Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 4 luglio 2013

MEPs discuss US NSA surveillance with Council and Commission Quotes from the debate

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

Parliament discussed on Tuesday US NSA surveillance programmes and other surveillance schemes in EU countries. You will find below the quotes from the first round of speakers.Vytautas Leškevičius, Vice Minister for Foreign and European Affairs of Lithuania, on behalf of the Council”It would not be appropriate from me to speculate until we have a full response from the US authorities”.”If these allegations prove to be true, the Lithuanian Presidency would be extremely concerned on any spying activities on European nations”. “This doesn’t seem to be a case of transfers of data as understood on the data protection proposals”.”It would be very unlikely that EU legislation would be able to address the issue of data of European citizens handled for foreign countries for intelligence purposes. (…) It is doubtful that these proposals can provide an adequate response”. “Should be confirmed that any spying activities have taken place, we should condemn them in strong terms and raise questions regarding the privacy of our citizens. However, this should happen through dialogue”.Concerning diplomatic relations, she said that “this throws a shadow on the trust indispensable between partners”. “Negotiations between partners need to be transparent and open, and this excludes spying institutions”, she added.She confirmed that not all questions have been answered so far. “I have written together with Commissioner Malmström to our US counterparts asking about the scope of the programmes and their judicial oversight”.Regarding the set-up of the translatlantic group of experts, she confirmed that US Attorney General Eric Holder yesterday committed himself in a letter to convene the first meeting this month and a second one will take place in September in Washington. “The Commission will report on the results of the meetings to Parliament”, she pointed out.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Edward Snowden shocked security sdrvices

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

Edward Snowden, the intelligence analysis who was shocked to the core to discover that security services were spying on people, continues to keep the world guessing on his next move. So much so that Paddy Power have opened the betting on his location come Jan 1st – and it’s evens he’ll find himself in exactly the same place come the New Year.If that wasn’t terrifying enough for the Deep Throat fugitive, the bookmaker makes it 3/1 he’ll be back at home sweet home ready for turkey and crackers Guantanmo style.Venezuela president Nicolas Maduro said Snowden ‘deserves the world’s protection’ with his country currently third in the betting at 9/2, ahead of Hong Kong and Iceland both 12/1.Elsewhere Central and South American are well represented by Ecuador (16/1), Cuba 16/1, Nicaragua (16/1), Bolivia (16/1), Brazil (40/1) before the first European country, currently 50/1 France and 66/1 Italy.Should Snowden settle on the Emerald Isle for his place of residence, Paddy Power has pledged to offer Snowden a fulltime job working in the bookmaker’s mischief department and has even dispatched cabs to international airports to pick up the whistleblower du jour.A Paddy Power spokesperson said: “Should he make it to Ireland, we can’t promise he’d get the same level of close attention as he’d get from the US authorities, but our cabs are waiting and we’d certainly welcome him with open arms into our mischief department.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Repenser l’UEM et “repositiver” la Grande Europe

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

Notre président fondateur Jacques Delors a prononcé le 5 juin 2013 un discours articulé autour de trois éléments:
1. les trois chocs auxquels l’UE doit faire face: des souverainetés, de la mondialisation et des erreurs humaines;
2. la restructuration de l’UEM;
3. l’Europe des Vingt-Hui
Il s’est exprimé lors d’une conférence organisée à Lisbonne par la Fondation Gulbenkian, pour marquer le lancement d’un nouveau partenariat pluriannuel avec Notre Europe – Institut Jacques Delors.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Les médias et l’UE : des “affaires étrangères”?

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

Le 25 avril 2013, Notre Europe – Institut Jacques Delors a organisé à Paris, en coopération avec EuroCité et Europartenaires, le deuxième séminaire du cycle sur l’espace public européen « En route vers les élections européennes » autour du thème « Les médias et l’Europe ».La séance a été introduite par Jean-Noël JEANNENEY, président d’Europartenaires. Un débat animé par Yves BERTONCINI, directeur de Notre Europe – Institut Jacques Delors, s’est ensuite engagé entre
– Véronique AUGER, Journaliste, France 3
– Thomas HANKE, Journaliste, Handelsblatt
– Isabelle VEYRAT-MASSON, Directrice du Laboratoire Communication et politique (CNRS)La conférence-débat s’est achevée avec les remarques conclusives de Nicolas LERON, président d’EuroCité.
Frédéric Menager, secrétaire général d’EuroCité synthétise ce séminaire autour des trois éléments principaux :
1. La présence de la thématique européenne dans la sphère médiatique aujourd’hui.
2. Des obstacles persistants à un traitement positif de l’information européenne
3. L’exploration de voies d’évolutions possibles
Notre Europe – Institut Jacques Delors, Eurocité et Europartenaires remercient la Représentation de la Commission européenne en France d’accueillir ce cycle.Vous pouvez télécharger la synthèse de la première séance de ce cycle, sur le système partisan européen, en cliquant

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Monter au front pour conduire l’Europe

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

Notre président d’honneur Pascal Lamy a prononcé le 3ème discours “Tommaso Padoa-Schioppa” lors du Forum économique de Bruxelles le 19 juin 2013.Cette Tribune, inspirée de son discours, porte sur trois éléments clés:
1. La crise en Europe – la crise européenne
2. La poursuite de l’intégration européenne est-elle la bonne solution ?
3. Dans quels domaines faut-il poursuivre l’intégration européenne ?
Notre Europe – Institut Jacques Delors présente d’son rapport TGAE IV dans plusieurs capitales européennes

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un nouvel élan pour une stratégie d’action extérieure de l’UE

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

Jacques Delors

Jacques Delors (Photo credit: Wikipedia)

À l’occasion de la publication du rapport « Think Global – Act European. Thinking Strategically about the EU’s External Action », Notre Europe – Institut Jacques Delors a organisé une conférence à Bruxelles le 15 mai 2013 pour présenter les recommandations de 16 think tanks européens pour renforcer l’action extérieure de l’UE.Cette Synthèse reprend les principaux éléments du débat :
1. L’UE dans la concurrence mondiale autour des valeurs ;
2. Rééquilibrer le poids économique et politique de l’UE ;
3. Quelle Europe sans soutien politique ?
Le débat a eu lieu en présence notamment de Pascal Lamy, Directeur général d’ l’OMC, Jean-Yves Le Drian, ministre français de la Défense, David O’Sullivan, Directeur général administratif du Service européen pour l’action extérieure (SEAE) et Elmar Brok, président de la commission Affaires étrangères du Parlement européen.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Programme for Parliamentarians across Europe

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

To coincide with the UN General Assembly’s upcoming high-level meeting in September regarding the Rights of Persons with Disabilities, Special Olympics, the World’s largest sports organisation for children and adults with intellectual disabilities, is embarking on an Awareness Programme targeting policy makers and parliamentarians across Europe and Eurasia. The Programme will focus on 58 countries within the Special Olympics Europe Eurasia region. The aim of the Awareness Programme is to highlight to Parliamentarians the vital work Special Olympics is doing every single day to improve the lives of millions of people with intellectual disabilities. This population, of which there are 200 million in the world, often face neglect, unmet health needs, bullying, discrimination and violence in many parts of the world.“Governments have a collective responsibility and duty to uphold the principles of human dignity, equality and equity for all, particularly for those who are vulnerable and marginalised. Our aim is to educate Parliamentarians on the power of Special Olympics and how the lives of people with intellectual disabilities are being changed every single day in 170 countries as a result of Special Olympics. Special Olympics serves more than 4 million athletes and was originally an organisation that concentrated its efforts on sports training and competition. Now whilst this continues, we look at the needs of the athletes in relation to their health, their nutrition, their interaction with their communities, their acceptance and their inclusion. In this valuable work, there is a real opportunity to develop strong partnerships with Governments and legislators as we cannot achieve our ambitious goals in isolation from political leaders and policy makers,” stated Mary Davis, Regional President of Special Olympics Europe Eurasia.“Many Governments throughout our region are recognizing the advantages of co-operating closely with organisations such as ours in order to meet their obligations in line with their public policy agenda. They see our work as a vital component in helping them build cohesive communities, enhance democratic participation and strengthen relations between civil society and Governments. We have a tangible and practical contribution to make in helping to turn Governments’ commitments and obligations into reality,” concluded Mary Davis.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

N’ayez pas peur, nous y arriverons!

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

Jacques Delors est intervenu le 15 juin 2013 en tant que « Grand Témoin » lors du Forum des progressistes européens organisé à Paris par le Parti socialiste, la Fondation Jean Jaurès et la Fondation européenne d’études progressistes.Son discours s’est articulé autour de trois éléments clés :
1. mettre l’Europe à la relance
2. instaurer une coopération renforcée pour l’UEM
3. ne pas oublier la Grande Europe

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Hungary must abide by EU values, say MEPs

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

The Hungarian authorities must remedy any breaches of key EU values swiftly, said MEPs on Wednesday. If they fail to do so Parliament’s leaders should consider asking the Council of the EU to determine, under EU Treaty Article 7.1, whether there is a clear risk of a serious breach, MEPs say. They also want a high-level group to monitor compliance with the EU’s values in all member states.In the resolution, adopted by 370 votes to 249, with 82 abstentions, Parliament stresses that the EU is founded on key values such as respect for human dignity, freedom, democracy, equality and the rule of law, as enshrined in Article 2 of the EU Treaty.“Constitutional changes in Hungary have been systemic and they have a general trend that moves away from EU values enshrined in EU Treaty Article 2″, said rapporteur Rui Tavares (Greens/EFA, PT) in the debate on Tuesday. “Democracy is about the rule of the majority, but not about majoritarianism”, he added.Parliament regrets that the process of drafting and adopting Hungary’s constitution “lacked the transparency, openness, inclusiveness and, ultimately, the consensual basis that could be expected in a modern democratic constituent process” and deplores the fact that the institutional changes “resulted in a clear weakening of the system of checks and balances”.Parliament urges the Hungarian authorities to remove from the constitution those provisions already declared unconstitutional by the Constitutional Court, to reduce the recurrent use of cardinal laws, to apply the recommendations of the Council of Europe’s Venice Commission, to ensure the widest possible participation of all parties in the constitutional process and to fully guarantee the independence of the judiciary.On media laws, Parliament asks Hungary to set up objective, legally binding procedures for the appointment of heads of public media and regulatory bodies. MEPs also call on the Hungarian authorities to “finally assume their responsibilities towards the homeless”, adopt a broader definition of “family” and do more to integrate Roma communities.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eviter deux écueils: l’illusion et l’inertie

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

À l’occasion du Conseil européen des 27-28 juin, António Vitorino, président de Notre Europe – Institut Jacques Delors, répond aux questions suivantes :
1. Le Conseil européen devrait aborder l’enjeu des réformes structurelles, en clôture du troisième « semestre européen » : que peut-il faire pour obtenir des progrès substantiels sur ce point ?
2. Que pensez-vous de la contribution franco-allemande formulée en amont de ce Conseil européen, et notamment de la proposition d’un président permanent de l’Eurogroupe ?
3. La situation des banques européennes semble toujours problématique, alors que le Conseil européen va à nouveau évoquer le projet d’union bancaire : quelles sont vos attentes à cet égard ?
4. Le Conseil européen va évoquer l’application du Pacte pour la croissance adopté il y a un an : que faire sur ce registre ?
5. La « dimension sociale de l’UEM » est également à l’ordre du jour de ce Conseil européen : que recouvre selon vous une telle dimension sociale ?
6. Le Conseil européen pourrait aussi se prononcer sur l’ouverture des négociations d’adhésion avec la Serbie et la Macédoine : quelle est votre position sur le sujet?

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“L’Europe” et ses “élargissements”:stop ou encore?

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

L’adhésion de la Croatie à l’UE et l’entrée annoncée de la Lettonie dans la zone euro redonnent un peu de vigueur au débat européen sur « l’élargissement » et fournit l’occasion de quelques utiles rappels à la fois civiques, diplomatiques et politiques. Tel est l’objet de ce Mot co-signé par Yves Bertoncini et Sami Andoura, et qui se base sur trois constats principaux :
1. Les « élargissements » confirment que « l’Europe » demeure attractive, malgré la crise
2. La politique d’élargissement est l’un des principaux outils de la politique étrangère de l’UE
3. La stratégie d’élargissement de l’UE doit être réajustée sur plusieurs points
Les auteurs soulignent que c’est sur de telles bases politiques que les autorités européennes pourront le plus aisément entretenir les dynamiques interne et externe en matière d’élargissement, aussi bien au niveau de l’UE qu’à celui de la zone euro.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Parlamento sostiene il blocco temporaneo dei “permessi” di emissione CO2

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

La proposta di congelare la vendita all’asta di un certo numero di permessi d’emissione CO2 per incoraggiare le imprese a investire in innovazione a basse emissioni di carbonio è stata sostenuta mercoledì dal Parlamento, dopo la bocciatura di misura avvenuta in aprile. Questa volta, gli eurodeputati hanno introdotto condizioni più rigorose per il congelamento. La misura mira a ripristinare l’effetto d’incentivazione del sistema di scambio di emissioni, progettato per diminuire le emissioni di gas a effetto serra e contrastare i cambiamenti climatici.Il crescente surplus di quote di emissione – a causa di un eccesso di offerta e del rallentamento economico – ha visto la caduta del prezzo del carbonio ben al di sotto dei livelli stimati quando è stato creato il sistema UE di scambio di emissioni (ETS). Il Parlamento, sulla base di proposte della commissione ambiente, ha dato il suo accordo per consentire alla Commissione di rinviare la tempistica di una porzione dei crediti da mettere all’asta.”Ora abbiamo un mandato, poiché il Parlamento ha approvato le nostre proposte. Inizieremo i negoziati con i ministri UE il prima possibile per cercare una soluzione comune che permetterà all’ETS di raggiungere il suo scopo”, ha detto il relatore Matthias Groote (S&D, DE).”In tutti i continenti, l’esperienza europea di un sistema basato sul mercato per la riduzione delle emissioni di CO2 è presa in considerazione e vista come un’opzione credibile, come è avvenuto recentemente in Cina. Noi non dobbiamo lasciare che l’ETS sia vittima di preoccupazioni a breve termine. Una riforma strutturale del sistema seguirà, per assicurare che resti la pietra angolare della politica climatica ‘UE “, ha aggiunto.
La risoluzione legislativa è tata approvata con 344 voti a favore, 311 contrari e 46 astensioni.Negli emendamenti approvati presentati dalla commissione ambiente, i deputati dicono che la Commissione può, in circostanze eccezionali adattare il calendario delle aste, se una valutazione d’impatto dimostra che i settori interessati non dovranno subire un rischio “significativo” di delocalizzazione di imprese al di fuori dell’UE. La Commissione non potrà fare più di un adattamento di questo tipo, e per un massimo di 900 milioni di quote.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tassa sulle transazioni finanziarie: ampia copertura e attenzione a fondi pensione e PMI

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

Il Parlamento ha approvato mercoledì il suo parere sulla proposta per una tassa sulle transazioni finanziarie (TTF) per 11 paesi UE. I deputati vogliono una TTF di ampia applicazione, con le transazioni in azioni e obbligazioni tassate allo 0,1% e gli scambi in derivati allo 0,01%. Fino al gennaio 2017, dovrebbero applicarsi tassi più bassi alle compravendite di titoli sovrani e ai fondi pensione. È stato inserito nella legislazione anche un principio di titolarità per rendere meno conveniente l’elusione della tassa.”Il Parlamento è rimasto fedele. Abbiamo tenuto una linea coerente. Siamo fermamente convinti che tale imposta sia il modo migliore in cui il settore può contribuire a uscire dalla crisi e tornare al buon lavoro di servire l’economia reale”, ha detto la relatrice Anni Podimata (S&D, EL). La risoluzione è stata approva con 522 voti a favore, 141 contrari e 42 astensioni.L’opinione adottata sostiene la proposta della Commissione che prevede una TTF che copra una vasta gamma di strumenti finanziari, siano azioni, obbligazioni o derivati. Al tempo stesso, nel testo si affrontano problematiche specifiche, in particolare le esigenze dei fondi pensione e quelle delle piccole e medie imprese.Il testo conferma le aliquote fiscali proposte dalla Commissione, vale a dire lo 0,1% sulle transazioni di azioni e obbligazioni e 0,01% sui derivati. Tuttavia, fino al 1° gennaio 2017, le transazioni in titoli sovrani sarebbero tassate solo allo 0,05% e quelle per i fondi pensione allo 0,05% per azioni e obbligazioni e allo 0,005% per i derivati.Il testo approvato introduce clausole per rendere l’elusione dell’imposta potenzialmente molto più costosa che non pagarla. Si collega, infatti, il pagamento della tassa sulle transazioni finanziarie all’acquisizione dei diritti di proprietà legale, il che significa che se l’acquirente di un titolo non ha pagato la tassa, non avrà la certezza giuridica di possedere quel titolo.Il Parlamento europeo ha un ruolo consultivo in materia fiscale. Spetta ora agli 11 Stati membri che partecipano al meccanismo di cooperazione rafforzata raggiungere un accordo. Gli 11 Stati membri partecipanti sono: Austria, Belgio, Estonia, Francia, Germania, Italia, Grecia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia e Spagna.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Summer school per adolescenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

125 ragazzi e ragazze provenienti da diverse regioni italiane, carichi dell’entusiasmo di chi ha scelto di arrivarci ed esserci oggi a Crotone, con alle spalle già brevi ma significative esperienze all’interno dei progetti di Save the Children e, in animo, di dare il proprio contributo di idee, proposte e pensieri su cosa fare per promuovere i diritti di bambini e adolescenti in Italia. Eccolo il primo gruppo di giovanissimi che da oggi fino a sabato 6 luglio sono a Crotone, alla Summer School di Save the Children affinché la voce degli under 18 sia presente all’interno di Save the Children e si esprima sui temi che vedono impegnata l’organizzazione in Italia, dalla povertà minorile, alla protezione dei minori a rischio di sfruttamento (come i minori stranieri non accompagnati), dall’educazione e la scuola all’uso delle nuove tecnologie, o alla tutela dei minori nelle emergenze (vedere anche scheda in calce).Sono ragazzi come Alessandro di Napoli, 12 anni che partecipa ad un progetto di Save the Children per il contrasto alla dispersione scolastica; Beatrice di Milano, 12 anni peer educator di Save the Children per la promozione dell’uso positivo e responsabile delle nuove tecnologie; Clara di Palermo, 17 anni che ha condotto con un gruppo di coetanei una ricerca tra pari per approfondire il fenomeno del lavoro minorile nel nostro paese.“La partecipazione dei bambini e dei ragazzi alle decisioni che li riguardano non è un privilegio concesso dagli adulti o un merito da conquistare ma è una pratica fondamentale che va riconosciuta ad ogni bambino e adolescente, per essere cittadini a pieno titolo della propria comunità”, spiega Raffaela Milano, Direttore Programmi Italia-Europa Save the Children Italia.Nel corso della Summer School di Save the Children, i ragazzi, divisi in gruppi, si cimenteranno nella costruzione di vere e proprie “mappe” della città di Crotone, ascoltando testimoni, realizzando interviste e visite nei luoghi più significativi. Una vera inchiesta civica che consentirà di approfondire tematiche relative alla scuola, l’ambiente, la legalità e la cittadinanza, la povertà. Il lavoro dei ragazzi andrà a formare una “story map” della città di Crotone con immagini, testi, interviste audio, presentando così una inedita lettura della città dal punto di vista dei più giovani.“I protagonisti della Summer School sono 125 ragazzi e ragazze dai 12 ai 18 anni già coinvolti nei nostri progetti in Italia, che hanno deciso di mettersi in gioco e di misurarsi con questa stimolante esperienza ”, spiega Francesca Bilotta, Responsabile Unità Educazione di Save the Children.
A partire dall’esperienza della Summer School, daranno poi vita ai primi 10 gruppi locali, nelle città da cui provengono – Milano, Venezia, Torino, Genova, Roma, Napoli, Ancona, Bari, Crotone e Palermo – e in cui Save the Children è già presente con attività progettuali .”“La metodologia che i ragazzi utilizzeranno per coinvolgere altri adolescenti sarà quella peer to peer, cioè da “pari a pari”, spiega ancora Francesca Bilotta. “Ecco perché i 125 ragazzi in questi giorni a Crotone sperimenteranno tutte le fasi del processo di partecipazione in linea con gli standard di Save the Children: dall’informazione, alla definizione di una propria opinione, all’espressione del proprio punto di vista e alla considerazione da parte degli adulti dell’opinione espressa”.Tra gli ulteriori strumenti che saranno messi in campo per raccogliere le opinioni dei ragazzi ci sarà anche una community online .“Siamo certi che le idee e la voce dei ragazzi e delle ragazze, soprattutto di quelli in situazioni di maggiore difficoltà, daranno un contributo importante al lavoro di Save the Children in Italia e, in ultima battuta, al miglioramento delle condizioni dell’infanzia e dell’adolescenza nel nostro paese”, conclude Raffaela Milano, Direttore Programmi Italia-Europa Save the Children.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Ungheria deve rispettare i valori dell’Unione europea

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 luglio 2013

Le autorità ungheresi devono rapidamente porre rimedio alle violazioni dei valori fondamentali dell’UE, hanno dichiarato mercoledì i deputati. Nel caso non lo facessero, i deputati potrebbero chiedere al Consiglio dell’UE di determinare, ai sensi dell’articolo 7.1 del Trattato UE, se esiste un evidente rischio di violazione grave. I deputati chiedono inoltre la creazione di un gruppo ad alto livello per verificare il rispetto dei valori dell’UE in tutti gli Stati membri.Nella risoluzione, adottata con 370 voti favorevoli, 249 voti contrari e 82 astensioni, il Parlamento sottolinea che l’Unione europea si basa su valori
fondamentali, quali il rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell’uguaglianza e dello Stato di diritto, come sancito dall’articolo 2 della Trattato UE.”Le modifiche costituzionali in Ungheria sono sistemiche e, in generale, si allontanano dai valori europei sanciti dall’articolo 2 del trattato UE”, ha dichiarato il relatore Rui Tavares (Verdi/ALE, PT) nel dibattito di martedì. “Democrazia significa maggioranza, ma non maggioritarismo”, ha aggiunto.Il Parlamento si rammarica che il processo di elaborazione e adozione della Costituzione ungherese manchi di “trasparenza, apertura, inclusività e, in ultima analisi, della base consensuale che ci si poteva attendere in un processo costituente democratico e moderno” e deplora che i cambiamenti istituzionali “abbiano determinato un evidente indebolimento dei sistemi di equilibri istituzionali”.Il Parlamento esorta le autorità ungheresi a eliminare dalla Costituzione le disposizioni già dichiarate incostituzionali dalla Corte costituzionale, e limitare il frequente ricorso alle leggi cardinali. Chiede inoltre che siano applicate le raccomandazioni della Commissione di Venezia in Europa, al fine di garantire la più ampia partecipazione possibile di tutti i soggetti nel processo costituzionale e la piena indipendenza del potere giudiziario.Per quanto attiene poi la legislazione sui media, il Parlamento chiede che l’Ungheria ponga in essere procedure e meccanismi giuridicamente vincolanti per la nomina dei dirigenti dei mezzi d’informazione pubblici e degli organismi di regolamentazione. I deputati chiedono, inoltre, alle autorità ungheresi di “assumere finalmente le
proprie responsabilità nei confronti dei senzatetto” adottando una definizione più ampia di “famiglia” e di adoperasi maggiormente per l’integrazione delle comunità rom.La risoluzione chiede alla Conferenza dei presidenti del Parlamento (il Presidente più i leader dei gruppi politici) di “valutare l’opportunità di ricorrere ai meccanismi previsti dal trattato, anche in relazione all’articolo 7, paragrafo 1”, nel casoin cui le risposte delle autorità ungheresi risultassero “non conformi” ai valori europei. L’articolo 7.1 del Trattato consentirebbe al Consiglio dei ministri dell’UE di determinare se esiste un evidente rischio di violazione grave dei valori dell’UE.Per evitare violazioni ai valori dell’Unione europea in futuro, i deputati chiedono un “meccanismo di Copenhagen” da istituire per garantire il rispetto dei valori comuni dell’Unione europea e la continuità con i criteri di pre-adesione. Nel testo si afferma che questo meccanismo, che potrebbe assumere la forma di
una “Commissione di Copenaghen” o di un gruppo ad alto livello, sarebbe indipendente da influenze politiche ed eviterebbe qualsiasi rischio di utilizzazione di due pesi e due misure.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »