Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Archive for 24 dicembre 2011

Le celebrazioni liturgiche del santo Natale

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

Italiano: Cattedrale di Palermo (Palermo)

Image via Wikipedia

Palermo Il cardinale Paolo Romeo, sabato 24 dicembre, vigilia di Natale, alle 17.30 celebrerà la Santa Messa alla Missione di “Speranza e Carità” diretta dal missionario laico Biagio Conte. Alle ore 23 in Cattedrale presiederà la Santa Messa nella Veglia di Natale. Il giorno di Natale, domenica 25 dicembre, sempre in Cattedrale, avrà luogo il solenne Pontificale alla presenza delle Autorità civili e militari della città alle ore 11.
Giovedì 29 dicembre 2011, i ministranti dell’Arcidiocesi d Palermo si stringeranno attorno all’Arcivescovo per la solenne celebrazione Eucaristica che avrà luogo in Cattedrale alle ore 16.30. Come per l’anno scorso, ai ministranti presenti sarà consegnato un omaggio a ricordo dell’evento.
Venerdì 30 dicembre 2011, Festa della Famiglia in Cattedrale. Il programma prevede alle ore 18.30 il Concerto Gospel Project con brani a cappella, alle ore 19 la Santa Messa che sarà animata dal gruppo Gospel Project. Seguirà un momento di fraternità tra le famiglie, gruppi famiglie parrocchiali e i movimenti.
Sabato 31 dicembre alle ore 18, ancora in Cattedrale la Santa Messa e il canto del “Te Deum”.
Domenica 1 gennaio 2012 alle ore 11 l’Arcivescovo celebrerà a Palazzo delle Aquile la Santa Messa per la Solennità della Santa Madre di Dio. Infine venerdì 6 gennaio 2012 alle ore 11, in Cattedrale solennità dell’Epifania, Santa Messa in occasione del 28° anniversario dell’ordinazione Episcopale di Sua Eminenza Paolo Romeo, Pastore e Padre della Chiesa palermitana.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Third Development Policy Loan (DPL-3) to Romania

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

The World Bank & Inspection Panel's headquarte...

Image via Wikipedia

Bucharest The World Bank’s Board of Executive Directors approved an International Bank for Reconstruction and Development (IBRD) loan worth €400 million for Romania on December 19. The objective of this loan is to support the Government’s reforms in fiscal management, social protection, and the financial sector in order to position Romania to emerge from the economic and financial crisis on a stronger footing, and resume and sustain convergence to the living standards of more advanced EU economies and withstand better any further shocks. “The Government of Romania decided some time ago, in cooperation with its international partners, that, in the context of the global crisis, it needed to urgently address existing challenges if it was to have success in the medium term,” said Peter Harrold, World Bank Country Director for Central Europe and the Baltic Countries. “Please know that as Romania moves forward, the international community, the World Bank included, is ready to support this agenda. We look forward to continuing to build on the achievements so far, and to supporting the implementation of reform, to see a better social and economic future for all Romanians.” This is the Third Development Policy Loan (DPL-3) to be disbursed to Romania, in a series totaling €1 billion. The program is part of the International Monetary Fund

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 4 Comments »

Gli italiani tornano ad emigrare

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

Paese vecchio

Image by jerik0ne via Flickr

Una delle normali conseguenze delle crisi economiche è l’emigrazione, e gli italiani che sono un popolo di migranti, lo sanno bene. Erano decenni, però, che i flussi migratori dall’Italia avevano intrapreso una costante flessione, eccettuata da qualche timida ripresa negli anni ’90, ma l’aggravarsi della situazione ci ha fatto tornare indietro con migliaia di cittadini italiani che hanno ripreso la via dell’emigrazione. Una delle mete per non dire la principale in questo particolare momento storico che intraprendono i nostri concittadini alla ricerca di un lavoro e di un futuro migliore, sembrerebbe ancora una volta la vicina Svizzera.
Molti tra questi migranti del terzo millennio sono giovani che nonostante una formazione superiore non riescono a trovare la prima occupazione stabile e l’opportunità di un lavoro dignitoso che quasi di certo troveranno al di là delle Alpi. Fatalmente, quindi, la storia si ripete, ma questa volta l’epoca drammatica ma quasi romantica delle valige di cartone è un ricordo sbiadito e le lacrime d’addio vengono sparse nei terminal degli aeroporti e non più nelle stazioni ferroviarie. Sono oltre 6.200, secondo gli ultimi dati dell’Ufficio federale della migrazione del paese elvetico solo nei primi otto mesi dell’anno, i cittadini italiani giunti in Svizzera, che hanno scelto di abbandonare il Belpaese ed il saldo tra immigrazione ed emigrazione è rispettivamente di 2.800 italiani in più residenti in Svizzera. Un trend che quasi certamente verrà confermato a fine anno e che segna una nuova impennata dell’immigrazione, dopo il calo registrato a partire dagli anni Settanta, la leggera ripresa della fine degli anni Novanta ed il nuovo costante declino sino al 2007 quando molti emigranti europei della prima generazione erano tornati al loro paese di origine alla scadenza del termine previsto per ritirare il capitale accumulato per il secondo pilastro. Alcuni sono partiti sulla scia di familiari o amici, altri più “modernamente”, si sono affidati ad agenzie interinali, ma i più a causa della crisi economica. Molte le difficoltà di questi nuovi migranti: tra le più rilevanti da una parte la mancata padronanza di una delle lingue nazionali e dall’altra, sorprendentemente, il non raro eccesso di qualificazione. Perché non emigrano solo segretarie ed operai ma soprattutto laureati finanche con due o più master e ricercatori. Ma se per questi è già difficile trovare un lavoro, figuriamoci per quelli che non conoscono la lingua del luogo.
A chi va bene, riesce a trovare ospitalità presso case di amici, conoscenti o familiari, mentre pare che non pochi finiscano per dormire in automobile. Quasi tutti giungono con pochi spiccioli, senza avere la cognizione del più elevato tenore di vita di quel paese. Per non parlare poi delle istituzioni e organizzazioni con funzione assistenziale per gli emigranti italiani che sono state soppresse o sciolte dopo la fine dei più importanti flussi migratori.
Al di là della drammaticità sia delle ragioni che spingono ad emigrare che delle condizioni di vita di questa nuova generazione di migranti, il danno più grande lo subisce proprio il nostro Paese con la fuga di cervelli che ha un impatto notevole sull’economia e che quindi aggrava le prospettive di una rapida uscita dalla crisi dell’euro: un recente rapporto dell’Istituto per la competitività in Italia ha dimostrato che la partenza di ricercatori costa al Paese tre miliardi di euro in brevetti mancati. Per Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, la ripresa del fenomeno migratorio verso luoghi già meta dei nostri concittadini, dovrebbe costituire un campanello d’allarme ulteriore per questo nuovo governo, facendo comprendere la necessità di evitare qualsiasi impulso al taglio dei settori strategici di formazione e ricerca come ha fatto il precedente esecutivo ed anzi dovrebbe costituire una spinta a riattivare con misure incentivanti quel circuito virtuoso dell’investimento in questi comparti che secondo illustri economisti dovrebbe essere un prezioso volano per la nostra economia.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Disabili e istituzioni

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

Bologna

Image by vic15 via Flickr

Bologna. Dopo il flash mob del mese di ottobre dei disabili e delle loro famiglie le istituzioni non sembrano aver capito l’importanza di quella manifestazione tanto partecipata.
La regione ha inviato alle associazioni per la tutela della disabilità e alla consulta per il superamento dell’handicap la nuova bozza di delibera, stilata dalla stessa, riguardante la compartecipazione degli utenti al costo di servizi socio-riabilitativi: in essa si ritrova l’ingiusta applicazione dell’art. 49 della legge regionale, attuata nel dicembre 2009 a danno delle persone con disabilità. Nonostante sia stato impiegato tempo, dibattiti, riunioni e proteste pubbliche perché si potesse arrivare ad una soluzione di equità contributiva delle persone disabili per i servizi di assistenza, i responsabili politici ed i loro funzionari non sentono il dovere di rispettare un diritto sancito da una legge nazionale ordinaria e dalla Costituzione. La presidente dell’ANFFAS di Bologna Gabriella D’Abbiero ha scritto una lettera aperta al presidente della regione, agli assessori regionali alla sanità e al sociale, ed a tutti i membri del consiglio comunale di Bologna, per protestare contro questa ingiusta posizione presa, sulla “ proposta della Regione di un aumento dell’esborso economico molto maggiore rispetto al passato addossato alla famiglia senza riconoscere i gravosi impegni personali di assistenza e cura di un figlio con disabilità grave e quelli economici che una famiglia deve sostenere nell’arco della vita intera. Dunque non solo il mancato rispetto di una legge dello Stato, la prevaricazione, in nome di cavilli legali smentiti dalla nostra stessa Costituzione, ma anche la beffa di un aumento vergognoso della contribuzione, speculando su una pensione di invalidità di € 256,00 e di un’indennità di accompagnamento, che sentenze del Consiglio di Stato dichiarano intoccabili in quanto necessarie all’assistenza quotidiana della persona disabile grave”. La presidente si chiede se questa sia la giustizia e l’ equità sociali tanto sbandierate dai politici in questione se, dopo anni e anni nei quali Anffas Bologna ha tentato attraverso incontri e confronti di evidenziare le ragioni per cui ha ritenuto, nei riguardi della compartecipazione ai servizi, di sostenere e tutelare i diritti della persona con disabilità e della famiglia (come sancito dalla legge 130 dalla Costituzione e dalla Convenzione Onu), questo sia il risultato.
In particolare quello che rivendica Anffas è:
1. Differenziazione fra la persona con disabilità grave e l’anziano che diventa non autosufficiente: la persona con disabilità è a totale carico della famiglia ed incapace di produrre reddito dalla nascita fino alla morte.
2. Per la frequenza ai centri diurni fare riferimento al reddito del solo utente, escluse pensione di invalidità e indennità di accompagnamento: con quali mezzi economici può vivere una persona disabile che ha bisogni oltremodo maggiori rispetto ad una persona normale e necessita di assistenza continua? Se non vi è reddito, non si può richiedere alcuna contribuzione.
3. Fermo restando il riferimento al reddito individuale, per l’inserimento nella struttura residenziale l’indennità di accompagnamento (vista la finalità della stessa) “accompagna” l’utente, mentre la pensione deve restare nella sua disponibilità per le necessità personali. Inoltre la eventuale compartecipazione deve riguardare il pasto ed il trasporto e non il costo del servizio, che come sancito dai Lea, spetta all’ente pubblico.
Alla luce di queste considerazioni, estese e sostenute da tutta la Consulta per il Superamento dell’Handicap di Bologna, ci chiediamo se le istituzioni potranno ancora procedere calpestando i diritti di centinaia e centinaia di cittadini bolognesi.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Punti nascita in Sicilia e Campania

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

Italia, regione Campania, Napoli, panorama del...

Image via Wikipedia

Un quinto delle segnalazioni di presunti casi di malasanità all’esame della Commissione d’inchiesta sugli errori sanitari, riguardano episodi legati a gravidanza o al parto e, precisamente, 104 su 500. L’80% ha avuto come esito il decesso della mamma o del neonato. Evidente lo scarto regionale tra nord e sud, che parla di un Paese diviso da una sanità ancora disomogenea. La metà delle segnalazioni pervenute, infatti, riguarda le regioni Calabria e Sicilia rispettivamente con 32 e 20 segnalazioni. A partire da questi dati – che pur essendo parziali costituiscono un segnale significativo di disagio – la Commissione ha ritenuto necessario approfondire il tema della qualità del percorso nascita in Italia, avviando un’indagine coordinata dall’on. Benedetto Fucci, conclusasi con l’approvazione di una dettagliata relazione. I dati forniti dalle aziende sanitarie (cui va ricondotta la responsabilità sulla regolarità o incompletezza degli stessi) hanno costituito la base dell’analisi del campione relativo 344 punti nascita (sui 570 presenti in Italia)
Analizzando le risposte ai questionari fornite da quattro regioni rappresentative di altrettante macroaree – Nord, Centro, Sud e Isole – emergono dati che sottolinenano la spaccatura tra nord e sud riguardo la percentuale dei tagli cesarei sul totale dei parti effettuati: in Veneto rappresentano il 29,5%, in Toscana il 26,6%, in Campania il 47,3%, in Sicilia il 52,9%. La percentuale media in Italia risulta essere del 35,4%. Simile il quadro che appare se si analizzano gli ancora tanti piccoli punti nascita con un numero parti ritenuto troppo basso per garantire gli standard di assistenza previsti dall’Organizzazione mondiale della Sanità. In base alla presente analisi, che fornisce spunti di lettura della relazione, nel 47,3% dei punti nascita siciliani e nel 39,5% di quelli campani si effettuano meno di 500 parti l’anno, ovvero meno di 41 al mese. Tra questi rientra il P.O. Scarlato di Safati, dove risulterebbero essersi verificati ben 3 dei presunti errori sanitari all’esame della Commissione verificatisi in Campania. La percentuale del numero di parti effettuati cresce salendo verso nord: in Toscana rappresenta il 14,8 e in Veneto il 7,3%. Il basso numero di parti, come insegna la letteratura scientifica in materia, spesso ha come conseguenza la mancanza di necessari standard di professionalità e l`adeguato supporto strutturale, come la presenza di un reparto di neonatologia dedicato, una Utin, lo Sten e lo Stam. In ospedali del genere, il ginecologo che vi lavora effettua circa 1 parto alla settimana, con una media di 4,7 parti al mese. Vi si effettuano in media solo il 9,7% dei parti con analgesia e la terapia intensiva neonatale è presente solo nel 9,5% dei casi.
Misurando altre variabili definite “strutturali”, che si relazionano, naturalmente, alla dimenione e alla numerosità di parti effettuati nei punti nascita emerge che la terapia intensiva neonatale manca nel 68,4% dei punti nascita veneti, 53,8% di quelli toscani, 79% di quelli campani, nell’89,7% di quelli siciliani.
Un reparto di neonatologia dedicato manca nel 14,6% dei punti nascita veneti, 15,38% di quelli toscani, 20,9% di quelli campani e il 52% di quelli siciliani. Lo sten, o trasporto di emergenza neonatale, manca nel 2,5% dei punti nascita veneti, 3,7% di quelli toscani, 19,5% di quelli campani, 73,4 % di quelli siciliani. Lo stam, o trasporto di emergenza in utero, manca nel 12,5% dei punti nascita veneti, 25,9% di quelli toscani, 58,9% di quelli campani, il 87,7% di quelli siciliani. “L’indagine condotta dalla Commissione in collaborazione con le società scientifiche di ostetricia e ginecologia – ha commentato l’on. Benedetto Fucci – ha mostrato in modo organico e dettagliato la situazione dei punti nascita italiani, non limitandosi ad analizzare il singolo presunto caso di malasanità , ma conducendo un’analisi delle cause, presunte o reali, degli episodi critici registrati. Solo rivisitando qualitativamente e quantitativamente i punti nascita penalizzanti, possiamo pensare di garantire standard uniformi. Questo lavoro – ha concluso Fucci – primo nel suo genere, non è punto d’arrivo ma di partenza, affinché si continui a monitorare il tema e si offra qualificata assistenza a mamme e bambini”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 5 Comments »

Hines Italia Core Opportunity Fund acquista l’investimento di Premafin nel fondo Porta Nuova Varesine

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

 

Milano. Ieri Hines Italia SGR S.p.A. ha perfezionato, con il fondo immobiliare di diritto italiano riservato a investitori istituzionali denominato HICOF (Hines Italia Core Opportunity Fund), il contratto di acquisto dell’investimento indiretto di Premafin nel fondo Porta Nuova Varesine. L’acquisizione è stata effettuata dal fondo istituzionale HICOF Hines Italia Core Opportunity Fund con l’obiettivo di investire in un progetto in fase di completamento con la possibilità di mantenere in portafoglio nel medio periodo l’investimento nel progetto Porta Nuova Varesine successivamente alla messa a reddito degli edifici. La componente terziaria del progetto sarà completata nel 2012.Il fondo HICOF ha come strategia di investimento la composizione di un portafoglio a reddito di edifici di Classe A secondo i più elevati standards internazionali anche attraverso l’acquisizione di operazioni o singoli edifici che successivamente alla valorizzazione possano presentare tali caratteristiche. Tale strategia di investimento potrà consentire di ottenere redditività superiori rispetto ai fondi tradizionali a reddito con un obbiettivo di tasso di interno di rendimento annuo del 8%. Hines Italia SGR per conto del fondo HICOF, avviato nello scorso mese di novembre, sta valutando anche altri investimenti a reddito mentre prosegue la fase di collocamento. L’investimento è avvenuto al prezzo di circa €25,7 milioni, con una redditività attesa superiore al 15% La perizia immobiliare è stata svolta da parte dell’esperto indipendente con la validazione da parte di un secondo advisor. Il gruppo Hines partecipa già al progetto Porta Nuova Varesine quale gestore del fondo europeo Hines European Development Fund e del fondo italiano Monte Paschi Hines Real Estate Crescita, cui partecipano primari investitori istituzionali tra cui fondazioni bancarie, fondi pensione, assicurazioni. La compagine degli investitori nel fondo Porta Nuova Varesine vede pertanto oggi la seguente composizione:
Hines Monte Paschi Real Estate Crescita 17,3%
Hines Core Opportunities Fund 20%
Galotti 17,3%
Gruppo Fondiaria Sai 28%
Hines Italia SGR è stata assistita dalla studio legale Gianni, Origoni, Grippo & Partners e dalla studio Maisto e Associati. Premafin è stata assistita dallo studio legale Raynaud & Partners.
Il progetto di riqualificazione delle aree delle Varesine a Milano è in fase di avanzata realizzazione con la costruzione in corso di dodici edifici tra cui la torre per uffici progettata da Kohn Pedersen Fox soprannominata il “Diamantone” e la torre residenziale più alta d’Italia, battezzata Solaria, quest’ultima già collocata sul mercato per circa l’80%. Tutti i 12 edifici sono precertificati LEED Gold, che rappresenta uno dei riconoscimenti più prestigiosi di sostenibilità ambientale. Il progetto è previsto in fase di completamento nel 2013.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Consumers Alliance for Global Prosperity

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

Greenpeace snow man at the G8 Summit. www.gree...

Image via Wikipedia

Washington Just in time for the holidays, Ohio-based The Kroger Co. has announced that it is has “decided to discontinue the sourcing of products” from a Southeast Asian business partner, jeopardizing American paper industry jobs from Virginia to California. This misguided sourcing policy decision from America’s largest grocery store chain comes on the heels of a smear campaign waged by environmental activists World Wildlife Fund (WWF) and Greenpeace against Kroger and some of the other biggest retailers in the country, including Walmart, Target, and Food Lion. This cruel decision comes after the Consumers Alliance for Global Prosperity (CAGP) recently organized citizen-activists nationwide to send more than 120,000 letters to Kroger and other retailers warning them not to cede to this type of green scheming. Americans have spoken up strongly, stating they will boycott these companies if they bow to WWF and Greenpeace’s plotting. Kroger and these other retailers, therefore, have been forewarned of the consequences of surrendering to green radicals.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Siena dedica l’ultimo dell’anno al Risorgimento e ai 150 anni dell’Unità di Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

Scorcio di Piazza del Campo a Siena

Image via Wikipedia

Oltre cinquecento fra musicisti, attori, cantanti e danzatori, più di 50 eventi itineranti, oltre 40 giorni no stop di musica, arti visive, cultura e spettacolo. Tutto questo e molto altro ancora è “Sol La Siena”, la kermesse promossa dal Comune di Siena, main sponsor Banca Monte dei Paschi, in collaborazione con la Fondazione Siena Jazz – Accademia Nazionale del Jazz e Arci Siena. Siena Parcheggi e Intesa, sponsor tecnici. Fino al 15 gennaio, nelle strade, nelle piazze, nei teatri, nei musei di Siena si balla, si suona, si fa arte e spettacolo con un fitto programma di appuntamenti che in occasione delle feste natalizie conquisteranno il pubblico di ogni età.
La notte del 31 dicembre l’omaggio al Risorgimento e dopo la mezzanotte spazio al “Night Clubbing”. Momento clou del cartellone “Sol La Siena” sarà la notte del 31 dicembre, quando Piazza del Campo si trasformerà in un grande parterre musicale con il Palazzo Comunale che diventerà la sua scenografia tridimensionale. Il sipario si aprirà su immagini, suoni, colori, emozioni, che sono al tempo stesso l’omaggio che Siena vuole tributare ai 150 anni dell’Unità d’Italia e l’augurio per guardare con ottimismo al futuro.Il 31 dicembre saranno protagonisti, fino alla mezzanotte, il Risorgimento e il melodramma ottocentesco italiano. Sul boccascena virtuale aperto, si succedono le scene dell’Experience, in una lenta e continua trasformazione. Un “Viaggio in Italia” tra Melodramma, Romanticismo e Risorgimento che incontra la grande musica popolare dell’800 con il “Gran Ballo d’Italia” e introduce il “Viva Verdi” per festeggiare gli ultimi istanti del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Uno spettacolo firmato “Danny Rose”, scritto e diretto da Sergio Carrubba per la direzione artistica di Paola Ciucci; creazione e realizzazione immagini e animazioni di Lucia Frigola, Cédric Péri, Giuseppe Ragazzini, Yan Wang e Anne-Laure Coulibaly; ambienti sonori, elaborazioni musicali e performance live di Marco Messina, storico fondatore della 99 Posse e Emanuele de Raymondi.
Una straordinaria Opéra Lumière che si aggiunge a quelle realizzate e curate da Danny Rose in tutto il mondo: dalla cerimonia di chiusura per i Giochi Olimpici di Salt Lake City alla Notte Bianca di Barcellona con l’evento centrale allo stadio Mont Juic, fino allo spettacolo ‘Scrivere con la luce’ sulla facciata dell’Urbis Museum di Manchester. Danny Rose ha anche vinto il Biglietto d’oro nel 2008 – record Siae europeo al botteghino – per la regia dell’Opera popolare ‘Giulietta e Romeo’ con le musiche di Riccardo Cocciante, i testi di Pasquale Panella e la regia di Sergio Carrubba.
Dopo la mezzanotte, spazio al “Night Clubbing”, anteprima assoluta della prossima produzione di “Denny Rose”. Un viaggio nel mondo attraverso le tendenze musicali dei cinque continenti dallo Studio 54 con la Disco Music anni ’80 al Funk e alla Soul americani, dalla Londra dei Clash e dei Police alla Giamaica, dall’India al Brasile, al Balkan beat. Un repertorio tutto da ballare che prevede anche la collaborazione dell’associazione Gas con musica elettronica suonata dal vivo dai dj della B-SIDE CREW Gighe, Maherz e Chequino. Gran finale con un omaggio a Vinicio Capossela. Un evento, organizzato da Fondazione Siena Jazz – Accademia Nazionale del Jazz in collaborazione con Associazione Giovani Artisti Senesi con la regia tecnica di Gaël Picquet. La festa poi proseguirà fino all’alba nella Fortezza Medicea con il set Fortezza New Year’s day ad ingresso a pagamento.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Science classic

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

"Science Friday" Recommendations

Image by LollyKnit via Flickr

Washington and Moscow. The American Association for the Advancement of Science (AAAS) announces that the Russian Ministry of Education and Science has selected Science Classic, the digital archives of Science (1880-1996), as the first acquisition in a major project to provide national access to scientific archives. Russian students, scientists, and professors can now access 116 years of Science’s archive through a local platform provided by the National Electronic Information Consortium (NEICON). The Ministry’s project, established in Summer 2011 to create a scientific archive within the Russian Federation, will provide 600 non-profit and academic institutes with access to the digital archives. “We are pleased that such a large project is beginning with the acquisition of the Science Classic archive,” said Dr. Olga Moskaleva, head of the scientific research department of St. Petersburg State University. “This journal is always in demand and we are happy to have access to the full content since 1880.” Through the NEICON Consortium, Russian researchers and academics receive access to both Science Online (1997-current) and Science Classic (1880-1996), the complete catalogue of Science content. “Students, scientists and educators in Russia will now have immediate digital access to science news and research from our weekly journal,” said Dr. Bruce Alberts, Science’s editor-in-chief. “I look forward to further contributions from Russia’s scientific community to Science.” Science Classic, maintained and preserved by AAAS, delivers more than a century’s worth of full-text news articles, commentary, reviews, perspectives, and peer-reviewed research papers from the annals of the world’s largest general science journal. With every issue from 1880 to 1996 now available, Science Classic allows readers to access the PDF version of the full-text article, plus bibliographic citations, abstracts, and references. To view the complete digital archive, please visit ScienceOnline.org/archive.
NEICON Consortia The not-for-profit National Electronic Information Consortium is one of the biggest Russian library consortia. It was created and given juridical registration in 2002 and since that time has been continuously growing. Today, NEICON comprises more than 730 Russian institutions all over the country that represent universities, research institutions, and public libraries. Since 2005, NEICON has been partially funded by the Ministry of Education and Science of the Russian Federation. It provides access to hundreds of databases belonging to dozens of Russian and foreign publishers and information owners.
The American Association for the Advancement of Science is the world’s largest general scientific society and publisher of the journals Science (ScienceOnline.org), Science Signaling (ScienceSignaling.org), and Science Translational Medicine (ScienceTranslationalMedicine.org). AAAS (AAAS.org) was founded in 1848 and serves 262 affiliated societies and academies of science, reaching 10 million individuals. Science has the largest paid circulation of any peer-reviewed general science journal in the world, with an estimated total readership of 1 million. The non-profit AAAS is open to all and fulfills its mission to “advance science and serve society” through initiatives in science policy, international programs, science education, and more. For the latest research news, log onto EurekAlert!, the premier science news website, a service of AAAS.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stupefacenti: individuate nuove tipologie di droghe sintetiche chiamate catinoni sintetici

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

English: Illustration from "Trattato ... ...

Image via Wikipedia

Nel corso di analisi condotte presso il Laboratorio chimico dell’Agenzia delle Dogane di Milano sono stati individuati i catinoni sintetici Pentedrone HCl, Metilone HCl, Mefedrone HCl e 4-MEC HCl.I catinoni sintetici sono sostanze stupefacenti ottenute in laboratorio, la cui diffusione è in continuo aumento; la loro esatta identificazione mediante analisi chimica costituisce un importantissimo passo in avanti, sia per il contrasto alla diffusione di tali prodotti, sia per accelerarne l’inserimento nella Tabella I del D.P.R. 309/90. I reperti, sequestrati nella città di Milano, erano costituiti da 2 bottiglie a chiusura ermetica e da 5 bustine di plastica trasparente sigillate. Il liquido trasparente, incolore e inodore, rinvenuto nelle bottiglie, è risultato essere g-butirrolattone (GBL) con purezza superiore al 99,0%, mentre la presenza dei catinoni sintetici è stata rivelata sui 5 campioni di polvere mediante opportune analisi chimiche strumentali supportate da una ricerca nella letteratura scientifica. La Direzione Centrale per l’Analisi Merceologica e per lo Sviluppo dei Laboratori Chimici ha segnalato il risultato ottenuto al Sistema Nazionale di Allerta Precoce e Risposta Rapida per le Droghe, il National Early Warning System (N.E.W.S.), per la diffusione di livelli di attenzione e allerta sul territorio nazionale. La notizia è stata pubblicata sulla Informativa del 09/12/2011, realizzata a cura del Dipartimento Politiche Antidroga presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri; in essa viene citata anche la precedente segnalazione di un prodotto, analizzato presso il Laboratorio chimico di Roma, etichettato come “sale da bagno” e contenente invece pentedrone, pirovalerone e dipipanone. Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, rivolge un appello ai genitori dei figli non solo minorenni affinchè vigilino e monitorino l’attività dei propri figli, data la facile reperibilità di queste nuove droghe a basso costo, perché anche in questo campo l’educazione risulta essere un fattore fondamentale per lo sviluppo psico sociale della generazione dei giovani.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piano di lavoro quadriennale sui fitoterapici

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

Pictures of herb samples from categories of Ch...

Image via Wikipedia

Il Committee on herbal medicinal products (Hmpc) della European medicines agency (Ema) ha approvato un programma di lavoro quadriennale per il 2012-2015 con lo scopo di rafforzare l’integrazione dei fitoterapici nel quadro legislativo farmaceutico e beneficiare i consumatori europei con l’uso di prodotti a base di erbe, sicuri ed efficaci. Il documento è in linea con gli obiettivi della roadmap per il 2015 dell’Agenzia regolatoria europea e prevede alcune novità:
assicurare l’eccellenza nella preparazione e mantenimento di monografie delle erbe comunitarie, con revisioni quinquennali e sondaggi sul loro utilizzo reale accogliere le medicine extra Eu come la medicina tradizionale cinese e quella Ayurvedica sviluppando guide e percorsi di formazione per chi se ne deve occupare all’interno del Hmpc e delle autorità nazionali assicurarsi che il pubblico possa comprendere gli usi, benefici e rischi associati con i fitoterapici attraverso lo sviluppo di sommari scritti in un linguaggio non specialistico e pubblicati su internet.
istituire forti relazioni europee e internazionali con l’apporto della International regulatory cooperation for herbal medicines (Irch) initiative

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Standard and Poor’s Affirms Oil Insurance Limited’s Insurer Financial Strength Rating

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

English: A view of Front Street at the corner ...

Image via Wikipedia

Hamilton, Bermuda. Oil Insurance Limited (OIL) announced today that on November 28, 2011, Standard and Poor’s had affirmed its insurer financial strength rating of A- “Strong” with a Stable Outlook. “The insurer financial strength rating on the Bermuda-based Oil Insurance Limited (OIL) is based on OIL’s very strong claims-paying resources, effective product for satisfying the goals of members’ risk-management programs and very strong capitalization.” Citing a number of other positive features of OIL, Standard and Poor’s noted that “the most important element of OIL’s competitive position is its members’ commitment and the stability of its membership base.” Chief Executive Officer Robert Stauffer said, “OIL’s property capacity will be increased to $300 million on January 1st and is critical cornerstone capacity for most of our members. Recognition by Standard and Poor’s of the continued financial strength of our mutual is reassuring to our existing and prospective members.” George Hutchings, OIL’s Chief Operating Officer stated, “In 2012 OIL celebrates its 40th year of continuous operation and this rating re-affirms the financial strength of our mutual as we continue to broaden our membership globally.”Oil Insurance Limited (OIL) insures approximately two trillion dollars of global energy property assets for more than fifty members with limits up to $300 million. Products offered include Property (Physical Damage), Windstorm, Non Gradual Pollution, Control of Well, Terrorism, Construction and Cargo. The industry sectors that OIL insures include Offshore and Onshore Exploration & Production, Refining and Marketing, Petrochemicals, Mining, Pipelines, Electric Utilities and other related energy business sectors.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Micron Technology Inc.: i risultati del primo trimestre anno fiscale 2012

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

Boise, Idaho.

The Carnegie library in Boise, Idaho.

Image via Wikipedia

Micron Technology, Inc., (Nasdaq: MU) ha annunciato oggi i risultati delle operazioni per il suo primo trimestre per l’anno fiscale 2012, che si è concluso l’1 dicembre 2011. Per il primo trimestre la società ha avuto una perdita netta attribuibile agli azionisti Micron di 187 milioni di dollari, o 0,19 dollari per azione diluita, su un fatturato netto di 2,1 miliardi di dollari. I risultati del primo trimestre fiscale 2012 si confrontano con una perdita netta di 135 milioni di dollari, o 0,14 dollari per azione diluita, su un fatturato netto di 2,1 miliardi dollari del quarto trimestre dell’anno fiscale 2011, e con un utile netto di 155 milioni di dollari, o 0,15 dollari per azione diluita, su un fatturato netto di 2,3 miliardi dollari del primo trimestre dell’anno fiscale 2011.Il Margine lordo consolidato dell’azienda è rimasto al 15 per cento per il primo trimestre dell’anno fiscale 2012. Il miglioramento dei margini delle memorie Flash NAND sono stati compensati dai cali registrati nelle memorie DRAM. I ricavi delle vendite dei prodotti Flash NAND è stato del 6 per cento più alto nel primo trimestre dell’anno fiscale 2012 rispetto al quarto trimestre dell’anno fiscale 2011 a causa di un aumento del 18 per cento del volume delle vendite, in parte compensato da una diminuzione del 10 per cento dei prezzi medi di vendita. I ricavi delle vendite dei prodotti DRAM sono rimasti sostanzialmente invariati nel primo trimestre dell’anno fiscale 2012 rispetto al trimestre precedente, poichè l’incremento del 14 per cento del volume delle vendite è stato compensato da una diminuzione del 12 per cento dei prezzi medi di vendita. Le vendite dei prodotti flash NOR sono stati circa il 14 per cento del totale delle vendite nette del primo trimestre dell’anno fiscale 2012.Il flusso di cassa relativo alle operazioni per il primo trimestre dell’anno fiscale 2012 è stato di 404 milioni di dollari. Durante il primo trimestre dell’anno fiscale 2012 l’azienda ha investito circa 750 milioni di dollari in spese in conto capitale. La società ha chiuso il trimestre con liquidità e investimenti a breve termine pari a 1,9 miliardi di dollari.La società terrà una teleconferenza mercoledì 21 dicembre alle 14:30 del fuso orario statunitense MST per discutere i risultati finanziari. L’audio e la presentazione saranno disponibili online all’indirizzo http://investors.micron.com/events.cfm. Il replay del webcast sarà disponibile sul sito web della società fino al 28 dicembre 2012. Una replica audio registrata della teleconferenza sarà disponibile al numero telefonico (404) 537-3406 (identificativo della conferenza: 37217947) con inizio alle ore 17:30 del fuso orario statunitense MST di mercoledì 21 dicembre 2011 e fino alle ore 17:30 del fuso orario statunitense MST di mercoledì 28 dicembre 2011.
Micron Technology Inc. è uno dei maggior fornitori al mondo di soluzioni avanzate per semiconduttori. Attraverso i suoi impianti di produzione a livello mondiale la Micron produce e commercializza una gamma completa di memorie DRAM, memorie flash NAND e NOR, così come altre tecnologie di memoria innovative, moduli di memoria e sistemi a semiconduttori per l’uso in prodotti d’avanguardia, prodotti al consumo, per il networking, per la telefonia mobile e sistemi integrati. Le azioni ordinarie della Micron sono quotate al NASDAQ con il simbolo MU. Per ulteriori informazioni su Micron Technology Inc., visitare il sito http://www.micron.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

City Index Reveals Stock Market Outlook for 2012

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

marketing_silliness

Image by jeffreypriebe via Flickr

London. As the year draws to a close, City Index stock market expert Joshua Raymond summarises 2011, analysing the stock indices from a fundamental perspective and gives his thoughts on what is likely to be in store for 2012. Including a snapshot of stocks and sectors to keep an eye out for. Joshua Raymond, Chief Market Strategist, City Index: It has been a bearish year for the FTSE 100, with the benchmark UK index currently looking likely to post a 9% loss on the year after growing 22% in 2009 and 9% in 2010. The 9% fall on the year tells a tale of difficult trading conditions for investors and bearish sentiment, with investors fearful that the world is teetering back on the brink of another recession. To put this year’s loss on the FTSE into greater perspective, the last 26 years have netted an average yearly growth in the UK’s benchmark index of 7.48%. During that time, there have only been six bearish years and interestingly enough, 2011 would actually mark the best bearish year for the FTSE 100 over the last six years. This will inevitably beg the question, with so much still at stake in the eurozone, is the worst yet to come? One’s likely answer to this question will be defined by whether one sits in the sceptical or optimistic camp. With spread betting, it is possible to take a position on the markets, irrespective of whether they are rising or falling.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

US Patent Office Grants Copan Invention of Flocked Swabs

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

 

Copan

Image by Christine4nier via Flickr

Murrieta, California. The US Patent Office has awarded COPAN the much awaited patent for its flocked swabs invention for collection and transfer of biological samples. This grant, deriving from a very thorough and careful examination, strengthens COPAN’s patent portfolio around the World for its flocked swab invention. COPAN’s revolutionary invention has now been awarded patents in every Country* where it had been filed. “We are thrilled to receive our patent for a method for collecting biological specimen with our flocked swabs in the US as it is a great addition to our growing number of patents held around the world. It is a gratifying recognition of a true invention that has changed the landscape of the pre-analytical phase of Microbiology,” says Norman Sharples, COPAN’s Executive VP. Numerous independent studies have proven that the use of COPAN Flocked Swabs (FLOQSwabs™) improves the quantity and quality of samples collected and released into different culture and assay platforms. Unlike traditional fiber swabs, COPAN Flocked Swabs (FLOQSwabs™) have no internal mattress core to trap the sample. The perpendicular fibers on the swabs have a soft brush-like texture that improves collection of cell samples and at the same time draws up liquid specimen between the fibers by capillarity. In both events sample stays close to the surface for automatic and spontaneous elution. COPAN Flocked Swabs have changed the world of Virology by giving clinicians an easier sample collection tool that yields comparable results to the gold standards – nasopharyngeal washes or nasal aspirates. By using COPAN Flocked Swabs and Universal Transport Medium (UTM), the sample collection process is less invasive. It can be performed in hospital settings, remote sites or at home and samples can be safely transported to laboratories for testing. “The revolution started with COPAN Flocked Swabs and UTM in Virology will now occur in Bacteriology with Flocked Swabs and ESwab, COPAN’s multipurpose collection and transport platform suitable for traditional aerobic and anaerobic culture and molecular assays,” emphasizes Sharples. “Being granted the US patent for Flocked Swabs is invigorating and keeps us motivated to continue to innovate and focus on providing our customers with novel solutions for the advancement of the pre-analytical phase of Microbiology,” concludes Sharples. * Patents concerning COPAN’s flocked swab invention have been granted in the US, Canada, Europe, Japan, China, Australia and New Zealand.
With a reputation for innovation in preanalytics, COPAN is the leading manufacturer of collection and transport systems in the world. COPAN offers a complete range of microbial sampling products used for traditional culture analysis and molecular diagnostic assays. For more information, visit http://www.copanusa.com

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Appello

Posted by fidest press agency su sabato, 24 dicembre 2011

Castello che veglia sul mare

Image by Marco Crupi Visual Artist via Flickr

E’ un invito a mettere da parte le rispettive specificità e a guardare ad un disegno unitario in politica. Non siamo al cospetto dell’ennesimo movimento politico ma ad un soggetto virtuale che ha il solo scopo di evitare la dispersione del voto attraverso la costituzione di una confederazione di partiti cosiddetti minori su un progetto unico per imprimere una svolta radicale al sistema paese oggi ibernato su partiti che non riescono a dare le giuste risposte alle attese degli italiani. Nel suo genere è un movimento rivoluzionario in quanto si prefigge, attraverso il voto consapevole, di mettere in minoranza partiti come il Pd, il Pdl e il Terzo Polo con il risultato di fare piazza pulita della loro classe dirigente.
Il programma è semplice e condivisibile. Intende incentrarsi su due fondamentali diritti: quello alla vita e a vivere. Entrambi sono inscindibili. Non si può infatti garantire la vita senza tutelare, al tempo stesso, il nuovo venuto, assicurandogli, a tutto tondo, l’assistenza, l’alimentazione, l’istruzione, il lavoro e una vecchiaia serena.
Le risorse ci sono se ben mirate e se si sanno ricuperare gli sprechi e le evasioni. Gli italiani, nella fattispecie, riteniamo siano pronti nel fare la loro parte, se si interfacciano con chi sa fare in modo che nessuno sfugga al proprio dovere sociale, civico e culturale.
Siamo al cospetto di grandi trasformazioni dettate dalla presenza sempre più incisiva delle tecnologie che modificano le nostre abitudini, il nostro rapporto con il mondo che ci circonda e rendono rapidamente obsolete alcune prestazioni e livelli d’istruzione e relazioni lavorative. Spariscono o sono ridimensionati alcuni mestieri e professioni. Alcuni lavori si automatizzano, altri restano manuali ma a determinate condizioni, altri ancora si imboccano con modalità diverse.
Una nazione come l’Italia, che non dispone di proprie risorse energetiche e sottoposta al tiro incrociato di una globalizzazione che rende il lavoro concorrenziale, le produzioni volatili e i trasferimenti di beni finanziari cliccando sul mouse, ha bisogno di presentarsi alla platea internazionale con un suo progetto innovativa che faccia un balzo in avanti efficace verso ciò che il futuro prospetta e che altri meno accorti stentano a pervenirvi in tempi relativamente brevi. E’ questa la vera sfida. Una sfida che fonda il suo successo sull’organizzazione del lavoro, la qualità dell’istruzione, un sistema previdenziale combinato con la tutela del lavoro e un’assistenza che diventa universale nella prevenzione. E i progetti in dettaglio sono già pronti ma la chiave del loro successo è se si affrontano nella loro globalità, considerando le loro inevitabili interazioni. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »