Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 13 dicembre 2011

Donne e riforma della previdenza. Lo studio di genere

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Occhio al governo Monti...

Image by Cau Napoli via Flickr

Roma 14 Dicembre 2011 alle ore 12 nell’ambito di un seminario di studio sul mercato del lavoro femminile organizzato dall’Ufficio Nazionale della Consigliera di parità, all’Hotel RADISSON BLU Via Filippo Turati 42 si terra’ la presentazione del primo studio ”Donne e riforma della previdenza”.La situazione italiana : numeri, statistiche, prospettive. A cura di Servidori-Coccia-Mundo-Orrù Fotografando, nel saggio, l’universo delle pensioni “al femminile” il lavoro fornisce una rappresentazione nitida dei problemi da affrontare nel nostro Paese. Per la prima volta il metodo auspicato e indicato dalla Commissione europea, di monitoraggio e studio dei dati disaggregati per genere maschio-femmina per grandi voci di politiche del welfare, è stato realizzato grazie all’impegno dell’Ufficio della Consigliera Nazionale di Parità, del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, del servizio attuariale di Inps. Impegno che ha ratificato una forte alleanza delle persone che in questi ambiti e funzioni hanno il compito di studiare i processi e fornire importanti contributi statistici alle istituzioni. Nel lavoro si approfondisce l’analisi per genere dei dati provenienti dal Casellario centrale dei pensionati, archivio amministrativo gestito dall’Inps, in cui sono raccolte le informazioni sulle prestazioni pensionistiche erogate da tutti gli enti previdenziali italiani, pubblici e privati; si analizzano dettagliatamente le norme che sono applicate in materia di prestazioni, compreso uno spaccato approfondito dei dati riferiti al gap pensionistico uomo/donna ed alcune riflessioni sul sistema di protezione sociale per le lavoratrici. Per ultimo si rappresentano le novità introdotte dal Governo Monti in materia. L’obiettivo è quello di illustrare le diversità di genere tra le varie forme previdenziali, evidenziando le peculiarità che contraddistinguono tutt’ora i due sessi sia in termini di prestazioni ricevute che di importi riscossi. Naturalmente il lavoro getta lo sguardo oltre la situazione attuale prefigurando gli scenari di impatto del sistema,con relativa simulata condizione che si viene a determinare. Nel corso della presentazione sara’ distribuito il testo integrale. (Alessandra Servidori)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Idi Sanità, Ugl: “Mozione presentata in Campidoglio”

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

English: View from the Piazza del Campidoglio.

Image via Wikipedia

“Il Consiglio Comunale ha votato all’unanimità la mozione che abbiamo presentato in favore dei lavoratori del Gruppo Idi e si è impegnato ad affrontare la questione in modo solerte, garantendo una risposta entro 48 ore”.
Lo annunciano in una nota il segretario Ugl Sanità Roma e Lazio, Antonio Cuozzo, e le rsa dell’ospedale San Carlo e dell’Idi, Antonio Astorino e Luigi Baroni, al termine dell’incontro di oggi in Campidoglio, dove hanno esposto i problemi dei lavoratori del Gruppo.“Il continuo ritardo nell’erogazione degli stipendi – spiegano – oltre alle immediate difficoltà che reca al personale e alle loro famiglie, produce un clima di incertezza sul futuro delle strutture sanitarie e degli stessi lavoratori. In più, da quasi sei mesi chiediamo un piano industriale che, come gli stipendi, viene costantemente rimandato, ma la situazione è ormai insostenibile”. “Le case farmaceutiche – continua la nota – stanno ritirando man mano tutti i materiali forniti perché non ricevono i pagamenti e tutta questa situazione sta mettendo a rischio anche le prestazioni sanitarie e chirurgiche, in costante diminuzione, a danno di tutti i pazienti”. “Il Consiglio oggi si è impegnato a sostenere presso tutte le sedi istituzionali, la Regione Lazio e la proprietà delle strutture, il rispetto della dignità dei lavoratori garantendone la retribuzione nei giusti tempi. Speriamo – conclude la nota – di essere vicini ad una rapida risoluzione della vertenza”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mexican president, Felipe Calderón, gives out prizes of recognition to successful social enterprises

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Felipe Calderón Hinojosa, Presidente de México.

Image via Wikipedia

In 2004, Grupo Ecológico Sierra Gorda started working with a group of 30 women from the community La Colgada as part of a programme to develop sustainable skills for women, which was supported by INMUJERES. In 2007 they established the cooperative society: “Embroidery with Nature Motifs”. La Colgada is a typical rural Mexican community which sees most fathers and sons migrate to the United States for economic reasons. This project has been essential in improving the women’s self-esteem and affirmation which has in turn built a healthier and more united home. Their children now have another example to follow; migrating is no longer the only option of having a secure home in La Colgada. These women have shown that it is possible to create a successful business without breaking up the family. In 2010, “Embroidery with Nature Motifs” proved its success when they received their first order for MXN$ 178,000 to export to Spain (El Corte Inglés). They worked extremely hard and they even had to take out a loan, which they have already paid back, to be able to accomplish the production.
On 26th November 2011, Mexican president, Felipe Calderón Hinojosa, distributed prizes of recognition to ten successful social enterprises that participated in the 2011 XIV National Winter FONAES Fair. They stood out because of their level of quality and product and service variety. “Embroidery with Nature Motifs” was one of the social enterprises given recognition.The Economy Secretary, Bruno Ferrari, confirmed that the best way to combat inequality is not to give subsidies or handouts but to create more enterprises that generate more and better jobs.
This year’s selected enterprises went through an evaluation process and stood out because of their sales’ volume, reach into the market, client increase, corporate image improvements, jobs generated and training received for developing managerial and business skills.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Obama’s ‘Green’ Initiatives: It Pays (BIG) to Be an Obama Bundler

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Official photographic portrait of US President...

From http://www.BigGovernment.com By Peter Schweizer. President Obama’s 2012 reelection campaign is promising to raise enormous sums of money, by some estimates and unprecedented $1 billion. The Finance Chair for the 2012 campaign, Matthew Barzun, is reactivating the 2008 financial network of campaign bundlers to meet that goal. In my new book, Throw Them All Out, I expose the scandal that is outrageous and typical: those who are raising money for Obama received large amounts of taxpayer-funded energy stimulus money from the Obama Administration. It offers a new form of “recycling” when it comes to campaign dollars that is unprecedented.
Consider the sweetheart deals and contracts that have come the way of some of President Obama’s biggest fundraisers:
Financier David Shaw has raised $1.08 million for Obama’s reelection so far. Shaw’s firm D.E. Shaw is heavily invested in two wind projects that received taxpayer money: $115 million for First Wind, and $117 million for Kahuku Wind.
Financier John Rogers is a board Exelon board member has raised $1.2 million, and Frank Clark, an executive Exelon, has raised $153,000 thus far. Exelon has been approved for $646 million in Department of Energy loan guarantees for a project called AV Solar Ranch One. They also received a $200 million Department of Energy cash grant through a company they own called Peco Energy for smart-grid work.
Financier Steve Westly has raised $302,000 so far. Westly has held large investment stakes in numerous companies that have received stimulus grants, including Amyris Biotechnologies ($24 million), Tesla Motors ($465 million), as well as Edeniqu and Recyclebank.
Bruce Heyman of Goldman Sachs, who has had three energy projects approved for taxpayer money Cogentrix ($90 million), First Solar ($4.7 million), and U.S. Geothermal ($96.8 million) has already raised $366,884 for the Obama 2012 reelection campaign.
Daniel Weiss of the Angelino Group has raised $39,000 so far. Weiss’ firm is a major equity holder in Powerspan, we received a $100 million cash grant for smart grid projects.
Steve Spinner has raised $31,900 to this point. Spinner is a green energy investor who worked at the Department of Energy as a “strategic advisor” to the loan program.
Other recipients of energy stimulus money have continued cutting checks. Ian Cumming of Leucadia, which has had several large projects approved, has given $10,000 so far to Obama for America and the Obama Victory Fund 2012.
Others are not serving as campaign bundlers, but are rainmakers on an entirely different level. Financier John Doerr has held a series of held a private pow-wow bringing together big financiers to meet with President Obama, including a February 17, 2011 dinner at his home with the late Steve Jobs, Zuckerberg of Facebook, and John Chambers of Cisco Systems. Doerr and his firm have investments in sixteen green energy companies that have received taxpayer grants and loans. The cronyism continues, and only outrage from the American people can stop it.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 5 Comments »

Mobbing e risarcimento

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Lo ha stabilito il Tribunale di Milano che, con una sentenza del 24 ottobre 2011, ha riconosciuto il danno patrimoniale e non patrimoniale a un lavoratore che era stato mobbizzato. Il Giudice respingendo le doglianze datoriali ha sentenziato che “ Il lavoratore mobbizzato ha diritto al risarcimento del danno anche per i lievi disturbi provocati dall’ansia e dalla depressione. Non è necessario ai fini del ristoro il fatto che il dipendente non abbia avuto bisogno di una cura farmacologica “. In seguito allo stress subito sul luogo di lavoro l’uomo aveva sofferto per più di un anno di ansia e depressione. A favore di tale impostazione aveva quindi chiesto che gli venisse liquidata anche questa voce di danno al di là del fatto che il problema era stato transitorio e che aveva richiesto solo una brevissima psicoterapia senza l’assunzione di psicofarmaci. In ogni caso, il Tribunale, rilevando la gravità da parte del datore di lavoro di tal tipo di comportamenti certamente lesivi di beni costituzionalmente protetti, ha ritenuto che il disturbo dell’adattamento provocato dal demansionamento e dal licenziamento illegittimo andava risarcito. Secondo Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” e fondatore dello “Sportello Dei Diritti”, tale sentenza certamente una decisione esemplare che potrà invogliare i lavoratori vittime di abusi sul posto di lavoro e costituisce precedente persuasivo e da monito per tutti i datori di lavoro perché possano pensarci non una, ma cento volte prima di umiliare e vessare il proprio dipendente.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | 4 Comments »

Serata antica Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Pomezia (Roma) 19 Dicembre 2011 (per gli antichi romani: ante quartum decimum Kalendas Ianuarias MMDCCLXIV ab Urbe Condita) alle ore 20.00, presso il ristorante “La Bocca della Verità”, in p. San Benedetto da Norcia a Pomezia, in occasione del Solstizio d’Inverno, avrà luogo la tradizionale “Cena dell’Antica Roma”. Giunta alla sua XVI edizione, l’iniziativa prevede una serata con il menù della Roma Imperiale, ripreso dalle celebri ricette di Apicio. Per questa serata è previsto: Gustacio: Ova, Epityrum, Album, Moreto, Mulsum; Prima Mensa: Patinam Apicianam; Caput Cenae: Porcellum Aenococtum, Cymas et Cauliculos; Secundae Mensae: Globulos; Commissatio: Pane di Farro, Vino, Acqua, Orzo. Non saranno solo i personaggi in costume a ricordare il periodo di massimo fulgore della nostra civiltà, infatti non mancheranno letture, dispense, riti, musiche, doni, relazioni e tante altre sorprese ancora, finalizzate a riscoprire e valorizzare le nostre radici. Il costo di 15 euro (non si potrà pagare in sesterzi) dimostra l’intenzione di fare una promozione culturale e non un’azione commerciale. Per partecipare è necessario prenotarsi per tempo, comunicandolo alla sede dell’ass. Tyrrhenum, in via Copernico 5 a Pomezia, aperta tutti i giorni dalle ore 17.00 alle 19.00, o telefonando al numero 333/2063600.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Crisi europea: finirà come l’Argentina?

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Professor Joseph Stiglitz at Columbia Universi...

Image via Wikipedia

La via imboccata è quella giusta o si stanno commettendo nuovi errori? Il titolo del pezzo non scaturisce da una paura che in questo periodo un po’ tutti avvertiamo, e che non osiamo esternare in pubblico, ma dall’analisi, libera e schietta, fatta da un economista Usa, Joseph Stiglitz, premio Nobel per l’economia, nel corso di un’intervista pubblicata su un importante quotidiano argentino “Pagina 12” (del 10/12) di cui daremo ampi brani. Io ci ho messo soltanto un punto interrogativo, poiché mi terrorizza il solo riferimento a quella esperienza che per qualche giorno ho vissuto. Infatti, è un interrogativo da incubo che intimamente un po’ tutti inquieta, al quale nessuno dei responsabili vuole dare una risposta convincente e pubblica. Non sappiamo bene cosa stia effettivamente bollendo nelle cucine dei “mercati”, nella mente di taluni chefs di queste strane entità, senza volto e senza nomi, che continuano ad imporre le loro ricette e i loro uomini a Stati e a continenti interi. Ovviamente, sto parlando di grandi opzioni, di scelte strutturali non delle quisquilie cui ricorrono le varie “compagnie di giro” per tenere aperto il baraccone degli scandaletti a buon mercato e deviare l’attenzione dell’opinione pubblica dai veri malanni che affliggono l’Italia e l’Europa. Altra domanda drammatica. La via imboccata è quella giusta o si stanno commettendo nuovi errori che, questa volta, potrebbero risultare esiziali? Per i nostri “decisori” nazionali ed europei la strada e le scelte adottate sono le uniche possibili. Gli altoparlanti di stampa e media s’incaricano, senza verificare, approfondire, senza sentire tutte le campane, di confermarle, amplificarle e di propinarle come oro colato a un’opinione pubblica frastornata e inquieta. I mercati: un Golem insaziabile, senza volto e senza nome Per Joseph Stiglitz, invece, c’è poco da stare tranquilli poiché “lo schema che la Germania sta imponendo al resto dell’Europa porta alla stessa esperienza che l’Argentina ha vissuto sotto la guida del Fondo monetario internazionale (Fmi)”… “l’incapacità dei governi europei è evidente: invece di trarre insegnamento dagli errori compiuti in precedenza, li stanno ripetendo”. Ovviamente, l’economista Usa, parlando dell’Argentina, si riferisce ai governi neo liberisti degli anni ’90 guidati da Carlos Menem e dal FMI che portarono il Paese all’insolvenza (default). Oggi, grazie ai governi della sinistra peronista guidati prima da Nestor Kirchner e oggi da Cristina Fernadez (insediatasi ieri per il suo secondo mandato consecutivo), l’Argentina non solo ha saldato il debito col FMI e rifiutato la sua pelosa assistenza, ma ha varato politiche di sviluppo e d’inclusione sociale che, in pochi anni, l’hanno vista passare dall’insolvenza a una crescita del 7% nel 2010, (seconda solo alla Cina). Ora, qui, non si desidera esaltare il punto di vista di un premio Nobel, ma soltanto ascoltarlo, valutarlo e, quanto meno, farlo conoscere al pubblico. Temo che in Italia nessuno abbia un tale interesse poiché contrasta con i comportamenti e le direttive dei “mercati” ossia di questo Golem insaziabile che sovrasta l’Europa e il mondo. Secondo Gustav Meyrink, il Golem era una mostruosa creazione alchemica di un ebreo praghese, animata da una irrefrenabile voglia di crescita e di annessione. Sulla fronte aveva scritta la parola “Ameth” ossia verità. Era mostruoso e potente il Golem, ma aveva un punto debole: per dissolverlo bastava togliere la “A” (aleph), restava “meth” cioè morte. Ogni riferimento alle “A” delle società americane di rating è puramente casuale. Per quanto anche loro quando tolgono le “ A” e conducono gli Stati alla rovina, alla morte. La crisi: colpa dei “costi della politica” o dei costi delle politiche speculative? E così vediamo “grandi” giornali e canali televisivi, economisti di grido, personalità politiche e di governo, opinion leader e comici di turno, ecc, tutti a sgolarsi per inculcare nelle menti atterrite della gente che la crisi italiana è principalmente dovuta ai “costi della politica”. E, quindi, dagli alla politica, al politico, al deputato, a chiunque è stato eletto in un organo istituzionale di questa Repubblica democratica, fondata sulla sovranità del popolo e non sugli interessi dei mercati, dei mercanti e dei loro lacchè in divisa d’ordinanza.
Ma quanto diavolo costa la politica italiana? Forse di più delle spese militari, dell’evasione fiscale (275 miliardi/anno dice Istat), dei finanziamenti pubblici all’editoria, dell’anarchia del mercato delle professioni, delle banche, delle assicurazioni che pretendono di essere libere quando vanno in attivo, mentre quando vanno ( o fingono) in perdita bussano a quattrini alle casse dello Stato?
La politica costa molto meno e lo sanno benissimo i fustigatori a senso unico. Con ciò non si vuole negare l’esigenza (che da tempo proponiamo) di una riforma del sistema di finanziamento pubblico dei partiti, dell’abolizione dell’attuale legge elettorale (porcata) introducendo le preferenze e riducendo il numero dei parlamentari, della soppressione delle province, ecc. Riformare la politica, per recuperare la sovranità e i poteri delle istituzioni democratiche Se questo veramente si vuole, si può fare subito dopo l’approvazione della manovra finanziaria. Chi lo impedisce? L’altro giorno, in Sicilia è stata approvata, all’unanimità, una legge che riduce del 30% il numero dei deputati regionali, da 90 a 70 E’ un buon segnale per il resto del Paese. Ma pare che queste riforme non le voglia nessuno. Forse perché verrebbe a mancare la materia dello scandalo e bisognerebbe spostare i fari dei grandi giornali e televisioni sui reconditi interessi di chi sta dietro questa campagna qualunquistica che, in realtà, mira a delegittimare il Parlamento e il sistema della democrazia rappresentativa. Insomma, dopo avere spostato a loro favore quote enormi del Pil nazionale (leggi della ricchezza degli italiani), questi signori si vogliono prendersi il governo, il Parlamento e quant’altro non possono controllare con i loro giochi di borsa. Spero di sbagliarmi, ma questa è gente che sa il fatto suo e certo non intraprende una campagna simile solo per far vendere qualche copia in più ai loro giornali.
C’è un obiettivo nascosto? E qual è?
Difficile dirlo, tuttavia è chiarissimo che si punta a demolire il ruolo, insostituibile, degli organi parlamentari costituzionali senza, per altro, dire che cosa si vuole fare, dopo. Gli uomini della concentrazione mediatica e finanziaria sanno benissimo che “il costo della politica” non è il problema principale. Lo stanno ingigantendo ad arte, per usarlo come un separè per non far vedere alla gente cosa stanno combinando i loro committenti nel boudoir dell’alta finanza.
Andate a guardare, per favore. Altro che “casta” (dei politici!) Vi troverete di fronte uno scenario variegato, fantasmagorico, una bolgia di caste vere, palesi e occulte, cui attingere per far fare le ossa a generazioni di giornalisti d’inchiesta. Una colossale, deviante mistificazione per favorire il disegno dei “poteri forti” Prima o poi la verità verrà fuori. La gente comincia a capire che trattasi di una colossale mistificazione. Taluni la subiscono in assenza di una politica e di un’ informazione alternative, altri la rifiutano, la contestano e mirano al giusto obiettivo.Come hanno fatto, nei giorni scorsi, i movimenti degli studenti italiani (non quelli degli “indignati” telecomandati) che hanno indirizzato la loro protesta contro le banche e i poteri forti. E qui mi fermo perché desidero riprendere il punto di vista di Joseph Stiglitz che in Italia nessuno ha ripreso perché si teme potrebbe turbare il clima di “pensiero unico” dominante. Avverto che probabilmente la traduzione non sarà perfetta (si fa quel che si può); chi lo desidera può leggere il testo originale sul sito del quotidiano. Alla domanda circa il ruolo giocato dalla Banca centrale europea (Bce), il Nobel risponde senza molto tergiversare: “La BCE non è democratica. Può decidere politiche che non sono in linea con quanto chiedono i cittadini. Fondamentalmente, rappresenta gli interessi delle banche, non regola il sistema finanziario in maniera adeguata e ha un’attitudine di stimolo ai CDS (Credit Default Swaps) che sono strumenti molto dannosi. Questo dimostra anche che le banche centrali non sono indipendenti…” A proposito dei governi tecnocratici di Monti in Italia e di Papademus in Grecia dice:
“Il principale problema è quello di avere creato un contesto economico a partire dal quale la democrazia è rimasta subordinata ai mercati finanziari. E questo la Merkel lo sa bene. La gente vota, però si sente ricattata. Si dovrebbe riformulare il quadro economico, affinché le conseguenze di non seguire i mercati non siano tanto severe”. E’ la Grecia a finanziare le banche tedesche, non viceversa Richiesto di un parere sullo strano ruolo trainante assunto da Francia e Germania e sulle loro “idee errate” circa la crisi europea, così risponde Stiglitz:
“E’ chiaro che stanno ponendo l’interesse delle banche sopra quelli della gente. Questo è molto più chiaro nel caso della BCE, però non credo che sia lo stesso per Sarkozy e Merkel…Credo stiano proteggendo le banche poiché temono che se le banche dovessero crollare, l’economia crollerà. Per questo dico che hanno una visione errata, quantunque non creda che stiano ponendo gli interessi dei greci o degli spagnoli in capo all’agenda. Questo è l’altro problema: manca la solidarietà. Essi dicono che non sono una “unione di trasferimento di denaro”. Di fatto, lo sono, però il trasferimento del denaro va dalla Grecia alla Germania.” Sono cose che, specie nelle alte regioni del lucro, tutti conoscono: è la povera Grecia che finanzia le potenti banche tedesche. Tutto è andato a meraviglia fino a quando non s’intravide il pericolo dell’insolvenza (default). Com’è noto, l’insolvenza è il terrore degli strozzini, degli usurai i quali hanno tutto l’interesse di far sopravvivere la loro vittima fino a quando ci sarà qualcosa da spremere. Se ci fate caso, anche le banche più esposte (poche quelle italiane) si sono comportate come i soggetti prima citati: terrorizzate dal pericolo d’insolvenza di alcuni Paesi loro debitori, hanno preteso dai rispettivi governi di fare carte false pur di salvare… non i Paesi debitori, ma le banche creditrici. Insomma, il Nobel ci offre tantissima materia per un’ utile riflessione, per capire meglio come stanno andando veramente le cose e per correggere eventuali scelte sbagliate. Ovviamente, se dovesse ritornare la voglia d’informare correttamente i cittadini vi sarebbero altri autori da prendere in considerazione. E’ tempo che si operi alla luce del sole, si ritorni in Parlamento e fra i cittadini che non servono solo a pagare la bolletta. (Agostino Spataro)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Infezioni ospdedaliere

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Le infezioni urinarie sono le più frequenti, seguite da polmoniti e infezioni da ferite chirurgiche. L’80% di tutte le infezioni “in corsia” riguarda quattro sedi principali: il tratto urinario, le ferite chirurgiche, l’apparato respiratorio e le infezioni sistemiche. Quelle del tratto urinario, da sole, raggiungono il 35-40%. Negli ultimi quindici anni però si sta assistendo ad un calo di questo tipo di infezioni, e a un aumento di quelle sistemiche, tra cui le polmoniti, a causa della presenza di ceppi batterici resistenti agli antibiotici, visto il largo uso di questi farmaci a scopo preventivo o terapeutico. Le infezioni della ferita chirurgica, rappresentano dal 20 al 30% delle infezioni ospedaliere e contribuiscono fino al 57% di giorni in più di ricovero e al 42% dei costi extra per il sistema sanitario. In questo panorama, particolare attenzione la meritano i pazienti oncologici che presentano un rischio maggiore di infezione derivante principalmente dalle caratteristiche proprie della malattia tumorale e dalle terapie immunosoppressive necessarie. Oggi all’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena in occasione del “First International Conference On nosocomial infections and cancer”, esperti internazionali si riuniscono per affrontare il problema in modo interdisciplinare. Ogni anno in Europa sono circa 25.000 i decessi causati da infezioni provocate da batteri resistenti ai farmaci. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) indica che in Europa la resistenza agli antibiotici “di ultima linea” è in aumento. E’ ormai una realtà accertata in diversi paesi che la resistenza agli agenti patogeni che sono spesso all’origine di polmoniti e di infezioni delle vie urinarie in ambiente ospedaliero si va accentuando in tutta l’UE. In Italia, ad esempio, emerge come sia in preoccupante aumento la resistenza ai carpabenemi in Klebsiella pneumoniae, passata dal 1,4% del 2009 al 16% del 2010. I carbapenemi sono farmaci di “ultima generazione” utilizzati per infezioni gravi, si comprende pertanto come l’antibiotico-resistenza sia un vero rischio per la salute pubblica che necessita di sistemi di sorveglianza sempre più organizzati tra ospedali e governi regionali e nazionali.
Esperti in malattie infettive, oncologia clinica, dermatologia e oncologia chirurgica si confrontano sulla difficoltà dell’utilizzo, in ambito oncologico, delle linee-guida per prevenire le infezioni ospedaliere, per la complessità della patologia e delle terapie. “Nonostante vengano attuate tutte le procedure necessarie per ridurre il rischio infettivologico nei malati oncologici – spiega Luigi Toma, infettivologo degli Istituti Regina Elena e San Gallicano e coordinatore scientifico dell’evento – questi ultimi sono tra i pazienti a maggior rischio, non solo per la patologia tumorale ma anche per altri fattori quali l’immunodeficienza secondaria alla malattia ed ai relativi trattamenti e l’età avanzata che spesso si accompagna anche ad altre patologie come il diabete, l’anemia, l’insufficienza renale e le cardiopatie.”“Per questi motivi – prosegue Toma – le terapie anti-infettive nei pazienti oncologici sono particolarmente complesse ed ancor più difficili risultano le decisioni terapeutiche quando sono causate da germi multi-resistenti.” “Il rischio clinico e le infezioni correlate all’assistenza sanitaria – afferma il Prof. Lucio Capurso, Direttore Generale IFO – richiedono l’adozione e l’applicazione di protocolli di prevenzione in cui sono coinvolte figure professionali multidisciplinari a garanzia della sicurezza dei pazienti e per lo sviluppo di un sistema sanitario di qualità e vicino alle esigenze dei cittadini.” Secondo gli esperti è fondamentale l’organizzazione di sistemi di sorveglianza che permettano di definire le caratteristiche epidemiologiche delle diverse strutture ospedaliere e dei diversi reparti. Solo con l’analisi dei dati locali si potranno valutare le necessità specifiche dei singoli centri e l’efficacia degli interventi. Infine, nell’ambito del convegno viene presentata L’ANCIO – L’Associazione Nazionale Contro Infezioni Ospedaliere – una iniziativa nata in modo spontaneo dai pazienti sensibili al fenomeno. (Lorella Salce)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Contratti ingannevoli e falsi

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Energías Renovables

Image by Jumanji Solar via Flickr

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha emesso sanzioni per quasi un milione di euro ad Acea Energia ed Edison Energia, che operano nel cosiddetto mercato libero. Queste società sono state multate per aver attivato contratti “in assenza di sottoscrizione o in virtù di firme falsificate”, e di aver fornito agli utenti “informazioni ingannevoli per indurli a firmare”. Al centro di questi contratti falsi o estorti con l’inganno sono gli agenti che questi gestori inviano porta a porta, agenti che vengono retribuiti e premiati in base al numero di contratti che riescono a far sottoscrivere. Il comportamento di Acea e Edison è purtroppo molto diffuso, e negli ultimi tempi sembra ormai diventato prassi. Dalle migliaia di segnalazioni che riceviamo, sappiamo che sono molti i gestori che agiscono in modo identico. Sappiamo di agenti porta a porta che negli ultimi giorni hanno addirittura invocato il decreto Monti o fantomatiche direttive europee per intrufolarsi nelle abitazioni e proporre contratti con false promesse di risparmio.
Se le azioni dell’Antitrust sono certamente commendevoli, esse sono del tutto insufficienti. I gestori sanno bene che rispettare la normativa a tutela dei consumatori non conviene: l’occasionale sanzione è poca cosa rispetto ai guadagni fatti grazie all’inganno. Se poi si considera che il sistema giustizia è ormai paralizzato, e che nessun utente è così folle da imbarcarsi in una causa giudiziaria per far valere i propri diritti, si comprende come queste società si sentano immuni da qualsiasi conseguenza per i propri comportamenti scorretti. Facciamo un appello al Governo, guidato peraltro da due illustri ex garanti della concorrenza in Italia e in Europa, affiché riveda urgentemente i poteri sanzionatori dell’Antritrust. Le sanzioni, che oggi sono soggette al limite massimo di 500.000 euro, dovrebbero essere calcolate in percentuale al fatturato delle aziende condannate. Fino a quando questo non avverrà, le aziende più grandi continueranno a mettere in bilancio le sanzioni dell’Antitrust come un piccolo scotto da pagare per poter continuare a ingannare i consumatori.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riforma ferrovie

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

A WCG2 triplet escorts the Intercity up the ghats.

Image via Wikipedia

“Il via libera del Ministro Passera all’istituzione di uno spazio ferroviario unico europeo è un segnale estremamente importante per tutta la politica dei trasporti”. Lo ha affermato l’europarlamentare del Pd Debora Serracchiani, relatrice del rapporto approvato un mese fa dal Parlamento europeo che modifica e aggiorna la legislazione sul mercato ferroviario unico europeo. Commentando le parole del ministro per lo Sviluppo economico, infrastrutture e trasporti, Corrado Passera, il quale oggi a Bruxelles ha sostenuto che “l’Italia è assolutamente favorevole all’istituzione di uno spazio ferroviario unico europeo”, Serracchiani ha osservato che “per l’Italia la scelta di imboccare la strada delle liberalizzazioni nei trasporti ferroviari può essere un passo enorme, paragonabile all’apertura della concorrenza nei trasporti aerei o nella telefonia. Ne possono derivare vantaggi importanti per gli utenti, a patto naturalmente che la concorrenza sia reale, pienamente reciproca senza isole di privilegio nazionale e in prospettiva – ha aggiunto – regolata da un’authority di livello europeo”. L’europarlamentare ha inoltre sottolineato come “il rilievo dato da Passera al sistema dei corridoi transeuropei verrà auspicalmente a dare risposte alle attese del nordest, ancora privo di certezze sui collegamenti ad alta capacità con l’est Europa”. (Giancarlo Lancellotti)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 7 Comments »

Mediazione civile

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Giustizia

Image by Davide "Dodo" Oliva via Flickr

Buone dichiarazioni quelle del ministro di Giustizia, Paola Severino, in una recente conferenza stampa. “Stiamo lavorando alacremente alla riduzione delle circoscrizioni giudiziarie, alla quale procederemo con gradualità a partire dai giudici di pace e non ci faremo tirare la giacchetta da nessuno. Sarà uno snellimento rilevante e il provvedimento attuativo potrebbe essere uno di quelli di più vicina trattazione in Consiglio dei ministri. Cercheremo la soluzione più oggettiva possibile che tenga conto di esigenze non di carattere localistico”. Ciò significa, ha affermato il presidente Pecoraro dell’A.N.P.A.R. – che ha istituito l’organismo internazionale di conciliazione & arbitrato iscritto al n. 24 nel registro tenuto presso il ministero – che la mediazione e con essa i mediatori, diventeranno ancora più protagonisti per la risoluzione extragiudiziale delle controversie. Grazie alla nostra capillare rete di camere conciliative sull’intero territorio nazionale e ai nostri bravi mediatori, siamo in grado di sostenere come stiamo già facendo, le esigenze locali dei cittadini che hanno interesse a mediare presso le nostre camere conciliative, piuttosto che recarsi presso i tribunali. Con la riduzione delle circoscrizioni giudiziarie dovrebbero avere ulteriori possibilità anche i mediatori fino ad oggi “dormienti”. Una buona notizia quella delle abolizioni delle circoscrizioni che ha entusiasmato i circa 170 tirocinanti iscritti al nostro organismo che – conseguito il titolo ad ottobre c.a. – quasi certamente in meno di tre mesi completeranno il ciclo delle 20 partecipazioni alle sedute di mediazione e di conseguenza essere designati a dirimere controversie in materia civile e commerciale. Nel frattempo, alcuni! di questi sono già assegnatari di camere conciliative.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giocattoli sicuri

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

English: Toys Italiano: Giocattoli

Image via Wikipedia

I giocattoli sono strumenti fondamentali per la crescita e lo sviluppo dei bambini e durante le Festività Natalizie diventano i protagonisti assoluti della vita dei piccoli. I genitori devono però prestare molta attenzione per capire se un giocattolo sia sicuro o no per il proprio figlio. Infatti, secondo l’ultimo rapporto Rapex1, il sistema di sorveglianza europea dei prodotti pericolosi, nel corso del 2010 i giocattoli sono stati la seconda categoria di articoli più ritirati dal mercato (dopo l’abbigliamento) per i rischi per la salute che comportano.
Il Professor Angelo Milazzo, componente della segreteria della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale regione Sicilia, ha elaborato un decalogo, rivolto alle famiglie, contenente le principali “istruzioni per l’uso” riguardanti la tutela dell’incolumità fisica dei nostri bambini. “Tra le insidie più frequenti – sostiene il Professor Angelo Milazzo – dobbiamo ricordare per i più piccoli l’inalazione di piccoli componenti, ed in tutte le età le ferite prodotte da giocattoli ridotti in pezzi. Si registra inoltre un incremento di reazioni allergiche a componenti vari.”
Queste sono le istruzioni da seguire:
1) Controllare il marchio CE che corrisponde ad un’autocertificazione del produttore. I marchi: “Giocattoli Sicuri” e “Sicurezza Controllata” contraddistingue solo le maggiori aziende nazionali, ma garantisce una sicurezza quasi assoluta.
2) Rispettare la fascia d’età: evitare l’utilizzo di giocattoli ad età inferiori a quelle consigliate. Inoltre, i genitori devo dare scarsa importanza alle indicazioni per sesso e ai messaggi pubblicitari.
3) Verificare che le dimensioni dei componenti siano tali da non poter essere inalate od ingerite. I materiali dovrebbero essere non infiammabili.
4) Fare attenzione ai materiali. Controllare che si utilizzino peli che non si staccano, occhi e naso fissati in modalità anti-strappo, cuciture ed imbottiture solide.
5) Evitare i giocattoli alimentati con presa elettrica e scegliere quelli a batteria.
6) Evitare i giocattoli con bordi o punte taglienti o con componenti arrugginite.
7) Per i giocattoli meccanici, verificare che gli ingranaggi siano non accessibili.
8) Le armi giocattolo, destinate ai bambini di età più elevata, devono utilizzare solo proiettili forniti dalla ditta produttrice. Frecce e dardi debbono avere punta smussa e protetta da una ventosa difficilmente rimovibile. Non bisogna demonizzare questa tipologia di giocattoli, purché si spieghi chiaramente ai bambini che le armi vengono usate anche dalla Polizia per difendere i cittadini ed inoltre dai nostri soldati per garantire la pace in Paesi martoriati dalle guerre.
9) Tende e casette non debbono avere chiusure automatiche, tipo cerniere lampo.
10) Verificare la dotazione di istruzioni in lingua italiana.
Le normative più recenti, conseguenti a Direttive Europee, impongono obblighi precisi per tutti i prodotti, anche se importati. I produttori sono obbligati ad apporre: marchio CE, età sconsigliate, numeri per tipologia, lotto, serie, modelli. Ma anche: nome, denominazione commerciale, marchio ed indirizzo. Debbono inoltre effettuare tutte le prove in tema di sicurezza, redigere la documentazione e conservarla per 10 anni.
Particolarmente severe sono le norme che riguardano l’utilizzo di sostanze chimiche (regolamento Reach). 1http://ec.europa.eu/news/environment/110516_it.htm

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manovra economica Monti

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

La cortina fumogena delle Province e delle indennita’ parlamentari Abile o insipiente manovra? Ci riferiamo alla proposta del governo Monti di “asciugare” le rappresentanze provinciali e di limare le indennita’ parlamentari. Non si possono fare ne’ l’una ne’ l’altra con decreto e, in questo senso, la marcia indietro del governo e’ stata rapida. Ci chiediamo se chi ha scritto i testi sia competente o meno. Se meno, dubitiamo delle capacita’ di questo governo di scrivere correttamente i provvedimenti legislativi. Se competente, e viene difficile non pensarlo, ci sembra che si sia alzata una cortina fumogena che serve a mitigare la pesantezza della manovra economica per i contribuenti, mettendo alla gogna i rappresentanti delle due istituzioni. Con il decreto “Salva Italia” si stanno trasferendo i risparmi dei cittadini nelle casse dello Stato, prosciugate da chi ha governato il Bel Paese negli ultimi 30 anni. Governi che la maggioranza degli italiani ha votato con le elezioni del Parlamento. E chi ha detto che i parlamentari italiani costano di piu’ di altri? Il quotidiano La Stampa, nel giugno scorso, ha pubblicato i costi dei parlamentari europei e di alcuni Stati. Qui sotto il raffronto. Stipendio netto del parlamentare (deputato) italiano… 5.486 euro (oggi 5.247); Stipendio netto del parlamentare europeo… 6.083 euro;
Cio’ che interessa ai contribuenti e’, pero’, quanto costa un parlamentare, cioe’ il costo complessivo piuttosto che il suo stipendio netto. Qui sotto il confronto. Costo lordo di un deputato (complessivo di tutte le voci):
* Italiano……………….20.486 euro.
* Europeo……….……..34.750 euro (+ 70% di quello italiano).
* Tedesco………………27.364 euro (+ 33% di quello italiano).
* Francese………………23.066 euro (+ 13% di quello italiano).
* Britannico……………21.089 euro (+ 3% di quello italiano).
Va a finire che dovranno aumentare, invece di diminuire, i costi degli eletti.
(Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Controllo glicemico

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Regulação da glicemia - esquema adaptado

Image via Wikipedia

Ingelheim, Germania e Indianapolis, USA, Boehringer Ingelheim e Eli Lilly and Company (NYSE: LLY) hanno annunciato i risultati del braccio in aperto di uno studio di fase III, della durata di 24 settimane, su linagliptin in terapia iniziale d’associazione con metformina. I risultati, presentati al congresso internazionale dell’International Diabetes Federation (IDF) a Dubai, evidenziano riduzioni significative della glicemia in adulti con diabete di tipo 2 (T2D).1 Al completamento delle 24 settimane, la terapia iniziale d’associazione di linagliptin più metformina ha raggiunto riduzioni medie di HbA1c del 3,7% in pazienti con scarso controllo glicemico. La terapia è stata ben tollerata, infatti la percentuale di pazienti che ha avuto effetti avversi (EA) associati alla terapia farmacologica è stata del 9% e solo l’1,5% dei pazienti ha riferito episodi ipoglicemici.1
Inoltre, nel prolungamento di 34 settimane di uno studio di un anno con linagliptin in monoterapia ha dimostrato di ottenere miglioramenti duraturi del controllo glicemico con un basso rischio di eventi avversi.2, 3
Linagliptin è stato confrontato con glimepiride in pazienti con T2D che per ragioni di intolleranza o controindicazione non potevano assumere metformina. La riduzione dei livelli di HbA1c nei pazienti trattati con linagliptin è rimasta stabile passando da 7,5% alla settimana 18 a 7,4% alla settimana 52.2 Analoga stabilità è stata osservata nei pazienti che dopo le prime 18 settimane di trattamento con placebo sono stati trattati con glimepiride.2, 3 Il gruppo di pazienti che ha ricevuto linagliptin ha avuto un numero complessivamente inferiore di eventi avversi:2 Gli EA associati al farmaco sono stati inferiori con linagliptin (4,4%) rispetto a glimepiride (7,8%)
Gli episodi ipoglicemici sono stati tre volte meno con linagliptin (2,2%) che con glimepiride (7,8%) (statisticamente significativo); non si sono verificati episodi gravi in nessuno dei due gruppi
Il peso corporeo è rimasto stabile nel braccio in terapia con linagliptin mentre è aumentato nel braccio in terapia con glimepiride da 82,5 kg a 85,0 kg (aumento statisticamente significativo). Linagliptin (nome commerciale Tradjenta™ negli Stati Uniti, e Trajenta™ in Europa e negli altri mercati mondiali) è l’unico ipoglicemizzante approvato con dosaggio unico (5 mg/cpr, una volta/die) per tutti i pazienti adulti con diabete di tipo 2 che non richiede alcun aggiustamento di dose.4, 5 A differenza di altri inibitori dell’enzima DPP-4, linagliptin viene primariamente escreto non metabolizzato per via biliare ed intestinale, ciò significa che non è necessario alcun aggiustamento di dosaggio per pazienti con concomitante deterioramento delle funzionalità renale o epatica.4, 5 Inoltre, una metanalisi condotta su 8 studi internazionali di fase III supporta il promettente profilo di sicurezza cardiovascolare (CV) di linagliptin.6 L’endpoint primario è stato l’insieme di mortalità per cause CV, ictus non fatale, infarto miocardico non fatale e ricovero per angina instabile. I risultati combinati hanno rivelato una riduzione del 69% degli eventi dell’endpoint primario nei pazienti con il più alto punteggio di rischio Framingham* al basale che sono stati trattati con linagliptin rispetto ai rispettivi farmaci di confronto.6 Il profilo di sicurezza CV di linagliptin è attualmente oggetto di valutazione nello studio CAROLINA (Cardiovascular Outcome Study of Linagliptin Versus Glimepiride in Patients With Type 2 Diabetes, ovvero Studio sugli esiti cardiovascolari di linagliptin a confronto con glimepiride in pazienti con diabete di tipo 2 ) con 6.000 pazienti.7, 8

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Attenti alle scadenze processuali

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Italiano: Anno giudiziario presso la Corte di ...

Image via Wikipedia

Non solo processi penali a rischio ma le pillole amare per i cittadini riguardano anche quelli civili. Basta non essere attenti e si corre il pericolo che la propria causa possa essere estinta automaticamente.
Con una comunicazione del 22 novembre scorso, infatti, la Corte di Cassazione ha comunicato agli avvocati il proprio adeguamento alla legge 183/11, cosiddetta legge di stabilità (nella parte relativa a “Misure straordinarie per la riduzione del contenzioso civile pendente davanti alla Corte di cassazione e alle corti di appello”), secondo la quale i processi civili relativi ai provvedimenti impugnati antecedentemente al 04 luglio 2009, ossia prima dell’entrata in vigore della legge 69/2009 di riforma del processo civile, potranno essere dichiarati estinti a partire dal 01 gennaio 2012 se le udienze non verranno fissate a seguito di dichiarazione scritta da parte di almeno una delle parti interessate mediante attestazione di «persistenza dell’interesse alla trattazione» della causa, sottoscritta personalmente dalla parte e autenticata dal difensore (anche mandatario). Per quanto concerne le cause in appello, sono soggetti alla stretta quelle «pendenti da oltre due anni a far tempo dal primo gennaio 2012» (quindi dal 31 dicembre 2010). Per procedere a tali adempimenti vi saranno due possibilità: mediante deposito in cancelleria della dichiarazione o a mezzo posta mediante invio dell’originale. Secondo l’articolo 26 della suddetta legge di stabilità, se nessuna delle parti procederà con tale incombente, la causa verrà dichiarata estinta poiché le impugnazioni si intenderanno rinunciate qualora, nel termine perentorio di sei mesi dal ricevimento dell’avviso di cancelleria, nessuno degli interessati confermasse il suo interesse ad andare avanti «con istanza sottoscritta personalmente dalla parte che ha sottoscritto il mandato». Dopo aver avuto notizia dei rischi che corrono i cittadini che aspettano di vedersi fatta giustizia per cause che durano nella gran parte dei casi da anni, Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” rivolge un invito a tutti i difensori ed alle parti interessate per cause introdotte innanzi alle Corti d’Appello ed alla Cassazione rispettivamente prima del 31 dicembre 2010 e del 04 luglio 2009 a prestare la massima attenzione e ad effettuare le comunicazioni richieste onde evitare questo rischio.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Anche in carcere la festa di Natale

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Coriandoli a Natale E magari ancora troppo sta...

Image by ruggine sulla pellicola via Flickr

Parma. Festa di Natale al carcere di via Burla, mercoledì 14 dicembre ore 10, per permettere alle famiglie dei detenuti di riunirsi e trascorrere qualche ora insieme, cercando di dimenticare la fatica della lontananza. Una festa che vuole essere una lieta giornata da vivere insieme, detenuti, parenti, agenti e visitatori. L’organizzazione è dell’Associazione “Per Ricominciare”, in collaborazione col Comune di Parma e l’Istituto penitenziario. L’associazione “Per Ricominciare” collabora con l’Istituto penitenziario e, dal 2010, gestisce all’interno del carcere il laboratorio GIOCO che realizza con il supporto del Comune. Il personale specializzato e i volontari, accolgono le famiglie e propongono momenti di animazione ai bimbi e ai ragazzi, in visita ai famigliari detenuti. In uno spazio organizzato per le attività ludiche, i bambini e i preadolescenti possono condividere piacevoli momenti di gioco, leggere storie, partecipare a laboratori creativi e socializzare. Il progetto, partito in via sperimentale nell’agosto 2010, ha dato esiti tali da diventare stabile; dall’apertura ad oggi un migliaio di utenti ne hanno usufruito e sono più del 90% i bambini in visita che approfittano della preziosa opportunità. La festa di mercoledì è un altro regalo che i volontari offrono ai bambini e alle loro famiglie.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

NATO Warship Disrupts Suspected Pirate Activities

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

A modern dhow suspected of piracy

Image via Wikipedia

The NATO warship USS De Wert prevented a suspected pirate dhow from engaging in acts of piracy and forced it back to the Somali coast making further acts of piracy impossible at this time. While engaged in a replenishment at sea, USS De Wert received intelligence reports that a dhow acting suspiciously was in the vicinity and looked to be preparing to conduct acts of piracy. USS De Wert was tasked with locating and tracking the dhow while being prepared to conduct a boarding the following morning. At first light, USS De Wert closed the range to the dhow in preparation to board the vessel, but a high sea state was not conducive for a safe boarding. USS De Wert continued to follow the vessel at close range as it proceeded back to the Somali coast, where it could be contained and prevented from patrolling the sea for victims. This disruption will cost the suspected pirates valuable lost time, and assets from unsuccessfully deploying an action group. “Although no suspected pirates have been taken into custody at this time, the outcome is equally successful. USS De Wert was able to intercept the suspected pirates and disrupt their actions before they were able to locate and hijack any merchant vessels transiting the seas. Furthermore, it demonstrates NATO’s ability to coordinate multiple assets in locating, identifying and disrupting the threat at sea. USS De Wert has done an excellent job.” Rear Admiral (LH) Sinan Azmi TOSUN, Commander of the NATO counter piracy mission Operation Ocean Shield, commented on the action.
NATO has contributed to the international counter piracy effort off the Horn of Africa since December 2008. The mission has expanded from escorting UN and World Food Programme Shipping under Operation Allied Provider and protecting merchant traffic in the Gulf of Aden under Operation Allied Protector. In addition to these activities and as part of the latest mission, Operation Ocean Shield, NATO is working with other international bodies to help develop capacity of countries in the region to tackle piracy on their own. Standing NATO Maritime Group 2 (SNMG2) is multi-national Naval Group that provides the NATO Alliance with the ability to respond quickly to crisis situations anywhere in the world. It is a capable, stand-alone task group and one of four Standing Maritime Elements that form a flexible core around which NATO can build a larger force to meet a wide range of missions. These include non-combatant evacuations, consequence management, counter terrorism, crisis response and embargo operations. Its command rotates amongst the contributing nations and SNMG 2 is currently commanded by Rear Admiral (LH) Sinan Azmi TOSUN, Turkish Navy.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Durban disappoints with lowest common denominator climate change deal

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2011

Caritas

Image by Femto Photography via Flickr

Caritas says a deal reached at climate talks in Durban leaves the world facing a catastrophic 4C increase in global temperatures. The Durban COP17 summit ended with governments agreeing to work towards a legal treaty that will bind developed and developing countries to cutting greenhouse gas emissions.The U.N. talks in South Africa extended the 1997 Kyoto Protocol, allowing five more years to reach a wider pact. Caritas welcomed the progress made during talks, but says science shows it’s not enough to stop widespread droughts and the creation of millions of migrants as food production collapses. Caritas Internationalis Director of Advocacy and Policy Martina Liebsch said, “We are all polluting the environment now and everyone, every country should take responsibility for that.” Caritas says it was important to get the commitment at Durban towards a legally binding deal on reducing greenhouse gas emissions. The agreement was in large part due to leadership from a progressive alliance including the European Union and poorer countries against the United States, Canada, Japan and Australia. It keeps a narrow pathway open to avoid a 4C rise, but lacks the ambition needed to safeguard millions of lives from the future impact of extreme weather caused by manmade climate change. Caritas welcomed steps towards setting up a ‘Green Climate Fund’ for poorer countries vulnerable to the impact of climate change. Every $1 spent now in mitigation and adaptation will save $7 spent on emergencies. But Caritas regrets that countries have not lived up to their pledges. Martina Liebsch said, “Money is urgently needed to help the most poor and vulnerable to adapt to Global warming and its effects. “We need to look at innovative funding resources such as a tax on maritime transport and aviation as well as a financial transaction tax.” Caritas is urging governments to move beyond the lowest common denominator deal in Durban and to use the Rio20+ meeting to deliver a step-change in climate action.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »