Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Archive for 22 dicembre 2011

A historic step forward for clean air

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

Overview of main health effects on humans from...

Image via Wikipedia

Today, President Obama announced a once-in-a-generation step forward for the environment and public health — the first-ever national standards for mercury, arsenic, and other toxic air pollution from power plants. This new rule has been 20 years in the making, but couldn’t have come a moment sooner. For far too long, out-of-date power plants have polluted our air with toxins like mercury and arsenic: nasty stuff that causes everything from cancer, heart attacks, and neurological damage. There’s a reason it took us so long to get here. The other side, including those running for president right now, has been fighting us tooth and nail to block new environmental protections like this one, while their industry allies have poured millions into rolling back time-tested safeguards already in place. That’s why this is so huge — and just one example of what’s at stake in 2012. Say you stand with President Obama in his fight to make our air safer.It’s pretty hard to understand their opposition, considering these updated standards will literally save thousands of lives. In fact, thanks to the President’s action, when fully implemented, every single year we’ll prevent:
— Up to 11,000 premature deaths,
— 4,700 heart attacks, and
— 130,000 cases of asthma.
These numbers exist because power plants are the largest remaining source of this dangerous toxic air pollution — responsible for half of the mercury and over 75 percent of the acid gas pollution in our country. And children, in particular, have paid the price: More than 300,000 are born every year after being exposed to unsafe levels of mercury while in the womb, increasing their risk of having learning disabilities later on.We know that when Americans are healthier, and more kids can grow up without developmental problems, we’re stronger as a whole. That’s why for every dollar spent to reduce pollution from power plants, we’ll see up to $9 in health benefits, for a total of $90 billion annually — meaning that more people will be able to stay at work and school instead of the hospital, and spend less of their money on medical bills.This rule also paves the way for tens of thousands of new jobs as power plants get up to speed with today’s technology: an estimated 46,000 short-term construction and 8,000 long-term utility jobs in the next few years. And it goes without saying, the standards will also go a long way towards cleaning up our nation’s lakes and streams — great news for fish and other wildlife, and those of us who’d like to enjoy our waterways without the threat of mercury making us sick.Here’s why this is so important to me: I got my start in public service many years ago at the EPA, and saw up close just how hard the other side fights against any significant steps forward like this one to protect our air. But, after 20 years of delays in protecting our kids and our environment from the largest polluters of these toxins, President Obama got it done. But we should also remember that in historic moments like this, those fighting to protect the status quo often end up being heard the loudest. That’s why we need to be even louder in our support for the President and his decision to give our children the healthier future they deserve. http://my.barackobama.com/Clean-Air

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Toscana: Genitori in piazza contro i comprensivi

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

La notizia ci è giunta qualche tempo fa dal dirigente regionale all’istruzione: la Toscana è una regione virtuosa e non ha bisogno di razionalizzazione della rete scolastica, però gli istituti comprensivi si fanno lo stesso. Che scelte farà la Regione Toscana adesso che la Conferenza delle Regioni si è espressa a sfavore, i genitori scendono in piazza, lo stesso Ministero ha posticipato la scadenza di un mese e i sindacati si dichiarano contrari? Avremmo un paio di cose da dire come genitori, se non disturba: a noi genitori i comprensivi non piacciono per niente, perché riducono la nostra possibilità di scegliere la scuola più adatta per nostro figlio e per la nostra famiglia. Si commentano da sole certe proposte di razionalizzazione della rete che tolgono qui, aggiungono di là, dividono in due un edificio scolastico, in una mera ottica di numeri che non si preoccupa per nulla se i ragazzi in uscita dalle elementari troveranno o no una classe ad accoglierli alle medie, senza essere penalizzati da priorità, bacini d’utenza e altri ammennicoli burocratici che spediscono gli alunni a destra e a manca e altro non fanno se non rendere invivibile il quotidiano delle famiglie.
Non a caso a Grosseto i genitori, che hanno raccolto oltre 3.500 firme per protestare contro il taglio di cinque istituti scolastici nel solo territorio maremmano, oggi alle 17 scenderanno in piazza per una manifestazione alla presenza del sindaco.Nato da un’utopia, quella del ministro Berlinguer, e sopravvissuto all’onda anomala e al concorsone, l’istituto comprensivo rappresenta una ferita grande per un territorio. Se gli studenti sono tanti (si parla addirittura di un comprensivo in provincia di Firenze che supererebbe i 2000 alunni) la qualità dell’offerta formativa è destinata a perdersi: l’esperienza insegna che il dirigente e la segreteria non ce la fanno a dare risposte adeguate e che gli insegnanti restano comunque separati in due ordini scolastici radicalmente diversi -per legge- e non dialogano più di quanto non lo facciano fra scuole vicine. La continuità è un’illusione, alimentata dal fatto di iscrivere il figlio nella stessa segreteria per 8 o 11 anni. Adesso il Ministero ha fatto un passo indietro, rinviando “a seguito delle numerose richieste pervenute” la scadenza per la definizione della rete al 31 gennaio 2012 e soprattutto accogliendo un criterio di gradualità nell’attuazione e la tesi delle Regioni che sia sufficiente una media di 1.000 alunni a livello regionale (con deroghe fino a 600) invece di mille alunni per scuola. Copia di questa nota, rivolta in origine ai soli Direttori scolastici regionali, è stata inviata ai comuni e alle scuole soggette a dimensionamento a cura della nostra Associazione, insieme a un appello a mantenere l’attuale assetto della rete scolastica. La Toscana ha 356 scuole dell’obbligo contro i 348 istituti comprensivi auspicati dalla Gelmini, con uno scostamento del 2%: la migliore, in un panorama che vede una media nazionale di +18%, con regioni come Calabria, Sicilia e Puglia che superano di più del 30% il numero di scuole consentito. Basterebbe insomma razionalizzare alcune scuole più piccole, come certe del capoluogo toscano che sono sotto la soglia dei 1000, per fare il nostro dovere. La Conferenza delle Regioni ha motivato l’opportunità di non procedere all’imposizione degli istituti comprensivi là dove esistono motivate esigenze territoriali; alcuni comuni e province hanno scelto di soprassedere all’applicazione della legge finanziaria n. 111 del luglio 2011, che ha reso obbligatoria la verticalizzazione. Ci sono evidentemente ottimi motivi per non creare istituti comprensivi là dove finora non è stato fatto, e allora perché andare avanti a tutti i costi?

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

DNV and Kema create a world-leading energy and sustainability company

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

English: Greenchoice is a renewable-energy sup...

Image via Wikipedia

Oslo/Arnhem: DNV has acquired 74.3% of KEMA’s shares, creating a world-leading consulting and certification company within the cleaner energy, sustainability, power generation, transmission and distribution sectors.DNV and KEMA will form a world-leading energy consulting, testing and certification company that can drive the worldwide transition towards a safe, reliable, efficient and clean energy ecosystem. DNV KEMA will consist of all 1,800 KEMA employees and 500 employees from DNV’s renewable energy and sustainability activities. The new company will be led by Thijs Aarten, the CEO of KEMA, and headquartered in Arnhem, the Netherlands. Mr Aarten will report to a Supervisory Board chaired by DNV CEO Henrik O. Madsen.
KEMA’s activities are highly complementary to those of DNV’s existing renewable energy and sustainability businesses and all these activities will be integrated to form one compelling service offering to the global energy sector. Services will cover the entire energy value chain from energy source to end user, including wind energy, carbon capture and storage, carbon trading, energy efficiency, power generation, transmission and distribution, and energy-related testing, inspection and certification.The global energy sector is heading for significant changes and investments. The International Energy Agency (IEA) estimates that USD 10 trillion will be spent between 2010 and 2030. Stricter environmental regulations and increased fuel costs will drive a transition towards cleaner fossil fuel and more cost-effective power generation. This transition, including that towards integrating more renewable power into the energy grids, will require system-wide changes. In the US, Europe and Asia, the shift is already under way and will be partly supported by the introduction of smart grids or intelligent energy networks.While DNV becomes the majority shareholder with a 74.3% share, Alliander retains its holding (25.4%) as does Cogas (0.3%). The transaction is subject to the approval of the US, Dutch and German competition authorities.
DNV (www.dnv.com) is a global provider of services for managing risk and helping customers to safely and responsibly improve their business performance. Organised as an independent, private foundation, DNV’s objective is to safeguard life, property and the environment. The company serves a range of industries, with a special focus on the maritime and energy sectors. Established in 1864, DNV has a global presence with headquarters in Oslo, Norway. Its prime assets are the knowledge and expertise of its 8,500 employees from 98 nations.
KEMA (www.kema.com), founded in 1927, is an independent, knowledge-based company that is active worldwide in the energy value chain and specialises in delivering world class services in the fields of business and technical consultancy, operational support, measurement & inspections, and testing & certification. As an independent business, KEMA advises and supports government bodies as well as producers, suppliers and end-users of energy and manufacturers of electricity transmission and distribution equipment. More than 1,800 professionals work at KEMA, which has branches and representatives in over 20 countries around the world.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

Tira una brutta aria per i produttori cinesi di turbine eoliche

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

English: Vestas V47 wind turbine with double w...

Image via Wikipedia

Londra I produttori cinesi di turbine eoliche hanno assistito ad una crescita spettacolare nel corso degli ultimi anni. Due dei principali costruttori cinesi di turbine eoliche sono ora tra i primi tre produttori a livello globale per megawatt di capacità venduti. Questa crescita è stata alimentata dalla domanda domestica di energia eolica, sostenuta dagli obiettivi governativi, e dal requisito che il 70% dei componenti delle turbine eoliche fosse prodotto localmente.
Tuttavia, questa incredibile storia di rapido successo ha un lato oscuro. La Cina è stata testimone del più alto numero in assoluto di incidenti causati da avarie e malfunzionamenti delle turbine eoliche, tra cui blackout e persino la morte di alcune persone.Con il mercato domestico saturo, chiari segnali di eccesso di capacità e consolidamenti all’orizzonte, i maggiori produttori cinesi hanno annunciato progetti di espansione internazionale. Se da un lato non vi sono dubbi sulla capacità dei cinesi di apprendere rapidamente, adattarsi e alterare la tecnologia per abbassare i costi, Frost & Sullivan ritiene che il mercato dell’energia eolicha presenti una sfida ben più dura da spuntare per i cinesi.
Alina Bakhareva, Research Manager per le energie rinnovabili di Frost & Sullivan afferma: “Inannzitutto, si riscontrano una serie di problemi tecnologici legati alla qualità che i produttori cinesi dovranno risolvere per poter essere in grado di offrire una soluzione tecnologica all’altezza dei produttori occidentali affermati”. Il divario tecnologico si sta espandendo a causa degli investimenti che GE, Vestas, Siemens e aziende simili stanno effettuando con l’obiettivo di aumentare la disponibilità e l’affidabilità delle turbine. “Un difetto tecnico che provoca una ridotta disponibilità pone un rischio enorme per un committente e può spazzare via un’ampia porzione dei profitti attesi. Un curriculum di esperienze ineccepibili renderà i responsabili per lo sviluppo dei progetti meno preoccupati per la qualità delle turbine cinesi, ma ci vorranno molti anni prima di poter raggiungere questo risultato”, aggiunge la Bakhareva.
La SERC (State Electric Regulatory Commission) ha formalizzato regolamenti tecnici più severi, specialmente per la riforma del LVRT (Low Voltage Ride Through). In aggiunta, il Federal Bureau of Energy ha rilasciato 18 nuovi standard industriali nel novembre 2011. Gli effetti immediati di questi cambiamenti nelle normative sono due. Aggiungere capacità LVRT aumenterà il costo delle turbine cinesi. Questo fatto, abbinato al rallentamento della domanda, porterà ad una estromissione dei produttori minori che non potranno permettersi l’aggiornamento a nuove apparecchiature. Pertanto, il settore produttivo domestico delle turbine eoliche in Cina va incontro a tempi duri, in cui il consolidamento potrebbe persino cambiare il posizionamento dei primi cinque operatori. Il settore dell’energia eolica nei mercati affermati ha superato il frenetico stadio iniziale in cui l’enfasi era posta sul massimo numero di turbine installate. L’attenzione è ora concentrata sull’aumento dell’efficienza operativa, sulla rapida risoluzione delle questioni legate alla performance, sul controllo e la visibilità in tempo reale e sulla riduzione dei tempi di manutenzione. Offrire una soluzione di assistenza interessante è quasi altrettanto importante che fornire le migliori apparecchiature disponibili.
La qualità dei servizi post-vendita può facilmente aggiungere qualche punto percentuale al guadagno in efficienza, risultando in un costo livellato dell’elettricità (LCOE, Levelized Cost of Electricity) inferiore. I produttori cinesi possono indubbiamente offrire turbine eoliche più economiche, ossia con spesa di capitale (CAPEX) inferiore; tuttavia, considerando l’intero pacchetto, sono ancora indietro rispetto ai corrispettivi occidentali.Anche nel caso in cui un servizio accattivante sia reso disponibile nel mercato domestico, offrire un servizio post-vendita su larga scala nei mercati d’oltreoceano richiederà un maggiore investimento iniziale. Se da una parte i produttori cinesi di turbine eoliche sono ampiamente finanziati dal governo, ci sono altre priorità di cui si devono occupare. È improbabile che investano fondi significativi per espandere la propria offerta di servizi nei mercati in cui non vendono molto. Per questo motivo, sarà difficile per i cinesi trovare spazio nei mercati dell’energia eolica in Europa e in parte degli Stati Uniti. Certamente ci saranno alcuni ordini sparsi, ma la presenza cinese difficilmente raggiungerà un livello simile a quello ottenuto nel settore dell’energia solare.
Frost & Sullivan, la Growth Partnership Company, permette ai suoi clienti di accelerare la propria crescita e raggiungere posizioni di rilievo in termini di progresso, innovazione e leadership di mercato. La Growth Partnership Service di Frost & Sullivan offre al CEO e al suo Growth Team ricerche accurate e modelli “best practice” da seguire per guidarli nella creazione, valutazione e attuazione di efficaci strategie di crescita. Frost & Sullivan vanta 50 anni di esperienza come partner delle più importanti società a livello globale (indice Global 1000), di aziende emergenti e della comunità degli investitori, lavorando in modo capillare in più di 40 uffici distribuiti su sei continenti. Per far parte della nostra Growth Partnership, visita il sito http://www.frost.com.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Shlomo Pines: Tra Atene e Gerusalemme

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

Uno dei grandi studiosi dell’ebraismo del Novecento, accostabile per importanza soltanto a pensatori del calibro di Jonas, Scholem, Lewy, Strauss e Taubes, è stato certamente Shlomo Pines, il celebre curatore e traduttore dell’edizione inglese della Guida dei perplessi di Maimonide. Pines ha lasciato un’infinità di scritti, impressionanti per eruzione e varietà di temi, che spaziano dal mondo greco-romano alla mistica ebraica e araba, a Nietzsche e al pensiero contemporaneo. I Collected Works in cinque volumi pubblicati trail 1979 ed il 1997 raccolgono la quasi totalità delle sue opere in inglese e in francese. E mostrano l’originale linea di ricerca dello studioso, dagli anni di formazione parigini fino a quelli dell’insegnamento nell’università di Gerusalemme. Per Pines non esiste un solo ebraismo poiché, nel corso della sua storia, l’ebraismo ha sempre costituito una realtà plurale, capace di definirsi ogni volta in relazione al contesto con cui entrava in contatto. Analogamente, non esiste nemmeno una filosofia specificamente ebraica, ma un sistema di testi e di problemi ereditati dal mondo greco-arabo con cui gli ebrei, a un certo punto della storia e per ragioni diverse, si trovarono ad avere a che fare. La stessa critica viene da lui mossa a più riprese all’idea di «cultura ebraica», troppo generica e imprecisa per poter davvero dar ragione della complessità che intende rappresentare. Questo volume presenta per la prima volta in Italia un’organica raccolta dei suoi scritti e traccia a grandi linee il percorso di quello che è stato al tempo stesso un grande studioso e un grande sapiente.
Due sono i grandi studiosi del pensiero ebraico nel Novecento: Scholem e Pines.Di Scholem sono noti da tempo gli scritti. Questo volume offre per la prima volta ai lettori italiani la possibilità di apprezzare l’altra via offerta da Pines per accedere alla filosofia ebraica. Da Maimonide a Spinoza, da Avicenna a Nietzsche, si snoda in queste pagine l’originale percorso di uno dei sapienti del Novecento.
Shlomo Pines (1908 – 1990) è uno dei maggiori studiosi di filosofia ebraica e islamica del Novecento. Dopo gli anni parigini, tra il 1926 e il 1934 studiò linguistica e filosofia a Heidelberg e a Berlino, dove strinse amicizia con Paul Kraus e Leo Strauss, che introdurrà dopo la sua traduzione inglese della Guida dei perplessi di Maimonide. Nel 1940, poco prima dell’occupazione nazista della Francia, si rifugiò in Palestina. Dal 1952 fino al 1990, l’anno della sua morte, insegnò nel Dipartimento di Filosofia dell’Università Ebraica di Gerusalemme. Traduzione dall’inglese e dal francese di Carla Guidi Euro 17,00 256 pagine EAN 9788854500389 13 x 21,6 cm Brossura LA QUARTA PROSA Febbriao 2012 (tra atene)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

John Berger G

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

Nell’Europa di inizio Novecento, G., giovane Don Giovanni, segue il suo apprendistato di vita e d’amore. È nato nel 1886, quattro anni dopo la morte di un grande il cui nome iniziava anche con la lettera G, Garibaldi. Vive, dunque, in un’epoca di grandi turbamenti della giovane nazione italiana e dell’Europa in generale, il tempo delle sommosse operaie a Milano, della lotta degli irredentisti contro l’Impero austro-ungarico, della presenza dei militari asburgici a Trieste e dei primi segni della crisi che condurrà alla Prima guerra mondiale. Tuttavia G. si cura poco dei destini della nazione e del vecchio continente. Come può curarsi dei destini di una patria chi non ce l’ha? G., infatti, è il figlio illegittimo di Laura e di Umberto. Il padre, un ricco commerciante livornese, gagliardo, dalle maniere rudi, era sposato a una donna sterile e dall’aspetto fragile. La madre, giovane anglo-americana, indipendente e di mente ardita, era separata da un magnate del rame. La madre ha rifiutato il concubinato e ha scelto di crescere il figlio da sola prima a Parigi, poi a Londra, dove si è dedicata a tempo pieno alla militanza fabiana. G. dunque, crescendo, ha dovuto fare affidamento solo sulle proprie forze. Ha imparato da solo le regole della disciplina e la legge del più forte, passando da un’iniziazione all’altra e di incidente in incidente. Col tempo però ha intuito di avere un grande potere: quello di far nascere qualcosa nel corpo, nella mente e nel cuore delle donne. È il dono dell’esiliato, del bastardo, dell’orfano, di colui che è sempre altrove, e di conseguenza del seduttore che può offrire per un’ora il richiamo di Eros, il dio dell’incostanza e della volubilità.
John Berger, 87 anni, inglese nato a Londra nel 1926, formatosi in primo luogo come pittore, poi divenuto critico d’arte, è autore di saggi (tra cui Sul guardare, che la rete televisiva BBC ha trasformato in una serie TV) e romanziere, sceneggiatore, giornalista (scrive su «El Pais», «The Guardian», «The Independent», «Frankfurter Rundschau»). Tra le sue opere si ricordano E i nostri volti, amore mio, leggeri come foto (Bruno Mondadori, 2008), Sul disegnare (Scheiwiller, 2007), Da A a X. Lettere di una storia (Scheiwiller, 2009), Qui, dove ci incontriamo (Bollati Boringheri, 2005). Da quasi trent’anni si è ritirato a vivere a Quincy, un piccolo villaggio alpino. Per G. gli fu conferito il Booker Prize 1972. Traduzione dall’inglese di Maria Nadott Euro 17,00 336 pagine EAN 9788854505391 14 x 21,6 cm I NARRATORI DELLE TAVOLE Febbraio 2012 (G)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Bonnie JO Campbell: C’era una volta un fiume

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

Margo Crane ha sedici anni e vive da sola con il padre lungo le rive del fiume Stark, nelle foreste rigogliose del Michigan. È bellissima, ma non lo sa. Lei vuole soltanto spellare conigli con le sue mani, imbracciare il fucile e sparare con una mira impeccabile, trascorrere giornate intere alla deriva sul fiume, a osservare le tartarughe d’acqua, a pescare o contare gli aironi in volo. È una bambina selvaggia che vuole attraversare la vita come un fiume la terra, scivolando lievemente, senza paura. Non sa che la grazia dei suoi gesti, l’incanto del suo volto sono attentamente scrutati da occhi avidi, turbati, stravolti dalla smania di possesso. Un giorno, a casa dei parenti ricchi che hanno sempre guardato dall’alto in basso lei e suo padre, accade l’irreparabile. Margo subisce violenza da parte dell’irreprensibile, rispettabile zio. L’esito tragico di questo gesto è scontato lì, tra le foreste del Michigan. Il padre di Margo tenta di farsi giustizia e, in una drammatica resa dei conti, finisce col perdere la vita. Sola, in una terra dove alla bellezza della natura non corrisponde la virtù degli uomini, a Margo non resta che affidarsi al fiume e alla vecchia barca a remi del nonno. Così parte per un epico viaggio lungo lo Stark, alla ricerca della madre che l’ha abbandonata anni prima. Un viaggio tra pericoli inauditi, la violenza della natura selvaggia e quella degli uomini accecati dallo splendore della ragazza. Un viaggio in cui Margo compie il suo itinerario: cessa di essere una bambina selvaggia in balia del mondo, la bellezza che tutti vogliono usare e possedere, e diventa una donna nell’incontro con lo scontroso, solitario Smoke, troppo vecchio per rappresentare una minaccia e troppo saggio per non insegnarle che al mondo si può e si deve cedere anche alla dolcezza.
Bonnie Jo Campbell è cresciuta in una piccola fattoria del Michigan con la madre e quattro fratelli. Lì ha imparato a castrare maiali e mucche e vivere in mezzo a una natura impervia. Ha studiato filosofia all’Università di Chicago prima di viaggiare da sola attraverso il Canada e gli Stati Uniti e poi anche in Russia e nei Paesi baltici. Per le sue opere precedenti è stata finalista del National Book Award e ha vinto numerosi premi, tra cui l’AWP Award for Short Fiction, il Pushcart Prize e l’Eudora Welty Prize. Vive a Kalamazoo nel Michigan dove insegna alla Pacific University. Traduzione dall’inglese di Chiara Brovelli Euro 17,00 368 pagine EAN 9788854505704 14 x 21,6 cm I NARRATORI DELLE TAVOLE Gennaio 2012 (c’era una volta)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Erik Larson: Il giardino delle bestie

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

Nel 1933, a un anno dalla sua elezione a presidente degli Stati Uniti, Franklin
Roosevelt nomina ambasciatore a Berlino un professore dell’università di Chicago, William Dodd, un tipico, riservato gentiluomo del Sud, interessato più alla storia del suo paese che alla ribalta internazionale. Democratico jeffersoniano di antiche e buone maniere, Dodd riceve l’inaspettato compito di rappresentare gli Stati Uniti nel paese in cui è stato appena nominato Reichskanzler Adolf Hitler, il capo del Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi. William Dodd arriva nella capitale tedesca accompagnato dalla moglie e dai suoi due figli: Bill jr. e Martha, una irrequieta ventiquattrenne che reca già sulle sue giovani ed esili spalle il peso di un matrimonio fallito.Presentate le credenziali diplomatiche e insediatosi nell’ambasciata, Dodd capisce subito di essere una figura eccentrica nella Berlino del Terzo Reich. Ricevimenti sfarzosi e salotti mondani, dove l’élite nazista fa sfoggio della sua arroganza, si susseguono ininterrottamente. E Dodd, con le sue maniere gentili e frugali, appare come un noioso funzionario agli occhi dei nazisti e come il reperto di un’altra epoca al Dipartimento di Stato americano, intenzionato a concedere a Hitler «tutto quello che lui vuole». Martha, la giovane figlia di Dodd, cede invece al glamour della decadente mondanità berlinese e, fragile com’è, finisce tra le braccia prima di Rudolf Diels, il capo della Gestapo, poi di numerosi altri amanti, compresa una spia sovietica che tenta di portarla dalla sua parte. Come in un grande romanzo, Larson racconta in presa diretta la Berlino di quell’anno cruciale: i crescenti dubbi di Dodd su Hitler e sulla sua smania di potere, la sordità dell’amministrazione americana dinanzi ai suoi primi allarmati dispacci, l’insorgere dei primi segni della folle violenza nazista fino al momento in cui la città che sembrava la culla della cultura europea, il giardino stesso delle arti e del pensiero si rivela come un giardino delle bestie. Tra la notte del 29 e del 30 giugno 1934, la notte passata alla storia come quella dei «lunghi coltelli», Hitler svela il suo vero volto. Per guadagnarsi il favore dell’esercito non esita a sterminare lo stato maggiore delle SA e a impartire l’ordine di uccidere Ernst Röhm, il capo delle SA, all’Oberführer Theodor Eicke, comandante del campo di concentramento di Dachau. Avvincente come un thriller, emozionante come un grande racconto, l’opera di Larson, formidabile best seller internazionale, mostra come il male trionfi inesorabilmente quando le forze del bene fingono di ignorare oppure trascurano colpevolmente la sua esistenza.
Erik Larson è nato a Freeport, Long Island, nel 1954. Collaboratore di Time, New Yorker, Atlantic Monthly, Harper’s e altre prestigiose riviste americane, ha scritto numerose opere, tra le quali si segnalano Isaac’s Storm (1999) e TheDevil in the White City: Murder, Magic and Madness at the Fair That Changed America (2003), libro vincitore dell’Edgar Award in the Best Fact Crime 2004, di prossima pubblicazione presso Neri Pozza. Erik Larson vive a Seattle con la moglie e tre figlie. Traduzione dall’inglese di Raffaella Vitangeli Euro 17,50 480 pagine EAN 9788854505742 13 x 21,6 cm Brossura BLOOM Febbraio 2012 (il giardino)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

James Carrol: Gerusalemme Gerusalemme

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

Non c’è città che più di Gerusalemme abbia dato origine a fantasie millenaristiche. La fine della storia è, da sempre, concepibile solo tra le sue mura, in tutte le sue infinite versioni: come l’arrivo del Messia o il suo ritorno; oppure come la battaglia finale presso Armaghedon, con gli eserciti degli angeli che sconfiggono quelli di Satana (spesso dai cristiani rappresentati come ebrei, musulmani o altri «infedeli»), oppure come la realizzazione dell’utopia sociale, l’avvento del Nuovo Mondo. Non vi è città che più di Gerusalemme costituisca lo scenario stesso dell’incessante guerra al male, dalla Guerra fredda alla Guerra al terrorismo. Antica città dell’Apocalisse, Gerusalemme è divenuta il polo magnetico della storia occidentale, contribuendo più di qualunque altra città a creare il mondo moderno. Solo Gerusalemme non Atene, Roma o Parigi; non Mosca o Londra; non Istanbul, Damasco o il Cairo; non El Dorado o la New York che popolava i sogni degli immigrati –, solo Gerusalemme occupa un posto tanto trascendente nell’immaginazione. Soltanto essa è il riflesso terreno del cielo. E così, nel corso dei secoli, la città di fantasia ha creato la città concreta, e viceversa. Con un solo risultato: guerra. Nel corso degli ultimi due millenni, la classe dirigente che controllava Gerusalemme è stata rovesciata undici volte, quasi sempre con la forza bruta, e sempre nel nome della religione. Questo libro racconta la storia di queste guerre e di questo destino apparentemente ineliminabile. Narra, in altre parole, di come la geografia sacra porti inevitabilmente a creare dei campi di battaglia, e mostra come la città della «gloria della venuta del Signore» dei cristiani, la città del Tempio degli ebrei, la al- Quds, «la Santa» per i musulmani, finché resterà tale, continuerà a incendiare il mondo.
James Carroll è nato nel 1943 a Chicago. Storico cattolico e autore di grande fama, fu ordinato sacerdote nel 1969. Nel 1974 abbandonò il sacerdozio per dedicarsi alla scrittura. Nel 1996 vinse il “National Book Award for nonfiction” con An American Requiem, un memoir sul suo rapporto con la Chiesa Cattolica. Traduzione dall’inglese di Filippo Verzotto
Euro 18,00 448 pagine EAN 9788854505636 14 x 21,6 cm I COLIBRÌ Gennaio 2012 (gerusalemme)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jane Harris: I Gillespie

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

Nell’estate del 1888 Harriet Baxter è una donna sola di trent’anni che, alla morte della zia che l’ha presa con sé dopo la scomparsa della madre, coltiva pochi e appartati interessi: l’arte innanzi tutto. Quell’arte che la induce, esattamente in quella stessa estate, a lasciare Londra e a raggiungere Glasgow per visitare la prima Esposizione Internazionale. Nella città scozzese il soccorso fortuito prestato a un’anziana signora, madre di un giovane e promettente artista, si rivela come l’evento fondamentale della sua vita. Harriet Baxter fa, infatti, la conoscenza di Ned Gillespie e della sua famiglia. Gillespie è tutto quello che Harriet, zitella sempre vissuta ai margini della vita, ha sempre sognato di essere o di avere al suo fianco: l’artista giovane, di specchiato talento e di altrettanta intensa sensibilità, l’anima gemella che non si può lasciare andare o trascurare quando si ha la fortuna di incontrarla. Harriet decide perciò che la sua esistenza non può prescindere da quella dei Gillespie. Si intrufola nella famiglia e ne diventa un elemento indispensabile. Indispensabile per Elspeth, la madre di Ned, sempre pronta e convinta di fare del bene; per la moglie Annie, che a volte sembra travolta dai doveri di madre; per le due bambine, la piccola e deliziosa Rose e Sybil, che a soli sette anni mostra già i segni di un forte disturbo; per la sorella di Ned, Mabel, abbandonata sull’altare dal fidanzato americano; per Kenneth, il fratello, che sembra tormentato da un segreto inconfessabile. E, innanzi tutto, per lui, Ned Gillespie, l’Artista, che, per Harriet, deve sacrificare tutto al suo talento e non lasciarsi turbare da niente o da nessuno. Ned Gillespie è, infatti, ormai la causa prima, la fonte primaria, l’ossessione stessa della vita di Harriet. Un giorno, però, la tragedia si abbatte sui Gillespie: le due bambine si allontanano per giocare in un parco e Sybil torna a casa senza la sorellina. Una tragedia che fa emergere lentamente una sconcertante e insopportabile verità. Così insopportabile da indurre Ned Gillespie a distruggere tutte le sue opere e a togliersi la vita.
Jane Harris è nata a Belfast. I suoi racconti sono apparsi in numerose antologie e riviste. Autrice di cortometraggi premiati nei maggiori concorsi cinematografici internazionali, nel 2000 ha ricevuto il Writer’s Award dell’Arts Council of England. Vive a Londra con il marito Tom. In Neri Pozza è già apparso il suo romanzo d’esordio Le osservazioni.
raduzione dall’inglese di Massimo Ortelio Euro 18,00 560 pagine EAN 9788854502468 14 x 21,6 cm I NARRATORI DELLE TAVOLE Fine Gennaio 2012( i gillespie)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Paziente affetto da una rara malattia causata dall’alcool

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

 

Piazza Barcani a Vasto!

Image by m1979 via Flickr

L’ambulatorio di alcologia del Ser.T. di Vasto nelle scorse settimane ha preso in cura un paziente affetto dalla malattia di Medelung, una rara patologia correlata al consumo eccessivo di alcool, che comporta un significativo accumulo di grasso a livello della testa, del collo, della parte superiore del tronco e dell’addome, con una conseguente limitazione dei movimenti e un notevole peggioramento della qualità della vita. La diagnosi è stata effettuata dagli stessi specialisti del Ser.T. di Vasto, guidati dal responsabile Fernando Fantini. Il paziente, un cinquantenne dell’area frentana, nei giorni scorsi è stato sottoposto a risonanza magnetica per valutare e localizzare meglio le masse adipose. Grazie all’intervento dei medici del Ser.T. e frequentando il gruppo di auto-aiuto dell’ambulatorio alcologico di Lanciano, l’uomo attualmente ha smesso di bere e ha riacquistato una buona qualità di vita. In precedenza era costretto a frequenti ricoveri in ospedale a causa soprattutto di difficoltà respiratorie. La malattia di Medelung, nota anche come lipomatosi simmetrica, per quanto benigna comporta il rischio di serie complicanze cardiovascolari e di sindromi compressive vascolari, neurologiche o laringee che potrebbero determinare anche la morte del paziente, il quale pertanto deve essere costantemente monitorato. La patologia, inoltre, è causa di forte disagio estetico per chi ne è colpito: gli accumuli di grasso nella parte superiore del corpo rendono infatti la persona colpita simile a una specie di «incredibile Hulk» anche se l’ipertrofia non è dovuta ai muscoli, ma agli accumuli di grasso. La patologia, che colpisce un soggetto ogni 25.000, soprattutto uomini fra i 30 e i 60 anni, alcolisti ed ex-alcolisti, non regredisce e non si conoscono terapie mediche in grado di guarirla, pertanto l’unica terapia possibile consiste nel non bere alcolici. Nei casi più gravi si interviene chirurgicamente con la liposuzione.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lega bi-fronte

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

 

Una f(r)onte di Giano

Image by Marco Fedele via Flickr

“La Lega abbandona il carattere bipolare e assume, con sconcertante disinvoltura, un doppia identità. La Lega bi-fronte non si smentisce e se ieri l’IMU era la lungimirante invenzione dell’ex ministro Calderoli, oggi si trasforma nella bandiera di una nuova disobbedienza civile. Quando è funzionale al federalismo municipale l’IMU si qualifica come una tassa nobile e legittima. Quando invece l’IMU si rende necessaria per garantire la copertura di vere e proprie voragini di bilancio dello Stato, creati anche dal governo di cui la Lega ha fatto parte fino a ieri, la tassa, tanto odiosa per tutti, si trasforma in una bandiera che esalta i deliranti proclami dei sindaci leghisti.
Per la Lega la tentazione della strada del populismo, fin troppo facile in materia di tassazione, prende ancora la mano di un partito che insegue il suo profondo carattere demagogico e si ostina a non riconoscere la gravità della situazione rifiutando di assumersi la cospicua parte di responsabilità.”. Lo dichiara in una nota l’On. Giorgio Conte, Vicepresidente del gruppo FLI alla Camera dei Deputati e Coordinatore regionale per il Veneto.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crescita shopping on-line

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

English: Childwall Valley with Belle Vale Shop...

Image via Wikipedia

La crescita dello shopping on-line non conosce sosta, mantenendo e anzi incrementando le visite rispetto agli anni precedenti. E’ quanto emerge da un’indagine Experian condotta su suolo britannico, dalla quale emerge come le visite ai principali portali e-commerce (generalisti e settoriali) sia aumentato di circa il 3% rispetto al 2010, considerando il solo periodo pre-natalizio, con un volume d’affari previsto dagli analisti di IMRG di quasi 4 miliardi di euro solo per questo periodo.La crescita delle visite si accompagna inoltre a un aumento del tempo trascorso dai consumatori britannici sui portali e-commerce, che ha raggiunto quota 322 milioni di ore a ottobre e che con ogni probabilità sfonderà le 350 milioni di ore a dicembre.A livello di settori merceologici, guadagnano parecchio terreno i player e-commerce dei settori moda e abbigliamento, come Very.co.uk, H&M, Asos, New Look, Top Shop e River Island, mentre si assestano su valori inferiori rispetto all’estate i principali operatori viaggi (EasyJet, Expedia, Ryanair, British Airways etc.), dell’arredamento e del fai da te.
La palma del sito più visitato nel periodo pre-natalizio 2011 rimane saldamente nelle mani di Amazon, insidiato però da Apple, brand trainato dalle vendite di tablet e smartphone di ultimissima generazione.
Experian (Experian Plc) è leader mondiale nei servizi informativi per la prevenzione dei rischi di credito e di frode, il marketing e la protezione dei dati di aziende e consumatori. E’ quotata alla Borsa di Londra (EXPN), ove concorre all’indice FTSE-100, espresso dai 100 titoli azionari più importanti. Ha sede a Dublino (Irlanda) e le principali direzioni operative sono a Costa Mesa (California, USA) , Nottingham (GB) e San Paolo (Brasile). Conta circa 15.000 addetti in 41 paesi per una clientela estesa a più di 80 paesi, con un fatturato annuo che supera i 4,2 miliardi di dollari. In Italia, opera dal 1995; ha sede a Roma, e filiali a Milano e Pontedera (PI).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli editori e la ricerca

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

Desk with chained books in the Library of Cese...

Image via Wikipedia

Gli editori italiani collaboreranno all’esercizio di valutazione della ricerca delle università italiane presentato ieri dal Ministro Francesco Profumo, lo ha ricordato Mirka Daniela Giacoletto Papas, presidente del gruppo accademico professionale dell’AIE – Associazione Italiana Editori. “Nei mesi scorsi”, ha dichiarato Giacoletto, “l’AIE ha collaborato con ANVUR per definire le modalità di gestione dei file digitali delle pubblicazioni nel corso della complessa procedura prevista nella VQR che, lo ricordiamo, prevede la gestione di centinaia di migliaia di pubblicazioni, in larga prevalenza in digitale”. Grazie a questa collaborazione, gli editori italiani potranno caricare direttamente sul sistema messo a punto dal CINECA per conto dell’ANVUR, riducendo il carico di lavoro delle strutture universitarie nel procurarsi i file e gestirli in proprio e migliorando la qualità delle copie che saranno analizzate dai revisori. Allo stesso tempo, ANVUR e AIE hanno concordato il trattamento dei diritti d’autore nell’intero corso della procedura, rendendo possibile la gestione in digitale anche di opere disponibili in commercio solo in cartaceo. L’editore che rende disponibili i file, li concede in licenza ad ANVUR per gli scopi della valutazione con le adeguate garanzie tecniche e giuridiche. “Si tratta di un unicum a livello internazionale – ha proseguito Giacoletto -. In questi stessi giorni è stata pubblicata la procedura dell’analogo esercizio nel Regno Unito, dove è prevista la gestione in digitale solo delle opere che sono distribuite commercialmente in questa forma così che le strutture universitarie devono acquisire le pubblicazioni autonomamente. Da noi, l’obiettivo è limitare la gestione dei libri fisici a pochi casi, quando quella digitale dovesse risultare impossibile o troppo onerosa. L’impegno degli editori è quello di confinare questi casi a livello di vere eccezioni, con qualche dispiacere del servizio postale. Credo che questo impegno degli editori italiani sia un segnale chiaro della nostra condivisione degli obiettivi generali della VQR: migliorare la qualità dell’università italiana. E’ quanto quotidianamente gli editori italiani cercano di fare, selezionando le migliori pubblicazioni e diffondendole presso il pubblico accademico, ma soprattutto consentendo che i risultati della ricerca siano disponibili per la società italiana. Oggi questo ruolo assume anche nuove forme, grazie alle tecnologie digitali. E credo che questo episodio mostri anche quanto gli editori italiani siano pronti ad affrontare le sfide che l’innovazione comporta”.

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

World Bank Group Continues Strong Partnership with the Russian Federation

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2011

Russia-229

Image by didkovskaya via Flickr

Washington, The World Bank Group’s Board of Executive Directors today discussed a new Country Partnership Strategy (Strategy) for the Russian Federation for the period 2012 – 2016. The Strategy serves as the business plan of the World Bank Group in support of Russia’s own development agenda. Following the previous Strategy, it also continues the shift to innovative modalities of engagement at the global, regional (i.e., less developed countries in ECA), and national (federal and sub-national) levels. It aligns the World Bank Group’s program with the emerging Russia’s “Strategy 2020” update and other strategic documents, which have already made progress towards a consensus view in the country. It has been designed to be a demand-driven and flexible document to enable the World Bank Group to provide a timely and sustainable response to changes in Russia’s economic priorities. A Country Partnership Strategy Progress Report in 2014 will take stock of implementation and will allow the World Bank Group, in consultation with the authorities and other partners, to make mid-term adjustments in the strategy to ensure continued alignment with government priorities.
The Strategy was prepared in close dialogue with the Government of Russia and in consultation with the representatives of federal and local governments, civil society and business communities, think-tanks, academia, and other stakeholders. The main purpose of the consultations was to discuss progress achieved during the last Country Partnership Strategy period, to identify existing successful approaches to socio-economic development in Russia’s regions, and to learn in which areas or sectors the authorities would desire the most support. The 2012 – 2016 Country Partnership Strategy will support Russia’s efforts to:
1. Increase growth and diversification through better management of public finances, improved investment climate and innovation, a stronger financial sector, better infrastructure, and more effective protection of the environment;
2. Expand human potential by strengthening skills and social services through improvements in education, health, and social protection;
3. Deepen Russia’s global and regional role related to its aspirations as a donor and the provision of global public goods; and
4. Improve governance and transparency through more accountability and better service standards in public administration, procurement, and financial management (as a cross-cutting theme).
Russia is an extremely important partner for the Multilateral Investment Guarantee Agency (MIGA), and is a country where MIGA has a long history of providing guarantees for private sector projects. Looking ahead, MIGA remains committed to encouraging developmentally sound foreign investments in Russia. It will also keep providing investment guarantees to Russian companies going to invest overseas.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »