppio di quella nazionale (cfr. statistiche Almalaurea) e oltre il 90 per cento di loro ha trovato lavoro entro un anno dalla conclusione degli studi. Un’offerta di formazione accademica con tali risultati non può essere indifferente all’interesse pubblico di un Paese moderno, che ha bisogno di giovanigenerazioni capaci di inserirsi nel mondo del lavoro con una solida preparazione professionale anziché restare disoccupati. A fronte di tali risultati il finanziamento del MIUR al Campus Bio-Medico nel 2009 non copreneppure lontanamente anche solo il costo annuo di un unico corso di laurea tra quelli offerti dall’Ateneo. Se anche questo è un problema, non ci resta che pensare alla pregiudiziale avversione per i finanziamenti pubblici a enti non statali anche quando questi svolgono una funzione d’interesse pubblico.Infine occorre precisare che l’Università Campus Bio-Medico di Roma è nata per iniziativa di persone dell’Opus Dei e tante altre persone che ne condividono le finalità etiche e sociali. Le sue attività didattiche, di assistenza e di ricerca sono in tutto e per tutto di tipo civile e ne sono esclusivamente responsabili i preposti organi di governo dell’Ateneo. La Pralatura dell’Opus Dei si occupa presso il Campus Bio-Medico, secondo quanto stabilito da un’apposita convenzione, della pastorale universitaria e dell’assistenza spirituale ai degenti, al personale e agli studenti che lo desiderano, mediante l’attività dei cappellani che operano presso l’Università e il suo Policlinico. (Stefano Tognoli)

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Egitto-Italia: ampliati rapporti commerciali

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

 

Cairo: fornaio

Image via Wikipedia

L’Egitto è ormai un partner consolidato per il settore lapideo italiano tanto che, nel corso del 2010 ha esportato in Italia, 108.135 tonnellate di marmi e pietre di vario genere sia in blocchi che semilavorati per un valore di quasi quattordici milioni di euro, mentre l’Italia ha spedito verso il Nilo 75.400 tonnellate di marmi (principalmente blocchi ma è consistente anche la quota di lavorati) per un valore di circa dodici milioni di euro. L’Egitto è un ottimo cliente anche nel settore delle tecnologie sia per estrazione che di trasformazione, e gli Operatori nazionali sono orientati ad effettuare investimenti consistenti per migliorare le potenzialità dell’industria nazionale mettendola in grado di sfruttare al meglio le risorse di lapidei che sono molto interessanti. In questo contesto l’Internazionale Marmi e Macchine ha accolto una delegazione guidata da Ahmed Amawi primo segretario del ministero dell’industria e del commercio egiziano che si è avvalso del supporto di Teresa Athanassios, senior Trade analyst dell’Ufficio Ice del Cairo assistita in Italia dall’ufficio Ice di Firenze con Simone Scipioni. Il primo contatto del gruppo egiziano, che contava su presenze significative come Moataz El Desouky e Shameh M. Shehata, manager di importanti aziende che operano nel lapideo, è avvenuto nella sede dell’IMM Carrara dove, nel corso di un meeting l’Ufficio Studi ha fornito un quadro molto dettagliato dell’interscambio lapideo e delle potenzialità del distretto. Sono state illustrate anche le caratteristiche dei materiali locali e le diverse potenzialità di impiego oltre ai campi di cooperazione possibili fra due realtà che possono compiere un lungo percorso comune. Nel corso del meeting è stata presentata anche l’edizione 2012 di CarraraMarmotec che si terrà dal 23 al 26 maggio, con le sue opportunità di promozione anche attraverso una partecipazione diretta delle aziende egiziane ad un evento che si caratterizzerà per i contenuti particolarmente innovativi.

Al termine di un lungo confronto con scambio di valutazioni e informazioni il gruppo egiziano ha visitato alcune aziende del distretto che operano nel campo dei lavorati di pregio e delle tecnologie manifestando interesse per una partecipazione espositiva a CarraraMarmotec 2012 o, quanto meno, ad organizzare una delegazione di operatori interessati ad attivare relazioni più strette tanto nel campo dei marmi quanto in quello delle tecnologie.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The WHO Patient Safety Programme

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

UBC Hospital

Image via Wikipedia

African Partnerships for Patient Safety (APPS) has launched the second wave of Europe-to-Africa hospital partnerships to improve patient safety in five countries. APPS proposes a unique partnership model translating policy into action to improve patient safety in hospitals in the African region. Hospitals in Africa are teamed up with counterparts in Europe to allow the sharing of tools, processes and learning based on three core objectives: partnership strength, hospital patient safety improvements, and patient safety spread. Building on the success of the “first wave” of partnerships established by APPS in 2009, new partnerships between hospitals in Africa and the UK are being launched in a “second wave”. Representatives of the five partnerships between UK and African hospitals (in Ghana, Mozambique, Rwanda, Tanzania, and Zambia) met at WHO Headquarters this week to kick off their new partnerships and to establish work plans to improve patient safety in their respective hospitals and further afield. http://www.facebook.com/WorldHealthOrganization?v=wall

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 4 Comments »

Parliamentary Hearing at the United Nations

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2011

Members of the Inter-Parliamentary Union

Image via Wikipedia

New York il 28 e 29 novembre prossimo Strengthening Political Accountability for a More Peaceful and Prosperous World è il tema del consesso. Ai lavori, a cui parteciperanno l’on. Antonio Razzi ed il Presidente dell’Interparlamentare Italiana on. Antonio Martino, saranno aperti dai signori H.E. Mr. Nassir Abdulaziz Al-Nasser, President of the UN General Assembly, H.E. Mr. Ban Ki-moon, Secretary-General of the United Nations, e Mr. Abdelwahad Radi, President of the Inter-Parliamentary Union. Le Quattro sezioni dedicate ad altrettanti temi inerenti il ruolo dell’Assemblea Generale dell’ONU, la partecipazione dei giovani ai processi di cambiamento e di opportunità, la responsabilità nella amministrazione virtuosa dei fondi pubblici, il rafforzamento dei collegamenti tra le istituzioni nazionali nella società civile, metteranno a fuoco  problematiche di stringente attualità ed importanza per rafforzare le responsabilità politiche per un mondo più pacifico e prosperoso. Così si è espresso l’on. Razzi a proposito dell’appuntamento di New York dove interverrà con un suo documento concertando la scelta della sezione con il Presidente Martino.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »