Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Stati Uniti: il Soave “agguanta” la Grande Mela

Posted by fidest press agency su sabato, 19 Mag 2012

Looking south from Top of the Rock, New York C...

Looking south from Top of the Rock, New York City {| cellspacing=”0″ style=”min-width:40em; color:#000; background:#ddd; border:1px solid #bbb; margin:.1em;” class=”layouttemplate” | style=”width:1.2em;height:1.2em;padding:.2em” | 20px |link=|center | style=”font-size:.85em; padding:.2em; vertical-align:middle” |This image was created with hugin. |} NYC wideangle south from Top of the Rock.jpg (Photo credit: Wikipedia)

Prosegue a pieno ritmo e con ampia partecipazione di pubblico “Reach for Soave” l’azione promozionale voluta dal Consorzio di Tutela del Soave per il mese di maggio e giugno a New York, dedicata al consumatore finale.
Nel progetto sono infatti coinvolti oltre 30 tra i più prestigiosi wine shop della Grande Mela al cui interno fino a metà giugno si terranno degustazioni guidate e attività di avvicinamento al Soave.
“Convivial, fresh e stylish” sono i concetti portanti della nuova campagna promozionale dedicata al Soave, che dai primi di maggio si sta facendo ampio spazio tra riviste di settore, inserzioni stampa e soprattutto nell’on line. Tre termini non casuali: in base all’indagine di mercato a supporto della nuova campagna promozionale USA, “Convivial, fresh e stylish” risultano infatti i tre aggettivi più ricorrenti quando viene richiesto di descrivere il vino Soave.Fino a metà giugno il Soave verrà promosso nei wine shop più trendy di New York e sarà fatto conoscere con degustazioni guidate nei punti vendita, con particolare riguardo al target di consumatori tra i 25 e i 40 anni di età.<<Si tratta di un programma molto intenso – evidenzia Arturo Stocchetti, presidente del Consorzio del Soave – che si rivolge sia ai rivenditori e al trade, sia soprattutto ai consumatori diretti. Ed è qui la grande sfida perché per canali differenti servono azioni e comunicazioni differenti e mirate>>.
Da Manhattan a Brooklyn fino al New Jersey, quella attualmente in corso oltre oceano è una vera e propria azione capillare, che, consumatore dopo consumatore, si pone come obbiettivo di proporre ad avventori e clienti dei wine shop il Soave, quale vino bianco simbolo dell’Italia, forte della sua ritrovata identità.
Torna quindi il contatto personale e diretto tra chi propone il vino Soave ed il cliente finale. Una scelta strategica questa che è stata posta in essere come naturale evoluzione del percorso promozionale di cui da oltre tre anni è protagonista il Soave in America. Dopo azioni mirate a far conoscere ed apprezzare il Soave agli importatori e ai distributori, ad oggi viene volutamente intensificata l’azione promozionale sul consumatore finale.
Accanto alle degustazioni guidate non mancheranno eventi glamour ed appuntamenti con la stampa di settore.
Il 29 maggio dalle 12.30 alle 15.00 al ristorante I Trulli di New York è in calendario un ricevimento per la stampa di settore durante il quale è prevista un’ampia degustazione a cui prenderanno parte tutte le aziende che hanno partecipato a Reach for Soave in una sorta di banco d’assaggio conclusivo, dedicato ai giornalisti e ai wine writer. In questa sede i produttori presenti potranno interfacciarsi personalmente coi giornalisti delle principali testate americane, che si saranno accreditati all’evento.
Nello stesso giorno all’Astor Center di Manhattan, dalle 18.30 fino alle 20.00 seguirà una degustazione informale dedicata invece al pubblico e ai consumatori, finalizzata a trasmettere un’immagine conviviale e socializzante del Soave.Chiuderà la campagna Reach for Soave un evento dal sapore decisamente glamour. Il 10 giugno infatti il Soave sarà l’unico vino presente al party organizzato al Tribecca Grand Hotel dalla popolare testata online Thrillist e dedicato alla chiusura della stagione della serie televisiva Mad Men, ambientata negli anni ’60 e molto seguita in America.
Gli Stati Uniti si confermano anche per l’anno in corso il mercato estero di riferimento su cui il Consorzio del Soave intende investire in chiave promozionale per tutto il 2012.
Se infatti per l’anno 2009/2010 le aziende socie del Consorzio del Vino Soave hanno registrato nel mercato USA una crescita del +20% in termini sia di volumi che di valore rispetto all’anno 2008/2009 – che si era comunque chiuso con un trend positivo pari ad un +11% – , anche il 2011 si è chiuso con una crescita a doppia cifra per la denominazione veronese sia in termini di valore che in termini di volume. Bene anche la distribuzione geografica di prodotto: all’interno degli Stati Uniti le differenti tipologie di Soave esportato dalle aziende sono ad oggi reperibili in 25 stati, mentre negli ultimi tre anni il numero di aziende aderenti al consorzio che hanno stabilito rapporti commerciali con gli USA è cresciuto del 16% rispetto al triennio precedente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: