Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 25

Federfarma serpeggia lo sconcerto

Posted by fidest press agency su sabato, 14 gennaio 2012

English: LED pharmacy cross in full color Fran...

Image via Wikipedia

Cinquemila farmacie in arrivo, anche settemila se si calcolano quelle in aeroporti e centri commerciali. Dalle prime stime ufficiose che circolano in Federfarma e in Fofi, dovrebbe essere questo l’impatto del quorum a tremila ventilato dal Governo nella bozza di decreto diffusa ieri. «Una cifra insostenibile» secondo una nota di Federfarma. Sono calcoli ancora da verificare e dettagliare, ma servono già a dare un’idea di quello che potrebbe accadere tra qualche mese. E dove: secondo le stime del sindacato, infatti, più di due terzi delle nuove aperture dovrebbe concentrarsi nei comuni con più di 9mila abitanti, un migliaio al massimo negli altri. Anzi, c’è chi prevede già che a soffrire maggiormente saranno le farmacie del centro sud, quelle che già oggi patiscono ritardi nei pagamenti e inefficienze varie. «Incomprensibile poi» secondo Federfarma «la previsione di far rientrare dalla finestra la vendita nelle parafarmacie e nei supermercati dei farmaci di fascia C con obbligo di ricetta. Tale possibilità, superata dal Parlamento in occasione della recentissima approvazione del decreto Salva-Italia, verrebbe introdotta a macchia di leopardo, nelle Regioni nelle quali non si dovesse riuscire ad espletare i concorsi e ad assegnare nei ristretti tempi previsti almeno l’80 per cento delle nuove sedi farmaceutiche. In questo modo si creerebbero anche assurde differenziazioni tra Regione e Regione . «Altrettanto assurda è la riduzione da due anni a soli sei mesi del tempo massimo concesso agli eredi per vendere la farmacia in caso di decesso del titolare, con il rischio di chiusura dell’esercizio» conclude il presidente di Federfarma Annarosa Racca. «Apprezziamo comunque che il Governo sembra orientato ad affrontare in modo organico l’ammodernamento del servizio farmaceutico, nel rispetto dei principi generali che sono alla base della normativa attuale e che hanno anche ottenuto l’apprezzamento della Corte di Giustizia Europea».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: