Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Con la sicurezza non si scherza

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 marzo 2012

Symbol of police. Italiano: Indicazione di pol...

Symbol of police. Italiano: Indicazione di polizia. (Fig. II 110/a art. 125 CdS) (Photo credit: Wikipedia)

C’era il Coisp in prima linea, questa mattina nelle varie città d’Italia, per difendere la dignità ed i diritti dei suoi iscritti e di tutto il personale del Comparto sicurezza del Paese. Migliaia nelle strade e nelle piazze per chiedere rispetto ed equità verso chi mette la propria vita a servizio degli altri.
“Vogliono metterci nelle condizioni di non poter difendere gli italiani. Con la sicurezza non si scherza, né si può pensare di sfornare provvedimenti ‘purchè siano’ infischiandosene delle gravi conseguenze che possono avere. Noi non ci stiamo, ora basta giocare con le nostre vite e con i diritti dei cittadini, noi compresi. Il Governo deve ascoltarci”.
Non usa mezzi termini Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, nell’esprimere la determinazione della propria Sigla Sindacale -come anche delle altre presenti, protagonista oggi davanti ai Ministeri del Lavoro e dell’Economia e davanti alle Prefetture del Paese per una ferma protesta per la tutela della specificità degli Appartenenti al Comparto Sicurezza in materia previdenziale. Sulle pensioni, in particolare, è stato ricordato che tre mesi fa il Presidente del Consiglio Monti, nel presentare la manovra finanziaria ai Sindacati di Polizia ed agli Organi di Rappresentanza militare, aveva dichiarato che avrebbe tutelato la specificità degli Operatori, ma adesso pare proprio che il Governo intenda innalzare fino a tre anni il limite di età per accedere alla pensione di vecchiaia; innalzare il limite di età e ridurre la contribuzione figurativa per accedere alla pensione anticipata e, più in generale, determinare un peggioramento delle condizioni di accesso degli Operatori alla pensione.
“Siamo scioccati – afferma Maccari – da come si possa venir meno così agli impegni assunti, sia pur a voce, riuscendo a tradire senza la minima preoccupazione la fiducia nostra e dei cittadini, che da questo Governo si aspettano un cambio deciso di rotta rispetto alle fandonie ed alle bugie che gli sono state raccontate in passato. E come si può pensare che la gente non arrivi a comprendere che aggravare le nostre condizioni lavorative significa diminuire il livello di sicurezza e l’efficienza del Comparto?”
“E’ esattamente ciò che succederà – aggiunge il Segretario del Coisp – pensando che si debbano trattenere in servizio uomini e donne che, pur logori dopo anni di sacrifici ed estenuanti attività che mettono a dura prova il fisico e l’anima, non possono giovarsi del meritato riposo perché si chiede loro ancora e ancora, fino a che non si reggono più neppure in piedi. Stentiamo a credere che il Presidente Monti come anche il Ministro Fornero, dall’alto delle rispettive competenze, non arrivino a comprendere cosa significa essere un Poliziotto, portare tutta la vita una divisa che a volte ha il peso schiacciante di prove che si stenta a superare ed a sopportare. Siamo sgomenti – insiste Maccari – di fronte alla totale mancanza di umanità oltre che della superficialità con cui si mette ulteriormente a rischio la sicurezza di tutti, non riconoscendo l’assoluta particolarità del mestiere che svolgiamo e la conseguente specificità delle condizioni in cui operiamo e viviamo”.
“Del resto – conclude Maccari – se dovesse piuttosto trattarsi di incompetenza in materia, cosa che comunque ci lascia basiti data la presenza all’intermo dei questo Esecutivo di chi il nostro lavoro lo conosce fin troppo bene, allora ciò vuol dire che è assolutamente urgente che si svolga tra noi ed il Governo un confronto serio e proficuo, nell’interesse di tutti e per il bene dell’Italia. Attendiamo dunque un faccia a faccia già annunciato, e confidiamo di non essere ignorati o presi in giro o sbeffeggiati come qualcuno in passato ha provato a fare. Nel frattempo non ci fermeremo, e faremo sentire la nostra voce con la forza, la determinazione e la capacità di resistenza che certamente a noi non difetta… visto, ahimè, ciò a cui i nostri governanti ci hanno da sempre abituato a subire”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: