Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 24 marzo 2012

Alessandro Goldoni 2029

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

In una Bologna fantascientifica e in un anno, il 2029, minacciato più che mai da una grave crisi internazionale e da una nuova Grande depressione, Alex Stanzani, cronista per un giornale locale, indaga sullo strano suicidio del suo caporedattore che, lanciandosi da una finestra, ha messo fine alla sua vita di uomo e di azione. Perché, nel surreale mondo messo in scena in questo romanzo dal giornalista e scrittore Alessandro Goldoni, uomini e donne sono soprattutto merce quotata in Borsa, l’Unione europea è stata definitivamente affossata dallo spread e l’unica moneta in circolazione è quella cinese. Insieme all’amico Sintesi, nano e morboso collezionista di bambole Bratz, Stanzani avvia una pericolosa indagine svelando una trama di complotti in cui sono coinvolti la sua direttrice detta Guernica per i suoi mille rattoppi chirurgici, un ferroviere sindacalista che assomiglia a Lenin e un transessuale-mantenuto. Pagine 240 Euro 16,00 Codice 23772Y EAN 978-88-425-4589-7

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Litokol alla scoperta del pianeta Cina

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Kampung Cina #4

Kampung Cina #4 (Photo credit: chooyutshing)

Litokol, azienda leader nella realizzazione di prodotti per la posa di materiali per l’edilizia, con un fatturato complessivo di circa 50 milioni di euro, ha aperto una nuova sede a Shanghai, nel distretto di Xuhui. L’azienda di Rubiera – presente con il proprio export in oltre 90 Paesi ed attiva, che con due location produttive in Italia, anche con due stabilimenti in Russia e in Armenia ed una trading company in Ucraina – continua la sua fase di internazionalizzazione approdano in Cina, uno dei mercati più importanti per lo sviluppo futuro, in grado di offrire grandi opportunità di business per le realtà produttive di tutto il mondo. I consumi privati cinesi, spinti dalla crescita del potere d’acquisto di fasce sempre più ampie della popolazione, segnano nuovi record, mentre l’allargamento della fascia del ceto medio-alto fa presupporre, per i prossimi anni, un incremento dei beni di lusso.In forte espansione anche l’utilizzo del mosaico nell’edilizia residenziale e commerciale, con una crescita produttiva del 20% e un consumo interno che sale del 60%.Attualmente sono oltre 1000 le aziende produttrici di mosaici con sede in Cina, e Shanghai, per la sua vocazione commerciale, produttiva e culturale, è la metropoli ideale dove intercettare le esigenze dei professionisti dell’edilizia e dei grandi contractor, specialmente per prodotti innovativi ad alto contenuto tecnologico come Litochrom Starlike®, il sigillante epossidico specializzato nella stuccatura di mosaici ceramici, in pietra naturale, artistici e vetrosi, realizzato da Litokol e destinato ad una clientela da alto di gamma.Ed è proprio l’intera ed esclusiva linea Litochrom Starlike®, completa di ogni tipo di accessorio, ad essere commercializzata nella sede cinese di Litokol, che apre con uno staff di 5 persone e si avvale di un’unità logistica in grado di gestire e far fronte, in tempi rapidissimi, a qualsiasi tipo di ordine, fornendo tutta l’assistenza tecnica e formativa necessaria ai professionisti locali. Situata al 33° piano di un modernissimo edificio, in una zona commerciale vicino al cuore pulsante della metropoli di Shanghai, la sede si pone come fulcro ideale per raggiungere non solo il mercato cinese, ma tutta l’area del Far East, in una prospettiva di sviluppo che da sempre vede Litokol protagonista su nuovi mercati.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’intelligenza del cuore

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

L’obiettivo di diventare sensibili, che può apparire inattuale per i giovani, si esprime nel cercare un difficile equilibrio tra la morbosa avidità di sensazioni forti e la chiusura che estromette la vita emotiva in nome di una razionalità onnicomprensiva.
Come scrive Roberta De Monticelli, il sentire è onnipresente e non è “opaco” e “irrazionale”, ma è apertura alla verità, ai valori, alle risposte etiche, al volere. Per questo nella complessità della vita affettiva riveste un ruolo prioritario l’educazione del sentire. L’esercizio del sentire è “il cuore stesso della formazione”. Se ci si attiene al valore del sentire sarà possibile gettare un nuovo sguardo sul mondo emotivo che spalanca inesplorati percorsi pedagogici.
È opportuno segnalare che lo sviluppo delle neuroscienze ripropone oggi l’importanza di una presenza delle emozioni nelle dimensioni normali della vita psichica, mostrando che separare mente e sentimenti, coscienza ed emozioni, è impossibile.
Antonio Damasio in L’errore di Cartesio, 2002, afferma che “la capacità di esprimere e di sentire delle emozioni è indispensabile per attuare dei comportamenti razionali”.
Come aiutare i ragazzi disorientati e bersagliati da messaggi contradditori a perseguire un’educazione del cuore? a cogliere il caleidoscopio dei sentimenti autentici che colorano l’esistenza e danno sapore alla vita? Il rischio è quello di una generazione sovrastimolata da un eccesso di provocazioni emotive, generatrice di confusione interiore.
Cogliere le sfumature delle emozioni significa predisporsi ad ascoltare e ad apprendere anche quei sentimenti più pacati quali la tenerezza, la nostalgia, la compassione, l’empatia.
Per ridare dignità ai sentimenti occorre prendersi cura delle parole: non solo delle parole che spiegano, ma anche delle parole che parlano il linguaggio della condivisione e della solidarietà. Le parole sussurrate sono forse in grado di colmare quel vuoto interiore che i giovani cercano invece di riempire tramite la ricerca di sensazioni forti contro la noia (i sassi gettati dal cavalcavia), di parole gridate contro l’indifferenza.
Il tema dell’ascolto e dell’ascolto del silenzio è oggi difficile per gli adolescenti che sono educati piuttosto al non-ascolto, nel tempo della sordità affettiva, della diffidenza, della paura. Ascoltare con il cuore, il cuore dell’altro, è quanto mai difficile poiché il dialogo si trasforma in monologo e, in questo isolamento, si fa strada la ricerca delle emozioni del branco: ribellioni condivise di cui le mode dettano i linguaggi, gli atteggiamenti, le “posture” emotive (V. Iori, Il disagio dei genitori, 2002).
La costruzione di una società che si prenda cura dell’educazione come bene comune, ha bisogno, anche nelle situazioni apparentemente più rischiose e degradate, di educatori che sappiano essere, secondo l’espressione di Etty Hillesum “cuori pensanti”. (Vanna Iori Ordinario di Pedagogia Università Cattolica Milano – Piacenza)

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piccoli elettrodomestici: solo un R4 su cinque viene recuperato

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Sono cellulari, frullatori, rasoi, telecomandi e anche giochi elettronici; piccoli oggetti di uso quotidiano che, non più funzionanti, rischiano di finire nel sacco nero della spazzatura. Tecnicamente sono RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), identificati con la sigla R4. La loro produzione è in costante crescita ma è difficile intercettarli. Secondo i dati del Centro di Coordinamento RAEE, ente che gestisce l’opera dei consorzi impegnati nella raccolta dei rifiuti elettronici, attraverso le stazioni ecologiche comunali lo scorso anno ne sono state raccolte e avviate a corretto recupero oltre 40mila tonnellate. Questo ha permesso di risparmiare circa 60mila tonnellate di anidride carbonica e 25.200 tep (tonnellate equivalenti di petrolio) per la produzione di nuove materie prime. Un dato ancora troppo basso, se si pensa che la produzione annua di R4 è stimata nell’ordine delle 200mila tonnellate. Come fare? Occorrerebbe posizionare contenitori lungo le strade e in luoghi strategici, ma anche iniziare a prevedere una raccolta più evoluta, prossima e di facile utilizzo per il cittadino. È proprio questo l’obiettivo del progetto europeo IDENTIS WEEE (Identification DEterminatioN Traceability Integrated System for WEEE), coordinato dal Gruppo Hera, multiutility bolognese, insieme ai sistemi collettivi di tre nazioni: consorzio Ecolight per l’Italia, Fundación Ecolum per la Spagna e Associatia Environ per la Romania. «L’obiettivo dichiarato di questo progetto – precisa Roberto Barilli, direttore generale di Hera – è raddoppiare le quantità di raccolta dei RAEE con grande attenzione ai rifiuti del raggruppamento R4, costituiti da materiali recuperabili quasi al 95%».Le strade finora praticate non hanno portato a grandi risultati: «Se il conferimento nelle stazioni ecologiche continua ad interessare soprattutto i grandi elettrodomestici – osserva Giancarlo Dezio, direttore generale di Ecolight – anche il canale dei negozi raggiunge per i piccoli elettrodomestici livelli molto bassi, nonostante questo sia stato attivato grazie al decreto Uno contro Uno che permette di consegnare gratuitamente al punto vendita il vecchio elettrodomestico quando si acquista un apparecchio nuovo di equivalente funzionalità. Considerandoli in peso, i piccoli elettrodomestici hanno superato appena le 100 tonnellate: poco più del 2% dei RAEE raccolti dai negozi nel 2011».
IDENTIS WEEE, progetto finanziato all’interno del programma “LIFE+ politica e governance ambientali” e che vede il supporto operativo di Techne scpa, si propone di sperimentare strumenti innovativi. Continua Barilli: «Entro la fine del 2012 saranno introdotti a Bologna, Castenaso, Ravenna e Lugo contenitori-prototipo per la raccolta di RAEE. La sperimentazione avverrà anche nelle zone di Saragozza (Spagna) e Bucarest (Romania). I nuovi ed innovativi contenitori stradali, una quarantina, saranno progettati e realizzati per poi essere dedicati alla raccolta di piccoli elettrodomestici, cellulari e lampade a basso consumo. Nuovi contenitori in cui conferire grandi e piccoli elettrodomestici, televisori e computer saranno collocati in stazioni ecologiche, negozi e centri commerciali. È prevista anche una raccolta sperimentale di prossimità, presso le piazze e le vie, dedicata a tutti i RAEE attraverso una stazione mobile condotta da un operatore».
Insieme all’innovazione degli strumenti di raccolta, il progetto introduce il tema della tracciabilità dei RAEE. «I contenitori – conclude il direttore generale di Hera – saranno dotati di un nuovo sistema informativo. Dispositivi digitali innovativi permetteranno di risalire all’utente, determinare l’esatto quantitativo di RAEE conferito, tracciare il ciclo di vita del rifiuto, fornire informazioni sul prodotto e i materiali recuperabili, garantendo la trasparenza dell’intero processo di gestione».
Gruppo Hera E’ una delle maggiori multiutility italiane, attiva nella gestione dei servizi energetici, idrici e ambientali. Hera opera nelle province di Bologna, Modena, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna, Rimini e Pesaro-Urbino e in alcuni comuni della provincia di Firenze. Nel territorio di riferimento il Gruppo serve circa 3 milioni di cittadini. http://www.gruppohera.it.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’educazione della vita affettiva

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Educare i sentimenti significa innanzitutto essere posti nelle condizioni di saper ascoltare, riconoscere, esprimere la vita emotiva. E soprattutto implica la possibilità di assumere la responsabilità delle scelte che si compiono in conseguenza di ciò che si prova. Il vero nodo non è quello di provare un sentimento, ma quello di riuscire ad ascoltarlo, di riconoscerlo, di viverlo, di cercare di scoprirne il senso e di scegliere il comportamento conseguente.
L’educazione sentimentale è indispensabile per diventare più consapevoli di sé, per riservare un ruolo significativo ai sentimenti nella propria esistenza. Non si tratta quindi di “abolire” le pulsioni, ma di assumere la responsabilità della scelta conseguente.
L’educazione dei sentimenti nasce primariamente dalla capacità di coltivare la propria interiorità, di prendersi cura della propria anima, di coltivare l’educazione morale. Oggi si tende a trascurare questa componente decisiva dell’esistenza umana: la vita emotiva. La società attuale attribuisce a determinate situazioni il ruolo di “luoghi deputati” per emozioni collettive e condivise. Si pensi alle suggestioni che si consumano negli stadi, nei concerti rock, nelle discoteche, nei videogiochi, nel gioco d’azzardo, nelle Chat, nei luoghi dove si contagiano pubblicamente emozioni, più o meno artificialmente procurate, anche con l’uso di sostanze euforizzanti, dell’alcool, dello “sballo”, dell’adrenalina a tutti i costi.
Né si può ignorare il ruolo artificioso di “palestra delle emozioni” costituito dai cosiddetti reality show; dalla fiction, dalla spettacolarizzazione dei sentimenti che risponde alla domanda di misurarsi con la vita emotiva in modo “protetto”, a casa propria, attraverso un coinvolgimento fatuo che può essere interrotto spegnendo il telecomando.
I giovani si trovano quindi fortemente disorientati tra messaggi contrastanti da parte della società che, da un lato, sembra incentivare la ragione, il distacco, il controllo, e persino l’indifferenza o la durezza di cuore davanti alle sofferenze altrui, dall’altro propone un vero e proprio “culto delle emozioni”, nonostante la radicata contrapposizione tra “cuore” e “mente” abbia mostrato da tempo la sua insostenibilità ed esprima l’esigenza di una nuova antropologia non razionalista.
Il preoccupante analfabetismo sentimentale diffuso si accompagna al forte credito assegnato alla ragion tecnica, alla produttività, all’efficienza. La scuola assegna un indiscusso primato alle competenze scientifiche, ignorando le competenze emotive. Ciò che “non serve” è ritenuto inutile ed estromesso dai progetti formativi. Le emozioni sono addirittura ritenute un’interferenza negativa nei processi di apprendimento che, secondo Piaget, vedono il loro apice nel pensiero astratto-formale e logico-deduttivo.
Ma anche nella famiglia la vita emotiva è considerata meno importante della vita razionale.
Nell’antinomia cuore-cervello si tende a conferire un indiscusso primato alle attività della mente con un conseguente screditamento del versante emotivo della formazione. I genitori stessi sono molto più attenti e preoccupati dei successi scolastici dei figli e della loro intelligenza che della loro crescita emotiva. La sopravvalutazione della dimensione intellettiva induce a trascurare di insegnare ai figli l’importanza dell’ascolto, del dialogo con se stessi, di capire cosa stanno provando.(Vanna Iori Ordinario di Pedagogia Università Cattolica Milano – Piacenza)

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Undicesima edizione della “Giornata Nazionale per l’Epilessia”

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Roma, 6 maggio 2012 ore 10:00 a Villa Pamphili appuntamento con la MaratoLICE. Si celebra in tutta Italia l‘undicesima edizione della “Giornata Nazionale per l’Epilessia” organizzata dalla Lega Italiana contro l’Epilessia (LICE) e dalla Fondazione LICE. La principale novità riguarda la Dichiarazione del Parlamento Europeo del 15 settembre 2011, che invita gli Stati Membri a garantire una pari qualità di vita nei pazienti epilettici negli vari ambiti della vita pubblica: un’altra importante conquista per i malati di epilessia, che segue di poco il riconoscimento storico del “concetto di guarigione” contenuto nelle nuove norme sull’idoneità alla guida (2011).“Fai luce sull’epilessia” è il claim previsto per l’edizione 2012 della Giornata Nazionale, che sottolinea il duplice obiettivo dell’iniziativa: da una parte far luce sull’epilessia dal punto di vista della ricerca scientifica ovvero promuovere la ricerca scientifica, dall’altra far luce sulla patologia ovvero migliorarne la conoscenza presso l’opinione pubblica, sfatando, così, i falsi pregiudizi che l’accompagnano.
LICE e Fondazione LICE organizzeranno la sesta edizione della MaratoLICE che ha come testimonial Salvatore Antibo, Totò, campione europeo nei 5.000 e 10.000 metri e medaglia d’argento alle Olimpiadi di Seul. Dopo il successo di pubblico della scorsa edizione, con la partecipazione di circa 250 appassionati che hanno corso a Villa Pamphili a Roma, accanto a Totò Antibo, quest’anno la Maratona diventerà una vera e propria gara agonistica. “Corriamo insieme per far si che l’epilessia diventi una malattia come le altre, senza pregiudizi – ha dichiarato Salvatore Antibo – L’epilessia nella maggioranza dei casi si può tenere sotto controllo ed a volte si può anche guarire del tutto, lo sport è molto importante per stare meglio, quindi non vietiamolo a chi ha l’epilessia!”

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Primavera: tempo di pulizie

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

L’inizio della primavera rappresenta tradizionalmente il momento ideale per sbarazzarsi del vecchio – che si tratti di una relazione amorosa giunta al capolinea, di vestiti che non ci stanno più bene come una volta o regali che non abbiamo mai utilizzato – e ripulire il nostro ambiente. Questo vale per l’82% del campione che ha risposto al sondaggio online condotto dal sito di annunci Vivastreet.it sul rito delle pulizie di primavera, dichiarando di avere in casa oggetti che non gradisce o non utilizza più. Ma cosa nascondono i ripostigli degli italiani? Nella maggior parte dei casi si tratta di oggettistica di vario tipo (43%), seguita da capi d’abbigliamento e accessori (32%). Se nelle case italiane ed inglesi questi oggetti sono in genere stipati dentro un ripostiglio o una cantina (50%), e nei casi peggiori invadono un po’ tutta la casa (34%), in quelle francesi non è concesso alle cianfrusaglie uno spazio superiore a quello di un armadio (52%). Probabilmente, ciò è dovuto alla consolidata abitudine dei francesi a disfarsi degli oggetti indesiderati vendendoli online (66%). Diversa la propensione degli inglesi, che preferiscono donare questi oggetti in beneficenza (34%), oppure conservarli – nel 62% dei casi – considerando che questi potranno sempre tornare utili in un futuro più o meno prossimo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sindaco di Bologna condannato per trattamento antisindacale

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Virginio Merola, Mayor of Bologna, Italy Itali...

Virginio Merola, Mayor of Bologna, Italy Italiano: Virginio Merola, Sindaco di Bolonga (Photo credit: Wikipedia)

Il Tribunale del Lavoro ha condannato il Sindaco di Bologna Virginio Merola per condotta antisindacale, su ricorso presentato dall’Unione Sindacale di Base. I fatti risalgono al 29 settembre del 2011, quando il Comune di Bologna, nella persona del Sindaco Merola, con una semplice lettera disdettò unilateralmente il protocollo di relazioni sindacali territoriali che la USB, allora RdB, aveva stipulato con il Sindaco Sergio Cofferati nel luglio 2006, dopo un lungo ciclo di lotte. Con quel protocollo il Comune di Bologna riconosceva la USB “quale interlocutore, con ruolo propositivo, nei processi di formazione delle scelte strategiche, di revisione degli assetti macro organizzativi, di tutela della valorizzazione del lavoro, e più in generale, di miglioramento della qualità dei servizi”. Nonostante le innumerevoli richieste di incontro, le richieste di spiegazioni, il pronunciamento di diversi consiglieri comunali in sede di Commissione Consigliare, il Sindaco Merola non ha accettato nessuna richiesta evitando il confronto con USB, proseguendo invece nelle relazioni sindacali e nella contrattazione di bilancio, che è il perno del protocollo disdettato, con le sole CGIL CISL e UIL.
A distanza di sei mesi dalla disdetta, il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bologna, Dott. Carlo Sorgi, ha dichiarato “ la illegittimità della condotta del Comune di Bologna ai sensi dell’Art. 28 L. 300/70 consistita nella disdetta unilaterale in data 29/9/2011 del protocollo 13/7/2006 concluso con il sindacato ricorrente disponendo che venga ripristinata da parte del Comune la vigenza di detto protocollo.” Una sentenza di rilevantissima importanza politica, oltre che giuridica, in quanto condanna di fatto l’arbitrarietà del comportamento del Comune di Bologna che “rende più semplice la gestione dei nuovi rapporti, elidendo un interlocutore dissenziente, ma elimina quel valore dialettico che è considerato di speciale rilevanza ed imprescindibile nel nostro ordinamento, con la previsione di cui al primo comma dell’Art. 39 della Costituzione e con i principi informatori dell’intera Legge n. 300/70” (Statuto dei Lavoratori). Che ciò venga affermato in un momento in cui nel nostro Paese le relazioni sindacali vengono pesantemente messe in discussione da soggetti privati e pubblici, ha una importanza eccezionale.
USB auspica che il Sindaco Merola tenga conto di questo contesto, si faccia carico della necessità di non intaccare ulteriormente un sistema di relazioni sindacali che deve garantire la pluralità e la partecipazione alle scelte di carattere sociale, e di conseguenza assolva alla pronuncia del Giudice senza proporre ulteriori inutili ricorsi.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Greenpeace: salvare l’Amazzonia

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Parte “Save the Amazon” la nuova campagna di Greenpeace per aiutare il popolo brasiliano a salvare l’Amazzonia. Ieri, nel corso di un evento tenuto a Manaus a bordo della nave Rainbow Warrior, Greenpeace si è unita alla società civile brasiliana per chiedere una legge “Deforestazione Zero” in Brasile. Obiettivo: raccogliere 1,4 milioni di firme di cittadini brasiliani da consegnare al Governo.L’evento, che celebra l’avvio della campagna a livello mondiale, è anche il punto di partenza di una spedizione che, partendo dal cuore dell’Amazzonia, terminerà a Rio de Janeiro.Il viaggio della Rainbow Warrior in Brasile precede di tre mesi la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile di Rio de Janeiro – che si terrà dal 20 al 22 Giugno 2012 – un importante appuntamento che accenderà i riflettori sulla Presidente brasiliana Dilma Roussef. Nel corso della spedizione, oltre alla raccolta delle firme a sostegno della legge “Deforestazione Zero”, Greenpeace documenterà i crimini forestali e mostrerà le soluzioni sostenibili a disposizione per salvare l’Amazzonia.”Il Brasile è la sesta potenza economica a livello globale, il più grande esportatore di carne e il secondo per cereali e leguminose. L’ascesa economica ha coinciso, per diversi anni consecutivi, con la riduzione del tasso di deforestazione in Amazzonia – spiega Kumi Naidoo, Direttore Esecutivo di Greenpeace International a bordo della Rainbow Warrior – Il Brasile deve essere la dimostrazione che è possibile lo sviluppo sostenibile senza distruggere preziose foreste, un esempio che anche Indonesia e Congo possono seguire”.La proposta per una nuova legge “Deforestazione Zero” nasce a seguito della forte opposizione dell’opinione pubblica brasiliana alle modifiche al Codice Forestale che il Congresso è pronto ad approvare mettendo a rischio la salvaguardia dell’Amazzonia e disfacendo una legge che per anni ha consentito la protezione delle foreste in Brasile.”Crescita economica e protezione delle foreste sono gli obiettivi che il Brasile può raggiungere. Per farlo è necessario che la Presidente Dilma Roussef e il Congresso Brasiliano si rendano conto dell’errore che commetterebbero approvando il Nuovo Codice Forestale e che solo con un quadro normativo forte ed efficace potranno garantire la protezione dell’Amazzonia” – denuncia Chiara Campione, responsabile della campagna Foreste di Greenpeace Italia.
L’effetto combinato della deforestazione e dei cambiamenti climatici a danno del più grande polmone del pianeta, ci sta spingendo verso un punto di non ritorno. Se non fermiamo la deforestazione, alla fine di questo secolo l’Amazzonia sarà solo una savana. Non possiamo permettercelo.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Orlando tradisce il popolo delle primarie?

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Deutsch: Prof. Dr. Leoluca Orlando bei der Ver...

Deutsch: Prof. Dr. Leoluca Orlando bei der Verleihung des Humanismus-Preises im Rahmen des Bundeskongresses des DAV 2008 in der alten Aula der Universität Göttingen. (Photo credit: Wikipedia)

“Attenti alla gelosia dei ‘vecchi’ che vogliono ‘morire’ governando. In questa avvertenza potrebbe condensarsi perfettamente il nostro giudizio sulla scelta di Leoluca Orlando di tradire il popolo delle primarie, il centrosinistra e i cittadini, e candidarsi nuovamente a sindaco di Palermo. Orlando prova, in extremis, a recuperare un protagonismo ormai perduto. Lo fa con un atto che rappresenta il peggior lascito politico che un uomo come lui potesse consegnare alla sua città. Peggio ancora: afferma di candidarsi perché le primarie sono state ‘inquinate’. Così manca di fiducia e rispetto nei confronti dei tanti palermitani che hanno scelto di partecipare al processo democratico e di investire in un progetto per la città. Ci ricorda, l’atteggiamento di Orlando, quello dei ‘vecchi’ democristiani che nel 1985, alla sua prima esperienza da sindaco, ben 25 anni fa, lo contrastavano e che lui stesso tanto duramente (e legittimamente) biasimava. Oggi Orlando ha svenduto (per cosa, peraltro?) la storia di Palermo, della sua esperienza politica e del centrosinistra. Non ha reso un buon servizio né a se stesso né, soprattutto, alla città che vorrebbe, di nuovo, amministrare. Tutto questo ci porta a sostenere ancora più convintamente la candidatura di Fabrizio Ferrandelli. Da lui e dalle migliaia di persone che gli hanno accordato fiducia può nascere una nuova primavera per Palermo. Ad Orlando e all’Idv che lo sostiene nella sua scelta solo un consiglio: smettete, almeno per un po’, di parlare di valori e legalità. Le regole si rispettano. E in questa partita gli unici ‘abusivi’ siete voi”. Lo scrive Angelo Argento, responsabile di TrecentoSessanta Sicilia e componente della Direzione nazionale del PD, sul sito dell’Associazione che fa riferimento ad Enrico Letta.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malì: sviluppi situazione

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Mali Lošinj

Mali Lošinj (Photo credit: aly24j)

Dopo l’annuncio che i soldati dell’esercito hanno preso il controllo del paese, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) continua a seguire da vicino gli sviluppi della situazione in Mali. Al momento non si registrano nuovi movimenti di popolazione all’interno del paese, né verso i paesi limitrofi.
L’UNHCR è preoccupato che la protratta incertezza politica possa innescare ulteriori spostamenti forzati di popolazione, in una fase in cui la popolazione sradicata all’interno e oltre i confini del paese è già considerevole. L’Agenzia sta aggiornando i propri piani d’emergenza in modo da poter rispondere a possibili nuovi esodi verso i paesi confinanti.Dalla metà di gennaio – a seguito dei combattimenti tra un movimento ribelle e le forze maliane nel nord – migliaia di maliani hanno lasciato il proprio paese. In Mali inoltre gli sfollati vivono in condizioni difficili all’interno di villaggi e insediamenti temporanei e dipendono dalla generosità delle comunità d’accoglienza. Nei prossimi giorni l’Alto Commissario ONU per i Rifugiati António Guterres sarà in visita in Mauritania per assistere a una cerimonia che segnerà il termine del rimpatrio volontario dal Senegal e per dare riconoscimento all’impegno profuso negli anni per sostenere il processo d’asilo. Nell’occasione Guterres valuterà anche la situazione, in connessione con l’afflusso di persone colpite dal conflitto in Mali.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Puglia biologica compie 20 anni

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Italiano: Puglia, i trulli

Italiano: Puglia, i trulli (Photo credit: Wikipedia)

Bari.“Settimana bio” dal 26 al 30 marzo 2012 Presso le Camere di Commercio pugliesi L’agricoltura biologica in Puglia compie 20 anni. Le prime aziende certificate bio sono state difatti riconosciute nel 1992. Per l’occasione Unioncamere Puglia, partner della rete Enterprise Europe Network nell’ambito delle attività realizzate all’interno del Progetto Bridg€conomies, in collaborazione con il Consorzio Puglia Natura, l’ICEA (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale) e con la partecipazione attiva dell’Assessorato Regionale all’Agricoltura, organizza la 2a edizione della “Settimana BIO in Puglia”. L’iniziativa prevede dal 26 al 30 marzo la realizzazione di un ciclo di 5 seminari che si svolgeranno nelle sedi delle Camere di Commercio di Puglia, con l’obiettivo di trasferire le novità salienti della riforma sul biologico a tutti i soggetti coinvolti in agricoltura. Si parte da Bari il 26 alle 15,30 con l’evento inaugurale. In apertura dei lavori si svolgerà la cerimonia di consegna dei riconoscimenti del XVII Premio Biol, la kermesse internazionale sui migliori oli extravergini biologici
Si prosegue 27 marzo a Foggia; il 28 a Brindisi; il 29 al Centro Congressi Cittadella delle Imprese CCIAA di Taranto. Evento conclusivo il 30 marzo alla Camera di Commercio di Lecce.
Si parlerà, con l’ausilio di tecnici e qualificati relatori di:
· PAC 2014-2020 nuovi scenari;
· Agricoltura biologica evoluzione normative e vino biologico;
· Distribuzione del biologico in Puglia e Marchio “Prodotti di Puglia”
Ciascun seminario sarà composto da due parti: la prima introduttiva in cui parteciperanno esperti e tecnici delle tre aree che relazioneranno sui temi oggetto degli interventi. Al termine delle tre relazioni si terrà una tavola rotonda e dibattito, dando spazio alla seconda parte con intervento specialistico che sarà differente per ogni evento seminariale. L’evento 2012 si realizza dopo il successo in termini di pubblico e di gradimento riscontrato dalla prima.I regolamenti comunitari e il Decreto Ministeriale inerenti l’agricoltura biologica propongono costanti e continui aggiornamenti normativi da diffondere a tutti i soggetti del settore. Con la notevole crescita del settore biologico oggi si ha l’occasione di osservare il contributo che il metodo produttivo ha dato, e può ancora dare nell’ambito agricolo e socialeGli incontri programmati costituiscono inoltre un importante ed imprescindibile occasione per informare e preparare tutti gli attori del settore agricolo ai nuovi scenari della Politica Agricola Comune del futuro. Nel 2013 si conclude il programma della PAC che fa riferimento al periodo 2007/2013, periodo in cui si sono registrate importanti variazioni, passando dalla politica dei mercati alla politica dei redditi. La nuova PAC si riferisce al periodo 2014-2020, in cui si aprono
nuovi scenari futuri, anche in virtù del fatto che entrano nella ripartizione delle risorse europee nuovi stati membri, più arretrati che necessitano di nuove risorse per l’adeguamento delle loro strutture.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pavimentazione e manutenzione del sistema di illuminazione in A4

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Lavori di ripavimentazione in A4, dalle ore 8,00 di lunedì 26 al primo pomeriggio di martedì 27 marzo. I restringimenti di carreggiata in entrambe le direzioni, necessari per consentire l’intervento, riguarderanno l’area del casello di Latisana, un centinaio di metri prima e dopo la barriera.
Immediatamente prima e subito dopo il casello di Ronchis, uscita Latisana. Interessata da lavori di manutenzione anche la barriera di Trieste Lisert, dove saranno rimossi e sostituiti i pali di illuminazione sulle rampe di uscita. Lunedì 26 mattina, in particolare, per permettere la rimozione dei pali e il trasporto dei materiali, sarà attivata una breve chiusura della rampa di svincolo in direzione Monfalcone.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Siria: assistenza rifugiati

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

United Nations High Commissioner for Refugees ...

United Nations High Commissioner for Refugees (UNHCR) (Photo credit: Wikipedia)

Ammonta a 84 milioni di dollari la richiesta contenuta nell’appello lanciato oggi dalle Nazioni Unite e dalle agenzie umanitarie partner in favore dei cittadini siriani che hanno cercato rifugio in Giordania, Libano, Turchia e Iraq. Il Piano di risposta regionale per la Siria evidenzia le necessità dei rifugiati che hanno lasciato il paese dal marzo 2011 e anticipa quelle di coloro che arriveranno in futuro.Il Piano nasce nell’ambito di un quadro inter-agenzia guidato dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ed è il risultato di un impegno coordinato tra 7 agenzie ONU, 27 organizzazioni non governative (ONG) nazionali e internazionali, altri partner e governi dei paesi d’accoglienza. Il documento si basa su stime secondo cui nei prossimi 6 mesi sarà necessaria assistenza per circa 100.000 persone, in maggioranza rifugiati siriani ma anche cittadini di paesi terzi. Non sono invece comprese nel Piano le necessità umanitarie all’interno della Siria. Per queste ultime è atteso a breve il lancio di un appello separato da parte dell’Ufficio per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA). Sono 3 gli obiettivi del Piano. Il primo è quello di garantire ai siriani e agli altri rifugiati l’accesso ai paesi limitrofi e alla protezione internazionale. Il secondo è di soddisfare le necessità fondamentali dei rifugiati, con un’attenzione particolare ai più vulnerabili. Il terzo è di far sì che nel caso di un esodo più imponente siano intraprese misure d’emergenza.
Nel Piano si evidenzia come le agenzie (tra cui OIM, UNDP, UNESCO, UNFPA, UNICEF, UNHCR, OMS e PAM), i governi dei paesi d’accoglienza e le ONG nazionali e internazionali si siano uniti per fornire una risposta coordinata alle necessità dei rifugiati e dei cittadini di paesi terzi.
A un anno dall’inizio dei disordini in Siria, il numero dei rifugiati in Giordania, Libano e Turchia è aumentato e tra le comunità che li accolgono cominciano a mostrarsi segnali di eccessiva pressione. È chiaramente necessario un potenziamento del sostegno internazionale. Dal marzo dello scorso anno in Giordania oltre 6.000 siriani si sono registrati presso l’UNHCR e altri 2.500 sono in attesa di farlo. Con l’espansione dell’impegno di solidarietà e del livello di assistenza ai siriani da parte dell’UNHCR e dei suoi partner, si prevede che tale cifra aumenti sensibilmente. Molti rifugiati sono arrivati con pochi mezzi, insufficienti per coprire le necessità di base, e quanti inizialmente potevano contare sui propri risparmi o sul sostegno di famiglie ospitanti adesso hanno sempre più bisogno di assistenza. Per le comunità locali sono in atto progetti a rapido impatto, oltre alla distribuzione di aiuti. Sono in studio programmi di assistenza finanziaria.In Libano – in collaborazione con il Governo – è in corso un’operazione per la registrazione dei rifugiati. Come in Giordania, molti rifugiati sono in condizioni precarie, con risorse economiche scarse o nulle a disposizione. L’UNHCR e le agenzie partner stanno collaborando con il Governo libanese e le autorità locali per far fronte alle necessità dei rifugiati e delle comunità colpite. Oltre 16.000 rifugiati – di cui circa 8.000 registrati nel nord – stanno attualmente ricevendo assistenza.In Turchia sono invece 17.000 i siriani attualmente registrati con il Governo, che ha allestito 9 siti – tra cui 8 campi tendati e una “città di container” a Kilis – per gestire l’afflusso. Il Piano identifica la necessità di accrescere l’assistenza al Governo turco se richiesto, poiché lo stesso Governo ha assunto la responsabilità di dare assistenza, alloggio, protezione ai rifugiati nei campi. Inoltre il Piano fornisce una strategia per registrare e assistere i rifugiati precedentemente ospitati in Siria, come i rifugiati iracheni che adesso vivono nelle aree urbane.Cresce poi il numero dei siriani che arrivano in Iraq. Le cifre esatte sono ancora in corso di verifica. In collaborazione con le autorità, l’UNHCR e i suoi partner hanno cominciato ad assistere i rifugiati. All’interno della Siria, inoltre, l’UNHCR e le agenzie partner continuano ad assistere circa 110.000 rifugiati registrati in varie parti del paese.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prevenzione contro il cancro

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

“Quando si parla di salute meglio giocare in attacco. Non bisogna restare in attesa ma muoversi per tempo per anticipare le mosse di questo terribile avversario: il cancro. Quindi ragazzi, niente sigarette, dieta sana e tanto sport!”. È la raccomandazione di Stephan El Shaarawy, uno dei giovani più promettenti del panorama calcistico nazionale, assoluto protagonista questa mattina al Liceo “Piero Bottoni” di Milano per la prima tappa del progetto nazionale “Non fare autogol” che parte dalla Lombardia. Dopo il grande successo della prima edizione, che ha coinvolto migliaia di ragazzi in tutta Italia, torna la campagna promossa dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), per spiegare come tenersi alla larga dai tumori. “La prevenzione oncologica comincia da giovani – ha spiegato il prof. Stefano Cascinu, presidente nazionale AIOM -. Circa il 40% delle neoplasie è causato da fattori modificabili ed evitabili. Grazie all’aiuto dei calciatori, vogliamo spiegare ai ragazzi quali siano i rischi e convincerli che non è mai troppo presto per iniziare a giocare questa partita”. Un progetto innovativo che fino al termine del campionato toccherà 5 scuole di 5 capoluoghi di regione coinvolgendo alcuni dei più importanti calciatori italiani: Giorgio Chiellini, Tommaso Rocchi, Sebastian Giovinco e Vincenzo Montella, ex campione ed ora allenatore. Nella prima edizione grazie anche al contributo di Pato, Legrottaglie, Miccoli, Gilardino, Palombo, De Sanctis, Sculli, Perrotta e al CT della Nazionale Cesare Prandelli, che completano la “squadra” dell’AIOM, sono stati raggiunti migliaia di studenti dal vivo e on line. Nel sito http://www.nonfareautogol.it e sulla pagina facebook (http://www.facebook.com/NonfareAutogol) è infatti attivo il primo “Campionato della Salute”: tappa per tappa i ragazzi devono sfidarsi a rispondere correttamente a domande di prevenzione, imparando gli stili di vita per proteggersi. Per tutti è inoltre disponibile un opuscolo, in distribuzione in centinaia di istituti secondari italiani, con le caricature dei calciatori. “Sappiamo di essere un esempio – ha affermato El Shaarawy – e questo ci dà grandi responsabilità. Possiamo far capire ai giovani quali siano i comportamenti positivi e quelli negativi da eliminare. È con grande piacere e onore, quindi, che ho deciso di accettare di partecipare a un progetto così importante, soprattutto perché dedicato a ragazzi come me e i miei coetanei”. In Italia nel 2012 si registreranno circa 400 mila casi e 180 mila morti per tumori, 100 mila negli uomini e 78 mila nelle donne. I tumori sono secondi solo alle malattie cardiovascolari come numero di decessi, ma sono la principale causa di anni di vita persi, poiché insorgono in età più giovane rispetto alle patologie del cuore. I più frequenti nel 2012 in Italia saranno quelli del polmone, dell’intestino, della mammella, del pancreas, dello stomaco e della prostata. Si tratta in tutti i casi di neoplasie in cui la prevenzione può fare la differenza: per ribadire questo concetto al fianco di AIOM si sono schierati anche la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il CONI, la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) e la Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI).
Fra i giovani la conoscenza del rischio oncologico è molto scarsa: “Pochissimi sanno che oltre il 30% dei tumori è direttamente collegato ad una dieta scorretta e che esiste una forte relazione, ad esempio, tra alcol e cancro – ha aggiunto il prof. Carmelo Iacono, Presidente della Fondazione AIOM –. Secondo i sondaggi raccolti da AIOM fra gli studenti, nella prima edizione del progetto ‘Non fare autogol’, il 71% non ha mai ricevuto informazioni in proposito, solo il 17% ne ha parlato in famiglia, appena il 12% a scuola. Le conseguenze sono una forte ignoranza sui pericoli, da fumo e alcol (un terzo non crede abbiano legami con i tumori) fino alla sedentarietà (il 43% la sottovaluta). Ma il 94% dei ragazzi ha apprezzato il nostro intervento, di questi la metà si augura possa diventare un appuntamento fisso in classe”. AIOM, che riunisce oltre 2.000 specialisti, ha identificato nella fascia d’età 14-16 un target prioritario per la formazione e la sensibilizzazione, dentro e fuori la scuola. Per massimizzare la ricaduta educazionale è infatti attivo anche un canale YouTube e un gruppo su facebook. Nel sito è prevista inoltre un’area dedicata agli insegnanti (e più in generale agli educatori), strutturata con schede pratiche e consigli, a cura di AIOM, su come prevenire i principali fattori di rischio. “La mortalità per tumore in Lombardia è superiore alla media nazionale, nonostante la regione sia considerata un’eccellenza in campo oncologico – ha concluso il prof. Cascinu –. Dai dati in nostro possesso, inoltre, emerge che l’indice di mediterraneità della dieta (MAI: indicatore di salubrità dell’alimentazione), in Lombardia è pari a una media di 1.32, mentre per le altre regioni italiane è dell’1.44”. Un dato che rivela un’adesione complessivamente deludente dei lombardi al modello alimentare mediterraneo, che prevede un regolare consumo di verdure, frutta, pesce (soprattutto azzurro), carboidrati, olio di oliva, cereali e legumi. Il regime alimentare deve essere corretto ed equilibrato, così da avere la giusta energia per svolgere tutte le attività quotidiane senza assumere calorie in eccesso, che possono poi trasformarsi in chili di troppo.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Miami Home Prices Post Strong Gains for Third Consecutive Month

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Miami, FL – For the third consecutive month, Miami home prices posted strong gains in February. The median sales price of condominiums in the Miami-Dade County surged 40.4 percent to $131,950 in February compared to a year earlier, according to the 26,000-member MIAMI Association of REALTORS and the local Multiple Listing Service (MLS) system. The median sales price of single-family homes rose 19 percent to $175,000.
Statewide median sales prices in February increased 15.9 percent to $95,000 for condominiums and 7.2 percent to $135,000 for single-family homes, according to data from Florida Realtors Industry Data and Analysis department and vendor partner 10K Research and Marketing. The national median existing-home price for all housing types was $156,000 in February, a 0.3 percent increase from February 2011.
In February, the average sales price for single-family homes in Miami-Dade County increased 15.4 percent, from $265,440 in 2011 to $306,391 in 2012. The average sales prices for condominiums jumped 26.3 percent, from $214,012 to $270,300.
The sales of existing single-family homes in Miami-Dade increased two percent in February, from 746 to 760, compared to February 2011. Sales of condominiums dropped 12 percent, from 1,230 to 1,086, compared to record sales levels in February 2011.
Statewide sales of existing single-family homes totaled 14,270 in February 2012, down 4.8 percent compared to a year ago. Statewide condominium sales totaled 7,545, down 16 percent from those sold in February 2011. Nationally, sales of existing single-family homes, townhomes, condominiums, and co-ops decreased 0.9 percent from January but were 8.8 percent higher than they were in February 2011, according to the National Association of Realtors (NAR).
Inventory Declines 45 Percent Year-over-Year From February 2011, the inventory of residential listings in Miami-Dade County has decreased 45.1 percent from 24,792 to 13,610 in February 2012. Compared to the previous month, the total inventory of homes dropped 3.4 percent. Total housing inventory nationally rose 4.3 percent at the end of February.
Heightened demand for bank-owned (REO) properties and improved processing of short sales has resulted in rapid absorption of distressed listings and contributed to price appreciation. In February, 54 percent of all closed residential sales in Miami-Dade County were distressed, including REOs (bank-owned properties) and short sales, compared to 69 percent in February 2011 and 56 percent the previous month. Contrary to a year ago, there are now more short sales being transacted than REOs.
International Buyers Fuel Cash Sales. In Miami-Dade County, 65 percent of total closed sales in February were all-cash sales, compared to 66 percent in January and 67 percent a year earlier. Cash sales accounted for 46 percent of single-family and 79 percent of condominium closings. Nearly 90 percent of international buyers in Florida purchase properties all cash. Nationally, all-cash sales were 33 percent of transactions in February, reflecting the stronger presence of international buyers in the Miami real estate market.
About the MIAMI Association of REALTORS The MIAMI Association of
REALTORS was chartered by the National Association of Realtors in 1920 and is celebrating more than 90 years of service to Realtors, the buying and selling public, and the communities in South Florida. Comprised of four organizations, the Residential Association, the Realtors Commercial Alliance, the Broward County Board of Governors, and the International Council, it represents more than 26,000 real estate professionals in all aspects of real estate sales, marketing, and brokerage. It is the largest local association in the National Association of Realtors, and has partnerships with more than 100 international organizations worldwide. MIAMI’s official website is http://www.miamire.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Banca Mondiale, Obama candida il coreano Jim Yong Kim: la presidenza a 1,10

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

a photo of Dr. Jim Yong Kim

a photo of Dr. Jim Yong Kim (Photo credit: Wikipedia)

E’ il medico di origine coreana Jim Yong Kim il candidato degli Stati Uniti a succedere a Robert Zoellick alla presidenza della Banca Mondiale: la candidatura a sorpresa del preside del prestigioso college di Dartmouth è stata annunciata questa mattina da Barack Obama. La decisione ufficiale da parte del board della World Bank sul prossimo presidente avverrà il mese prossimo, ma è bastata l’investitura del presidente Usa per far schizzare Jim Yong Kim in testa alla lavagna dei bookmaker: usciti di scena altri possibili candidati – l’ex segretario del Tesoro Usa Lawrence Summers, l’ambasciatrice all’Onu Susan Rice e il Segretario di Stato Hillary Clinton – la nomina del medico coreano, riporta Agipronews, è quotata a 1,10 dalla sigla irlandese Paddy Power. MSC/Agipro

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Micron Technology, Inc., Reports Results for the Second Quarter of Fiscal 2012

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Boise, Idaho, (GLOBE NEWSWIRE) — Micron Technology, Inc., (Nasdaq:MU) today announced results of operations for its second quarter of fiscal 2012, which ended March 1, 2012. For the second quarter, the company had a net loss attributable to Micron shareholders of $224 million, or $0.23 per diluted share, on net sales of $2.1 billion. The results for the second quarter of fiscal 2012 compare to a net loss of $187 million, or $0.19 per diluted share, on net sales of $2.1 billion for the first quarter of fiscal 2012, and net income of $72 million, or $0.07 per diluted share, on net sales of $2.3 billion for the second quarter of fiscal 2011.Revenues from sales of NAND Flash products and DRAM products were slightly higher in the second quarter of fiscal 2012 compared to the first quarter of fiscal 2012, due primarily to approximate 20 percent increases in sales volumes offset by decreases in average selling prices. The company’s consolidated gross margin declined to 13 percent in the second quarter of fiscal 2012 compared to 15 percent for the first quarter of fiscal 2012, due primarily to declines in gross margins for the company’s NOR Flash products in the wireless market. Sales of NOR Flash products were approximately 11 percent of total net sales for the second quarter of fiscal 2012.Cash flows from operations for the second quarter of fiscal 2012 were $574 million. During the second quarter of fiscal 2012, the company invested approximately $429 million in capital expenditures. The company ended the second quarter with cash and short-term investments of $2.1 billion.The company will host a conference call Thursday, March 22 at 2:30 p.m. MDT to discuss its financial results. The call, audio and slides will be available online at http://investors.micron.com/events.cfm. A webcast replay will be available on the company’s website until March 22, 2013. A taped audio replay of the conference call will also be available at (404) 537-3406 (conference number: 62533629) beginning at 5:30 p.m. MDT Thursday, March 22, 2012 and continuing until 5:30 p.m. MDT on Thursday, March 29, 2012.
Micron Technology, Inc., is one of the world’s leading providers of advanced semiconductor solutions. Through its worldwide operations, Micron manufactures and markets a full range of DRAM, NAND Flash and NOR Flash memory, as well as other innovative memory technologies, packaging solutions and semiconductor systems for use in leading-edge computing, consumer, networking, embedded and mobile products. Micron’s common stock is traded on the NASDAQ under the MU symbol. To learn more about Micron Technology, Inc., visit http://www.micron.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il governo “amato” dagli italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

1) evitata la patrimoniale per colpire esclusivamente le fasce più deboli;
2) evitata l’asta per le frequenze TV, in ossequio servile agli interessi del cavaliere;
3) sta arrivando la depenalizzazione della concussione per vanificare uno dei processi (il più infamante) pendenti a carico dell’ex premier;
4) evitato ogni discussione sulla RAI… perchè il cavaliere non vuole;
5) confermata commessa per acquisto miliardario armamenti;
6) evitata revoca legge sul falso in bilancio;
7) nulla di fatto per la legge sulla corruzione e la riforma della giustizia;
8) non resa severa la legge per la lotta alla corruzione;
9) cos’altro deve essere concesso al partito del cavaliere a cura e spese della collettività? Per ora il governo ha evitato d’incassare circa 100 miliardi di euro per tenere buoni i poteri forti e garantirsene la protezione.
Per contro il governo si è accanito sulle fasce più deboli portando il carico fiscale complessivo al 55% sul reddito percepito e se si contano le altre gabelle (imposta sulla prima casa, rivalutazione della rendita catastale, aumento dell’Iva, aumento della benzina, del costo della vita, ecc.) arriviamo ad un carico sulle retribuzioni e pensioni intorno al 70%. In pratica per chi percepisce uno stipendio di 1500 euro al mese deve pagare allo Stato, sotto varie forme, oltre mille euro.
Ora con la modifica dell’art.18 si rende precario anche il lavoro a tempo indeterminato lasciando al datore di lavoro la facoltà di licenziare quando e come gli pare.
Questo è il governo voluto dal Presidente della Repubblica. Questo è il governo voluto dalla triplice: Pd, Pdl e Fli. Questo è il governo dei banchieri e delle classi privilegiate.
E ora si dice che il sacrificio è necessario. Ma necessario per chi?

Posted in Confronti/Your opinions, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »