Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 7 maggio 2012

Una nuova lettura della fede cattolica

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Roma.La novità conciliare più incisiva è consistita in “una nuova lettura della fede cattolica, in grado di ripristinare le interrelazioni e le proporzioni adeguate tra tutti gli elementi della tradizione, dopo secoli di accentuazioni unilaterali”. È quanto dichiarato dal prof. José Ramón Villar, dell’Università di Navarra, intervenuto al Congresso internazionale “Concilio Vaticano II: il valore permanente di una riforma per la nuova evangelizzazione”, svoltosi il 3 e 4 maggio a Roma su iniziativa dalla Facoltà di Teologia della Pontificia Università della Santa Croce.
“Le novità dottrinali sono sempre relative perché, in qualche modo, devono essere contenute nella tradizione della Chiesa” – ha aggiunto lo studioso spagnolo. Per cui, nel caso del Concilio queste “non sono l’apparizione di qualcosa di mai detto in precedenza o una novità sconosciuta nella tradizione cattolica”. Anzi, “di rigore, la novità è sempre uno sviluppo interno alla tradizione stessa, di aspetti che per diverse circostanze sono compresi meglio in un determinato momento storico”.
Per il prof. Miguel De Salis, dell’Università della Santa Croce, l’evento conciliare non ha rappresentato una sorta di “‘assemblea costituente’, ma una manifestazione della Chiesa che ha radunato i suoi pastori per riflettere sul suo cammino storico e sul rinnovamento necessario per adeguare l’annuncio secondo le necessità dei tempi”. “Nella teologia cattolica – ha proseguito – riforma e aggiornamento significano anzitutto guardare alla conversione personale che avvicina più o meno a Dio”. De Salis ha poi sottolineato che “la riforma è sempre un atto di fede, speranza e carità, al cui interno ci può essere il riconoscimento anche di errori nella Chiesa che conducono alla sua purificazione”.
Riflettendo sulla Costituzione “Sacrosanctum Concilium” e la conseguente riforma liturgica, il docente tedesco di liturgia Helmut Hoping (Universität Freiburg i.Br.) ha parlato di “rinnovamento della pratica liturgica” e della necessità per la nuova evangelizzazione della “formazione liturgica e mistagogica”. Hoping ha aggiunto che l’allora card. Ratzinger aveva auspicato “una riforma della riforma”, considerato il rischio di un “orizzontalismo superficiale della liturgia”. Gli ultimi interventi magisteriali non rappresentano certo “un dietro-front né un ritorno alla vecchia messa”, ma sono espressione della necessità “del ‘ritorno all’adorazione’ essendo la liturgia un ‘accadimento sacro’”.
Commentando la Dichiarazione “Nostra Aetate”, Mons. David M. Jager, OFM, della Pontificia Università Antonianum, ne ha chiarito la sua “motivazione generale, che in effetti giova molto per escluderne alcuna lettura di stampo relativistico”. Infatti, “il rapportarsi alle religioni non cristiane non mira di per sé a nuove scoperte sulla verità o sulla volontà di Dio, ma la Chiesa lo intraprende nel quadro del ‘suo dovere di promuovere l’unità e la carità tra gli uomini, ed anzi tra i popoli’”.
Tra i frutti più evidenti del Concilio, vi è senza dubbio “la nascita di nuovi movimenti spirituali” e una “nuova fioritura di realtà fondate molto tempo prima”, che si sono sentiti “confermati nella loro spiritualità di santificazione del mondo”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Verona forum stone

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Tre giorni, dal 17 al 19 maggio, dedicati a promuovere il distretto del marmo di Verona in Russia. È questo l’obiettivo di Verona Forum Stone, alla sua seconda edizione. All’iniziativa, voluta dagli imprenditori del settore lapideo scaligero, partecipa anche Veronafiere in preparazione di Marmomacc 2012, ospitando nella sala Vivaldi del Centrocongressi un convegno per approfondire gli scenari di mercato russi e le opportunità di business per le aziende locali. Nel 2011, il comparto del marmo veronese ha chiuso con un export verso la Russia pari a 9,1 milioni di euro, in crescita sul 2010 di oltre il 54 per cento.
All’evento, organizzato da Centro Servizi Marmo, AS.MA.VE. Consorzio Marmisti Veronesi e Consorzio Val di Pan partecipa anche la Fiera di Verona. In attesa della 47^ edizione di Marmomacc (www.marmomacc.com) in programma dal 26 al 29 settembre 2012, Veronafiere ospita nel proprio Centrocongressi, venerdì 18 maggio, il convegno “Focus sul mercato russo: opportunità di business”, patrocinato dal ministero dello Sviluppo economico.
Al centro dell’incontro, al via alle ore 10 in sala Vivaldi, ogni approfondimento utile all’imprenditore del settore lapideo, che voglia esportare o investire in Russia: si va dallo scenario economico generale agli strumenti finanziari e assicurativi necessari, passando per contrattualistica commerciale.
Presenti il direttore generale di Veronafiere Giovanni Mantovani, il presidente del Centro Servizi Marmo Filiberto Semenzin, Antonio Fallico dell’associazione Conoscere Eurasia, il direttore della Divisione Banca Popolare di Verona Leonello Guidetti, il presidente dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Verona Giovanni Battista Alberti e il presidente della Camera Commercio di Verona Alessandro Bianchi.
Il marmo scaligero guarda con interesse al mercato russo, tra quelli con il maggior tasso di crescita. Le prospettive sono incoraggianti: nel 2011 il comparto veronese ha ricominciato a crescere passando da un export di 5,8 milioni di euro a 9,1 milioni, con un balzo in avanti di oltre il 54 per cento. Senza contare che in Russia sono molti i progetti per incentivare gli investimenti stranieri.
«Questa iniziativa – spiega il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani –, insieme al tour estero a Las Vegas, Doha e Riyad, rappresenta una delle tappe di avvicinamento a Marmomacc 2012, il salone mondiale di riferimento per il settore delle pietre, del design e delle tecnologie di lavorazione. Il focus sui buyer russi conferma l’attenzione della Fiera di Verona a farsi vetrina di promozione per il business internazionale delle aziende, a maggior ragione se del proprio territorio riferimento, come quelle del distretto del marmo veronese».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lazio, aprono ambulatori Med per codici bianchi e verdi

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Semaforo verde nel Lazio per gli ambulatori Med, le strutture della medicina di famiglia che dovranno sgravare i pronto soccorso dagli accessi impropri. Nei giorni scorsi, infatti, hanno iniziato ad aprire i battenti i 13 ambulatori previsti dall’accordo firmato nelle settimane scorse da Regione e sindacati della Mg. In base all’intesa, che scadrà nell’aprile del 2013, i centri Med “Percorso Veloce Codici Bianchi e Verdi” resteranno aperti sette giorni su sette, dalle 8 alle 20, e l’accesso sarà regolato dal triage del Ps (al contrario degli ambulatori blu, altra esperienza imperniata sulla Mg e chiusa recentemente con buoni risultati, dove l’accesso era solo spontaneo). In più, dal 26 aprile è in funzione negli stessi orari una centrale operativa (al numero 06.58702464) dalla quale una squadra di medici di famiglia offre assistenza “on call” su eventuali urgenze e sulle Ucp (Unità di cure primarie) disponibili in zona. Dei 13 ambulatori Med già aperti o in via di apertura sette sono collocati in aziende ospedaliere romane e gli altri ad Anzio, Civitavecchia, Latina, Frosinone, Cassino e Viterbo. «Con queste strutture» spiega il segretario regionale della Fimmg, Pierluigi Bartoletti «si compie un altro passo verso quella rete “hub&spoke” di ambulatori diagnostici h12 e Ucp che rappresenta la nostra proposta di riorganizzazione regionale delle cure territoriali. Dopo gli ambulatori blu, il programma Med ci dà il tempo di lavorare all’integrazione ospedale-territorio ed educare i cittadini a un uso appropriato degli studi di Mg da un lato e dei Ps dall’altro». I medici di Mg in servizio percepiscono 35 euro all’ora per un massimo di due turni di quattro ore ciascuno.(fonte doctornews33)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Events In & Out apre una sede a Londra

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Events In & Out, l’event agency di Annamaria Ruffini CMP, avvia un ambizioso programma di espansione territoriale in Europa aprendo una sede commerciale a Londra. La rappresentanza è affidata a M.A.S Business Ltd nella persona di Mariano Genzone, con l’incarico di business development manager, e ha l’obiettivo di promuovere la destinazione-Italia quale sede di eventi presso un’accurata selezione di mercati e agenzie all’estero.Ai prospect attualmente in contatto verrà offerto l’esclusivo expertise creativo e logistico dell’agenzia, che già si è imposta all’attenzione del pubblico italiano per aver vinto numerosi premi. Tra i più recenti, ricordiamo che nel 2011 Annamaria Ruffini ha ricevuto il Master Motivator Award di Site (l’associazione internazionale dei professionisti degli eventi motivazionali) e il Global Award del World Tourism Market. Mariano Genzone è un apprezzato manager noto a livello internazionale nel settore eventi e turismo business. È stato project manager presso la sede londinese di un importante tour operator e ha lavorato per due anni, come manager for industry development, presso Global research and intelligence network.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presidenziali francesi

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

François Hollande

François Hollande (Photo credit: Wikipedia)

Il vento europeo cambia direzione. E’ stata, non senza affanno, archiviata la politica duale “Francia-Germania” di rigore che gli osservatori politici hanno sintetizzato con una sola parola: “Merkozy”. La Grecia non è stata da meno sebbene si sia espressa in modo confuso nel chiuso delle cabine elettorali. Non possiamo dire che “tutto è cambiato per nulla cambiare” di memoria gattopardesca. Molti hanno ravvisato negli eventi francesi un segnale eloquente anche per gli elettori italiani. Mi ricorda a questo proposito la battuta di Cocteau: “gli italiani sono dei francesi esagerati”. Se fosse vero e ci sentissimo schiacciati come un sandwich tra la Francia di Francois Hollande e le destre e le sinistre estreme della Grecia tra i comunisti di Syniza e i neonazisti di Alba Dorata, dovremmo uscirne con la più classica delle trovate di un prestigiatore indicando una via nuova al Paese perché l’Italia non è né la Grecia né la Francia. Se noi volessimo nel giro di poche ore potremmo realizzare il pareggio di bilancio andando a riprenderci i 200 miliardi di evasione, i settanta miliardi di sprechi, i trenta miliardi ricavati da politiche virtuose i 50 miliardi depositati nei forzieri Svizzeri dagli evasori italiani. Il caso Italia non è come vorrebbero farci credere dipendente dalle pensioni e dagli stipendi elargiti con generosità che vanno falcidiate, ma dalle rendite milionarie degli speculatori, dei parassiti, dei sanguisuga che come le cavallette radono i campi di grano e rendono arida la terra che attraversano. Esistono in Italia due mondi sommersi che nessuno vuole far emergere. Il primo è il lavoro in nero di artigiani e professionisti che non rilasciano ricevute e arrivano sino a diventare evasori totali e il secondo è la mafia che ha conquistato vasti territori sotto il suo protettorato e si comporta da padrona dettando le sue regole dal pizzo all’omicidio, per i più recalcitranti. Per entrambi non si contrappone lo Stato perché esso latita, delega, disquisisce sul sesso degli angeli e fa della giustizia un oggetto risibile e innocuo per gli approfittatori concedendo loro anni di latitanza e alla fine li assolve per prescrizione. Questa è l’Italia che sta bene al 20% dei suoi abitanti perché vi lucrano l’80% delle sue risorse ma non sta di certo bene a quell’80% che deve accontentarsi del 20% delle risorse. E’ questa la differenza. E’ questa la posta in gioco. Il resto è fumus persecutionis. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caso Lusi e le vittime

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Picture of Francesco Rutelli used fot his biog...

Picture of Francesco Rutelli used fot his biography on http://www.francescorutelli.it (Photo credit: Wikipedia)

“In seguito alla richiesta al Senato, da parte della procura di Roma, di autorizzazione all’arresto del sen. Lusi emerge con chiarezza che Francesco Rutelli e la Margherita sono state vittime di una serie di gravi reati penali”. Lo dichiara l’on. Gianni Vernetti, deputato di Alleanza per l’Italia. “Devo, però, registrare – continua Vernetti – come in questi mesi sia stata spesso infangata l’intera storia politica della Margherita ed in particolare del suo leader: Francesco Rutelli è stato sottoposto ad una gogna mediatica senza precedenti grazie alla quale si è voluto disegnare ‘un mondo alla rovescia’ nel quale le vittime sono diventate complici”.
“I fatti e le verità che stanno emergendo dimostrano ciò che abbiamo sempre sostenuto: Luigi Lusi ha messo in atto, con complici esterni alla Margherita, una serie di azioni di appropriazione indebita di fondi del partito per scopi personali, danneggiando gravemente l’immagine e l’onorabilità della stessa Margherita e dei suoi dirigenti” “Piena fiducia quindi nella Magistratura e solidarietà a Francesco Rutelli per gli attacchi ingiustamente subiti in questi mesi”, conclude Gianni Vernetti.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campagna antisprechi

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Cittadinanzattiva esprime apprezzamento per la campagna antisprechi impostata sul diretto coinvolgimento dei cittadini attivi. “Siamo certi che i cittadini sapranno segnalare sprechi, disservizi e malfunzionamento delle burocrazie proprio perché li vivono quotidianamente sulla loro pelle” afferma Antonio Gaudioso, vicesegretario generale di Cittadinanzattiva. “Da tempo chiediamo al Governo di compensare i sacrifici imposti alle tasche dei cittadini con un maggiore coinvolgimento nella vita pubblica. L’auspicio è che il processo avviato ponga le basi per una vera manovra civica capace di mettere fine agli odiosi sprechi, rilanciare i servizi al cittadino e favorire la partecipazione al governo della cosa pubblica”. Sull’argomento, Cittadinanzattiva è pronta ad offrire il proprio contributo ad una proposta che andrebbe rafforzata su due fronti. Da un lato, il coinvolgimento diretto dei cittadini dovrebbe essere accompagnato da una parallela consultazione delle organizzazioni civiche e di tutela dei diritti da anni impegnate nella lotta agli sprechi e al malaffare nella Pubblica Amministrazione. Dall’altro, per evitare che l’iniziativa si riduca ad uno sfogatoio sterile incapace di suggerire priorità a quanto emerge dalla sensibilità civica degli italiani, occorre che il Governo renda conto dei risultati di questa iniziativa garantendo la totale accessibilità alle informazioni che verranno raccolte con le segnalazioni.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Caso Bondi e ragioni a monte

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

“Le veline di Palazzo Chigi lasciano intendere che il governo sarebbe stato indotto a nominare commissario Enrico Bondi perché la Ragioneria generale dello Stato non avrebbe fornito i dossier a Pietro Giarda (il quale peraltro e’ stato per anni alla presidenza della Commissione sulla spesa pubblica). E’ veramente un atto di grave irresponsabilità mettere in cattiva luce la RGS che e’ sicuramente uno dei “pezzi pregiati” dell’amministrazione pubblica, la cui azione si svolge da sempre con grandi qualità e rigore nell’interesse di quello Stato che deve restare anche quando i tecnici smetteranno di fare danni e se ne andranno”.(Giuliano Cazzola Deputato del PdL)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The acquisition of Stokomani from Advent International

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Paris, Sagard, Jean Jacques Namani (President of Stokomani) and his management team announced today that they have signed an agreement to acquire, from Advent International, Stokomani, the leading French discount wholesaler of leading brands. This transaction should be finalised by June 2012. The value of the transaction was undisclosed. For over 50 years, Stokomani has been the leading French specialist discounter of end-of-line products. Through its network of 37 stores, Stokomani offers a large range of constantly renewed brand name goods at attractive prices in the clothing, sportswear, beauty and healthcare, home ware or toy sectors. It is based on this unique concept, developed by Jean-Jacques Namani, the son of the company’s founder, that the group has achieved strong performance, doubling its size in five years and, today has sales of nearly 200 million euros. Frédéric Stolar, Partner at Sagard, declared: “We are delighted to accompany Jean-Jacques Namani in this new phase in the group’s development. We particularly appreciate the relevance of Stokomani’s model in the current economic environment, where consumers are seeking quality goods at attractive prices. In unfavourable conditions for specialised distribution, Stokomani has increased its turnover by over 15% per year, thanks to a remarkable management team and a permanently renewed offer. We are also delighted to be able to finalize this transaction in a difficult LBO market – evidence of the confidence that Stokomani and Sagard hold with senior and mezzanine lenders who are financing the transaction and thank them for that.”
Sagard is a French investment fund that provides equity capital to support the development of mid-sized companies led by ambitious management teams. Created by the Desmarais family (Power Corporation of Canada) in 2003, it manages close to €1.5 billion in funds. Since 2004, Sagard and its team of 10 professionals have carried out 20 investments in the industrial and service sectors. For more information, please visit http://www.sagard.com
Founded in 1984, Advent International is one of the world’s leading global buyout firms, with offices in 16 countries on four continents. A driving force in international private equity for 27 years, Advent has built an unparalleled global platform of over 160 investment professionals across Western and Central Europe, North America, Latin America and Asia. The firm focuses on international buyouts, strategic repositioning opportunities and growth buyouts in five core sectors, working actively with management teams to drive revenue growth and earnings improvements in portfolio companies. Since inception, Advent has raised €19.4 billion in private equity capital and, through its buyout programmes, has completed over 270 transactions in 35 countries. For more information, visit http://www.adventinternational.com.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Innovative Technologies in Cryogenics Emerge as Key Topic of the Year

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Universitetskaya Embankment, building of the R...

Universitetskaya Embankment, building of the Russian Academy of Science (Photo credit: Wikipedia)

Moscow Research in the field of cryogenics has received high acclaim from the international scientific community. This is shown by the fact that renowned experts and innovators in this area were presented with one of the world’s most respected awards in energy science, The Global Energy Prize. The 2012 laureates are two outstanding Russian scientists – Russian Academy of Sciences (RAS) academician Valery Kostyuk and Russian Academy of Sciences academician Boris Katorgin – and an eminent British professor, Rodney J. Allam.
The names of the laureates of the 10th edition of the Global Energy Prize were announced last week at the official awards ceremony held in Moscow on 20 April. The prize winners and the results of their scientific research will set the tone for future landscape of the industry and the most pressing industrial issues.
“Research in the cryogenic area is underscored by the demand for very specific needs of a range of applications like aerospace, automotive, food and beverage, storage, transportation etc. This is particularly true for the energy sector whereby an innovative approach is being developed to store renewable energy leveraging cryogenic platform whose liquid air energy storage could be up to 70% efficient and cost effective too. Another area of development has been leveraging cryogenic CO2 capture using cold energy from Liquified Natural Gas (LNG),” states Director Ankit Shukla, Frost & Sullivan Technical Insights Group. The International Award Committee gave an upbeat assessment of RAS academician Boris Katorgin. He was awarded a prize for his cycle of research and development on high efficiency liquid rocket engines which run on cryogenic fuel and oxidant, cryostatic systems and high-conductivity devices. “I can say that Russian rocket engines definitely enjoy demand on the global market. We sell a high-tech ready-made product which is assembled in Russia and has high added value”, Mr. Katorgin said.
In keeping with the award tradition, the winners are apprised directly over the telephone during a press conference. Professor Rodney J. Allam was pleasantly surprised by the news: “I have devoted my entire career to work on cryogenic systems. Over the last 10-20 years I have been engaged in developing new and efficient energy systems. Right now I’m working on an extremely interesting project which calls for the use of liquefied oxygen to obtain energy. This is a joint project with my US colleagues”.
Chairman of the Board, Federal Grid Company of Unified Energy System (FGC UES), Oleg Budargin emphasized that the work of prize-winning laureates holds great practical significance this year. Thus, for example, the cryogenic fuel engines worked out by Academician Boris Katorgin have been successfully applied for peaceful space development purposes in the American Atlas rocket.
The official Global Energy award ceremony will take place in June as part of the St. Petersburg International Economic Forum. In 2012, the prize fund amounts to Rub 33 million. The committee reviewed 639 nomination applications from 49 different countries. Laureates will receive their awards from the hands of Russian President Vladimir Putin.
The Global Energy Prize awards over US$1m each year, and thus far has been granted to 24 scientists from around the globe, including past Laureates from the US, Great Britain, Canada, France, Germany, Iceland, Russia, Ukraine and Japan. The President of the Russian Federation participates in each year’s award ceremony held at the conclusion of a week-long celebration of the awardees’ work, Laureates’ Week. Other world leaders who have supported the prize include the former US President George W. Bush, former British Prime Ministers Tony Blair and Gordon Brown, former French President Jacques Chirac and current Canadian Prime Minister, Steven Harper.
The Prize rewards innovation and solutions in global energy research and its concurrent environmental challenges. The degree to which a development contributes to the benefit of humanity is a key driver in deciding the recipient of the Prize. http://www.globalenergyprize.org/en/

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lusi e la dignità del Parlamento

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Italiano: L'europarlamentare italiana Debora S...

Italiano: L’europarlamentare italiana Debora Serracchiani (Photo credit: Wikipedia)

“Il Partito democratico ha sempre sostenuto che il seggio parlamentare non è uno scudo che serve a proteggere dall’azione della magistratura: ora si tratta di essere coerenti con questa nostra linea e concedere l’autorizzazione all’arresto”. Lo afferma l’europarlamentare del Pd Debora Serracchiani, dopo che la Procura della Repubblica di Roma ha chiesto al Senato l’autorizzazione all’arresto del senatore Luigi Lusi. Secondo Serracchiani “stanno emergendo notizie di comportamenti che sarebbero già infamanti per qualunque cittadino comune, ma che commessi da un membro del Parlamento confinano con il tradimento del mandato popolare. Il più delicato dei compiti, cioè l’amministrazione dei fondi pubblici che devono servire al funzionamento della democrazia, è stato trasformato in un losco affare d’interesse privato”. Per l’esponente democratica “è necessario che il Pd prenda la leadership del rinnovamento e della trasparenza, e contribuisca senza esitazione a preservare la dignità del Senato e la credibilità della politica”. (Giancarlo Lancellotti)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Imu: ingiusta e incostituzionale

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Italiano: primo piano di Giuliano Pisapia all'...

Italiano: primo piano di Giuliano Pisapia all’iniziativa “Un sindaco per Milano” (Photo credit: Wikipedia)

“Io penso che l’imu così come è stata strutturata dal decreto Salva Italia, approvata dal parlamento, dalla maggioranza parlamentare è sbagliata, ingiusta, ingiustificata e ha anche evidenti profili di incostituzionalità. Perché prevede che un’imposta municipale così come ha deciso la costituzione che ci fosse, comportasse che una parte dei proventi di questo tributo andassero al governo. Preso atto di questo dato di fatto io credo che bisogna fare di tutto e impegnarsi perché il governo cambi rotta, cambi strada anche perché strangolare i comuni significa strangolare coloro che danno una risposta ai bisogni primari dei cittadini” . Così il sindaco di Milano Giuliano Pisapia interviene sull’Imu a Radio 24, e aggiunge “l’alternativa è molto chiara, se il governo, il parlamento ha la necessità di avere a propria disposizione quelle somme per sanare il paese, faccia una tassa autonoma, che può essere una tassa di scopo o un’altra tassa, ce ne sono purtroppo tantissime, e ci metta la faccia e non faccia sì che invece i Sindaci diventino gli esattori del governo. Per cui i cittadini pensino che quella tassa o quell’introito del governo vadano per i servizi ai cittadini mentre invece i sindaci o gli amministratori locali non vedono neppure una parte di quell’importo”. Sulla manifestazione dell’Anci a Venezia, il primo cittadino di Milano pensa che “potrà dare una sveglia al governo su un tema delicato. Che non significa evasione fiscale anzi bisogna combatterla e quindi non significa neppure violare le leggi, ma significa spingere affinché ci sia equità fiscale e quindi equità sociale”. Rispetto alla disobbedienza fiscale annunciata da alcuni sindaci leghisti, per Pisapia: “Un sindaco rappresenta le istituzioni a livello locale e non può commettere reati o avere comportamenti illegali. Anzi il sindaco deve dare l’esempio, e l’esempio è quello che tutti i cittadini. – e il sindaco di Milano a Radio 24 propone – I Sindaci si impegnino e si mobilitino per una maggiore giustizia fiscale e sociale, in quanto hanno una maggiore sensibilità rispetto ai bisogni dei cittadini di quella di un Presidente del Consiglio o un Ministro che non sentono ogni giorno le proteste dei cittadini e non vivono le difficoltà a volte estreme. Da nord al sud”. E infine conclude a Radio 24: “Non capisco la protesta fiscale dei sindaci leghisti. La Lega è stata al governo fino a pochi mesi fa ed è una delle forze politiche e dei partiti responsabile del disastro in cui ci siamo trovati. E’ troppo facile fare adesso azioni propagandistiche illegittime e illegali, doveva pensarci prima. Adesso credo che debbano impegnarsi insieme all’Anci affinché si modifichi una legge che anche loro ritengono errata. Ognuno si assuma la propria responsabilità e la Lega è l’ultima che può dire una parola su questo tema visto che sono quantomeno corresponsabili”.

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Su uso terapeutico della cannabis

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Cannabis

Cannabis (Photo credit: Duncan Brown (Cradlehall))

Il Consiglio Regionale della Toscana ha approvato una legge sull’uso terapeutico della cannabis. Un voto a nostro avviso importante che ci permette di portare nuovamente all’attenzione dell’opinione pubblica una nostra proposta di legge.Il progetto di legge da noi presentato si poneva l’obiettivo di normare l’uso dei cannabinoidi per fini terapeutici. La nostra proposta si pone l’obiettivo di riempire un vuoto normativo, senza alcun fine antiproibizionista, ma con forte valenza scientifica.
Con il decreto ministeriale del 18 aprile 2007 è divenuto possibile anche in Italia prescrivere e utilizzare alcuni cannabinoidi, derivati naturali o di sintesi della Cannabis. In realtà l’accesso a questi farmaci resta molto problematico. È evidente la necessità di una Legge Regionale applicativa delle norme quadro nazionali, al fine di poter evitare le attuali confusioni ed equivoci, causa illegittima di grave ed ingiustificato danno ai malati.La proposta di legge di Sinistra Ecologia Libertà è in sostanza un protocollo attuativo delle norme già pienamente in vigore a livello nazionale, al fine di evitare perdite di tempo gravemente nocive per il malato.
Questa norma regionale permetterebbe una vera svolta nell’uso di questi medicinali, anche perché la legge nazionale vigente non prevede il rimborso dei medicinali derivati dalla cannabis, un costo che – con l’approvazione di questa legge – sarebbe a carico del servizio sanitario regionale e non più dei singoli pazienti. Si noti che una terapia completa di medicinali a base di cannabinoidi ha un costo mensile di circa 600 euro.Con questa norma si potrà poi convenzionare la Regione Piemonte con stabilimenti dotati delle autorizzazioni necessarie a produrre cannabinoidi e si eviterà la dipendenza totale dalle importazioni di tali sostanze, consentendo anche un notevole risparmio.A differenza del progetto di legge toscano, la proposta di SEL prevede la somministrazione del farmaco anche fuori dalle strutture ospedaliere, ferma restando l’esclusiva responsabilità del medico richiedente, che valuta la carenza di adeguata e percorribile alternativa terapeutica.In tal proposito anche il coordinamento nazionale di Sinistra Ecologia Libertà aderirà alla Million Marijuana March che si terrà come ogni anno a Roma il sabato 5 maggio da piazzale dei Partigiani a Piazza Bocca della Verità dalle ore 16,00 in poi. Si tratta di una mobilitazione che si terrà contemporaneamente in 420 città che vuole rilanciare la discussione sulle droghe leggere: riproponendo lotte libertarie e antiproibizioniste contro il narcotraffico internazionale che produce morte ed economia sommersa ed illegale. La legalizzazione delle sostanze leggere e la regolamentazione della coltivazione domestica sono l’unico strumento praticabile per far emergere sia una nuova economia basata sulla canapa, ed i suoi derivati, e sia per sottrarre dall’illegalità e dalla criminalità milioni di consumatori nel mondo. E’ quanto dichiara Monica Cerutti della Sinistra Ecologia Libertà

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Si spegne l’ultimo reattore nucleare in Giappone

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

E’ stato spento l’ultimo reattore nucleare ancora funzionante in Giappone. Dopo il disastro di Fukushima, il reattore di Tomari è l’ultimo dei 54 presenti sull’arcipelago ancora in funzione: oramai per meno di 24 ore.
Greenpeace chiede al Governo giapponese di cogliere l’opportunità di un Paese denuclearizzato per ascoltare finalmente i suoi stessi esperti e il popolo giapponese che chiede di tenere spenti i reattori e di concentrare ogni sforzo per aumentare l’efficienza energetica e l’uso delle energie rinnovabili. “È importante che il popolo giapponese venga preservato da ulteriori rischi relativi al nucleare mentre centinaia di migliaia di persone continuano a subire gli effetti del disastro di Fukushima – sostiene Junichi Sato, Direttore esecutivo di Greenpeace Giappone. – Un Giappone senza nucleare è un Giappone più sicuro. Per garantirsi un futuro di prosperità, il nostro Paese deve rottamare il nucleare a vantaggio delle rinnovabili”.
Nel settembre 2011, pochi mesi dopo il disastro di Fukushima, Greenpeace ha pubblicato lo scenario energetico “Energy [R]evolution – Japan” [1] che dimostra come il Paese possa fare a meno del nucleare e raggiungere comunque gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra al 2020 con efficienza energetica, sviluppo delle rinnovabili e migliore gestione della domanda energetica.”Anche se tutti i reattori sono spenti, in Giappone non ci sono problemi di produzione elettrica. Il picco di domanda estivo può essere gestito aumentando l’efficienza e con un’oculata gestione della produzione e del risparmio energetico – aggiunge Sato. – Il disastro di Fukushima ha dimostrato che i reattori nucleari giapponesi, e le istituzioni che li gestiscono non sarebbero in grado di sopportare un altro grosso terremoto, che gli esperti ci predicono per i prossimi anni. Semplicemente, non vale la pena di correre questi rischi quando sappiamo con certezza che le alternative sono a portata di mano”.Oltre al convegno a Veronafiere, durante i tre giorni del Verona Forum Stone sono in calendario una serie di incontri B2B per far conoscere ai grandi distributori russi le eccellenze locali dei consorzi della Valpantena e della Valpolicella, grazie a visite alle aziende storiche e iniziative didattiche.
Venerdì 18 maggio, alle ore 15, al Centro Servizi Marmo di Volargne è in programma il seminario tecnico “L’utilizzo della pietra naturale: casi di impiego per facciate ventilate”, in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri di Verona. Si prosegue in serata, nell’auditorium di Sant’Ambrogio di Valpolicella con un momento conviviale per gli ospiti a base di cucina tipica veronese e musica dal vivo.
Sabato 19 maggio, sempre nel Centro Servizi Marmo alle ore 10.30, un altro convegno dal titolo “Il valore della formazione per il rilancio del territorio”, realizzato insieme a Cgil- Cisl-Uil di Verona, con il patrocinio del CPN e del Centro di Formazione Professionale del Marmo di Sant’Ambrogio (Cnos-Fap San Zeno).
Durante le giornate di venerdì 18 e sabato 19 maggio, fino alle ore 16, porte aperte per conoscere da vicino la realtà delle aziende del marmo veronesi: in ciascuna presente anche una cantina del Consorzio Strada del Vino Valpolicella per offrire una degustazione dei propri prodotti. Le aziende sono: Alberti & Alberti S.R.L., Bauce Bruno & C. S.R.L., Graniti Marmi Affi S.R.L., Grein Italia S.R.L. e Marmi Zenatelli S.R.L.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Formazione post-laurea

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Oltre 5000 i master presenti in Italia, questo il risultato della ricerca di Universita.it, che ha deciso di censire tutti i corsi post laurea esistenti nel nostro territorio e di riunirli in un’unica nuova sezione.
Lo studente/utente potrà così avere una visione completa dei corsi attivati o in via di attivazione messi a disposizione dalle Università e dai vari Enti.
Universita.it diventa così uno dei pochi siti ad offrire una panoramica totale di tutta l’offerta formativa dei master presenti nel nostro territorio.
Continuano le novità del quotidiano on line d’informazione universitaria più letto dai giovani studenti che ha creato all’interno della propria pagina web una guida vera e propria (con oltre 5000 schede complete inserite, entro l’anno, in database) capace di indirizzare gli interessati verso il corso di cui hanno bisogno.
Indispensabile, intelligente, pratica e facile da usare queste le caratteristiche della nuova sezione interamente rivolta ai corsi post-laurea. Un’idea funzionale e semplice da usare. Basta “sintonizzarsi” sulla home page di Universita.it, e con un semplice click entrare nella pagina dedicata ai master. La nuova sezione sarà suddivisa in tre parti, in base a tre diverse offerte ognuna delle quali contenente una propria home page e un proprio filtro:
Master Post Laurea
Master Online
Master Executive (esplicitamente rivolti a professionisti di alto profilo o manager con un’esperienza lavorativa pluriennale).
Selezionata la tipologie l’utente potrà, attraverso un filtro di ricerca, effettuare vari tipi di indagine: per categorie o sottocategorie (es. Comunicazione, Management) per sede, (es. Milano, Roma) per fascia di
prezzo (es dai 1500 a 3000, dai 3001 ai 5000) o per data d’inizio del corso (es aprile 2012, maggio 2012). Non solo funzionale e semplice da usare ma anche previdente nei confronti dell’utente in cerca di master. Delle semplici icone grafiche ben visibili indicheranno infatti il termine di scadenza delle iscrizioni (icona verde bando attivo, rossa bando scaduto, giallo in scadenza). In questo modo l’utente, potrà conoscere con un semplice click non solo quali e quanti corsi rispondono a determinati criteri, ma anche fino a quando sarà possibile inoltrare la domanda di partecipazione. Un sito come Universita.it si propone come primo step nella ricerca del master adatto alle proprie esigenze. Un vero e proprio condottiero della vita universitaria, che dirige gli studenti verso le proprie scelte.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Les structures de gouvernance de Caritas Internationalis vont discuter des nouveaux décrets du Saint Père

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Le Saint Père a fait remettre hier au Cardinal Président de Caritas Internationalis par le Cardinal Secrétaire d’Etat et son équipe deux décrets : l’un approuve les nouveaux statuts et règlement intérieur de Caritas Internationalis, avec quelques modifications significatives apportées à ceux adoptés par le Comité exécutif de l’organisation en novembre dernier ; l’autre précise la nature des relations entre Caritas Internationalis et les différents organes de la Curie avec lesquels il doit coopérer. Ceci est l’aboutissement d’un long processus engagé en 2004, quand le pape Jean Paul II a doté Caritas Internationalis d’un statut de personnalité juridique publique, en faisant ainsi une entité du Saint Siège. Cet aboutissement était attendu et Caritas Internationalis se réjouit de ce moment important dans son histoire. Sa mission est confirmée, dans un cadre institutionnel plus ecclésial, incarnant sa double nature de confédération de 164 organisations nationales et d’entité du Saint Siège. Le Conseil représentatif de la Confédération et son Bureau exécutif se réunissent dans leur nouvelle forme du 15 au 17 mai à Rome, comme programmé de longue date. Cette réunion sera en partie consacrée à étudier les changements apportés aux nouveaux statuts par rapport à ceux votés par le Comité exécutif en novembre dernier et qui avaient été transmis à la secrétairerie d’Etat pour approbation par le Saint Père, et à leur application. Caritas Internationalis est confiante dans l’avenir : sa mission de lutte contre la pauvreté et de promotion de la justice sociale a été renouvelée en tant que service de l’Eglise universelle, et après plusieurs années de travaux sur la rénovation de ses statuts, tous ses efforts seront dorénavant concentrés sur cette mission.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tax compliance

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Crolla ad aprile l’indice della Tax Compliance, che misura la fedeltà fiscale dei contribuenti, del 5,2% ed aumenta l’evasione fiscale del 3,6%. In Italia 4 italiani su 5 non capiscono perché si pagano le tasse.
E’ questo il quadro che e’ emerso dalla ricerca – presentata oggi a Napoli nel corso del Convegno “Evasione fiscale e pubblicità ingannevole” – effettuata da Krls Network of Business Ethics per ”Contribuenti.it Magazine” dell’Associazione Contribuenti Italiani, che ha analizzando i dati sulla Tax Compliance rilevati da Lo Sportello del Contribuente nel periodo 2 aprile – 5 maggio 2012. In Italia, nell’ultimo mese la fedelta’ fiscale dei contribuenti e’ scesa di 5,2 punti passando da 16,5% a 11,3% a causa dei pochi e scarsi servizi che gli italiani ricevono in cambio delle molte tasse che pagano.
Negli ultimi 5 anni l’imponibile eva so in Italia è cresciuto del 37,2% con punte record nel nord dove ha raggiunto l’ 39,7%. Ogni contribuente italiano ”versa mediamente al fisco 7.930 euro all’anno, fra tasse, imposte e tributi vari, la cifra piu’ alta tra i paesi dell’area euro, ma riceve in cambio in servizi sociali meno della metà, 3.460 euro, il piu’ basso tra i principali paesi europei. Dalla ricerca di Contribuenti.it Magazine emerge che al primo posto tra i paesi che investono maggiormente nei servizi sociali troviamo la Francia, seguita dalla Germania, Svezia, Olanda, Inghilterra e Spagna con 8.120 euro.
L’indice della tax compliance e’ l’indice di fiducia dei contribuenti italiani. Esso rappresenta il comportamento dei contribuenti nei confronti dell’amministrazione finanziaria. La sua rilevazione avviene attraverso l’analisi di un campione di circa 5.000 contribuenti ed e’ costituito da due subindici, la stima dei contribuenti sulla situazione corrente (40%) e le previsioni per il futuro (60%)”. Il dato ‘ha una forte influenza sulla politica monetaria e fiscale in quanto e’ l’indice della Tax Compliance. Piu’ il valore e’ alto, piu’ i contribuenti hanno conoscenza, informazione e certezza di poter contare sui propri diritti. Attraverso questa via c’e’ da attendersi una diminuzione delle evasioni fiscali insieme ad un incremento delle soluzioni pacifiche delle controversie. “L’evasione fiscale non si combatte né con Equitalia, né con gli spot televisivi, ma con i fatti – ha affermato Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani – In Italia manca finanche la certezza del diritto. Basta guardare al credito d’imposta sud per l’occupazione. Approvato nel maggio 2011 nel decreto sviluppo, prorogato nel 2012 di un anno, ancora nessuna impresa ha potuto beneficiare del contributo con grave danno per l’occupazione. Lo Stato deve tornare ad essere credibile mantenendo le promesse prese, migliorare la qualità dei servizi pubblici e sopra tutto rendere trasparenti i conti pubblici facendo comprendere ai contribuenti come amministrano e spendono i propri soldi, così come fa un amministratore di condominio”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I precari siciliani occupano la Provincia

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

E arrivano i nodi al pettine dei tagli imposti dal governo Monti…Come sempre a pagarne il prezzo più caro è il sud Italia. La Sicilia è una di quelle regioni che più ha usufruito di quelle figure precarie che hanno fatto, del mondo del lavoro nel nostro paese, una vera e propria jungla…senza diritti, senza prospettive…e troppo spesso senza le necessarie condizioni economiche per tutte quelle persone che non avevano scelte diverse…ma un’unica sola…cercare di lavorare anche se solo da precari. Appena a marzo scorso la Corte dei Conti bocciava il tentativo della Regione Sicilia di regolarizzazione dei precari. “Non ci sono soldi” il refrain che ormai è divenuta la parola d’ordine di uno Stato che continua a difendere i privilegi dei pochi, che non sfiora con alcun provvedimento la corruzione e gli sprechi (se non con demagogiche ed inconcludenti dichiarazioni di impegni vaghi), ma che tocca nel cuore quella enorme fascia di persone che hanno cercato, in tutti gli anni successivi alla ignobile legge 30 (legge Marco Biagi), di riuscire a trovare un modo qualsiasi per poter lavorare. Precisiamo…non c’è alcun merito da parte della Regione Sicilia che, comunque, ha tenuto migliaia di persone per svariati anni nella condizione di precario…ma l’aggravarsi della crisi e i segnali d’allarme per le poltrone dei politici nostrani a volte sono il volano per iniziative che, in tempi diversi, non si farebbero mai. Il merito va a chi ha lavorato e sudato per pochi spiccioli al mese, ha dato il suo impegno nella speranza che un domani fosse riconosciuto…pensando, sicuramente a torto, di vivere in un paese in cui i sacrifici e il lavoro siano doveri-diritti da non poter ledere. “Siamo obbligati ad occupare” dichiara Orazio Calì dello Slai cobas precari di Catania. “La situazione in Sicilia è esplosiva. Sono 22.000 i precari che lavorano nella pubblica amministrazione…e molti da 23 anni. Chiediamo un incontro al prefetto per sbloccare una situazione che ci vedrà, se così stante, al 31 dicembre tutti disoccupati. Non abbiamo intenzione di fermarci. Ci giungono telefonate dalle altre province siciliane dove stanno avvenendo altre occupazioni. Non ci fermeremo sin quando non avremo risposte certe sul nostro futuro…stiamo preparando altre azioni, ancora più eclatanti, per costringere quelle istituzioni, che fanno finta di non sentirci, a trovare una soluzione a questa situazione.”
E così il 4 maggio alcuni precari di Catania hanno occupato la sede della Provincia. L’occupazione va ad oltranza…nell’attesa che il prefetto, che in un primo momento ha rifiutato di incontrarli, torni sui suoi passi. In tutta Italia migliaia di lavoratori stanno perdendo salario e futuro per una crisi che premia i padroni e affossa la vita delle famiglie di chi ha sempre lavorato.
Il diritto al lavoro è un diritto costituzionale che va difeso non solo da chi rischia di perderlo, ma anche da chi lo ha già perso o da chi ancora lo ha.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma Teatro sala uno: 10 ZETS vita morte e miracoli

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Roma dall’8 al 13 maggio P.za di Porta S. Giovanni, 10 ZETS vita morte e miracoli di e con Deniz Ozdogan e Andrea Collavino regia di Andrea Collavino assistente alla regia Guido Feruglio Zets è una parola che non ha significato di per sé. Deniz Ozdogan e Andrea Collavino, autori e interpreti dello spettacolo, hanno estrapolato questa parola da una canzone che volevano usare nello spettacolo (Rumenie Rumenie di Aaron Lebedev), poi la canzone è stata tagliata ed è rimasta solo questa parola che ne ricorda altre: come “Sets!” che significa “seduto!” in tedesco, oppure “Zed”, la zeta in inglese, l’ultima lettera dell’alfabeto come ultimi sono i due migranti protagonisti di questa vicenda. La terra promessa vista come un paradiso, che non si può raggiungere qui sulla terra, poiché non è di questa terra. E allora che fare per arrivarci?
Merilin e Gabor, entrambi giunti da un est Europa senza nome, si sono conosciuti a Hockenheim durante il gran premio di formula uno, si sono sposati e sono venuti a vivere qui. Qui non è Venezia o Roma, è semplicemente qui, dove vivono grazie a degli spettacoli di strada, in cui Merilin fa l’assistente al mago illusionista e ipnotizzatore Gabor. Si guadagna poco, ma si sogna un possibile paradiso, sempre lo stesso da quando qualcuno ha detto che di là dal confine stanno tutti meglio. Zets è un cabaret delle emozioni in cui vita reale e vita immaginata si confondono come in un sogno. E’ una sorta di puzzle che racconta come due scalcinati artisti di strada riescono, tenacemente, a trovare momenti di felicità e ironia nonostante il loro magro destino. Le scene che si succedono continuamente in Zets evocano ora la vita privata, ora la vita lavorativa, ora il difficile rapporto con la nazione in cui sono immigrati i due protagonisti.
L’Associazione Spettatori&Attori in collaborazione con Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Fogolâr Furlan di Roma e Antea Onlus e con il patrocinio dell’Assessorato Cultura, Arte e Sport della Regione Lazio, dell’Assessorato alle Politiche Culturali della Provincia di Roma, dell’Assessorato alle Politiche Culturali e del Centro Storico di Roma Capitale, ha inaugurato a Roma con questa rassegna teatrale un’innovativa esperienza di autogestione teatrale che pratica nuove forme di collaborazione a partire dal grado zero dell’evento teatrale: ciò che avviene, appunto, tra attore e spettatore. Una possibile strada da intraprendere, basata sulla continuità del lavoro creativo e sulla costruzione di un rapporto duraturo con il pubblico.(dsc04)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Oil Refineries Ltd Reports Downgrade by Standard & Poor’s Maalot

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 maggio 2012

Haifa oil refinery, Israel. Česky: Věže haifsk...

Haifa oil refinery, Israel. Česky: Věže haifské rafinerie. (Photo credit: Wikipedia)

Haifa, Israel,(PRNewswire) Oil Refineries Ltd. (TASE: ORL.TA) (“Oil Refineries Ltd” or the “Company”) Israel’s largest integrated refining and petrochemical group, announced that Standard & Poor’s Maalot downgraded ORL’s credit rating to ilBBB+/stable, from ilA, and removed the Company’s rating from CreditWatch.S&P Maalot’s translation of the full report will be made available on the Company’s website later this week. A non-binding convenience summary of its content is as followOil Refineries Ltd. (ORL), which operates in the refining and petrochemical industries, continues to show weak financial results on a background of low refining margins, with a recent addition of a partial supply of natural gas.The inventory transactions made by the Company in the first quarter of 2012 only to some extent offsets the expected cash deficit and low refining margins given in the current financial covenantsS&P Maalot is downgrading ORL to ilBBB+ from ilA-, while also removing the Company’s rating from CreditWatch.S&P Maalot’s stable outlook for the Company is based on the current balance between the Company’s advanced progress in its investment plan with the current weak refining environment along with expected gas shortages in the next twelve months. The forecast reflects the Company’s ability to present a debt/EBITDA ratio which will not exceed 6.0x from 2013.
Oil Refineries Ltd. (ORL), located in the bay area of the city of Haifa, operates Israel’s largest integrated refining and petrochemical group. It is one of the leading refineries in the Eastern Mediterranean area and integrates, on-site, petrochemical businesses. ORL runs sophisticated and state-of-the-art industrial facilities with a refining capacity of 9.8 million tons of crude oil per year and a Nelson Complexity Index of 7.4, providing a variety of quality products used in industrial operation, transportation, private consumption, agriculture and infrastructure. Besides production of fuels, the company produces in its wholly owned subsidiaries Polymers (through Carmel Olefins Ltd), Aromatics (through Gadiv Petrochemical Industries Ltd), and Lube-Oils (through Haifa Basic Oils Ltd). The Company’s shares are listed on the Tel Aviv Stock Exchange under the ticker ORL. For additional information please visit http://www.orl.co.il.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »