Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Archive for 13 marzo 2013

Nuove regole UE per il risarcimento rapido

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 marzo 2013

Gli acquirenti europei che vogliono denunciare commercianti di beni e servizi potranno utilizzare un sistema di mediazione a basso costo, veloce ed equo per vedere i propri diritti rispettati, piuttosto che procedimenti giudiziari lunghi, grazie a due nuove leggi approvate martedì dal Parlamento.Le nuove norme comunitarie sui sistemi di risoluzione alternativa delle controversie (Alternative Dispute Resolution o ADR in inglese) e quelli specifici per le vendite online (Online Dispute Resolution o ODR), già informalmente concordate con gli Stati membri, mirano a garantire che organismi ADR siano presenti in tutti i settori economici.Molti Stati membri hanno già introdotto sistemi di risoluzione alternativa delle controversie, ma la mancanza d’informazione, la copertura non uniforme o il sovraccarico di procedimenti ne rendono oggi difficile l’utilizzo. La nuova direttiva impone agli Stati membri di prevedere organismi ADR per tutti i settori di attività e introdurre disposizioni per garantire l’imparzialità dei mediatori.Gli amanti dello shopping, grazie alle nuove norme, potranno evitare di andare in tribunale per reclami in merito a qualsiasi bene o servizio, se acquistato on-line, in un negozio, nel mercato interno o oltre frontiera. I deputati hanno assicurato anche la gratuità dell’arbitrato o l’imposizione solo di una “tassa nominale”. In generale, qualsiasi controversia deve essere risolta entro 90 giorni, secondo quanto approvato dal Parlamento.”La direttiva ADR è una situazione vincente per gli acquirenti e per i venditori. Il meccanismo di ricorso UE rapido e a basso costo farà risparmiare ai consumatori miliardi di euro l’anno e incoraggerà il commercio online transfrontaliero, stimolo fondamentale per la crescita”, ha detto Louis Grech (S&D, MT), relatore per il provvedimento.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove norme per la supervisione dei bilanci della zona euro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 marzo 2013

Le nuove norme approvate martedì dal Parlamento sono volte a promuovere la crescita e aumentano i poteri di sorveglianza e di veto sui bilanci dei paesi della zona euro della Commissione, rinforzandone allo stesso il controllo democratico. La normativa introduce anche regole per i paesi che richiedono assistenza finanziaria all’UE.I deputati, guidati da relatori Jean-Paul Gauzès (PPE, FR) e Elisa Ferreira (S&D, PT), non hanno radicalmente modificato gli obiettivi originali del pacchetto legislativo, ma hanno aggiunto una serie di disposizioni per assicurare che la necessità di stimolare la crescita e l’occupazione sia tenuta in debito conto. Hanno anche inserito molte clausole per migliorare la trasparenza e la responsabilità democratica del sistema di supervisione.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Da oggi disponibile una APP per l’artrite reumatoide

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 marzo 2013

“Convivere con l’artrite reumatoide significa avere un secondo lavoro, H24, che si aggiunge a quello ufficiale” – afferma Antonella Celano, Presidente A.P.MA.R. Associazione Persone con Malattie Reumatiche ONLUS – nel presentare “Artrite Reumatoide APP” ideata per alleggerire le incombenze delle persone che ogni giorno devono fare i conti con questa patologia autoimmune che colpisce oltre 400.000 persone in Italia, in prevalenza donne. “Artrite Reumatoide APP” è un vero e proprio diario elettronico in grado, in modo veloce e puntuale, di avvisare quando prendere i farmaci, ricordare le visite mediche periodiche e le scadenze per gli esami di routine da eseguire. “Un vero e proprio “assistente personale” che, ben programmato, assicura un aiuto alla gestione quotidiana della malattia” – afferma Celano. La giornata delle persone con artrite reumatoide è cadenzata da orari per l’assunzione di numerosi e diversi farmaci: va infatti ricordato che l’artrite reumatoide si manifesta a livello articolare, con un quadro progressivamente disabilitante ma, nella fase avanzata, possono insorgere coinvolgimenti anche a carico di nervi, di vasi e di organi come polmoni e cuore. Una malattia quindi che porta alla convivenza con diverse altre malattie, spesso causa dell’aumento di mortalità precoce e di politerapie. Questa APP consente di “scaricare” il peso di memorizzare orari e impegni per potersi dedicare con maggiore serenità ad altri aspetti della propria vita con la certezza che nulla sarà trascurato per la gestione ottimale della malattia: l’APP ricorderà con un suono e con una notifica le diverse scadenze e appuntamenti. “Artrite Reumatoide APP” è un’applicazione scaricabile gratuitamente su Google per Android, Windows Mobile e iTunes. Sono disponibili le versioni per cellulare e per tablet e le attività possono essere sincronizzate tra i diversi strumenti.L’APP ha una funzione che permette l’aggiornamento in tempo reale con le “news” sull’artrite reumatoide pubblicate on-line e monitorate da Google. Inoltre, la sincronizzazione con il sito A.P.MA.R., permette di reperire utili informazioni come il Centro di reumatologia più vicino: la sezione è completa di indirizzi, numeri telefonici e indirizzi email dei reparti e degli ambulatori di reumatologia su tutto il territorio italiano.
“Artrite reumatoide APP” nasce da un’idea di A.P.MA.R., sviluppata da SB SOFT, con la collaborazione scientifica della dott.ssa Marilena Serra, reumatologa, Ospedale Vito Fazzi di Lecce e della dott.ssa Tiziana Nava, Presidente GISReumatologia-AIFI (Associazione Italiana Fisioterapisti), e realizzata grazie ad un contributo incondizionato di MSD Italia.
L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio di CROI (Collegio Reumatologi Ospedalieri Italiani), GISEA (Gruppo Italiano Studio Early Arthitis), OEG (Osservatorio Epidemiologico Gisea) e GIS Reumatologia Per maggiori informazioni: http://www.apmar.it

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europe Needs a Social Dimension – Church Leaders Tell Irish EU Presidency

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 marzo 2013

European economic governance needs to be balanced by a social dimension, according to Churches in Europe. At a meeting with the Irish EU Presidency in Dublin this morning (Friday March 8), they questioned the sense in discussing economic austerity without including measures for social cohesion. Efforts aimed at the eradication of structural poverty and inequality should all be considered when measuring economic progress, they maintained.This was the main focus of a delegation of church representatives from across Ireland and Europe who met with the Taoiseach Enda Kenny (the Irish Prime Minister) in Government Buildings. The meeting carried on the tradition of regular encounters between churches and EU Presidencies.In a cordial and open meeting, the delegation, representing the broad spectrum of Christian traditions in Ireland, raised a number of issues for consideration by the Irish EU Presidency including the social and economic crisis in Europe and development aid policy. The group was pleased with the sensitivity to their concerns shown by the Taoiseach and the other members of his delegation.The meeting was organised by the Irish Council of Churches on behalf of the Conference of European Churches (CEC) and the Commission of the Bishops’ Conferences of the European Community (COMECE).
The delegation highlighted the social consequences of the severe economic crisis in the European Union and stated that those consequences were evident in the parishes of all of the churches and were a key concern for churches at local, regional and national level. The Irish churches were particularly concerned about the impact of austerity on present and future generations and on the most vulnerable in Society.While acknowledging that employment and the creation of jobs in Europe was one of the main requirements to overcome the crisis, the churches highlighted the increased numbers of working poor. They urged that a common weekly day of rest, which they described as being a clear and visible sign for the reconciliation of personal, family and professional life, be included in the revision of the working time directive.They also called for greater participation of civil society, social partners and social actors in shaping the National Reform Programs, the National Social Reports and the Country Specific Recommendations.
The delegation stressed that Development aid continues to transform lives and highlighted the importance of EU member states recommitting to meeting overseas development aid targets by 2015. However, the churches spoke of the need to use aid to work towards a situation where countries no longer need aid. To reach that point revenue authorities in developing countries need to be able to collect the correct amount of tax from multinational companies operating in their jurisdiction. Strengthening the capacity of revenue authorities in these countries is important, but tackling the accounting rules and financial regulations that enable this to happen is crucial, the group said.Highlighting recent successful negotiations on banking regulation in Europe completed under the Irish Presidency, the church representatives called for strengthened negotiations on:
Defending the agreement reached on banking reform (CRD) between the Council, Parliament and Commission
Including a robust review clause in the Accounting and Transparency Directives that allows for the inclusion of additional sectors, and more detailed information similar in scope to that agreed in the banking reform agreement
Working towards tackling the insidious impact of tax havens
Implementing the recommendation to OECD countries contained in the 2011 OECD/IMF/UN/World bank report Supporting the Development of More Effective Tax Systems, to conduct a spill over analysis of domestic tax policy to ensure there are no negative consequences for developing countries.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

The Secret to Being Happy on the Roads: Drive a Luxury Car

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 marzo 2013

London, /PRNewswire/ — AXA car insurance research reveals which drivers are happiest – and a luxury car doesn’t guarantee you a smile. Drivers of luxury car brands such as BMWs, Aston Martins and Lexus really do enjoy driving more than owners of ‘everyday’ cars such as Peugeots and Renaults – but not by much, according to AXA’s 2012 annual Motoring Census. In most cases, it seems that money can buy happiness, as most drivers of expensive cars made by BMWs (82 per cent), Aston Martins (78 per cent), were more likely to enjoy driving than drivers of Fords (68 per cent) and Toyota (64 per cent). However, only 59 per cent of Land Rover drivers say they enjoy driving, while a cheerful 73 per cent of Mini drivers are able to have fun on the roads. The answers from the lucky few who drive Ferraris were surprising though: only 57 per cent of Ferrari drivers questioned said that they enjoyed driving, compared to 68 per cent of Ford drivers and 65 per cent of Vauxhall drivers. Among ‘everyday’ cars, Seat fared particularly well with 75 per cent positive about driving, along with 74 per cent of Honda and Renault owners. The most miserable? Just 46 per cent of Volvo owners enjoy driving, while one in five (20 per cent) see driving only as a way of getting from A to B. Amanda Edwards, from AXA Personal Direct and Partnerships, commented: “There’s an expectation that when you pay extra for a premium car, you’ll enjoy driving it more than you would an everyday one. However, while our research does support this to an extent, there are a few striking anomalies, such as the fact that Peugeot owners enjoy driving more than those who’ve shelled out for a luxury Mercedes.” On average across all makes of car, 69 per cent of motorists said that they enjoyed driving, with less than one in ten (eight per cent) finding driving to be a chore.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 12 Comments »

Rapporto Marsh, assicurazione posto letto costa 3.410 euro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 marzo 2013

L’ultimo rapporto Medmal Claims di Marsh, è ricchissimo di cifre sull’andamento e il costo del contenzioso sanitario nel nostro Paese. Il documento nasce dall’esame di un campione di 95 strutture sanitarie pubbliche e di 52 private, accreditate e non, nell’arco di otto anni, dal 2004 al 2011. In questo periodo sono state raccolte quasi 35.000 richieste di risarcimento danni, che sono aumentate progressivamente fino al 2009, per poi far registrare una flessione consistente nei due anni successivi. L’analisi dei sinistri per area geografica evidenzia, in numero assoluto, una netta prevalenza di casi nel Nord Ita lia (56%), contro il 37% del Centro e il 7% del Sud. A motivare le richieste di risarcimento sono in primo luogo gli errori chirurgici (30% nella sanità pubblica e 36% in quella privata), seguono gli errori diagnostici nel pubblico (16%) e quelli terapeutici nel privato (10,38%). La spesa assicurativa è in crescita e, nella sanità pubblica ha raggiunto i 3.410 euro per ogni posto letto; serve a far fronte 10,43 sinistri ogni cento posti letto, 2,78 ogni mille ricoveri. Il valore assicurativo di un posto letto è molto variabile sul territorio nazionale e passa da una media di 3.280 euro del nord, ai 4.047 del centro, fino ai 6.128 del sud. Circa un terzo delle richieste per danni analizzate sono state chiuse, mentre il 22% risulta senza seguito. Circa metà delle richieste di risarcimento danni vengono presentate entro un anno dall’evento, ma in ostetricia e ginecologia, i tempi sono più lunghi, fino a cinque anni. È interessante la distribuzione dei sinistri nelle diverse specialità: nel settore pubblico il 15% riguarda l’ortopedia, il 13% il pronto soccorso, il 12% la chirurgia generale, il 7% ostetricia e ginecologia e il 3% medicina generale, a cui va aggiunto il 14% dovuto a danni da struttura e parti comuni. Nelle strutture private le percentuali variano soprattutto per il minor peso del pronto soccorso (4,53%) che spesso non è presente.(fonte doctornews)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »