Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

La Polverini alla fine si dimette

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 settembre 2012

English: Renata Polverini, italian trade union...

English: Renata Polverini, italian trade unionist. Italiano: Renata Polverini, sindacalista italiana. (Photo credit: Wikipedia)

ll tira e molla che è andato avanti per più di dieci giorni della governatora del lazio Renata Polverini ha dato a molti l’impressione che le sue dimissioni fossero diventate una sorta di leggenda metropolitana. Lo ha creduto anche il nostro amico Rosario, un attento osservatore della politica italiana e che vantiamo tra i nostri commentatori più qualitifati, ma per nostra fortuna si è sbagliato. Il caso Lazio è di quelli che gridano vendetta. Non ci riguarda, ovviamente, l’aspetto giudiziario ma quello politico, o meglio il malcostume imperante della politica che oggi si esprime con la sigla di un partito, ma non mi meraviglierei se altri movimenti politici ne venissero coinvolti, Ha un bel dire la Polverini che questo allegro andazzo delle finanze regionali sa di antico. Mi limito, per smentirla, ad un solo punto. La precedente amministrazione Marrazzo aveva disposto un milione di euro per finanziare i gruppi politici presenti in regione. In due anni e con nove delibere questa cifra ha raggiunto i 14 milioni di euro. E ancora più sconcertante è il fatto che per tentare di risanare le esangui casse della Regione si sia fatto ricorso alla più iniqua delle manovre con l’addizionale Irpef che è andata a colpire soprattutto i reddi medio-bassi e per dirla tutta i pensionati e i lavoratori monoreddito, i cassa integrati, i precari. Se tanto mi da tanto gli elettori della regione dovrebbero annotarsi questo particolare per votare contro un partito di faccendieri che si sono arricchiti a spese dei poveri. Non dico che nel Pdl non vi siano dei galantuonini come ve ne sono negli altri partiti, ma di certo anch’essi ne escono con le ossa rotte perchè non possono dire “non lo sapevamo” come intende farci credere anche la Polverini. Se invece di distribuire un milione di euro si passa a ben quattordini la scia che lascia non è certo invisibile. E’ che gli italiani sono segli “gnoccoloni” altrimenti avrebbero preso a forconate questi signori che invece di vergognarsi per le loro malefatte ne hanno tratto vanto pubblicamente e il loro dire rilanciato dalla grancassa dei media. Ma la mia reprimenda la faccio agli elettori perchè da almeno venti anni a questa parte avrebbero potuto fare delle scelte più attente ed invece si sono lasciati ubriacare sai soliti imbonitori. Usque tandem… Vedremo con il primo test regionale siciliano se il popolo italiano si è rinsavito o no. Ma sr guardo al passato consentitemi di nutrire seri dubbi. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

I

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: