Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 24 gennaio 2012

Italia ospite d’onore 36ma edizione Fiera internazionale Libro Calcutta

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

E’ la più importante manifestazione del settore editoriale nel Paese, in programma dal 25 gennaio al 5 febbraio.
La presenza italiana, curata dalle istituzioni italiane locali – il Consolato Italiano a Calcutta e l’Ambasciata d’Italia a New Delhi -, prevede la realizzazione di uno spazio espositivo e un programma di incontri culturali: l’ampio padiglione di 500 mq, che rappresenterà un’elegante area urbana italiana, racchiuderà uno spazio con libri di autori italiani in italiano (500 volumi inviati delle case editrici italiane che hanno collaborato all’iniziativa), una libreria con libri di autori italiani in traduzione inglese e un’area incontri, che vedranno la presenza di autori come Dacia Maraini, Alessandro Baricco, Beppe Severgnini e Valerio Massimo Manfredi, ma anche come Angela Staude Terzani e Sandra Petrignani.
L’Associazione Italiana Editori (AIE) organizzerà, a completamento dell’iniziativa, una missione di alcune case editrici, grazie anche al contributo del Ministero Affari Esteri e alla collaborazione dell’ex-ICE Ufficio di New Delhi. Gli editori presenti – Casalini Libri, Edizioni Sonda, EGEA, GeMS Gruppo Editoriale Mauri Spagnol, Guerra Edizioni, Metropoli d’Asia – rappresentano un mix in grado di presentare una panoramica della nostra editoria sia per settori di produzione (dalla narrativa alla saggistica, dalla letteratura per bambini alla produzione universitaria, ai testi per l’insegnamento dell’italiano), sia per dimensioni (dai piccoli editori specializzati ai grandi gruppi).
“L’obiettivo – ha spiegato il direttore di AIE Alfieri Lorenzon, che guiderà la delegazione editoriale – è capire quali sono i segmenti editoriali in cui l’editoria italiana potrebbe avere maggiori possibilità di successo, far conoscere agli editori indiani le peculiarità del nostro mercato e incontrare rappresentanti della filiera indiana per avviare rapporti di collaborazione. La Fiera di Calcutta sarà infatti l’occasione per presentare per la prima volta in modo istituzionale la nostra editoria attraverso momenti comuni con gli editori indiani e con la Publishers & Booksellers Guild”. Le case editrici italiane svolgeranno inoltre una serie di appuntamenti B2B con interlocutori indiani per la compravendita dei diritti.
Le cifre: E’ cresciuta a partire dalla seconda metà degli anni ’90 la presenza di autori indiani – soprattutto di narrativa – nei cataloghi delle case editrici italiane: complessivamente il lettore può scegliere tra un’offerta, proposta da 36 case editrici, di 169 titoli di 70 autori indiani. L’editoria indiana rappresenta lo 0,2% delle traduzioni di un’editoria come quella italiana in cui il 20% dei titoli pubblicati provengono da altre editorie. Cresce, anche se i numeri restano piccoli, la vendita dei diritti di libri italiani verso il mercato indiano. Raddoppiano nella seconda metà dell’ultimo decennio e lasciano soprattutto intravedere un trend di crescita costante in assenza di politiche coordinate di intervento.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aziende fallite nel 2011

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

Nell’anno appena concluso in Italia si sono registrati 11.707 fallimenti, con una crescita del +4% rispetto agli 11.289 casi del 2010 ma un ben più preoccupante +25% rispetto ai 9.383 casi del 2009, quando la crisi economica aveva già cominciato a manifestarsi in tutta la sua gravità. Nel quarto trimestre 2011, in particolare, i fallimenti sono stati 3.313, in crescita rispetto ai primi 3 trimestri dell’anno quando i casi rilevati erano stati rispettivamente 2.908 (a fine marzo), 3.301 (a fine giugno) e 2.185 (a fine settembre). E’ quanto emerge dall’Analisi dei fallimenti in Italia realizzata da CRIBIS D&B, la società del Gruppo CRIF specializzata nella business information. La maggior parte dei fallimenti in Italia ha coinvolto realtà della Lombardia, dove del resto è concentrata una grossa fetta delle imprese italiane: più precisamente da gennaio a dicembre 2011 sono state 2.613 le procedure concorsuali rilevate in questa regione, di gran lunga la più interessata dal fenomeno. Seguono, con meno della metà di casi, Lazio e Veneto rispettivamente con 1.215 e 1.122 casi. Più distanti Campania (1008), Emilia Romagna (899), Toscana (857), Piemonte (843) e Sicilia (601). I settori maggiormente in difficoltà sono quelli dell’edilizia e del commercio, in cui si concentrano maggiormente i fallimenti nei primi 12 mesi dell’anno appena concluso. Il più colpito è risultato essere il comparto della “costruzione di edifici” (1.378), seguito da commercio all’ingrosso di beni durevoli (917), installatori (916), servizi commerciali (702), commercio all’ingrosso di beni non durevoli (650). Secondo l’analisi di CRIBIS D&B nel 2011 un numero elevato di fallimenti ha coinvolto anche imprese del settore immobiliare (479 casi), dell’industria manufatti in metalli (459), dei trasporti e servizi merci su gomma (451), ma anche ristoranti e bar (446). “Il quadro che emerge dall’osservazione di questi dati – afferma Marco Preti, Amministratore Delegato di CRIBIS D&B – fornisce una ulteriore conferma del momento di estrema difficoltà che stanno vivendo le imprese italiane, specie quelle più fragili e quelle appartenenti a settori che, più di altri, stanno risentendo della congiuntura economica negativa. Del resto, gli avvenimenti che hanno contraddistinto il secondo semestre 2011 hanno peggiorato ulteriormente uno stato di salute di molte imprese, già minato da una crisi economica che perdura ormai da oltre 3 anni”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nelson Pereira incontra gli studenti

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

Roma 27 gennaio 2012 ore 16.00 aula I – edificio di Lettere piazzale Aldo Moro 5. Il regista Nelson Pereira Dos Santos, esponente del cinema nôvo brasiliano, incontrerà gli studenti della Sapienza presso la facoltà di Lettere e filosofia. Nelson Pereira è particolarmente conosciuto grazie a opere quali: Rio 40 gradi, potente affresco delle metropoli brasiliane; Vidas Secas, sulle drammatiche siccità estive del Nord-est brasiliano e sui suoi abitanti; Fome de amor, esempio di sperimentazione introspettiva; Como era gostoso o meo frances, ritratto dei rapporti tra indios e invasori bianchi. In programma gli interventi dell’ambasciatore del Brasile, di Maurizio De Benedictis, docente di Storia del cinema e di Ettore Finazzi Agrò, docente di letteratura portoghese e brasiliana.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Annali AMD

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

Roma 31 gennaio, ore 11:30 Hotel Nazionale Piazza di Montecitorio. La sesta edizione degli Annali AMD si presenta con un contenuto diverso rispetto alle precedenti. Infatti, grazie alla creazione di un enorme database nazionale, contenente le informazioni raccolte dai centri di diabetologia in sei anni (dal 2004 al 2009), è stato possibile analizzare come si è evoluta la qualità dell’assistenza diabetologica in Italia. In particolare, il volume 2011, dal titolo “Livelli di controllo metabolico, pressorio e lipidico e utilizzo dei farmaci nel diabete di tipo 2. Anni 2005-2009 a confronto” contiene, per la prima volta nel nostro Paese, un approfondimento, nel diabete di tipo 2, sulla relazione tra cambiamenti nei livelli di controllo dei principali parametri clinici e fattori di rischio cardiovascolare associati al diabete (emoglobina glicosilata, pressione arteriosa e profilo lipidico) e utilizzo di farmaci antidiabetici, antiipertensivi e anticolesterolo. L’obiettivo del documento è come sempre fotografare la realtà assistenziale e offrire spunti di discussione sui traguardi raggiunti e sugli attuali bisogni inevasi del trattamento e dell’assistenza alla malattia in Italia.Parteciperanno all’incontro:
· Sen. Emanuela Baio, Presidente Comitato per i diritti delle persone con diabete
· Carlo B. Giorda, Presidente AMD
· Antonio Ceriello, Vicepresidente AMD
· Giacomo Vespasiani, Coordinatore Annali AMD

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: emergenza rifiuti

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

“L’emergenza rifiuti a Roma è dovuta ad una serie di errori amministrativi ed industriali, ad un approccio culturale sbagliato ma anche ad inerzie ed omissioni incomprensibili. Con un’interrogazione parlamentare ho chiesto al ministro Clini di fare chiarezza su tutto questo”. E’ quanto dichiara in una nota Andrea Sarubbi (Pd), deputato del Partito democratico. “Come dimostra impietosamente la trasmissione “Presa diretta” andata in onda ieri sera, e come da tempo denuncia il Pd Roma, all’improvvisazione nella gestione della differenziata, si aggiunge il dubbio che l’impegno quotidiano dei cittadini romani venga buttato letteralmente nel secchio a causa dell’incapacità del Comune di gestire il sistema dei rifiuti. I numeri già scarsi della differenziata a Roma rischiano quindi di essere anche inutili: per questa ragione ho chiesto al ministro dell’Ambiente di rendere pubbliche le cifre reali del materiale recuperato dalla raccolta differenziata e di quello effettivamente riciclato nell’anno passato. Proprio in un momento di crisi come questo, la fiducia dei cittadini è una risorsa che non deve essere in alcun modo sprecata.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Terrorismo in Nigeria

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

In seguito agli attacchi terroristici di venerdì scorso nella Nigeria settentrionale, Michael Idika, presidente dell’Associazione del popolo Ibo “Ohanaeze Ndigbo” dello stato federale di Kano chiede al governo di mettere a disposizione i veicoli necessari per evacuare gli Ibo del nord verso le regioni sudorientali della Nigeria. Secondo quanto apprende l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM), circa tre milioni di Ibo cristiani sarebbero pronti a lasciare la propria casa per cercare rifugio nel sud del paese. Gli Ibo si sentono vittime della campagna di terrore avviata dalla setta Boko Haram e non credono più nella capacità di tutela delle forze dell’ordine governative. Nelle scorse quattro settimane diverse decina di migliaia di Cristiani sono già fuggiti dalle regioni settentrionali della Nigeria, in cui la maggioranza della popolazione è di fede musulmana.Da Natale 2011 ad oggi gli attacchi terroristici di Boko Haram hanno causato più di 270 vittime e la violenza contro i Cristiani e la polizia nel nord della Nigeria ha ormai assunto proporzioni drammatiche. Tra gennaio e novembre 2011 425 persone sono morte a causa degli attacchi di Boko Haram, ma se la setta radical-islamica continuerà a seminare paura e terrore con la stessa intensità con cui è attualmente attiva, il numero dei morti potrebbe essere ancora più alto nel 2012 che potrebbe così diventare l’anno più sanguinoso mai vissuto dalla Nigeria dopo il genocidio nel Biafra tra il 1967 e il 1970.Gli attacchi di venerdì scorso contro strutture della polizia di Kano hanno causato almeno 165 morti. Un ulteriore attacco contro il presidio della polizia nel quartiere di Bompai è stato sventato all’ultimo momento. La polizia ha sparato a un presunto attentatore suicida mentre con la sua auto si stava avvicinando in modo sospettoso all’edificio della polizia. Nella macchina era stata poi trovata una bomba. E’ evidente che la polizia e l’apparato di sicurezza nigeriani non hanno sufficienti risorse per poter garantire la sicurezza delle minoranze e delle strutture governative. La corruzione, il mancato coordinamento degli interventi e l’abuso di potere hanno profondamente minato la fiducia della popolazione nelle forze di sicurezza statali. Inoltre la lotta alla setta Boko Haram è poco efficace, soprattutto a causa dell’esiguo coordinamento tra polizia, esercito e altre forze di sicurezza. Forti e aspre critiche si sono levate contro la polizia mercoledì scorso, quando uno dei principali sospettati per la pianificazione di un attentato a una chiesa cattolica è riuscito a fuggire mentre era agli arresti. Il 28enne Kabiru Soto è sospettato di avere pianificato l’attentato di Natale 2011 alla chiesa di Santa Teresa di Madalla (vicino alla capitale Abuja) in cui sono morte 37 persone e altre 57 sono rimaste ferite.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Carburanti: decreto liberalizzazioni

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

>“Il decreto sulle Liberalizzazioni che contiene norme in materia di carburante, ha un suo punto qualificante nella liberta’ di rifornimento ma il punto centrale e’ che tale liberta’ da parte dei gestori/proprietari impatta su 3.500 impianti (dato desunto dai data base delle regioni) e non su 500 come erroneamente riportato da alcuni quotidiani” lo afferma in una nota Franco Ferrari Aggradi, presidente di Assopetroli Assoenergia, l’associazione che ha dato vita al fenomeno delle c.d. “pompe bianche” o “no logo”. “Cio’ consente in linea teorica – aggiunge Ferrari Aggradi – di portare le pompe no-logo ad oltre 5.000 (considerando le 1.600 gia’ esistenti) pari ad oltre il 20% del totale degli impianti esistenti in Italia. Numero che gia’ rappresenta il limite oltre il quale l’effetto di contenimento dei prezzi del carburante, prodotto dal fenomeno “pompe bianche”, rischia di arretrare rispetto al massimo del vantaggio. Cioe’ – spiega Ferrari Aggradi – aumentando i punti ‘no logo’ si riduce il numero degli impianti limitrofi da cui catturare ‘vendite’ e quindi l’erogato medio della singola ‘pompa bianca’, che e’ l’elemento che sostiene una politica di prezzo aggressiva a vantaggio del Consumatore finale. La ‘pompa bianca’ non ha dei costi globali di gestione dell’impianto diversi da quelli di un impianto tradizionale ‘a marchio’ ne’ ha canali di acquisto diversi, quindi cio’ che fa la differenza e’ la quantità di carburante venduto su cui spalmare i costi di gestione ed il margine di guadagno. Dunque l’equilibrio e’ precario e richiede molta attenzione perche’ se tutta la rete applicasse la politica prezzi oggi applicata dalle ‘pompe bianche’ ed il numero degli impianti rimanesse immutato, i prezzi ritornerebbero, gioco forza, ad essere non dissimili da quelli attuali della rete “a marchio”. Prova ne è il fatto che nelle zone di maggior diffusione delle “pompe bianche”, in particolare il Nord-Est, gia’ emergono segnali di sofferenza da parte dei gestori delle pompe bianche, ed in alcuni casi di crisi nei loro conti economici. L’equilibrio perfetto si troverebbe in un numero di “pompe bianche” – conclude Ferrari Aggradi – contenuto (10-15% del totale) ma equamente distribuito sul territorio nazionale”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diritti: rappresentanza militare

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

Bisogna restituire ai militari il diritto di scegliere democraticamente i propri rappresentanti. Pertanto, in occasione del Decreto Milleproroghe chiedo al Governo di rigettare gli emendamenti presentati da alcune forze politiche e finalizzati ad allungare il mandato degli organismi di rappresentanza militare a tutto il 2012. Si tratterebbe della terza proroga imposta, nonostante la netta contrarietà del personale militare, che più volte ha richiesto di non mantenere più in carica l’attuale Cocer interforze e i vari Consigli di rappresentanza militare. Peraltro, il Governo, a seguito dell’approvazione di un Ordine del giorno, si era impegnato ‘a valutare l’opportunità di non concedere ulteriori proroghe del mandato’ e a ‘porre in essere ogni utile azione che consenta di procedere al rinnovo degli organismi’. Il Governo deve agire coerentemente con l’impegno preso, perché non c’è giustificazione alcuna per continuare a impedire a 400 mila cittadini che servono lo Stato di potersi scegliere chi li deve rappresentare.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Territori e cittadini

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

“Consorzi di bonifica ed Amministrazioni Comunali devono stringere ovunque Patti per il Territorio, finalizzati ai migliorare lo scambio di informazioni e l’efficienza operativa nell’interesse dei cittadini.”
Lo afferma Massimo Gargano, Presidente dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni, presente a Mogliano Veneto, nel trevigiano, per la firma del Protocollo d’Intesa fra A.N.C.I. (Associazione Nazionale Comuni Italiani) Veneto ed Unione Veneta Bonifiche. “Si tratta di dare sistematicità alle centinaia di accordi, che già esistono localmente; lo evidenzieremo anche in occasione della presentazione del nuovo Piano Nazionale per la Mitigazione del Rischio Idrogeologico, prevista a Roma il prossimo 15 febbraio. D’altronde, la sicurezza del territorio è elemento cardine per lo sviluppo ed oggi è minata non solo dagli evidenti cambiamenti climatici, ma anche da una spesso dissennata programmazione urbanistica. Basti pensare che, in anni recenti, nel nostro Paese è stata cementificata una superficie pari all’intera Italia Settentrionale; assumerne consapevolezza per evitare il ripetersi degli errori è quanto chiedono i consorzi di bonifica ai Comuni.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giovani: turisti last minute sempre più low cost”

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

Turismo low cost per i giovani italiani che devono fare i conti, più di altri soggetti sociali con gli effetti della crisi economico-finanziaria. Le giovani generazioni non smettono di viaggiare, pur modificando scelte per l’individuazione delle destinazioni e i comportamenti durante i soggiorni. Da un’indagine condotta dai Giovani delle Acli in collaborazione con il CTA (Centro turistico Acli) risulta, infatti, che su mille giovani tra 25 e i 35 anni si è registrata una preferenza di viaggio per il Capodanno a favore delle capitali europee. In particolare il 55% dei giovani ha scelto come meta le città di Parigi, Londra, Vienna e Madrid. L’indagine ha messo anche il risalto il budget destinato al turismo a disposizione delle giovani generazioni. Esso risulta sempre più limitato (il 40% può contare su circa 200.00 euro il 20% può spendere fino a 300.00 e il 10% non supera i 500.00 euro). Scelte derivanti oltre che dalle difficoltà economiche dovute al momento di crisi anche dalla precarietà e dai nuovi tempi di lavoro. “Low cost e Last minute sono le parole magiche che sembrano aver donato ai giovani opportunità di viaggio prima riservate a pochi – dichiara Giuseppe Failla, Segretario Nazionale dei Giovani delle Acli- Dietro queste parole, però, si insidia il rischio di un profondo cambiamento culturale che vuole fare del viaggio un semplice girovagare. Aumentano così i giovani viaggiatori del fine settimana che collezionano sorrisi stampati su foto con alle spalle luoghi che rimangono sconosciuti. Una logica da Risiko che al posto dei carri armati e delle bandierine per indicare i luoghi conquistati utilizza le Lonely Planet orgogliosamente disposte in fila nelle librerie di casa”. Una deriva, questa – continua Failla – che rischia di sminuire l’importanza formativa ed educativa del viaggio, inteso innanzitutto come incontro, relazione e conoscenza tra culture diverse. Per i giovani tutto questo si più tradurre in una grande opportunità: quella di scegliere una forma di turismo responsabile ed etico che contrasti le logiche speculative di un mercato turistico attento alle logiche del profitto”. Più in generale una nota del CTA sottolinea che durante le vacanze di fine anno si è registrato un incremento delle visite nelle regioni più belle del nostro Paese. Il 58% dei TO internazionali ha infatti registrato un incremento delle vendite del prodotto Italia rispetto allo scorso anno e più precisamente il prodotto turistico maggiormente richiesto e quello delle grandi città d’arte.Poco Natale e molto Capodanno la scelta degli Italiani che hanno preferito soggiorni più brevi; Per Natale sono stati 7,3 milioni gli italiani che si sono spostati dalla propria città e di essi l’86% è rimasta in Italia e solo il 14% è andata all’estero; le regioni più gettonate sono state la Sicilia, il Trentino Alto Adige, il Veneto, il Lazio, la Campania e la Lombardia; ma la maggior parte degli Italiani ha preferito un alloggio presso la casa di parenti o amici dormendo una o due notti fuori. Per il Capodanno, la vacanza preferita è stata la montagna, ponendo la Lombardia al primo posto seguita dal Trentino, Veneto, Lazio e Toscana. Nonostante queste piccole riprese il quadro che si sta delineando per il turismo italiano a chiusura del 2011, è un quadro preoccupante evidenziando un calo complessivo di quasi l,8% per il comparto turistico.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ansell Limited Expands Korean Presence

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

Melbourne, AustraliaAnsell Limited (ANN.AX), a global leader in protection solutions, today announced it has entered into a multi-year agreement with Koreca Industries. Koreca Industries is based in Daegu and is a leading hand protection specialist in Korea.As a part of this agreement, Ansell has appointed Koreca Industries its exclusive distributor of Industrial and New Verticals personal protective equipment (PPE) products in the Republic of Korea. Furthermore, Ansell has an option to make equity investments in Koreca Industries in stages over several years.Magnus Nicolin, CEO of Ansell Limited commented “By partnering with Koreca Industries, Ansell will significantly strengthen its presence in Korea in the PPE market. This move is well aligned with our previously communicated ambition to expand globally in fast-growing markets”.
Ansell is a world leader in providing superior health and safety protection solutions that enhance human well being. With operations in the North America, Latin America, EMEA and Asia, Ansell employs more than 10,000 people worldwide and holds leading positions in the industrial and medical gloves market, as well as in the sexual health and well being category worldwide. Ansell operates in four main business segments: Medical Solutions, Industrial Solutions, New Verticals, and Sexual Wellness. Information on Ansell and its products can be found at http://www.ansell.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Marketsand Markets: Global Clinical Trial Management Systems Market Worth $1300.4 Million by 2016

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

Dallas.The report “Clinical Trial Management Systems (CTMS) Market: Global Trends, Opportunities, Challenge and Forecasts (2011 – 2016)”, as the name suggests, analyzes and studies the major market drivers, restraints, and opportunities in North America (U.S. and Canada), Europe, Asia, and Rest of the World.Browse market data tables and in-depth TOC on Clinical trial management system market.http://www.marketsand markets.com/ Market-Reports/clinical-trial-management-systems-market-470.htmlEarly buyers will receive 10% customization on reports.Clinical trial is a medical research study that is performed in humans to check the safety and efficacy of drugs, devices, and therapeutic products before they are launched into the market for patient use. Clinical trials are very crucial as they involve huge capital investment and may affect the subjects involved. Thus proper management of clinical trials has become a priority for the hospitals.Clinical Trial Management System caters these needs of clinical trial players as CTMS is employed to manage the large amounts of data involved in a clinical trial. It maintains the planning, preparation, performance, and reporting of clinical trials, including participant information, trial and filing deadlines and other important milestones. The global CTMS market is estimated to grow at a CAGR of 14.53% during the study period (2011-2016).In this report, the global CTMS market is studied by the end-users, delivery mode, components, and types through various geographies. North America is leading the global CTMS market with around 62% share in 2010, as majority of the global clinical trials are conducted in North America, especially in the U.S. (around 58.5% share).The U.S. is the largest market, and shows a remarkable growth opportunity. The second largest market, Europe, while growth in the Asia-Pacific region is also expected to take greater curves in the near future.Major players in the Clinical Trial Management Systems Market [ http://www.marketsandmarkets.com/Market-Reports/clinical-trial-management-systems-market-470.html ] include Oracle Corporation (U.S.), Perceptive Informatics (a subsidiary of Parexel International Corporation) (U.S.), Medidata Solutions (U.S.), eResearch Technology Inc. (U.S.), and BioClinica Inc. (U.S.).
MarketsandMarkets is a global market research and consulting company based in the U.S. We publish strategically analyzed market research reports and serve as a business intelligence partner to Fortune 500 companies across the world.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Titan Poker Improves Performance, Look and Feel of Software

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

London. Online poker players will enjoy the intuitive and friendly navigation menus, the quick seat and my favorite functions, and the bonus redemption progress stats. Leading online poker room Titanpoker.com, has upgraded its poker software to improve loading and performance capabilities. As part of ongoing efforts to enhance its gaming environment, Titan Poker’s software lobby was completely redesigned with a clean look and feel. The new lobby, re-sized at an easy-on-the-eyes 1000×700 pixels, provides online poker players with an intuitively easy navigation menu, allowing them to quickly find the cash tables and tournaments that they would want to join. The menu includes easy access to a graphical listing of the player’s favorite games, tables, and tournaments, as well as a “quick seat” function that makes it possible for a player to choose an appropriate table within seconds. In the redesigned lobby, poker players are able to easily follow the progress statistics of their player point accumulation, hands played, and bonus redemption status. Players nostalgic for the older version of Titan Poker’s lobby design can switch back to that earlier viewing mode with the click of a button.
The redesign of the Titan Poker lobby is the latest step of the online poker room’s ongoing efforts to improve the gaming experience it offers players. In the coming weeks, Titan Poker will introduce new and exciting types of tournaments, alongside an ever-changing schedule of innovative promotions and gaming activities that will interest novice and veteran poker players alike.Online poker players alike are invited to try out the free poker software download at Titan Poker and experience the redesigned lobby and enhanced features of Europe’s most exciting online poker room.
Titanpoker.com is the number one online poker room in Europe and part of the iPoker Network.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Per i medici scatta l’obbligo di indicare il generico in ricetta

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

È confermata nel decreto sulla Liberalizzazione uscito dal Consiglio dei Ministri la norma che obbliga il medico a indicare in ricetta, accanto alla prescrizione, la dicitura «o farmaco equivalente se di minor prezzo», con l’unica eccezione per la presenza «di ragioni terapeutiche contrarie nel caso specifico». L’obbligo è previsto dal momento in cui è immesso in commercio un farmaco generico e si estende anche alla specificazione dell’inesistenza del farmaco equivalente. La norma aveva fatto infuriare i medici già nel momento in cui è circolata in bozza. Secondo i sindacati della medicina generale in particolare si tratterebbe di un provvedimento che mina la loro autonomia e libertà prescrittiva.(fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il manifesto del pensionato

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

La consapevolezza che ci troviamo in un momento di gravi disagi ci stimola alla ricerca di soluzioni che possano creare, in via prioritaria, stimoli virtuosi ma capaci d’equilibrare l’impegno in rapporto alla capacità contributiva dei singoli soggetti.
Ciò significa che il pensionato in quanto tale e con un reddito medio-basso intende stabilire una grande alleanza con tutte quelle parti sociali per loro natura più fragili, economicamente parlando, come i giovani in cerca del primo impiego, i lavoratori licenziati, in cassa integrazione, i lavoratori in nero, le famiglie monoreddito, i piccoli imprenditori, gli artigiani.
Ciò significa che a fronte di una aggregazione di milioni di persone che vivono nell’area del disagio e che, nonostante tutto, sono esposte ad una continua aggressività fiscale e sottoposte al caro-vita, vi è una parte minoritaria del paese che si avvale di indebiti privilegi e viene meno al suo dovere di contribuire in proporzione al proprio reddito.
E’ tempo che questo disequilibrio venga corretto e se i politici non hanno la forza di farlo, in quanto soccubi d’interferenze clientelari, di poteri forti, di comitati d’affari è giusto intervenire con la sola arma che la democrazia ci offre: il voto.
Chiediamo di staccare la spina ai partiti tradizionali: Pd, Pdl e Terzo Polo di Casini e C. e di votare una coalizione nuova che abbia la caratteristica di proporre persone non legate in qualche modo alle suddette forze e composte da pensionati, giovani, disoccupati, precari, casalinghe, artigiani.
Il movimento che chiameremo “Aggregazione sociale” ha per simbolo una stella a cinque punte per rappresentare: pensionati, giovani, disoccupati, casalinghe, precari.
La mission si fonda su due diritti irrinunciabili: il diritto alla vita e il diritto a vivere. Vivere significa garantire a tutti l’assistenza, l’istruzione, l’alimentazione, il lavoro, un tetto sotto cui ripararsi.
La nostra tribuna sarà la rete web e la strada. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crescita e crisi debitoria

Posted by fidest press agency su martedì, 24 gennaio 2012

L’Italia si trova ad affrontare due situazioni altrettanto gravi: quella del debito sovrano giunto a circa duemila miliardi di euro e un deficit di crescita con un prevedibile segno negativo per il corrente anno. Questa situazione era già da tempo nota e nessun governo da 20 anni a questa parte ha cercato di porvi mano. Non lo ha fatto per via di una maggioranza risicata e per i veti incrociati degli alleati della coalizione. Non lo ha fatto allorché ha ottenuto una maggioranza qualificata per via delle sue anime lobbiste che preferivano l’immobilismo alle riforme strutturali, pena la perdita del consenso elettorale. Alla fine il grosso nodo è giunto al pettine ed è stato chiamato al capezzale del malato grave lo specialista che nella fattispecie oggi passa per governo tecnico ma che è in pratica un capovolgimento dei ruoli trasformando i tecnici in politici e i politici in un ruolo subordinato. Ora si cerca di fare ciò che andava fatto molti anni prima. Ma il ritardo accumulato si sta trasformando in disagio, in rivolta, in malessere allorché si mette mano a riforme pur necessarie per via del loro incancrenirsi. E’ soprattutto, una questione di mancata cultura politica e di etica. Ci siamo troppo a lungo crogiolati sul dolce non fare per dover oggi accettare una cura da cavallo. Abbiamo ereditato l’idea che le pressioni lobbistiche, clientelari, dei gruppi d’opinione, delle forze sociali conservatrici avrebbero potuto garantire i gruppi interessati dall’affrancamento di sacrifici e dalla tenuta dei privilegi acquisiti. E le resistenze odierne si spiegano in questo modo. Ma c’è di peggio. La tenacia nella quale i gruppi di pressione esercitano il loro ruolo si fa oggi sentire tanto bene che persino il governo tecnico ne risente gli effetti e si trova “costretto” ad alleggerire il contenuto dei suoi provvedimenti scaricandone gli effetti sulle categorie sociali meno “pressanti”. Ecco perché:
si parla di riforma delle pensioni solo penalizzando e non costruendo un modello nuovo e più adeguato alle bisogna;
si parla di lavoro solo pensando a come licenziare e non a pensare prima a creare nuova occupazione;
si parla solo di tasse e di imposte senza pensare alle inevitabili ricadute sul welfare indebolito da redditi medio-bassi e dal caro vita.
Si parla solo di crescita senza voler considerare che essa si fonda anche su una filiera breve, su trasporti intermodali efficienti su tutto il territorio nazionale oltre che ad una burocrazia più snella e una giustizia meno lumaca.
E il tutto deve essere condito da procedure rapide come lo dovrebbero essere quelle sui costi della politica visto e considerato che la politica una certa velocità l’ha imposta per attuare provvedimenti gravi e penalizzanti solo per talune categorie sociali e che, guarda caso, sono le più deboli ed esposte. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »