Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for ottobre 2012

I libri di Riccardo Alfonso

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2012

La serie di pubblicazioni dei libri scaturiti dalla fervida penna di Riccardo Alfonso. Ora è possibile incominciare a leggerli su Amazon. Ogni settimana uscirà un nuovo titolo. Sono pubblicazioni eclettiche. Riguardano molti campi dello scibile. Sono stati scritti con stile giornalistico e con una capillare documentazione e note bibliografiche di riferimento. Il riferimento Amazon è: http://www.amazon.com/-/e/B009NL5W0K

Posted in Fidest - interviste/by Fidest, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ricerca su dinamica quantistica di nanomagneti molecolari

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2012

Le nanostrutture magnetiche (con dimensioni dell’ordine del miliardesimo di metro) sono componenti fondamentali in tecnologie emergenti quali laspintronica e la computazione quantistica. Rispetto a un tipico materiale magnetico, la piccolissima taglia di questi sistemi dà luogo a fenomeni caratteristici della meccanica quantistica che possono essere sfruttati nella progettazione di algoritmi di calcolo e di dispositivi in grado di superare decisamente qualunque controparte tradizionale.Un aspetto cruciale della ricerca in questo campo è la comprensione della dinamica, ovvero del modo in cui lo stato degli elettroni che danno origine al magnetismo evolve nel corso del tempo. Essendo questa dinamica caratterizzata da scale di tempo e di lunghezza molto piccole (rispettivamente dell’ordine del millesimo di nanosecondo e di frazioni di nanometro), una sua misura diretta non era finora stata possibile.Nello studio Spin dynamics of molecular nanomagnets unravelled at atomic scale by four-dimensional inelastic neutron scattering, appena uscito sulla prestigiosa rivistaNature Physics, svolto nell’ambito di una collaborazione internazionale che vede protagonista un gruppo di ricercatori dell’Università di Parma, viene illustrato unnuovo approccio che rende possibile determinare direttamente questa dinamica su scala atomica a partire da sofisticate misure di spettroscopia neutronica.L’efficacia di questa metodica è stata dimostrata su un anello di otto atomi di Cromo, uno dei più studiati nanomagneti molecolari per via della sua dinamica fortemente quantistica. Questo risultato apre notevoli prospettive sia di carattere fondamentale che tecnologico, per le potenziali applicazioni degli anelli molecolari come unità fondamentali (qubit) dei computer quantistici. Il gruppo di fisici teorici di Parma che ha partecipato a questa ricerca e collaborato all’esperimento è costituito dai proff. Giuseppe Amoretti, Stefano Carretta e Paolo Santini ed è da anni all’avanguardia nella ricerca sul magnetismo molecolare, che svolge nell’ambito di numerose collaborazioni internazionali e di progetti finanziati da Unione Europea, MIUR e Fondazione Cariparma.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Civil Liberties MEPs discuss media freedom across the EU

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2012

The possibility to legislate at EU level in the area of media freedom, the need for transparency in the media ownership and the creation of a European regulators’ group for audiovisual media services were among the main issues raised in a Civil Liberties Committee debate on media freedom that took place on Thursday.To reinforce media freedom in Europe, Mr Schuer suggested taking into account the development of new online media (such as internet TV), improving cooperation with non-EU organisations, such as the Council of Europe, and taking actions to boost transparency, especially regarding media ownership.
The EP draftsperson, Renate Weber (ALDE, RO), presented her draft report on “standard settings for media freedom across the EU”. She underlined the importance of prevention to avoid any abuses in the media field for the sake of national security or the infiltration of secret service agents in the national media.”Are we pleased with the media situation in Member States? Are we pleased with the responses from the European Commission when there were very strong signals that media freedom was in jeopardy in some EU countries? The answer is no”, pointed out Ms Weber. “I want a ‘to-do’ list and a ‘not-to-do’ list for Member States, but also for the Commission”, she added.Ms Weber also refused the idea of a EU legislation in the media field. “The reality in each country and cultural traditions are so different that it would be very difficult”, she explained.Groups differed on some of the issues raised by the draft report, including the possibility for the EU to legislate on media freedom and media pluralism. “We don’t think that the EU has the competence to legislate in this area”, argued Simon Busuttil (EPP, MT).Other MEPs considered that the EU needs to act: “If the EU is a community of values, this is our objective”, said Sophia in ‘t Veld (ALDE, NL). “If we want a good quality journalism, politicians must be transparent and protect journalists’ freedom”, added Judith Sargentini (Greens/EFA, NL).MEP Kinga Göncz (S&D, HU) highlighted that the Commission has accepted a European Citizen’s Initiative on media pluralism. “This means that there is a sort of competence at EU level”, she stated.
Another important issue underlined by Mr Scheuer in the discussion was the independence of the media. In this sense, he called for strengthening transparency in the media ownership and avoiding any influence on journalists from both editors and political or economic lobbies. The rapporteur agreed with this.
A hearing on media freedom and media pluralism will be organised by the Civil Liberties Committee on November 6. The deadline for amendments to the draft report will end on November 8 at 12.00.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

La bronchite acuta: sintomi e segni

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2012

La bronchite acuta è una patologia tipica del periodo autunnale/invernale, caratterizzata da un’iperemia delle vie respiratorie che può portare ad una vera e propria ostruzione. Le cause possono essere:
– infettive: rinovirus, adenovirus, virus influenzali, paramixovirus, Coxsackie virus e micoplasmi. Ovviamente il quadro clinico e anche la prognosi sono peggiori in un paziente che soffre già di una Bpco.
-irritative: dovute all’esposizione a sostanze tossiche e irritanti come l’ammoniaca, l’anidride solforosa, polveri minerali e acidi organici.
Dal punto di vista istopatologico è caratterizzata da iperemia, infiammazione tracheo-bronchiale e un’infiltrazione leucocitaria che porta ad una produzione di muco. I sintomi principali sono infatti: dispnea, febbre, malessere, mialgia, prodromi delle sindromi influenzali e una tosse quasi convulsa e continuativa. Un escreato purulento è indice di una bronchite su base batterica. Diagnosi differenziale: Ards, Bpco, Tbc, polmonite e neoplasia polmonare. Una rx torace e valutazione dei sintomi spesso sonosufficienti per escludere altre patologie. Domande essenziali
Il paziente è un fumatore? Siamo in presenza di una Bpco cronica? È asmatico? Che lavoro fa? Vi è un escreato? È iniziato tutto da un raffreddore? (causa principale delle bronchiti). a cura di Fabio Simonetto, Farmacista

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Conference of European Churches

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2012

“Though there are many peace activists in the world, who deserve recognition through a prize like this, it does not come as a total surprise that the European Union is awarded with the Nobel Peace Prize. The Conference of European Churches and its Church and Society Commission welcome today’s decision of the Nobel Peace Prize Committee and congratulate all who have contributed to the success of the European integration project,” Rüdiger Noll, Director of the Church and Society Commission of the Conference of European Churches, commented. “The Nobel Peace Prize is a reminder that today’s European Union started as a peace and reconciliation project.”“In as much as the Nobel Peace Prize is a recognition of how successful the European peace and reconciliation process is and was after the devastating effects of two World Wars, the prize is also a challenge for the future. Especially at a time of an economic and financial crisis, the decision of the Nobel Peace Prize Committee should serve as a reminder of the original raison d’être of the European Union and the core values of the European integration process. Most of today’s conflicts are not primarily conflicts between states, but within societies. Poverty, social marginalisation, access to resources and failed integration policies are often root causes for today’s conflicts. In this regard as well as in promoting peace and reconciliation in a global context the European Union has an important role to play,” the CSC Director added.
The Conference of European Churches (CEC) is a fellowship of some 120 Orthodox, Protestant, Anglican and Old Catholic Churches from all countries of Europe, plus 40 associated organisations. CEC was founded in 1959. It has offices in Geneva, Brussels and Strasbourg.
The Church and Society Commission of CEC provides a platform for the CEC membership to reflect on socio-ethical issues ecumenically and to involve them in common action and advocacy in relation to the European Union, the Council of Europe, the North Atlantic Treaty Organisation, the Organisation for Security and Co-operation in Europe and the United Nations (in European matters). CSC operates as a forum for action, dialogue and ecumenical training in European affairs.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Amazon: nuovo libro di Riccardo Alfonso

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 ottobre 2012

La mia storia infinita è il nuovo libro di Riccardo Alfonso ora visibile su Amazon cliccando su
http://www.amazon.com/Riccardo-Alfonso/e/B009NL5W0K  L’autore si cimenta con gli avveni-menti che lo hanno visto preswente nella storia d’Italia con eventi inediti.

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dl Balduzzi, ok a emendamento che vieta gioco online nei pubblici esercizi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 ottobre 2012

Gioco online vietato negli esercizi pubblici. Lo prevede un emendamento al decreto Balduzzi approvato, come riporta Agipronews, dalla Commissione Affari sociali della Camera, secondo cui è vietata “la messa a disposizione presso qualsiasi pubblico esercizio di apparecchiature” che consentono ai clienti di “giocare sulle piattaforme di gioco messe a disposizione dei concessionari online autorizzati” o dai soggetti privi di qualsiasi autorizzazione rilasciata dalle autorità competenti. MSC/Agipro

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maternal mortality and complications

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 ottobre 2012

“Preventable deaths occur in considerable numbers during pregnancy and childbirth in the developing world where maternal mortality ranges from 200 to 2,000 per 100,000 live births. Moreover, for each woman who dies, an estimated 16 to 30 survive avoidable complications, often miserably,” said Professor Gamal Serour, President of the International Federation of Gynecology and Obstetrics (FIGO), presenting the most recent FIGO Initiatives for the prevention and treatment of post-partum haemorrhage and obstetric fistula in low-resource countries at the FIGO2012 World Congress in Rome, Italy (7-12 October 2012).Post-partum haemorrhage (PPH) is the first cause of maternal mortality in low-resource countries, accounting for approximately 30% of maternal deaths, and is one of the most preventable. For PPH prevention and treatment uterotonic therapy is key and the most widely recommended agent is oxytocin. But oxytocin requires parenteral administration, as well as sterile equipment, and refrigeration, all factors hindering its use in low-resource settings. When injectable uterotonics are neither available nor feasible, misoprostol, a synthetic E1 prostaglandin analogue, has increasingly been adopted as an alternative strategy for PPH care – one endorsed by FIGO and other international bodies. Misoprostol is available in tablet form, stable at room temperature, well absorbed orally and sublingually, and requires few skills to administer. “Our PPH Initiative, funded by a grant to Gynuity Health Projects from the Bill & Melinda Gates Foundation, advocates for and disseminates evidence-based information on misoprostol for PPH, aimed at healthcare providers and clinical policymakers. It is part of a global project for translating scientific and operational research into effective policies, programmes and practice,” Professor Hamid Rushwan, FIGO Chief Executive, explained. “Another major concern for women who give birth in low-resource countries is obstetric fistula, perhaps the most tragic of preventable childbirth complications, as affected women in nearly all cases lose their babies, suffer from health problems, including chronic incontinence, and are often abandoned by their husbands, forced to live in shame and social segregation,” he continued.Obstetric fistula is a hole in the birth canal usually caused by prolonged obstructed labour. It is preventable and largely avoidable by delaying the age of first pregnancy, stopping harmful traditional practices, and granting timely access to obstetric care. According to the World Health Organization, each year between 50,000 to 100,000 women develop obstetric fistula. More than 2,000,000 women live with untreated obstetric fistula in sub-Saharan Africa and Asia, where too few physicians are equipped with the skills needed to repair fistulae and care for patients following surgery.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

Mortalità infantile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 ottobre 2012

Ancora oggi 6,9 milioni di bambini muoiono prima di compiere i 5 anni, per malattie prevenibili e curabili, come la malaria, la diarrea o la polmonite. 51 ogni 1.000 nuovi nati, 1 ogni 5 secondi. Il 99% delle morti avviene nei paesi in via di sviluppo (1) . Più di 1 bambino su 3 muore a causa della malnutrizione (2) .
A differenza di altri indicatori sulla condizione dell’infanzia che hanno fatto registrare dei progressi negli ultimi anni, soprattutto in relazione al numero totale delle morti infantili, il tasso di bambini malnutriti nei paesi in via di sviluppo è cresciuto dell’1,2% (3). Circa 200 milioni di bambini sotto i 5 anni nel mondo soffrono di qualche forma di malnutrizione (4) . Si stima che nel mondo 171 milioni di bambini soffrono di malnutrizione cronica (5) , di questi 60 milioni vivono in Africa. La fame rimane al primo posto nella lista dei rischi mondiali per la salute e tra le più importanti cause di mortalità infantile, nonostante negli ultimi cinquant’anni la produzione agricola nel mondo sia raddoppiata (7) . 1/3 della produzione mondiale di cibo viene infatti perduta o sprecata ogni anno, pari a 1,3 miliardi di tonnellate: il “paradosso” della scarsità nell’abbondanza, che testimonia un profondo disequilibrio tra le economie del mondo e l’accesso alle risorse. In Europa finiscono tra i rifiuti 89 milioni di tonnellate di prodotti alimentari, cioè un quantitativo di cibo pari a 89 volte quello destinato agli aiuti internazionali. Nella sola Italia, le perdite e gli sprechi di cibo lungo tutta la filiera ammontano a 17 milioni di tonnellate, pari ad un valore di 11 miliardi di euro: lo 0,7% del Pil, mentre il valore economico medio per famiglia del cibo che si perde in fase di consumo è tra i 350 (8) e i 454 euro all’anno (9). Queste alcune delle evidenze del rapporto “WITH-OUT. Fame e sprechi: il paradosso della scarsità nell’abbondanza” di Save the Children. Il rapporto si colloca nell’ambito delle attività di sensibilizzazione legate alla promozione della campagna Every One, che l’Organizzazione ha lanciato nel 2009 e che si propone di raggiungere con interventi di salute e nutrizione milioni di bambini e donne in età riproduttiva nei paesi più poveri del mondo, per sconfiggere la mortalità infantile. Solo nello scorso anno, il 2011, attraverso il suoi progetti, l’Organizzazione internazionale ha raggiunto oltre 50 milioni di persone. Il cibo che non sazia: malnutrizione, perdite e sprechi nella filiera alimentare (10)
Il tasso di malnutrizione cronica a livello globale è passato dal 40% registrato nel 1990 al 27% del 2010: in valori assoluti significa una riduzione da 253 milioni a 171 milioni di bambini malnutriti in tutto il mondo, per un decremento medio annuo dello 0,65%. Se parliamo di Africa, però, la malnutrizione cronica si è ridotta in media solo del 2% in 20 anni e, in seguito alla crescita demografica, nello stesso intervallo di tempo, il numero di bambini malnutriti è aumentato di 15 milioni, raggiungendo la quota totale di 60 milioni (11) . In generale l’80% dei bambini gravemente malnutriti nel mondo si concentra in 20 paesi. La maggior parte di essi sono anche i paesi con un alto tasso di mortalità infantile. Sierra Leone, Somalia e Mali sono i paesi con il più alto tasso di mortalità sotto i 5 anni: rispettivamente185 ogni 1.000 nati viti, 180 e 176. In questi tre paesi sono morti complessivamente 234mila bambini nel corso del 2011. “In Africa, dove si concentra ormai la metà delle morti infantili (12), i bambini sono molto esposti all’insicurezza alimentare causata dall’instabilità socio-politica e dalle crisi ambientali degli ultimi anni. In particolare, i paesi del Corno d’Africa e del Sahel sono stati colpiti da una grave siccità che ha fortemente limitato i raccolti, provocando un aumento della dipendenza dagli aiuti alimentari. L’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari e dei carburanti, inoltre, potrebbe ampliare la crisi coinvolgendo anche altre aree del mondo e peggiorando ulteriormente i tassi di malnutrizione in queste aree”, sottolinea Claudio Tesauro, Presidente di Save the Children Italia. “Nei paesi in via di sviluppo, dove le famiglia spendono già tra il 50% e l’80% del loro reddito in cibo, la costante crescita dei prezzi, erode il potere di acquisto delle famiglie e costituisce una seria minaccia per la vita di centinaia di migliaia di bambini. Se non si inverte questa tendenza, tra quindici anni il numero di bambini malnutriti potrebbe arrivare a 450 milioni, con effetti molto gravi sulla mortalità infantile”, afferma Valerio Neri, Direttore Generale di Save the Children Italia. In questi paesi, ad esempio, i cereali costituiscono una parte fondamentale delle dieta alimentare. Dal 2010 al 2011, la produzione cerealicola del continente africano è diminuita del 3,9%, con dei picchi nell’Africa occidentale (-9,8%) e quella orientale (-8%), teatri di grandi crisi alimentari negli ultimi anni. Più nello specifico, in Somalia e in Mali, la produzione di cereali tra il 2010 e il 2011 è diminuita rispettivamente del 13% e del 10%. In Somalia l’andamento della produzione di cereali è in calo dal 2000 (13) . A questi decrementi si sommano le perdite e gli sprechi alimentari, che costituiscono poi il vero discrimine tra paesi poveri e paesi ricchi. La quantità di cibo che viene persa nei paesi in via di sviluppo e in quelli industrializzati è quasi uguale: rispettivamente 630 e 670 milioni di tonnellate (14) , ciò che varia è la fase della filiera produttiva in cui questo avviene. Nei paesi più poveri, in particolare nelle aree del mondo con tassi di malnutrizione elevati e ad alto rischio di insicurezza alimentare, la perdita di cibo si concentra nelle fasi del raccolto e della prima trasformazione a causa sia dei fattori climatici e ambientali, sia delle tecniche di preparazione dei terreni, di semina, di coltivazione e di conservazione dei cibi. Al contrario, nei paesi industrializzati, emerge preponderante il fenomeno nella fase di consumo. Tradotto in cifre, mentre in Europa e nell’America settentrionale gli sprechi al consumo ammontano a 95-115 kg all’anno procapite, nell’Asia Meridionale e nell’Africa Subsahariana solo a 6-11 kg a persona, rispettivamente il 12% del cibo disponibile (al netto delle perdite) contro il 2%. “Il risultato finale della nostra analisi è che nei paesi sviluppati la quantità di cibo disponibile e a cui il consumatore finale ha accesso è quasi il doppio rispetto ai paesi in via di sviluppo e una grossa parte di esso viene sprecato. Ma anche nei paesi in via di sviluppo molte risorse alimentari potrebbero essere recuperate. Ad esempio, si stima che il valore economico del grano perso nella fase di post-raccolto nell’Africa Subsahariana è di 4 miliardi di dollari e potrebbe nutrire per un anno 48 milioni di persone, l’80% di tutti i bambini malnutriti in Africa”, continua Neri.Il valore economico degli sprechi mondiali è stimato in mille miliardi di dollari l’anno, così distribuiti: il 68%, pari a 680 miliardi di dollari nei paesi industrializzati, e il 32% pari a 320 miliardi di dollari nei paesi in via di sviluppo (15) . Un ulteriore paradosso è che in Europa finiscono tra i rifiuti 89 milioni di tonnellate di prodotti alimentari, cioè un quantitativo di cibo pari a 89 volte quello destinato agli aiuti alimentari internazionali, che a livello mondiale nel 2010 sono stati pari a 5,7 tonnellate (di cui 1 milione da parte dei paesi dell’Unione Europea (16) ). Nella sola Italia, le perdite e gli sprechi di cibo lungo tutta la filiera ammontano a 17 milioni di tonnellate, pari ad un valore di 11 miliardi di euro: lo 0,7% del Pil. E non accade di meglio negli Stati Uniti dove finisce nella pattumiera il 30% del cibo destinato al consumo, l’equivalente di 48,3 miliardi di dollari. Ogni famiglia americana in media spreca 4,4 dollari al giorno, 1.600 dollari all’anno (17).Nonostante la crisi economica costringa i nostri connazionali ad una maggiore oculatezza negli sprechi, in Italia il valore economico medio per famiglia del cibo che si perde in fase di consumo è tra i 350 e i 454 euro all’anno. Quest’ultima somma corrisponde a quanto sarebbe necessario per garantire il trattamento d’emergenza per la cura di 5 bambini gravemente malnutriti.Save the Children, nella propria battaglia contro la mortalità infantile, ritiene che per sconfiggere la malnutrizione siano necessarie risorse mirate, ma anche adottare un approccio multilivello, volto a diminuire le perdite del cibo, garantire la stabilità di accesso allo stesso cibo, nonché a promuovere attività capaci di accrescere la produzione locale e generare reddito valorizzando la capacità produttiva delle comunità autoctone. Inoltre è necessario promuovere sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, interventi di sensibilizzazione ed educazione a corrette abitudini alimentari, volti nei primi ad evitare gli sprechi e favorire una corretta alimentazione, nei secondi ad insegnare alle comunità locali a fornire ai bambini alimenti che garantiscano loro il giusto apporto di tutti i micronutrienti, a partire dal latte materno, ma anche attraverso alimenti che sono più facilmente coltivabili in quelle zone.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Amazon pubblica i libri di Riccardo Alfonso

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2012

La Fidest ha assunto una nuova iniziativa editoriale. Sarà pubblicato ogni settimana un nuovo libro di Riccardo Alfonso edito online dalla Fidest. Chi è interessato potrà farlo collegandosi a http://www.amazon .com cliccando su questa stringa: http://www.amazon.com/Riccardo-Alfonso/e/B009NL5W0K

 Appariranno questa settimana i seguenti primi sei libri:
1) “Il dittatore” è la storia di un delitto eccellente, quello di Mino Pecorelli. Vi faranno da contorno tutti i retroscena e la stagione delle stragi di mafia.
2) “Le ombre” parla di un incontro “speciale” con un extraterrestre, del cosa si sono detti e la visione offerta di una civiltà diversa.
3) “Il prezzo del progresso” La nostra civiltà è così proiettata verso uno sviluppo scientifico e tecnologico sempre più avanzato da non rendersi conto dei guasti che provoca all’ecosistema e allo stesso benessere dell’essere umano.
4) “Chi sei? Dove vai?” L’improvvisa e drammatica morte del figlio trentenne mette i genitori davanti ad una realtà che li sconvolge e dalla quale si cerca di trovare una ragione anche attraverso gli stessi scritti del figlio e degli amici.
5) “Il più laico dei credenti e il più credente dei laici” Il tema religioso s’irradia nella cultura delle civiltà da quella occidentale all’orientale e i suoi influssi condizionano i comportamenti umani nelle attività politiche, economiche e sociali.
6) “Il pendolo” E’ la ricerca di una spiegazione degli atti criminali che taluni compiono con un cinismo e una indifferenza agghiacciante. Sono dei terminator?

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Integrare vitamina D non riduce i raffreddori

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2012

Nonostante alcune ricerche, condotte in passato, suggeriscano che la vitamina D rinforzi il sistema immunitario a rimuovere in batteri, un team neozelandese di ricercatori ha dimostrato che ricorrere alla sua supplementazione non previene raffreddori e infezioni delle vie aeree alte. Il dato emerge da uno studio, pubblicato su Jama, su un campione di 322 adulti randomizzati a ricevere o un placebo oppure una dose iniziale di 200.000 Iu per il primo bimestre e poi 100,000 Iu. Nel follow up di un anno e mezzo, non c’era stata una differ enza statisticamente significativa tra i due gruppi nel numero di episodi di raffreddore e altre infezioni respiratorie, che erano stati all’incirca quattro (3,7 nel gruppo trattato, 3,8 nel gruppo placebo). «C’è una pubblicità martellante attorno all’uso della vitamina D contro le infezioni e cose del genere» commenta David Murdoch, della University of Otago, Christchurch, New Zealand, autore della ricerca «ma l’unica prova convincente legata alla sua integrazione è che migliora la salute delle ossa. Il ritorno economico è notevole ma non c’è un supporto scientifico». Inoltre, è sufficiente una dieta equilibrata, come ricorda Jeffrey Linder dal Brigham and women hospital di Boston, in un commento che accompagna la ricerca, per assumere il giusto apporto di vitamina D: «Prenderne di più non aiuta».(fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Congresso International Federation of Gynecology and Obstetrics

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2012

Assobiotec, l’Associazione Nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie, che fa parte di Federchimica, parteciperà, dal 7 al 12 ottobre 2012, al XX congresso mondiale della FIGO, International Federation of Gynecology and Obstetrics. L’Associazione sarà infatti presente alla manifestazione con uno stand. Assobiotec riunisce, tra le altre, anche le imprese operanti nel settore della conservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale, e si pone come obiettivo la regolamentazione del mercato, la promozione di una corretta informazione, nonché la collaborazione pubblico-privato per ottimizzare la qualità del servizio di conservazione e donazione delle cellule staminali del cordone ombelicale. In seno ad Assobiotec opera anche un tavolo di lavoro progettuale che intende stimolare l’attenzione su alcune azioni prioritarie. “Il nostro augurio è che anche in Italia il settore legato alla conservazione del sangue da cordone ombelicale possa crescere e svilupparsi in ragione delle evidenze scientifiche che mostrano il potenziale terapeutico che queste cellule possono avere in caso di ‘necessità’ sia per trapianti autologhi che eterologhi” sottolinea Alessandro Sidoli, presidente di Assobiotec. “Per favorire la cultura della conservazione del sangue cordonale e agevolare le famiglie che decidono in tal senso, sarebbe utile che venisse introdotta la possibilità, già a ridosso del parto, di effettuare le pratiche di autorizzazione alla conservazione “on line”. Altrettanto importante sarebbe ridurre il ticket per l’autorizzazione che oggi varia a livello regionale e che per il suo valore, intorno ai 300 Euro, incide sulla decisione dei genitori” prosegue Sidoli. “Le nostre imprese sono pronte, con le proprie risorse – conclude il Presidente di Assobiotec – a supportare il servizio pubblico nella conservazione del sangue cordonale, con l’obiettivo di raggiungere le 80.000 unità cordonali conservate, che è quanto ci chiede di fare l’OMS, in linea con quanto accade nella maggior parte dei paesi europei, che si sono attrezzati per avere pochi centri di raccolta in grado di conservare numerosissime unità di sangue cordonale”. (Alessandra Mancia)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Cancro al seno e recidiva peso

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 ottobre 2012

L’aumento di peso non aiuta le donne che sono state colpite da tumore del seno. Una paziente su due che guadagna almeno sei chili al termine della terapia, infatti, va incontro a una recidiva. A prescindere dalle condizioni di partenza. Non importa quindi essere normopeso o obesi al momento della diagnosi. Né, tantomeno, perdere chili in seguito. Questi i risultati dello studio condotto presso l’Ospedale “A. Perrino” di Brindisi, presentati al Congresso della Società europea di oncologia medica (European Society of Medical Oncology), che si chiude oggi a Vienna. “Abbiamo considerato l’Indice di Massa Corporea (IMC) di 520 donne con una diagnosi precoce di tumore al seno – spiega il prof. Saverio Cinieri, della Breast Unit dell’ospedale pugliese e membro del Consiglio Direttivo nazionale dell’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) -. La scoperta è importante: due punti di aumento dell’IMC determinano un incremento esponenziale del rischio di recidiva, portandolo al 52%. La percentuale invece si attesta al 34% se l’incremento dell’IMC è inferiore a due punti. Purtroppo non abbiamo riscontrato casi significativi di protezione dalle ricadute con una perdita di chili. Sembra che il corpo reagisca soltanto, tra l’altro in maniera negativa, quando si verifica un incremento ponderale. Diventa quindi fondamentale controllare con estrema attenzione il peso di queste pazienti, regolando la loro dieta e prescrivendo esercizio fisico che sia correlato allo stato di forma”. Si stima che nel 2012 verranno diagnosticati in Italia circa 46.000 nuovi casi di tumore alla mammella, che rappresenta ancora la prima causa di morte per carcinoma nelle donne, con circa 13.000 decessi all’anno. Considerando le frequenze nelle varie fasce d’età, il tumore della mammella è il più frequentemente diagnosticato tra le donne nella fascia d’età 0-49 anni (41%), in quella compresa tra 50 e 69 anni (35%), e in quelle di età superiore a 70 anni (21%). Se scoperta nelle fasi iniziali, è una neoplasia che presenta alti tassi di guarigione, in costante crescita nel tempo: a 5 anni dalla diagnosi è vivo l’87% delle pazienti. Complessivamente in Italia vi sono circa 522mila donne (stima per il 2006) con una diagnosi di tumore al seno, pari al 41,6% di tutte quelle che convivono con una pregressa diagnosi di cancro e al 23% di tutti i lungo-sopravviventi (uomini e donne).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore al seno e aumento del peso corporeo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 ottobre 2012

L’aumento di peso non aiuta le donne che sono state colpite da tumore del seno. Una paziente su due che guadagna almeno sei chili al termine della terapia, infatti, va incontro a una recidiva. A prescindere dalle condizioni di partenza. Non importa quindi essere normopeso o obesi al momento della diagnosi. Né, tantomeno, perdere chili in seguito. Questi i risultati dello studio condotto presso l’Ospedale “A. Perrino” di Brindisi, presentati al Congresso della Società europea di oncologia medica (European Society of Medical Oncology), che si chiude oggi a Vienna. “Abbiamo considerato l’Indice di Massa Corporea (IMC) di 520 donne con una diagnosi precoce di tumore al seno – spiega il prof. Saverio Cinieri, della Breast Unit dell’ospedale pugliese e membro del Consiglio Direttivo nazionale dell’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) -. La scoperta è importante: due punti di aumento dell’IMC determinano un incremento esponenziale del rischio di recidiva, portandolo al 52%. La percentuale invece si attesta al 34% se l’incremento dell’IMC è inferiore a due punti. Purtroppo non abbiamo riscontrato casi significativi di protezione dalle ricadute con una perdita di chili. Sembra che il corpo reagisca soltanto, tra l’altro in maniera negativa, quando si verifica un incremento ponderale. Diventa quindi fondamentale controllare con estrema attenzione il peso di queste pazienti, regolando la loro dieta e prescrivendo esercizio fisico che sia correlato allo stato di forma”. Si stima che nel 2012 verranno diagnosticati in Italia circa 46.000 nuovi casi di tumore alla mammella, che rappresenta ancora la prima causa di morte per carcinoma nelle donne, con circa 13.000 decessi all’anno. Considerando le frequenze nelle varie fasce d’età, il tumore della mammella è il più frequentemente diagnosticato tra le donne nella fascia d’età 0-49 anni (41%), in quella compresa tra 50 e 69 anni (35%), e in quelle di età superiore a 70 anni (21%). Se scoperta nelle fasi iniziali, è una neoplasia che presenta alti tassi di guarigione, in costante crescita nel tempo: a 5 anni dalla diagnosi è vivo l’87% delle pazienti. Complessivamente in Italia vi sono circa 522mila donne (stima per il 2006) con una diagnosi di tumore al seno, pari al 41,6% di tutte quelle che convivono con una pregressa diagnosi di cancro e al 23% di tutti i lungo-sopravviventi (uomini e donne).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Regulations Promote Greater Innovation in European Automotive Paint Additives Market

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 ottobre 2012

London The mature European automotive paint additives market is being driven mainly by new technology and product innovation. Sizeable R&D investments are aimed at developing competitively priced, high performance additives that meet legislative requirements.New analysis from Frost & Sulliva (http://www.chemicals. frost.com), Strategic Analysis of the European Automotive Paint Additives Market, finds that the market earned revenues of €104.2 million in 2011 and estimates this to reach €159.8 million in 2017. Rheology modifiers, surfactants, foam-control agents, driers and catalysts and preservatives are the product segments covered in the research.Limits on volatile organic chemicals (VOC) content and Registration, Evaluation, Authorisation and Restriction of Chemical substances (REACH) have provided opportunities for innovation and ushered new technology trends in the additives industry. Such trends have resulted in the development of novel products like zero-VOC additives, multifunctional additives and self-healing additives.
“The implementation of laws and regulations on VOC limits has triggered the shift from solvent-based to water-based coatings, promoting market prospects,” noted Frost & Sullivan Research Analyst Elamuhil Pari. “Although water-based coatings are generally low in VOC, they require a greater quantity of additives to achieve the properties of good quality paint, thereby boosting the demand for additives.”Amidst overall optimism, pricing pressures remain an area of concern. Paints account for only 2-3 per cent of the total investments in automotive manufacture. Car manufacturers are, consequently, willing to pay only a very low price for automotive paints.“Paint manufacturers are under constant pressure to reduce their prices,” explained Pari. “This pressure, in turn, is passed onto additive manufacturers, as additives are added only in very small quantities, resulting in low revenue generation.” Vendors are expected to sell additives along with resins, pigments and topcoats as an integrated package to facilitate paint chemistry for automobile OEMs. Innovative products that offer a balance between quality, cost, optimal usage and environment-friendliness are also anticipated to increase the chances of price rise in this market. “Paint additive manufacturers have to innovate and adapt quickly to changing technologies like nano-technology and smart-coating formulations to stay ahead of the competition,” concluded Pari.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »