Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Il made marmo italiano mantiene i valori

Posted by fidest press agency su domenica, 25 dicembre 2011

Panoramica delle cave di marmo a Carrara

Image via Wikipedia

Nei primi nove mesi del 2011 il settore lapideo italiano ha esportato complessivamente 3 milioni di tonnellate di marmi, graniti, pietre e travertini grezzi e lavorati, comprendendo anche granulati e polveri, per un valore di oltre un miliardo e 208 milioni di euro, con un incremento del +4,1% sui valori e con un saldo negativo del – 4,7% sui volumi rispetto all’anno precedente.
Le statistiche sono state elaborate e diffuse dall’Internazionale Marmi e Macchine Carrara che prosegue così le consuete rilevazioni ed elaborazioni mensili relative all’andamento dell’export di settore in attesa di diffondere i risultati della rilevazione congiunturale di settore a libello nazionale che saranno presentati nel prossimo mese di gennaio.
“I saldi generali si presentano ancora in attivo rispetto ai valori dello periodo del 2010 – commenta il presidente di IMM Giorgio Bianchini – anche se le quantità esportate continuano ad avere un saldo negativo così come emergeva dalle rilevazioni precedenti. Occorrerà arrivare a fine anno per avere un panorama più definito tenendo conto di una fase di forte contrazione dell’economia mondiale che coinvolge sia i paesi di destinazione dei prodotti lavorati sia, per motivi diversi, aree di sbocco per i grezzi come il nord Africa mentre il medio Oriente offre segnali interessanti”.
Restringendo la lettura delle statistiche dell’export alle sole voci principali dei materiali ornamentali (marmi e graniti grezzi e lavorati) i valori diventano 2 milioni e 240 mila tonnellate per un miliardo e 160 milioni di euro, anche se le variazioni percentuali non presentano grandi cambiamenti ma fanno emergere un maggiore valore aggiunto collegato all’export di marmi e graniti lavorati. La voce più importante dell’export italiano resta quella dei marmi e dei travertini lavorati, anche se registra un segno negativo sui valori complessivi mentre il valore medio unitario (cioè il valore medio di una tonnellata di esportato) registra un apprezzamento del +9,7% per i marmi lavorati, in confronto al +3,1% dei graniti lavorati che restano però positivi anche sui volumi.
Qualche riflessione specifica meritano i mercati di destinazione dei prodotti e materiali italiani: l’Unione Europea si mantiene positiva sui valori, soprattutto sui valori medi con una crescita di oltre il 6%, grazie a Germania, Francia e altri paesi relativamente minori, come Polonia Slovacchia e Austria che importano lavorati di pregio e ad alto valore aggiunto. Positivo, nel complesso anche il mercato dell’Europa non comunitaria con crescita sia dei volumi sia dei valori medi confermando che su questi mercati il “saper fare” italiano rende il lapideo un prodotto ricercato con crescita costante di appeal.In questa area, che si conferma importante, Svizzera, Russia e Croazia, nell’ordine, sono i partner più vivaci e ricettivi ma segna ottime performances anche una repubblica nuova come il Turkmenistan grazie ai grandi progetti di sviluppo in atto. Il Nord America, uno dei mercati più importanti anche in epoche non lontane, resta stabile su livelli modesti rispetto al passato con import soprattutto di marmi, in particolare lavorati, per 105 milioni e 600 mila euro, rispetto ad un totale di 191 milioni e mezzo per le voci maggiori facendo però registrare un meno 0,3% rispetto al 2010 con un lieve apprezzamento del valore medio unitario. Nell’America Latina crescono Messico, Brasile e Cile, nell’ordine, che si attestano su cifre ancora modeste rispetto alle potenzialità di mercato, pur trattandosi spesso di paesi che producono in proprio materiali interessanti e dispongono già di un’ottima industria di trasformazione. Cresce comunque l’export verso questi paesi di lavorati di marmo sia in quantità sia nel valore.
Il mercato del Medio Oriente presenta un buon andamento con ascesa costante di importanza nel quadro nazionale: buoni risultati fa segnare soprattutto l’Arabia Saudita, con quasi 50 milioni di euro di importazioni e una crescita significativa anche nel valore medio di prodotto acquisito. Positivo anche il trend di Kuwait e Qatar: tutta insieme l’area segna un +2% in quantità e un +7,9% in valore. L’Estremo Oriente, invece, incrementa i valori dell’import e supera i 200 milioni di euro, concentrati praticamente solo sulle voci maggiori. Il partner più importante è ancora la Cina, con oltre 81 milioni di euro su tutte le voci, seguita dall’India e dall’Indonesia. Ma anche Taiwan e Hong Kong crescono in valore e in valore medio, e superano rispettivamente gli 11 e i 17 milioni complessivi di euro. Più statiche le importazioni che crescono solo sui graniti (in primis grezzi), ma si attestano comunque sopra il milione e 360 mila tonnellate, per 324 milioni di euro. I paesi fornitori rimangono nella lista dei nostri tradizionali partner, sia asiatici che sudamericani, soprattutto: India, Cina e Brasile per i graniti, e poi Turchia, Francia, Portogallo e Spagna per i marmi e i calcarei in generale, con alcuni Paesi più recenti in crescita, come la Croazia,e in misura abbastanza minore l’Albania.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: