Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Ecografia 3D per la diagnosi di Artrite Reumatoide

Posted by fidest press agency su domenica, 27 novembre 2011

Rimini. L’ecografia tridimensionale (ultrasonografia 3D) potrebbe modificare e migliorare l’approccio tradizionale all’ecografia muscolo-scheletrica in Reumatologia. È uno dei principali dati emersi in occasione XLVIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Reumatologia in corso a Rimini (Palacongressi, 23-26 novembre), appuntamento di aggiornamento medico-scientifico che riunisce tutti i reumatologi italiani. E’ stato evidenziato che la metodica ultrasonografica tridimensionale può risultare utile per identificare precocemente le erosioni articolari in corso di Artrite Reumatoide e consentire al Reumatologo di intervenire tempestivamente con la terapia più idonea, evitando ritardi e progressione della malattia. “I recenti sviluppi nel campo dell’ecografia tridimensionale e i risultati ottenuti in altri settori della medicina, come ad esempio quello ostetrico-ginecologico o nefrologico, sono tali da spingerci a ipotizzare un suo utilizzo sempre più ampio in Reumatologia per aggiungere, attraverso lo studio volumetrico dei tessuti, elementi di valore pratico rispetto all’ecografia convenzionale – ha spiegato il Prof. Giovanni Minisola, Presidente della Società Italiana di Reumatologia e Direttore della Divisione di Reumatologia dell’Ospedale “San Camillo” di Roma – Inoltre, rispetto alla TAC, considerata una metodica di riferimento per l’individuazione delle erosioni ossee nell’artrite reumatoide iniziale, l’ecografia 3D presenta i vantaggi tipici dell’ecografia, vale a dire costi contenuti, rapidità di esecuzione e ripetibilità sullo stesso paziente, in assenza di esposizione a radiazioni. In generale, l’utilizzo dell’ecografia in Reumatologia consente lo studio delle anomalie morfologiche e strutturali dei tessuti molli in pazienti con sindromi dolorose distrettuali, la precoce identificazione della flogosi e del danno articolare e/o tendineo in pazienti con reumatismo infiammatorio cronico all’esordio, la valutazione dell’attività di sinovite ed entesite, il monitoraggio dell’efficacia della terapia e guida per l’esecuzione di procedure invasive. “L’ecografia è considerata attualmente una tecnica di fondamentale importanza nella valutazione dell’attività flogistica nelle artriti infiammatorie – ha continuato Minisola – In una singola immagine ecografica si può documentare l’attività del processo infiammatorio e i suoi effetti sull’integrità dei tendini, della cartilagine e dell’osso. L’applicazione dell’innovazione 3D consente di aggiungere ai vantaggi dell’ecografia quelli della valutazione tridimensionale dell’articolazione, con una minore dipendenza dall’operatore. Gli studi, per acquisire nuovi dati, proseguono presso i più prestigiosi centri italiani di ricerca reumatologici”.

Una Risposta a “Ecografia 3D per la diagnosi di Artrite Reumatoide”

  1. good post. Neer knew this, thankyou for letting me know. 1038

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: