Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Scienza per Amore: La realtà non va difesa ma raccontata

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 Mag 2012

Torino nell’ambito del Salone Internazionale del Libro di Torino – Salone Off, presso la Biblioteca civica di Villa Amoretti, si è tenuta la conferenza Tecnologia HYST: dagli scarti, cibo ed energia per tutti.
Nell’occasione è stato presentato il libro Scienza per Amore. La realtà non va difesa ma raccontata, una finestra sulle vicende dell’Associazione che ha finanziato lo sviluppo della HYST: tecnologia potenzialmente in grado di risolvere i problemi di cibo ed energia a partire da materiali considerati “di scarto”.
L’incontro è stato aperto dalla dott.ssa Francesca Luciani, dell’Istituto Superiore di Sanità, che ha descritto alcune applicazioni della tecnologia HYST in campo alimentare (umano e zootecnico). In particolare, per quanto riguarda l’alimentazione umana, la dott.ssa Luciani ha evidenziato come, attraverso un processo totalmente naturale, la lavorazione HYST consenta di ricavare – dalla crusca e da sottoprodotti dell’industria molitoria – farine di elevata qualità nutrizionale, ricche di proteine, vitamine e micronutrienti. “Con la sola crusca che si produce ogni anno nel mondo potremmo fornire oltre 2 tonnellate di farina altamente proteica ai 6.500.000 bambini sotto i 5 anni di età che ogni anno muoiono di fame” ha concluso la dott.ssa Luciani.L’intervento successivo è stato quello dell’ing. Pierpaolo Dell’Omo, del Dipartimento di Ingegneria Astronautica, Elettrica ed Energetica dell’Università La Sapienza. L’ing. Dell’Omo ha esposto i principi base del funzionamento della tecnologia HYST, sottolineandone le potenzialità nel campo delle energie rinnovabili. Infatti, pretrattando con la HYST materiali di scarto come la paglia di cereali, è possibile produrre biometano a prezzi estremamente bassi (circa 0,53 € a litro di benzina equivalente) e in quantità tali da soddisfare l’obbligo europeo di sostituire con biocarburanti il 10% del fabbisogno energetico del settore trasporti entro il 2020. Durante il suo intervento, l’ing. Dell’Omo ha inoltre presentato un esempio concreto di applicazione della HYST nei Paesi in via di sviluppo. Il progetto pilota presentato da Dell’Omo si inserisce nell’ambito di Bits of Future: Food For All, con cui ci si pro! pone di ottimizzare l’utilizzo delle risorse in aree con problemi legati alla carenza alimentare. Creando una sinergica integrazione tra attività agricole, industriali e allevamento, si realizza “un ciclo chiuso, in cui si usa praticamente ogni cosa e non c’è più alcun tipo di scarto”.
La responsabile delle Relazioni Esterne dell’associazione Scienza per Amore, Barbara Carrubba, ha infine raccontato la storia del progetto umanitario Bits of Future: Food for All (rivolto ai Paesi afrcani) presentando il libro Scienza per Amore. La realtà non va difesa ma raccontata. Il testo riporta le vicende dell’Associazione che ha sostenuto e finanziato la sperimentazione condotta dall’ing. Umberto Manola, inventore della HYST, e prelude a una seconda pubblicazione in cui saranno raccolte le testimonianze dirette degli associati: “persone che hanno dedicato la propria vita e le proprie risorse al finanziamento di questa tecnologia” come ha ricordato Barbara Carrubba. “Il nostro obiettivo non è alterare equilibri – continua Carrubba – ma mettere la tecnologia a disposizione dei Paesi africani […] vogliamo fornire uno strumento con cui ogni Paese possa sfruttare le risorse di cui dispone”.Da tempo ci sono i presupposti per avviare Bits of Future: Food for All, ma l’arrivo della HYST in Africa è stato rallentato dalla vicenda mediatico-giudiziaria in cui sono stati coinvolti l’ideatore del progetto umanitario – Danilo Speranza – e gli associati di Scienza per Amore. Una vicenda che ha portato al sequestro degli impianti HYST e al conseguente blocco di tutte le attività a essi collegate.
Infatti, nel marzo del 2010, all’indomani dell’adesione al progetto Bits of Future del primo Paese africano, Danilo Speranza è stato coinvolto in un’inchiesta giudiziaria che gli è costata due anni di custodia cautelare. L’arresto è seguito a denunce presentate proprio il giorno prima della firma del contratto che sanciva l’acquisizione della tecnologia HYST da parte dei finanziatori. Contestualmente alle accuse mosse a Speranza, l’Associazione è stata oggetto di una campagna denigratoria che ne ha gravemente danneggiato l’immagine. Nel corso degli ultimi due anni gli associati si sono trovati in una situazione paradossale: da una parte l’entusiasmo dei media di settore (economia, nuove tecnologie, alimentazione ed energia), dei tecnici e dei rappresentanti di Paesi africani; dall’altra, la “gogna mediatica” messa in piedi dal momento dell’arresto di Danilo Speranza.
Recentemente, tuttavia, la stampa che si informa si è accorta delle innegabili evidenze scientifiche e ha smesso di considerare dati certi le sole parole.
Il prossimo 24 maggio la tecnologia sarà oggetto di un convegno organizzato dall’Università degli Studi della Tuscia in collaborazione con Scienza per Amore e BioHyst.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: